Visualizzazione post con etichetta bufale. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta bufale. Mostra tutti i post

26/05/20

il fumo negli occhi gettato dal #Copasir e dalla bergamini sulle #FakeNews congiura contro l'italia quando la vera fabbrica l'abbiamo in casa

Immagine non hanno capito una cippa questi esperti  di tale organo  istituzionale    . Non c'è nessuna campagna contro l'italia . Ma sono, per la maggior  parte    gli italiani creduloni e bufalisti ed i nostri politicanti ed le loro truppe cammellate ( ma anche no ) che usano i siti esteri per diffondere le fake news visto che in italia si sta  diffondendo anche  se   a fatica   visto  che   continuano  ad esserci anche     qualche  sacca   di creatori  di fake news    sopratutto  su  telegram e watzapp o  su VKontakte  (  il  facebook  russo   )   in particolare , c'è un maggior controllo alla fonte , ma non alla diffusione . Ed quindi sfruttano i gruppi esteri di complottisti e bufalisti  esteri    per diffonderle ed i media maistream che le riportano dandoli  ulteriori  voce . Infatti i creatori  di bufale nostrane ovvero  quelle  persone  che C'è gente che ha preso 11 milioni di voti alle elezioni nazionali con le fake news e altra gente, sempre con le fake, oggi prenderebbe il 46% alle stesse elezioni. Quindi di che ci stupiamo?C'è gente che ha preso 11 milioni di voti alle elezioni nazionali con le fake news e altra gente, sempre con le fake, oggi prenderebbe il 46% alle stesse elezioni. Quindi di che ci stupiamo?  C'è gente che ha preso 11 milioni di voti alle elezioni nazionali con le fake news e altra gente, sempre con le fake, oggi prenderebbe il 46% alle stesse elezioni. Quindi di che ci stupiamo? C'è gente che ha preso 11 milioni di voti alle elezioni nazionali con le fake news e altra gente, sempre con le fake, oggi prenderebbe il 46% alle stesse elezioni









C'è gente che ha preso 11 milioni di voti alle elezioni nazionali con le fake news e altra gente, sempre con le fake, oggi prenderebbe il 46% alle stesse elezioni. Quindi di che ci stupiamo?C'è gente che ha preso 11 milioni di voti alle elezioni nazionali con le fake news e altra gente, sempre con le fake, oggi prenderebbe il 46% alle stesse elezioni. Quindi di che ci stupiamo?  avallano   tale  news  


per deviare  l'attenzione dai  creatori  nostrani  . Infatti se i leghisti, a cominciare proprio dal Presidente del Copasir, facessero qualche domandina sul tema ai loro amici di Mosca e Budapest...  ma  soprattutto chiederei  ad essi   se  è vero tale  notizia      che  letto da qualche parte che un partito politico Italiano gestisce una potente macchina di account chiamata la #Bestia che ha creato milioni di contatti falsi in Italia ... ed  usa  per  finanziarsi   soldi che   ha preso  illecitamente     dai  contribuenti  volevo sapere se è vero o anche questa è una fake news..grazie  Un LEGHISTA, Volpi, che ci rende noto che è in atto anche in Italia.una campagna di disinformazione che crea
Si vede che hanno informato anche lui, l'informatissimo Volpi, dell'esistenza di una certa "Bestia" che qualcuno paga profumatamente con i soldi degli italiani e magari anche di qualche "zar" di nostra conoscenza.
Potremmo avere anche qualche nome e cognome, presidente Volpi?

22/05/20

prove di ritorno alla normalità e fake news - bufale

ieri   dopo  tre  mesi  sono andato  a   farmi  i  capelli     in una delle   barbiere  di fiducia   .Tutto ciò che mi era parso degno di deliri complottari  ( per  sapere  come la penso   cercatevi i miei  post  qui  sul blog  e sui social  o  seguitemi  )    ed  purtroppo   opinione di massa si è rivelato ed  ancora  continua  ad   essere argomento cardine di qualsiasi discussione.  Infatti   tra  i due   fratelli     barbieri   : il primo   (  quello che  mi stava facendo i capelli )  e  il secondo   (  impegnato  con un altro cliente  )    si  discuteva    delle  covid  e delle  sue   conseguenze   :
1) Ora ci vogliono mettere anche il Cic (!) sotto la pelle.
2)  vogliono obbligarci  ( anche  se  diranno che non  è  obbligatoria  ma facoltativa  )    a scaricarci ed   attivare un app pèer  trattarci   come se  non bastasse  registrare   chi entra   e chi esce  con i  suoi dati
2)Io non mi faccio nessun vaccino proprio, sono malato di cuore (37 apparentemente sanissimo, sovrappeso in maniera pazzesca.
il cliente   dichiara solennemente di non aver mai indossato la mascherina se  non  perchè  costretto   "perché non mi faccio prendere per il culo dal , io".
3) Perché anziché il vaccino non tolgono i telefoni 5G ?!

