Visualizzazione post con etichetta sciacalli. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta sciacalli. Mostra tutti i post

27/07/19

la solita becera propaganda Sul carabiniere ucciso . neanche un minimo di rispetto


I fiori davanti alla stazione Farnese dei carabinieri dove prestava servizio Mario Cerciello Rega
   anche se  è  un giornale    vicino al pd   stavolta    repubblica  ha ragione    e concordo   con il titolo 

“Bestie straniere” e “lavori forzati”. Sul carabiniere ucciso propaganda sovranista senza freni I politici sparano subito le loro sentenze. Salvini inventa pene non previste, Di Maio chiede che i responsabili siano espulsi, Meloni batte tutti: "Basta far approdare animali". E l'onda web segue: "Colpa di Carola"


a  chi   mi  manderà   insulti  ,   a  chi  si rimuoverà    dai miei  contatti  social   o smetterà di ricevere  gli aggiornamenti del blog   . dico  solo questo  Essere soddisfatti della verità che emerge non potrà mai oltraggiare la vittima quanto lo sciacallaggio attuato con la menzogna. Anzi, proprio il contrario.  Mi  trova  infatti  d'accordo  
  


La soddisfazione che non fossero neri, africani e arrivati con i barconi ma bianchi, americani e arrivati con un volo di linea, sta mettendo un pelo in ombra la questione di un poveraccio ammazzato per niente.
Quel sorriso gongolante stona ai funerali, ve lo assicuro.



"Le parole sono importanti", diceva Nanni Moretti a bordo piscina, in Palombella Rossa. Scusate se lo ripeto ma in tempi in cui : << (.... ) Mio fratello vede tutto e il suo occhio non distingue\mio fratello vede tutto \ma il ricordo si confonde\urlano teorie\ rincorrono morali\la propaganda vince \con frasi sempre uguali \ Mio fratello ha rinunciato  ad avere un'opinione\mio fratello ha rinunciato \ in cambio di un padrone \che sceglie al suo posto  e che non può sbagliare \perchè ormai nessuno\ lo riesce a giudicare (....)   >> ( cit  ModenaCityramblers  in oltre la  guerra  e la  paura   )  è  ancora  a ttuale  



 vista  la  continua   manomissione delle parole

  e  la becera     campagna   , arrogante  ,  propagandista





Lascio la  parola    al bellissimo articolo  di DI CONCETTO VECCHIO  su repubblica  del  26\7\2019


