Visualizzazione post con etichetta bambino nel vento. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta bambino nel vento. Mostra tutti i post

10/01/19

olocausto o shoah sempre genocidio ed olocausto si tratta basta questioni di lana caprina e ricordiamo senza inutili distinzioni bambinesche e d inutili

in sottofondo
Simon & Garfunkel - The Sound of Silence 

Eccoci nolenti e dolenti al mese dell'olocausto o shoah .

E  come  se come ho detto oltre  che  nel  titolo del  post  e  sulla mia bacheca di facebook commentando  l'articolo    di studentville   che potete  o trovare  cliccando  sopra    oppure  qui 






da ex studente e laureato in lettere penso che questi tratti sotto siano questioni di lana caprina sempre di genocidio si tratta. Un genocidio ed un olocausto che non dev'essere dimenticato quando smetteremo con
queste divisioni del tipo : il mio genocidio è peggio del tuo allora si potrà guardare avanti


STUDENTVILLE.IT
Significato di Shoah e Olocausto: scopriamo insieme il valore di questi due termini utilizzati per indicare lo sterminio degli ebrei.


Commenta
Risultati immagini per la variante di luneburg
Ma non stiamo a guardare queste sottigliezze linguistiche e filologiche ed andiamo avanti nel post già di difficile scrittura senza cadere nelle solita retorica pulisci coscienza e d'occultamento  (  ne  parlano   solo pochi salvo e  coraggiosi    e liberi )    del perché gli alleati pur sapendo ed avendone notizie certe già dai primi anni di guerra non intervennero almeno bombardando le ferrovie che portavano il loro carico di morte o favorendo come invece fecero con le altre resistenze quella tedesca come testimonia il  film lettere da Berlino tratto dall'omonimo romanzo 
Ora mentre cercavo materiali ed spunti per questo post mi sono imbattuto oltre che nel bellissimo libro La variante di Lüneburg  di Paolo Maurensig scritto nel 1993. (    regalatami per natale  e  divorato  in una settimana  )  ambientato nel tratto finale cioè le ultime 70\80 pagine in un lager nazista  e    nel cartone animato La stella di Andra e Tati   che  potete  vedere   qui ovvero La vera storia delle sorelle Andra e Tatiana Bucci, deportate ( e poi sopravvissute )ad Auschwitz-Birkenau durante la Seconda guerra mondiale all'età rispettivamente di 4 e 6 anni insieme a parte della loro famiglia

 E da tali riferimenti mi sono accorto che solo questo dice più di mille celebrazioni e canzoni famose 1 2  o  fumetti    2 perchè :   << Ad Auschwitz tante persone,[ e non solo ] ma un solo grande silenzio è strano non riesco ancora a sorridere qui nel vento >> ( citazione  musicale  eccetto la frase tra parentesi ) credo che appena si vedono speciali , ecco     l'unica risposta sia questa


una  sola  cosa  non  dimenticate    solo coso eviteremo    che  si ripetano errori    cosi  agghiaccianti