Visualizzazione post con etichetta informazione. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta informazione. Mostra tutti i post

05/12/12

informazione malata e pruriginosa

tira di più un pelo di figa \ fica ( o di cazzo cosi facciamo par condicio smiley  ) che un bambino del sud del mondo che muore di stenti . Scusate lo sfogo , contro gli alti numeri di visite al post del mio blog in cui parlo del film di sara  tommasi   niente d'eccezionale ne ho visto di meglio   infatti  Valentina Nappi e  Rocco Siffredi  due  autorità del hard , attrice la prima  e  attore ora regista  il secondo  ,  lo hanno  criticato  e stroncato perchè

E se alla sua età le difetterà la competenza
presto affinerà le capacità con l'esperienza
dove sono andati i tempi di una volta per Giunone
quando ci voleva per fare il mestiere anche un po' di vocazione.





o delle alte visite alla 4 puntata della mia guida di come sopravvivere al natale e le  sue  feste    di quest'anno  in cui parlo e  do dei consigli per un natale sex ( vedere post  precedente   ) che post in cui si denuncia questo schifoso dualismo fra i ricchi e i poveri fra Nord e sud del mondo

14/08/12

Politici di PDL, Sel e M5S pagano giornalisti per farsi fare interviste "accomodanti" in TV

ricollegandomi al post precedente ecco le cose importanti a cui mi riferisco . Ora non ricordo la fonte  mi pare  sia http://isegretidellacasta.blogspot.com/ , cose che capitano quando s'invecchia  smiley   si è  iscritto a molte cose per avere una informazione a 360° antidoto ai complottisti e alla disinformazione come afferma il n. 322, bimestrale di Martin Mystere - foto  a destra - ,    Congiura nei cieli ( Soggetto e sceneggiatura: Carlo Recagno- Disegni: Esposito bros - Copertina: Giancarlo Alessandrini )  







Politici di PDL, Sel e M5S pagano giornalisti per farsi fare interviste "accomodanti" in TV

Un tempo i giornalisti avrebbero speso milioni di vecchie lire per un'intervista esclusiva ai politici con la P maiuscola, ma Aldo Moro, Sandro Pertini, Enrico Berlinguer, non avrebbero mai preteso una lira.
Oggi, nel degrado totale della casta politica attuale, i ruoli si sono invertiti: ora sono i politici che sono disposti a pagare migliaia di euro pur di trovare un giornalista disposto ad intervistarlo in modo accomodante.
E' la nuova frontiera del teatrino della politica, dopo lo pseudo-giornalismo scodinzolante dei salotti televisivi alla Bruno Vespa. 
Lo scandalo che ha coinvolto i consiglieri regionali emiliani di Pdl, Sinistra e Libertà, Lega Nord, Movimento 5 Stelle e due emittenti locali "è-tv" e "Gold 7" - è ancor più grave perchè i soldi pagati dai politici non vengono tirati fuori dai loro portafogli ma dalle nostre tasche, per la precisione dai 3,8 milioni annuali che i partiti si prendono dal bilancio regionale e si spartiscono sotto la dicitura "Fondi per il funzionamento dei gruppi consiliari". 
Il tutto con regolare fattura emessa che, in modo truffaldino finisce sotto la voce "Spese di Propaganda": i telespettatori pensano di assistere ad una trasmissione di approfondimento e dibattito politico, in verità si tratta di uno spot propagandistico "camuffato". Lo scandalo è stato denunciato da una consigliera regionale di rifondazione comunista, Monica Donini, che si è vista recapitare per mail un tariffario di prezzi da un'emittente televisiva.

L'Associazione Stampa Emilia-Romagna esprime“indignazione per i comportamenti irrispettosi dei vincoli deontologici e contrattuali tenuti da giornalisti radiotelevisivi del nostro territorio che  si sarebbero prestati a fare interviste a pagamento e a ospitare, in contenitori giornalistici come la rassegna stampa, esponenti politici dietro corresponsione di denaro”.
Il sindacato regionale dei giornalisti invita, quindi, l’Ordine ad aprire “un’inchiesta su di un sistema che, se confermato, non può essere definito solo un malcostume in quanto mina le basi della nostra professione, la deontologia, la credibilità del nostro lavoro nei confronti del pubblico. E' la prima volta che esponenti politici di quasi tutti gli schieramenti ammettono di avere utilizzato soldi pubblici per interviste o «comparsate» in contenitori televisi di chiaro stampo giornalistico”.
“Non altrettanto chiaro per i telespettatori, era il fatto che si trattava di interventi di tipo propagandistico. Sarebbe gravissimo se passasse il messaggio che le dichiarazioni dei politici in tivù e sui giornali sono frutto di accordi mercantili e non di libere scelte della redazione”.
L’Assostampa Emilia Romagna invita, pertanto, "l’Ordine dei giornalisti ad accertare la realtà dei fatti e, in caso di conferma, a prendere provvedimenti disciplinari nei confronti dei direttori delle testate e dei giornalisti che hanno violato le regole della deontologia professionale e del Contratto di lavoro”.



