Visualizzazione post con etichetta #prevenzione. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta #prevenzione. Mostra tutti i post

07/05/17

come sfidare la censura a volte stupida ed idiota e fare prevenzione sui tumori al seno in maniera creativa ed intelligente e Twitter meglio dello psicologo. Una cagliaritana spiega come si diventa star del web

Sappiamo , o almeno dovremo saperlo , che Uno dei metodi più utili per prevenire il tumore al seno è l'autopalpazione. Per evitare la censura dei social network, una ong argentina ha ideato una campagna speciale


video


:il petto di un uomo (   qui    a  qualcosa   serviamo  😅😆😇😊 )  per aiutare le donne!  Ringrazio la  nuova   utente  facebookiana   , alla  quale  dò la benvenuta  , claudia.zedda


Twitter meglio dello psicologo. Una cagliaritana spiega come si diventa star del web


Un’immagine di Valentina Serra tratta dal suo profilo Facebook

"L'amore è quella cosa che tu sei da una parte, lui dall'altra e gli sconosciuti si accorgono che vi amate": un aforisma di Massimo Troisi, secondo alcuni; di Alda Merini, secondo altri.
In realtà, ad averlo partorito è ValeSantaSubito, al secolo Valentina Serra: ha scelto quel nickname (soprannome) perché "mi sono resa conto di aver avuto troppo pazienza nella mia vita". E, grazie ai suoi pensieri in 140 battute, è diventata una tweetstar, una delle persone più seguite in Italia su Twitter, grazie ai suoi 41 mila follower.
LA STORIA - Cagliaritana, 50 anni compiuti a marzo, Serra vive da una vita ("26 anni, per l'esattezza") lontana dalla sua città. Scelta quasi scontata se, come è capitato a lei, ci si ritrova ad amare un calciatore: nel 1989 si innamorò di un giocatore del Cagliari, Mauro Valentini, e lo seguì nei suoi trasferimenti. "Non a caso il mio primogenito, Andrea, è nato a Cagliari mentre la seconda, Giulia, è nata a Bergamo". Appese le scarpette al chiodo, Valentini tornò insieme alla sua famiglia a Viterbo.
LA SVOLTA - Una vita normale. Con un piccolo neo. "Ero la moglie di, non Vale". Nel 2011 si iscrive a Twitter: il social network diventa una sorta di psicanalista virtuale. "Stavo attraversando un momento di forte disagio, mi sono rinchiusa in casa. E ho cominciato a scrivere i miei pensieri su Twitter". Niente di banale, i tweet sono un mix di autoironia e intelligenza. Anche la fine del suo rapporto con Valentini è raccontata con un tweet. "Ho dato a Mauro la possibilità di essere ancora amato: io non riuscivo più a farlo".
LA SCALATA - In quei tweet c'è tutta la ValeSantaSubito. "Non scrivo per aumentare i follower. E non faccio quello che altri fanno: seguono altri utenti per essere, a loro volta, seguiti. Quando scrivo le mie stupidaggini poi mi metto a ridere da solo". Nessuna ricerca di fama. "Ma grazie a Twitter ho conosciuto tante persone fantastiche". Non solo. "Sono diventata la social media manager di un'azienda proprio grazie ai miei tweet".
Una carrellata? "Ma la notte non potrebbe portare solo il sonno. Chi sarà l'idiota che le ha chiesto i consigli" o "50 sfumature di materia grigia che avete perso andando a vedere il film". Battute taglienti, aforismi. Ma anche impegno sociale: "La vera tragedia", parlando delle donne, "è che, per farci rispettare, noi si debba fare sciopero". Filosofia in 140 battute. "E pensare che, a scuola, facevo temi di otto pagine", conclude.







Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget