28/02/06

Senza titolo 1159

Le  leggo su intenert in particolare con google news  questo  fatto 


 ad Amici. Le parolacce di Platinette indignano genitori e spettatori


  Tv ad Amici. Le parolacce di Platinette indignano genitori e spettatori Davvero spiacevole ciò che è avvenuto domenica durante la puntata di “Amici di Maria De Filippi”, in onda in prima serata su Canale 5. Platinette, invitata come ospite e opinionistaesterno della trasmissione, ha apostrofato con il termine “Stronza” e “Brutta stronza” una ragazza del pubblico presente in studio. Parolaccia ripetuta per ben 3 volte a voce alta.Numerose le segnalazioni di protesta che da ieri sera stanno giungendo al Codacons, da parte di telespettatori e genitori amareggiati per le volgarità espresse in diretta tv.“Ci dispiace che Platinette (nella foto), uno dei personaggi più intelligenti e di cultura del panorama televisivo italiano, sia inciampato in questo spiacevole incidente – afferma il Codacons - Ma ci dispiace soprattutto che in una trasmissione diretta ai giovani siano stati utilizzati termini offensivi e diseducativi, creando imbarazzo in molti genitori e telespettatori di ogni età”. “E’ si vero che alcuni termini (e parolacce) sono noti ai giovani – prosegue il Codacons – ma è altrettanto vero che utilizzarli in diretta tv, anche se provenienti da un ospite esterno e non da un membro fisso del programma, equivale ad amplificare una volgarità gratuita di cui nessuno sente il bisogno, soprattutto in una trasmissione ben realizzata e attenta alla sensibilità del mondo giovanile come Amici di Maria De Filippi”.Invitiamo Platinette ad evitare in futuro di utilizzare in diretta tv termini offensivi come quello di ieri e – conclude il Codacons – conoscendo l’intelligenza della persona, siamo sicuri accoglierà l’appello del Codacons e dei tanti telespettatori che si sono rivolti all’associazione.



Fonte Codacons


Ora mi chiedo perchè ci scandalizzi  per una  semplice parolaccia che conoscono anche i bambini di due - tre anni  ? riporto qui  unna lettera scritta al moige  ( uno dei gruppi che ha  promosso la  protesta insieme al codacons   )   in un momento  di  uscita  dai gangheri 

<<

Salve
ho letto sul quotidiano  l'unità  di oggi   ( 28\2\2006 )   il vostro  "  attacco  "  contro la  trasmisssione  pattumiera  ( metaforicamente parlando )  di  amici della de filippi  e contro  platinette  .
Per  le accuse  alla trasmissione concordo con voi   in quanto  quel programma ( setale si può chiamare )  è  un insulto all'intelligenza , alla dignità e allo spirito critico  . Mentre per quel che riguarda   Platinette devo  farvi qualche osservazione  . Infatti  non capisco proprio le vostre  proteste  , per una  parolaccia  (  ce en sono di peggiori e più volgari ) e poi   bisogna vedere il contesto  in cui  l'ha detta  . Invece di  protestare per qualche parolaccia " leggera  ed innocente  ( se ne  sentono anche di  peggio e  di più offensive  )   perchè  invece non protestate  contro quei   genitori   che le  usano  sempre più sproposito   visto che una recentissima  inchiesta   di alcuni psicologi \ psichiatri  fatta tra una fascia di  bambini fra  i  3\8  anni    risulta   che le  parolacce   o   il turpiloquio  (  come lo si voglia chiamare )  le imparano al  70\80  %  in famiglia  .  infatti  porto come  testimonianza  diretta  quella  di  un figlio  di un  mio vicino di casa  che  ha  due\ tre   anni e che  ha detto  come sua  priam  parola  sei  un c...o ,  eppure  i  genitori  sono una famiglia   che ha  fatto la scelta di non avere la tv in casa  .
Un comnsiglio non  condannate solo  la  tv  , ma  fate delle  lezioni  \  corsi  d'istruzione  ad i  genitori : 1) su  come  farla vedere    a propri  figli  o magari di guardare insieme  , ma soprattutto  imparate ai genitori  a  non  guardare detterminati programmi  ( e poi lamentarsi  quando i figli   ripetono  quello che dicono  in essi  ; di spiegare ai figli    cosa  è finto e  cosa  è vero  , perchè  è volgare  e perchè  no  oltre la differenza  fra  la finzione  ela realtà ;  non scaricare  i  figli davanti alla  tv  e  poi lamentarsi per  quello che  guardano e sentono  o pervchè attratti dala pubblicità  cchiedono doi comprare  quei detternati prodotto reclamizzati  o sponsorizzati dagli autori dei programmi contenitori  a loro dedicati   . Fate  come  http://www.megachip.info/  ovvero allenate i vostri figli e voi stessi a  guardare criticamente  la tv   e non  farvi rincitrulalre  e mandare il cervello all'ammasso  con i reality  e  altre  menate varie  sia in rai che in mediaset  che voi  giustamente criticate   .
>>

Meds, Placebo alla carica

Ho appena ascoltato il nuovo album dei Placebo che attendevo, ero, sono marcio di considerare Black Market come il lavoro che ha fatto da colonna sonora a diversi eventi, piacevoli e non... ma sopratutto intensi, questo si. E allora prendo respiro, rimetto le cuffie e lo voglio riascoltare... (lo devo, ho bisogno). E piacevole molto... Brian e sempre lo stesso, loro sono sempre gli stessi, i verse sembrano assomigliarsi per certe canzoni, impostazione vocale? La cosa seria è l'utilizzo di effetti azzeccati, sopratutto i delay e i "noise filters" che danno quel noise che in quest'album non è così evidente come in altri... ( avete presente tutti quei frusci e quelle stecche che non sembrano stecche? le chitarre distorte e contorte così tanto che se ne distingue solo l'armonia latente? Si si, quello! Quel sound è fantastico) Non importa, la carica originale di quest'album c'è, solo a tratti può sembrare buttato così, in memoria dei vecchi lavori. Il ciddì inizia con Meds con una feat. di Alison VV Mosshart (mittica) dei The Kills... e sono 3 miseri minuti molto molto avvolgenti, la chitarra "strimpella" un ritmo fisso e marcato dove tutto poi andrà a parare (verse chorus...) Lei è fantastica, direi la cosa che rende ottima questa canzone (praticamente da colonna sonora) e la rende avvolgente (in questo caso in senso cupo). Infra-Red, il loro classico Rock o la classica song "chorus" dei Placebo, infatti ciò che mi sorprende è la semplicità compositiva di questo gruppo ( ivi compresi gli arrangiamenti), che veramente merita! Tutto ma non Sanremo!!! Lanciatissima da sala, vai DJ! Drag che segue e la mia preferita (fra quelle in tono "allegro" come se si potesse dire allegro con i Placebo, nonostante l'aria melanconica che il loro sound trasmette, forse è solo la voce... li adoro!). Mi dispiace ma non ho commenti su Drag, vi dico solo che mentre l'ascoltavo urlavo già il Chorus "bla bla bla bla while i drag behind, drag behind". Speciale! Space monkey inizia e pensi "ma che cazzo ci fa il reverendo qua, adesso fa le basi ai Placebo?" E' angosciante come è "parlato" il verse ed il chorus è sconfortante Molko raggiunge veramente il massimo della sua capacità interpretativa, mi ha emozionato parecchio. Solito lento alla Placebo con Follow the cops back home, quasi strappalacrime se Brian non sembrasse "falsissimo" (passatemelo) insomma non sembra rendere. Post Blue sembra già interessante, ma strizza l'occhio anch'essa ai vecchi lavori (nel totale, l'intro è da sballo) Contaminazioni da disco russa? Mah!? Terrore morte e distruzione! (Zurli!)o(Cribbio!). Because i want you è...è...è... ritmata?! (non so perchè non mi dica una cippa lippa?) Passabile per riempire un buco ne cd. E finalmente Blind, che atmosfera! Perfetta! Equilibrata in tristezza e dolcezza... Lui, insomma Brian si risveglia dal sonno, o la solita sbronza e si ricorda che è un Cantante e lo sa fare bene, come qui! Uccidete Pierrot the clown! Facciamo che dormo, per un po... Broken Promise mi ha deluso, me l'aspettavo grande invece suona incompleta parte bene ma si arena subito, sob :( Migliora se sentita a spezzoni! One of a kind mi ricorda la mia canzone preferita di Black Market Music... E segue l'angoscia... mi sento catapultato in una notte fredda, poi leggo il titolo nello schermo e faccio "Eh!!!" In the cold light of the morning è angoscia ma non da suicidio, il titolo mi schiaffa in faccia un ricordo devastante la mattina che non è mattina. Ottima. E per chiudere Song to say goodbye una song che era meglio spostare di posizione perché tira ritmicamente, e ti lascia stupito quando capisci che era l'ultima, eri convinto ve ne fosse un altra dopo. Piacevole! Tutto il lavoro è piacevole, nonostante siano sempre i Placebo (come dovrebbe essere) e le canzoni per certi versi odorino di vecchio. Pazienza ho già il cruccio di capire come cazzo faccio ad andare a vedermi i Tool Live, o i Tool o Bonn... è una decisione che non voglio prendere senza essere sbronzo... ehm ehm... buon ascolto!

