Visualizzazione post con etichetta eroe ed anti eroe. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta eroe ed anti eroe. Mostra tutti i post

15/09/19

il primo texone scritto da una donna . intervista all'autrice Laura Zuccheri

L'immagine può contenere: Laura Zuccheri, con sorriso, occhiali_da_sole
dal suo profilo facebook 
Qualche  giorno  fa   ho letto a  casa  d'amici   collezionisti  di tex  l'utimo “Texone”,  cioè lo speciale annuale di grande formato dedicato a Tex, che nel corso degli anni ha raccolto disegnatori bonelliani e non, come Guido Buzzelli, Magnus, Jordi Bernet, Ivo Milazzo ed Enrique Breccia . Quest'anno   L’autore  dei disegni del Texone 2019 – intitolato “Doc!” – è  Laura Zuccheri, [    foto a sinistra  ] disegnatrice di Julia, nonché prima donna a illustrare un Texone . La sceneggiatura è stata invece realizzata da Mauro Boselli, curatore e principale sceneggiatore di Tex. 
Tex e Gabriella Contu (foto archivio Ansa)Un buon numero  , credo che  me  lo comprerò  dal sito del  Bonelli  . Infatti  quello che  mi ha  lasciato   più  a bocca  aperta è  che un genere   tipico   maschile  e che    il Tex  scritto   da  Gabriella Contu [  foto  a destra  presa  da  questo articolo del  https://www.quotidiano.net/magazine/  fosse  un caso isolato .
Ma  leggendo  questo  comunicato  stampa    riportato  da questo  articolo  di   https://www.lospaziobianco.it
tex_speciale_34_cover_Notizie
Classe 1971,  è la prima donna a illustrare una storia di . In occasione dei 70 anni del Ranger, ecco così al suo debutto un’altra novità dedicata al personaggio creato da Gianluigi Bonelli.
Ma chi è Laura Zuccheri, l’illustratrice che firma accanto a , curatore della serie, l’atteso Tex – Doc! in uscita il prossimo 20 giugno 2019? Per anni, Zuccheri è stata una colonna portante dell’universo di Julia, maestra d’espressività ed eleganza grafica tra i chiaroscuri di Garden City. Ma la sua vera passione sono proprio le praterie e i deserti della Frontiera americana: una passione che ha spinto la Casa editrice di via Buonarroti ad affidarle quella che si presenta come la prima storia di Tex mai realizzata da un’illustratrice. Del resto, Laura ha ampiamente mostrato quanto le sia consono l’universo realistico ed energico che per tradizione è l’essenza dell’Avventura western, per esempio collaborando al Ken Parker Magazine e realizzando anche una copertina per un Color Tex. Non poteva dunque esserci matita migliore per dar vita a questa nuova avventura dei Pards.
texone laura zuccheri bonelli
[... ] 
E  vedendo prima  della lettura     su  https://www.fumettologica.it/  oltre che  sul sito   prima  citato   alcune     tavole    mi ha  fatto scattare  la   voglia   curiosità   oltre  di  comprarlo per  unirlo  alla  mia  libreria  fumettistica , di  saperne    di  più ed  approfondire    alcuni dettagli  " texani "   e   non  solo  . Ed ecco    che  mi sono detto   perchè non chiedere   direttamente al'autrice ,visto  che ha molti contatti   in comune  ,  via  facebook  ( qui  il suo  account  )    (  sotto    rappresentata  in  due  versioni )  
Immagine correlata

Laura Zuccheri e Tex












1)  come  ci si sente   ad  aver realizzato  il tuo sogno    impregnato  di un forte legame   familiare  come  dichiarato  a  https://www.afnews.info/wordpress/2019/06/26/ ?
sono molto soddisfatta.E' come aver scalato l'Everest affrontando momenti difficili e faticosi.Ma ora devo mantenere quello che ho raggiunto e forse e' la sfida più' difficile

 2) visto che  lavori   anche con cose editrici estere    secondo te  è possibile secondo   te  crescere da un punto di vista professionale in Italia oppure è necessario andare all'estero ?