11/06/09

Lettera agli amici

I tempi della profezia sono maturi

Nella Bibbia quando Dio vuole mandare un castigo al suo popolo, gli toglie «la Parola» e la siccità diventa sinonimo di mancanza di profeti e profezia. Quando invece vuole benedire il suo popolo, manda i profeti e la Parola scorre come la pioggia e ne impregna tutta la terra. Il profeta Gioele (sec. IV a.C.) annuncia che l’era messianica vedrà una abbondanza straordinaria di profezia: «Sopra ogni carne effonderò il mio Spirito. I vostri figli e le vostre figlie profeteranno, i vostri vecchi avranno dei sogni, i vostri giovani vedranno visioni»(Gl 3,1). Questo testo  non distingue tra Israeliti e non Israeliti (credenti e atei), ma afferma che lo spirito di profezia sarà effuso su tutti: «su ogni carne».
Pensavo a queste parole profetiche, quando lessi l’e-mail di Maurizio Chierici il quale mi comunicava che oltre tre mila persone in quattro giorni avevano letto la mia «Lettera aperta al cardinale Angelo Bagnasco: “Senza la profezia rimane la complicità”». Sono rimasto colpito dalla valanga di adesioni e ho sentito immediatamente la mia responsabilità aumentare. Oltre al sito del settimanale «Domani», (http://domani.arcoiris.tv/?p=602) , la lettera è stata ripresa dal sito di Paolo Moiola (http://www.paolomoiola.it/) e del Tafanus (http://iltafano.typepad.com/il_tafano/) e so che moltissimi l’hanno mandata ai loro contatti e conoscenti. Veramente la rete è uno strumento di democrazia e di libertà.
Con la mia lettera aperta non ho compiuto un atto di coraggio, né ho voluto cercare consensi a buon mercato, ma ho adempiuto un voto di coscienza, cioè un obbligo interiore che mi deriva dal mio essere cittadino di uno stato democratico e laico e di essere al tempo stesso un credente che svolge la funzione di prete nella Chiesa Cattolica. Parlare di coraggio e di paura è fuorviante, oggi è sufficiente essere solo se stessi per emergere in un oceano di servilismo e di omertà. Io non rappresento la Chiesa e non intendo essere un capo popolo, ma nello stesso tempo non posso rinunciare ad essere me stesso e solo me stesso: perché valgo soltanto per il grado di autenticità nella verità che sono capace di dare con la mia vita, la mia dirittura e il mio disinteresse. Non temo le conseguenze di alcun genere perché non ho mai avuto mire di carriera, e oggi sono parroco di una parrocchia senza territorio e senza parrocchiani, mentre don Milani stava meglio: era parroco di 40 persone.
Credo in Dio e il mio Dio ha il volto di Gesù Cristo che ha sempre preso le distanze da ogni forma di potere, che ha messo in guardia dall’esercizio del potere, basato sullo sfruttamento e ha imposto ai suoi discepoli un comportamento e scelte diametralmente opposti. Gesù non ha cercato il compromesso con l’esistente, non è venuto a patti con il potere, né civile né religioso, ma ha indicato le responsabilità e le connivenze, additandole al disprezzo della coscienza illuminata dalla Parola di Dio a favore del principio invalicabile che è la persona umana. A questo scopo non ha esitato a schierarsi contro «il sabato», come dire che ha negato la ragione stessa dell’esistenza della religione. Davanti ai nostri occhi, gli atei travestiti da laici e gli psudo-credenti, travestiti anche da vescovi e cardinali, stanno facendo scempio delle regole della convivenza sociale e umana, basata sui bisogni dei più piccoli e incapaci di badare a se stessi. Costoro contrabbandano i principi e i cosiddetti «valori» con gli affari e le convenienze, con gli intrallazzi e i tornaconti.
E’ tempo della Parola e delle parole di senso: in un mondo seppellito da «morte parole», facciamo sentire il suono e la musica della Parola che libera la coscienza e impegna la volontà per fare argine davanti al degrado politico, sociale,  istituzione e religioso in cui stiamo affondando perché abbiamo permesso che un pazzo «malato» di egotismo andasse al governo per guidare l’intera Nazione verso l’abisso della decadenza. Non si può più restare muti senza diventare complici. E’ l’ora che i credenti non chierici e i laici custodi dell’autonomia dello Stato, sorgano dalle loro comode poltrone, e rompano il silenzio di rassegnazione di fronte all’emergenza educativa che sta attanagliando il nostro Paese, divenuto zimbello del mondo intero a causa di un presidente del consiglio che si comporta e agisce come un malato mentale assetato di narcisismo auto celebrativo. I cattolici e in modo particolare i vescovi non possono tacere di fronte a questa deriva che ha toccato livelli da sub-basso impero, senza sentire la colpa di essere responsabili «in solido» di quanto sta accadendo.
I vescovi possono parlare di  «emergenza educativa», ma solo se ammettono la loro responsabilità di avere sostenuto un uomo indegno di governare il nostro popolo e a condizione che si assumano la responsabilità piena delle conseguenze del loro sostegno. Il governo sta compiendo scelte scellerate nel più totale disinteresse rassegnato: il decreto sicurezza che ripropone le schedature dei bambini, dei senza fissa dimora, ecc., riportandoci indietro alle schedatura di stampo nazifascista che credevamo finita per sempre con l’avvento della democrazia e la costituzione dell’Europa. Non possiamo tacere di fronte ai poveri che affrontano l’esodo della salvezza verso la Terra Promessa del benessere, senza dimenticare che l’occidente, mèta dei diseredati, è colpevole dello sfruttamento dei paesi da cui essi scappano. Abbiamo depredato l’Africa da oltre due secoli per il nostro benessere (materie prime) e per il sollazzo di pochi imbecilli (safari), stiamo ammazzando l’Africa con le scorie radioattive, vendiamo armi alle bande in permanente guerra, succhiando l’anima all’intero continente e abbiamo anche il coraggio di respingere il barconi della disperazione. L’aggravante sta nel fatto che tutto avviene anche per opera di un governo che si dichiara ispirato ai principi cattolici, appoggiato dal mondo cattolico e sostenuto dai vescovi, i quali di fronte all’immoralità dilagante si girano dall’altra parte come il prete e il sacrestano della parabola del Samaritano (Lc 10,30-33).
Il segretario di Stato vaticano, cardinale Tarcisio Bertone, in occasione dell’80° anniversario del Patti Lateranensi (11 febbraio 2009) ebbe a dire che mai le relazione con un governo in Italia erano state così eccellenti come con l’attuale governo. Dopo i fatti degli ultimi mesi, dopo le accuse della moglie, dopo gli eventi di Casoria, su cui il capo del governo ha giurato sulla testa dei figli, dando nei giorni successivi quattro versioni differenti dello stesso fatto, commettendo così uno spergiuro imperdonabile per la morale cattolica, di fronte alle bugie sistematiche ammannite come verità, il cardinale segretario di Stato e il presidente della Cei, a mio avviso, se avessero avuto un minimo pudore evangelico, avrebbero dovuto parlare apertamente e dire: noi come Chiesa rescindiamo unilateralmente il concordato per indegnità morale di un governo che opera palesemente l’ingiustizia, per un presidente del consiglio dichiarato da un tribunale «colpevole di corruzione di testimoni» e responsabile attivo del degrado morale dell’intera nazione con i suoi comportamenti privati, con il suo esempio tracotante, con le sue bugie manovrate come verità, per il suo disprezzo delle istituzioni statuali, per lo spergiuro con cui ha condannato se stesso e i suoi figli: un uomo che spergiura sulla testa dei suoi figli non è degno né della paternità né tanto meno del governo della nazione perché sta scritto: «Non giurate: né per il cielo né per la terra né con qualunque altra forma di giuramento, ma il vostro sì sia sì, il vostro no sia no, in modo da non cadere nel giudizio » (Giacomo 5,12). I vescovi avrebbero dovuto chiedere ad una sola voce le dimissione del governo e avrebbero dovuto dire ai cattolici che non è loro lecito sostenere un megalomane del genere che tutto deforma e inquina a proprio vantaggio, incurante del bene comune dell’intera nazione.
La gerarchia, se vuole proporsi come guida morale, deve distinguersi dai sistemi immorali di governo e ancora di più dalla politica amorale e senza alcun riferimento etico che invece di educare il popolo prospettando la complessità degli eventi e proponendo le soluzioni ragionevoli.
Vediamo minori che compiono «delitti» contro la persona «per noia», che ricattano i coetanei per avere cellulari e denaro, minori che si spostano da una città all’altra per delinquere senza alcun problema … madri che offrono le figlie per lo «jus primae noctis», pur di vederle apparire nude in tv e avere una particina in qualche reality per individui complessati e senza speranza. Non è questa una emergenza educativa?
E’ tempo della profezia. Torni la profezia, ma non la voce esile di un singolo che conta poco, ma torni la voce di un popolo, la voce del popolo del concilio Vaticano II, abortito appena nato,  torni il laicato che è la spina dorsale della Chiesa e nessuno abdichi dal proprio servizio, dal proprio compito, dal proprio identità. In questo momento in tutta Italia stano sorgendo gruppi che celebrano il concilio come contrasto alla deriva fondamentalista di una gerarchia e di un papato che invece di guardare avanti, si voltano indietro, rimpiangendo le cipolle d’Egitto. Credo che bisogna assumersi la responsabilità in prima persona. Credo che sia urgente che i credenti e i non credenti prendano penna carta e calamaio e scrivano al Cardinale Bagnasco e al proprio vescovo, facendo sentire la propria voce. Se qualcuno non riesce ad esprimere i suoi sentimenti, copi la mia lettera, vi scriva due parole di accettazione o di rifiuto, di condivisione o di contestazione e la spedisca a titolo personale. Se duemila contatti scrivessero duemila lettere sono duemila segni e duemila parole, autentici sassi che rompono il virus «tacere», autentico strumento di connivenza e di malaffare.
Verrà un giorno in cui la Storia ci chiederà conto se c’eravamo e se abbiamo avuto sentore dei «segni dei tempi» e se siamo stati capaci di viverli e di difenderli con la nostra vita e con le nostre parole del cuore. In caso contrario ci additerà ai posteri come complici indegni del nostro tempo.


