Visualizzazione post con etichetta sfatiamo miti. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta sfatiamo miti. Mostra tutti i post

30/04/16

Ma Saviano si può criticare? O è un oracolo inattaccabile?

la stessa cosa  che  mi chiedio anch'io ogni volta  che leggo  i suoi articoli o lo sento  parlare  .  Mi  ero sempre pèpsto questa  dmanda  ma poi è caduta nel  vuoto  , perchè  nessuno ,  salvo i faziosi e lachè   n se  lo chiedevano . ;Ma  poi quiesto interessante    ed  obbiettivo articolo mi  ha  fatto ripensare  e quindi  la   faccio qui pubblicamente . Voi  cosa ne pensate    ?

http://manrico.social/attualita/item/177-ma-saviano-si-puo-criticare-o-e-un-oracolo-inattaccabile.html

Ma Saviano si può criticare? O è un oracolo inattaccabile?

Una argomentata risposta alle capziose analisi di Saviano dove si dimostra l’inconsistenza di tante sue tesi. Le sue analisi sono romanzesche teatrali istrioniche (spunti ideali per la serie TV ispirata al suo romanzo) ma in termini pratici poco utili per la lotta alla criminalità organizzata ed alle mafie


Roberto Saviano ormai ha assunto le sembianze di quel personaggio radiofonico di Arbore, interpretato da Bracardi, che ad ogni piè sospinto urlava “in galeraaaaa!”.Lo dico dopo aver letto un suo articolo su la Repubblica in cui srotola la solita noiosa parabola del Sud abbandonato, del Sud che muore della contiguità tra camorra e politica e bla e bla e bla.Senza offrire ricette ma solo una denuncia pessimistica e dolorosa.Quando la prima ricetta che potrebbe suggerire potrebbe essere il suo impegno diretto, la sua candidatura in qualche Comune ad alta intensità camorristica, il suo spendersi quotidianamente nella guerra al malaffare.Preferisce invece pontificare sui giornali e sulle TV, protetto da uno schermo di computer o di uno schermo televisivo e chiedendo agli altri quel difficile impegno a cui egli rifugge.E’ vero che Saviano è minacciato dalla camorra ma non sono meno minacciati, anzi, persone come Cantone che contro i Casalesi non hanno scritto libri di successo ma hanno portato a sentenze definitive di condanna gli esponenti del clan dei casalesi, persone come Cantone, dicevo, non sono scappate ma si impegnano direttamente.Ed è davvero singolare – come scrive Valter Verini in riferimento a Davigo -- “lasciare intravedere uno scenario di indistinti atteggiamenti, negli ultimi vent’anni, tra centrodestra e centrosinistra. Non c’è bisogno di spendere troppe parole per demolire questa semplificazione: basta rileggere con serenità e obiettività le norme approvate dalle maggioranze di centrodestra e quelle sostenute dal centrosinistra.”Ed è ormai noioso ma obbligatorio ricordare quali sono queste norme.E parliamo della “ripenalizzazione” del falso in bilancio, della introduzione del reato di autoriciclaggio, della legge sugli ecoreati, delle pene più severe per i reati di corruzione e contro la pubblica amministrazione. E parliamo anche dell’ormai prossimo aumento dei termini della prescrizione bloccata fino ad oggi da un Senato che per fortuna in futuro non ci sarà più.Ed a queste misure va aggiunta una riforma strutturale quale quella del codice degli appalti che è un colpo alle pratiche corruttive attraverso procedure più rigorose e soprattutto attraverso un ruolo importante in tutti gli appalti (piccoli e grandi) della Autorità Nazionale di Cantone (che ha direttamente sbugiardato Sergio Rizzo che ha provato a sminuire questa riforma).Si possono certamente fare osservazioni critiche a questo o a quell’aspetto di queste riforme ma non riconoscere la profonda diversità del governo Renzi dai suoi predecessori e soprattutto dall’epoca Berlusconi è una carognata che dimostra il vero obiettivo dei Guru tipo Saviano.Oggi si approvano queste riforme, in nemmeno due anni, ai tempi di Berlusconi invece si facevano leggi ad personam e si invocavano legittimi impedimenti.Invece nell’articolo vengono scritte cose pesanti e non vere sul PD e su Renzi, riassunte nella chiosa finale che afferma apoditticamente “A Palazzo Teti Maffuccini, a Santa Maria Capua Vetere, Garibaldi accolse il documento di resa delle truppe borboniche. Ora quel palazzo sembra accogliere la resa del Pd al meccanismo criminale.” (non vuol dire nulla , ma quanto è romanzesco, teatrale, istrionico!!!)Ma di quale resa parla? Di quale abbandono del sud sta pontificando?Parliamo invece di un governo che sta dando ai magistrati tutti gli strumenti necessari (li abbiamo elencati prima) per sconfiggere il malaffare. E che, come ha affermato il ministro Orlando rispondendo ad una legittima richiesta dei Magistrati, sta predisponendo, tra le tante difficoltà economiche e di bilancio, una soluzione alla carenza di personale