Visualizzazione post con etichetta disinformazione destronza e malpancista. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta disinformazione destronza e malpancista. Mostra tutti i post

27/07/19

la solita becera propaganda Sul carabiniere ucciso . neanche un minimo di rispetto


I fiori davanti alla stazione Farnese dei carabinieri dove prestava servizio Mario Cerciello Rega
   anche se  è  un giornale    vicino al pd   stavolta    repubblica  ha ragione    e concordo   con il titolo 

“Bestie straniere” e “lavori forzati”. Sul carabiniere ucciso propaganda sovranista senza freni I politici sparano subito le loro sentenze. Salvini inventa pene non previste, Di Maio chiede che i responsabili siano espulsi, Meloni batte tutti: "Basta far approdare animali". E l'onda web segue: "Colpa di Carola"


a  chi   mi  manderà   insulti  ,   a  chi  si rimuoverà    dai miei  contatti  social   o smetterà di ricevere  gli aggiornamenti del blog   . dico  solo questo  Essere soddisfatti della verità che emerge non potrà mai oltraggiare la vittima quanto lo sciacallaggio attuato con la menzogna. Anzi, proprio il contrario.  Mi  trova  infatti  d'accordo  
  


La soddisfazione che non fossero neri, africani e arrivati con i barconi ma bianchi, americani e arrivati con un volo di linea, sta mettendo un pelo in ombra la questione di un poveraccio ammazzato per niente.
Quel sorriso gongolante stona ai funerali, ve lo assicuro.



"Le parole sono importanti", diceva Nanni Moretti a bordo piscina, in Palombella Rossa. Scusate se lo ripeto ma in tempi in cui : << (.... ) Mio fratello vede tutto e il suo occhio non distingue\mio fratello vede tutto \ma il ricordo si confonde\urlano teorie\ rincorrono morali\la propaganda vince \con frasi sempre uguali \ Mio fratello ha rinunciato  ad avere un'opinione\mio fratello ha rinunciato \ in cambio di un padrone \che sceglie al suo posto  e che non può sbagliare \perchè ormai nessuno\ lo riesce a giudicare (....)   >> ( cit  ModenaCityramblers  in oltre la  guerra  e la  paura   )  è  ancora  a ttuale  



 vista  la  continua   manomissione delle parole

  e  la becera     campagna   , arrogante  ,  propagandista





Lascio la  parola    al bellissimo articolo  di DI CONCETTO VECCHIO  su repubblica  del  26\7\2019


Quelle che usiamo dicono quasi tutto di noi. Alle 9,10 di ieri, quando le agenzie hanno battuto da un quarto d'ora la notizia dell'uccisione del vicebrigadiere Mario Rega Cerciello, il ministro dell'Interno Matteo Salvini twitta: "Caccia all'uomo per fermare il bastardo, lavori forzati in carcere finché campa".
Ora, i lavori forzati non sono ancora previsti dal nostro ordinamento, né, in quel momento, è ancora chiaro chi sono gli assassini che hanno stroncato la giovane vita di un uomo che stava svolgendo il proprio dovere di servitore dello Stato, ma Luigi Di Maio, per non essere da meno di Salvini, dice, Risultati immagini per poliziotto ucciso  a romacome recitando uno slogan orecchiato: "Se sono stranieri devono scontare il carcere a casa loro". E perché non in un penitenziario italiano?
È una giornata che ricorda un po' la tragedia del ponte di Genova. I populisti al governo non pesano le parole, non mostrano senso dello Stato, che sarebbe quello di assicurare quanto prima alla giustizia l'assassino.
"Bestie!" scrive sui social Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia. "L'Italia non può essere punto di approdo di certe bestie, spero questi animali vengano presi e marciscano in galera". Al Giornale Radio delle 11 Salvini chiama gli assassini "i due bastardi".
La ministra della Difesa Elisabetta Trenta scrive: "Tolleranza zero per i delinquenti". Persino una figura moderata come il sottosegretario M5S Stefano Buffagni su Facebook scrive senza continenza: "Tolleranza zero per questi vigliacchi assassini! Questi criminali devono marcire in carcere!". "Bastardi, vi troveremo!", dichiara Licia Ronzulli (Forza Italia). Anche Ignazio La Russa li chiama "bastardi".
Durante la Prima Repubblica, chi era al governo sapeva che la politica era un continuo esercizio di pedagogia. "La Dc", ha scritto una volta Marco Follini, "sapeva che doveva apparire più moderata" della pancia del Paese, invece che vellicarne gli istinti.
Tra i pochi sembra ricordarsene il premier Conte: "La morte del giovane vice brigadiere Mario Cerciello Rega è una profonda ferita per lo Stato. Faremo il massimo per assicurare i responsabili alla giustizia. La mia vicinanza alla famiglia e all'intera Arma dei Carabinieri" twitta. E il presidente della Repubblica Sergio Mattarella: "Nel confidare che si arrivi rapidamente alla cattura dei criminali responsabili, desidero esprimere a lei, signor comandante generale, e all'Arma dei Carabinieri, la mia solidale vicinanza, rinnovando i sentimenti di considerazione e riconoscenza per il quotidiano impegno degli operatori dell'Arma a servizio dei cittadini".
Il comico Luca Bizzarri ha fatto un tweet che merita di essere riprodotto: "Sono figlio di un carabiniere. Un abbraccio immenso a chi soffre. Spero che l'assassino di stanotte sia arrestato, che sia processato in tempi brevi, che gli sia assicurata una difesa, che venga giudicato secondo la legge, che sconti la sua pensa in un carcere, non in una topaia".
Nel tardo pomeriggio trapela la notizia che sono stati arrestati due americani. Daniele Capezzone, figura di riferimento dei sovranisti, che in mattinata aveva accusato "i giornaloni di non dire la verità sul fatto che si tratta due nordafricani", cancella il tweet e ne scrive un altro: "Mentre stamattina gli identikit riguardavano possibili responsabili nordafricani dell'omicidio del carabiniere, ora pare che i maggiori sospettati, in stato di fermo, siano due cittadini americani".
Francesco Storace è sicuro del fatto che c'è chi brinda "perché sono stati fermati due americani". Per tutto il giorno, nei commenti ai tweet dei capi populisti, si insulta Carola: "È colpa sua se questi vengono in Italia". Salvini ritwitta un ragazzo che gli aveva dato "del lurido coglione", e rilancia quello di un tizio che ipotizza che l'assassino si possa essere difeso "dalla prepotenza delle forze dell'ordine". Un ministro dell'Interno che perde il suo tempo così. L'Italia, oggi.
non aggiungo  altro  perché  due parole  sono troppo e  una  è poco 

12/04/19

Tanto rumore per nulla – cimiteri e religione il caso di Pieve Di Cento

credevo    che    tali  fatti    come    affermato   sulla mia  bacheca  di  facebook   fossero 


LOL Gli effetti della paura del diverso e dell'odio verso le culture estranee che creano allucinazioni o rincoglimento iniziate nel lontano 1993 a Lla periferia della Milano da bere e poi diffusi in tutta Italia anche al sud ed ora legalizzata . O esiti /risultato del buonismo d'accatto ?!
io credo non avendo trovato altri riscontri ( ne voi ne avete benvegano farò il crucifige ) sono per la prima ipotesi


Poi  cercando    in rete      cercando    verifiche  in rete   la  notizia   non è  propria   una  bufala   ma   ingigantita   montata dalla destra ( sia extra parlamentare sia parlamentare \ in doppietto )



Matteo Salvini
Pieve di Cento (BO), sindaco PD. Si parla di un "sistema motorizzato" al cimitero per coprire croci e altri simboli cristiani che potrebbero urtare le altre religioni. Se vero, è IDIOZIA,questa sinistra che ha paura delle nostre radici e della nostra cultura non si smentisce mai. https://t.co/iYMEk4bVl5
Twitter09/04/19 12:25


e  ruota       a  pappagallo   tutti i  siti     di destra ( pochi   in buona  fede   ) 





 e gli analfabeti funzionali  che    affermano 



Giuseppe Calì Ok per rispettare le altre religioni, ma cazzo volete rispettare anche la nostra? Visto che siamo a casa nostra?


