28/02/09

Gigli Dorati


Minuscole scarpe di seta...minuscole, come i piedini che ospitavano, sette otto centimetri per essere considerati pregevoli, sette centimetri che avrebbero reso la donna degna di essere sposata.


 


Ho appena finito di leggere "Fiore di neve e il ventaglio segreto", questo romanzo mi ha fatto vivere nelle stanze delle donne, mi ha fatto ricamare e soffrire insieme a loro.


Guardavano il mondo attraverso gli intarsi delle finestre, lontane dal mondo e dagli eventi, obbedienti e sottomesse, senza la possibilita' di allontanarsi, l'unica cosa che le avrebbe rese degne di uno sguardo da parte della suocera o del marito sarebbe stata la fortuna di avere un figlio maschio.


I piedi venivano fasciati verso i due anni nelle famiglie altolocate, ed intorno ai sette in campagna, era la madre stessa che infliggeva questa sofferenza alla figlie, molte delle quali morivano prematuramente per la cancrena tra sofferenze atroci.


"Quando avevo sette anni, mia madre mi lavò i piedi, li cosparse di allume e mi tagliò le unghie. Poi mi piegò le dita contro la pianta del piede, legandomele con una fascia lunga tre metri e larga cinque centimetri, cominciando dal piede destro e passando poi al sinistro. Mi ordinò di camminare, ma quando ci provai, il dolore fu insopportabile. Quella notte mi sentii i piedi in fiamme e non riuscii a dormire; mia madre mi picchiò perché piangevo. Nei giorni seguenti cercai di nascondermi, ma fui costretta a comminare sui miei piedi. Dopo alcuni mesi, tutte le dita, tranne l'alluce, erano schiacciate contro la superficie interna. Mia madre mi tolse le bende e lavò il sangue e il pus che mi colavano dai piedi.

Mi disse che solo rimuovendo a poco a poco la carne i miei piedi sarebbero diventati snelli. Ogni due settimane mi mettevo delle scarpe nuove: ogni nuovo paio era di qualche millimetro più piccolo del precedente. D'estate i piedi puzzavano tremendamente di pus e di sangue, d'inverno erano gelidi per la mancanza di circolazione. Le quattro dita arricciate all'indietro sembravano bruchi morti. Ci vollero tre anni perché potessi calzare le scarpe di otto centimetri, le mie caviglie erano sottili, i piedi erano diventati brutti e ricurvi."



Con la crescita, l'arco plantare si rompeva e si fratturavano anche tutte le falangi delle dita ripiegate, tutto il peso del corpo gravava sul tallone, per camminare le donne, con i gigli dorati, dovevano appoggiarsi ad un bastone, o sorreggersi ai muri, e' chiaro che non potevano andare da nessuna parte la loro vita era legata alla casa e al marito, si muovevano solo con le portantine.


Pare che la fasciatura dei piedi sia nata intorno al 900 d.c, per la civetteria di una concubina imperiale che si fasciava i piedi mentre danzava  per il suo imperatore, il Confucianesimo si approprio di questo vezzo, per costringere le donne entro le mura domestiche, questo sistema era peggiore di tanti altri, (infibulazione, cintura di castita'), perche' comportava un controllo totale della persona.


La fasciatura dei piedi era il requisito fondamentale di una moglie, garantiva al marito la certezza di avere una moglie sottomessa e remissiva, piu' piccoli erano i loti dorati, piu' il carattere della fanciulla era stato domato, dovevano essere solo dei gingilli nelle mani degli uomini.


Al primo incontro prematrimoniale, i suoceri usavano sollevare la gonna della promessa sposa, per esaminarne  piedi,  da quell'unico gesto erano in grado di capire se la ragazza fosse degna o meno di essere data in sposa al figlio maschio, unica vera ricchezza della famiglia.


La fasciatura dei piedi venne proibita nel 1920, ma e' comunque durata nelle campagne fino all'avvento della RPC nel 1949.


Il giglio dorato aveva anche una fortissima valenza erotica, gli uomini bramavano per toccarlo, l'odore che emanava era migliore di qualsiasi erba afrodisiaca, erano "oggetti" che servivano a dare piacere, per le stesse donne, l'unica persona che potesse toccarle i piedi era il marito.  




Senza titolo 1312

  VE LA RICORDATE LA COMMEDIA TEATRALE NON TI PAGO ?  :-)


Image Hosted by ImageShack.usImage Hosted by ImageShack.us

INDIVISIBILI




INDIVISIBILI

 

Portami via con te

ovunque andrai.

Poco importa se raccolti

in una folata di vento

o nel desiderio di una mano.

E poi cantami nelle odi di un futuro

tracciandomi nella storia dei tuoi passi.

Insieme cercheremo

il coraggio e la trasparenza

al fine di evaporar la gelosia,

vestiti di bianco e porpora.

Saremo sognati e sognatori

di cieli e terre

quali ultimo approdo.

Nostro sia l’eterno,

nell’abbraccio che tiene,

nella forza che sostiene,

tra le parole che danno voce

nel tuo respiro che da pace.

Portami via con te

ovunque andrai.

Preparati

ho fasci di giorni

e sorrisi lucenti

come granelli di zucchero.

Ho danze

e l’accoglienza

di chi è qui solo per te.

In dono porto la mia vita

e la speranza di chi non ha

più nulla da perdere.

Insieme saremo il tutto.

Incorporei al dolore

e fugaci al male.

Uniti e indivisibili

ad ogni stagione

che verrà.

Buon Marzo compagni di viaggio!

Vi lascio una poesia, come augurio di un sereno mese e di raggi di luce a oltranza!


 


 


 

 

Metastasi d’autonomia

 

 


                                Proiettami delicatamente e dinamicamente smussami

nell’immaginario dell’innamoramento

sento spandermi la schiena solo sotto il tuo occhio

sono morta ieri e oggi come tu vuoi, in te.

 

Difenditi dalla mia incostanza e fendimi con la gloria

reputata vergine salvifica del nostro vagare,

vedi questo nostro incrocio e vortice

tanagliarci furentemente e osservalo

da lontano con la distanza del bello.

 

 

 

 Sabatina

Senza titolo 1311




Dal Corriere della Sera - IL CARDINALE BARRAGAN - Se Beppino Englaro ha ucciso la figlia Eluana, «è un assassino» perché «ha violato il quinto comandamento che dice di non uccidere»: è chiaro il cardinale Javier Lozano Barragan, ministro Vaticano della Salute, commentando l’accusa rivolta a Beppino Englaro di aver ammazzato la figlia. «Abbiamo un comandamento, il quinto, che dice di non uccidere - ha spiegato Barragan a margine del convegno su "Malattie rare e disabilità" promosso dall’Associazione Giuseppe Dossetti - chi uccide un innocente commette un omicidio e questo è chiaro. Se Beppino Englaro ha ammazzato la figlia allora è un omicida, se non l’ha ammazzata allora non è un omicida. Questo mi sembra totalmente chiaro».
HO SPEDITO IN EMAIL ALLA DIOCESI DI QUESTO CARDINALE QUANTO SEGUE:

Carissimo Cardinale Barragan,
lei accusa il signor Englaro di aver violato il V comandamento che dice "non uccidere"... un'accusa velata dal dubbio perché usa l'ipotetico "se" (se ha ucciso è un assassino). Vorrei solo farla riflettere sul fatto che le associazioni cattoliche provita, e lo stesso vaticano, non hanno mai alzato i toni su chi uccide ogni giorno per motivi politici e di logiche-militari: ad esempio, nessun pontefice e nessun cardinale ha mai detto esplicitamente al presidente Bush che è un ASSASSINO... invece lo si dice con disinvoltura ad Englaro. Inoltre, il "se" ipotetico possiamo totalmente toglierlo nei confronti della Chiesa Cattolica che ha spesso e volentieri violato il Quinto Comandamento, uccidendo milioni di individui nel tempo delle crociate fatte in nome del vostro Dio, nel tempo delle inquisizioni, e nel tempo in cui la Chiesa Cattolica si imponeva nell'Europa Pagana, Ellenica e Romana. Sicuramente la Chiesa ha violato il V comandamento reiterando il "reato" su milioni di individui dall'anno 0 fino, possiamo dire, all'illuminismo  !   Lancio questo messaggio provocatorio, ma storicamente reale, giusto per sottolineare un'ipocrisia e una mancanza di umanità in certe complesse e ambigue mentalità culturali, se di cultura si può parlare, allegandole una cronologia delle persecuzioni cattoliche-cristiane nel periodo storico della cattolicizzazione nell'Età pagana, risparmiandole le cronologie delle crociate medievali e delle sante inquisizioni.
Questa cronologia racconta le principali persecuzioni contro gli ellenici gentili (pagani) causate dai cristiani. È tratta dal libro di Vlasis Rasias, “La demolizione dei templi”, pubblicato in Atene da Diipetes Editiones nel 1994 e divulgata liberamente sul sito della Congregazione degli Ellenici in varie lingue. La cronologia è stata estratta in lingua spagnola e poi da me tradotta. (Tratta da - Il neopaganesimo il risveglio degli dèi, Aradia Edizioni di Francesco Faraoni )

Anno 314 - Immediatamente dopo la sua piena legalizzazione, la chiesa cristiana attacca i pagani: il concilio di Ancirra denuncia il culto della Dea Artemide.

Anno 324 - L'imperatore Costantino dichiara il cristianesimo come l'unica religione ufficiale dell'impero romano. In Didima, in Asia minore, viene saccheggiato l'oracolo del Dio Apollo e i sacerdoti pagani vengono torturati sino alla morte. I pagani vengono allontanati dal Monte Athos e sono distrutti tutti i templi greci del luogo.

Anno 326 - L'imperatore Costantino, seguendo le istruzioni di sua madre Elena, distrugge il tempio del Dio Asclepio in Aigeai, in Cilicia e molti templi della Dea Afrodite in Gerusalemme, Afaka, Mambre, Feniciea, Baalbek, ecc.

Anno 330 - L'imperatore Costantino ruba i tesori e le statue dei templi pagani della Grecia per decorare la Nuova Roma, Costantinopoli, la nuova capitale dell'impero.

Anno 335 - L'imperatore Costantino saccheggia molti templi Pagani dell’Asia Minore e della Palestina e ordina l'esecuzione per crocifissione di "tutti i maghi e indovini". Viene martirizzato il filosofo neoplatonico Sopatrus.

Anno 341 - L'imperatore Flavio Giulio Costanzo perseguita "tutti gli indovini e gli ellenici”. Molti pagani greci sono imprigionati o giustiziati.

Anno 346 - Nuove persecuzioni su larga scala contro i pagani di Costantinopoli. Viene bandito il famoso oratore Libanius, accusato di essere un “mago”.

Anno 353 - Un decreto di Costanzo ordina la pena di morte per tutti coloro che pratichino sacrifici e idolatria.

Anno 354 - Un nuovo decreto ordina la chiusura di tutti i templi pagani. Alcuni di questi sono profanati e trasformati in bordelli o sale da gioco. Sono giustiziati molti sacerdoti pagani.

Anno 354 - Un nuovo editto di Costantino ordina la distruzione dei templi pagani e l'esecuzione di tutti gli idolatri. Primi roghi di biblioteche in varie città dell'impero. Le prime fabbriche di cemento vengono costruite vicino ai templi pagani chiusi. La gran parte delle sacre architetture dei pagani vengono ridotte a calcinacci.

Anno 357 - Costantino proibisce tutti i metodi di divinazione, compresa l'astrologia.

Anno 359 - In Skytopolis, Siria, i cristiani organizzano il primo campo di concentramento per la tortura e l’esecuzione dei pagani arrestati in qualsiasi parte dell’Impero.

Anno 361 fino al 363 - La tolleranza religiosa e la restaurazione dei culti pagani sono nuovamente dichiarate a Costantinopoli, il 1° dicembre 361, dall'imperatore Flavio Claudio Giuliano.

Anno 363 - Assassinio dell'imperatore Giuliano (26 giugno).

Anno 364 - L'imperatore Flavio ordina di bruciare la biblioteca di Antiochia.

Anno 364 - Un editto imperiale, dell’11 settembre, ordina la pena di morte per tutti i pagani che praticano il culto antico degli Dei ancestrali o praticano la divinazione ("sileat omnibus perpetuo divinandi curiositas"). Tre decreti differenti (4 febbraio, 9 settembre, 23 dicembre) ordinano la confisca di tutte le proprietà dei templi pagani, punendo con la pena di morte tutti coloro che praticano rituali pagani, inclusi quelli fatti privatamente.

Anno 365 - Un decreto imperiale, del 17 novembre, proibisce ai funzionari pagani di comandare i soldati cristiani.

Anno 370 - L'imperatore Valente ordina una tremenda persecuzione contro i pagani in tutta la parte orientale dell’Impero. Ad Antiochia si giustizia, in mezzo a molti altri pagani, l’ex governatore Fidustius e i sacerdoti Hilarius e Patricius. Si bruciano numerosi libri nelle piazze delle città dell'Impero dell’est. Si perseguitano tutti gli amici di Giuliano (Orebasius, Sallustius, Pegasius, ecc.). Viene bruciato vivo il filosofo Simonides e decapitato il filosofo Maximus.

Anno 372 - L'imperatore Valente ordina al governatore dell'Asia Minore di sterminare tutti gli ellenici e tutti i documenti relativi al loro sapere.

Anno 373 - Nuova proibizione di tutti i metodi di divinazione. Il termine "pagano" è introdotto dai cristiani per disprezzare i gentili.

Anno 375 - Si chiude il tempio del Dio Asclepio nell’Epidauro, in Grecia.

Anno 380 - Il 27 febbraio, un editto dell’imperatore Flavio Teodosio converte il cristianesimo in religione esclusiva dell’Impero Romano, proclamando: “tutte le nazioni che sono soggette alla nostra clemenza e moderazione devono continuare a praticare la religione che fu introdotta ai romani dal divino apostolo Pietro”. I non cristiani sono definiti "ripugnanti, eretici, stupidi e ciechi”. In un altro decreto Teodosio chiama "insani" tutti quelli che non credono nel Dio cristiano e proibisce discrepanze nei confronti dei dogmi della chiesa. Ambrosio, vescovo di Milano, comincia a distruggere tutti i templi della sua zona. I preti cristiani istigano e spingono il popolo a ribellarsi contro il tempio della Dea Demetra, in Eleusi e tentano di linciare i sacerdoti pagani Nestorius e Priskus. Il sacerdote pagano Nestorius mette fine ai Misteri Eleusini e annuncia la predominanza dell’oscurità mentale sopra la razza umana.

Anno 381 - Il 2 maggio, Teodosio priva di tutti i loro diritti i cristiani che tornano a praticare la religione pagana. In tutta la parte orientale dell’Impero si saccheggiano o si bruciano i templi e le biblioteche pagane. Il 21 dicembre, Teodosio proibisce anche la semplice visita ai templi ellenici. A Costantinopoli il tempio della Dea Afrodite diventa un bordello, mentre il tempio di Helios e Artemide una stalla.

Anno 382 - "Hellelu-jah", Gloria a Yawe, si impone nelle messe cristiane.

Anno 384 - L'imperatore Teodosio ordina al prefetto pretoriano Maternus Cynegius, un devoto cristiano, di cooperare con i vescovi locali e distruggere i templi dei pagani nel nord della Grecia e in Asia Minore.

Anno 385 fino al 388 - Maternus Cynegius, animato dalla sua fanatica sposa e dal vescovo (Santo) Marcellus, percorre con le sue bande tutto il paese, sequestrando e distruggendo cento templi ellenici, santuari e altari. Tra questi fu distrutto il tempio di Odessa, il Cabeireion di Imbros, il tempio di ZEUS ad Apamea, il tempio di Apollo a Dydima e tutti i templi di Palmyra. Migliaia di innocenti pagani in tutto l’Impero vengono martirizzati nel terrificante e orribile campo di concentramento di Skythopolis.

Anno 386 - L'imperatore Teodosio proibisce, il 16 giugno, il restauro dei templi pagani saccheggiati.

Anno 388 - Per volontà di Teodosio si proibiscono i dibattiti pubblici sui temi religiosi. Il vecchio oratore Libanius spedisce una famosa Epistola "Pro Templis" a Teodosio, con la speranza che quei pochi templi ellenici rimasti vengano rispettati e risparmiati.

