Visualizzazione post con etichetta crisi di una generazione. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta crisi di una generazione. Mostra tutti i post

08/01/19

a volte capita che i personaggi dei fumetti o di vignette sia personaggi veri e reali il caso di Molotov di sergio staino

L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso

l'ispirazione     per  il personaggio  Molotov   di Sergio   Staino  ha  un origine curiosa   oltre  quella     citata   nell'intervista   dell'unione  sarda del   7\1\2019   di  cui riporto  la  foto    sopra 

[....] . Nato in un giorno di crisi, come caricatura di se stesso Bobo ha «un naso grosso che attira simpatia, mi sono immaginato ingrassato, con meno capelli, gli ho messo gli occhiali. I fumetti erano più incerti ma sinceri e Oreste Del Buono ha capito che incarnava la crisi di una generazione, la fine del'68». Nel microcosmo familiare di Staino, Bibi è la moglie, Ilaria la figlia portatrice di saggezza popolare «quella che dice che il re è nudo», Molotov «un ragazzo di Carbonia, Antonello Obino venuto a Firenze per fondare la rivista 'Ottobre" che durò un mese appena», l'amica di Bibi «una sintesi del peggio del femminismo che mi ossessionava e di cui ora, quando vedo la Gelmini e la Carfagna, sento nostalgia». Ma come parlare alle generazioni future? Staino: «Bisogna costruire un linguaggio e un sogno per questa generazione. [...]  da http://ricerca.gelocal.it/lanuovasardegna/archivio/lanuovasardegna/2010/08/02/