27/02/06

Senza titolo 1158

se prima  seguivo  " a corrente alternata  " voi per  la tradizione  vuoi  sfuggire ala moia  tv  vuoi  per tenere compagnai a nonni   e perchè  nolenti o  dolenti  ( anche se negli ultimi  5  anni   non  è più cos ) ha fatto  la storia culturale  dell'italia  degli  ultimi  60   50 , seguiro il festival  non solo via  radio  con la  gialappas   ma  anche in tv  ; Inoltre   ne sentirò parlare in paese perchè  c'è  un ragazzo  di tempio ( in realta  è solo d'origine tempiese  )  . ecco qui  la news tratta  da lla nuova sardegna del 26\2\2006 In fatti  questo articolo della  treccani : <<  [..]  Testi domopak La prima impressione è che quest’anno manchi proprio l’acuto (tanto per usare una metafora squisitamente musicale), quel pezzo forte che anche le edizioni più deboli dell’ultimo decennio avevano sempre garantito. Dalla formidabile Italia sì, Italia no di Elio e le Storie tese a Salirò di Daniele Silvestri, dal Timido ubriaco di Max Gazzè a Dimmi che non vuoi morire scritta da Vasco Rossi per Patty Pravo, tanto per limitarsi a qualche esempio. La sensazione netta è, che stavolta più che mai, si tratti in gran parte di testi scritti all’unico scopo di accompagnare la musica col suono delle parole. Testi-domopak prodotti al metro per confezionare melodie che devono scivolare via facili. Parole fatte per imprimersi subito nella memoria, adagiandosi nel calco dei tanti passaggi simili che ognuno di noi ha in mente, e poi essere dimenticate, con la stessa facilità, dopo un mese di programmazione radiofonica.Letti tutti di séguito, i testi di questo Sanremo danno l’idea di un’unica fiction melodrammatica (Orgoglio, mettiamo) porzionata per un consumo più agevole in tante brevi puntate-spot (tipo Camera cafè). Solo che qui c’è poco da ridere: quest’anno, anzi, sembra mancare anche quel filone minoritario della canzone comico-burlesca basata sul gioco di parole e sulla critica di costume di solito presente con almeno un brano (Arbore, Salvi, Paolo Rossi & Jannacci). A meno che non si voglia far passare per tale la canzone di Cristicchi, che invece – lasciata alle spalle la parodia di Biagio Antonacci – è più vicina a certi accenti patetici di Studentessa universitaria. Il dominio assoluto spetta ai toni sentimentali, aggiornati – tutt’al più – da un po’ di giovanilismo: non sarà un caso che l’unico riferimento letterario sia riservato al romanzo culto per adolescenti Tre metri sopra il cielo di Federico Moccia (in Svegliarsi la mattina degli Zero Assoluto).   [,,,]  qui il testo  integrale    >> 








Ecco la 'articolo  un poì troppo campanilismoi  eal limmite dela stuchevolezza   delòa  nuova sardegna  cronaca dioi Olbia Gallura  del 26\2\2005


A Sanremo una voce della Gallura  Thomas Degasperi, tempiese, parteciperà nella sezione dei big
LA STORIA Con gli Zero Assoluto E’ amico di Totti   GUIDO PIGA


TEMPIO. Un pizzico di Tempio sarà presente quest’anno al Festival di Sanremo. Nella competizione riservata ai big, e più precisamente nella sezione dei gruppi, ci saranno infatti gli «Zero Assoluto», un duo di musicisti formatosi in un liceo della capitale che, almeno per la metà, vanta un rapporto molto stretto con Tempio e la Gallura. Oltre a Matteo Maffucci, figlio dell’ex direttore Rai, figura nella formazione Thomas De Gasperi, un ragazzo che in città molti conoscono, perché figlio di uno di un tempiese che è andato a vivere nella Penisola finendo col mettere radici lontano da casa. Thomas ha, comunque, mantenuto sempre vivo il suo rapporto con la città del padre, tanto da trascorrervi parecchio tempo sin da bambino, diviso tra le vie di granito di Tempio e la sabbia di Rena Maiore. La performance sanremese di Thomas sarà seguita con particolare attenzione dai tanti fans galluresi, pronti a intervenire e a farsi valere con il televoto per un’eventuale pronunciamento della giuria popolare. Thomas è uno dei tanti figli di tempiesi che hanno fatto fortuna nella Penisola. Il padre, Gigi, è un imprenditore che si occupa di energie alternative. La zia, Carla, ex preside del liceo Scientifico Sansan, insegnante di lettere, è una donna molto conosciuta in città. Thomas ha però preso una strada diversa, attratto, come è sempre stato, da consolle, ritmi e rime rappeggianti. La sua passione per la musica nasce sui banchi di scuola, quando, insieme all’amico Matteo, scrivono versi in musica per canzonare un po’ i loro insegnanti. Il passo che segue è l’incisione di un primo disco, nel’99, il cui video vede la partecipazione di Francesco Totti, che, interpretando se stesso nel ruolo di un superman del football, devia con una pallonata un meteorite che stava per distruggere il pianeta. I due amici esordiscono come conduttori di un loro programma anche in tv, mantenendo però sempre un piede nel mondo radiofonico. Fondano anche una casa di produzione e, con l’aiuto di Enrico Sognato, Niccolò Fabi e l’ex Almamegretta, Raiz, scrivono e incidono brani che diventano in poco tempo veri e propri successi. Al 56º Festival di Sanremo presenteranno «Svegliarsi la mattina», brano che sarà inserito nel loro secondo album e in cui i due amici raccontano la magia di un innamoramento.


ZERO ASSOLUTO


il  loro  sito  ufficiale
http://www.zero-assoluto.it/


i loro testi
http://musictory.lycos.it/zero_assoluto_3057/









San remo
 http://www.musicaitaliana.com/cercasanremo/
www.festivaldisaremo.com
(è dal 29.10.1998 un sito INDIPENDENTE, non ufficiale, non a scopo di lucro e non associato alla manifestazione nè alla RAI in alcun modo. )




26/02/06

Senza titolo 1157






Nonostante ho detto in precedenza  in questo blog    che non avrei guardato le olimpiadi della neve per detterminati motivi e ho lasciato fraintendere che avrei visto solo gli atleti italiani . Ma non sono riuscito a non vedere la cerimonie d'apertura e di chiusura , il televideo per vedere se l'Italia aveva vinto qualche medaglia  soprattutto le prove anche delle altre nazioni incantato dalla bellezza e dalle evoluzioni del pattinaggio artistico e di figura .
I miei amici \ cdv si sono chiesti da cui è nata questo cambiamento . La risposta è dovuta al fatto che mi piace perdermi sia in senso “ fisico “ \ materiale che spirituale indicato da 1) questo bellissimo articolo di Concita de Gregorio su dweb
n° 488 di questa settimana non ancora disponibile nella versione onlinee  quindoi con tristezza non lo riporto  . 2) da una bellissima canzone che è anche una canzone della mia infanzia ( circa 30 anni fa come passa il tempo ) Azzurro di Adriano Celentano \ Paolo Conte ( 1968 ) qui per chi vuole approfondirne la storia ed il contesto




