Visualizzazione post con etichetta disabilità. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta disabilità. Mostra tutti i post

24/03/19

chi dice che i disabili non sono erotici il caso di valentina tomirotti alias pepitosa


“Ci facciamo un giro vicino a Porta Romana? C’è una piazzetta con i muri che hanno qualcosa da raccontare”. Un po’ come io e Malika Ayane. Passeggiamo, c’è un bellissimo sole e i muri sono tiepidi anche per le parole che indossano marchiate, sembrano fatte apposta per Noi. Ne esce una bellissima intervista esclusiva per la Repubblica (correte ora in edicola), dove raccontiamo un sacco di cose e sensazioni palpabili, e parliamo di com’è nata la nostra “coppia” letteraria, la sua prefazione al mio libro. Aveva ragione Ovidio: “la bellezza è un bene fragile” e io e Malika non so se siamo belle, ma siamo due belle persone.

Lei che ha saputo conoscermi dentro. Lei che non ha deciso solo di regalarmi le sue parole, ma ne ha fatta la poesia che meglio mi rappresenta. Lei che è prima di tutto Malika Ayane e poi la cantante che tutti conoscono. Lei che mi ha detto "sei sicura di volere me ad aprire la storia della tua vita?". Io che sapevo fin dall'inizio che Malika sarebbe stata parte di questa vita.
Il libro esce il 26/3 in tutte le librerie, ma potete pre-ordinarlo su Amazon:https://amzn.to/2Ctw8Gn
#unaltrodanno Mondadori Electa
Mondadori Electa
Né un diario, né un calendario, dodici mesi che parlano di una vita vissuta comodamente seduta su quattro ruote. "Un altro (d)anno" di Valentina Tomirotti è rosa ed è in tutte le librerie dal 26 marzo, preordinalo subito: https://goo.gl/qkRpnZ 💌

Infatti a confermare   il  mio  titolo    oltre  alla  sua  storia  di  cui  parla  sui  suoi  facebook  e  i  suoi video   c'è  , tratta  dall'articolo  di    repubblica    ,  questa  sua  foto   sensuale



 

16/04/18

Disabilità. «Dopo la scuola non c’è nulla: bocciate mia figlia»

è vero che non ci si possa pronunciare sentendo una sola campana, per esprimere un parere anche solamente sommario dovrei conoscere le motivazioni della scuola. Ma  essendo  figlio e nipote  d'insegnanti   fra  cui  ( mia zia  )  specializzata  sull'handicap   e  avendo una cugina in secondo grado  handicappata   penso    che  la madre  abbia ragione  .  

  da   http://iltirreno.gelocal.it/livorno/cronaca/2018/04/08/























Mia figlia Anna ha 15 anni ed è affetta da grave disabilità. Frequenta la terza media di una scuola livornese, ambiente in cui si sente oramai integrata nonostante i limiti imposti dall’handicap e quelli, altrettanto tangibili, di un sistema-scuola non ancora a misura di disabile. È lei stessa a dimostrarmelo ogni giorno, con l’entusiasmo contagioso che mette nel salire sul pullman e nel raccontarmi, a suo modo, le mattine trascorse a scuola, le attività svolte e piccoli aneddoti su insegnanti e compagni.
Anna alle medie è serena, ha trovato la sua dimensione e, per questo, vorrei prolungare quanto possibile la sua permanenza: per non sottrarle una routine che le offre riferimenti saldi (una continuità indispensabile a ogni ragazzo portatore di handicap) e per rinviare un futuro denso di incognite che, da madre, non può non turbarmi. Incognite legate al prossimo passaggio alle superiori, in un ambiente meno raccolto, e soprattutto al futuro di lungo periodo, quando le prospettive di tutela sociale per Anna si faranno più incerte.
Vivo mia figlia nel quotidiano e l’esperienza mi insegna cosa è meglio per lei. È quanto ho fatto presente al consiglio di classe chiedendo di “bocciarla” per rallentarne ulteriormente il percorso, pregando di tener conto delle difficoltà legate alla mia condizione di madre separata e lavoratrice e del contenuto della legge 104/92, che ammette la possibilità di una terza ripetenza in singole classi. Percependo, viceversa, l’intento di non accogliere a priori la mia richiesta. Ho consultato un legale per vedere tutelati i diritti e il benessere di mia figlia. Ma al di là degli aspetti legali e del mero bilancio didattico, mi amareggia che le mie ragioni di madre siano state considerate marginali, così come le esigenze specifiche. Mi sono sentita inascoltata e lasciata a me stessa proprio da chi dovrebbe offrire il primo supporto a me e a mia figlia; da