Anno 389 fino al 390 - Si proibiscono tutte le feste che non rientrano nei calendari cristiani. Orde di eremiti fanatici, provenienti dal deserto, invadono le città del Medio Oriente e dell'Egitto distruggendo statue, altari, biblioteche, templi e linciando i pagani. Teofilo, patriarca di Alessandria, da inizio ad una dura persecuzione contro i pagani, converte il tempio di Dionisio in una chiesa cristiana, brucia il Mithraeum della città, distrugge il tempio di Zeus e schernisce i sacerdoti pagani prima di farli lapidare, mentre la popolazione cristiana profana le immagini di culto.

Anno 391 - Il 24 febbraio, un nuovo decreto di Teodosio non solo proibì la visita ai templi pagani, ma impose anche di guardare le statue deturpate. Nuove e terribili persecuzioni per tutto l’Impero. In Alessandria i pagani, liberati dal filosofo Olympius, organizzano una rivolta e dopo alcuni scontri si rinchiudono nel tempio fortificato del Dio Seraphide (il Serapeion). Dopo un violento assedio, i cristiani prendono l'edificio, lo distruggono, bruciano la sua famosa biblioteca e profanano le immagini di culto.

Anno 392 - L'8 novembre, l'imperatore Teodosio proibisce tutti i rituali non cristiani e li chiama "superstizioni dei Gentili" (gentilicia superstitio). Nuova persecuzione su grande scala contro i pagani. I Misteri di Samotracia sono proibiti e vengono assassinati i sacerdoti pagani. A Cipro il vescovo locale (San) Epifanio e (San) Tychon distruggono quasi tutti i templi dell'isola e sterminano migliaia di pagani. I misteri locali della Dea Afrodite vengono censurati. Nell’editto di Teodosio si dichiara: "quelli che non ubbidiranno al padre Epifanio non avranno diritto di vivere in quest'isola". I pagani si rivoltano contro l'imperatore e la Chiesa a Petra, Aeropolis, Rafia, Gaza, Baalbek e altre città del Medio Oriente.

Anno 393 - Si proibiscono i Giochi di Pythian, i Giochi di Aktia e i Giochi Olimpici considerati come parte dell'idolatria ellenica. I cristiani saccheggiano i templi di Olympia.

Anno 395 - Due nuovi decreti, del 22 luglio e del 7 Agosto, causano nuove persecuzioni contro i pagani. Rufinus, l'eunuco Primo ministro dell'imperatore Flavius Arcadius, dirige le sue orde di battezzati goti, guidati da Alarico, in Grecia. Animati dai monaci cristiani, i barbari saccheggiano e bruciano molte città (Dion, Delphi, Megara, Corinto, Pheneos, Argos, Nemea, Lycosoura, Sparta, Messene, Phigaleia, Olympia, ecc), massacrano o schiavizzano innumerevoli pagani ellenici e diroccano tutti i Templi. Bruciano il Santuario di Eleusi e bruciano vivi tutti i sacerdoti pagani, incluso il sacerdote Mithras Hilarius.

Anno 396 - Il 7 dicembre, un nuovo decreto dell'imperatore Arcadius ordina che il paganesimo sia trattato come atto di alto tradimento. Vengono incarcerati i pochi sacerdoti pagani rimasti.

Anno 397 - "Demoliteli!". L'imperatore Flavio Arcadius ordina la demolizione di tutti i templi pagani rimasti ancora in piedi.

Anno 398 - Il Quarto Concilio Ecclesiastico di Cartagine proibisce a tutti, inclusi i vescovi cristiani, lo studio dei libri pagani. Porfirius, vescovo di Gaza, demolisce quasi tutti i templi pagani della città, eccetto nove di loro che rimangono attivi.

Anno 399 - Con un nuovo editto, del 13 giugno, l'imperatore Flavio Arcadius ordina la distruzione immediata di tutti i templi pagani principalmente nelle zone rurali.

Anno 400 - Il vescono Nicetas distrugge l'oracolo del Dio Dionisio a Vesai e battezza tutti i pagani di quell'area.

Anno 401 - A Cartagine la popolazione cristiana lincia i pagani e distrugge templi e idoli. Anche a Gaza il vescovo locale, (Santo) Porfirio, ordina ai suoi seguaci il linciaggio dei pagani e la demolizione dei nove templi rimasti attivi in città. Il quindicesimo Concilio di Calcedonia ordina la scomunica dei cristiani che mantengono buone relazioni con i loro parenti pagani.

Anno 405 - Giovanni Crisostomo invia le sue orde di monaci vestiti di grigio e armati con mazze e bastoni di ferro a distruggere gli idoli di tutte le città della Palestina.

Anno 406 - Giovanni Crisostomo raccoglie fondi con l’aiuto delle ricche mogli cristiane per finanziare la distruzione dei templi ellenici. Ad Efeso si ordina la distruzione del famoso tempio della Dea Artemide. A Salamis, a Cipro, il “Santo” Ephiphanius e Eutychius continuano la persecuzione dei pagani e la distruzione dei loro templi e santuari.

Anno 407 - Un nuovo decreto proibisce una volta per tutte gli atti di qualsiasi culto non cristiano.

Anno 408 - L'imperatore dell'Impero occidentale Onorius e l'imperatore dell'impero d'oriente Arcadius, ordinano che tutte le sculture dei templi pagani siano distrutte o confiscate, proibendo anche il possesso privato di qualsiasi scultura pagana. I vescovi locali dirigono nuove e dure persecuzioni contro i pagani e si ardono al rogo i loro libri. Si perseguitano anche i giudici che mostrano pietà per i pagani. (San) Augustine massacra centinaia di protestanti pagani a Calama, in Algeria.

Anno 409 - Ancora una volta un decreto ordina che si castighi con la pena di morte chi pratica l’astrologia e ogni altro metodo divinatorio.

Anno 415 - Ad Alessandria la popolazione cristiana, animata dal vescovo Cirillo, a pochi giorni dalla pasqua giudaico-cristiana, attacca e martirizza, tagliandone il corpo a pezzi, la famosa e bella Filosofa Hypatia (Ipazia di Alessandria). I pezzi del suo corpo, portati per le vie di Alessandria dai cristiani della città, vengono bruciati insieme ai suoi libri nella piazza chiamata Cynaron. Il 30 agosto cominciano nuove persecuzioni contro tutti i sacerdoti pagani del nord Africa, che finiscono crocifissi o bruciati vivi.

Anno 416 - L'Inquisitore Hypatius, chiamato “La spada di Dio”, stermina gli ultimi pagani di Bithynia. A Costantinopoli, il 7 dicembre, vengono dimessi tutti gli ufficiali dell'esercito, gli impiegati pubblici e i giudici non cristiani.

Anno 423 - L'imperatore Teodosio II dichiara, l’8 giugno, che la religione dei pagani non è altro che “il culto del demonio” e ordina che tutti coloro che insistono nel seguirla e nel praticarla vengano castigati con il carcere e la tortura.

Anno 429 - Viene saccheggiato il tempio della Dea Atene (Parthenon) sull'omonima Acropoli. Si perseguitano i pagani ateniensi.

Anno 435 - Il 14 novembre un nuovo editto dell'imperatore Teodosio II ordina la pena di morte per gli "eretici" e i pagani dell'Impero. Si proclama che l’unica religione legale è il cristianesimo.

Anno 438 - L'imperatore Teodosio II emette un nuovo decreto, il 31 gennaio, contro i pagani, considerando la loro “idolatria” causa della recente peste.

Anno 440 fino al 450 - I cristiani demoliscono tutti i monumenti, gli altari e i templi di Atene, Olympia e altre città greche.

Anno 448 - Teodosio II ordina che si brucino tutti i libri non cristiani.

Anno 450 - Vengono demoliti tutti i templi di Afrodite, città della Dea Afrodite, e si bruciano tutte le librerie della città che è rinominata Stavroupolis (Città della Croce).

Anno 451 - Un nuovo decreto dell'imperatore Teodosio II, del 4 novembre, riafferma che l’idolatria deve essere castigata con la morte.

Anno 457 fino al 491 - Persecuzioni sporadiche contro i pagani nella parte orientale dell’Impero. Tra i giustiziati ci sono il medico Jacobus e il filosofo Gessius. Vengono torturati e incarcerati Severianus, Herestios, Zosimus, Isidorus e altri. Il predicatore cristiano Conon e i suai seguaci sterminano gli ultimi pagani dell'isola Imbros, nel nord est del Mar Egeo. Sono giustiziati a Cipro gli ultimi adoratori di Zeus Lavranius.