Cerco l'estate tutto l'anno
e all'improvviso eccola qua...
lei è partita per le spiaggie
e sono solo quassù in città,
sento fischiare sopra i tetti
un aeroplano che se ne va.
Azzurro, il pomeriggio è troppo azzurro e lungo
per me,
mi accorgo di non avere più risorse senza di te,
e allora
io quasi quasi prendo il treno
e vengo, vengo da te,
ma il treno dei desideri,
dei miei pensieri all'incontrario va.
Sembra quand'ero all'oratorio
con tanto sole, tanti anni fa...
quelle domeniche da solo
in un cortile a passeggiar...
ora mi annoio più di allora:
neanche un prete per chiaccherar...
Azzurro, il pomeriggio è troppo azzurro e lungo per me,
mi accorgo di non avere più risorse senza di te,
e allora
io quasi quasi prendo il treno
e vengo, vengo da te,
ma il treno dei desideri,
dei miei pensieri all'incontrario va.
Cerco un po' d'Africa in giardino
tra l'oleandro e il baobab,
come facevo da bambino,
ma qui c'è gente, non si può più:
stanno innaffiando le tue rose,
non c'è il leone, chissà dov'è...
Azzurro, il pomeriggio è troppo azzurro e lungo per me,
mi accorgo di non avere più risorse senza di te,
e allora
io quasi quasi prendo il treno
e vengo, vengo da te,
ma il treno dei desideri,
dei miei pensieri all'incontrario va


 
metto  in  evidenza  un altro  mio  viaggio  (  che  è  ed   vuole anche essere  speriamo  in meniera  chiara e definitiva   anche una risposta   a chi ancora continua nonostante le  FAQ  e  i vari post  a scrivermi e  a  dirmi : 1. che  sono  anti  italiano  e  anti nazionale ,2) a  domandarsi  senza  leggere  minimanente  il  blog    come  faccio a  conciliare  amore  per la mia  nazione  o patria secondo la destra e  a essee  comunista  o di sinistra  e  a far mio  come ho scritto  in  altri post  : << la mia  patria è il mondo intero  , la mia terra  e la libertà   )  dall'odio  verso il nazionalismo  in quanrto lo consideravo  geneneralizzando    allla  base   dellle dittature  in particolare quelle  fasciste  e naziste  ,  per  poi  con approffondimenti  e  studi vari ( fra cui  i siti qui sotto  )   ad odiare solo  l'spetto   dell'uso strumentale  eed estremistico  fattone  dalle dittature   negli ultimi due    secoli  e   che SIC   ancora  continua ad essere usato in questo caso dalla  destra  razzista  ed exenofoba  alleata  in queste  elezioni con  la Cdl ( ovvero il centro destra )  . Per  coloro volessero  approffondire questo argomento  che  ha  avuto  e ha  tutt'ora  notevole importanza  per  la nostria storia nazionale   consiglio questo libro  :
da  Salò ad arcore . la mappa della destra eversiva  di  Saverio Ferrari . Dall''introduzione ( trovate qui il testo integrale ) : << [...] In questo libro di Saverio Ferrari, documentatissimo e rigoroso, troverete dunque l’atlante storico-politico di questo fenomeno, che rappresenta una delle anomalie italiane meno studiate : si tratta della presenza contemporanea nel sistema politico e sociale e nella cronaca nera del nostro Paese di un soggetto eversivo e di una componente politica legale che hanno condizionato,[e  ancora  condizionano vedere l'alleanza  con berlusconi ]  molto al di là del loro peso specifico, a tratti, e con andamento alterno, la nostra storia. Nella stagione dell’oblio e del negazionismo si insiste adesso molto benevolmente sui valori anche “culturali” che i nipotini di Salò avrebbero in qualche modo coltivato [...] >> .
ILO  libro  è  in edicola dal 24 febbraio nelle edicole assieme a “L’Unità” nella collana “Omissis”. Contiene un completo e aggiornato atlante (160 pagine a 5,90 euro) dell’arcipelago dell’ultradestra italiana e la ricostruzione storica dell’albero genealogico-politico delle varie formazioni neofasciste, dal 1945 ad oggi. Per prenotarlo rivolgersi alla rivendita dove abitualmente si acquistano i giornali, inviando conferma dell’avvenuta prenotazione, indicando il numero delle copie desiderate e l’indirizzo della rivendita con un fax al numero 06-58557469






 


LINK
sul nazionalismo  cosa  è   e su come esso sia stato strumetalizzato  dai fascisti e dai nazisti


http://snipurl.com/mymx
http://snipurl.com/myn7
http://it.wikipedia.org/wiki/Nazionalismo



sulle destre   in italia 


http://www.osservatoriodemocratico.org/
http://www.bloggers.it/antifaunipd/

oppure qui  per chi  non trovasse nelle  edicole  o non può comprarlo  il libro  sopra indicato   trova  nel link qua  sotto  news  sui gruppe eversivi della destra italiana 
http://snipurl.com/mzci




 Ed  è  per questo che riporto con commozione ed orgoglio  le medaglie   vinte  alle olimpiadi di torino 2006


Fonte www.ansa.it


Giorgio Di Centa oro nella 50km di fondo



Marta Capurso, Marianna Fontana, Cecilia Maffei, Katia e Mara Zini
bronzo nella staffetta dello short-track




Enrico Fabris oro nei 1500 metri pattinaggio velocita'



Gerda Weissensteiner e Jennifer Isacco bronzo nel bob a due



Valbusa, Di Centa, Piller Cottrer e Zorzi oro nella 4X10 di fondo



Follis, Paruzzi, Confortola e Valbusa bronzo staffetta di fondo



Anesi, Fabris e Sanfratello oro inseguimento pattinaggio velocita'



Plankensteiner e Haselrieder bronzo nello slittino doppio



Armin Zoeggeler oro nello slittino singolo
su


Pietro Piller Cottrer bronzo nella combinata di fondo






Enrico Fabris bronzo nei 5000 metri del pattinaggio di velocita'



concludo sempre in risposta  a quele domande   con questa  canzone  

Wl'Italia ( dui degregori )
Viva l'Italia, l'Italia liberata,
l'Italia del valzer, l'Italia del caffè.
L'Italia derubata e colpita al cuore,
viva l'Italia, l'Italia che non muore.
Viva l'Italia, presa a tradimento,
l'Italia assassinata dai giornali e dal cemento,
l'Italia con gli occhi asciutti nella notte scura,
viva l'Italia, l'Italia che non ha paura.
Viva l'Italia, l'Italia che è in mezzo al mare,
l'Italia domenticata e l'Italia da dimenticare,
l'Italia metà giardino e metà galera,
viva l'Italia, l'Italia tutta intera.
Viva l'Italia, l'Italia che lavora,
l'Italia che si dispera, l'Italia che si innamora,
l'Italia metà dovere e metà fortuna,
viva l'Italia, l'Italia sulla luna.
Viva l'Italia, l'Italia del 12 dicembre,
l'Italia con le bandiere, l'Italia nuda come sempre,
l'Italia con gli occhi aperti nella notte triste,
viva l'Italia, l'Italia che resiste.

Senza titolo 1156


Il voto dev'essere esercitato nella consapevolezza. E' giusto quindi sapere come ha governato la destra per poi, eventualmente, "rinnovargli la fiducia". Ecco quindi i numeri, da fonti imparziali, che ci dicono quanto è costato all'Italia il governo Berlusconi.



