Visualizzazione post con etichetta canzoni non stucchevoli. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta canzoni non stucchevoli. Mostra tutti i post

08/12/17

come sopravvivere a natale V puntata le musiche . canzoni natalizie e non alternative alle stucchevoli e classiche buoniste ., le luminarie

Onde evitare di farvi venire ( io esempio le canto storpiate e modificate inventandomi le strofe ) i cononati di vomito a sentire o rinsentire le solite canzoni natalizie classiche o a tema  cerchiamo di uscire dal cliché di Michael Bublè e  simili  .e proponiamo  certo  sempre  in ambito  natalizio   qualcosa  di diverso .Ora   non ce l'ho  con le canzoni natalizie sono carine, allegre e gioiose, spesso le  cantavo ( ed  ognio  tanto  mi ricapita  ) anch'io , ma   arivvato ad  una certà età    riesco   a  sopportare    solo  i  Per i primi dieci ascolti.Infatti  dopo quiesta  soglia   diventano tediose e pari alle musiche utilizzate per torturare gli oppositori in determinate carceri.
Però esistono delle eccezioni.Infattti come  suggerisce , vedi sotto  ,  l'articolo   della stampa  ,  esistono delle eccezzioni.
Evitate i classici intramontabili e buttatevi su qualcosa di nuovo! Vi consigliamo tutto l’album Tutte le belle canzoni di Natale di Elio e le Storie Tese, la canzone







Christmas ( Baby please come home ) -  U2,





Ma  ecco una dozzina di canzoni alternative . Le ultime due ( Dalla e i Mcr ) da me mentre le prime 10 sono quelle consigliate da un ottima  hit de http://www.lastampa.it/2017/12/07/



Fairytale of New York è una delle canzoni di natale più famose (e redditizie) di sempre, almeno nel mondo anglosassone. Un brano che utilizza il tema natalizio per raccontare una vicenda che di natalizio ha ben poco. Dai Pogues a Piero Ciampi, passando per Tom Waits e gli Zen Circus, anche il giorno dei regali e delle renne può servire da spunto per raccontare il mondo che ci circonda.

The Pogues - FairyTale of New York  


Nasce tutto dal sogno di un ubriaco irlandese, chiuso in una cella del dipartimento di polizia per smaltire la sbornia. La visione ha le sembianze di una donna, che inizia a litigare con lui. Così i due raccontano una storia fatta di droga, alcolismo e perdizione in una New York fredda e buia a pochi giorni da natale. Comincia così, FairyTale of New York, racconto «natalizio» cantato da Shane McGowan (accompagnato dalla voce femminile di Kirsty MacColl) e suonato dai suoi Pogues. Nel 2014, in un sondaggio commissionato dal servizio streaming Blink Box Music, il brano è stata votato dagli utenti britannici come la miglior canzone di natale di tutti i tempi.

Piero Ciampi - Il Natale è il 24  



Piero Ciampi è il cantautore reietto e disperato, che negli anni ‘60 e ‘70, scriveva canzoni di alcolismo, disperazione e perdizione. La sua «Il Natale è il 24» si svolge in una vigilia di Natale, passata, tra sesso a pagamento e bicchieri di vino in osteria. Sullo sfondo, storie di separazioni, malattia, morti e tossicodipendenza.  

Tom Waits - Christmas Card from a Hooker in Minneapolis  



Il Natale come stratagemma narrativo per raccontare la storia di una ragazza che scrive la cartolina al suo ex ragazzo. Gli dice di stare bene, che si è fidanzata con un uomo che suona il trombone. In realtà, il colpo di scena: la donna sta scrivendo dalla cella di una prigione e ha bisogno di denaro per pagarsi la cauzione. Come buona parte della discografia di Tom Waits, il brano racconta la vita di reietti e disperati: in questo caso si tratta di una prostituta di Minneapolis.  

The Fall - (We Wish You) a Protein Christmas  




Che Mark E.Smith sia ossessionato dal Natale è un dato di fatto. Fin dal debutto dei suoi Fall (Live at The Witch Trial), ha trattato il tema natalizio a suo modo. A più di vent’anni di distanza, nel 2003, la creatura del cantante inglese ritorna con «(We Wish You) a Protein Christmas», un brano bizzarro, tra tastiere e parole senza senso, tutto dedicato alla festività più odiata (e amata) da Smith.

Zen Circus - Canzone di Natale  




Canzone di Natale chiude «Andate tutti affanculo», uno dei lavori più amati degli Zen Circus. Con questo «lamento di un tossicodipendente», la band pisana rende omaggio a Piero Ciampi con un brano che ne riprende le atmosfere narrative. «Sono a secco, ’sto natale. Dio, fa che non stia così male», canta Appino nel brano.


Pearl Jam- Let Me Sleep (It’s Christmas time)  



«Let Me Sleep» è un brano poco considerato dalla critica, ma molto amato dai fan, tanto che spesso la band di Seattle lo ripropone dal vivo. Inserita all’interno della raccolta «Lost Dogs», Il brano affronta in chiave universale, il tema del natale inteso come momento di pausa dalle sofferenze del mondo.