 alla  fine  il  primo  barbiere,  il più razionale o almeno riesce   a trovare  un equilibro fra  dubbi  e  certezze  fra   razionalità ed  irrazionalità     ha  mandato  a  fncl il collega  dicendo  <<  arrangiati   fa qwuel  che vuoi  >> il secondo   che   nonostante  avesse    sotto   una persona  anziana  che  raccontava  i ricordi familiari di quando  c'era  stata l'epidemia di   spagnola  ovvero quello che oggi   è  il codiv   .
ed  proprio  mentre scrivo   quest'ultime righe  si diffondono nell'etere  le  note di    Idiot Wind (Blood On The Tracks NYC Session - 1974) -   di  Bob Dylan   canzone    azzeccatissima per  il clima   che  stiamo affrontando ed  ancora    chi  sa per  quanto  dovremo affrontare  \  convivere   sopratutot quando dice


Idiot wind, blowing every time you move your teeth
Vento idiota, soffia ogni volta che muovi la bocca

  con questo  è  tutto    alla prossima    cari  lettori  \  lettrici

10/05/20

CALCIO: DAL BOMBER CASTAGNA INSULTI SOCIAL AL MINISTRO. SOSPESO DAL NIBIONNOGGIONO ED GLI INSULTI AD : ILARIA CAPUA

Posso capire  ed  anche  giusto che   uno   o più  persone dissentano  ma   dalle opinioni diverse  . Anche  duramente  . Ma   arrivare   agli insulti specialmente  sessisti    come   questi due  casi che  ora  vado a raccontare   . proprio  non lo capisco  e  non si  può  " tollerare "  .Lo  sò ne  abbiamo abbastanza  di Coronavirus  ed  covid  19  ma  volenti o non volenti ne sentiremo parlare  ancora  per  un bel po' , ma  sopratutto  #LODIONONVAINQUARANTENA  come  ho già detto  qui

IL  primo  è quello     dell'ormai ex bomber  del NIBIONNOGGIONO oltre  che  di  Lecco e Olginatese ,  Davide Castagna,
 il “toro di Civate”, il quale   venerdì ha insultato su Facebook il ministro Bellanova, con epiteti che non sono passati di certo inosservati, vista anche la cassa di risonanza offerta dalla pagina Facebook “Abolizione del suffragio universale” che sabato ha condiviso il post. Ora   secondo quanto   riporta il  sito   https://www.lecconews.news

Tutto ciò non è sfuggito all’occhio della sua attuale società, il NibionnOggiono, che ne ha subito decretato la sospensione dall’attività agonistica con un comunicato stampa: “La società A.S.D. NibionnOggiono, appresa la notizia di affermazioni diffamatorie rivolte alla Sig.ra Ministra Bellanova dal proprio tesserato sig. Castagna Davide su un suo canale social personale, si dissocia fortemente e formalmente dalle stesse, sia per quanto riguarda i toni che i contenuti.
Nell’esprimere sincera vicinanza al ministro, la Asd NibionnOggiono, ribadendo la propria totale estraneità, precisa che le affermazioni sono state espresse dal tesserato esclusivamente a titolo personale e che la stessa società si ritiene parte offesa riservandosi, quindi, di agire con l’ausilio del proprio legale nei confronti dello stesso per il danno d’immagine subito.


Da ultimo, la A.S.D. NibionnOggiono comunica che il tesserato è stato immediatamente sospeso dall’attività agonistica della Prima squadra in quanto il comportamento tenuto dallo stesso è ben lontano dalla sana e morigerata etica sportiva a cui la Società si è sempre ispirata e che si riserva di adottare le successive opportune e necessarie determinazioni, tra cui l’ipotesi di risoluzione contrattuale”.