PIL (fonte: Eurostat)
2001
+ 1,7%
2005 + 0,2%


ESPORTAZIONI (fonte: Istat)
2001 + 9,2%
2005 - 10,4%


DEBITO PUBBLICO (fonte: Banca d'Italia)
2001 1.348 miliardi di euro
2005 1.542 miliardi di euro


TURISTI DALL'ESTERO (fonte: Fondo Monetario Internazionale)
2001 35.767.000
2005 34.429.000


IMPOSTE DIRETTE E INDIRETTE (fonte: dpef)
2001 3,2 miliardi di euro
2005 4.3 miliardi di euro



INVESTIMENTI STRANIERI IN ITALIA (fonte: Banca d'Italia)
2001 17.787 milioni di euro
2005 13.542 milioni di euro


OCCUPAZIONE (fonte: Eurostat)
2001 + 2%
2005 + 0,9%


OCCUPAZIONE AL SUD (fonte: Istat)
2001 + 2,3%
2005 - 0,3%


SALDO BILANCIA COMMERCIALE (fonte: Istat)
2001 + 9.233 milioni di euro
2005 - 10.368 milioni di euro


STANZIAMENTI PER LE INFRASTRUTTURE ( fonte: Rapporto Ance)
2001 22.250 milioni di euro
2005 18.188 milioni di euro


ITALIANI CHE NON HANNO RISPARMIATO (fonte: rapporto BNL-centro Einaudi)
2001 38%
2005 51,4%


POSIZIONE DELL'ITALIA NELLA CLASSIFICA DELLA LIBERTA' ECONOMICA (fonte: Wall Street Journal)
2001 35°
2005 42°


... e per favore non nascondiamoci dietro il dito della crisi internazionale, del terrorismo, della recessione globale, del buco dell'ozono. Cinque anni sono tanti per governare un'economia e fargli assorbire anche i contraccolpi provenienti dall'esterno. Se non ci si è riusciti sarebbe atto di maturità prendersi le proprie responsabilità. Anche perchè, dare tutta la colpa a fattori esterni sarebbe comunque un'ammissine di incapacità governativa. Della serie: il mondo va storto e noi non sappiamo che pesci pigliare...

Mail a Gesù

 
Caro Gesù, è molto bello ciò che dici e comandi, ma non sei un pò esagerato?
Non ha forse ragione quel papà che diceva a suo figlio dopo la Cresima: "Col catechismo, stop: hai finito di sognare. Ora comincia la vita!"?
Non parlo solo di me o dei miei coetanei, ma di noi tutti, anche del mondo degli adulti, di quelle persone che cioè sono già formate e mature.
Ad esempio, il tuo comando unico, il più importante è: "Amatevi come io vi ho amato": una parola! Tu con i mercanti non andavi d'accordo, invece noi dell'amore abbiamo fatto un fiorente mercato: con l'amore materno vendiamo pannolini, con l'affetto famigliare pasta al ragù.
Tu per amore hai dato fino all'ultima goccia di sangue, da noi l'amore gocciola di "profumi e balocchi". Il tuo è un cammino duro tra una grotta e un colle: il nostro è goderci mari e monti. Il tuo è cingerti i fianchi con un grembiule per lavare i piedi agli amici; il nostro è metterci in tuta per andare a fare jogging. Il tuo è diventare pane per essere masticato; il nostro è la scatola di cioccolatini per la festa del papà o della mamma. Il tuo è piangere con chi piange; il nostro è ridere di chi piange.
Però io so che hai ragione tu, Signore: il tuo esempio, le tue parole mi danno gioia profonda quando riesco a metterle in pratica: ma quanto è difficile e faticoso seguirti anche nelle piccole cose!
Tu hai detto che è beato che crede senza vedere. Ma io sono fragile, sto ancora crescendo. Credo, Signore, ma tu aiutami a credere! Mi piacerebbe tanto vedere, se non fisicamente te, almeno tanti adulti coerenti intorno a me. Invece, faccio fatica a riconoscerti in un mondo in cui l'esodo più importante è quello di agosto, il confessionale più attraente è quello del Grande Fratello; dove il paradiso è il luogo dove gustare il miglior caffè, e le "buone azioni" non sono nobili gesti del cuore ma quelle ben quotate in Borsa.
Perciò scusami molto se spesso assomiglio tanto a Tommaso

http://blog.libero.it/TiAscolto/view.php

Senza titolo 1155

ci provo, adesso.

almeno a vivermi addosso.

25/02/06

Senza titolo 1154

sul portale   web  comunity di www.aaamici.it ho  trovato  scritta  dall'utente leonessa  questa poesia   che iuo dedico a  voi tutti\e  ,  vecchi e nuovi , attivi  op  non attivi 

edicato a chi sa stare appeso ad una nuvola...


Quello che non ti ho detto mai

Non ti ho detto mai
veramente quello che tu sei per me
è difficile spiegare quello che
ti riempie gli occhi e il cuore
e dà senso alla tua vita.
Nessun uomo, sai
e nessuna donna può dividerci
è una palla di cemento oramai
questo nostro sentimento
che stringiamo tra le dita.
Questi giorni sai
belli o brutti sono sempre belli e noi
siamo pieni di incertezze ma ci sei
con le tue carezze, tu...
A volte in mezzo al mare anche noi
rischiamo di affogare dentro ai guai
ci sappiamo consolare, come sai
rimanendo lì distesi
ad occhi chiusi
ad una nuvola appesi.
Io non so se poi
il destino avrà un suo ruolo su di noi
tale da riuscire a separarci o no
ma io prego sin da adesso
che il futuro sia lo stesso.
Ma se un bivio un dì
ci aspettasse per dividerci così
che restassimo da soli
tu già sai che vivrei per aspettarti
io ti proteggerei lo sai
con il vento piano ti accarezzerei
con il primo raggio io ti sveglierei
ed io spero di saperti
lì con qualcuno, che possa amarti.

Senza titolo 1153



Vai  diego  la  tua  ultima puntata a  zombi mi  è piaciuta un casino   soprattutto il monologo finale  ( di cui riporto sotto il testo preso dala nuova sdardegna dio oggi 25\2\2006 )  è   grande  mentre  la difesa di  A.  Santalmassi, un bravo giornalista  ma purtroppo    succube  allle pressioni   è stata  patetica  e sembrava  una scimmia che  si arrampicava  suigli specchi  proprio come una  delle più  attuali canzoni di de andrè 

La  domenica  delle salme

Tentò la fuga in tram
verso le sei del mattino
dalla bottiglia di orzata
dove galleggiava Milano
non fu difficile seguirlo
il poeta della Baggina
la sua anima accesa
mandava luce di lampadina
gli incendiarono il letto
sulla strada di Trento
riuscì a salvarsi dalla sua barba
un pettirosso da combattimento.
I polacchi non morirono subito
e inginocchiati agli ultimi semafori
rifacevano il trucco alle troie di regime
lanciate verso il mare
i trafficanti di saponette
mettevano pancia verso est
chi si convertiva nel novanta
era dispensato nel novantuno
la scimmia del quarto Reich
ballava la polka sopra il muro
e mentre si arrampicava
le abbiamo visto tutto il culo
la piramide di Cheope
volle essere ricostruita in quel giorno di festa
masso per masso
schiavo per schiavo
comunista per comunista.
La domenica delle salme
non si udirono fucilate
il gas esilarante
presidiava le strade.
La domenica delle salme
si portò via tutti i pensieri
e le regine del tua culpa
affollarono i parrucchieri.
Nell'assolata galera patria
il secondo secondino
disse a "Baffi di Sego" che era il primo
si può fare domani sul far del mattino
e furono inviati messi
fanti cavalli cani ed un somaro
d annunciare l'amputazione della gamba
di Renato Curcio
il carbonaro
il ministro dei temporali
in un tripudio di tromboni
auspicava democrazia
con la tovaglia sulle mani e le mani sui coglioni
- voglio vivere in una città
dove all'ora dell'aperitivo
non ci siano spargimenti di sangue
o di detersivo -
a tarda sera io e il mio illustre cugino De Andrade
eravamo gli ultimi cittadini liberi
di questa famosa città civile
perché avevamo un cannone nel cortile.
La domenica delle salme
nessuno si fece male
tutti a seguire il feretro
del defunto ideale
la domenica delle salme
si sentiva cantare
- quant'è bella giovinezza
non vogliamo più invecchiare -.
Gli ultimi viandanti
si ritirarono nelle catacombe
accesero la televisione e ci guardarono cantare
per una mezz'oretta poi ci mandarono a cagare
-voi che avete cantato sui trampoli e in ginocchio
con i pianoforti a tracolla vestiti da Pinocchio
voi che avete cantato per i longobardi e per i centralisti
per l'Amazzonia e per la pecunia
nei palastilisti
e dai padri Maristi
voi avevate voci potenti
lingue allenate a battere il tamburo
voi avevate voci potenti
adatte per il vaffanculo -
La domenica delle salme
gli addetti alla nostalgia
accompagnarono tra i flauti
il cadavere di Utopia
la domenica delle salme
fu una domenica come tante
il giorno dopo c'erano segni
di una pace terrificante
mentre il cuore d'Italia
da Palermo ad Aosta
si gonfiava in un coro
di vibrante protesta.




