Visualizzazione post con etichetta avvocato praticante cacciata dal giudice. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta avvocato praticante cacciata dal giudice. Mostra tutti i post

17/01/18

Bologna: indossa il velo in tribunale, avvocato praticante cacciata dal giudice per il quale sono più importanti le tradizioni o il suo modo d'interpretarle che le leggi che deve fare rispettare

 canzoni  consigliate
Sud Sound System - Le Radici Ca Tieni
Frankie HI-NRG MC - Quelli Che Benpensano





Se un abito o un velo \ copricapo ,  vedere  nees  sotto  , non viola la legge , non vedo che mnale  c'è  a portarlo  anche  in un  aula  di tribunale   . 


Bologna: indossa il velo in tribunale, avvocato praticante cacciata dal giudice

Jan. 17, 2018, 15:14

ROMA – Bologna: indossa il velo in tribunale, avvocato praticante cacciata dal giudice. “Chi interviene o assiste all'udienza non può portare armi o bastoni e deve stare a capo scoperto e in silenzio”. E' la scritta su un foglio davanti ad un'aula del Tar di Bologna dove questa mattina ad una giovane praticante avvocato che indossava il velo hijab è stato chiesto dal giudice di toglierselo, oppure uscire. Secondo quanto riferito da alcuni presenti la giovane, marocchina, a quel punto si è rifiutata di scoprirsi il capo e si è allontanata. Lo ha deciso il presidente della seconda sezione del Tar dell'Emilia Romagna, Giancarlo Mozzarelli, il provvedimento ai danni di Asmae Belfakir, ragazza musulmana di 25 anni, praticante avvocato nell'ufficio legale dell'Università di Modena e Reggio Emilia. Questa mattina si era presentata a un'udienza a Bologna per assistere, insieme alla sua collega, al procedimento riguardante un ricorso e una contestuale istanza di sospensione cautelare in materia di appalti. Il giudice Mozzarelli le ha chiesto, però, di togliere il velo, altrimenti avrebbe dovuto lasciare l'aula. Lei si è rifiutata ed è uscita. “Non mi era mai successo prima – racconta all'Agi Belfakir – ho assistito a decine di udienze, anche qui al Tar e nessuno mi aveva mai chiesto di togliere il velo. Nemmeno al Consiglio di Stato. Anche perché non si può assolutamente parlare di problema di sicurezza perché il velo tiene il volto scoperto e quindi sono perfettamente identificabile. Sono sconvolta”. Mentre lasciava l'aula, il giudice avrebbe spiegato “che si tratta del rispetto della nostra cultura e delle nostre tradizioni”, riferisce Belfakir, sottolineando che Mozzarelli “ha parlato di cultura, nemmeno di legge”.

Questa, è a mio avviso un'arbitraria posizione che vuol giustificare il provvedimento. Una giustificazione che non trova ragione in nessuna legge, tantomeno nella Costituzione, che anzi, tutela la libertà religiosa (tra cui l'abbigliamento). Infatti la stessa avvocata :<<“Non mi era mai successo prima – racconta all'Agi Belfakir – ho assistito a decine di udienze, anche qui al Tar e nessuno mi aveva mai chiesto di togliere il velo. Nemmeno al Consiglio di Stato. Anche perché non si può assolutamente parlare di problema di sicurezza perché il velo tiene il volto scoperto e quindi sono perfettamente identificabile. Sono sconvolta”. >> Mentre lasciava l'aula, il giudice avrebbe spiegato “che si tratta del rispetto della nostra cultura e delle nostre tradizioni”, riferisce Belfakir, sottolineando che Mozzarelli “ha parlato di cultura, nemmeno di legge”. Infatti mi viene da chiedermi Se in tribunale ci fosse stata una suora o una vecchia del sud dove ancora anche se in via d'estinzione 😁😆🙂con un copricapo simile avrebbero detto lo stesso ?

Ora  molti  conservatori  soprattutotdi destra    e malpancisti    diranno   che viola  la legge   in particolare  
il  Dispositivo dell'art. 129 Codice di procedura civile  da  https://www.brocardi.it
Al limite  si  può parlare  di  maleducazione   ed mancanza di rispetto . 

Non esiste nessuna legge che vieti di portare il velo che copre i capelli e lasci visibile il viso.  Infatti

L'articolo 85 del Testo unico della legge di pubblica sicurezza (decreto regio 18 giugno 1931, n. 773) vieta di "comparire mascherati in luogo pubblico" e prevede per i trasgressori una "sanzione amministrativa". Chi, invitato a farsi identificare, rifiuti di farlo, è punito con un'ulteriore ammenda.

L'articolo 2 della legge 8 agosto 1977, n. 533 (Disposizioni in materia di ordine pubblico) vieta invece l'uso di caschi protettivi, o di "qualunque altro mezzo atto a rendere difficoltoso il riconoscimento della persona, in luogo pubblico o aperto al pubblico, senza giustificato motivo". Per chi trasgredisce è previsto l'arresto da sei a dodici mesi e una sanzione amministrativa."

La ragazza non ha infranto nessuna legge, anzi, è stato il giudice a infrangere l'articolo 19 della Costituzione italiana  :

"Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume."
Il resto è razzismo o il ridicolo tentativo di nascondere di essere ignoranti e razzisti.In quanto non ho   mai  letto  o sentito  di gente  " Italiana  "    uscita  od  allontanata  dai tribunali perchè  portasse  un cappello o  un fazzoletto  in testa  .  

Immagine correlataSe   mai sono il velo integrale  :    Burka   (    Nella tradizione islamica, indumento femminile che copre tutto il corpo, lasciando solo una grata di tessuto a trama rada all'altezza degli occhi foto sotto ) o  il  Niqab  (   indumento femminile di colore nero che copre la testa e l'intera figura lasciando scoperti solo gli occhi.) 




Risultati immagini per burka

che  dovrebbero essere  vietati   in base  agli articoli sopracitati  perchè   oppressivi pù del normale  velo   e lesivi della dignità delle  donne  .
Concludo  questo mio post    rispondendo a  chi mi dice   :
Eugenio Bisbabbo Crispo Vecchia del sud?
Ma dove vivi Peppe?
Gestire


Rispondi9 h
Giuseppe Scano Eugenio Bisbabbo Crispo come ti ho detto su wtzp in una regione del sud ( o centro italia o sud edisole come definiscono le statistiche ) . Dove in tutta l'isola compresa la mia zona , la gallura , era molto diffuso fra le donne " il velo " ( da nn confondere con quello islamico ) poi scomparire del tutto o quasi con l'apertura negli anni '60 verso l'esterno leggi creazione \ nascista dela costa smeralda è rimasto molto forte fino a gli ann '90 ed ancora oggi anche se quasi scomparso .Ma è rimasto come testimonia questo mio reportage alla sagra di sant efisio https://goo.gl/3NQGKF
come abito tradizionale .
Gestire