chi dovrebbe far sì che i valori di solidarietà, empatia, risposta ai bi-sogni specifici dell’alunno disabile richiamati dalle normative non restino lettera morta. Comunque vada spero si decida il meglio per Anna, lei e il suo sorriso sono la mia priorità. Una priorità, mi auguro, condivisa.

28/08/17

L’agenzia di moda Iulia Barton porta in passerella persone con disabilità. «Così trasformiamo davvero la percezione su chi è costretto in carrozzina»

da
http://laprovinciapavese.gelocal.it/pavia/cronaca/2017/08/27/

Sara, modella a rotelle per cambiare il mondo

L’agenzia di moda Iulia Barton porta in passerella persone con disabilità. «Così trasformiamo davvero la percezione su chi è costretto in carrozzina»


PAVIA. La bellezza non si trova solo nella perfezione. È la visione di Iulia Barton srl, prima agenzia di moda inclusiva che vuol fare la rivoluzione nel mondo delle modelle taglia 38 che sfilano per le grandi firme. Come? Portando sulle passerelle modelle e modelli in carrozzina, amputati, con cicatrici, persone con disabilità e non solo. Tra le modelle c’è anche Sara Riccobono, studentessa pavese che pochi giorni fa è stata ospite a La vita in Diretta con il collega Umberto D’Anchise per parlare del caso del cartello di insulti al disabile «colpevole» di aver chiamato i vigili di fronte a un’auto in sosta nel parcheggio disabili.


Sara Riccobono ha fatto il giro d'Italia in handbike e giocato a hockey, scrive, viaggia e lavora

Sara, 23 anni, è sulla sedia a rotelle a causa di una esplosa il 30 dicembre 2007 quando aveva 13 anni. Vuol fare la giornalista ed è iscritta a Scienze della comunicazione all’università di Pavia, collabora con la Uildm, l’Unione italiana per la lotta alla distrofia muscolare dove svolge il servizio civile, ha giocato a hockey e fatto il Giro d’Italia in handbike, è stata in collegio e da pochi giorni è andata a vivere da sola. «È il mio settimo trasloco - racconta - ho vissuto a Giussago, Milano, Bornasco, Siziano e Pavia».

Aspirante giornalista, attivista, modella. Cosa lega queste cose?


«Giulia Bartoccioni, la fondatrice, è la sorella di Fabrizio, che ha avuto un incidente in motorino ed è in carrozzina. Lui è il presidente dell’associazione Vertical che raccoglie fondi per la ricerca sulle lesioni midollari. Io ho partecipato a una sfilata di Modelle&Rotelle, evento di beneficenza per la ricerca. Quando Giulia ha deciso di creare quest’agenzia di moda inclusiva, con un obiettivo come quello di portare modelle professionali in sedia a rotelle o con amputazioni sulle principali passerelle internazionali, ho pensato fosse importante: spesso le persone con disabilità sono viste come “sfigate”, poverine, con una vita triste, senza legami affettivi, amici o fidanzati. Vederli sfilare e con abiti d’alta moda può davvero modificare la percezione: bisogna usare tutti i canali per veicolare questi messaggi».

Che come dimostra il caso dell’automobilista che insulta gli “handicappati” non sono ancora abbastanza diffusi.