Anno 482 fino al 488 - Vengono sterminati la maggior parte dei pagani dell’Asia minore, a causa di una disperata rivolta contro l’Imperatore e la Chiesa.

Anno 486 - Molti sacerdoti pagani che erano rimasti in clandestinità vengono scoperti, arrestati, scherniti, torturati e giustiziati ad Alessandria.

Anno 515 - Il battesimo diventa obbligatorio anche per quelli che si dichiarano già cristiani. L'imperatore di Costantinopoli, Anastasius, ordina il massacro dei pagani nella città araba di Zoara e la demolizione del tempio locale del Dio Theandrites.

Anno 528 - L'imperatore Jutprada (Giustiniano) proibisce i giochi olimpici sostituiti da quelli di Antiochia. Ordina l'esecuzione - tramite il rogo, la crocifissione o lo smembramento mediante artigli di ferro - di tutti coloro che praticano "la stregoneria, la divinazione, la magia o l’idolatria" e proibisce tutti gli insegnamenti dei pagani affermando: “…è una sofferenza davanti alle insane bestemmie degli ellenici".

Anno 529 - L'imperatore Giustiniano chiude l'Accademia di Filosofia di Atene, dove aveva insegnato Platone, e confisca le sue proprietà.

Anno 532 - L'inquisitore Ioannis Asiacus, un monaco fanatico, dirige una crociata contro i pagani dell'Asia minore.

Anno 542 - L'imperatore Giustiniano permette all'inquisitore Ioannis Asiacus di convertire i pagani di Phrygia, Caria e Lydia, nell'Asia Minore. In 35 anni, 99 chiese e 12 monasteri furono edificati sopra i resti dei templi pagani distrutti.

Anno 546 - Centinaia di pagani sono condannati a morte a Costantinopoli dall'inquisitore Ionnis Asiacus.

Anno 556 - L'imperatore Giustiniano ordina al terribile inquisitore Amantius di andare ad Antiochia per arrestare, trovare e sterminare gli ultimi pagani della città e distruggere tutte le biblioteche private.

Anno 562 - Arresti di massa, torture ed esecuzioni dei pagani ellenici ad Atene, Antiochia, Palmira e Costantinopoli.

Anno 578 fino al 582 - I cristiani torturano e crocifiggono i pagani ellenici in tutta la parte orientale dell’Impero e sterminano gli ultimi pagani di Heliopolis (Baalbek).

Anno 580 - Gli inquisitori cristiani attaccano un tempio segreto di Zeus ad Antiochia. Il Sacerdote del tempio si suicida e vengono arrestati il resto dei pagani presenti. Tutti i prigionieri, incluso il vice governatore Anatolius, sono torturati e mandati a Costantinopoli per comparire in giudizio. Là vengono condannati a morte e dati in pasto ai leoni, tuttavia nel vedere che i feroci animali non erano intenzionati ad attaccare i condannati, vennero poi crocifissi. I cadaveri furono trascinati per le strade e lasciati poi senza alcun tipo di sepoltura tra le immondizie.

Anno 583 - Nuova persecuzione contro i pagani ellenici da parte dell'Imperatore Mauricius.

Anno 590 - In tutta la zona orientale dell’Impero gli “accusatori cristiani” scoprono cospirazioni pagane. Nuove tormentate torture ed esecuzioni.

Anno 692 - Il Concilio di Costantinopoli proibisce le restanti celebrazioni pagane/dionisiache come le Calende, Brumalia, Anthesteria, etc.

Anno 804 - I pagani ellenici di Mesa Mani (Cape Tainaron, Lakonia, Grecia) resistono con successo al tentativo di Tarasius, patriarca di Costantinopoli, di convertirli al cristianesimo.

Anno 850 fino all’860 - Conversione violenta degli ultimi pagani ellenici di Mesa Mani da parte dell’armeno (San) Nikon.

Francesco Faraoni

Senza titolo 1310

  VI PIACEVA IL GRUPPO MUSICALE DEI WANG CHUNG ?  :-)


Image Hosted by ImageShack.usImage Hosted by ImageShack.us
 

Senza titolo 1309

vvvvv

27/02/09

Mostra Fotografica "Sardegna, un altro pianeta" a Milano

Ciao a tutti.

Chiunque dovesse trovarsi a Milano il 28 febbraio e 1 marzo e, sardo o no, dovesse amare particolarmente quella magnifica terra che è la Sardegna, potrebbe essere interessato a visitare la mostra fotogafica "Sardegna, un altro pianeta".

Verranno esposte quarantacinque fotografie del maestro Franco Fontana e di due giovani fotografi, Paolo Bianchi e Sveva Taverna.

Franco Fontana mostra il paesaggio sardo con i suoi colori e la sua forza primitiva. Paolo Bianchi le donne e le maschere, simbolo di una terra arcaica in perenne conflitto con la modernità, mentre Sveva Taverna si concentra su volti e persone, i loro legami e i loro rituali.

La mostra si terrà presso la Società Umanitaria, in via San Barnaba 48 a Milano il 28 febbraio e il 1 marzo. L'orario è dalle 10 alle 18 e l'ingresso è libero.

Una piccola anteprima la si può avere qua.

Senza titolo 1308

  VI PIACEVA LA FIAT 1400 ?  :-)


Image Hosted by ImageShack.usImage Hosted by ImageShack.us
 

Testamento biologico: necessario un confronto libero da pregiudizi

Ha proprio   ragione   camilleri  (  e qui la  riporto per  non  farvi nandare  a roitroso nel blog  )  : << Il Vaticano ha partecipato alla stesura della legge per interposta persona. Dico il Vaticano e non la Chiesa perché l’atteggiamento di molti suoi componenti è assai diverso. Ma Berlusconi si inchina al volere del Vaticano. Andrea Camilleri sul testamento biologico, 21 febbraio >> .Infatti  i più beceri  , ipocriti  filo vaticanisti  fra i nostri politicanti   hanno rifiutato  una   sospensione  \ moratoria  del  decreto  incivile   per  poterlo   a  dopo le  europee   pur  di  fare  il   con il loro  paraculismo, doppiopesismo
contento  il  serbatoio di voti   che  è il varicano  . C H a proprio ragione altan  in questa  vignetta pubblicata  su  repubblica  d'oggi  27\2\2009
in cui ( la trascrivo perchè il  sito da cui  ho copiato la prima pagina di repubblica  e  poi estrapolato la vignetta  con kpdf   è poco leggibile  ) 

--- La  laicità dello stato ? 
----  virtuale . cosi'  non si lede il diritto a scorazzare  del  del vaticano 


oncordo  , coem da  titolo   con  questo   intervento \ commento del  presidente Comitato bioetico di Sassaripubblicato sula nuova sardegna  del 26\2\2009  e che  qui riporto per intero perchè  ledizione online  è a pagamento 
 




Fa discutere anche da noi il caso della vedova britannica che chiede di essere fecondata con i gameti del marito in coma irreversibile