   Infatti  come dice  questa  anlalisi critica    presa  da  www.viadelcampo.com  : << La Domenica delle salme parla della grande normalizzazione :quel processo intervenuto alla caduta del muro di berlino e che ha portato alla vittoria del pensiero unico capitalista all'americana.Fabrizio immagina un panorama triste e apocalittico che vede prendere il potere un quarto reich e morire ogni forma di resistenza e dissenso nei gazzettieri di regime nei cantanti disimpegnati .Solo lui ed il suo cugino Deandrade si oppongono a quella pace terrificante ma solo perche hanno un cannone nel cortile!!Comunque questo scenario è temperato dal messaggio positivo finale che vede rinascere la lotta sotto forma di cicalio fastidioso che si estende per tutta la nostra penisola!! Profetico ?  >>  .
Ma  ora ultimo monologo trasmesso ieri ( 24\2\2006 )  «Chi ha paura dei poeti?» contestato l’improvviso stop alla trasmissione «Anche la par condicio in questa storia non c’entra per niente»

DIEGO CUGIA 


Cari amici, nemici, zomberos di tutte le età.


Non è facile spiegare quel che neanch’io ho capito. Ho ricevuto da parte della direzione di Radio 24 la notizia che questo programma sarà sospeso. Siamo già da tempo in par-condicio, e abbiamo avuto il benestare del direttore su tutti i copioni, compresi quelli che non andranno più in onda. Quindi, la par condicio non c’entra.
 Naturalmente, anche se già morto, ho lottato contro questa decisione in tutta franchezzae assurda con tutta l’energia vitale di uno zombie. Ho proposto che, fino al 10 aprile, giorno delle elezioni, non solo avrei stralciato ogni e qualsiasi riferimento a parlamentari e partiti. Ma non avrei proprio parlato di politica. Nulla da fare. Così, martedì scorso, ho alzato le mani dal computer in segno di reso e ho smesso di scrivere.
 Ho naturalmente rifiutato la remotissima possibilità di riprendere Zombiesu Radio 24 dopo il 10 aprile. Perché...
 Perché...caro direttore, così come ti ho detto sì tutte le volte che mi hai chiesto qualcosa (non sono un duro e puro e conosco il Paese in cui vivo) e dopo una delle più brutte notti della mia vita, ti rispondo con un fermo, sereno e ragionato «No.» Ricordi la campagna di noi autori e registi contro gli spot assilanti che «interrompevano l’emozione» delle opere?
 Mi stai chiedendo uno spot di puro silenzio lungo quattro settimane, 2000 minuti di nastro che fruscia, un oscuramento cupo e apparentemente inspiegabile. E anche se, come scrivi, le critiche a questa censura sui giornali non durerebbero più di una settimana (meno, aggiungo io, e forse, neppure ci saranno) dimentichi di aver tradito te stesso e la tua autonomia, un tuo autore, e soprattutto un pubblico crescente di migliaia e migliaia di ascoltatori ai quali, dopo 40 giorni di deserto, non puoi dire «Oilà, eccoci tornati, abbiamo scherzato! Siamo indipendenti a corrente alternata». E questo ammesso e non concesso che questo programma l’avresti fatto effettivamente tornare.
 Tu, l’editore e l’editore dell’editore. Zombie non era un programma politico, ma un manifesto poetico in cui si riconosce (e trova sollievo dalla propria solitudine), un pubblico vasto e eterogeneo dai venti ai novant’anni, e di ogni ceto sociale. Quale credibilità avrei più nell’accettare non un piccolo compromesso, ma addirittura un oscuramento totale? Non infrangendo la par condicio il problema è un altro.
 Ti aspetteresti adesso che io dica che Zombie non può vivere in una Radio 24 che ha alle spalle Confindustria. Invece io sono proprio convinto del contrario. È proprio la nostra piccola grande industria, i dirigenti, gli operai, gli impiegati, i manager, che in Italia hanno bisogno di una ventina di notizie senza guinzaglio, di poesia, di musica e di libertà. Hanno bisogno di alzare la testa, di guardare oltre i confini, e di ritrovare se stessi, e con la dignità, voglia di darci dentro e lavorare. Il Paese delle idee è fermo. E questo contagia il Paese della produttività. Il sogno collettivo è un ricordo degli Anni del boom. I lavoratori italiani, tramontate tutte le utopie, subiscono dalla Tv il meno che c’è. Un finto pieno, com’è finto il benessere, in realtà un vuoto reazionario, sì, un vuoto pericolosissimo, soprattutto per le piccole e grandi imprese.
 Zombie poteva e doveva vivere proprio qui, a Radio 24 il Sole 24 ore, senza essere mai interrotto da nessuno, perché era un piccolo spazio di libertà creativa, e perché non ha infanto la legge. Interrompendolo s’interrompe la fiducia. Fra te e me, direttore. Fra gli ascoltatori e Zombie. Ma tu, direttore, sei stato irremovibile, mi ha dato del sordo che non vuol sentire, e ci sospendi. Fallo a testa alta e guardandomi negli occhi. Io ti sto rispondendo a viso aperto con la testa un po’ reclinata (perché mi stai facendo molto male) ed entrambi sappiamo che tu solo, da domani, avrai un microfono per spiegarti. Ma io so che non ne approfitterai. Perché non puoi fingere che non è stato commesso un errore. Questo piccolo programma ha importato il malessere che cova sotto le braci, e lo trasforma in qualcosa di più creativo, e non più di auto-distruttivo. Era una piccola sveglia. A volte, lo capisco, le sveglie irritano e fanno male, ma sono sempre salutari. Invece c’è chi preferisce puntare su questo lungo sonno. Sul letargo. Sul vuoto. Ma va bene così, ho vissuto un solo mese, e da morto. E mi risolleverò da questa ennesima porcata: quella di chi gestisce, male, e con la benda sugli occhi, il sistema della comunicazione e dell’informazione in Italia. Al diavolo i presunti martiri. Così va il Paese, bellezza!
 Ringrazio prima di tutto il mio ottantacinquenne amico Franco Rispoli, giornalista professionista, tutto ringalluzzito perché non gli capitava più dal Ventennio di essere censurato, e i giornalisti Andrea Purgatori che ha di nuovo rimbalzato contro il muro di gomma di questo tremolante e smarrito Paese, Valeria Serra, giornalista freelance dagli oceani e dal sud del mondo, Stefano Micocci, primo collaboratore, che di musica è un enciclopedia vivente, Luciano Francisci che ha realizzato tecnicamente e musicato dolcemente le mie parole, il ventiquatrenne Gabriele Pilicardo che aveva appena iniziato a fare pratica d’autore. E naturalmente voi tutti, un pubblico vastissimo, dai quindici ai novant’anni, trasversale, vagabondo, poetico e senza etichette, oltre ogni stupido vicolo cieco Sinistra/Destra, che mi aspettava da tre anni di censura della radio pubblica, e si è rifatto vivo con una tempestività struggente.
 Grazie, mi dispiace davvero che sia durata così poco. Avevo una montagna di cose da dirvi e da darvi ma non possiedo una radio nazionale (a proposito, c’è qualcuno che ci ospita? Non siamo barbudos, siamo professionisti intelligenti e per bene, ci facciamo la doccia tutte le mattine e abbiamo i nostri bravi pantaloni grigi e i golfini blu) oppure magari, chissà potrei attrezzarmi come uomo-sandwich, e battere pianure e città con una lampadina rotante e in testa, un megafono e l’organetto.
 Al gruppo Sole 24 ore-Confindustria e a Giancarlo Santalmassi, direttore di Radio 24, che avevo già ringraziato pubblicamente per avermi ridato la libertà di esprimermi, lascio un punto interrogativo alto come l’Everest. E a tutti voi la Guerra di Piero di Fabrizio De Andrè, e un segno sulla fronte, un marchio azzurro per riconoscerci la prossima volta, una piccola zeta, che in greco antico vuole dire è vivo. Alla prossima, speriamo un po’ più lunga e meno tribolata trasmissione. Grazie a tutti!


  con la speranza  che  rimanga  coerente  con questo suo ploclama  e  non  sia  tutta  una sceneggiata  per poi ritornare   dopo le  elezioni  come  sospetta  http://giornalettismo.splinder.com/



Senza titolo 1152

Dopo Chiara , Andrea e Giovanni ...
E' NATO STEFANO !!!
Auguri dai nonni Lorenzo (io) e Alba !!!!
Calma un attimo : Chiara, Andrea e Giovanni sono della nostra  figlia più grande ...
Stefano è il loro cuginetto, nato dalla nostra seconda figlia ... ;-))

24/02/06

Senza titolo 1151

da questi due siti http://www.articolo21.info/ e dal sito http://www.pandemia.info/  ma  prima della  in questione news eccovi   la  colonna  sonora di questo post



La guerra di Piero Fabrizio de André


Dormi sepolto in un campo di grano
non è la rosa non è il tulipano
che ti fan veglia dall'ombra dei fossi
ma son mille papaveri rossi
lungo le sponde del mio torrente
voglio che scendano i lucci argentati
non più i cadaveri dei soldati
portati in braccio dalla corrente
così dicevi ed era inverno
e come gli altri verso l'inferno
te ne vai triste come chi deve
il vento ti sputa in faccia la neve
fermati Piero , fermati adesso
lascia che il vento ti passi un po' addosso
dei morti in battaglia ti porti la voce
chi diede la vita ebbe in cambio una croce
ma tu no lo udisti e il tempo passava
con le stagioni a passo di giava
ed arrivasti a varcar la frontiera
in un bel giorno di primavera
e mentre marciavi con l'anima in spalle
vedesti un uomo in fondo alla valle
che aveva il tuo stesso identico umore
ma la divisa di un altro colore
sparagli Piero , sparagli ora
e dopo un colpo sparagli ancora
fino a che tu non lo vedrai esangue
cadere in terra a coprire il suo sangue
e se gli sparo in fronte o nel cuore
soltanto il tempo avrà per morire
ma il tempo a me resterà per vedere
vedere gli occhi di un uomo che muore
e mentre gli usi questa premura
quello si volta , ti vede e ha paura
ed imbracciata l'artiglieria
non ti ricambia la cortesia
cadesti in terra senza un lamento
e ti accorgesti in un solo momento
che il tempo non ti sarebbe bastato
a chiedere perdono per ogni peccato
cadesti interra senza un lamento
e ti accorgesti in un solo momento
che la tua vita finiva quel giorno
e non ci sarebbe stato un ritorno
Ninetta mia crepare di maggio
ci vuole tanto troppo coraggio
Ninetta bella dritto all'inferno
avrei preferito andarci in inverno
e mentre il grano ti stava a sentire
dentro alle mani stringevi un fucile
dentro alla bocca stringevi parole
troppo gelate per sciogliersi al sole
dormi sepolto in un campo di grano
non è la rosa non è il tulipano
che ti fan veglia dall'ombra dei fossi
ma sono mille papaveri rossi.







RADIO24: CHIUSURA PER ZOMBIE DI CUGIA








Chiusura per una scelta assurda secondo Diego Cugia alias Jack Folla; 'no comment' del direttore  Giancarlo Santalmassi che pero' ad un ascoltatore spiega che la par condicio non c'entra e la sospensione di 'Zombie', la trasmissione radiofonica scritta e condotta da Diego Cugia, e' per poter parlare di problemi reali durante la campagna elettorale. Chiusura o sospensione? ''In un primo tempo - racconta Cugia - Santalmassi ha parlato di sospensione del programma per un periodo di quaranta giorni cioe' fino al 10 aprile. Credo pero' che la par condicio non c' entri nulla. Mi sembra piuttosto una scelta assurda e incomprensibile. Perche'? Francamente non lo so. Posso semplicemente esporre i fatti: quindici giorni mi fa ha chiamato Santalmassi per dirmi che avrebbe preferito leggere i copioni e verificare direttamente il rispetto della par condicio. Nuova telefonata tre giorni fa per riferirmi che il  programma avrebbe chiuso in ogni caso. Poi, giovedi' scorso un lungo articolo del 'Corriere della Sera': secondo il direttore si parlava troppo di me rispetto ai problemi del Paese...Viste   le motivazioni e' chiaro che non c'e' alcuna assicurazione a farmi riprendere il programma dopo un eventuale stop. In ogni caso, pur di andare avanti avevo garantito che non avrei piu'parlato di politica''.





Il direttore Santalmassi non vuole dire nulla, ma sul sito Internet di Cugia, un ascoltatore ha inserito una risposta che gli ha inviato Santalmassi dove spiega: ''Voglio togliere ogni pretesto per parlar d'altro nel Paese. Che si dedichi un articolo di sette colonne a Zombie (Il Corriere della Sera giovedi' scorso, ndr) e altre colonne a Cornacchione, Fede, o se e' meglio La Rosa o Vespa come conduttori del faccia a faccia,e' un modo per far parlare d'altro nel Paese. Che invece di problemi seri di cui discutere ne avrebbe''. ''Il programma che lo sostituira' - annuncia il direttore rispondendo all'ascoltatore - e' l'Italia che vorrei. Per discutere con tecnici di alto valore ... che cosa sarebbe meglio fare per far funzionare la giustizia, il rientro dal debito, la




competitivita'... E' scandaloso fare questo, sapendo che i pretesti si trovano sempre? E' scandaloso riprendere lunedi' 10 aprile alle 14 (si chiudono i seggi, si aprono le urne, e Zombie  torna a parlare)? Per me no, anzi: un bello smacco per chi vuole l'imbavagliamento''.


Intervista con l’autore
di Salamandra





Come mai hanno deciso a Radio 24  di chiudere la tua trasmissione Zombie?Dai fastidio a qualcuno?
“Dare fastidio a qualcuno è probabile. Se uno esprime libere opinioni è inevitabile andare a cozzare le libere opinioni di un altro. Ma da questo a diffamare , offendere, o scandalizzare ce ne corre. Il programma doveva durare un anno e il contratto prevedeva oltre 200 puntate. E’ stato interrotto alla 35esima, nonostante gli ascolti sempre in crescita e valanghe di telefonate ed e-mail. Buffo no?”
Ma anche in una radio privata si cerca di estendere un concetto del tutto particolare della par condicio?
“Ti stoppo subito! E’ lo stesso direttore della radio, Santalmassi, a dichiarare che io rispettavo la par condicio. A non essersi sentito rispettato è probabilmente qualche potere forte, che in questo bailamme elettorale ne approfitta per azzittire una voce libera.”
Ora cercherai di emigrare da qualche altra parte?
“Sono un laico, ma mi sento come un “clericus vagans”. Ho sempre la valigia  pronta e mi sono anche un po’ stufato.”.
Al padre di Jack Folla, che evadeva da Alcatraz, cosa resta da fare in questo regime mediatico berlusconiano?
“Continuare a resistere esprimendo tutto il proprio dissenso da un sistema dell’informazione scioccamente bendato. E’ chiaro che, se neanche una radio privata regge più il peso delle libere opinioni , resistere è sempre più difficile. Ma mai abbassare la testa.”


faccio mio  la proposta  di mailbombig  a : 


Ma c'è uno spiraglio... forse, chi  sa   se Radio24 ( info@radio24.it ), il suo direttore Giancarlo Santalmassi ( vivavoce@radio24.it ) e Diego Cugia ( zombie@radio24.it ), riceveranno una valanga di email di protesta - i primi due - e di solidarietà, forse Zombie ( http://www.radio24.ilsole24ore.com/ ) non chiuderà domani...

