Visualizzazione post con etichetta bufale e seminatori d'odio. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta bufale e seminatori d'odio. Mostra tutti i post

09/09/19

serve una rivoluzione del linguaggio è questa la strada per combattere i femminicidi e l'odio ....

che stanno avvelenando e dividendo il paese peggio degli anni 60\80 . Infatti come testimonia questa reinterpretazione \ riadattamento di una famosa canzone di Rino gaetano uno che aveva capito tutto e che guardava avanti e lontano (ed  è  per questo che credo   che  lo abbiano fatto fuori come dice l' avvocato salernitano Bruno Mautone solleva, nel suo secondo libro sulla strana morte di Rino Gaetano, fino a chiedere alla magistratura romana di riaprire le indagini sulla scomparsa del cantante, morto nella capitale il 2 giugno 1981, a soli trent’anni di età, dopo esser stato investito da un camion) 


  qui  l'originale 

Iniziamo     a riusare il termine  Buono  anziché  il termine  Buonismo    per  esempio .  come  sembra  suggerire     questo  buon  editoriale    dell'ultimo  numero di IoacquaeSapone 


  e solo  cosi potremo   uscire  dal pessimismo   (  mica  tanto   però  )   indicato da

Giulietto Chiesa: incombe una rivoluzione, come attuarla?


06/9 • IDEE •
Da tempo ho capito che quello che si sogna è quello che si spera, ma che in politica non si deve sognare. Siamo di fronte a un popolo confuso e inquieto, da troppo tempo sballottato e insultato, che ha perduto anche le sue speranze. Un popolo che non ha gli strumenti per capire, senza guida. Nemmeno quella della propria coscienza, perché anche la sua coscienza è stata corrotta. Perché – come ha scritto Antonio Scurati nel suo davvero memorabile “M” – sono troppi i nostri contemporanei ad essere «sopraffatti da un’esistenza che non capiscono». Dunque occorre prudenza per giudicare un popolo, grande di numero, e per proporsi di aiutarlo a discernere il bene dal male. È vero, verissimo, che non c’è una guida, un partito, un movimento che lo guidi e lo difenda, questo nostro popolo. Ma la constatazione porta con sé la domanda: come si fa a creare questa guida? E l’altra domanda: è ancora possibile? Questo è il punto. La mia risposta, personale, è che sia ancora possibile. Ma richiede quella che Antonio Gramsci individuava come una necessità imprescindibile: una profonda «riforma intellettuale e morale» del nostro paese. È un compito da far tremare le vene ai polsi, perché richiede uomini nuovi, intrepidi, competenti e saggi, che non vedo all’orizzonte.
Quindi il primo compito, per chi ragiona come me, è quello di individuarli, censirli, convincerli a camminare insieme: perché solo in questo modo si potrà creare una massa critica sufficiente a rovesciare il corso delle cose. Queste donne e uomini ci sono; non sono numerosissimi, ma ci sono. Sono in gran parte isolati e fuori dalla politica (e sono tali proprio perché la politica attuale li esclude e li isola, temendoli). Il fatto più serio, tuttavia, è che non c’è ormai quasi nulla che possa unirli. Non c’è una visione comune della crisi epocale in cui viviamo. Che non è “italiana”, né “europea” soltanto. È mondiale, è globale, è universale. Per essere compresa richiede nuovi paradigmi, visto che quelli vecchi sono ormai inutilizzabili. Il mondo brucia e il tempo stringe. Dunque quello che manca è una comune interpretazione della crisi, che è crisi dell’Uomo e della sua collocazione nell’Universo. È questo quello che manca e che, a mio avviso dev’essere costruito. Non ri-costruito, ma proprio costruito. Senza questo passaggio non ci può essere alcun movimento o partito capace di avviare la trasformazione. Si resterà divisi, ciascuno a contemplare il proprio tassello di sapere. Che, in quanto tale, sarà inutile.
È una rivoluzione quella che incombe. Senza una teoria, non sarà possibile compierla. Altrimenti essa non sarà certamente guidata dall’Uomo, perché sarà immensamente più vasta e potente di lui. All’uomo resterà il compito di comprenderla, se ne sarà capace, e di adattarvisi, se vuole sopravvivere. Ecco perché ci vuole adesso molta pazienza e umiltà, per cominciare a costruire quello che manca. La politica farà il suo corso miope e superficiale, ma non potrà affrontare quello che incombe. Ecco perché non credo alla fretta, alle fughe in avanti, alle speranze senza fondamento, a una palingenesi rapida e indolore. Penso che l’impatto con forze enormi, che l’Uomo ha evocato irresponsabilmente, provocherà dolori immensi e aiuterà a temprare gli spiriti molli che questa società umana ha lasciato putrefare. Il che significa rimboccarsi le maniche e mettere ordine nelle nostre idee, prima di tutto. Solo dall’ordine, dalla saggezza e dalla solidarietà tra sapienti e popolo può venire il riscatto.
(Giulietto Chiesa, estratto del post “E’ una rivoluzione quella che incombe. Senza una teoria, non sarà possibile compierla”, pubblicato su “Megachip” il 1° settembre 2019. Il testo integrale, in risposta a una lettera di Enrico Sanna, si apre con una citazione biblica dal Libro dei Re: “Concedi al tuo servo un cuore prudente, capace di giudicare il tuo popolo innumerevole e discernere il bene dal male”).
Da tempo ho capito che quello che si sogna è quello che si spera, ma che in politica non si deve sognare. Siamo di fronte a un popolo confuso e inquieto, da troppo tempo sballottato e insultato, che ha perduto anche le sue speranze. Un popolo che non ha gli strumenti per capire, senza guida. Nemmeno quella della propria coscienza, perché anche la sua coscienza è stata corrotta. Perché – come ha scritto Antonio Scurati nel suo davvero memorabile “M” – sono troppi i nostri contemporanei ad essere «sopraffatti da un’esistenza che non capiscono». Dunque occorre prudenza per giudicare un popolo, grande di numero, e per proporsi di aiutarlo a discernere il bene dal male. È vero, verissimo, che non c’è una guida, un partito, un movimento che lo guidi e lo difenda, questo nostro popolo. Ma la constatazione porta con sé la domanda: come si fa a creare questa guida? E l’altra domanda: è ancora possibile? Questo è il punto. La mia risposta, personale, è che sia ancora possibile. Ma richiede quella che Antonio Gramsci individuava come una necessità imprescindibile: una profonda «riforma intellettuale e morale» del nostro paese. È un compito da far tremare le vene ai polsi, perché richiede uomini nuovi, intrepidi, competenti e saggi, che non vedo all’orizzonte.