Genova, 7 giugno 2009
Paolo Farinella, prete



19/02/09

grazie alla disiformazione che capellacci ha vinto le elezioni sarde

 ditemi voi  se  questo    metodo  di fare informazione  è corretto  ( tenendo presente  che  poi   non è rimnasta traccia  nelle altre edizioni dei  tg  ) indipendentemente      da  quale   rete  tv  ( o organo   di stampa  )  esso sia  .
 Ringrazio  www.youtube.com/user/SidVicious86  per il video e  al cdv  di youtube www.youtube.com/user/Giuseppe939393   per  avermi segnalato il video in questione 







Ennesimo esempio della campagna mediatica a sostegno di Ugo Cappellacci portata avanti dai mezzi d'informazione Mediaset negli ultimi due mesi. Tratto dal TG5 del mattino del 12.02.2009. Ennesimo esempio della campagna mediatica a sostegno di Ugo Cappellacci portata avanti dai mezzi d'informazione Mediaset negli ultimi due mesi. Tratto dal TG5 del mattino del 12.02.2009. Ora  discutendo di tale cosa  nel  newsgroups  it.media.tv   Poppi   qui il suo profilo di googlegroups  (   che ringrazio  per  avermelo   ricordato  )   : << bazzecole in confronto a quanto fatto dalle tv e principali quotidiani   sardi ! Videolina ed Unione Sarda, é  e secondo alcuni anche  il  giornasle  di sardegna sia l'edizione   nord   che sud  legata  al gruppo epolis  ] le principali fonti d'informazione in Sardegna,  [  sono   di prestyanomoi  e  gente  legata  a doppio  filo  al cavaliere  ] spalano merda su Soru dal primo giorno di governo.
Hanno collezionato diverse querele per diffamazione, dimostrato cosa sia il vero giornalismo prezzolato e servile. In 5 anni il principale giornale e la principale tv sarde non hanno MAI  chiesto un'intervista a Soru ma hanno montato una campagna contro che   farebbe impallidire la censura cinese.
Ci si chiederà perchè.
Il titolare di questo polo di disinformazione è Zuncheddu, berlusconiano impresario edile a cui le leggi paesaggistiche di Soru hanno portato difficoltà nel continuare a speculare devastando le nostre cose.L'attuale Presidente, Cappellacci, era assessore al Bilancio della giunta che precedette Soru e firmò come ultima delibera, a Giunta sciolta, l'acquisto da parte della regione di stabili per 180 milioni da Zuncheddu.
180 MILIONI DI EURO di soldi nostri. Ed ora Cappellacci è presidente, soprattutto grazie all'aiuto della campagna terroristica dei media, Zuncheddu in primis. Dite che in qualche modo dovrà restituire il favore?  Poveri noi.

28/12/08

Senza titolo 1127

Image and video hosting by TinyPic


COMPLEANNO CENTENARIO


Oggi, 27/12/2008 in Barcellona P.G. (ME),
è stato festeggiato il compleanno centenario della Sig.na GRAZIA MAIMONE.
I festeggiamenti si sono aperti con la celebrazione della S. Messa, svoltasi presso la chiesa dell'Immacolata Concezione.
La S. Messa è stata celebrata da don Agostino Irlandese, un prete Salesiano unico nelle celebrazioni, in quanto ci mette il cuore, sì perchè a differenza di molti altri, la Messa non la legge o recita, ma la dice proprio col cuore, coinvolgendo tutta la comunità.
Erano presenti tutti i nipoti, pronipoti , cugini e la sorella Giovanna della veneranda età di 92 anni.
Dopo, tutti i partecipanti hanno continuato i festeggiamenti con un banchetto presso il ristorante "Conca d'Oro", dove sono anche sopraggiunti il Sindaco dott. Candeloro Nania ed il vicesindaco, che hanno regalato alla festeggiata, Sig.na Grazia Maimone, una targa in ricordo del bellissimo e raro evento.


E' stata un'esperienza bellissima, anche perchè la festeggiata ha partecipato cosciente.


Nonostante l'età e considerando che il suo udito non è più molto funzionante, ha seguito benissimo tutta la funzione  religiosa.


E' stato molto emozionate.  


Tantissimi AUGURI ancora a GRAZIA MAIMONE e.......altri 100 anni ancora!!!


 

03/03/08

Balvano 1944

corpi

Il più grande incidente ferroviario europeo avvenne nel Sud Italia sulla linea Battipaglia-Potenza. Era il 3 marzo 1944 morirono più di 500 persone.

27/10/07

Diritto al cuore

Nel marzo 2006, Emergency ha dato avvio alla campagna “Diritto al cuore” per costruire un ospedale di cardiochirurgia in Sudan,
un centro di eccellenza per garantire cure altamente specializzate e gratuite ai malati del Sudan e dei nove paesi confinanti.



Perché il Centro «Salam» possa continuare a crescere,
Emergency riprende la campagna “Diritto al cuore”:
dall’1 al 31 Ottobre sarà possibile
inviare un SMS al numero 48587
del valore di 1 euro
per tutti gli utenti Tim, Vodafone, Wind e 3 Italia
oppure effettuare allo stesso numero una chiamata da rete fissa Telecom Italia
del valore di 2 euro.
Emergency riceverà dalle compagnie telefoniche l'intero ricavato dell'iniziativa.


MANDA UN SMS AL 48587 E SOSTIENI IL CENTRO SALAM DI CARDIOCHIRURGIA


Per inviare la cartolina elettronica CLICCA QUA...




Continua su El Giramundo

23/08/07

proteste ipocrite per Eyes Wide Shut


(...)

il perbenismo interessato, la dignità fatta di vuoto,
l' ipocrisia di chi sta sempre con la ragione e mai col torto
e un dio che è morto

 (.....)

Dio  è Morto di Francesco i Guccini 



moigeIl  "  famigerato "   gruppo  di pressione  che è  Movimento genitori noto meglio  come  Moige stavolta  protesta contro Mediaset, che si prepara a mandare in onda su Canale 5 il film di Stanley Kubrick Eyes Wide Shut domenica 26 agosto in prime time e chiede che venga spostato in seconda serata.   "E' la quarta volta - afferma in una nota Elisabetta Scala, responsabile dell'Osservatorio media del Moige - che questo film viene programmato in prima serata e sempre ci sono state valanghe di proteste: perché provare ancora ad abusare dell'emotività dei minori?". La prima volta a provarci, nel 2002 - ricorda il Moige - fu Retequattro, che però lo spostò  in seconda serata dopo le proteste; nel gennaio 2003 fu la volta di Italia 1, che inserì una 'premessa' e lo fece slittare alle 22; infine nel marzo 2005 Canale 5 lo mandò in onda alle 21:15. "Non vogliamo entrare nel merito artistico del film - dice ancora Elisabetta Scala - ma il rispetto e l'ammirazione per Kubrick non possono farci dimenticare la tutela dei bimbi. Un film come questo, pieno di immagini inquietanti, orgiastiche, nudi e abuso di sostanze stupefacenti non è certo adatto ad un pubblico di minori. Per questo abbiamo sempre chiesto, e chiediamo ancora, sia a Mediaset che al Comitato Tv e Minori, che si sposti il film in seconda serata, anche in considerazione del fatto che, nel periodo estivo, molti bimbi si attardano più del solito davanti alla tv ".

Ora  mi chiedo  : 1) perchè  i genitori    invece di protestare ipocritamente , perchè magari sono proprio loro che abbandonano i figli alla tv , non  insegnano come guardararla , quando cambiare canale canale , quando spegnerla ; 2) perchè non la guardano insieme ? invece di ...... con le loro ipocrite a scoppio ritardato proteste 3) perchè tali  associazioni  ( bigotte  e retrograde  come  testimonia questo sito nelle sue pagine   ) iinvece di  gridare  allo scandalo    non tengono delle  lezioni  sui media  come    fa  www.megachip.info/ che organizza  corsi nelle scuole   e con i genitori  ( qui maggiori  dettagli ) o non fanno  campagne  globali  invece  che  solo  su  una detterminata  fascia oraria



26/07/07

CASO LETTERARIO-L'INSENSIBILITA' DEI MEDIA.