Galaxie 500 - Listen, the snows is falling  



I Galaxie 500 riprendono un brano di Yoko Ono e lo rendono ancora più dilatato dell’originale. La cover, inserita nell’album «This is our music» (uscito nel 1990), racconta della neve che cade, da Londra a New York, passando per Tokyo e Parigi. Una canzone, che ha un significato politico. ma anche personale e esistenziale.

The Sonics - Don’t believe in Christmas  



«Don’t believe in Christmas» è una canzone contenuta nella riedizione di «Here are the Sonics», il disco di debutto della storica band di Tacoma. Il brano è uno sfregio alla tradizione, alle credenze dei genitori. Un concentrato di ironia racchiuso in quasi due minuti di tastiere e chitarre.

Death Cab for Cutie - Christmas (baby please come home)  



«Christmas (baby please come home)» è un classico del compositore e produttore Phil Spector. Pubblicato nel 1963, si tratta di un brano ripreso anche da Mariah Carey e Michael Bublé. Questa versione però, si allontana dalle atmosfere soul e lo rilegge in chiave indie rock. La canzone utilizza musica e parole per raccontare l’attesa di una persona cara, tra chitarre semi acustiche e tocchi di pianoforte.

Loudon Wainwright III - I’ll be killing you (this Christmas)  



Loudon Wainwright III è il papà dei più famosi Rufus e Martha, cantautori e performer di fama internazionale. Loudon invece è conosciuto solo negli Stati Uniti, ed è un raffinato cantautore satirico e di protesta. Pubblicata nel 2014, «I’ll be killing you (this Christmas)» utilizza il tema natalizio per denunciare la diffusione delle armi da fuoco nel Paese. Non una canzone da cantare sotto l’albero ma un’invettiva contro l’N.R.A (National Rifle Association).

Canto di Natale - Modena City Ramblers




Contro l'ipocrisia del natale,il capitalismo \ consumismo sfrenato che gli gira attorno,contro le ingiustizie che in quei giorni (altro che la favoletta del siamo tutti più buoni) aumentano a dismisura

Lucio Dalla - L'anno che verrà (testo)






Sermbra adatta al capodanno cheal natale , ma chi se ne frega . Secondo me descrive benissimo il natale ed è critico verso un certo tipo di feste natalizie \ di fine anno

Ora pichè   le Canzoni di Natale, sono una delle caratteristiche tipiche delle feste natalizie, in grado di regalare un’atmosfera magica ( sempre che esista ancora qualcosa di magico ) alle tue giornate di festa. e per chi preferisce a queste canzoni quelle classiche e 'o quelle composte nel mese di dicembre , ormai sta prendendo piede anche in italia [ sic ] di produrre canzoni a tema e\o  volete dventare "esperti  di tali canzoni natalizie per bambini oppure di canzoni di Natale
    " /pictures/2016/11/07/canzoni-di-natale-2439822427[1449]x[605]780x325.jpeg  
 , perchè vi   ( e  ci )   piace illudervi ed evadere dale brutture del mondo e della vita almeno per un giorno ecco un sito dove potrai trovare le più famose, con i link alle versioni di Youtube, i testi e la classifica delle più belle secondo noi (e lo Zecchino d’oro!). Ecco la guida completa alle canzoni di Natale, per delle feste indimenticabili con musica e allegria sotto l'albero di Natale, da mettere come sottofondo anche mentre si giocahttps://www.pianetadonna.it/notizie/tempo-libero/canzoni-di-natale.html


Le luminrie e le  decorazioni di  natale  ad  alcuni\e   mettano tristezza, altri  le  odiano    , altri per quieto  vivere  le  accettano  . non eiste  una soluzioni   univoca  o  l'ami o  l'odi è una battagia  stressante   ed  inutile passare  tempo  ad  odiare ( a meno ce  non si  sia fobici )  . Infatti  a ormai  bisogna  farsene una ragione visto che esse sono presenti al  90 % presenti ovunque  salvo eccezioni . Posti  per   chi ama  la  vita  "monastica  "    soklitaria  e  senz a internet    e  celullari .
  Come  fare  alLora ?    a te  cosa  scegliere   tra questi miei   suggerimenti

  •  quello del quieto vivere  che  puo  avvenire  in ndue  modi   1  )  chi se  ne frega  avviene  una sola  vota  all'anno .e quindi  possiamo    conformarci  ed    accettarlo passivamente  e  con indifferenza    2)  con     un   accettazione non passiva     cercarndo   di vederne  il lato  posiotivo  anche se di breve  duranta  .  cioè esse posso aiutarti   ad  evadere   dalla routine quodiana  o per  cercare se  non è  la  perdita  non è troppo recente    di superare il lutto .
  •    non farne  almeno che tu non sia cosi  coraggioso\a   da  riuscire  a fregartene d'amici \ che   o del parentame  \  parentando qualora  il cenone o il pranzo di natale  si fa   da  te . 
  •  Puoi decidere se non decorare per niente la tua casa, o se decorarla in modo che ti rallegri, e mostrare i tuoi sentimenti nei confronti della festa:

oppure    usare la  fantasia  ecco quelle  che boi  abbiamo fatto quest'anno    a casa 









 in strada  scegli tu sei stare  tappato o  usicre e far  finta  di niente   o applicare il  1 ed  il 2  coniglio oppure  se  hai  qualche idea  originae  proponiti o proponila  al  tuo comune