Visualizzazione post con etichetta apertura mentale. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta apertura mentale. Mostra tutti i post

09/09/17

A Pieve di Soligo lezioni di arabo e Corano: per gli italiani sono gratis prove d'integerazione e confronto fra culture diverse che va oltre o stereotipo devono essere loro ad integrarsi a noi non loro a noi .



Leggendo l'articolo che segue



A Pieve di Soligo lezioni di arabo e Corano: per gli italiani sono gratis
Pieve di Soligo, i corsi di arabo e corano sono promossi dall’associazione marocchina “Noi ci siamo” Il sindaco: «Strumento di integrazione». Già cento adesioni per il mese di ottobredi Silvia Ceschin

 da   http://tribunatreviso.gelocal.it/treviso/cronaca   del  08 settembre 2017


PIEVE DI SOLIGO. Pievigini a lezione gratuita di arabo nei locali comunali della Casa delle Associazioni di via Battistella. Il Comune di Pieve di Soligo ha concesso l’utilizzo degli spazi pubblici destinati ai gruppi di volontariato locali, all’Associazione marocchina “Noi ci siamo” che promuove corsi non a pagamento per l’insegnamento e la diffusione della lingua e della cultura araba tra gli italiani.
«Si tratta di un gruppo che collabora con il Comune anche nell’organizzazione dell’annuale festa multietnica in piazza – spiega l’assessore Roberto Menegon – e ha avanzato la richiesta di utilizzare gli spazi di via Battistella per tenere un corso di insegnamento della lingua araba aperto a tutti.




L’amministrazione ha dato il benestare all’iniziativa come ulteriore via di integrazione». Uno «strumento di prevenzione» per il sindaco Soldan. Un primo corso, già concluso, si è svolto tutte le domeniche mattina prima del periodo estivo e un secondo sarà avviato a breve. Uniche forme pubblicitarie sono il passaparola e una piccola locandina fai-da-te esposta all’ingresso della Casa delle Associazioni di via Battistella: “Associazione Noi ci siamo organizza un corso di lingua araba gratuito presso il Centro Associazioni di Pieve di Soligo”. In chiusura il numero di telefono al quale gli interessati possono rivolgersi per avere informazioni. Risponde Mostafa Nawri, marocchino d’origine e fondatore dell’associazione nata ad aprile 2017. Ad aiutarlo nella traduzione è la figlia Fatine. «Stiamo ancora raccogliendo le iscrizioni – riporta la giovane – per i corsi di lingua araba che partiranno il primo ottobre».
Tre le classi per ora previste: una per i bambini dai 6 ai 9 anni, un’altra per quelli dai 10 ai 15 anni e un’ultima che raccoglierà la fascia più adulta.Un’ottantina le iscrizioni già raccolte per l'edizione in partenza a ottobre tra cui spuntano già diversi cognomi italiani. «Alle classi di bambini oltre alla lingua araba gli insegnanti madrelingua spiegano il Corano – continua Fatine – cosa che per gli adulti dovrà essere decisa insieme”. Tre ore di scuola la domenica mattina nelle tre aule della Casa delle Associazioni date in concessione dal Comune a “Noi ci siamo” a inizio 2017.
Trecento euro l’anno è la somma che Nawri ha dichiarato di versare per l’uso dei locali senza l’ausilio di nessun contributo pubblico. Gli stranieri che partecipano al corso pagano, gli italiani non devono versare nessuna somma per frequentare le lezioni di arabo e, se
interessati, di Corano. A fine settembre si chiuderanno le iscrizioni che hanno già raggiunto il centinaio. Numeri importanti per una realtà la cui esistenza è rimasta fin'ora semisconosciuta persino alle altre associazioni che si riuniscono nella struttura.




ho risposto cosi ad un commento  e    agli altri  tre   " mi piace  " all'articolo preso   dalla  la pagina facebook di geolocal ( https://www.facebook.com/gelocalcronacaitaliana ) 

Giovanna Bacchini Scusate, ma perché dovremmo imparare noi l'arabo? Devono integrarsi loro, non noi.