Premetto di essere un fan scatenato del mondo di Arda creato da Tolkien e della saga di Harry Potter creata da Rowling! Ho tutto,ricerco tutto,amo tutto! Sono un caso disperato,maniacale : sono Tolkien/Rowling dipendente!!!!! E per questo voglio proporvi il mio pensiero riguardo una notizia recente...il finale di "Harry Potter And The Deathly Hallows". Non capisco per quale astruso ed arcano motivo i media abbiano intrapreso una sfida su chi rivelava prima e più approfonditamente il finale e altre informazioni sull'ultimo atto della saga. Così hanno distrutto la magia di leggerlo! Perchè hanno fatto questo...questa azione dovrebbe venire punita! E' profondamente ingiusto..dovrebbe essere reato. Hanno ucciso il nostro incanto,solo per non farsi superare! Un povero tapino che non voleva farsi raggiungere dalla tanto sospirata notizia cosa avrebbe dovuto fare,se giornali,tv (in particolare i tg della Rai e di Mediaset sono sadici),internet e radio non parlavano d'altro.Avrebbe dovuto nasondersi in una grotta sott'acqua?!?! Siete dei macellai!!!!! Per esempio,"La Stampa", quotidiano nazionale con sede nella nostra splendida Torino, ha riportato il finale all' 1.01 del giorno di usita! E lo stesso "New York Times" aveva già fatto la recensione del libro! Su internet,girava già giorni prima dell'uscita una copia pirata rivelatasi autentica ed adesso alcuni siti pubblicano addirittura  il riassunto dei capitoli dell'ultimo Harry Potter! E' inaudito! Dovrebbe essere perseguita penalmente una tale barbaria! Ho pieno coscienza di tutte le magagne che attanagliano il nostro pianeta, ma volevo esporre questo fatto,che nella sua fredda efferatezza rispecchia chiaramente la nostra società! Per un vomitevole scoop in più hanno dissipato il gusto della lettura e l'incanto in milioni di lettori! Complimenti per l'insensibilità e la stupidità!


Attendo con impazienza la traduzione italiana,perchè per pigrizia non ho intenzione di leggermi una pur comprensibile versione inglese.


Brian Mercury

16/07/07

Le vie infinite dei rifiuti


Alessandro Iacuelli - Le vie infinite dei rifiuti - Editore Lulu 2007.

Tutto ebbe inizio da questo post. Il blogger Alex321, dopo questo sfogo, dopo faticosi e lunghi mesi di indagini, studi, esplorazioni in loco, porta finalmente alla luce un libro d' inchiesta dai toni drammatici.
Prendendo le mosse dall'episodio di Mario Tamburrino, un ignaro conducente di automezzi che nel 1991 rimase gravemente intossicato dal carico di veleni industriali trasportati sul suo camion, l'autore ci conduce come novello Virgilio nell'abisso infernale dell'ecomafia campana e del piano regionale dei rifiuti, due facce della stessa sporca medaglia fatta di affari miliardari per camorristi e politici, di morte lenta di tumore per i cittadini e di devastazione per l'ambiente.
In base ad un accordo ben preciso tra camorra, politica ed imprenditoria, la Campania negli ultimi vent'anni è diventata la discarica nazionale dei rifiuti tossici prodotti dalle industrie del Nord, con lauti guadagni per i clan che gestiscono il trasporto e lo smaltimento illegale dei veleni, per gli imprenditori che abbattono notevolmente i costi rispetto allo smaltimento legale in sicurezza e per i politici che assicurano la copertura a tutta l'operazione. E' un affare da miliardi di euro all'anno, in costante crescita. I rifiuti tossici, sversati dalla camorra senza alcuno scrupolo nelle campagne, nelle cave, nelle discariche di rifiuti ordinari, finanche nelle fondazioni delle case in costruzione, finiscono per contaminare il terreno e le acque, con effetti devastanti sulla salute umana: la Campania settentrionale negli ultimi anni è balzata in testa alle classifiche dell'incidenza di tumori sulla popolazione residente.
Tutto ciò avviene, spiega l'autore, a causa di cartelli criminali potentissimi che controllano il territorio e godono in certe zone dell'omertà della gente, di politici collusi che ne coprono le attività, di controlli da parte delle forze dell'ordine assolutamente insufficienti, di leggi inadeguate a combattere i reati ambientali e, last but not least, della scarsa coscienza ecologica della popolazione, abituata da anni a convivere con i rifiuti nelle strade.
E qui entra in gioco l'altra faccia del problema: il piano regionale di smaltimento rifiuti solidi urbani e il Commissariato Straordinario per l'emergenza rifiuti. L'emergenza campana è infatti la copertura ideale per il traffico e lo smaltimento illegale di rifiuti tossici, ed è strettamente connessa ad un piano rifiuti regionale sbagliato, come spiega l'autore, perchè basato su un ciclo di smaltimento che ha il suo perno in strutture obsolete ed inquinanti, gli inceneritori, alternativi - e non complementari, come invece vorrebbero farci credere - alla raccolta differenziata. Il Commissariato Straordinario dal canto suo, in virtù dei suoi poteri per l'appunto straordinari giustificati dall'emergenza, impone le sue scelte senza consultare le popolazioni interessate, esautorando le competenze degli enti locali, bypassando allegramente le verifiche d'impatto ambientali,  i provvedimenti della magistratura, le gare d'appalto, fino a creare una frattura nella stessa democrazia in Campania. Molti impianti, realizzati con danaro pubblico dal Consorzio FIBE a cui il Commissariato ha appaltato la gestione dell'intero ciclo integrato regionale dei rifiuti, sono infatti risultati fuori norma, obsoleti, di scarso valore tecnico, e la recentissima cronaca giudiziaria sta finalmente facendo luce su questa brutta storia, confermando quanto l'autore afferma nel suo libro.
Quali le soluzioni suggerite dal nostro blogger? Anzitutto, abolire il Commissariato Straordinario e ripristinare la democrazia col coinvolgimento delle popolazioni locali nelle scelte. Nel merito, modificare radicalmente il piano regionale dei rifiuti, puntando su raccolta differenziata, riciclaggio, riuso, minore produzione di rifiuti alla fonte e una diversa cultura ecologica e sociale che ci porti a combattere il consumismo e a respingere la pratica dell'usa e getta. Un piano rifiuti trasparente e ben organizzato servirebbe anche a tagliare le gambe ai criminali traffici di rifiuti tossici. Utopia? Forse. E' il caso però di lavorarci seriamente, e in tempi veloci, perchè intanto la Campania brucia, le strade sono invase da montagne di spazzatura e la gente muore di cancro.
Una curiosità: l'editore del libro, Lulu, è straniero, perchè tutti gli editori italiani contattati dall'autore hanno rifiutato la pubblicazione. Il testo, allo stato attuale, è quindi reperibile solo online.
Da parte nostra, un grande ringraziamento all'autore per aver scritto il libro, per tutto quello che ha fatto e sta facendo sui temi dell'ecomafia e della "monnezza".





La mafia è una montagna di merda.
Peppino Impastato

17/06/07

Pechino 2008: le Olimpiadi dello sfruttamento

Libertà di espressione, liber- tà di associazione, diritto al- la vita.. ci sono dei diritti che sono imprescindibili dall’ uomo in quanto tale. Una conquista, questa, in realtà non ancora raggiunta in gran parte del mondo, ma un obiettivo al quale le demo- crazie, tra un errore e l’altro, almeno provano a raggiungere, talora riuscendoci. Non è questo invece il caso della Cina, dove il diritto dei cittadini viene sempre dopo la volontà dei politici e delle grandi aziende di governare secondo i propri interessi legati all’autoconservazione per i primi, e al profitto per gli altri. Insomma, come dice Michele Cavaliere: "Ci sono cose che i cinesi ancora non sanno copiare.. i diritti umani per esempio".

