Visualizzazione post con etichetta calcio tv. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta calcio tv. Mostra tutti i post

04/01/18

"Disfatta" Mondiale, sciopero alla Rai? Inutile di Marco Barone

  da 


Non è stato probabilmente l'argomento dell'anno 2017, ma certamente è stato tra i principali argomenti del 2017, la disfatta, la sventura dell'Italia e la sua non ammissione ai Mondiali 2018.



Il 2018 sarà l'anno del centenario della fine della prima guerra mondiale e della fantomatica vittoria italiana, Paese che ha aggredito l'ex alleato austriaco cagionando così oltre 600 mila morti ed oltre un milione di feriti,  sarà l'anno del centenario della Triestina Calcio o di 110 candeline dell'Inter, sarà l'anno in cui nell'Italia mai unita si porteranno a galla sentimenti sicuramente nazionalistici, che mai bene hanno fatto alla causa della sana e pacifica convivenza.

E si ha la netta sensazione che il Mondiale per qualcuno alla Rai altro non sia stato che questo, espressione di un calcio non nazionale ma nazionalistico e se l'Italia non vi partecipa, pur avendo giocato mica 50 partite nei Mondiali ma qualche partita, il resto, a quanto pare, non merita considerazione.

Un resto che vedrà nazionali come la Croazia, la Spagna, l'Argentina, il Brasile, la Germania, l'Inghilterra, il Belgio ecc, dare forse lezioni di calcio a tutto il mondo, lezioni di calcio che il servizio pubblico può risparmiarsi e dove ora vengono fuori delle lamentazioni che ti lasciano perplesso.


Oltre alla questione meramente nazionalistica vi è quella del business, un mondiale senza Italia, in Italia lo guardano in pochi. Potrebbe essere la verità, quella che non piace, quella che non vuoi sentirti dire, ma sta di fatto che i Mondiali in Italia verranno trasmessi ed andranno sulla Tv privata ma anche  pubblica, perchè dobbiamo smetterla con questa storia che la Tv privata è altra roba rispetto a quella "pubblica".  Salvo alcuni programmi "politici" il resto è praticamente oramai identico al pubblico.

Da tempo il servizio pubblico rincorre la Tv privata, a partire dai programmi, dalla pubblicità e da tanto altro.
Il canone Rai dovrebbe essere cancellato, non avrebbe più ragione di esistere. E la qualità del programmi sportivi in Mediaset non sono inferiori a quelli della Rai dove spesso ti tocca ascoltare dei commentatori alle partite che veramente ti verrebbe la voglia di chiudere l'audio o cambiare canale.


Dunque, nessun elogio infinito in casa Rai e lo sciopero arriva tardi. Non interessa a nessuno. Dovevano pensarci prima. Ci sarà il derby senza commentatori? Meglio così, si sentiranno gli effetti stadio ancor di più.


Il problema è che è l'intero servizio pubblico che va riformato. O diventa totalmente pubblico oppure lo si privatizza, stare con due piedi in una scarpa ha avuto come logica conseguenza quella di vedere i Mondiali di calcio su Mediaset e non alla Rai.