Visualizzazione post con etichetta addio al celibato. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta addio al celibato. Mostra tutti i post

04/07/17

Reggio Emilia, all'orale della Maturità prestano la voce al compagno disabile e Addio al nubilato... raccogliendo i rifiuti



Reggio Emilia, all'orale della Maturità prestano la voce al compagno disabileMarcello e Giorgia con Amrik 


L'esame di Amrik all'Istituto Manzoni di Suzzara è una storia di inclusione e solidarietà. Giorgia e Marcello hanno presentato davanti ai commissari la sua tesina

di ILARIA VENTURI

04 luglio 2017



REGGIO EMILIA - Sono entrati spingendo la sua carrozzina e davanti alla commissione hanno esposto la sua tesina. Amrik non può parlare, se non attraverso un programma al computer che associa le parole alle immagini. I suoi compagni di classe, Giorgia Vezzani e Marcello Rizzello, gli hanno prestato la voce. E' la Maturità di Amrik all'Istituto Manzoni di Suzzara, in provincia di Mantova: una storia di inclusione e solidarietà a scuola.
Quando Amrik, studente disabile, è arrivato, cinque anni fa, in molti si sono stupiti. "Si era iscritto al liceo scientifico, opzione delle scienze applicate nonostante la sua disabilità grave: non esistevano precedenti", racconta Paola Bruschi, la preside dell'istituto che il prossimo anno accoglierà una trentina di studenti disabili su circa 950 alunni. "Oggi - aggiunge - ci auguriamo che il precedente sia lui! Sta già accadendo. Naturalmente il contesto deve essere flessibile e gli insegnanti di sostegno pensati fino in fondo come docenti dell'intera classe, per creare la necessaria osmosi tra tutti i ragazzi".
Marcello, originario di Reggiolo, musicista - suona l'oboe al Conservatorio - e Giorgia, diciannovenne di Guastalla, volontaria della Croce Rossa, sono stati ribattezzati a scuola gli "angeli di Amrik". All'esame sono entrati col compagno prima ancora di sostenere i loro orali. "Ora quasi ci scambiano per supereori", sorride Giorgia. In realtà sono amici, compagni di classe cresciuti insieme. "In questi anni Amrik ci ha dato tanto dal punto di vista affettivo".
Lo studente è stato seguito dalle docenti di sostegno Cecilia Pincella e Cristina Zorzella. La sua storia, raccolta dalla Gazzetta di Reggio, narra di quanto un istituto superiore possa fare per ragazzi in difficoltà. Come il rap per Luca, scritto e musicato dai compagni di scuola all'Istituto Salvemini di Casalecchio, a Bologna. Storie di integrazione tra i banchi. "Per chi lavora nel nostro istituto l'inclusione non è una questione di facciata, ma è diventata nel tempo un modo di pensare e di spendersi nella pratica quotidiana", spiega la preside del Manzoni di Suzzara. "Non è facile né scontato. I ragazzi diversamente abili rappresentano una sfida che ci costringe a spostare l'asse e, insieme, costituiscono una ricchezza: vedono e intuiscono ciò che normalmente il nostro occhio non coglie. Ne ho fatto personalmente esperienza in questi dieci anni".
"Amrik usa il computer per comunicare, ma i passaggi sono lenti, ci vuole tempo. Quando è con gli amici si esprime a gesti, sguardi e sorrisi: è difficile da spiegare, ma lui si fa intendere e noi lo capiamo", continua Giorgia. "Abbiamo esposto noi la sua tesina perchè ci sembrava giusto farlo: così ha concluso il suo percorso, con noi accanto, la nostra voce". Il titolo della dissertazione? Emblematico: "Una
testa per emozionare, un cuore per capire". La commissione si è commossa."Marcello e Giorgia sono diventati la felice e commovente punta di questo iceberg" di inclusione a scuola, commenta la preside. La professoressa Marina Bordonali scrive su Facebook: "La vita anche nel dolore può essere un'esperienza meravigliosa se incroci persone per bene". La meglio gioventù della Maturità edizione 2017