L’ultimo scandalo è quello relativo allo sfruttamento dei bambini con gli occhi a mandorla (più del 75% dei bambini sfruttati al mondo si trova in Cina), impiegati per produrre borse, cappellini e gadget vari per le Olimpiadi che si terranno a Pechino nel 2008. Un giro di affari per 70 MI- LIONI DI DOLLARI, quello de- gli oggetti griffati. Un vero e proprio business che non po- teva tenere conto dei diritti dei bambini, ne sarebbe andato dei guadagni delle grandi fabbriche cinesi. Fortunatamente il fatto è stato scoperto e denunciato dall’organizzazione Playfair Alliance, della Tuc (Federaz. dei sindacati britannici) che, nel suo rapporto (raggi- ungibile qui) intitolato «Nessuna medaglia per le Olimpiadi», ha esposto la condizione di schiavitù in cui si trovano numerosi ragazzini del sud del Paese  presso quattro fabbriche che hanno ottenuto l’autorizzazione ufficiale dal comitato olimpico di produrre gadget per le olimpiadi di Pechino 2008 (come nella fabbrica "Le Kit" di Guangdong, dove sono stati trovati 20 bambini di età inferiore anche ai 13 anni). “Play Fair at the Olympics", ossia “gioca pulito alle olimpiadi”, questo è il progetto che porta avanti la Playfair coadiuvata dalla Clean Clothes Campaign, Global Unions e Oxfam.

La campagna non risparmia nessuno: dalla Nike all’Adidas, passando per la Reebok, Puma, Fila, Asics, Mizuno, Lotto
, Kappa e Umbro. Tutte mul- tinazionali accusate di vio- lare i diritti umani dei la- voratori nei paesi in via di sviluppo, una denuncia tra l’altro non nuova per alcune di queste aziende. “L'indu- stria degli abiti sportivi sta spendendo molto in opera- zioni di marketing per i Giochi Olimpici di quest’anno. Ma con lo sfruttamento e l'abuso dei diritti degli operai l'industria dello sport sta violando lo stesso spirito Olimpico” dichiara  Guy Ryder, portavoce di Global Unions, al quale coro si aggiungono le parole di Adrie Papma, portavoce per Oxfam di Play Fair: “Questo modello globale di business sta permettendo alle grosse aziende di scaricare costi e rischi in fondo alla catena di produzione, a coloro che sono più deboli”. Una vera e propria infanzia rubata.  Ecco alcune delle testimonianze raccolte clandesti- namente da degli attivisti umanitari: “Ho lavorato dall’alba fino alle due di notte. Ero esausta ma il giorno dopo mi hanno costretta a ricominciare” dice una bambina, oppure “Nessuno indossa guanti protettivi qui, perché coi guanti si lavora meno in fretta e il caporeparto ti punisce. Le mie mani mi fanno molto male, quando le lavo piango di dolore” rivela un altro piccolo operaio che usa vernici tossiche e additivi chimici pericolosi. Senza contare chi lavora con retribuzioni inferiori al 67% del minimo salario consentito dalla legge, come i 3000 operai della "Mainland Headwater Holding" di Shenzen, dove i lavoratori che si dimettono vengono minacciati nel caso racconti la verità sulle condizioni di lavoro. “Bambini e adulti vengono sfruttati brutalmente in Cina da imprenditori senza scrupoli. La loro azione affossa gli ideali delle Olimpiadi e vogliamo che questo non avvenga anche quando le Olimpiadi saranno a Londra nel 2012" ha dichiarato infatti Brendan Barber segretario della Tuc.

Nel frattempo, mentre l’altro ieri  si è celebrata la "Giornata Mondiale contro il lavoro minorile" (organizzata dall’Ilo), l’organizzazione “Save the children”, organismo indi- pendente per la difesa dei diritti dei bambini, ha cal- colato che nel mondo lavo- rano più di 218 milioni di minori (quasi 500.000 sola- mente in Italia). Sono tutti bambini che sono spesso costretti ad attività illecite o ridotti in schiavitù, e a cui sono stati tolti i diritti all'istruzione, alla salute e al gioco. Ma, tornando a Pechino 2008, le denunce rivolte al Governo Cinese per la violazione dei diritti umani non si fermano purtroppo allo sfruttamento dei bambini. Amnesty International infatti, oltre a contestare la pena di morte ancora in vigore, ha sottolineato: l’intimidazione che viene attuata nei riguardi degli attivisti per i diritti umani (come Ya Gouzhu che è stato arrestato e torturato e per il quale A.I. chiede il rilascio immediato e incondizionato); la censura operata per l’occasione, che negherà al pubblico cinese l’accesso alle notizie della stampa estera su temi giudicati “sensibili”, senza considerare che negli ultimi mesi sono entrate in vigore nuove norme restrittive sui mezzi d’informazione locali, che ora: necessitano dell'autorizzazione per poter riferire di eventi storici giudicati “sensibili”, non possono trasmettere notizie su 20 argomenti, tra cui la corruzione giudiziaria e le campagne per proteggere i diritti umani ed infine sono sottoposti ad una sorta di “patente a punti” che può costringerli a cessare le pubblicazioni in caso di “cattivo comportamento”. Un sistema questo che, secondo un funzionario cinese degli organi d’informazione, serve a favorire “un ambiente sociale pacifico in vista dei Giochi olimpici del prossimo anno”. Dicesi, più semplicemente, censura e libertà di sfruttamento.
Ancora una volta insomma sono gli interessi economici a comandare lo sport. Ma è in casi come questi che bisogna spingere per far sì che si cambino le regole del gioco, partendo dal denunciare l’ingiustizia di quelle in atto ora.

16/06/07

Senza titolo 1891


La mezza verità sulla Diaz non basta, e occulta la verità sul G8 di Genova



di Gennaro Carotenuto


 
  Sulla Diaz e il G8 sta emergendo una mezza verità fuorviante. Si ammettono le violenze, ma si cancellano le motivazioni che portarono all'irruzione nella scuola. Il vice questore Michelangelo Fournier l'ha chiamata "macelleria messicana", ma non c'era bisogno di attraversare l'Oceano.



Le immagini del termosifone della Diaz, mostrate dal TG di Sky, con quell'enorme macchia di sangue raggrumato, riportano indietro di sei anni. Riportano all'alba di quella domenica mattina del 2001, quando chi scrive è entrato alla Diaz dopo aver attraversato a piedi Genova deserta. Di quella visita due dettagli mi hanno poi perseguitato per mesi. In primo luogo quel termosifone, con quell'enorme macchia di sangue raggrumato. Ancora adesso faccio fatica a credere che la persona che ebbe la testa fracassata contro quel termosifone sia sopravvissuta. Il vicequestore Michelangelo Fournier racconta di una ragazza che perdeva sangue così copiosamente da pensare impossibile che sopravvivesse, racconta di quello che a lui sembrava materiale cerebrale. Racconta le stesse cose che ricordo io, e decine o centinaia di altre persone. Ma doveva dirlo lui, un vicequestore, perché bucasse, anche se solo per un istante, il muro di omertà elevato dai media e dalla classe politica tutta sui fatti di Genova.


La verità di Fournier racconta i fatti, quelli che decine di testimoni avevano già raccontato senza essere creduti, ma non li spiega. La verità di Fournier può ancora collocare la Diaz nella categoria della frustrazione, della tensione sfogata, dello scoppio d'ira, della vendetta -che quando è compiuta dalle forze dell'ordine va ascritta alla categoria di rappresaglia- ma tutto sommato può essere archiviata come sbagliata, immotivata, irrazionale, estemporanea, casuale, non programmata, non avente alcun obbiettivo pratico. Davvero la violentissima irruzione alla Diaz, dove erano noto che fossero ospitati un centinaio di pacifici attivisti della comunicazione fu casuale?