Non si è ancora spento il dibattito sul caso di Eluana Englaro ed ecco irrompere sulla scena un nuovo problema: è lecito per una donna poter generare un figlio utilizzando i gameti del marito in coma? Certo è stimolante affrontare i tanti aspetti etici e giuridici che una simile richiesta pone. Purtroppo non è facile sgombrare il campo da posizioni ideologiche che rischiano di permettere, ancora una volta, la strumentalizzazione del caso, impedendone di fatto la comprensione delle dimensioni morali e sociali. Forse alla fine importerà a pochi capire se possa essere considerato un bene per la eventuale madre o per il nascituro un simile utilizzo delle tecniche di fecondazione artificiale, ma molti non resisteranno alla tentazione di usare il caso per dimostrare una qualche tesi. Coloro che si battono per il riconoscimento delle volontà pregresse tenteranno di argomentare intorno alla validità di eventuali desideri espressi quando l’interessato era capace di intendere e di volere e dei quali si proverà a tener conto nel tentativo di superare la mancanza del consenso previsto dall’articolo 6 della Legge 40/2004. Sarà possibile in questo modo tener vivo o persino riaccendere il dibattito sui testamenti di vita. Altri non rinunceranno ad attaccare la stessa Legge 40 evidenziandone le rigidità che impedirebbero in simili casi l’uso delle tecniche di fecondazione assistita per la mancanza di una serie di requisiti (diagnosi di sterilità o infertilità, consenso informato di entrambi i genitori o l’esistenza in vita dello stesso donatore nel caso in cui la sua morte sopraggiungesse prima della fecondazione e dell’impianto).
Non ci sarebbe poi nulla di strano se qualcuno approfittasse del caso per sollevare ancora una volta la questione della rilevanza pubblica o privata di un simile intervento e se quindi sia ammissibile o meno una regolamentazione per legge da parte dello Stato. Ma di fronte ad un dibattito sempre più acceso sui temi della bioetica credo sia necessario notare che le questioni che suscitano maggiore attenzione da parte dell’opinione pubblica riguardano problemi che potremo genericamente definire di frontiera, mentre i problemi etici della vita di tutti i giorni, che riguardano la maggior parte delle persone, stentano ad affacciarsi ad una ribalta troppo affollata. Giovanni Berlinguer, nell’introduzione al suo saggio “Bioetica Quotidiana”, pur riconoscendo come una forzatura una netta distinzione fra bioetica quotidiana e di frontiera, rilevava che spesso “idee e valori che permeano quotidianamente la ragione e i comportamenti di ogni essere umano” non riscuotono la stessa attenzione riservata di solito alla cosiddetta bioetica di frontiera. Senza negare l’importanza delle discussioni sui casi estremi ma che riguardano poche persone, non possiamo ignorare che esistono grandi questioni etiche connesse alla dignità dell’uomo e al valore della sua vita e che interessano direttamente gran parte dell’umanità. Ci ricorda il cardinale Martini nel suo ultimo saggio “Conversazioni notturne a Gerusalemme” che “non dobbiamo abituarci ai peccati globali, che sono per noi una sfida: la piaga dell’Aids, le catastrofi ambientali e la fame, la povertà, le guerre e la miseria dei profughi, i bambini che non hanno accesso a medicine e istruzione, le donne maltrattate”.
Sarebbe un grave errore pensare di poter tacitare le coscienze sbandierando la difesa di valori morali applicabili a casi sporadici, e contemporaneamente nascondendo la testa sotto la sabbia di fronte alle grandi ingiustizie che quotidianamente fanno strage della dignità e della stessa vita dell’uomo. Invocare poi il rispetto dell’embrione umano (della cui necessità di tutela sono profondamente convinto), e non ricordare quasi mai che la vita di tante persone è costantemente minacciata da comportamenti e scelte che meriterebbero una seria valutazione sul piano morale, non mi pare espressione di coerenza. C’è da sperare che nessuno voglia relativizzare il valore della vita umana.

क-एरा उन वोलता ला लैसित' देल्लो स्ततो

Ma i capi esteri continuano a parflare a berlusconi dopo l'ultima figuiraccia ? maschilista con la francia ?

 ma  è  malato   ( con rispetto , avendolo vissuto con mia nonna paterna  in prima persona  e so  cosa  vuole dire  soffrire  di tale malattia  , verso chi lo  ha  o  un familiare  che ne soiffre  )  di   l'alzaimer  o    ha    ancora  in se vecchia professione di  cabrettista   oppuie  ( e le  sue battute maschiliste  e volgari  , oltre  che rapporti  veri o presunti e extra coniugali   , sembrererro testimoniareo )  un erotomane  incallito  cpome  G.Cloney in  Burn affeter reading  (  a prova di spia ) .. Non capisco  come  mai   quialche  capo di stato estero    non lo mandi a  FNCL (  mettete  le  vocali  se  no n capite  ) Ennessima  figuracccia   oingternazionale  stavolta  con la  francia
L'incresciosa  battuta  "Io ti ho dato la tua donna"era rimasta una battuta sussurrata da Silvio Berlusconi a Nicolas Sarkozy in conferenza stampa, durante il vertice italo-francese che si è svolto martedì a Villa Madama. Nessuno, o quasi, era riuscito a carpirla. Il Cavaliere aveva interrotto per qualche secondo il presidente francese mentre stava illustrando i risultati del summit.





"Io e Silvio Berlusconi - spiegava in quel momento Sarkozy - abbiamo fatto  riconoscere l'omologazione dei diplomi superiori che finora non c'era...". Il premier si era allora avvicinato, pronunciando a bassa voce una frase,che immediatamente Sarkozy aveva liquidato con un sorriso imbarazzato. Il capo dell'Eliseo era tornato frettolosamente al suo discorso ufficiale,tagliando corto: "Non sono sicuro di dover ripetere".
La misteriosa battuta ha però suscitato la curiosità dei media francesi.Mercoledì sera la trasmissione serale di Canal +, "Le Grand Journal", ha  tradotto il labiale di Berlusconi, ricostruendo le esatte parole. "Moi je t'ai donné la tua donna", avrebbe detto il Cavaliere mischiando le due lingue. L'allusione all'italianità di Carla Bruni come fosse un bene da  esportazione non è evidentemente piaciuta a Sarkozy. E neppure ai presentatori francesi che hanno costruito sulla gaffe una serie di ironie, assegnando a Berlusconi "l'Oscar della volgarità".La Bruni, d'altra parte, non aveva nascosto in passato il fastidio perquello che i francesi chiamano "humour déplacé", ironia fuori luogo, del premier. L'8 novembre, dopo che il Cavaliere aveva lodato "l'abbronzatura"di Obama, la first lady aveva confessato la soddisfazione di essere diventata francese.
S'accettano  scomesse su quale   stato  estero  fara  la prossima gaffè  . Se volete un ottimo e  sarcastico ritratto   di berlusconi e non vi  scandalizzate   di  un   film hard   guardatevi   forza italia   (  copertina  a   sinistra  ) di Silvio Bandinelli  ne ntrovate   sotto una  scena  tratta  dal film   non particolarmente  a mio avviso   esplicita  ma   ironica  anche  se  lo nametto maschilista  ma  non peggiore   delle battutace  del premier  . Mi scuso   con tutti\e   gli utenti che odiano  e \o non sopportano sifatto genetre  cinematografico    sde  avessi  urtatoi mla loro suscitibiilità  : consigliando tale  film ( ma   esso  indipendentemente dal genere   volgare  o meno perchè  esiste  al  il sottogenere  hard  core  , descrive  benissimo con sagacità  ed ironia  , tanto  da essere  apprezzato   da  donne  , parlo per  esperienza personale  ,   che detestano tali film  ) ma  purtroppo  è questo il bello dela vita    è  impossibile  accontentare  tuitti\e  e  trovare  ,  soprattutto  chi  è  spirito libero ed  odia   ( anche se  a volte ci casca pure  lui  )  i compromnessi a tutti i costi   e  il cerchiobottismo imperante 







con questo è tutto alla prossima .

Senza titolo 1307

  QUESTA E' UNA VACCHIA GRATTUGIA DEGLI ANNI 60 !  L'AVETE MAI VISTA ?  :-)


Image Hosted by ImageShack.usImage Hosted by ImageShack.us
 

Risveglio - 1

E mi spalanco a te,
intrepido amore,
preghiera degli occhi.




Daniela Tuscano

 

Senza titolo 1306

  VI PIACEVA IL DISCO MIELE !  IL GIARDINO DEI SEMPLICI !  :-)


Image Hosted by ImageShack.usImage Hosted by ImageShack.us


L'ultima carrozzella!