al fine di non dare alibi a chi non riesce mai a portare i processi a sentenza.Ma Saviano va oltre ed accusa l’intera politica del governo sul Mezzogiorno e lo fa proprio nei giorni in cui Matteo Renzi va a siglare i Patti con 15 realtà territoriali proprio del Sud.E la sua presunzione, la presunzione di un intoccabile che può dire tutte le bugie che vuole, lo porta ad affermare che Renzi non si è accorto della inaffidabilità di molte classi dirigenti meridionali. Quando invece il meccanismo dei Patti che si stanno firmando dimostra che Renzi ha ben chiara questa inaffidabilità, inaffidabilità che ha portato in anni ed anni allo spreco di enormi risorse pubbliche.Saviano dice delle cose palesemente false perché con i Patti che si stanno firmando in questi giorni Renzi ha sottratto alle Regioni ed ai Comuni la gestione unica dei fondi UE, e non solo UE, ed ha stabilito un meccanismo in cui il ruolo del governo centrale diventa importante (attraverso una unica cabina di regia con tutti i soggetti istituzionali necessari) sia nella gestione sia nel controllo (e non solo attraverso l’ANAC).E questo proprio perché ha ben chiaro la consistenza di molte classi dirigenti del Sud. Tant'è che Emiliano, l'omone a cui piacciono le cozze pelose, si ribella proprio per questo e lo stesso fa De Magistris.Bisognava forse aspettare il completo rinnovo delle classi dirigenti meridionali (compito epocale e che non riguarda certo solo la politica e che in ogni caso non si fa in due anni) per avviare opere attese da anni, opere che si chiamano Ecoballe, si chiamano Bagnoli, si chiamano bonifica dell’Ilva, si chiamano Pompei e Reggia di Caserta (con la cultura si mangia), si chiamano la TAV Napoli Bari, si chiamano fine della telenovela Salerno Reggio Calabria, si chiamano investimenti strutturali sulle strade siciliane e tantissimo altro?Nell’articolo poi c’è la solita solfa dei Partiti che non sono in grado di combattere a priori le infiltrazioni mafiose (prima la solfa era che il PD non espelleva gli indagati pesantemente e siccome adesso lo fa si alza il tiro).E’ indubbio che dappertutto c’è la necessità di stare con gli occhi aperti e captare adesioni e movimenti strani. Ma bisognerebbe ricordare che viviamo in una società liquida, dove i legami sociali si sono sgretolati, dove la società si è frammentata, dove è venuto meno il potere ordinamentale della società e delle istituzioni, quel potere che impediva la reversibilità di senso oggi tanto in voga. E questa nuova conformazione sociale senza gerarchie valoriali rende difficilissima (anche se non impossibile) qualsiasi azione di prevenzione politica.E l'esempio stesso che Saviano porta ne è una dimostrazione (e si ritorce contro le sue affermazioni) laddove accenna a quelle organizzazioni anticamorra che si è poi scoperto essere state create dalla camorra stessa. E solo a posteriori ci si è accorti (tutti) della loro vera natura.I Partiti devono svolgere il compito della Politica perseguendo obiettivi alti e nobili, sapendo — come scrive Rondolino - “che non esiste un altro sistema per consentire ad una comunità civile di autogovernarsi, imporsi regole comuni, rispettare le minoranze e garantire i diritti delle maggioranze”.Ed i Partiti non debbono e non possono trasformarsi in magistrati (e non dovrebbero farlo neanche giornalisti o guru prestigiosi come Saviano) ma debbono fornire gli strumenti ai magistrati per colpire la cattiva politica, come tra l’altro il governo Renzi sta facendo con le leggi sopra ricordate.E che tutto il ragionamento di Saviano sia capzioso lo dimostrano alcune argomentazioni minori inserite nell’articolo (ma si sa che nella costruzione di un frame tutto fa brodo).La prima, incomprensibile, quando parla dell’affidarsi al giglio magico. Non la commento perché non è commentabile, non c’entra nulla con il resto (ma ormai fa figo parlare di giglio magico quando si vuole attaccare Renzi).La seconda, falsa, quando parla dell’investimento Apple a Napoli per la formazione di 600 sviluppatori. A tal proposito Saviano scrive che si tratta di un banalissimo corso a pagamento.Banalissimo, capite?Tim Cook, il CEO di Apple, viene in Italia ed annuncia un investimento per creare a Napoli una scuola per sviluppatori di App e Saviano (che non sa evidentemente di cosa sta parlando) parla di un banalissimo corso di formazione.Dare la possibilità ai ragazzi del mezzogiorno di specializzarsi con la Apple (con la Apple, capito?) nello sviluppo delle Applicazioni (uno dei settori in grandioso sviluppo nelle corporation informatiche) significa dare a questi ragazzi certamente qualcosa di più di un posto di lavoro e cioè uno strumento ed una specializzazione che pochissimi avranno al mondo 