su   https://www.libreidee.org/


concludo  segnalando questi   due  articoli correlati  \  collegati a tale argomento

  1. https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/09/09/elisa-pomarelli-le-parole-della-stampa-sono-un-atto-politico-una-dichiarazione-di-guerra/5440251/
  2. https://www.facebook.com/anonimafemministe/posts/483810342173612



20/12/15

La mia guida al natale e alle festività 205\2016 [ come sopravvivere alle festività ] IX bufale natalizie come evitarle


http://www.valigiablu.it/bufale-etica-verifica-correzione/
http://www.wired.it/play/cultura/2014/12/19/bufale-natale/
http://www.informarexresistere.fr/2015/12/20/balle-di-natale-smontiamo-per-voi-le-solite-bufale/


Pressato da  molti  che mi dicono che il mio post  extra  della guida    cioè quello  sulle  bufale  a natale era  incompleto  perchè non spiega  come evitarle   .  Ecco   integrato nella  guida    una serioe ( da  utilizzare   anche al di  fuori dal natale  e dalle feste  visto che  i buffalisti e  i seminatori d'odio  non vanno mai in ferie  e non  si  cagliano   stanno mai  un momento zitti   \  fermi  .

Fra  le bufale natalizie   che si  trasformano in ricettacolo d'odio come  quella    sul  ciocco-islam  (  nei  ho parlato anche qui  suol  blog  )   e   ha portato ad  un attacco   alla  ditta  della lindt     ci sarebbe   quella  , smentita  udite  udite  da  un sito complottista  ed  ultra  cattolico   come http://www.informarexresistere.fr/

  [....] 