(da www.corriere.it)

Allora forza con le mail. Che gli zombie escano dai loro sepolcri e facciano sentire la laro voce.
per chi  volesse seguirlo  e continuiare  a  volare con lui


può farlo qui


www.diegocugia.com (  sito ufficiale  )


www.testedatagliare.it 
www.zomberos.splinder.com

Senza titolo 1150


photoforum.ru


Il senso della vita


Compongo le mie fantasie
dò vita ai miei fantasmi
  che adesso fluttuano vaghi
come piume agitate
dal tocco delicato della brezza
di una primavera non ancora cominciata.
Si susseguono le stagioni,
l’amore  per te
riacquista la propria indifferenza.
Sei assente dalla mia realtà,
lontano  dalla mia consapevolezza di donna.
Sei... svanito
senza  lasciare aridità
ma... calore...
turbamento...
nuova gioia di offrire amore...passione
Niente rimpianti
Ma... piacere
per ciò che ho guadagnato:
il reale senso della vita.


 Silvana

23/02/06

Senza titolo 1149

L'immagine “http://www.infolav.org/allegati/3/5314_foca_cucciolo_big.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.


“Consideriamo demagogico assimilare lo sterminio di milioni di foche al nobile interesse della protezione dell’ambiente!”. Questo il commento di Roberto Bennati, al quale mi associo, responsabile nazionale della LAV, alla dichiarazione rilasciata ieri dai vertici dell’AIP (Associazione Italiana Pellicceria) che commentava gli atti annunciati tre giorni fa dal Vice Ministro alle Attività produttive con delega al Commercio Estero, Adolfo Urso, contro l’import di pelli di foche.
La LAV ricorda che il più grande sterminio di mammiferi marini sul pianeta è esclusivamente dovuto alla caccia commerciale per la produzione di pellicce, dal momento che la quota di cattura fissata con piani pluriennali dal Governo canadese è totalmente destinata a tale produzione, e non, come sostenuto dall’AIP, per salvaguardare la popolazione di merluzzi.
Bisogna dare più risalto a gente come Giorgio Panariello che invita tutti i partecipanti al Festival di Sanremo a non indossare pellicce.
E’ un messaggio importante, che speriamo venga raccolto da tutti nel rispetto della sensibilità crescente di molta parte dell’opinione pubblica verso gli animali, che Panariello ha più volte dimostrato di amare profondamente.
La LAV ricorda che ogni anno nel mondo circa 44 milioni di animali (volpi, visoni, conigli ma anche cani e gatti, ecc.) sono orribilmente uccisi per confezionare pellicce. Negli ultimi mesi la LAV ha reso pubblico un agghiacciante documentario sui barbari metodi di allevamento e uccisione di animali da pelliccia in Cina, dove gli animali non hanno neppure minime tutele e vengono addirittura scuoiati vivi, ed ha recentemente raggiunto un importante risultato contro la caccia alle foche, grazie alle misure restrittive contro l’importazione e la commercializzazione di pelli, pellicce e derivati di foca, annunciate dal vice Ministro Urso.

Senza titolo 1148









In questi giorni ho ricevuto email ed sms in cui mi s'accusa di : 1) difendo i terroristi perché in un dibattito fra amici ho detto di non biasimare le posizioni ferrando su nassyria e che  sono come quelli  che duurante la manifestazione  per la resistenza irachena    hanno gridato lo slogan :<<  10...100...1000 nassyria ; 2) sono filo mussulmano ; 3) che nel post in cui parlavo delle foibe  fra le barbarie del secolo scorso non ho citato i Gulag sovietici e le barbarie del comunismo .4) che sono nostalgico e troppo legato al passato-
Iniziamo dall''ultima anzi dalle ultime due che sono collegate che è quella che mi è più congeniale e fa emergere in me la contraddizione a quanto ho detto in alcuni precedenti post .Lo so che ho detto nei precedenti post che non devo accettare provocazioni e seguire alal lettera il detto Dantesco : << non ti curar di loro ma guarda e passa ( Inferno
III, 51) >> e che cosa che puntualmente faccio cancellare tali email ed sms ma stavolta non ci riesco . Infatti mi sconforta nel vedere ( oltre che nel leggere ) che c'è gente che ha mandato io cervello all'ammasso e che dà retta ( ci sono passato anch'io ) al primo che canta e accetta passivamente tutto quello che la TV e la propaganda gli propina facendogli credere che i nazi fascisti sono uguali ai comunisti oppure tende a sminuire i primi a scapito dei secondi o ad ingigantire gli ultimi a cancellare gli altri . Inoltre nel post precedente non ho parlato dei gulag perché senza per questo nulla togliere alla brutalità che esso hanno rappresentato con gi altri crimini non devono essere paragonati o messi sullo stesso piano . Dal ng it.cultura.storia : << Così, al volo: tra i gulag sovietici non risultano esserci stati campi di sterminio come invece c'erano tra i lager nazisti, e non c'è traccia di camere a gas. I gulag sovietici formalmente erano campi di lavoro e rieducazione (dico formalmente, perché poi alcuni erano *nella pratica* dei campi di sterminio, per mezzo del lavoro massacrante e delle malattie, vedi ad esempio i campi della Kolyma o delle isole Solovki). Certe dinamiche, però, sembrano identiche: mi fece molta impressione leggere del trasporto dei prigionieri verso i gulag caricati su vagoni bestiame. Sembrava d leggere qualche racconto sulle deportazioni naziste. Ad ogni modo ho trovato questo sito  qui >> o << una differenza relativamente significativa e' lo status legale. i gulag derivavano dai precedenti campi di lavoro della russia zarista e facevano quindi parte del sistema giudiziario e penale russo prima e sovietico poi. i lager erano fuori dal sistema giudiziario/penale tedesco. furono fondati dal partito e gestiti dalle SS. ;>> . ; e dalla dalla famosa enciclopedia no profit wikipedia : << La differenza fra il lager ed il gulag  staliniano [ quello più citato da chi vuole mettere sullo stesso piano \ equiparare le due dittature ] è insita nel fatto che all'interno del regime staliniano si dovevano distinguere tre sistemi più o meno indipendenti. Anzitutto, c'erano gli autentici gruppi di lavoro coatto che vivevano in relativa libertà ed erano condannati a periodi limitati di detenzione (elemento del tutto alieno ai Kz nazifascisti). Poi, c'erano i campi di concentramento in cui il materiale umano era sfruttato senza pietà ed il tasso di mortalità era molto elevato, ma che erano organizzati essenzialmente per scopi di lavoro (il concetto di guadagno dai detenuti relativamente ai kz era assai più complicato e ancora dibattuto). Infine, c'erano i campi di annientamento in cui gli internati erano sistematicamente eliminati dalla denutrizione e dalla mancanza di cure (per questo siamo assolutamente vicini al concetto di campo di sterminio nazista). La differenza è insita, dunque, nell'organizzazione, nell'idea per cui si uccide, nel luogo fisico in cui si uccide, anche nella lingua o nel silenzio con cui si uccide.Ma, è inutile, e stupido, voler cercare necessariamente una differenza qualitativa o quantitativa fra i due regimi totalitari. Non esiste un migliore e un peggiore fra i due. Non si può favoreggiare uno piuttosto che l'altro (e con il termine favoreggiare vorrei rimandare al reato di favoreggiamento).Ma, è inutile, e stupido, voler cercare necessariamente una differenza qualitativa o quantitativa fra i due regimi totalitari. Non esiste un migliore e un peggiore fra i due. Non si può favoreggiare uno piuttosto che l'altro (e con il termine favoreggiare vorrei rimandare al reato di favoreggiamento). Ma poiché ancora molte persone in buona fede e in mala fede continuano a mettere sullo steso piano le due aberrazioni , facciamola una volta per tutte questa distinzione.
Riporto da questo sito  http://www.netverbum.it/numero11.htm non più,SIC,aggiornato  ma  utile  perchè risponde ai problemi del mondo con il metodo della contaminazione culturale  
<<


Nel tentativo di capire meglio cosa fosse il campo di sterminio, la prigionia dura, la perdita della libertà per motivi che non fossero legati alla criminalità, mi sono inoltrato in un percorso di letture "parallele". Ho dunque letto 'Una giornata di Ivan Denisovic' di Alexander Solzenicyn per tracciare un parallelo con un'altra tipologia di lager (il gulag) appartenente a questo secolo e 'Le mie prigioni' di Silvio Pellico per trovare delle caratteristiche comuni fuori dal tempo. Innanzitutto tutte e due le opere hanno in comune con quella di Levi l'assenza di toni forti, di rancore o di rivalsa verso i propri aguzzini ma, al contrario, si pongono come rigoroso racconto, più cronologico Solzenicyn, più riflessivo il Pellico, nel tentativo di dare una panoramica, scevra da ogni eccesso di cosa sia il vivere in condizioni estreme per mano dell'uomo.