LE PROVE DEL GSF La riapparizione di quel termosifone inondato di sangue dalla penombra della memoria è stata uno choc. Non lo fotografai, forse perché era così vivo da non essercene bisogno. In tutti questi anni non era in altro luogo che nella mia mente, ho perfino cercato di convincermi di averlo immaginato. Rivederlo per la prima volta in un TG è stato come un secchio di acqua gelata, come il pezzo di un puzzle che chiama un altro pezzo per completare il quadro.


Recupero un mio articolo, scritto all'epoca per il settimanale uruguayano Brecha, del quale ero inviato, dividendomi tra il G8 ufficiale e il Genoa Social Forum (GSF) che aveva il centro stampa proprio alla Diaz: "i locali, che fino a poche ore prima ospitavano il nostro lavoro, sono completamente distrutti. Il pavimento è un tappeto di macerie, sacchi a pelo, libri, quaderni, creme solari, assorbenti femminili, medicine, e sangue. Sangue da tutte le parti, sulle pareti, sul pavimento, tra i vestiti ammontonati, nelle scale, sui termosifoni. Siamo di fronte ad un luogo dove la democrazia è stata sospesa. [...] Ci descrivono la distruzione metodica dei computer, il sequestro dei dischi rigidi, ci raccontano la ricerca feroce di qualunque cosa che sembrasse una pellicola di foto o di video. Sono le prove che il GSF aveva promesso per testimoniare le violenze subite nei giorni anteriori".


E allora ricordo, ricordo perfettamente una parete della palestra dove più macerie erano accumulate, più vestiti, più oggetti personali insanguinati, ma soprattutto erano buttati lì decine e decine di rollini, oramai esposti alla luce e resi inservibili. Non posso più rimuovere. La violenza della Polizia che per sei anni è stata negata e adesso viene spiegata come irrazionale, dovuta all'esuberanza di pochi agenti particolarmente stressati, con catene di comando interrotte per salvare i veri responsabili, non lo fu affatto.


Ci fu la Diaz, perché c'era stata Genova. E dentro la Diaz c'erano decine di migliaia di foto, video e documenti sulle violenze dei due giorni anteriori che i presunti "terroristi" avevano interesse a diffondere e le forze dell'ordine, invece di sequestrare, distrussero perché non volevano fossero diffuse.


Alla Diaz alcuni poliziotti commisero le violenze sulle persone, 70 feriti e 92 arrestati, poi torturati a Bolzaneto. Ma ci furono soprattutto (e restano ancora totalmente nell'ombra) quelli che entrarono per distruggere le prove delle violenze del venerdì e del sabato. E' questo il vero motivo dell'irruzione alla Diaz nella notte tra sabato e domenica, altrimenti totalmente immotivata, o motivata con bugie dalle gambe corte.


Certo non tutti i poliziotti che infierirono su ragazze e ragazzi indifesi erano coscienti del perché erano lì. Ma un gruppo di loro, ben più addentro, aizzò e usò i colleghi per poter agire, distruggere metodicamente computer, esporre alla luce decine e decine di rollini, in nessun luogo concentrati come alla Diaz quella notte, già che il GSF, sbagliando, aveva chiesto che lì si concentrassero le prove delle violenze. Per quello l'assalto fu alla Diaz e non al Gaslini o alla Sciorba o in altri luoghi dove si concentravano militanti in qualche caso meno pacifici di quelli della Diaz. Fosse stato per vendetta, sarebbero andati a cercare i Disobbedienti, o i Black Block. Ma non interessavano.


A Genova successero molte cose. Un movimento forte, plurale e rigoglioso, si stava saldando e doveva essere messo in un angolo. Per farlo fu usato il terrore. La Diaz servì a distruggere le prove e ammettere quella violenza ma solo per farla passare come casuale ci allontana dalla verità.


Fonte: http://www.gennarocarotenuto.it

12/05/07

Chi Ha Bisogno Del Family Day?

E' Uscita una edizione straordinaria del Malatempora Magazine in cui troverete il mio articolo qui postato e molte altre notizie. Comunque la pensiate, io dico la mia...



Domani finalmente e' sabato. Ognuno di noi ha del tempo libero e sperando in una bella giornata, chi non ha la fortuna di abitare in campagna, andrà fuori porta per trascorre qualche piacevole ora in montagna o al mare. C'e' anche chi domani userà questo tempo per partecipare al "Family Day" (a me già che una manifestazione italiana abbia un nome anglosassone, mi urta!). Io, da brava convivente, non parteciperò perché ufficialmente io e il mio compagno non siamo una famiglia. Eppure ci amiamo e stiamo insieme da anni. Eppure lui e' padre di due figli che io amo come fossero miei e, quando a Natale e in estate per le vacanze siamo tutti uniti, io la sento la famiglia. A dire il vero non mi ero mai posta il problema, io e altre persone che come me hanno deciso di convivere e che hanno anche dei figli. Mi domando perché ci sia bisogno di una manifestazione pro-famiglia? Chi e' che vuole sottolineare che ci possano essere famiglie di "serie A" e famiglie di "serie B"... e se sei gay o trans addirittura di "serie Z"? Mi domando in che Paese viviamo, dove le leggi non vengono fatte per tutti, ma a quanto pare solo per affermare l'appartenenza a quello schieramento politico o a quella religione. Credo che non sia giusto e chiederei l'intervento dello Stato parlamentare affinché queste irregolarità finiscano... forse, domando troppo.

30/04/07

“Family Day”

“Bloggers uniti in difesa dei diritti delle minoranze
e della laicità dello Stato”.

Accendi, con una candela, la speranza di veder
riconosciuti i diritti di tutte le famiglie,
di tutte le forme di amore.



Sabato 12 maggio parte del mondo cattolico si riunirà a Roma per il “Family Day”. Una manifestazione, nata chiaramente come risposta alla proposta governativa dei Dico, che vuole promuovere un unico modello di famiglia: quello descritto nel manifesto della CEI.


Il “Family Day” è figlio dei “Non possumus”, di una concezione atavica di famiglia che non comprende le famiglie di fatto, e cioè le coppie  non coniugate che convivono stabilmente, con o senza prole, od anche i nuclei familiari composti da coppie omosessuali o costituiti dal singolo genitore e dai figli riconosciuti.


Noi crediamo che anche a queste altre famiglie vadano riconosciuti i diritti già acquisiti nella stragrande maggioranza dei paesi europei, nel rispetto soprattutto del sentimento che caratterizza più di tutti queste unioni: e cioè l’amore.


Per questo lanciamo, con la forza del dialogo e del “Possumus", il “Families Night”.


La notte che precede il 12 maggio, l’11 maggio alle ore 21,30, accendiamo una candela nelle finestre delle nostre case, accendiamo la speranza dei diritti per tutte le famiglie, illuminiamo la notte dall’oscurantismo di chi si ostina a non volere considerare uguali tutte le forme di amore.






Prime Adesioni
Franco Grillini, Ivan Scalfarotto, Aurelio MancusoPennarossa, Vanni Piccolo, Andrea Benedino, Paola Concia, Sciltian Gastaldi, ElfoBruno,
Simone Silvi, Francesco Costa, Tisbe, Fiaschi, Davide Martini, Titollo, Macondo83, Labattitura, Moltitudini, La Trudy, Barbara, Roja30cr, Marta Meo, QualcosadiRiformista, Andreas Martini, Joiyce, Andrew, Rosalbas, Samantha, Billo, VareseQueer, troublemaker78, wittyboy, Masumi86, Sergio Rovasio, Spartacus Quirinus, Ofidius, arte82misia,  ...



Per la riuscita dell'iniziativa, vi chiediamo di pubblicizzare l'iniziativa nei vostri blog con dei post dedicati.
Sono altresì a disposizione un bannerino (il codice è nella colonna a destra) e presto metteremo a disposizione un volantino, che potrete utilizzare per coinvolgere i condomini della vostra abitazione.


Inviateci, nei giorni successivi il "Families Night",  le foto delle facciate dei vostri palazzi, illuminati dalle candele, in seguito verranno pubblicate su questo blog come memoria dell'iniziativa.