IL  secondo caso  
Le  contestazioni  , sotto   d'insulti   anche sessisti ,   non  nel merito ,   ad Ilaria Capua  solo  perchè afferma  che  un metodo  di cura    che  si sta  usando  anziche  cercarne  di  nuovi  contro il coronavirus     è  anche  pericoloso  ed  non  miracoloso  come  viene  spacciato  dai media   e siti  anti maistream
Ma arrivare    come    riporta  la pagina   fb

Nei giorni scorsi abbiamo scritto un post su Giovanna Botteri, prendendone le parti ed evidenziando come buona parte dei commenti su una donna sia costantemente subordinato a giudizi di natura estetica.Ciò che ci ha impressionato è stato vedere che, anche nei commenti in sua difesa, non sono mancati pesanti insulti sessisti nei confronti di Michelle Hunziker, che faceva da voce nel video sulla Botteri.Il che è stato piuttosto paradossale.E la cosa si è ripetuta anche nel video, pubblicato sulla nostra pagina di riserva, in cui Ilaria Capua spiega i rischi di una terapia a base di plasma.

 In poche ore è stato assaltato da utenti (nel 99% dei casi non iscritti alla pagina, per fortuna) autori di commenti indicibili. Ne abbiamo dovuti eliminare più di 500 (e non abbiamo ancora finito).La dinamica è sempre la stessa: la donna è in ogni caso colpevole.Se trasandata, vecchia e col capello bianco, è responsabile - per alcuni - di essere orrenda.Se bella, truccata e vestita bene, è colpevole - per altri - di essere un'oca.

In ogni caso, è l'estetica a determinare un (pre)giudizio.Alla fine, però, l'elemento di congiunzione c'è sempre e accomuna tutte le donne, "belle" o "brutte" che siano: l'essere considerate delle "puttane".È una cosa, questa, presente persino in espressioni di uso comune, che cambiano diametralmente di significato se usate al maschile o al femminile (si pensi, come evidenziato dal semiologo Stefano Bartezzaghi, a buon uomo/buona donna; gatto morto/gatta morta; cortigiano/cortigiana; uomo di strada/donna di strada; passeggiatore/passeggiatrice; uomo di mondo/donna di mondo; etc.)Perché il lessico non è mai neutro e riflette costruzioni sociali e culturali.E si vede.

chi sono o dovrebbero essere i complottisti e perchè lo siamo in fondo un po' tutti chi acriticamente chi criticamente ?


Approfondisco  nel  post  d'oggi  , la  discussione   facebookiana nata  due  due  post


  1. https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10222855683170567&set=a.1377616090386&type=3&theater
  2. https://www.facebook.com/redbeppeulisse/posts/10222853796763408
e  dal precedente post   : <<  ma  l'articolo  21  della costituzione  ...... >> in cui facevo l'avvocato del diavolo    per la  rimozione di  un   video    contro el versioni ufficiali    del codiv  19  . Ma   soprattutto     per  questo video  che   ha  fatto   molto discutere  sulla mia bacheca  di facebook






Lo siamo  un po' tutti\e   chi razionalmente    cioè usando il metodo scientifico   chi solo  l'irrazionmalità  . Lo siamo perchè



 qui la puntata integrale     Facendo  attenzione 
da  https://www.galluranews.org/i-siti-a-caccia-di-bufale-chiedetevi-chi-ci-sta-dietro/


[...] .
Aprite i siti a caccia di bufale stando attenti che loro stessi non siano delle bufale al servizio del sistema. Meglio dubitare, porsi domande e mai smettere di cercare la verità. Una cosa vi risulterà: non troverete mai una sola notizia vera che metta in ombra l’operato del sistema. Tutte rigorosamente attendibili.

Infatti  oggi c'è  un abuso del  termine   da lpotere  e  dai media       viene   considerato  complottista     anche   chi  mette  indiscussione  o propone una versione diversa   dalal  loro   .  Però  è anche  vero che  credere  (  e  diffondere    vedere    il mio secondo post  con relativi cmmenti    citato  fra i link  sopra   )   teorie assurde senza disporre di prove fondate è stupido ed pericoloso ma definire "complottista" chi si fa delle domande o non si fida  ciecamente     delle  versioni   versioni ufficiali   è un insulto all'intelligenza umana. 
Bisognerebbe anche trovare un termine per etichettare chi ama fidarsi ciecamente e ingenuamente delle versioni promosse dal governo e dai media. 
L'immagine può contenere: 1 persona, meme e testoDenaro, potere etc.  gli interessi in gioco sono numerosi e giornali, tv e social subiscono l'influenza della politica, delle multinazionali, del Vaticano e chi più ne ha. 
No alle stupidaggini ma dubitare è sacrosanto se non addirittura doveroso, soprattutto di questi tempi.
Quindi  non sempre   i complottisti sono dei frustrati dalla loro ignoranza, persone  che  in un mondo sempre più complesso l'informazione circola, ma per comprenderla occorrono delle basi, preferisce  meglio cercare informazione pre-masticata e pseudo  "alternativa" che in poche e semplici parole ci dice come apparire svegli, intelligenti ed originali semplicemente ripetendo poche parole supportate dal nulla o  spesso  messe  in atto  dai poteri   per    gettare  fumo negli occhi  sulle  loro magagne  ed abusi  come dimostra
L'immagine può contenere: una o più persone e testo