Rispondi
4
2 h
Gestire
Giuseppe Scano perchè non entrambi noi la nostra cultura e le nostre usanze e leggi , e noila loro , questa e è vera integrazione o meglio coesistenza @Davide Civero ,@Melissa Droghetti , @Angela Piscopo , @Rosy Toretti

RispondiAdesso


 eccludendo quelli razzistici   xenofobici  e   volgari    con cui  non vale la pena  perdere  tempo  ,  perchè è  come darte le perle  ai porci   o lavare  la testa all'asino    con il sapone  . Ma  che  riporto per  dimostrare  il  clima  di chiusura    nazionalistica  \  campanilistica   e mentale    verso  la  cultura  non propria  che  c'è  , oltre   alla moda   \  accettazione  passiva     della  cultura  non nostra  

Ottavio Turi Prendetelo in c....

Rispondi
1
2 h
Gestire
Maurizia Cragnaz Xchè noi italiano dovremmo imparare l'arabo 😡

Rispondi8 min
Gestire
Davide Civero Ditemi che non è vero!!!😨😨😨
Gestire
Salvatore Gugliuzza Portaci tua madre stronzzzzz

Rispondi1 h
Gestire
con questo è tutto . attendo le vostre opnioni in merito

31/03/17

Il prof che usa l'hip hop per insegnare la matematica L'incredibile storia di un professore di matematica che insegna la materia usando l'hip hop

Il prof che usa l'hip hop per insegnare la matematica
L'incredibile storia di un professore di matematica che insegna la materia usando l'hip hop




Si chiama Kurt Minnaar ed è un professore di matematica fuori dal comune. Le sue lezioni di matematica infatti, spiegate attraverso l’hip hop, l’hanno reso l’idolo del web.
Il 33enne sudafricano infatti ha trovato un modo per rendere finalmente la matematica interessante, tutto grazie alla danza. La scelta di utilizzare l’hip hop è arrivata anche grazie all’esperienza di Minnaar, che in passato è stato coreografo e artista di strada. Una volta diventato insegnante l’uomo si è chiesto come poter rendere meno noiose le sue lezioni di matematica e per trovare una soluzione ha scavato nel suo passato.



Minnaar ha pensato che, visto che molti ragazzi sono appassionati di danza e musica, sarebbe stata un’ottima idea unire l’insegnamento tradizionale a questa passione, rendendo così le nozioni molto più facili da apprendere e da ricordare.
Il prof di matematica ha così creato diverse canzoni e balletti dedicati alle tabelline e alle moltiplicazioni. Le sue lezioni si svolgono così: Minnaar canta i brani sulla matematica, poi chiede ai ragazzi di fare lo stesso con la musica in sottofondo. I risultati, a quanto pare, sono ottimi: i ragazzi si divertono tantissimi, sono felici di fare matematica, ma soprattutto riescono ad apprendere meglio.
L’entusiasmo degli alunni per le lezioni del 33enne sudafricano è stato così grande che Minnaar si è già rimesso al lavoro per realizzare il nuovo programma delle lezioni con altre canzoni e balletti.
“I metodi di insegnamento tradizionali vanno bene solo per chi apprende leggendo, o in modo indipendente – ha raccontato Minnaar che ha messo a frutto questa metodologia di insegnamento basandosi sulla sua esperienza di bambino vivace che odiava la matematica e non riusciva ad impararla in alcun modo -. Nella mia classe di seconda media ci sono ragazzi che non sanno cosa si fa in quarta elementare”.
Con l’hip hop invece tutti i ragazzi, anche quelli che hanno più difficoltà nell’apprendimento, possono imparare la matematica ridendo e divertendosi durante le lezioni, senza sentirsi più inadeguati o diversi. “Con il mio rap – ha concluso il professore, fiero del suo metodo – ho creato un metodo che raggiunge gli studenti creativi, iperattivi o dislessici”.