La modalità selezionata è Più pertinenti, pertanto alcune risposte potrebbero essere state filtrate.

Ecco  il  perchè      

Al cimitero oscurano i crocifissi per non urtare le altre religioni

Questo il titolo dell’articolo pubblicato su Il Giornale online dopo la denuncia social di Galeazzo Bignami (deputato di Forza Italia eletto in Parlamento dal 2018).Il post di Bignami è questo:

Ecco l’ultima trovata del sinistrati che in un comune della provincia bolognese annunciano fieramente, in un giornaletto preelettorale, il restauro del Cimitero e “…per riti o cerimonie laiche anche di altre religioni, il progetto prevede l’installazione di un sistema di oscuramento motorizzato con teli di tessuto che appunto consentiranno all’occorrenza di coprire temporaneamente le immagini sacre e le tombe di famiglia situate all’interno della Cappella”.

Credo che la notizia si commenti da sola.I sinistrati per non mancare di rispetto alle altre religioni offendono i Valori Cristiani e ancor più la memoria dei nostri morti nascondendoli dietro delle “tende motorizzate” in un cimitero per non offendere le altre religioni.
Il tipo di dialettica usata la dice lunga sul modo di fare politica che si è scelto di usare sui social.

  Quindi    come  potete   vedere   si    si tratta, sempre  dalla  parte  della  destra    di  disinformazione  ed  uso strumentale populista     della presenza  ormai   sempre   più  presente   degli  stranieri in italia  ,come dice  ancora    quest articolo di butac.it( uno dei pochi articoli ben fatti ed obbiettivi in merito : << (....) si tratta di un ipotesi di progetto, non di qualcosa di già deciso, votato e realizzato. Il progetto sarà completato e presentato ai cittadini quest’estate. Sarà la nuova giunta comunale a decidere cosa fare dello stesso, visto che a breve ci saranno le elezioni amministrative, in contemporanea con quelle europee.Lo stesso S indaco di Pieve spiega a Repubblica: “Un progetto importante – dice il sindaco – in questo ambito il tecnico incaricato ha ipotizzato la possibilità di inserire nella cappella del cimitero, che non è mai stata consacrata, un sistema a tendine che all'occorrenza possa rendere la cappella uno spazio bianco. Non stiamo parlando di funerali di musulmani che hanno cimiteri a loro dedicati non a Pieve“
Il cimitero di Pieve di Cento è comunale, la Cappella non essendo consacrata è l’equivalente di una sala, all’interno del cimitero, di proprietà del Comune stesso. Usata per tenere riti e commemorazioni funebri su richiesta, magari anche di soggetti che non si riconoscono nella religione cristiana (o nella religione in generale). Non è chiaro se il cimitero sia multi-confessionale o meno, ma non è importante, ci sono laici e atei che possono preferire una sala meno religiosa. E non sarebbe un caso unico, a Bologna, nel cimitero della Certosa, oltre alla Cappella cattolica, abbiamo la “Sala d’Attesa” Pantheon dove da qualche anno (se si eccettua la pausa per il consolidamento post terremoto) si tengo riti funebri, commemorazioni, ma anche spettacoli e concerti.(...) >> 
Infatti non ricordo se ad leggo al tgcom24 il sindaco di Pieve di Cento, Sergio Maccagnani, sulla questione ha affermato: «In periodo di elezioni c’è chi cerca di strumentalizzare certe questioni, credo si possa risolvere tutto con una discussione civile».