Visualizzazione post con etichetta Desirée Mariottini. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Desirée Mariottini. Mostra tutti i post

30/12/18

stranezze ed ipocrisie giornalistiche .... Aggiornamenti

 ecco  cosa mi hanno risposto   sulla pagina  fb  di  giallo  settimanale    a questo precedente  post


 stranezze  ed  ipocrisie  giornalistiche      non puoi  fare  campagne   per  istituire  il reato di  femminicidio    e poi fare  titoli  del  genere   Ed  è  i caso del settimanale    di cronaca  nera    Giallo di Cairo editore  .  Un classico  giornale  di cronaca  nera  ma  che   sta  facendo  una    campagna  di sensibilizzazione     e di raccolta  firme perché   sia istituito  il reato ed  eventuale  aggravante  di femminicidio   per  chi ammazza   le  donne 


L'immagine può contenere: 6 persone, persone che sorridono, testo


continua  qui




Giuseppe Scano sciacalli . l'avete uccisa una seconda volta . perché aggiungere particolari scabrosi che non aggiungono niente a questa tragedia femminicida

Gestire


Rispondi4 hModificato


Giuditta Di Marzio Giuseppe Scano purtroppo non è un particolare di poco conto dal momento che gli imputati si sono difesi dall'accusa di stupro dicendo che la ragazza era solita prostituirsi per avere droga in cambio...
Gestire


Giuseppe Scano @Giuditta Di Marzio ok . ammettiamo pure che sia cosi . 
Ma c'era bisogno di fare un titolo del genere sulla pagina principale ,quando si poteva titolare diversamente e riportarlo all'interno dell'articolo ? io se fossi familiare o parente oltre ad indignarmi mi ..... di brutto e denuncerei o picchierei il titolista o il direttore del giornale .

25/10/18

Desirèe Mariottini un forte rumore di niente

L'immagine può contenere: testo
lo  so  che  il titolo , preso a   prestito   da questa  vignetta   (  vedere  a lato  di  Mauro Biani  ) ,  può sembrare  "  buonista  " o immigrazionista    per  alcuni   oppure  scontata    per   alrtri   che  la pensano  come me , ma  è la stessa  domanda    che   mi faccio  (e che  dovremo  farlo )   ogni qualvolta  che   i media  e la rete   (  indipendentemente  dal colore  politico  po filo \  contro  governo) ogni qualvolta  imedia  o sulla  rete  si parla di  fatti  del genere  femminicidi  e  vilenze  sulle  donne  . 
Infatti  ha  perfettamente  ragione   questo  l'intervento di Eretica Precari(A) sul  ilfattoquotidiano  del  25 ottobre 2018 .<< Desirée come Pamela. Se non ci fossero di mezzo gli immigrati se ne parlerebbe tanto? Se gli stupratori assassini fossero stati bianchi e italiani avrebbero dedicato a queste vittime di violenza di genere le prime pagine sui media? Gli italiani commettono più del 93% di stupri e gli immigrati meno del 7%. La maggior parte degli stupri avviene in casa, per mano di parenti, padri, zii, fratelli, ex fidanzati, ex mariti, conoscenti. Molti tra questi non sono neppure denunciati. Il sommerso è composto da cifre che almeno valgono il triplo degli stupri denunciati. [ ....  ] Quante volte abbiamo visto ragazze stuprate essere due volte vittima, la prima durante lo stupro e la seconda quando sono costrette ad essere processate in tribunale da parte di chi indaga sulle sue abitudini sessuali, sulla sua avvenente presenza o sulla sua presunta facilità nelle relazioni. Processi che si estendono ad ogni marciapiedi e ogni casa nei luoghi in cui famiglie arrabbiate stanno lì a proteggere i branchi di stupratori.
Quante volte abbiamo visto che attorno a stupri che coinvolgono figli di papà, bianchi, etero, italiani, si realizza un silenzio orribile. Omertà, difesa a oltranza, amici e amiche degli stupratori che perseguitano la vittima sul web, nelle strade, ovunque, per farla demordere e farle attenuare le accuse. E’ successo anche questo, mille e più volte.L’unico momento che ha una ragazza per essere creduta è quando l’ha stuprata un branco di immigrati e, ovviamente, quando muore per mano degli stessi stupratori. A quel punto c’è chi strumentalizza, >>
eccone  un esempio  su  il giornale.it  . Infati  <<  c'è  
chi usa i corpi delle vittime per diffondere allarmismo, psicosi, isteria collettiva. Per generalizzare, per fare in modo che si dica che tutti gli immigrati, i rifugiati, i richiedenti asilo, di qualunque età e sesso, farebbero meglio a crepare in mare giacché secondo i razzisti quelle persone sarebbero solo un branco di criminali. [....] Quando un cittadino dice che “da un italiano posso accettarlo, da uno straniero no” 