Una giornata di Ivan Denisovic di Alexander Solzenicyn 


Il libro, a differenza di 'Se questo è un uomo', è la cronaca di una sola giornata, anche se di una giornata-tipo di un internato nel gulag. La vita non è meno dura di quella di Auschwitz, il freddo è forse ancora più intenso ma vi sono aspetti che vale la pena valutare col dovuto distacco:




  • Analogie




lavoro duro in condizioni estreme


code per ogni occasione, meno che per l'infermeria nel gulag


furti fra concaptivi


recupero di oggetti, che una volta lavorati, possono essere scambiati


borsa nera


durezza dei rapporti con i carcerieri


rispetto dei "mestieranti"


morte frequente degli internati




  • Differenze




morte accidentale nel gulag, unica destinazione nel lager


detenzione destinata a soggetti condannati nel gulag, internamento indiscriminato, nel nome della razza nel lager, che portò allo sterminio anche di donne e bambini


abbigliamento adeguato nel gulag per le temperature estreme, del tutto insufficiente nel lager


razioni di pane accettabili nel gulag, da fame perenne nel lager


dialogo fra concaptivi che parlano la stessa lingua nel gulag, dialogo impossibile nella babele di nazionalità del lager


carcerieri "professionisti" (militari) nel gulag, carcerieri improvvisati (delinquenti della peggiore specie) nel lager


una soglia minima, malgrado tutto, di umanità e solidarietà nel gulag fra concaptivi, nel lager la solidarietà era impossibile


possibilità di ricezione di posta e pacchi da casa nel gulag, assoluta separazione dal mondo civile e totale chiusura di ogni rapporto con esso nel lager





Come si vede le differenze superano le analogie in favore del gulag, ove (come Levi stesso ebbe a osservare) si entrava per condanne assurde, pesanti, inflitte con criminale leggerezza, ma che prevedevano pure una fine. Invece nel campo di sterminio nazista, per definizione, l'unico obiettivo era la morte dell'internato, o subito tramite la camera a gas, o successivamente per stenti e consunzione nei campi di lavoro. Ma la differenza più grande che mi preme sottolineare è che nel gulag si entrava per condanna, cioè per un fatto certo, nel lager per il solo fatto di esistere, ma lo sconcerto maggiore è che nel lager venivano internati bambini, donne, vecchi sui quali si conducevano orribili esperimenti. Se il gulag fu l'abominio di un'ideologia, il lager fu l'abominio dell'uomo, per questo non regge il confronto fra i due abissi, sono su un livello totalmente diverso e chiunque li equipari compie un oltraggio verso la sofferenza umana.
>>


quella  sulla  nostalgia 


Si è vero sono nostalgico . ma meglio la nostalgiao  una  memoria  labile che un  usoi strumentale della memoria  ovvero  che vivere senza memoria e quindi senza identità e quindi    divcentare  ;:  << chi non ha memmoria non ha  futuro  >> . E poi mi da fastidooooo  vedere gente che fa un uso strumentale della memoria . con questa canzone di un cantante morto nell'ottobre di 4 anni fa capirete perché certe cose sono ancora attuali e non devo essere dimenticate


EPPURE SOFFIA [Pierangelo Bertoli - A.Borghi] (puoi trovare una traccia audio qui


E l'acqua si riempie di schiuma il cielo di fumi
la chimica lebbra distrugge la vita nei fiumi
uccelli che volano a stento malati di morte
il freddo interesse alla vita ha sbarrato le porte

un'isola intera ha trovato nel mare una tomba
il falso progresso ha voluto provare una bomba
poi pioggia che toglie la sete alla terra che è vita
invece le porta la morte perché è radioattiva
Eppure il vento soffia ancora
spruzza l'acqua alle navi sulla prora
e sussurra canzoni tra le foglie
bacia i fiori li bacia e non li coglie
Un giorno il denaro ha scoperto la guerra mondiale
ha dato il suo putrido segno all'istinto bestiale
ha ucciso, bruciato, distrutto in un triste rosario
e tutta la terra si è avvolta di un nero sudario
e presto la chiave nascosta di nuovi segreti
così copriranno di fango persino i pianeti
vorranno inquinare le stelle la guerra tra i soli
i crimini contro la vita li chiamano errori
Eppure il vento soffia ancora
spruzza l'acqua alle navi sulla prora
e sussurra canzoni tra le foglie
bacia i fiori li bacia e non li coglie
eppure sfiora le campagne
accarezza sui fianchi le montagne
e scompiglia le donne fra i capelli
corre a gara in volo con gli uccelli
Eppure il vento soffia ancora!!!





Veniamo alle altre domande .


Quella su nassyria


Provo pietà ma non lutto . perché sono stati mandati a morire . Perché la loro presenza non era un'operazione di pace , ma una missione di guerra . E che la bomba era stata messa perché rappresentano una forza d'occupazione è un atto di guerra . Condanno ogni forma di terrorismo , vedere i post sugli attentati di Madrid e di Londra e condanno quelli in Iraq e in qualunque altro lòuogo   ovviasmente  quando le forze d'occupazione lo permettono contro i civili ( perché anche se dettati da una lotta contro un occupante ) non giustificano la loro causa , non sono soldati ma solo civili .Quelle persone  sono solo degli invcivili   e  gente senza rispetto  perchè  si può condannare  la causa  per cui quelle persone sono morte  o  come in questi casi  sono  state mandate a morire   , ma  i morti  vanno rispettati non insultati e dileggiati   con tali slogan  imbelli






Che sono filo mussulmano


come ho già detto nelle faq e in altri post io tutto io niente e soprattutto non posso dirmi solo cristiano ( per parafrasare padre Balducci ) . per ripresentare meglio questa mia opinione riporto una canzone ( mi pare già riportata anche nel blog da altri utenti ) Immagine di J.Lennon





Imagine there's no heaven
It's easy if you try
No hell below us
Above us only sky
Imagine all the people
Living for today...
Imagine there's no countries
It isn't hard to do
Nothing to kill or die for
And no religion too
Imagine all the people
Living life in peace...
You may say I'm a dreamer
But I'm not the only one
I hope someday you'll join us
And the world will be as one 
Imagine no possessions
I wonder if you can
No need for greed or hunger
A brotherhood of man
Imagine all the people
Sharing all the world...
You may say I'm a dreamer
But I'm not the only one
I hope someday you'll join us
And the world will live as one


Immagina non ci sia il Paradiso
prova, è facile
Nessun inferno sotto i piedi
Sopra di noi solo il Cielo
Immagina che la gente
viva al presente...
Immagina non ci siano paesi
non è difficile
Niente per cui uccidere e morire
e nessuna religione
Immagina che tutti
vivano la loro vita in pace..
Puoi dire che sono un sognatore
Ma non sono il solo                                                                                                Spero che ti unirai anche tu un giorno
e che il mondo diventi uno...
Immagina un mondo senza possessi
mi chiedo se ci riesci
senza necessità di avidità o rabbia
La fratellanza tra gli uomini
Immagina tutta le gente
condividere il mondo intero...






per  chi volesse  approffondire   l'argomento che  ha dato  origine ai post  eccovi de link e dei collegamenti ipertestuali  tratti da  questo portale http://it.wikipedia.org/wiki/Gulag









Trovati da me




con  questo è tutto   alla  prossima 

 N.B 
la  foto  messa all'inizio è  una forma  d'autoironia , insomma  ,  dedicata  a me stesso e  a chi come me   si fà  le  seghe mentali ( come in questo caso  )  non c'entra niente con nassyria  , il riferimento era  involontario  e casuale  infatti  l'ho trovata  cercardo nassiruia   congoolge foto  anzi  che nassyria  .