Quelle che usiamo dicono quasi tutto di noi. Alle 9,10 di ieri, quando le agenzie hanno battuto da un quarto d'ora la notizia dell'uccisione del vicebrigadiere Mario Rega Cerciello, il ministro dell'Interno Matteo Salvini twitta: "Caccia all'uomo per fermare il bastardo, lavori forzati in carcere finché campa".
Ora, i lavori forzati non sono ancora previsti dal nostro ordinamento, né, in quel momento, è ancora chiaro chi sono gli assassini che hanno stroncato la giovane vita di un uomo che stava svolgendo il proprio dovere di servitore dello Stato, ma Luigi Di Maio, per non essere da meno di Salvini, dice, Risultati immagini per poliziotto ucciso  a romacome recitando uno slogan orecchiato: "Se sono stranieri devono scontare il carcere a casa loro". E perché non in un penitenziario italiano?
È una giornata che ricorda un po' la tragedia del ponte di Genova. I populisti al governo non pesano le parole, non mostrano senso dello Stato, che sarebbe quello di assicurare quanto prima alla giustizia l'assassino.
"Bestie!" scrive sui social Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia. "L'Italia non può essere punto di approdo di certe bestie, spero questi animali vengano presi e marciscano in galera". Al Giornale Radio delle 11 Salvini chiama gli assassini "i due bastardi".
La ministra della Difesa Elisabetta Trenta scrive: "Tolleranza zero per i delinquenti". Persino una figura moderata come il sottosegretario M5S Stefano Buffagni su Facebook scrive senza continenza: "Tolleranza zero per questi vigliacchi assassini! Questi criminali devono marcire in carcere!". "Bastardi, vi troveremo!", dichiara Licia Ronzulli (Forza Italia). Anche Ignazio La Russa li chiama "bastardi".
Durante la Prima Repubblica, chi era al governo sapeva che la politica era un continuo esercizio di pedagogia. "La Dc", ha scritto una volta Marco Follini, "sapeva che doveva apparire più moderata" della pancia del Paese, invece che vellicarne gli istinti.
Tra i pochi sembra ricordarsene il premier Conte: "La morte del giovane vice brigadiere Mario Cerciello Rega è una profonda ferita per lo Stato. Faremo il massimo per assicurare i responsabili alla giustizia. La mia vicinanza alla famiglia e all'intera Arma dei Carabinieri" twitta. E il presidente della Repubblica Sergio Mattarella: "Nel confidare che si arrivi rapidamente alla cattura dei criminali responsabili, desidero esprimere a lei, signor comandante generale, e all'Arma dei Carabinieri, la mia solidale vicinanza, rinnovando i sentimenti di considerazione e riconoscenza per il quotidiano impegno degli operatori dell'Arma a servizio dei cittadini".
Il comico Luca Bizzarri ha fatto un tweet che merita di essere riprodotto: "Sono figlio di un carabiniere. Un abbraccio immenso a chi soffre. Spero che l'assassino di stanotte sia arrestato, che sia processato in tempi brevi, che gli sia assicurata una difesa, che venga giudicato secondo la legge, che sconti la sua pensa in un carcere, non in una topaia".
Nel tardo pomeriggio trapela la notizia che sono stati arrestati due americani. Daniele Capezzone, figura di riferimento dei sovranisti, che in mattinata aveva accusato "i giornaloni di non dire la verità sul fatto che si tratta due nordafricani", cancella il tweet e ne scrive un altro: "Mentre stamattina gli identikit riguardavano possibili responsabili nordafricani dell'omicidio del carabiniere, ora pare che i maggiori sospettati, in stato di fermo, siano due cittadini americani".
Francesco Storace è sicuro del fatto che c'è chi brinda "perché sono stati fermati due americani". Per tutto il giorno, nei commenti ai tweet dei capi populisti, si insulta Carola: "È colpa sua se questi vengono in Italia". Salvini ritwitta un ragazzo che gli aveva dato "del lurido coglione", e rilancia quello di un tizio che ipotizza che l'assassino si possa essere difeso "dalla prepotenza delle forze dell'ordine". Un ministro dell'Interno che perde il suo tempo così. L'Italia, oggi.
non aggiungo  altro  perché  due parole  sono troppo e  una  è poco 

18/08/17

miei considerazioni a caldo sull'artentato a barcellona e sulle speculazioni politiche

Il terrporismo attuale     rispetto a quello  dei secoli  XIX e XX  Come giustamente dice il mio contatto fb

Roberto Bertu Cao2 ore faDecimomannuIl terrorismo non ha ideali, tantomeno religioni. Un uomo bianco con la croce e incappucciato che vorrebbe un mondo senza altre etnie è uguale a coloro che uccidono in nome di dio. Poi ci sono gli sciacalli che difendono o accusano gli uni e gli altri.

ed  i proprio  fra  gli sciacalli  (  sono responsabile  di quello che  scrivo  mi denunci pure   se lo ritiene  oportuno   ,ma  persona  che  strumentalizzano    tali  fatti o offendono  gratuitamente   credendondo  di fare satira  e  di fare  ridere  


da  https://www.facebook.com/SapiensUCSD )    ci  mettono  giornalisti     , politici o   gente  comune  che  hanno mandato    il cervello all'ammasso  e    si beve tutto quello   che  viene dalla  propaganda    e  non si fa  più un opinione  propria  e ragiona     cosi   : <<(...)   Mio fratello ha rinunciato   ad avere un'opinione,mio fratello ha rinunciato in cambio di un padrone che sceglie al suo posto e che non può sbagliare  perché ormai nessuno lo riesce a iudicare  (  ...   continua  qui o  qui  )


 hai ragione  Tina  Galante 
  concludo  due    mie  riflessioni  la  prima  
Li hanno finanziati ed armati per proteggere i loro interessi industriali ed economici adesso ne paghiamo le conseguenze .
Commenti
Giuseppe Scano A chi ha messo lo smile sorridente dico che C'è poco da ridere purtroppo .

Rispondi
1
2 h


la seconda questo discussione   avvenu,ta per  aver  postato il  video  immediato   all'attentato       ricevuto  via  wzp     a  voi deciderlo se  cercavelo o vederlo    

le prime immagini dell'attentato a Barcellona sono crude , quindi astenersi dalla visualizzazione persone sensibili L'unico commento che mi sento dki fare a caldo è questo : Ecco il fondamentalismo appoggiato e tollerato da i governi europei e che ora gli si rivolge contro





Questo video potrebbe mostrare contenuti grafici violenti o sangue



Commenti
Roberto Facchini la smetti di condividere questa merda porcatroia

Rispondi13 h
Rimuovi
Giuseppe Scano Roberto Facchini non sapevo che mostrare le immagini dell'attentato fosse merda

Rispondi
2
5 hModificato
Gestire
Roberto Facchini spiegami il senso di condividere un video di morti girato da uno sciacallo che gira tra i morti e che vende il video alla testata che offre di più

Rispondi12 h
Rimuovi
Roberto Facchini c'è su tutte le testate, che cazzo 
condividi e ancor di più che cazzo c'é da vedere in questi video porca puttana che atteggiamento da ignoranti

Rispondi12 h
Rimuovi
Rox Galleri Ignorante è chi vuole ignorare....