e Tim Cook (in accordo con Renzi) ha dato ai ragazzi napoletani questa enorme possibilità.

14/12/15

La mia guida al natale e alle festività 205\2016 [ come sopravvivere alle festività ] VII un po' di eros e hot per le feste non guasta



Le giornate si accorciano, i vestiti si allungano, rispuntano i cappotti dagli armadi e gli ormoni, lentamente, si spengono. Dopo un’estate di piccanti sfumature, l’inverno alle porte rischia di addormentare la nostra carica erotica, lasciandoci sprofondate nel divano, in pigiama e ciabatte, a guardare la televisione.Prima che le temperature crollino sotto lo zero, perché non farsi venire qualche idea brillante per “riscaldare” l’ambiente, in vista del prossimo Natale? Anche se manca ancora un po’ alla festività più amata, possiamo iniziare a pensare a qualche regalo piccante, da fargli e da farci, per rendere bollente la stagione più fredda e non ritrovarci, all’ultimo minuto, costrette a ripiegare sulla solita cravatta o sul triste dopobarba. Per riuscire a regalare emozioni forti, che farebbero arrossire Babbo Natale, non serve essere delle tigri del materasso. Basteranno un po’ di fantasia e un pizzico di audacia. Ecco i nostri dieci consigli.



Che Natale sarebbe senza giocattoli?
Regalo piccante per eccellenza, i sex toys sono sempre più diffusi e sofisticati. Dai vibratori classici, ai massaggiatori per il corpo, dalle manette ai frustini, la scelta è ampia. Un giocattolino che faccia divertire tutti e due? L’anello Tor 2 di Lelo , elegante, discreto, tecnologico. Meno appariscente di un anello di brillanti, ma altrettanto emozionante.
Lasciamolo in mutande
La lingerie è un campo in cui noi donne siamo regine indiscusse. Pizzi, merletti, guêpière, reggicalze, perizomi e babydoll sono infallibili strumenti di seduzione. Anche lui, però, può essere molto sexy quando resta senza vestiti. Basterà regalargli l’underwear giusto, che sottolinei le sue forme e i suoi muscoli scolpiti (sempre che li abbia). Un’ottima scelta sono i boxer del marchio Clever , il più hotdel momento.
Il potere delle coccole
Nulla è più erotico dei preliminari e nessun preliminare è più gustoso di un lungo massaggio con olio profumato. Le candele di JimmyJane , scaldandosi, diventano un godurioso olio da massaggi.
Le bollicine
Prima di lasciarsi andare agli abbondanti amplessi delle «50 sfumature», i due protagonisti brindano spesso con dell’ottimo champagne. Concedersi il raffinato piacere, frizzante e leggero, delle bollicine, magari accompagnate da deliziose fragole fuori stagione, è un buon modo per rilassarsi e creare intimità. Il preferito di Anastacia e Christian? Il Bollinger Grande Année Rosé.
Un weekend da «Mille e una notte»
Per accendere l’intesa erotica e scatenare lussuose e piccanti fantasie, a volte basta solo cambiare location. Un weekend in un hotel da sogno, magari dotato di SPA, è un ottimo regalo per del sesso a 5 stelle. Da provare i pacchetti « Passion » di Boscolo Hotels.
Il porno da guardare
La pornografia può essere un passatempo divertente anche in coppia. Guardare un film hard insieme
aiuta a stimolare l’immaginazione, condividere fantasie e lasciarsi andare a desideri inespressi. Per essere sicura di non sentirti a disagio, regalagli una pellicola porno diretta da una regista donna, come Erika Lust .(  foto a destra  )  Ti sorprenderà.
Il porno da creare
E se i protagonisti dei vostri porno preferiti foste proprio voi due? Perché non provare a riprendervi, durante? Regalare una semplice fotocamera digitale potrebbe trasformarsi in un incentivo a rendere più caldo il vostro ménage… La Nikon Coolpix S800c è la prima con sistema Android integrato e permette di trasferire le immagini via wi-fi.
Abbigliamento burlesque
Il Burlesque non passa mai di moda. Provate a ricoprirvi con bustini, pizzi, piume, sete, pasties e a ballare per lui (magari, allenandovi prima un po’ da sole). Sarà un regalo graditissimo.
Oppure  io consiglierei un bell'abito rosso  (  qui alcuni consigli  ) 
Tacchi a spillo
I tacchi a spillo sono feticci erotici molto potenti. Se indossati durante l’amplesso, rendono l’ambiente più piccante. Acquistare un paio di vertiginosi stiletti sarà un bel regalo per entrambi. Neri, colorati, con le borchie, con il plateau, poco importa. L’importante è che siano altissimi. E, magari, con la suola rossa .
High Fashion Condoms
Chi ha detto che la prevenzione e la sicurezza non possano essere anche alla moda? I preservativi griffati sono un regalo utile, divertente e di classe. Da Chanel a Louis Vuitton, ce n’è per tutti i gusti. Per essere fashion anche nella più profonda intimità.