MARTIN MYSTÈRE
N° : 322
Periodicità: bimestrale
CONGIURA NEI CIELI
UNA TEORIA DEL COMPLOTTO PARTICOLARMENTE FANTASIOSA POTREBBE RIVELARSI DRAMMATICAMENTE REALE!
uscita: 10/08/2012
Codice a barre: 977112157900320322
Soggetto e sceneggiatura: Carlo Recagno
Disegni: Esposito bros.
Copertina: Giancarlo Alessandrini
Sinossi Martin Mystère riceve la visita di un bizzarro personaggio che sostiene l'esistenza di una massiccia cospirazione su scala globale, con infiltrati a ogni livello della società. Un complotto diabolico che si consumerebbe ogni giorno nell'indifferenza totale, e il cui scopo sarebbe addirittura quello di avvelenare l'atmosfera! La teoria, però, è piuttosto strampalata, e Martin non riesce a prenderla sul serio, ma quando un uomo viene brutalmente assassinato, il Detective dell'Impossibile non può fare a meno di chiedersi se nella vicenda ci sia più di quanto sembra. Tra luci e ombre, sospetti e paranoia, Martin scopre di essere sorvegliato dagli Uomini in Nero e di essere in grado di scoperchiare un grande inganno ai danni della popolazione mondiale!



Concludo   con questo  commento   Francesco Marani  al  video   sopra  citato
6 giorni fa
Eh si è così:), infatti i complottisti non esistono, sono inventati. Complottista è solo un insulto, come new age o no vax, mai sentito nessuno dire ''io credo nella new age'', no! La new age è solo un insulto. Sarebbe come dire: ''io sono coglione''. Un complotto.

26/04/20

Fake News: le 10 regole d’oro da leggere prima di commentare o condividere qualcosa

avendo ricevuto l'enmnessima  bufala  \  fake news  ,   ed  l'ennessimo  cazziatone  per   aver  diffuso su  il  mio  facebook  (   qui   il post  )   una  notizia   vera  ma  strumentalizzata ed modificata    dai leghisti  ho  deciso  di riportare  questo vademecum  su come  riudurre  le  fakenews    , bufale  e  riarrangiamewnti \  stravolgimenti    delle notizie 




 da https://www.analfabetifunzionali.it/


In questo breve articolo vi illustreremo un breve decalogo che ci auguriamo possa essere utile per evitare di trasformarci inconsapevolmente in analfabeti funzionali. Siccome è diventata una brutta consuetudine fermarsi solo al titolo, abbiamo scelto senza esitazione il consiglio da dare per primo:

1: Non fermarti mai al titolo

Anche le testate che possiamo considerare affidabili non lavorano gratis. Ciò vuol dire che spesso i titoli degli articoli possono essere fuorvianti rispetto al contenuto dell’articolo stesso. Lo scopo di un giornalista è, comprensibilmente, fare in modo che il suo articolo venga letto. Considerato il fatto gli introiti dei giornali provengono sempre meno dalla carta stampata e sempre di più dal mondo digitale, chi scrive un titolo sa benissimo che il titolo è decisamente molto importante. Peccato che però, in buona parte dei casi, l’articolo non venga letto comunque e la gente tragga le proprie conclusioni limitandosi a quanto c’è scritto nel titolo o addirittura solo all’immagine di copertina.

Analizziamo questo esempio: il titolo sembra rafrasare un modo un po’ eccessivo la dichiarazione del Presidente delll’Associazione Nazionale Costruttori. Ciò che ha realmente dichiarato è questo: “Riaprono le librerie? Con tutto il rispetto per la cultura, ma i libri non si possono comprare su internet? Sono pazzi”. Affermazione, dunque, un po’ forte criticabile, ma non è esattamente quella che viene riportata nel titolo.


