Visualizzazione post con etichetta guerra in siria. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta guerra in siria. Mostra tutti i post

20/04/17

Mosul, il violinista che sfida l'Isis: torna a suonare nella città in guerra

"La musica è una cosa bellissima". E' il messaggio che Ameen Mokdad, musicista iracheno vuole lanciare al mondo. "Contro ogni terrorismo o ideologia che limita le libertà". Quando nel 2014 l'Isis prese il controllo della città di Mosul, la musica venne immediatamente vietata perché considerata peccaminosa. I miliziani irruppero nella casa del giovane e confiscarono tutti i suoi strumenti. Ora che l'esercito iracheno ha ripreso il controllo dell'area Ameen ha deciso di tornare nella sua città natale organizzando un piccolo concerto con il suo violino tra le rovine della moschea di Giona, sito caro tanto ai musulmani che ai cristiani. L'evento, pubblicizzato attraverso i social network, ha attirato alcuni curiosi. "La gente ama la musica", afferma il ragazzo. Nel breve video di tanto in tanto il rumore degli spari si mescola alle note del violino Ameed, ricordando che la lotta in città non è ancora terminata e che i combattimenti tra esercito regolare e miliziani continuano

16/01/15

Greta e Vanessa liberate e già sorgono le polemiche


 Ads by InfoAd Options

E SE AVESSERO RAPITO TUA FIGLIA?

“Greta e Vanessa libere, ci sono costate dodici milioni”  Questo è il titolo di apertura di Libero.
“Ci” sono costate. A noi sono costate, dicono, dodici milioni. Perché, sapete, hanno messo le mani nelle tasche di noi contribuenti, per salvare la pelle a queste due ragazzine presuntuose e irresponsabili. Varranno dodici milioni, queste due vite?
Valgono dodici milioni, due vite umane?
E poi con i terroristi non si tratta: se lo Stato cede ai criminali, allora è finita, quelli se ne approfittano.
C’erano tante ragioni per non piegarsi al ricatto.
Certo Vorrei porre una domanda a quel giornalista, all’autore di quel titolo: e se avessero rapito la tua, di figlia, e lo Stato si fosse rifiutato di pagare per non scendere a patti con i terroristi?
Se lo Stato si fosse rifiutato di salvare tua figlia?
Lo avresti scritto tale e quale quel titolo?



Lancio   e sottoscrivo  l'appello lanciato ai media  da  parete del mio contatto di fb Anna Deidda  :  << (...)    Non fattene ora delle eroine da gossip televisivo. Risparmiatecelo per favore.  >>  per  chi fosse interessato   la discussione  sulle due  vispe  terese  continua   sulla mia  bacheca  .  Eccovi l'url   https://www.facebook.com/redbeppeulisse1/posts/10206166365668060

07/02/14

dalla siria due storie : quella di Ahmad Ayham l pianista siriano che suona fra le bombe e macerie ., e quella di Ghina Khalil ha 14 mesi "bimba miracolo": sopravvissuta sotto le macerie


la  prima  è quella  di  Ghina Khalil ha 14 mesi,




ed è stata soprannominata dai media di tutto il mondo "la bambina miracolo". Ghina è rimasta seppellita sotto le macerie della sua casa di Aleppo, bombardata da un raid delle forze governative. Sua madre è morta, lei è rimasta sepolta per tre lunghi minuti. Il video, diffuso su Internet dal Nour Media Centre e rilanciato dalla Ap, mostra uomini che scavano freneticamente a mani nude per rimuovere i detriti. Poi la testa riccioluta che emerge, e la bimba che si strofina gli occhi. Più tardi la bambina è ripresa con abiti nuovi, e non appare ferita. è sopravvissuta a un attacco aereo che ha ridotto in macerie la sua abitazione in Siria. Si sta riprendendo pochi giorni dopo il raid del 22 gennaio che ha colpito il suo villaggio, Maasraniyeh, vicino Aleppo, secondo l’osservatorio siriano per i diritti umani. Dieci persone sono morte, tra cui 5 bambini e tre donne, anche la madre di Ghina, mentre venti sono rimaste ferite. Nel video di un attivista il momento in cui la piccola è stata salvata, dopo essere rimasta sepolta per almeno tre minuti. Ne è uscita fortunamente indenne. Al contrario di tanti altri minori morti nel conflitto: oltre 11 mila nel giro di tre anni, secondo diverse ong siriane. Sette su dieci sono rimasti uccisi da razzi e bombe.
la  seconda  


 Ahmad Ayham suona fra le vie di Camp Yarmouk, il più grande campo profughi palestinese che si trova a Damasco.Prima della guerra con suo padre costruiva e riparava strumenti, ora suona come volontario per alleviare il dolore della gente del suo quartiere



SIEDE al piano scordato fra le macerie di Damasco, e sotto la musica l'eco delle bombe. Ahmad Ayham suona fra le vie di Camp Yarmouk, il più grande campo profughi palestinese, quartiere che si trova nella capitale siriana, ne ospita oltre 137 mila. Con i suoi amici Ahmad porta in giro un piano scassato e suona le canzoni della storica tradizione palestinese o quelle più recenti, della resistenza siriana. Chi passa si ferma e canta.
"Lunghi anni sono passati, abbiamo assaggiato la amarezza del dolore. Dacci di più nostra Patria, chiediamo ciò che abbiamo perso. Dacci più amore e speranza, dacci di più". La sua musica si muove stonata fra le vie in cui non ci sono più cibo nè medicine.
L'osservatorio siriano per i diritti umani calcola che soltanto negli ultimi due mesi 86 persone sono morte di stenti soltanto a Camp Yarmouk in cui si sopravvive grazie alla solidarietà e al volontariato anche di persone come Ahmad che di professione, fino a prima della guerra, con suo padre, costruiva e riparava strumenti. Ora che nessuno li suona più, ora che violini e pianoforti restano in silenzio fra la polvere delle macerie e non ci sono più bambini a studiare gli spartiti stracciati. Ora che le notti sono accompagnate dalle esplosioni. Lui suona. E idealmente è parte di un'orchestra. La sua musica si mischia a quella dell'uomo col passamontagna che suonava Einaudi all'esterno della City Hall di Kiev e alle note di "O sole mio" suonate al centro di piazza Tahrir mentre si scontravano esercito e dimostranti. E a quella dell'italiano Davide Martello e del suo Beethoven a piazza Taksim.

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget