Visualizzazione post con etichetta a casa tua. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta a casa tua. Mostra tutti i post

12/11/17

razzismo e guerra tra i poveri sempre più difusa in italia ennessimno episodio razzista su un autobus a livorno


in sottofondo 

Casa del Vento - Festa protesta



Litigio sul bus: «La conducente non voleva farmi salire mi ha detto vai a casa tua»

Livorno, la mamma senegalese, che aveva con sé il passeggino, accusa la dipendente del Ctt. L’azienda: «Apriremo un’istruttoria interna, vogliamo ascoltare le due versioni»



LIVORNO. «La conducente mi ha detto che non potevo salire sul bus. Mi ha detto vai a casa tua». E ieri mattina sulla Lam blu che corre dal viale Italia verso via Grande sono arrivati anche i carabinieri. A denunciare l’episodio è Fatima Cissoko, 40 anni, originaria del Senegal, in Italia da dieci anni. È arrabbiata e dispiaciuta per quello che definisce un episodio di razzismo.
«Ho due bimbe di uno e cinque anni», racconta: «Dopo essere andata dalla pediatra, sono andata alla fermata del bus, sul viale Italia. La conducente quando sono arrivata davanti alla porta per entrare mi ha fatto un gesto con la mano e mi ha detto “te no”...». La donna aveva una bambina per mano e l’altra nel passeggino. Va detto che la salita sui bus con il passeggino è spesso motivo di botta e risposta anche accesi tra passeggeri e conducenti, come raccontano dalla stessa Ctt. Questo perché sui mezzi più vecchi, quelli a tre porte, non si può salire con il passeggino aperto, mentre su quelli più nuovi è possibile farlo purché sia libero il posto riservato alle carrozzine.
In questo caso, però, la storia sembra aver preso un’altra direzione. «Se il problema era il passeggino – riprende – poteva dirmi: “signora, lei così non può entrare”. Invece quando le ho chiesto perché non potevo salire e le ho detto che avrei chiuso il passeggino ha continuato a rispondermi: “Te no”. Anche una signora accanto a me le ha chiesto spiegazioni. Ma la conducente ha insistito: “Te no, fuori”. E alla fine mi ha detto: “Vai a casa tua”. Allora ho capito che è una razzista e abbiamo litigato. Tutti sul bus l’hanno criticata». «Una donna che mi ha difeso – racconta ancora – ha chiamato i carabinieri: sono arrivati, hanno preso i dati, mi hanno detto che posso fare denuncia. La farò perché sono rimasta male: la bambina è rimasta male, mi ha detto che non vuole più prendere il bus per come siamo state trattate, è stato brutto». Alla fine la famiglia è salita sul mezzo: «Ho detto io da qui non scendo, ho il biglietto».
L’episodio è avvenuto ieri intorno alle 11. Nel pomeriggio Il Tirreno ha contattato il Ctt per conoscere la versione della conducente e dell’azienda. «La dipendente ha chiamato la centrale dicendo che ha avuto un diverbio con alcuni utenti, per il momento sappiamo solo che c’è stato un intervento dei carabinieri», ha spiegato il responsabile della gestione, Bruno Bastogi. «Senz’altro – fa sapere – apriremo un’istruttoria interna per capire cosa è successo, vogliamo sentire le due versioni, sia la dipendente che la signora». Per «non fare processi sommari».Detto questo, «se viene confermato quanto detto dalla signora, le scuse sono dovute, fermo restando il rispetto delle regole. L’episodio descritto è grave, non per il passeggino ma per tutto il resto: certe frasi non sarebbero accettabili».

 Per  me    i  fatti    sono  piuù che  chiari non credo    che  la  gente    a  bordo  chiami   la  poolizia  o si schieri  a favore  della persona insultata    per  sport  .   Ora   Sarà  anche come dice n questo commento  all'articolo    del tirreno   di



2 ore fa
antonio dini
A nessuno è venuto il dubbio che la Signora Senegal sia un passeggero abituale e che siano anni che conosce i regolamenti dei bus? A nessuno è venuto il dubbio che la signora autista fossero anni che gli spiegava la solita cosa? Come sempre accade in Italia se la signora autista era una gran menefreghista passava bene,evitava una possibile denuncia ed evitava di fare la figura della razzista. Prima di commentare bisognerebbe provare a lavorare con questi soggetti,ormai abituati a fare tutto quello che gli pare e piace,ovviamente a spese nostre. Attenzione perché non avete più a che fare con i neretti ingenui di un ventina di anni fa....hanno trovato terreno fertile,ed ora capiscono quello che gli pare se gli fa comodo. Io non sono assolutamente razzista,ma il dubbio che siano stati abituati male mi sorge,e non vorrei che presto si trasformasse in certezza

Ma  come  dice     giustamente     il  commento di

2 ore fa
Roberta Cavalli
I fatti sono più che chiari, se parlo è perché sono informata... non si può negare a nessuno di salire su un mezzo pubblico a maggior ragione esordendo con la frase più squallida al mondo.... ma vai a casa tua a chi?? Dove sta la professionalità della conducente? Se fosse successo a qualche vostro familiare all'estero vi sareste tutti indignati vero??

  
  
 Meno male     chè  cìè  ancora    come  dimostra  ,   la   discussione   commento  all'articolo sopra  riportato   preso  da https://www.facebook.com/gelocalcronacaitaliana/    che i tiene   testa   alle pecore  salviniste   che  vedono   i nemici     nell'altro  


Saveria Segata Ci stanno invadendo e sono prepotenti , con il benestare del Governo

Rispondi
3
20 h
Gestire
Vittorio Dorigo Ci state invadendo voi maledetti razzisti!

Rispondi
2
17 h
Gestire
Saveria Segata Non sono assolutamente razzista, ma non devo giustificarmi con te Vittoriooooo, evidentemente tu non paghi tasse, che poi devolovono a ragazzi nullafacenti con benvestit con spartphone .... , non hai figli dissocupati , non sei in una roulotte, sei ricco ,qundi stattene zitto e modera il linguaggio .... non criticare come ho scritto non sono una scienza come te !!!!"!!!

Rispondi10 h
Gestire
Vittorio Dorigo Sei razzista perché ti fa più comodo prendertela con chi sta peggio di te invece di prendertela con chi ha cacciato te, loro e me in questa situazione. Si chiama finanza il tuo nemico, la stessa che né Berlusconi né Renzi né Salvini combattono. Così tu resterai povera come i migranti e loro si arricchiscono e diventano più forti nutrendosi dell'odio che ti fanno provare. Odia chi non ti dà un lavoro dignitoso, chi ti porta alla guerra dei poveri contro i poveri, dei Briatore che ti prendono per il culo, se proprio vuoi scagliarti contro chi ha reali responsabilità, non contro chi fatica più di te per mangiare tutti i giorni. Buona giornata 😉

Rispondi
2
8 h
Alberina Farina E oltre questo io se fossi un autista di Bus non farei nemmeno salire chi fa una puzza , che l'autista ferma al semaforo lascia aperte le porte dalla puzza che questo personaggio maleducato e puzzolente ,,,,,sono scesa fermate prima dalla puzza che c'era

Rispondi9 h
Gestire
Meriot Morda Non timbrano, puzzano, sputano, non hanno voglia di lavorare, sono prepotenti ecc. Bene sono diventata razzista. Dovrebbero rimandarli al loro paese.io la penso così

Rispondi
1
17 h
Gestire
Sandra Andrenacci Siete incommentabili ...se è per un passeggino si può aiutare a chiudere un passeggino

Rispondi
1
11 h
Gestire
Dalia Arrighini Ha detto bene...sugli autobus con i passeggini non dovrrbbero salire e invece siamo invasi...

Rispondi19 h
Gestire
Vittorio Dorigo Siete invasati non invasi. Fatevi curare

Rispondi
5
17 h
Aldo Cupane spero che licenzino in tronco questa autista imbecille

Rispondi
1
7 h
Gestire
Silvia Giannoni Siamo un paese di incivili

Archivio blog