Visualizzazione post con etichetta è il mercato bellezza. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta è il mercato bellezza. Mostra tutti i post

25/05/18

cari commessi dei super mercati Imparate dagli stranieri che vendono fuori da vostri negozi ti trattano meglio loro di voi

Dal titolo sembrerebbe che ce l'abbia con i commessi . Beh non completamente perchè ubbidiscono alle direttive del proprietario \ del capo , ma un minimo d'umanità cioè saper distinguere la regola dell'eccezione non guasterebbe specialmente quando è un cliente che viene in quel supermercato da 30 anni . Ma soprattutto mi lascia basito il fatto che nessuno\a in fila alla cassa sia intervenuto \a facendo il gesto o di pretestare alla signora 0.60 €cent che fine a fatto la solidarietà . Molti mi diranno e tu cosa avresti fatto ? come faccio quando mi capita , gli avrei prestati





Corriere della Sera  2018-05-23 predsa  tramite  l'aggregatore  http://va.newsrepublic.net/
Quattro cose. Latte, burro, zucchero e uova hanno già fatto “bip”. La cassiera parla alla signora guardando da un’altra parte. “Dieci euro e sessanta” Quattro cose. Latte, burro, zucchero e uova hanno già fatto “bip”. La cassiera parla alla signora guardando da un’altra parte. “Dieci euro e sessanta” “Quanto ha detto?” “Dieci e sessanta” La signora gira le dita nel portafoglio e continua a spostare la banconota da dieci euro per cercare le monetine. “I sessanta glieli porto dopo” La cassiera sposta lo sguardo dal nulla e lo posa sulla signora. Non può non vedere un elegante e borghesissimo vestito di fiori, le rughe che dicono ottanta e la schiena un po’ curva che conferma. “Mi spiace signora, il supermercato non può far credito. Deve lasciare giû qualcosa” “Guardi non posso lasciare giù niente, mi serve tutto” “Mi spiace” “Ma sono trent’anni che vengo in questo supermercato” “Mi spiace” Vedo la signora muoversi faticosamente verso l’uscita senza nulla in mano. Non pare stizzita e cammina lenta. Gli occhi della giovane cassiera non la seguono. Pago in fretta le mie cose e per un attimo mi vergogno di aver assistito alla scena come a teatro senza pensare. Sono rimbambito. Cerco di guadagnare velocemente l’uscita per rimediare e trovo la signora davanti a un ragazzo africano nella zona dei carrelli “Mi presti sessanta centesimi?” Il ragazzo africano non capisce, sgrana gli occhi. Sembra spiazzato. Forse ha mille domande in testa o forse nessuna fatto sta che schiude il pugno. “Prenda quello che vuole signora” Lo guardo. Si sente un re quel ragazzo, se fosse passato uno e gli avesse mollato una banconota da cento non sarebbe altrettanto felice. La signora torna alla cassa. Non resisto e la seguo, fremo come davanti a un calcio di rigore. Ci siamo: la signora porge alla cassiera dieci euro e sessanta centesimi. “Sa chi me li ha dati? Quel nero là ”. Poi prende le quattro cose e se ne va. Cerco lo sguardo della sconfitta nella cassiera e trovo la solita espressione anafettiva, cerco il sorriso della vendetta nell’anziana e scorgo sofferenza. Nei pressi dell’auto rivedo il ragazzo africano che gesticola e alla fine dà una pacca a un connazionale. Non avevano niente e ora hanno niente meno sessanta centesimi ma stanno ridendo. Hanno la luce negli occhi e sguardi di speranza. “Quanto ha detto?” “Dieci e sessanta” La signora gira le dita nel portafoglio e continua a spostare la banconota da dieci euro per cercare le monetine. “I sessanta glieli porto dopo” La cassiera sposta lo sguardo dal nulla e lo posa sulla signora. Non può non vedere un elegante e borghesissimo vestito di fiori, le rughe che dicono ottanta e la schiena un po’ curva che conferma. “Mi spiace signora, il supermercato non può far credito. Deve lasciare giû qualcosa” “Guardi non posso lasciare giù niente, mi serve tutto” “Mi spiace” “Ma sono trent’anni che vengo in questo supermercato” “Mi spiace” Vedo la signora muoversi faticosamente verso l’uscita senza nulla in mano. Non pare stizzita e cammina lenta. Gli occhi della giovane cassiera non la seguono. Pago in fretta le mie cose e per un attimo mi vergogno di aver assistito alla scena come a teatro senza pensare. Sono rimbambito. Cerco di guadagnare velocemente l’uscita per rimediare e trovo la signora davanti a un ragazzo africano nella zona dei carrelli “Mi presti sessanta centesimi?” Il ragazzo africano non capisce, sgrana gli occhi. Sembra spiazzato. Forse ha mille domande in testa o forse nessuna fatto sta che schiude il pugno. “Prenda quello che vuole signora” Lo guardo. Si sente un re quel ragazzo, se fosse passato uno e gli avesse mollato una banconota da cento non sarebbe altrettanto felice. La signora torna alla cassa. Non resisto e la seguo, fremo come davanti a un calcio di rigore. Ci siamo: la signora porge alla cassiera dieci euro e sessanta centesimi. “Sa chi me li ha dati? Quel nero là ”. Poi prende le quattro cose e se ne va. Cerco lo sguardo della sconfitta nella cassiera e trovo la solita espressione anafettiva, cerco il sorriso della vendetta nell’anziana e scorgo sofferenza. Nei pressi dell’auto rivedo il ragazzo africano che gesticola e alla fine dà una pacca a un connazionale. Non avevano niente e ora hanno niente meno sessanta centesimi ma stanno ridendo. Hanno la luce negli occhi e sguardi di speranza.