Lasciate la vostra adesione nei commenti in fondo al blog.
Per contattare gli autori dell'iniziativa scrivi a "Families Night"


 

11/02/07

INFORMAZIONE PUBBLICA: ASSENTE

MANIFESTAZIONE NO VAT: TUTTO TACE


Scusate, non posso fare a meno di rendere noto un disservizio dell'informazione pubblica!


Ieri, 10 febbraio 2007, almeno 15.000 persone, provenienti da tutta Italia ( Napoli, Firenze, Catanzaro, Milano, Pisa, Torino ecc), hanno sfilato per le strade della capitale, per rendere evidente l'ingerenza clericale che sta inondando il nostro Bel Paese.


Ci si aspettava almeno un cenno, uno straccio di notizia...ALMENO dal TGR LAZIO. 


Ma nulla! Io e moltissime altre persone abbiamo protestato inviando mail alla redazione del tgr...ma temo che non sia servito a nulla. Anche mia madre, 82enne ha espresso la sua indignazione, evidenziando come si dia tranquillamente notizia dei reali d'Inghilterra, di cosa ha mangiato Tizio, piuttosto di come si veste Caio! E non aggiungo altro!


Si tace su questa manifestazione, perché è scomoda e perché svela l'innominabile, l'indicibile. 


Questa calcolata omissione  avvalora l'ipotesi che qui ci governa qualcun altro...


------>  Qui potrete leggere come si è svolta la manifestazione e vedere le foto


E voi ne sapevate nulla? Avete avuto qualche notizia dai media?


Grazie per l'attenzione


Rosalba Sgroia

26/01/07

Urban blog

Lo so: fare previsioni è pericoloso. Tuttavia, senza eccessiva seriosità, si può correre qualche rischio.


Per me.  Sono convinto che nel 2007 avranno, progressivamente, sempre maggior rilievo il blog locali (o urban blog). Perchè? Perchè l'informazione ufficiale, a livello locale, è abbastanza latitante in rete (salvo rare eccezioni). Perchè, anche nel caso in cui esistano portali d'informazione, discussione e approfondimento locali, essi continuano ad avere gli stessi parametri del secolo scorso. Le notizie non possono essere commentate, il tono è sempre quello paludato, caratterizzato da una neutralità inconcepibile, e, soprattutto, non vengono utilizzati gli strumenti cari ai blogger, quegli stessi strumenti che fanno il social network di cui tanto si parla in questi mesi di blog boom. Per tutte queste ragioni, per questi vuoti del web, credo e auspico una maggiore presenza di blog locali.


Ecco. Ho detto la mia opinione.

31/12/06

Senza titolo 1546

Durante queste vacanze ,oltre ad ascoltrare l'ultimo  cd  dei MCr  ( vedere  la  recensione  )  le prime senza dover studiare per l'esame e ad aver dato l'esame dis toria dela filosofia , mi sono letto il bellissimo graphic novel “ Palestina “ di Joe Sacco (  fotro al centro ) edito dal quotidiano  la  repubblica .









Tale opera  di letteratura (perchè per me certi fumetti sono e vanno considertati tali) racconta il viaggio fatto da Joe Sacco ( foto a  sinistra ) . lk'autore  celebre fprima  di questo scritto solo per aver raccontato sempre  a fumetti le tourne di gruppi rock ,tra il 1991 e il 1992, decide di andare a visitare Israele e i Territori occupati . Alla domanda : << Come mi sono ritrovato a fare il viaggio in Palestina ? >> l'autore ha risposto : << Diciamo che mi sono sentito spronato a farlo perch� ero sconvolto e lo sono ancora � da quel che succedeva in Medio Oriente; e per come vanno le cose,probabile che tra dieci o quindici anni sar� ancora sconvolto.>>  Egli , e lo si capisce leggendo l'opera , viaggia senza una meta precisa, facendosi spesso guidare dalla casualità, incontrando la gente del luogo e condividendone la difficile vita quotidiana. In quei giorni intervista uomini e donne dalle storie diverse, alla ricerca di esperienze e drammi personali e collettivi. Il suo bloc notes , la sua macchina fotografica, il suo registratore, si riempiono di scenografie, volti, parole, racconti. Tornato a casa, a Portland,nell'Oregon, trae da tutto il materiale raccolto . Creando quello che la critica ha etichettato \ chiamato come reportage a fumetti  e che ha classificato  l'opera  come graphic novel  ( qui la definizione   da  wikipedia italia  e qui  in inglese da wikipedia internazionale ) .
Esso è un  volume unico e straordinario, un reportage in leggera differita,ma tremendamente attuale, da Gaza e da varie altre città dell'Autonomia e dai campi profughi. E' molto schietto,efficace e netto nel linguaggio e nelle descrizioni degli eventi e dele storie  . Pubblicato in mezzo mondo, che ha ricevuto il prestigioso American Book Award nel 1996 e che molti hanno definito come l'erede del Maus di Art Spiegelman. In queste pagine Joe Sacco riesce a raccontare la sua inchiesta, inserendo anche se stesso come personaggio ( trovate qui affianco il suo autoritratto ) e usando uno stile particolarissimo,in cui  sembra di sentire  gli modori,i suoni, d'esere praticamente sul  posto quando gli eventi accadono   . In tale opera , infatti , è una contaminazione  fra reportage  e   fumetto in quanto  accosta il dramma a frammenti d'umorismo, considerazioni personali e testimonianze dirette. Palestina riesce cosi ad essere una delle più� ricche inchieste sulla realtà del popolo palestinese. Un documentario unico , un reportage a fumetti. Anche se fermo al 1992 si è ancora sconvolti ed indignati . Mi è piaciuto perchè J.S rappresenta e mette in evidenza la desolazione di chi osserva l'infelicità altrui senza potyer fare niente per cambiarla . Neppure scrivendo un libro a fumetti di tale portata venduto in mezzo mondo e atttirandosi l'etichetta d'essere filo palestinese  cosa che secondo me non esiste proprio , in quanto ha raccontato quello che ha visto e di cui è stato testimone In più di un punto esprime le sue perplessità sul fatto dell'obbiettività ( se lo leggete ve ne accorgerete ), domandandosi e rispondendosi che non vuol essere nulla: ma racconta con la cura e la particolarità di un vvero cronista quello che ha visto, e questo per me non significa esserlo . Infatti  neppure raccontando quello che di solito nessuno racconta  , almeno qui in Italia , salvo i gruppi della sinistra extra parlamentare o sinistra estrema  ;  cosa  che invece all'estero raccontano molto bene   come  ad  esempio la tv satellitare franco- francese www.arte-tv.com e il documentario israel et les arabes 1948-205 qui per acquistarlo
. L'autore in queste pagine s'immedesima con l'imbarazzo e il disagio del lettore . Il suo senso di colpa , anche .Riporto qui , tratto da un post del Ng it.cultura.ebraica in cui c'era un polemico   scambio sul quest'opera . Ecco  alcunio stralci  del  post in questione che trovate qui 