Infatti  chi  pensa  che  nel rapporto fra  il proprio partner  ci sia  solo  porno  e sesso  si sbaglia di grosso   ci  può  essere  anche  coccole   e romanticismo   come suggeriscono 
  • http://www.pianetadonna.it/coppia/sessualita/natale-in-coppia-idee-sexy-o-romantiche-per-trascorrerlo-insieme.html
  • http://www.donnaclick.it/amore-e-sesso/6981/notte-di-natale-e-capodanno-romantica-o-di-sesso-preparatevi-in-tempo/

 , poi eventualmente  ( ma anche  no  , ci si può appagare    anche  senza  )   sesso   Infatti  << Natale e Capodanno si avvicinano e tutto si tinge di rosso, oro e argento: abiti, accessori e..anche la lingerie, che si fa più preziosa e raffinata che mai.Proprio così, nel periodo natalizio a riempirsi di fronzoli e decorazioni non è solo l’albero di Natale, ma anche il nostro intimo, che acquista così una irresistibile aura di frivolezza e sensualità.In questo periodo di feste, le vetrine dei negozi esibiscono tanti capi per le "occasioni speciali": babydoll, corpetti, guepiere e altri voluttuosi indumenti, da indossare per sentirsi irresistibili.  (  continua  qui su  http://www.today.it/donna  oppure  sempre  su lingerie   da  donna   l'ottimo sito    http://www.lingeriedimoda.com/  ) 
Un  altro mito da  sfatare oltre  a quello il classico  chi non ..  fa  sesso   a  capodanno non ... fa sesso   tutto l'anno     quello che      per  avere  un natale hot debba essere per  forza  fidanzato o sposato   si può essere anche  singoli e  Volere conoscere nuove persone e non passare l’inverno e le festività da soli? Non preoccupatevi perchè l’inverno non è mai stato così hot per voi! I viaggi di Natale e Capodanno sono infatti in crescita del 18% ( qui su http://www.viagginews.com  alcune  mete   di viaggio ) 

30/01/15

"A 70 anni faccio sesso 2 volte al mese" I falsi miti sull'età che spegne il desiderio


Una ricerca dell'Università di Manchester, che ha preso in considerazione l'esperienza di 7mila anziani, sfata i luoghi comuni sull'amore tra gli anziani.
La fiamma del desiderio si spegne con l'età. Falso. Almeno secondo una ricerca dell'università di Manchester, realizzata in collaborazione con il centro NatCen Social Research e appena pubblicata sulla rivista Archives of Sexual Behavior. Secondo lo studio, che ha coinvolto oltre 7mila anziani di
entrambi i sessi, al contrario di quanto recitano i luoghi comuni gli uomini e le donne rimangono sessualmente attivi anche a 70-80 anni e, per chi ha la fortuna di avere accanto un compagno amato, non mancano le effusioni che vanno oltre i semplici baci e le languide carezze. Parlando di numeri, oltre metà (54%) degli uomini e quasi un terzo (31%) delle donne over 70 coinvolte nello studio riferiscono di essere sessualmente attivi e un terzo di questi rivela di praticare il sesso abbastanza di frequente, almeno due volte al mese. Inoltre, è emerso anche che molti 70-80enni sono ancora affezionati al partner, con il 31% dei maschi e il 20% delle femmine che confermano di continuare a baciarsi e coccolarsi di frequente. L'età, comunque, causa inevitabilmente qualche problema. Quelli più frequenti lamentati dalle donne intervistate sono le difficoltà nell'eccitarsi (per il 32%) e nel raggiungere l'orgasmo (27%), mentre per i maschi l'ostacolo più grande resta la difficoltà erettile (39%).