nessuno si scompone. Ma l’idea di massima è questa. Gli stranieri – così dicono i fascisti – non devono toccare le “nostre” donne e, il senso della frase, si racchiude tutto in quel “nostre”. Dichiarando l’appartenenza di quelle donne si reitera la campagna di comunicazione che Mussolini & Company divulgava per giustificare la colonizzazione di paesi del Nord Africa. Che importanza può avere il fatto che i fascisti colonizzatori, italiani, da quelle parti, stuprassero delle bambine di dodici anni.uando i razzisti spostano l’attenzione sull’immigrato di fatto delegittimano la lotta contro la violenza di genere. Perché i razzisti negano l’esistenza di quel tipo di violenza e perché negano anche il fatto che lo stupro sia in primo luogo un delitto legittimato dai loro “la violenza di genere non esiste” o “la cultura dello stupro non esiste” o “le vere vittime sono gli uomini”. E quando si esercitano nella negazione di una violenza che le donne subiscono da secoli diventano complici e fanno di tutto affinché sia ripristinato il privilegio maschile.  Quando i razzisti spostano l’attenzione sull’immigrato di fatto delegittimano la lotta contro la violenza di genere. Perché i razzisti negano l’esistenza di quel tipo di violenza e perché negano anche il fatto che lo stupro sia in primo luogo un delitto legittimato dai loro “la violenza di genere non esiste” o “la cultura dello stupro non esiste” o “le vere vittime sono gli uomini”. E quando si esercitano nella negazione di una violenza che le donne subiscono da secoli diventano complici e fanno di tutto affinché sia ripristinato il privilegio maschile.Da chi condanna ogni libera scelta delle donne, sulla gestione del proprio corpo, sulla propria sessualità, come quando i razzisti appoggiano mozioni contro l’aborto, contro la contraccezione e contro le famiglie omogenitoriali, cosa ci si può aspettare di più? Non c’è un vero interesse nei confronti delle donne violentate. Non sanno chiamare per nome un delitto che ha le caratteristiche del femminicidio. Non gliene frega un tubo di quello che ci succede e non si può biasimare chi dunque scorge della malafede nell’improvvisa attenzione dei leghisti e dei fascisti nei confronti di una vittima di stupro e femminicidio.Quello che appare chiaro è che tu, donna, per essere creduta devi essere stuprata da uno straniero, solo così fingono di crederti, solo così sospendono le critiche che in altre occasioni ti avrebbero gettato addosso, sulle tue abitudini, sul fatto che stavi lì, a quell’ora e che avevi assunto stupefacenti. Se lo stupratore fosse stato un italiano pensate a cosa avrebbero detto della vittima. Il victim blaming, la colpevolizzazione della vittima, è uno dei modi per alimentare la cultura dello stupro. [...] >>
Sono d'accordo con questo post di





Fino a quando vi indignerete per la nazionalità dei carnefici, e non per il reato, che a seconda di chi lo compie, fa di una donna, una vittima oppure una che se l'è cercata, la vostra rabbia non sarà credibile.
preso dala bacheca  dell'amnica  e  compagna  di  viaggio  fin dalle  origini   tisbe  nemesi  alias Tina galante 
Concludo  questo post  anticipando coloro che   mi dicono    e  se  lo comette uno di  sinistra  non dici  niente  come ho  già detto  qualche  tempo  fa  in quest  due    post  
condanno   tali violenze  da  qualunque  parte  politica  \ politika   , etnica  ,   culturale  vengano