<<
Da : Liang Rongfa
Data: Mar 18 Giu 2002 19:42


Orbene, ora giudicherai il frutto di Joe Sacco :
Prefazione dell'autore all'edizione integrale di Palestina Questo libro raccoglie per la prima volta tutti i nove numeri di una serie a fumetti intitolata Palestina. In precedenza la serie e' stata raccolta in due volumi. Ho scritto e disegnato Palestina dopo aver trascorso due mesi nei Territori Occupati quasi dieci anni fa, nell'inverno tra il 1991 e il 1992. Dopo quel soggiorno, venne iniziato un "processo di pace", culminato in una serie di accordi e di quasi accordi, alcuni dei quali propagandati a gran voce come "decisivi", e con l'installazione di un'Autorita' Palestinese guidata da Yasser Arafat in alcune zone da cui Israele si e' ritirato. Malgrado i premi Nobel per la Pace, nessuno dei principali problemi rimasti, il ritorno o il risarcimento dei profughi palestinesi, gli insediamenti ebraici, lo status di Gerusalemme, e' stato risolto. (Mentre invece gli insediamenti proseguono, e hanno proseguito a infoltire le proprie schiere a decine di migliaia). Ma anche sorvolando su questi difficili punti, e non e' proprio possibile, il "processo di pace" non ha procurato alla popolazione palestinese che vive nei territori occupati da Israele nel 1967 benefici tangibili. Difatti la loro terra e' ancora espropriata, le loro abitazioni vengono ancora rase al suolo, i loro uliveti vengono ancora sradicati. Hanno ancora a che fare con una truppa di occupazione cosi' come con i coloni degli insediamenti, che spesso sono il supplemento armato alle truppe di occupazione (ma a volte e' difficile capire se non sia viceversa). Grazie alle chiusure e agli effetti permanenti dello strangolamento dell'economia palestinese operato da lungo termine dagli israeliani, la vita dei lavoratori palestinesi e delle loro famiglie e' diventata ancor piu' misera di quanto non fosse al tempo in cui quest'opera e' stata pubblicata per la prima volta. A questa miscela deprecabile vanno anche aggiunti il malgoverno e la corruzione dell'Autorita' Palestinese. Questo libro parla della prima Intifada contro l'occupazione di Israele, che stava raffreddandosi proprio durante il mio soggiorno. Mentre scrivo queste parole, sta prendendo il via una nuova Intifada perche', in breve, l'occupazione di Israele e tutte le conseguenze della dominazione di un popolo a opera di un altro, non si sono fermate. Palestinesi e israeliani continuano a uccidersi in un conflitto a bassa intensita' o con violenza diffusa (con uomini bomba, fuoco dagli elicotteri, bombardamenti aerei) fino a che il nodo di tutto, cioe' l'occupazione israeliana non si porra' come un elemento da risolvere nella legge internazionale e come principio di diritto umanitario. Joe Sacco, Luglio 2001.


Qui finisce la prefazione, che vi permette di giudicare Joe Sacco. E' un grandissimo artista ed il suo libro va letto, ma sarebbe un offesa al suo onore negare che egli sia filopalestinese.
>>


Concordando   con  quanto espresso da un altro partecipante  alla  discussione  citata precedentemente  Quindi io ( e credo anche alcuni di voi ) mi chiedo  : << Che deve fare a questo punto un "sionista" quando legge il libro? La risposta piu' facile sarebbe quella di un membro di Italian Honest Reporting [ ultra destra israeliana http://www.honestreportingitalia.com/ qui il sito inglese http://honestreporting.com/ ] che, sulla base di un paio di tavole anticipate su Internet, voleva denunciare Joe Sacco ed i suoi editori per istigazione all'odio razziale. In realta' un'accusa del genere non avrebbe retto: i nasi dei "coloni" di Hebron sono perfettamente uguali a quello dell'io narrante, ed a quelli di molti personaggi palestinesi - non si puo' costruire un'accusa di razzismo su di essi. La seconda possibilita' sarebbe quella di dire: "E' tutta una panzana", ma basta leggere la stampa israeliana di sinistra (tipo Ha-aretz, la bestia nera dei partiti che si ispirano a Vladimir Jabotinsky) per rendersi conto che non si puo' dire nemmeno questo. Quindi ... bisognerebbe spulciare tutte le tavole e dire, come i bambini quando si scambiano le figurine: "Questo e' vero, questo era vero, questo e' falso, questo e' completamente inventato". Il mio giudizio sul libro di Sacco "E' un bel libro, e vale la pena leggerlo" puo' sembrare interlocutorio come le note di qualifica che vengono rilasciate ai dipendenti pubblici mediocri, ma e' molto piu' positivo della media dei miei giudizi librari, e vale quindi come incoraggiamento a leggere e verificare il contenuto del libro.>> Ecco quindi che Il fatto che possa essere o meno una persona  filo palestinese non la qualifica automaticamente come bugiarda. Cio' che gli si  potrebbe rimproverare  a  Joe Sacco (e che si nota anche nella prefazione che ho copiato) e' che lui bada soltanto ai problemi dei Palestinesi e ne attribuisce tutta la responsabilita' agli Israeliani, salvo una trascurabile (  non poi tanto piccola  visto che  alle  elezioni ha vinto  il gruppo fondamentalista  islamico  di hamas ) corresponsabilita' del malgoverno e della corruzione dell'Autorita' Palestinese  e quindi  d'essere  di parte ,  ma non fazioso e bugiardo perchè Palestina  , racconta  ciò che  è  stato assorbito , vissuto dall'autore   facendo dunque  convivere  ricerca sul campo , testimonianza diretta ad alcuni eventi dell'autore stesso , e  le sue  opinioni . e  la  sua    esperienza interiore  che parte dai dei pregiuzi  , cioè  dall'equazione  palestinesi=terroristi , per  poi  capire  che non sempre  è cosi  .
Concludo : 1)  con quanto dice  Paolo interdonato   nela  scheda   dell'edizione di reppubblica  : <<  (...) Il punto   non è l'apparente  semplicità  del  raccontare per immagini  , ma le idee   che    vi passano   e le opinioni anche poliche [ non politike  ho  già spiegato  in altri post    tale differenza  tra  politica  e politika ]   che    vi vericolano . La strada   per la prossima generazione   di giornalisti a fumetti e spianata  . >>  ; 2)  con le  paole  di Joe Sasso  tratte   da una intervista  fattagli  da Paul Karasik (  insegnante   alla school of  visual  arts  di Nw   e   all’adattamento del racconto Città di Vetro (City of Glass, tratto dalla Trilogia di New York di Paul Auster), realizzato in coppia con David Mazucchelli.)  . contenuta  sempre  nella sudetta introduzione  : <<  per me l'obiettivo  principale  è presentare   le loro  parole  , qualunque cosa dicano , che si tratta di un'analisi   ponderata   della situazione  o di un rovente accesso odio 
>>  .
  con questo  è tutto  Buon anno a  tutti\e  voi  a voi  decidere   se   tale opera  e filo palestinese  o meno 


P.s 
per  i link ed approfondimenti  sulla questione palestinese  e  sul conflitti arabi -israeliani  rinvio  oltre  a quel dvd  citato  e ai link  presenti  nel post  in cui criticavo  la sinistra extraparlamentare  per aver bruciato le bandiere d'israele
P.s
Mentre finisco questo post mi ritornano in mente le  parole  scritte  da  Maria  Novela  Oppo  sul   trafiletto quotidiano  "  fronte del video " pubblicato  sull'unità del 31\12\2006   sulla condanna  a morte di Saddam :
<<

La vendetta


Maria Novella Oppo




Non riusciamo a cancellare dai nostri occhi le immagini dell´esecuzione di Saddam. Tutte le reti ne sono state invase. Niente di nuovo, purtroppo, nella globalizzazione della barbarie, ma un uomo incatenato, ucciso da uomini incappucciati è la scena di un delitto mostrata al mondo intero. Tutto registrato e diffuso quasi in tempo reale, perché niente avviene se non avviene in tv, secondo la logica di una comunicazione chiamata a completare l´opera del boia e a uccidere un uomo morto. Perché lo avevano già finito quando lo avevano mostrato a bocca aperta, ispezionato e quasi spulciato, come un animale appena catturato. Da lì era cominciata la distruzione fisica del tiranno, la sua riduzione a prigioniero, vittima e dunque di nuovo uomo. Cosicché, alla fine, ad essere ucciso è stato l´uomo. E questo è l´incredibile risultato della vendetta di Bush. Come se un nuovo delitto potesse cancellare tanti delitti. Come se aggiungere nuova ferocia potesse migliorare il mondo e capovolgere le sorti della guerra.
>>