 

Ce semo arrivati a la riprésa, ( traguardo) ce vonno manna via, dicheno che damo fastidio. Povere carrozzelle, poveri trutrù (cavalli), se divertiveno a porta' a spasso li stranieri, e li regazzini pe' le piazze, pe' le rue(strade) de Roma bella! Dicheno che faticamo, ma semo cavalli de Roma, semo fieri de lavorà  drénto 'sta città, pe' noi è un'onòre, se sentimo trutrù importanti lasciatece campa' in pace, lasciate perde 'ste novità, guardateve intorno, ce sta ben antro da fa'. Franca Bassi 


carrozzella romana 2Carrozzella romana1                                 Immagini di Andrea Rosati "folletto Buzzichino" Er cavallo se chiama Robertino


L'urtima carrettèlla (Corrozzella)


A Romolé è scòrto (finito)
er tempo de le carrettèlle (carrozzelle)
T'aricordi  quanno
Roma era pianara (piena)
de trutrù infiocchettati?
Ce lagnavamo  che
ce sporcaveno le  rue (strade)..
Oggi che la màchina 
ha preso  desòra (er sopravvènto)
nu' sentimo più
la puzza del trutrù
ma ce tocca respirà
l'aria avvelenata.
A Ceccho ...
sai che dice l'urtimo trutrù(cavallo),
mentre se fa 'na risarella?
Ve sta bene !
Prima ve lagnavate
pe'un po'de biada e du' strijate
respiràte...respiràte
e aripiagnete l'odore
de le mi cacate.


franca bassi

26/02/09

amarezza

libertà vado cercando


"La bella che è guarda il fiume
ha un nome che fa paura
la la la la la la/
a bella che è addormentata ha un nome che fa paura
ibertà libertà libertà"

 
           dal  film  Luigi Magni  "Nell'anno del Signore", con Manfredi e Sordi e Enrico Maria Salerno


ritorno  a parlare dopo  qualche tempo  ancora  una  volta di libertà  . L'occasione non è  , il testamento biologico  o l'informazione   , ma    questa  news    tratta  da    max di febbraio .La  news   è quest'articolo ( da cui  ho tratto il titolo  del post  )  di  Andrea Rossi   :
<<

Libertà vo’ cercando

In un piccolo paese in provincia di Padova c’è un parco che si chiama Parco della Libertà. Un nome, diciamo, impegnativo. All’ingresso del parco c’è un cartello che ricorda, con puntiglio e precisione, tutte le cose che in codesto parco NON si possono fare. I divieti sono 18, gli obblighi nove e gli avvertimenti di pericolo quattro.
Non si può: transitare con motocicli e veicoli a motore; campeggiare e pernottare; arrampicarsi su alberi e recinzioni; danneggiare segnaletica e arredo; affiggere manifesti e cartelli sulle piante; fare buche e asportare terra; gettare per terra mozziconi di sigaretta; usare fiamme libere e accendere fuochi; scaricare materiale di qualsiasi natura; lanciare sassi e oggetti; provocare rumori molesti di qualsiasi natura; ripararsi sotto le piante in caso di maltempo; utilizzare i giochi ai maggiori di 12 anni; usare modelli radiocomandati; consumare alcolici e/o superalcolici; usare un linguaggio volgare e offensivo; urinare e/o defecare; calpestare le aiuole.
Si deve: accompagnare e sorvegliare i bambini; usare i cestini portarifiuti; tenere al guinzaglio i cani; mettere la museruola ai cani; raccogliere le deiezioni solide; giocare a pallone nelle aree riservate; prudenza con pattini, monopattini e skateboard; utilizzare i giochi secondo le istruzioni; prudenza all’uscita del parco.
Fate attenzione... fondo sdrucciolevole; inciampare; scontro tra bambini; caduta rami in caso di vento. Seguono, se uno ne avesse mai bisogno, i n





Il venditore di cantari

CANTARU (CANTARO, VASO DA NOTTE) stava, generalmente, vicino al letto


venditore di cantari


Prima di parlare dei mestieri di un tempo, oggi scomparsi, nell'entrare così nella cultura materiale del popolo palermitano e siciliano in senso lato, è doveroso fare un cenno ad uno scienziato che ha, verso la fine del XIX Secolo, raccolto e sistematizzato una quantità enorme di documenti e oggetti relativi al folklore e alla vita della gente in Sicilia, di questo patrimonio si servirono letterati come Capuana e Verga e la sua intelligenza luminosa apri la strada ad altri come Salamone Marino. Giuseppe Pitrè, medico e scrittore palermitano, del 1800, nacque nel 1841 e morì nel 1916, raccolse con sistema da scienziato le memorie e il folklore popolare e la sua "scienza" che ancora oggi qualcuno chiama letteratura, a mio avviso ciò non è quanto il Pitrè, scienziato dell'etnoantropologia e del folklore ha elaborato, ha realizzato, comunque, e su questo tutti concordano  la strada principale per lo studio della storia e della cultura popolare che nasce dal genius materiale che si esplica in forme eclettiche, ma riconducibili ad un pensiero, ad una cultura e al suo stesso rapporto con l'esistenza, il potere, la religione e le arti in genere e che promana da un popolo. Studiò il  folklore, quindi, non come un letterato, ma con il pensiero positivo della relazione con le condizioni e le cause che facevano di un  luogo e di una gente un modo di rappresentazione singolare.  Pitrè, come ha sottolineato Giuseppe Cocchiara, già preside della Facoltà di Lettere a Palermo – con la sua opera monumentale resta pietra miliare per la ricchezza e la vastità d'informazioni nel campo del folclore, in cui nessuno ha raccolto quanto lo studioso palermitano.


Tra le vecchie foto e i materiali raccolti nel Museo Pitrè a Palermo - Palazzina Cinese Favorita- ci sono anche i mestieri e uno di questi che era d'uso ai tempi in cui lo studioso raccoglieva i suoi reperti era quello del venditore di cantari. Il cantaro altro non è che un antesignano gabinetto portatile (un vaso da notte) era in maiolica o ceramica smaltata, generalmente bianco, ma ve ne sono anche di artisticamente decorati all'esterno. Il labrone orizzontale che lo faceva sembrare un cappello a cilindro sottosopra serviva da sicura e per le manutenzioni del caso.


Ugo Arioti

liberta

ecco una attualizzazione del dipinto la liberta che guida il popolo di un dipinto di Eugène Delacroix, ad olio su tela (260 x 325 cm), quest'opera fu realizzata nel 1830 per ricordare la lotta dei parigini contro la politica reazionaria di Carlo X di Francia. Oggi l'opera è conservata al Musée du Louvre di Parigi. qui l-oginale




le altre tavole le trovate

http://www.artandcomics.it/opere/eugene_delacroix_la_liberta_che_guida_il_popolo_tav1.htm
http://www.artandcomics.it/opere/eugene_delacroix_la_liberta_che_guida_il_popolo_tav2.htm

quando l'outing non è una moda ma solidarietà e condivisione



Non ricordo se è lei che mi ha trovato visto che il mio profilo è pubblico e fra le opzioni di splinder ho messo una opzione che ti permette d''avvisarti quando un utente rivedere il tuo blog , oppure se io cercando news su L'aids , ho trovato questo blog bello e scioccante alo stesso tempo http://www.splinder.com/profile/Niccky
Appena leggi il profilo ricevi ( d'altronde è meglio piuttosto che parlare per ipocrisie e metafore che nascondo no tabu' e ipocrisie ed entrano nel dizionario e nel polity corret e sono difficili da rimuoverli  e se lo fai vieni considerato maleducato e cinico ) un pugno nello stomanco . Infatti : << Chi sono: A parte l’HIV tutto bene. Questo blog "sieropositiva " è E' un diario del virus. Un diario di pensieri più che di fatti. Pensieri così personali che non sempre riesci a starci dietro e a capirli fino in fondo. Ognuno affronta la sieropositività come sa e come puo'. Le donne hanno una possibilità di contrarre l'HIV durante rapporti sessuali non protetti da due a quattro volte superiore rispetto agli uomini, poiché la loro fisiologia le posiziona ad un livello di rischio più elevato, dato che hanno una maggiore probabilità rispetto agli uomini. >> ( dal suo profilo ) .
Non so come , forse dopo aver leto cosa dice lei stessa del suo blog << Amo raccontare di me ... Questo blog "sieropositiva" è un raccolta del virus. Un collage di pensieri, parole, informazioni, campagne, idee, più che di fatti. Non sempre riesci a starci dietro e a capirli fino in fondo. Ognuno affronta la sieropositività come sa e come può. Appena risulti sieropositivo ti
Leggi ancora... >>

e cosa dicono di lei altyri siti \ blog di lei : 1) Poloinformativo hiv << Tante volte ci lamentiamo sul forum delle nostre vite da persone con HIV, degli effetti collaterali, delle paure, della discriminazione...eppure se ci voltiamo indietro, senza bisogno di andare troppo lontano geograficamente, scopriamo che la convivenza col virus, ancora oggi nel 2009, può essere anche più difficile.www.poloinformativohiv.it/ >> 2) Asfalto :<< Questo è l'indirizzo di un blog che ho scoperto di recente e di cui vorrei parlare. Un blog siciliano. Già l'indirizzo ti fa saltare sulla sedia, poi leggi la presentazione dell'autrice e ti rendi conto che Niccky (questo il suo nickname) ha capito che non c'è spazio per i giri di parole quando si trattano certi argomenti. viadelporto.splinder. >> (solo per citare i principali che trovate qui )  ho trovato la forza d'intervistarla in modo che i suoi scritti posso essere d'aiuto ha chi hja tale problema e uscire allo scoperto vistoiche la paura e l'ignoranza sui tali malattie fa più vittime dela malattia stessa come dimostra sempre il suo profilo : << essere sieropositivi e non saperlo il problema è che oggi non si percepisce il pericolo rapporti sessuali non protetti e test dell'aids mai fatti arrivare alla diagnosi quando la malattia è già in fase avanzata è sinonimo di ritardo nelle cure, cure che grazie ai farmaci antiretrovirali via via resi disponibili, hanno ridotto la mortalità per aids dal 100% fate il test >> cosi come questo articolo del suo blog