LA BUFALA N°4: FESTEGGIARE IL NATALE OFFENDE LE ALTRE RELIGIONI
Fare il presepe e in generale festeggiare il Natale offende il 20/30% di bambini di stranieri presenti nelle scuole e poi gli italiani si ricordano delle tradizioni (natalizie) solo quando vogliono fare propaganda contro gli immigrati.
meme-presepeE qui ci sarebbe da scrivere un articolo a parte. Ma siccome ci interessano poco le analisi sociologiche e politologiche, ci limiteremo alla nostra esperienza personale. Molti di noi conoscono stranieri, tra cui anche ragazzi musulmani, i quali sono spesso sono i primi a dire che: 1) Anche nel Corano si parla dell’Annunciazione e della nascita di Gesù. 2) Anche loro credono come noi nella concezione virginale di Maria. 3) Nella fede islamica Cristo è considerato uno dei più grandi messaggeri di Dio.
Ora, è evidente che ci sono delle differenze tra la religione cattolica e quelle di quel 20/30% di alunni stranieri. Ma siamo sicuri che per andare d’accordo dobbiamo nascondere o peggio annullare le differenze? Come faccio a farmi conoscere e a pormi in una relazione comunicativa con un tu, senza dirgli chi sono io?
Il problema è proprio questo: l’Occidente vive una crisi di quell’identità. Si vergogna di ammettere che gran parte di quei valori, vengono anche dal Cristianesimo.
Il fatto poi, che gli italiani si ricordino del presepe solo quando devono dare fastidio agli stranieri, è un’affermazione alquanto azzardata. Ci sono tante persone che fanno il presepe per fede e per amore. Ed è proprio quel bimbo, povero, infreddolito e rifiutato che ci ricorda di accogliere chi vive la stessa situazione e di amare chi è diverso da noi. Ne avevamo anche parlato in “Cattonerd. No al presepe? Perché non bisogna averne paura“.
Jesus-facepalmInsomma, anche quest’anno il servizio anti-bufale di Cattonerd ha avuto da lavorare! Le balle di Natale si ripresentano puntuali ogni anno, spesso sempre le stesse, a volte con qualche variazione sul tema. Ma no problem, anzi, serve a ricordare che noi cristiani non siamo tutti sprovveduti che hanno deciso di prendere la pillolina rossa. Tranquilli, non stiamo vivendo dentro Catto-Matrix.
In fondo anche l’essere attaccati e il dover affrontare la sistematica critica di ciò in cui crediamo, ci ha reso molto analitici verso la nostra religione e quindi molto più consapevoli. Quello in cui crediamo non è frutto di un copia-incolla dallo Zeitgeist di turno, bensì di qualcosa che abbiamo vissuto, dell’incontro con una persona che ha cambiato realmente la nostra vita, la persona che nascerà anche quest’anno il 25 di dicembre. 

  [....] 

Ritornando al discorso iniziale  .... 
I metodi per  evitare  le bufale sono sono le stesse regole delle altre   cioè : Conoscenza, spirito critico e capacità di analisi sono le migliori armi per difendersi dai falsi miti alimentari, ma possono rivelarsi utili anche dei piccoli consigli pratici. Direttamente dagli ambassador, in particolare  dalla  community www.alfemminile .com in particolare questo articolo    una lista di 5 tip a prova di “bufala” per poterci orientare al meglio tra le informazioni del web !
  qui  sono in ambito alimentare  , ma le regole  sono le stesse che trovate  nei link sopra   , oltre  il buon senso  

1. Verifica le fonti

Quando si naviga in rete è essenziale verificare le fonti per non incorrere nel rischio “bufala”. L’assenza di filtri sul web unita alla “viralizzazione” delle informazioni favorisce infatti, la diffusione di notizie scarsamente attendibili. Operare un controllo delle fonti significa mutare approccio nell’uso dei contenuti ed acquisire spirito critico per valutarli.

Un piccolo commento da Barbara Motolese di "Genitori channel":

Nella nostra epoca il problema non è più reperire le informazioni ma selezionarle. Per operare scelte consapevoli è importante più che altro farsi le giuste domande più che trovare le giuste risposte, anzi potrei dire che è importante in generale farsi domande, porsi interrogativi e insegnare ai nostri figli a mettere in dubbio ciò che danno per assodato. È una scelta impegnativa, richiede una buona dose di disponibilità nel mettersi in discussione. La certezza dà maggiore sicurezza, ma è proprio il dubbio che ci rende maggiormente umani.

2. Rifiuta il sensazionalismo mediatico

Bene e male, bianco e nero, è facile cadere nella trappola, facile ed immediata, delle verità assolute. Sebbene rassicuranti sul piano psicologico, queste ultime, infatti, non rendono giustizia alle verità scientifiche, contribuendo, così, a generare falsi miti. La realtà è di per sé relativa, non soltanto in ambito scientifico; estremizzarla, come capita spesso nel flusso informativo di alcuni media, equivale a stravolgerla nei suoi contenuti favorendo la diffusione di informazioni false e parziali.