«Questa persona oltre alla multa per avere occupato un posto per disabili, ora si è preso anche una bella sanzione morale da tanta gente. In tv mi hanno detto che ero pacata, ma agli insulti preferisco rispondere con messaggi costruttivi. Di barriere ce ne sono tante, architettoniche e culturali, come non darmi una mano per salire sul bus o entrare in un negozio per esempio. Ma anche le parole sono importanti: io preferisco “persone con disabilità” a “disabili”, perché così si mette davanti il fatto che siamo persone. Ovvio che se la signora ottantenne mi chiama handicappata non mi offendo, e ho amici che mi chiamano “rotellina” e mi prendono in giro. L’ironia aiuta un sacco».

Bisognerebbe iniziare a parlare ai piccoli?

«Io vado nelle scuole con la Uildm ed è bellissimo, i bimbi ci vedono arrivare in carrozzina e pensano: “Che bello, un passeggino gigante!”. Con quelli più grandi facciamo giochi per far capire che anche noi facciamo sport, cuciniamo, abbiamo fratelli e sorelle, passioni. L’ultima volta abbiamo chiesto: “Secondo voi una persona in carrozzina può andare in discoteca? Come balla?”. E loro hanno guardato Fabio e hanno detto: “Lui balla con le dita!”. Aiuta a vedere le cose da un’altra prospettiva».

Ora è andata a vivere da sola. Ma... come fa?


«Ho messo tutto al mio livello, occupando ogni spazio basso, ho riempito tutto di scatole e cassetti a rotelle. Ho amici tetraplegici che vivono soli, mi sono detta: io sono solo paraplegica, ce la posso fare. Difficile trovare una casa accessibile, senza gradini all’ingresso o per salire sull’ascensore.
Mia madre era preoccupata, il primo giorno abbiamo conosciuto i vicini di casa, parlavamo con due ed è uscita tutta la via. Mi hanno lasciato tutti i numeri di telefono, per qualsiasi evenienza, c’è praticamente tutta la via su Whatsapp. È difficile, ma sono fiduciosa».


31/12/15

chi lo dice che con le cose fatte con i piedi sono negative . Il caso di Enrica Scotti, È senza le braccia menomata dalla nascita a causa di un farma e qguida cocon i piedi Ora dopo tre anni arriva l'ok dala motorizzazione per la patente

La storia di oggi riportata dal quotidiano locale del gruppo geolocal  (    gruppo editoriale  la    repubblica  \  espresso  )  http://laprovinciapavese.gelocal.it/pavia/ tramite la  pagina facebook   https://www.facebook.com/gelocalcronacaitaliana/

È senza braccia, ma guida. Usando solo i piedi, anche per girare il volante. È fresca di patente Enrica Scotti. Un traguardo raggiunto a Milano, perché dalla motorizzazione di Pavia aveva incassato una bocciatura all’auto utilizzata per la guida. Non sarebbe stata tecnologicamente adeguata, le avevano obiettato. 