Ma ora bando alle ciancie ed ecco l'intervista


                      nella foto  la  ragazza intervistata 



1)come ha scoperto d'essere positiva ?
L'ho scoperta due anni fà. Febbre a 39, mal di gola,non riuscivo a degludire tutto faceva pensare ad una bella di influenza.
Arrivata al pronto soccorso capiscono al volo che si trattata di candidosi orofaringea e mi chiedono di firmare il consenso per il test...non avevo capito a cosa gli serviva il consenso. E mi spiegano che dovevano effettuare il test dell'HIV.Mi hanno ricoverata in ospedale e i primi aiuti li ho avuti con gli antidolorifici,sembrava che il dolore diminuisse , non riuscivo neanche a mandar giu' l'acqua. Cosi' dopo due giorni mi dicono che sono sieropositiva! Stavo andando in AIDS conclamato solo perchè mi ero accorta troppo tardi del mio virus. Ho iniziato subito la terapia antiretrovirale, che nel giro di poche settimane mi ha rimesso in sesto.Praticamente gli antiretrovirali aiutano a non far replicare il virus nel tuo sangue. In questi due anni, ho avuto dei problemi anche al lavoro,licenziamento in malattia.Ecco questa in sintesi è la mia storia.Oggi vivo una vita tranquilla!
2) quali sono state le tue reazioni e dei tuoi familiari , parenti stretti ed amici\che intimi e non ?
Premetto che sentire la parola "Aids" nel collettivo è legata un idea di devianza e di colpevole diversità,questo fatto ha impresso un forte stigma sociale alle persone affette dalla malattia e indotto alla collettività a sentirsi estranea al problema.
La mia reazione un secchio di acqua gelata in una giornata invernale,brividi nel corpo,ma appena uscita dalla stanza del medico, ho deciso che non mi facevo prendere
dal sopravvento della malattia,ovvio ero molto ignorante a riguardo,mi disturbava l'idea di essere stata contagiata per non aver imposto da donna l'uso del preservativo.
Gli amici si sono allontanati tutti con i tempi piu' o meno lunghi .La famiglia mi è stata vicina dal primo momento.Credo che a tutt'oggi quasi si dimenticano dell'hiv,ogni tanto andiamo in indietro con il tempo,a come mi ero ridotta,ai passi che non riuscivo a fare da sola,ma è solo ricordo. Ho tanta voglia di vivere,mai come adesso.
3) Come mai hai deciso di fare outing cioè di renderlo pubblico e farci un blog ?
Nonostante i progressi della medicina, l'arma più efficace per combattere l'Aids è la PREVENZIONE. Primo fra tutti, il preservativo. Diffondere l'uso del preservativo aiuta a non prendersi l'HIV. E fino ad ora in Italia non era stato dato in maniera chiara.Poi ho scoperto una nuova e tragiche realta'i senzatetto i disagiati sociali i senza voce che il piu' delle volte sono anche sieropositivi come me e le loro bellissime organizzazioni, con persone stupende "asfalto,stazionemilano,shaker" gente che oltre a combattere il freddo e l'indifferenza si trova ad avere un ospite indesiderato
4) le reazioni degli utenti splinder di non trovarsi di fronte ad un blog di altre tematica ?
"Le tematiche sono come le onde non sono mai sempre le stesse".Ho delle persone che mi seguono con interesse, e questo mi rende felice almeno nel mio piccolo non risulto noiosa. Ho voluto creare quello che molti definiscono un collage di blog, un pozzo dove inerente al problema Hiv puoi trovarci di tutto.Piu' informazioni possibili.
5) nei depliant sull'Aids c'è informazione o disinformazione ?
Informazione senza dubbio.Mi ricordo il Lupo Alberto il personaggio fumettistico arruolato dal ministero della Sanita' per combattere l' Aids,che insegnava ai giovani come evitare la malattia.Eppure il lupo aveva riscosso successo,ma ti parlo del '90.Ci sono molte associazioni che investono sulle campagne d'informazione e sono fatti piuttosto bene.
6) come convincere i giovani ad usare il preservativo ( goldone , salvavita , capuccetto , ecc ) ?
I giovani hanno notizie scarse, imprecise sulla trasmissione dell'HIV/AIDS.
Inizierei con una buona informazione a scuola ,utilizzare campagne di sensibilizzazione in TV,vendida dei preservativi vicino le scuole,discoteche,posti frequentati dai giovani, parlarne in famiglia. Meglio un figlio con un preservativo in tasca che con una diagnosi di HIV in mano.
7) potresti  ampliare la risposta data  a 
questa domanda    sieropositiva.splinder.com/post/19901772/Uno+spot+francese  : << (….) inutile dire che i francesi sono più progrediti e affrontano il tema in modo differente dall'Italia.Perchè in Italia è diverso ? >>
"Non si parla quasi più di Aids è il risultato di questa progressiva disattenzione è purtroppo una preoccupante escalation del contagio in Italia". Deve essere Chiaro l'obiettivo della campagna di prevenzione: l'adozione di misure che consentano ai giovani di fruire più agevolmente di tali prodotti in un'ottica di prevenzione dell'Aids e delle altre malattie sessualmente trasmissibili.
8) sei fossi ministro dela sanità o dell Oms cosa faresti per la lotta all'Aids ? cosa suggerisci a chi ha scoperto d'essere positivo , ricordando che lo si diventa oltre che tramite rapporti sessuali non protetti , anche con una semplice trasfusione di sangue , o una scambio di siringhe?
I dati evidenziano un cambiamento delle caratteristiche delle persone infette o con AIDS: diminuiscono i tossicodipendenti (che fanno più uso di cocaina che di eroina) mentre aumentano le persone che hanno acquisito l’infezione per via sessuale (sia etero che omo/bisessuale) e gli stranieri.
Nel 1997 la percentuale dei casi di Aids era infatti costituita da tossicodipendenti e omo/bisessuali; che hanno creato nell'immaginario collettivo l'errata percezione di "categorie a rischio" sono diminuite e danno spazio ai contatti eterosessuali .
Aumenta anche l’età delle persone colpite, che, per i casi di AIDS, ormai supera i 40 anni in media.
Si scopre di essere sieropositive a ridosso della diagnosi di malattia conclamata,è questo fenomeno rappresenta il chiaro segnale di una bassa percezione del rischio, soprattutto fra chi si infetta per via sessuale e fra gli stranieri.
A chi scopre di essere positivo al virus dell'Hiv dico solamente che oggi grazie all'uso dell'HAART(antiretrovirali) la qualità della vita è cambiata e si è allungata.
Inutile dire che bisogna fare i conti con la società che discrimina,ma noi sieropositivi siamo delle persone normali.L'unica cosa che ti viene in mente appena sei sieropositivo a sentire anche persone che mi scrivono,la paura di rimanere da soli,di non avere piu' una vita sentimentale.
Io cè l'ho tutto questo, ho trovato l' amore con la A maiuscola
10) secondo te quel progetto , poi bocciato dai nostri politicanti ( salvo pochissimi dell'estrema sinistra ) dela politica di riduzione del danno che prevedeva che per evitare la trasmissione di Aids tramite scambio di siringhe usate la consegna dela tua usata e in cambio di una nuiova , potrebbe essere utile per la riduzione dell'aids ?