Secondo me lavorare all'estero accresce a livello professionale e umano nonche' allarga la mente

3)  Come si può sensibilizzare l’opinione pubblica per coinvolgere maggiormente le donne nel campo fumettistico e non solo  ?

Il problema femminile e' sociale. Finché' si faranno distinzioni tra ciò' che e' per le donne e ciò' che e' solo per gli uomini le ragazze avranno sempre timore ad imporsi in ambienti in cui le persone non sono mentalmente predisposti al cambiamento In più' gioca il fattore educativo
4)    cosa  ha  portato    in tex    delle  tue esperienze  in Julia  ed  in Ken Parker  ? 
il linguaggio cinematografico le riprese e le sequenze cinematografiche
5)  da   quello che  ho letto sei un  artista poliedrica  e   non ti piace  fossilizzarti   su un solo genere  ,   quindi mi viene  spontaneo  chiederti  ,   quale    ( se  c'è )  un' altro  personaggio   Bonelli   ti piacerebbe  disegnare  ?

amo solo Tex non mi vedo su nessun altro personaggio Bonelli
6)  in   Tex  ti concentri  di più  su personaggi maschili o femminili  ?
Nessuna descrizione della foto disponibile.
entrambi
7) “Tex” è notoriamente un fumetto difficile da approcciare per qualunque disegnatore. Inoltre, una donna come disegnatrice di “Tex” è certamente cosa insolita, visto  che    tu sei la prima in assoluto  , hai superato  le   difficoltà
«Affrontando Tex, ho dovuto rimettere in discussione tutti gli elementi tecnici che credevo di aver acquisito una volta per sempre. È una questione di sfumature molto sottili, non sempre razionalizzabili. Una sfida davvero dura, anche per i professionisti più navigati. Al principio, era come impugnare la matita con dei pesi da cento chili attaccati alle dita, ma poi mi sono persuasa che la soluzione stava già tutta nello spirito del personaggio: fare quello che credi sia giusto e non pensarci più!.»
 avute nell'affrontarne il disegno ed il suo mondo   ? 
Tex e' difficile mette a dura prova chiunque.Questo perche' ti forza a seguire delle regole ma nello stesso tempo di mette alla prova su quanto sei capace ad essere personale. Io ho passione per il western essere donna o uomo per me non fa differenza.La societa' incasella le persone tra il femminile e il maschile nel fare le cose o ad avere dei gusti .Ma questo e' anche un problema educativo. Io sono un'anarchica e quello che mi appassiona non e' ne maschile ne femminile


8) Dopo il “Texone”, ti rivedremo alle prese con il nostro ranger , se  si come  desumo  visto il clamoroso successo avuto  , ti limiterai solo al disegno  oppure    farai   come  alcuni autori Bonelli  anche soggetti e sceneggiatura   delle sue storie   ?

Adesso sono sulla serie regolare E sto lavorando ad una storia per l'edizione cartonata a colori

9 ) se  dovvessi  scrivere    qualcosa  per  Tex   lo faresti   di più  :  Kenparkiano  \ Blueberry di Jean-Michel Charlier e Jean Giraud    cioè anti eroe o semplicemente  eroe come  lo  è  già  d'altronde 

amo I personaggi di Sergio Leone...credo che potrebbe essere Clint Eastwood o Charles Bronson

Concludo  con un ringraziamento  alla gentilissima Laura   che ha  trovato  il tempo   di rispondere  al volo  alle mie domande  trovando  un buco fra i  suoi molteplici  impegni lavorativi e creativi . e  per  finire  la   colonna  sonora  ( alcune  ricordo  d'infanzia  ,  film e  cartoni  western , altre  quelle linkate suggerimento   da questo interessante  articolo https://www.farwest.it/?p=16553