2: Verifica sempre la fonte
Per quanto i giornali possano pubblicare contenuti spesso discutibili, tenete comunque presente che Repubblica, ANSA, il Corriere, il Fatto Quotidiano non sono in alcun modo equiparabili al corrieredellammerda.altervista o a condividiprimachecensurinopuntoqualcosa
3: Verifica sempre la data dell’articolo



Una cosa detta un anno fa e condivisa oggi, può di fatto apparire come una “vera” fake news (scusate il gioco di parole), anche se, al momento della pubblicazione non lo era. Per esempio in molti condividono oggi notizie (vere) su crolli di cavalcavia avvenuti anni fa, dando l’impressione che nuovi crolli si siano verificati di recente. condividendo oggi questa notizia, potrebbe sembrare che la maggior parte dei medici sia contraria al vaccino per il Coronavirus. Ecco un altro esempio: 


In realtà la notizia si riferisce alle vaccinazioni contro la normale influenza, nel 2017  


4: Verifica la provenienza geografica della notizia, anche se la fonte è attendibile
Esempio: questo è un articolo in lingua italiana di un sito croato. Quanto descritto nel titolo potrebbe trarre in inganno il lettore.



5: Anche se la fonte è attendibile, verifica sempre come l’articolo è stato collocato all’interno del giornale

Ha fatto molto discutere un articolo contro il 5G pubblicato dal Fatto Quotidiano, ma a molti è sfuggita la parola “Blog”. In sostanza non è un vero e proprio articolo del Fatto Quotidiano, ma una libera opinione in uno spazio blog che il Fatto mette a disposizione. Tuttavia, molti complottisti utilizzano questo articolo come prova a supporto delle loro tesi. “Hai visto, lo ha detto anche il Fatto Quotidiano”. Frase recentemente sostituita da: “Hai visto? Lo ha detto un premio Nobel!”
Il discusso articolo del 2018 all’interno del Fatto Quotidiano
6: Presta attenzione ai nomi molto simili a quelli di testate attendibili
Tralasciando “Lercio” o “Il Fatto QuotiDAIno” che sono testate palesemente satiriche, molti creano dei domini i cui nomi contengono riferimenti a testate ufficiali per trarre in inganno la buona fede del lettore, tipo “SKYnews-TG-notizie” e similari.
7: Attenzione a quei siti che camuffano ad arte le Fake News mischiandole con articoli veri.



Sono i più subdoli e solitamente sono siti con una forte connotazione di propaganda politica.  [ come mi  è  capitato      a me    vedi  sopra  ] 
8: Non credere mai a mirabolanti regali.



Neanche il cane muove la coda per niente. Quando ti offrono un iPhone in cambio di un like e una condivisione, ignora e passa oltre. Non applicare la regola del “intanto condivido, non mi costa nulla”, stai solo facendo il loro gioco: con questo trucco faranno crescere una pagina la quale, una volta raggiunto un certo numero di followers, verrà venduta e ne verrà cambiato il nome.
Diffida inoltre da catene varie o da link che promettono di regalare buoni spesa in cambio della tua condivisione. Evita di condividerli e anche di cliccarci sopra.
9: Se hai un solo dubbio sulla veridicità di una notizia, non condividerla



Per esempio , se vedi una foto di un persona sconosciuta con scritto :”Questo è un pericoloso pedofilo, aiutateci a fermarlo, condividiamo tutti”, fatti subito queste domande:
  • Io so chi è quella persona?
  • E se quella persona fossi io?
  •  Mi farebbe piacere se qualcuno, dopo aver rubato la mia foto, la diffondesse in rete con migliaia di persone pronte a condividerla perché “intanto condivido, non si sa mai?”

Ci sono tante persone innocenti che sono state rovinate con questa tecnica, alcune hanno anche perso la vita.
10: Non è vero che “è il concetto che conta”


Se leggi una citazione improbabile attribuita a Sandro Pertini o a Valdimir Putin, non condividerla anche se dovesse rispecchiare il tuo pensiero.