L'italia purtroppo SCEGLIE LA MORALE! e questo è disarmante secondo me. Negli anni '90, quando altri paesi europei si avviavano alla prevenzione del danno distribuendo siringhe sterili ai tossicodipendenti e riducendo vertiginosamente il diffondersi dell'aids, in Italia vigeva un'ottica moralista di favoreggiamento a bucarsi.......e infatti i casi di aids e epatite in italia si ridussero dopo. Oggi neanche la parola "Preservativo"cè in tv.
Non possiamo convincere le persone,dicendole che fare una certa cosa è edonistica....tanto se la vuole fare la farà..ma possiamo suggerire una vasta gamma di scelta per poterla fare bene , questo si!
11) vuoi aggiungere qualcosa , modificare , ampliare quanto già detto ?
Le persone sieropositive o in Aids non sono, in quanto tali, soggetti da proteggere,ma al pari degli altri cittadini,hanno diritto al lavoro,alla scuola,alla cura,alla riservatezza,alla dignità del vivere e del morire.


Senza titolo 1305

 LA CONOSCETE LA FIABA LA MAMMA CATTIVA ?:-)


Image Hosted by ImageShack.usImage Hosted by ImageShack.us
 

Chiamatemi Francesca

prova 023


                                                           Immagine di franca bassi "spicchi di cielo"


Ieri sera, mi sono addormentata  pensando a tutta la mia vita. Ancora ho una buonissima memoria; ho incontrato amici lontani, che ormai non ci sono  più, ho visto strade che non le riconoscevo per come erano e per come oggi sono trasformate. Mi sono sempre sentita una pianta, oggi, mi sento un albero che ha bisogno del sole, della bruma, del vento della'acqua... Penso che molti di voi mi comprenderanno, mi dispiacese quando il tempo scorre velocemente e le  cose cambiano rapidamente.francesca


Il mio tempo


Ho bisogno del mio tempo
un po' come le stagioni.
Mi serve il sole!
mi serve il colore dei fiori,
mi serve il vento
che mi spettina i riccioli d'oro
ho bisogno!


franca bassi


MEGLIO ATTIVI OGGI CHE RADIOATTIVI DOMANI


Due problemi straordinari segnano il nostro tempo:
A le fonti fossili (petrolio innanzitutto) sono in esaurimento
B la combustione dei fossili ha aumentato l’anidride carbonica (CO2) nell’aria che ha provocato l’aumento della temperatura sul pianeta

PER FAR FRONTE A QUESTI PROBLEMI STRAORDINARI È NECESSARIO:
A sviluppare in modo massiccio fonti rinnovabili di energia (solare, fotovoltaico, eolico) che devono essere promossi con incentivi pubblici e l’utilizzo della leva fiscale.
B ridurre i consumi di energia favorendo i mezzi pubblici,le biciclette, riutilizzando le risorse, diminuendo i rifiuti
C aumentare l’efficienza energetica con la riqualificazione degli edifici e degli elettrodomestici

CIÒ CHE NON SI DEVE ASSOLUTAMENTE FARE
È RITORNARE AL NUCLEARE CIOÈ COSTRUIRE NUOVE CENTRALI NUCLEARI COME VUOLE FARE IL GOVERNO BERLUSCONI.

Dobbiamo rifiutare il nucleare, come abbiamo già fatto nel referendum del 1987 perché:
1 le centrali nucleari hanno costi molto elevati (5 miliardi di euro l’una) che gravano sulle nostre finanze e richiedono tempi di costruzione molto lunghi (10 anni circa)
2 le centrali nucleari continuano ad avere problemi di sicurezza per le popolazioni (in questi anni ci sono stati tanti incidenti nucleari che spesso vengono sottaciuti). La radioattività è una delle cause dell’aumento di leucemie e tumori
3 le centrali nucleari hanno problemi di smaltimento delle scorie radioattive e del materiale nucleare (non abbiamo ancora smaltito le scorie delle centrali nucleari di 30 anni fa. Nella bolletta alla voce A2 paghiamo una retta per il loro smaltimento. Nessun Comune le vuole sul suo territorio)
4 l’uranio che serve per le centrali nucleari è una risorsa in via di esaurimento (ci sarà solo fino al 2050) e costa moltissimo, richiede molta energia per estrarlo
5 le centrali nucleari richiedono enormi quantità d’acqua, un bene che sta scarseggiando
6 le centrali nucleari producono CO2 durante l’estrazione, il trasporto, la purificazione e l’arricchimento dell’uranio ( gli impianti di arricchimento utilizzano impianti a carbone), durante la costruzione delle centrali e nella fase di smantellamento
7 il nucleare civile è legato al nucleare militare, espone quindi il mondo a rischi di proliferazione delle armi nucleari e al terrorismo (è l’argomento che viene portato contro l’Iran)
8 il nucleare civile è un modello che richiede sistemi di gestione autoritari, centralizzati ed antidemocratici. Non a caso le centrali nucleari civili vengono considerate alla stregua di siti militari.


Coordinamento Nord Sud del Mondo

Diciannoverde

lista Uniti Dario Fo zona 8

Senza titolo 1304


  L'AVETE VISTO IL FILM LA BELLA DI ROMA ?  :-)
Image Hosted by ImageShack.usImage Hosted by ImageShack.us

Buona notte!

franca che dorme1franca dorme2

Mia figlia Sabina, siccome non desidero fumare, ha approfittato del mio sonno, per farmi...Adesso non so quando mi sveglio... sono molto stanca. francesca



25/02/09

io e le donne parte

nella data 26  febbraio dell'agenda  giorni non violenti 2009  leggo  questa frase  :<< c'è il coloroformio e la morfina  per il dolore fisico , ma non c'è  niente per il dolore   dell'anima  : pensavo cosi >> ed in parte lo penso ancora  <<  e all'improvviso  mi è venuto in mente  : è falso  . c'è un tipo di cloroformio  spirituale  ... esiste  ed  è conosciuto  da  tanto tempo  : l'amore  >> di  Leone Tolstoi  . .
Ma in realtà   ho soltanto molte  amiche   , alòcune intoime , ma  non al  livello del trombamica figura femminile  del trombamico )  . Infatti non ho  ancora mai troiato in tutti i miei viaggi  l'amore  , Infatti da  bambino \ ragazzino non ho mai avuto  una fidanzatina  . Ed  è per  questo che   sono sempre   in piena attibvità onanistica   e  non ho mai  fatto sesso  o  fatto l'amore   a quasi 33  anni   ( anche perchè andare   a puttane  non mi piace  mi sà  d'amore mercenario  )  Forse  è per questo  che  prima solo inpaese  e poi  anche in rete   mi  dicevano (   hanno adeso  quasi smesso  , forse l'indifferenza  e il non   ti curar  dantesco   , ma sopratutto il non naccettare provocazioni  , ha  fatto desistere  gli stolti  )    che  era  gay o  adirittura misogoino o impotente  .
Ma in nrealtà  io sono sempre pronto ad amare  ed essere amato   aspetto (  mi sono stancato di ricevere  solo due  di picche oppure  rimaniamo amici   )   che  siano loro  a farsi avanti  forse perchè  tutte le  volte   che ci  ho provato ho fallito  . Forse perchè oltre ad essere  ( ovviamente  dopo alcune esperienze  negative  e per  reazioni  a certi loro atteggiamenti  e   loro scherzi idioti   -- i fatti  sono troppo . complicati e privati per essere
  sbattuti in prima pagina, appena  riesco a sintettizzare  e  trovo il coraggio  d'aprirmi come sto facendo  ora   ne parlerò fose un giorno chi lo sa.  ---- e perdita  d'ammci \ che   e litigi  di meno   )
Ma le  caus e sono da  ricercare o nelò mio essere trroppo  utopistico  e fdi per parafrasare Amor  ribelle  ballata  anarchica    che tipicodelel canzoni orali  e della  musica popolare    è scritta  : << Sull’aria de “L’inno dei nichilisti”. Di “Amore ribelle”, che è pure conosciuta come “Canzonetta del libero amore”, esistono altre incisioni pubblicate su melodie differenti  >> (  fonte  ildeposito.org   vedere  url uno per  il testo  fornito da tale sito  
1 2 ) un altro amore io preferià   e  forse perchè  ma  lascio che a spiegarlo  siano  queste due   canzoni  francesi   che descrivono  megllio questa  mia  situazione più di mille   parole 












Quindi l'unico amore che riesco a coltivare e praticare fra alti e bassi perchè  cari \e cdv   è  amore anche quello è quello di tipo hippy figli dei fiori   e nonviolento

 con questo è tutto alla prossima

Senza titolo 1303

  VI PIACEVA LA COMMEDIA TEATRALE QUESTI FANTASMI ?  :-)


Image Hosted by ImageShack.usImage Hosted by ImageShack.us