Addio al nubilato... raccogliendo i rifiuti 
Giulia: «Niente discoteca, meglio aiutare l’ambiente». Ed è pronta a fare il bis alla mensa dei poveri



MONTAIONE. Niente discoteca, scherzi e gadget erotici. L’addio al nubilato si fa con il volontariato. Prima con guanti, sacchi e tanto amore per l’ambiente. E poi servendo un pasto ai più poveri, costretti a rivolgersi alla mensa sociale per mangiare un boccone. È la scelta di Giulia Pucci, 29 anni, di Montaione, che il 22 luglio si sposerà con Marco Notturni.
La pedagogista clinica, con maschera a forma di farfalla e velo bianco in testa, ha “convocato” le amiche (ma anche qualche maschietto) per una festa sicuramente originale. Appuntamento di buon mattino nella vicina Gambassi (uno schiaffo anche al campanilismo, vista la rivalità tra i due borghi) per aiutare i volontari dell’associazione Greenbassi a raccogliere i rifiuti abbandonati dagli incivili.

Pettorina fluorescente e tanta buona volontà, hanno iniziato a ripulire il borgo. Dove hanno incontrato il sindaco Paolo Campinoti, che non ha nascosto la sua sorpresa e si è complimentato con la futura sposa: «Pulizia con addio al nubilato e con sposa montaionese. Che dire? Troppo bello. Complimenti a Giulia per la scelta “green”. Encomiabile». E Giulia spiega così la sua scelta: «Gli addii al nubilato tradizionali non mi sono mai piaciuti. Ho pensato di fare qualcosa di diverso».
La pedagogista clinica, con maschera a forma di farfalla e velo bianco in testa, ha “convocato” le amiche (ma anche qualche maschietto) per una festa sicuramente originale. Appuntamento di buon mattino nella vicina Gambassi (uno schiaffo anche al campanilismo, vista la rivalità tra i due borghi) per aiutare i volontari dell’associazione Greenbassi a raccogliere i rifiuti abbandonati dagli incivili.
Pettorina fluorescente e tanta buona volontà, hanno iniziato a ripulire il borgo. Dove hanno incontrato il sindaco Paolo Campinoti, che non ha nascosto la sua sorpresa e si è complimentato con la futura sposa: «Pulizia con addio al nubilato e con sposa montaionese. Che dire? Troppo bello. Complimenti a Giulia per la scelta “green”. Encomiabile». E Giulia spiega così la sua scelta: «Gli addii al nubilato tradizionali non mi sono mai piaciuti. Ho pensato di fare qualcosa di diverso».
E la sua professione di pedagogista le ha suggerito alcune valide alternative: «Faccio anche formazione agli insegnanti delle scuole. Si parla molto del tema del rispetto dell’ambiente. Allora ho deciso di aderire all’iniziativa dell’associazione Greenbassi. Ed è incredibile la quantità di rifiuti che abbiamo trovato, a testimonianza di quanta maleducazione c’è in giro e di quanto c’è ancora da fare in tema di educazione. È stata comunque una bellissima esperienza, ne è proprio valsa la pena».
Ma non è finita qui. Perché nel weekend dell'8 e 9 luglio ci sarà la festa-bis. Stavolta però a Prato: «Un mio amico fa servizio da tempo alla mensa dei poveri. Sabato e domenica andremo tutti a dargli una mano. Ci saranno le mie amiche, ma anche i ragazzi, compreso il mio futuro sposo. Sarà un’occasione – sottolinea la pedagogista – per fare qualcosa di utile e aiutare, nel nostro piccolo, chi ha davvero bisogno».
Poi, dopo l’insolita festa-bis di addio al nubilato, l’appuntamento-clou... stavolta in chiesa. In quella di San Regolo, a Montaione, dove il 22 luglio Giulia e Marco diventeranno marito e moglie.












2017.

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget