Visualizzazione post con etichetta anna careddu. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta anna careddu. Mostra tutti i post

16/05/19

anche la sardegna ha la sua oasi di animali salvati dai macelli . Il Rifugio di Minù: a Nuoro la nuova vita di asinelli e altri animali scampati a morte sicura





Dopo la bella storia di Cinzia B ( vedere sopra i gli url dei mie precedenti articoli ) , leggo sulla nuova sardegna d'oggi ( articolo che non trovo nella versione free ) un altra storia simile stavolta sarda . Si tratta di Anna Careddu ( una ragazza del Nuorese ) che ha una casa rifugio per animali in Sardegna. Un centro dove tutti, cani, gatti, oche, galline e maiali, salvati dal macello, vivono in armonia. Anna, però, si trova di fronte a un bivio legale: per tenere la sua maialina Friscarosa e le pecorelle, che in Sardegna sono considerati come animali da carne, dovrebbe far diventare la struttura un allevamento da macello.
La donna ha anche aperto una pet therapy: “Ho trasformato la fattoria in un laboratorio didattico per bambini, ragazzi autistici e persone affette dalla sindrome di Down”, racconta Anna, che ha accolto una ragazza con problemi di tossicodipendenza. “Mi disse che stare con gli animali le dava le stesse sensazioni dell’eroina”.
Per dare una mano a più persone, la donna vorrebbe lavorare in regola: “Non voglio essere abusiva, vorrei solo una legge che mi permettesse di fare pet therapy legalmente, con questi animali”.

IL PROGETTO E' NATO PER CASO, PER L'ESIGENZA DI ESSERE DA AIUTO AD ANIMALI PER CUI TROPPE POCHE PERSONE POSSONO FARE QUALCOSA, SOPRATUTTO PER PROBLEMI DI GESTIONE. VORREMMO ESTENDERE LA NOSTRA PICCOLA REALTA' E CREARE UN PARCO RIFUGIO DOVE QUESTI ANIMALI POSSANO VIVERE LIBERI E SERENI E PERMETTERE A CHI VOGLIA O ABBIA IL PIACERE, DI IMPARARE A CONOSCERLI DA VICINO E DI POTERLO FARE...




MUOVERE LE COSCIENZE VERSO IL RISPETTO DI TUTTI GLI ESSERI VIVENTI, SENZA DIFFERENZE DI SPECIE PERCHE' NON CI SONO ANIMALI DI SERIE A E ANIMALI DI SERIE B. TUTTI MERITANO IL NOSTRO AIUTO

                                dalla      sua pagina  fb 





ecco   per  chi  non  s'accontenta  del  breve  racconto      e    vuole  vedere    il video delle iene     puo' continuare  a   leggere    questo post  con ulteriori dettagli  della   storia  presi    : il primo  da   https://www.sardegnalive.net/ o e dal sito delle iene secondo articolo