Così si è vista costretta  a    rivolgersi  ad un ’altra motorizzazione per ottenere l’agognata patente, coronamento di un sogno per il quale si è battuta per ben tre anni. Un sogno di indipendenza, condizione a cui ha sempre aspirato. Adesso è alla guida della sua Cinquecento rosa pallido, decorata con fiori stilizzati, segno di quella speranza e di quella allegria che non la vogliono abbandonare, nonostante le mille difficoltà di ogni giorno. Il suo corpo mostra infatti evidenti i segni lasciati dalla talidomide, il farmaco assunto a partire dal dopoguerra dalle donne in gravidanza per combattere le nausee. Enrica Scotti ha 53 anni ed è una degli oltre dodicimila bambini, cinquecento in Italia, focomelici. Significa che hanno avuto uno sviluppo degli arti, superiori e inferiori, parziale oppure del tutto incompleto. Lei è nata senza braccia. Una menomazione che Enrica supera quotidianamente con tenacia. Abitava a Milano, ma il padre ha voluto tornare a Genzone, suo paese d’origine, piccolo centro che «ha saputo accoglierla con affetto», sostiene il sindaco Giovanni Arioli. «È stata dura, ma alla fine ci sono riuscita», dice Enrica. Il suo viaggio nella burocrazia inizia nel 2012. «Ricevo un primo «no» dall’Asl di Pavia - racconta -. Ma a Milano mi danno l’ok». Superato il primo scoglio, si prepara per l’orale e inizia ad esercitarsi nella guida. È dura. Ma lei, con estrema abilità, ha imparato ad utilizzare i piedi per lavorare al computer, all’uncinetto, a punto croce. «Sono riuscita a passare lo scritto - precisa la donna -. Ma la motorizzazione mi ha impedito di affrontare l’esame di guida, sostenendo che l’auto non era munita di un joystick collegato elettronicamente al volante». Mezzo idoneo invece per Milano che le rilascia la patente. «Il cambio è automatico, con un piede comando volante, frecce e luci, con l’altro premo freno e acceleratore. Sono felice, ringrazio  le scuole guida di Belgioioso, Villanterio e Locate Triulzi e l’installatore che ha adeguato l’auto». «Il suo è un esempio di grande forza di volontà - aggiunge -. Riesce a condurre una vita quasi normale e il più possibile indipendente, aiutata dalla mamma Franca e dal fratello Luca».

17/03/13

La mia vita senza tacchi a spillo. Giusy Versace: io e la femminilità] La mia vita senza tacchi a spillo. Giusy Versace: io e la femminilità

 ho preso questa storia  raccontasta  da  Claudio Arrigoni
 
Giusy Versace (sì, la famiglia è quella che immaginiamo) ha affrontato di colpo la disabilità quando aveva 28 anni: le gambe amputate da un guard rail sulla Salerno-Reggio Calabria. Nella sua vita c’è un prima e un dopo, come spiega nel libro “Con la testa e con il cuore si va ovunque” (Mondadori; la foto, di Jennifer Lorenzini, è quella della copertina). Anche nel suo modo di intendere la femminilità. Ce lo spiega oggi, “Festa della donna”, con un augurio: “Auguri a tutte, ma proprio a tutte, le donne: siamo come ci guardiamo”.