    12/04/19

    Tanto rumore per nulla – cimiteri e religione il caso di Pieve Di Cento

    credevo    che    tali  fatti    come    affermato   sulla mia  bacheca  di  facebook   fossero 


    LOL Gli effetti della paura del diverso e dell'odio verso le culture estranee che creano allucinazioni o rincoglimento iniziate nel lontano 1993 a Lla periferia della Milano da bere e poi diffusi in tutta Italia anche al sud ed ora legalizzata . O esiti /risultato del buonismo d'accatto ?!
    io credo non avendo trovato altri riscontri ( ne voi ne avete benvegano farò il crucifige ) sono per la prima ipotesi


    Poi  cercando    in rete      cercando    verifiche  in rete   la  notizia   non è  propria   una  bufala   ma   ingigantita   montata dalla destra ( sia extra parlamentare sia parlamentare \ in doppietto )



    Matteo Salvini
    Pieve di Cento (BO), sindaco PD. Si parla di un "sistema motorizzato" al cimitero per coprire croci e altri simboli cristiani che potrebbero urtare le altre religioni. Se vero, è IDIOZIA,questa sinistra che ha paura delle nostre radici e della nostra cultura non si smentisce mai. https://t.co/iYMEk4bVl5
    Twitter09/04/19 12:25


    e  ruota       a  pappagallo   tutti i  siti     di destra ( pochi   in buona  fede   ) 





     e gli analfabeti funzionali  che    affermano 



    Giuseppe Calì Ok per rispettare le altre religioni, ma cazzo volete rispettare anche la nostra? Visto che siamo a casa nostra?


    La modalità selezionata è Più pertinenti, pertanto alcune risposte potrebbero essere state filtrate.

    Ecco  il  perchè      

    Al cimitero oscurano i crocifissi per non urtare le altre religioni

    Questo il titolo dell’articolo pubblicato su Il Giornale online dopo la denuncia social di Galeazzo Bignami (deputato di Forza Italia eletto in Parlamento dal 2018).Il post di Bignami è questo:

    Ecco l’ultima trovata del sinistrati che in un comune della provincia bolognese annunciano fieramente, in un giornaletto preelettorale, il restauro del Cimitero e “…per riti o cerimonie laiche anche di altre religioni, il progetto prevede l’installazione di un sistema di oscuramento motorizzato con teli di tessuto che appunto consentiranno all’occorrenza di coprire temporaneamente le immagini sacre e le tombe di famiglia situate all’interno della Cappella”.

    Credo che la notizia si commenti da sola.I sinistrati per non mancare di rispetto alle altre religioni offendono i Valori Cristiani e ancor più la memoria dei nostri morti nascondendoli dietro delle “tende motorizzate” in un cimitero per non offendere le altre religioni.
    Il tipo di dialettica usata la dice lunga sul modo di fare politica che si è scelto di usare sui social.

      Quindi    come  potete   vedere   si    si tratta, sempre  dalla  parte  della  destra    di  disinformazione  ed  uso strumentale populista     della presenza  ormai   sempre   più  presente   degli  stranieri in italia  ,come dice  ancora    quest articolo di butac.it( uno dei pochi articoli ben fatti ed obbiettivi in merito : << (....) si tratta di un ipotesi di progetto, non di qualcosa di già deciso, votato e realizzato. Il progetto sarà completato e presentato ai cittadini quest’estate. Sarà la nuova giunta comunale a decidere cosa fare dello stesso, visto che a breve ci saranno le elezioni amministrative, in contemporanea con quelle europee.Lo stesso S indaco di Pieve spiega a Repubblica: “Un progetto importante – dice il sindaco – in questo ambito il tecnico incaricato ha ipotizzato la possibilità di inserire nella cappella del cimitero, che non è mai stata consacrata, un sistema a tendine che all'occorrenza possa rendere la cappella uno spazio bianco. Non stiamo parlando di funerali di musulmani che hanno cimiteri a loro dedicati non a Pieve“
    Il cimitero di Pieve di Cento è comunale, la Cappella non essendo consacrata è l’equivalente di una sala, all’interno del cimitero, di proprietà del Comune stesso. Usata per tenere riti e commemorazioni funebri su richiesta, magari anche di soggetti che non si riconoscono nella religione cristiana (o nella religione in generale). Non è chiaro se il cimitero sia multi-confessionale o meno, ma non è importante, ci sono laici e atei che possono preferire una sala meno religiosa. E non sarebbe un caso unico, a Bologna, nel cimitero della Certosa, oltre alla Cappella cattolica, abbiamo la “Sala d’Attesa” Pantheon dove da qualche anno (se si eccettua la pausa per il consolidamento post terremoto) si tengo riti funebri, commemorazioni, ma anche spettacoli e concerti.(...) >> 
    Infatti non ricordo se ad leggo al tgcom24 il sindaco di Pieve di Cento, Sergio Maccagnani, sulla questione ha affermato: «In periodo di elezioni c’è chi cerca di strumentalizzare certe questioni, credo si possa risolvere tutto con una discussione civile».