Rispondi
110 h
Maria Immacolata Concu Giuseppe ha pubblicato un video che può anche non essere visualizzato, quindi non capisco perchè questo atteggiamento così aggressivo e sgradevole. Se non vuoi vederlo, puoi non vederlo.

Rispondi
7
12 h
Rimuovi
Roberto Facchini non vi basta che ci sia su tutte le testate? che stronzata è condividere un video di cadaveri? ma vi siete bevuti il cervello?

Rispondi12 h
Rimuovi
Giuseppe Scano Degustibus

Rispondi
1
12 h
Gestire
Roberto Facchini ma vai affanculo tu e tutti i coglioni che fanno queste cose

Rispondi
1
12 h
Rimuovi
Maria Immacolata Concu Mi sa che il cervello se lo è bevuto lei.

Rispondi
2
12 h
Rimuovi
Roberto Facchini roba da sciacalli

Rispondi12 h
Rimuovi
Rox Galleri Realtà...terribile Realtà!

Rispondi
1
10 h
Rimuovi
Rox Galleri Giuseppe Scano ....non mi sento per ora di guardare il video e ti ringrazio per aver scelto di renderlo fruibile o meno a chi si sente di guardarlo! Per il resto vorrei ricordare che scelleratezze legalizzate altrettanto impressionanti accadono tutti i giorni in tutto il terzo mondo....grazie anche a chi si gira dall'altra parte!

Rispondi
2
10 hModificato
Rimuovi
Giuseppe Scano Il primo ė giusto . il secondo no . perché non sta bene mettere sullo stesso piani che le fa e chi li denuncia diffondendo le loro atrocità . sarebbe come paragonare la merda con la cioccolata

Rispondi
1
6 h
Gestire
Eugenio Bisbabbo Crispo A coloro che si indignano x la crudezza delle immagini, ricordo che questa è la normalità nei teatri di guerra. Teatri in cui spesso noi occidentali facciamo affari a man bassa o che noi stessi provochiamo. 
Abbiamo dimenticato gli orrori della guerra,
...Altro...

Rispondi
4 h
Roberto Facchini condividere foto e video delle stragi terroristiche significa continuare a seminare terrore e fare il gioco di quelle merde.

ci arrivate cosi o no?

Rispondi1 h
Rimuovi
Giuseppe Scano mi spiace caro cugino ma la penso come Eugenio Bisbabbo Crispo e Rox Galleri

RispondiAdesso

Tommaso Spartaco Infatti da qualche parte ho letto, che invece di andare ad aiutare i feriti, la maggior parte facevano filmati.
"La gente scatta foto e gira video invece di aiutare i feriti dell'attentato di Barcellona"
La polemica, a ogni modo, non è stata cosa solo 
spagnola, tanto che anche nella versione italiana della piattaforma di San Francisco in molti hanno lanciato messaggi chiedendo agli altri utenti di non condividere e diffondere le immagini di chi lottava tra la vita e la morte su La Rambla.

Segui
Niccolò Zancan @NiccoloZancan
La cosa più importante. Nessun video. Niente foto strazianti. Avere rispetto delle vittime. Non fare il gioco dei terroristi. #Barcellona
20:01 - 17 ago 2017
11 11 risposte 78 78 Retweet 179 179 Mi piace
Informazioni e privacy di Twitter Ads
"Avere rispetto delle vittime. Non fare il gioco dei terroristi" scrive infatti un utente, chiedendo di non retwittare post con scatti o filmati di chi giace a terra al centro della città. "Invece è un bene che tutti vedano! Che tutti sappiano!" gli controbatte un uomo, dimostrando che il dibattito sul potere emulativo di immagini scioccanti e sulla contrapposta necessità di testimoniare è ancora vivissimo.

qui il resto dela discussione  a  voi  decidere  se  sono sciacallo o meno    reo solo  d'aver  voluto documentare  l'orrore   creato   da  fanatici