di Giusy Versace

Nel 2005 ho perso le gambe in un incidente stradale e insieme alle gambe credevo di aver perso anche una parte della mia femminilità. Ho sempre considerato le gambe come la parte più femminile di me, perdendole ho iniziato a vedermi come un piccolo mostro.
Ho dovuto imparare nuovamente a guardarmi allo specchio, vestita in modo diverso rispetto a come ero abituata a vedermi prima. Indossavo spesso pantaloni stretti, fuseaux e scarpe col tacco. Adoravo i vestiti corti e le mini gonne. Di colpo ho dovuto affrontare un nuovo nemico: l’armadio. Affrontai una sfida: raccogliere in grandi buste tutti i vestiti e le scarpe che non avrei potuto più indossare e trovare il coraggio di darle via. Il pianto liberatorio, condiviso con mia madre, mi diede la forza necessaria per farlo.
Col tempo ho imparato ad apprezzare e valorizzare ciò che di me era rimasto, senza perdere troppo tempo a pensare a ciò che non avevo più.
Essere guardata in modo “diverso” mi metteva a disagio, finché un giorno capii che ero io quella diversa, semplicemente perché non mi sentivo bene con me stessa. La gente guarda semplicemente perché non è abituata a vedere, ma io “guardavo” perché la mente mi proiettava un’immagine di me che ormai non esisteva più.
Pensare alla mia nuova vita senza tacchi mi ha fatto spesso sentire buffa e goffa, in alcune situazioni finanche inappropriata. Per esempio, ricordo con simpatia quando una sera le mie migliori amiche mi proposero di andare a una festa. Evviva! Non vedevo l’ora. Avevo imparato a camminare senza stampelle da pochi mesi e l’idea di uscire e fare un po’ di vita mondana mi elettrizzava come un’adolescente al suo primo appuntamento.  Cercai di vestirmi in modo carino, ma nell’aprire la scarpiera la scelta era più o meno sempre la stessa: sneackers, ballerine. Pensai subito che forse nessuno mi avrebbe guardato i piedi e che la cosa più importante era sfoggiare il sorriso più bello. Indossai una camicetta attillata con una collana lunga colorata, un po’ di trucco, un tocco di gloss alle labbra e via. La compagnia e l’affetto delle mie amiche mi aiutò quella sera a essere, ancora una volta e nonostante tutto, protagonista di una serata importante. A nessuno importava che scarpe indossassi, nessuno notò il mio largo pantalone nero, in compenso mi fecero tanti complimenti per la collana  e per il sorriso. La gente ci vede in base a come noi ci poniamo. Maggiore è la stima che nutriamo di noi stesse, migliore è la percezione che la gente avrà di noi. Allora, di che parliamo?! Cosa vuol dire femminilità?
Sembrerà banale, e magari lo è, ma un sorriso è in grado di sprigionare più femminilità di un tacco a spillo. Difficile crederci, per chi è abituata magari a indossarli o per l’immagine femminile che ci viene spesso proposta, lo so bene! Ma, provate a immaginare una “musona” o una persona triste e negativa su un paio di tacchi e poi ditemi che effetto vi fa.
Se poi scegliete invece di mettere i tacchi solo per sembrare più alte, beh allora vi capisco! Siete assolutamente giustificate. Io ho risolto il problema così: vado da un tecnico e mi faccio fare le gambe di qualche centimetro più lunghe. Comodo no? In fondo, se ci pensate bene, con un paio di scarpe comode si evitano anche i rischi di incappare in brutte figure, si evitano possibili scivoloni o inutili e antipatiche storte alle caviglie. In sostanza, ci si sente più a proprio agio e si sorride molto di più.
Non potrò mai dimenticare le parole che mi scrisse un amico stilista qualche tempo fa: se osi con una scollatura apparentemente discreta, nessuno noterà le ballerine che avrai ai piedi.
“Donne, donne…. oltre le gambe c’è di più”, cantava la bella Jo Squillo. E’ proprio vero…
* Professionista nella moda, atleta paralimpica, presidente di “Disabili no limits”




23/12/12

mi sa che mi metterò a dieta o mi limito a mangiare di meno [Tremila euro per viaggiare su Meridiana Disabile obeso deve pagare sei biglietti ]

unione sarda online del 23\12\2012

CRONACHE DALLA SARDEGNA - Un uomo di 39 anni, in sedia a rotelle, non trascorrerà il Natale a Solanas con la famiglia. Meridiana, visto il suo peso di 130 chili, ha chiesto il prezzo di 6 posti per 

farlo viaggiare legato e in barella.Trentanove anni e in carrozzella da quando ne aveva otto. Massimiliano Muratori vive a Modena, dove lavora, e quest'anno aveva intenzione di trascorrere il Natale con la famiglia a Solanas. La madre inizia a organizzare la trasferta più di un mese fa.. Ai primi di dicembre chiama Meridiana per prenotare il biglietto e scopre che Massimiliano non può viaggiare. Il problema? Il suo peso: 130 chili. "Mi hanno comunicato - racconta Francesca Piras - che il ragazzo non poteva utilizzare la loro sedia a rotelle perché troppo grasso". A quel punto arriva la proposta: "Se proprio vuol passare il Natale con suo figlio, il ragazzo dovrà accontentarsi di fare il viaggio legato in una barella che occupa sei posti normali. Ma il costo del biglietto cambia. Massimiliano Muratori avrebbe dovuto pagare 860 euro sia all'andata che al ritorno, per un totale di 1720 euro. Più 1200 per l'accompagnatore. "Sono indignata - ha detto Francesca - mi hanno fatto pesare di avere un figlio disabile. Ho anche letto il regolamento dove c'è scritto che i disabili possono viaggiare in aereo purché capaci di piegare le gambe. La barella serve solo a chi è allettato, e non è certo il caso di mio figlio".