18/03/12

una educatrice come tata lucia si svende ad una multinazionale

Con il post d'oggi intendo sfatare un mito che come succede è diventato un icona e cosi estremamente popolare e ricordato con affetto in romanzi, canzoni e opere cinematografiche.Tanto che lo slogan : << Che mondo sarebbe senza nutella? >> è diventato un modo di dire . Infatti  << (....) In molte nazioni europee, la crema cioccolato non è solamente un alimento o una golosità, bensì un consolidato fenomeno di costume. Nel corso degli anni e al mutare dei tempi e delle mode, ricetta, confezione e l'apprezzamento del pubblico di nutella sono rimasti invariati. La crema è comparsa anche in pellicole cinematografiche, famosa è la scena del film Bianca di Nanni Moretti,  (  foto  sotto al centro  )  

in cui il protagonista Michele Apicella, alter ego del regista-attore, affoga l'ansia in un enorme barattolo di Nutella, alto circa 1 metro, che fu predisposto proprio in funzione del set., e  .... continua  qui   >> .  Ora pero tale prodotto , prima  da me   consumato a  kili , nononostante  l'ira  dei miei  , è stato messo indiscussione   sia  :  1)  dalla  sua  composizione  La ricetta della Nutella varia da paese a paese; di seguito riportiamo la ricetta italiana.
Nutella
Valori nutrizionali per 100 g
Energia 544 kcal   2270 kJ
Proteine6,4 g
Carboidrati56,4 g
Grassi31 g
Acqua0 g
Riboflavina (Vit. B2)0,25 mg
Vitamina B120,26 μg
Vitamina E6,6 mg
Fosforo172 mg
Magnesio70 mg




pochissima  la  percentuale  di  nocciole  e cacao rispetto   alle creme  , che  compro all'equo  \ e solidale  

2)  dalla  pubblicità ingannevole  in particolare   l'ultima  fatta   da una pediatra  



Lo spot ideato da Paola Rolli (copywriter) e da Micaela Trani (art director) con la direzione creativa di Agostino Toscana e Alessandro Orlandi.
La regia dello spot è di Luca Miniero, regista del film campione d'incassi "Benvenuti al Sud" e del sequel "Benvenuti al Nord"  per la casa di produzione Think Cattleya.
N.B  
il  video   è  stato  scaricato  tramite  downloadhelper  (  opzione di mozzilla  firex  fox  ) in quanto  da  youtube non si  può incorporare

Un  un mio amico  vegano ha  scritto   scritto sulla  sua pagina di facebook   :  
carissima tata lucia, di pedagogia te ne intendi, sei una maestra! ma come dietologa ti do uno zero meno meno ( se posso ricorrere ai numeri relativi, anche meno uno). La nutella non è un alimento sano per bambini. guardiamo cosa contiene: zucchero,olio vegetale, nocciole (13%),cacao magro, siero di latte in polvere, emulsionante.lecitine di soia, vanillina.allora la prima cosa che deve colpire è lo zucchero. primo ingrediente dunque piu abbondante, cioè quando comprate la nutella pagate zucchero fondamentalmente.Il secondo ingrediente è l'olio vegetale e qui c'e una grossa pecca della ferrero perche dovrebbe dire che tipo di olio usa se idrogenato o non idrogenato, ma vista la consistenza della nutella credo trattasi di oli idrogenati, cioè oli vegetali che vengono sottoposti al processo di idrogenazione per renderli solidi (gli oli a temperatuta ambiente sono liquidi). Questo processo non modifica solo lo stato fisico ma anche la struttura molecolare, infatti l'olio vegetale sottoposto ad idrogenazione perde le caratteristiche di olio insaturo trasformandosi in olio saturo cioè per intenderci il grasso dannoso che troviamo negli alimenti grassi animali.ci accontentiamo di un 13% di nocciole del cacao e