Un piccolo consiglio da Carla Medda di "La torre di cotone":

Il sensazionalismo mediatico non è sinonimo di diritto all'informazione, è il modo in cui l'informazione viene sfruttata per manipolare le vostre idee

3. Richiedi il parere dell’esperto in campo alimentare

Nell’epoca dell’informazione generalista, il consulto dell’esperto assume una rilevanza centrale quale elemento di discrimine tra verità e disinformazione. La rete, nella sua democraticità, ha favorito, infatti, la diffusione di contenuti generalisti e dal finto/parziale taglio scientifico.

Secondo Manuela Cervetti di "Mamme acrobate":

Il web ha un grandissimo merito: unisce le persone, anche geograficamente lontane tra loro, e rende le conoscenze e il sapere fruibili da tutti e in qualsiasi momento. Allo stesso tempo però, questa democratizzazione di saperi, porta con sé anche il rischio di non riconoscere più una fonte autorevole da una falsa notizia, e il danno che questa dinamica può arrecare non è indifferente, soprattutto in campo alimentare. Ecco allora che appare sempre più evidente e determinante che informazioni su cibi, alimenti, nutrizione siano verificate e provengano sempre da fonti attendibili e da pareri di esperti.

4. La scienza è un fenomeno complesso

Un errore comune in cui spesso si incorre è credere che la scienza equivalga ad una verità assoluta, indiscutibile ed universalmente valida. In realtà, la scienza, specialmente la scienza della nutrizione che deve tenere conto delle caratteristiche uniche di ogni singolo individuo, si caratterizza per la complessità dei contenuti ed il relativismo dei punti di vista. Non sempre gli scienziati giungono a posizioni condivise in merito ad una questione scientifica e non sempre le tesi rimangono invariate nel corso del tempo. È quindi importante non lasciarsi coinvolgere in posizioni estremizzanti, ma ricorrere al parere degli esperti.

Secondo Serena Sabella di "Bismama":

Da un po’ di anni a questa parte si cerca di rimettere in equilibrio l’informazione scientifica in ambito nutrizionale che, purtroppo, è messa in pericolo dalla tendenza a premiare il catastrofismo alimentare. Sapere per fare una scelta consapevole. Cautela prima di decidere. Sono le due azioni che dovrebbero guidare i nostri click oltre che le nostre preferenze. Quando si parla di alimentazione ci vuole un momento di attenzione e di riflessione in più.In ambito scientifico le conoscenze sono cambianti e bisogna essere disposti a capire che ciò che è vero oggi, potrebbe arricchirsi un domani di nuove informazioni. La storia della medicina è costellata dall’interpretazione sbagliata dell’attendibilità delle fonti e per questo occorre prendere coscienza della enorme responsabilità che si assume chi diffonde le notizie.

5. Esci dall’effetto "imbuto" della rete e scopri nuovi punti di vista

Così come affidarsi all’innumerevole vastità di informazioni rischia di far incorrere nelle bufale, allo stesso modo limitarsi sempre alla consultazione degli stessi contenuti può risultare controproducente. Come fanno riflettere gli studiosi, infatti, la conduzione di ricerche a partire dalle medesime fonti aumenta il rischio di incorrere in bufale. Se la rete è di per sé libera, i comportamenti degli utenti tenderebbero quindi a trasformarla in uno spazio chiuso, delimitato perché circoscritto ai contenuti consultati dagli utenti; è importante quindi, cercare di tanto in tanto di modificare i propri comportamenti sul web prendendo in considerazione fonti nuove, possibilmente specifiche rispetto all’oggetto di ricerca.

Per Silvio Petta di Superpapà:

Quando si naviga in rete è essenziale verificare le fonti per non incorrere nel rischio bufala: #beviallafonte!
In collaborazione con Merendineitaliane.it

Altri metodi , evitare  almeno nelle feste  articoli   e servizi  in cui si parla di presepi  ed affini o polemiche presepi si presepi no . Usate il metodo  'sti cazzi  Cioè

  1.  non  cagare nelle  loor fesserie   i salvinisti ed  affini , in chat  e  su wzp 
  2.  usando il tasto  silenziatore  del telecomando o cambiate  stazione  o canale .
  3. Sui  siti  cambiate  pagina  
  4. su fb   c'è affianco ai post  una finestrella  nascondi il post usabile  direttamente  senza  entrare  nelle opzioni   di fb  solo se  la persona  bufalisti  e\o malpancista  è  una  al massimo due  , se  sono di più c'è l'opzione entrando nelle  applicazioni di fb    da  ripetere  per  tutti\e   quei contatti  che pubblicano o  convivono   idiozie  come quella  che  :  gli islamici  ci impongono di non festeggiare  il natale   ed  affini