30/11/05

Senza titolo 1011

invito raccolto.
andatela a trovare.

Senza titolo 1010


Se non l'avete ancora fatto, mettete sul vostro blog il banner al documentario sull'uso del fosforo bianco a Falluja. Il codice html da inserire nel template è:



<a href="http://snipurl.com/jor0"
target="_blank" title="Falluja"><center><img
src="http://snipurl.com/kdd9
"></center></a>


Guardatelo e fatelo vedere, perchè dubito che lo vedremo mai in TV... tutti devono vedere gli effetti dell' "esportazione della democrazia" compiuta dagli americani in nome della lotta al terrorismo... questo è terrorismo. Punto.


29/11/05

Senza titolo 1009


by Annamaria Pietropaolo


Infuso di lacrime


riga il mio bianco viso,


inumidisce le mie labbra,


attraversa il mio petto


e come gelida mano


sfiora  il mio corpo.


Non più calde carezze...


intonati versi...


dolci canti.


Rabbrividisce la  mia coscienza.


triste la mia anima affondata


dalla pioggia che lenta invade


gli spazi fioriti del cuore.


L’azzurro è un sogno


finirà mai il nero del cielo? 
-Tormentata sosta – 
Ho respirato  il tuo respiro...


baciato i tuoi baci...


bevuto il tuo desiderio...


ascoltato i tuoi silenzi.


Quanto  amaro è  amare! 
-         Amare – 
il senso della vita


immensa ragione dell’io


amaro è  benigno


acre e mite.


Amore

Senza titolo 1008

L’anima dipinta nella bile
di uno straccio emotivo,
rigetta il suo peso
tra le mani lacrimose
di uno sguardo.
Raccontando il malessere
di un giorno vissuto
nelle fauci predatrici
di un turbine infranto.

Le lacrime nascoste

Senza titolo 1007




Se i tiggi danno gran risalto alla vicenda vuol dire che c'e' una grossa fetta di popolo che gode morbosamente seguendo la stessa, dimenticando che comunque la vittima è un bambino. In quanto a perizie psichiatriche, inizierei da coloro che si mettono in coda col numeretto per assistere al processo. Non so voi, ma io appena sento la parola "cogne" cambio canale.o  metto  il  silenziatore  .  oppurre  se si tratta di giornali gira  pagina e voi  ?

Senza titolo 1006


Notizie dalla Birmania. La dittatura militare ha deciso di prorogare di un altro anno gli arresti domiciliari per Aung San Suu Kyi, leader dell'opposizione e premio Nobel per la pace nel '91.


Continua nel silenzio l'odissea della donna. Dal 1990, quando il suo partito vinse le elezioni con l'82% dei voti, ha trascorso complessivamente più di dieci anni agli arresti.


Ma a quanto pare, protestare per la sua libertà non porta voti


28/11/05

Senza titolo 1005

user posted image


questi   di http://interistieretici.forumfree.net  sono veri tifosi  .  Ecco cosa dicono  del caso Zoro


QUELLO CHE E SUCCESSO E UNA VERGONA PER LI NOSTRI COLORI, E UNA VERGONA PER IL CALCIO , NI SENTIAMO OFFESI DA QUESTA GENTE, QUESTO NON E TIFO E UN INSULTA AL BUON SENSO, ALLA CIVILTA E HA QUELLO CHE LA UMANITA DOVRA ESSERE.....



per la news  
VIRGILIO SPORT

27/11/05

Senza titolo 1004



On air: Z-Star


 


Torno ora da giorni frenetici.


“…mi manchi…a volte mi chiedo se in questo casino saresti la mia donna… solo con me… per sempre con me…”


Aprire gli occhi stamattina e trovare questo sms… sentire il cuore battere e spalancare gli occhi senza trapassare la fase del dormiveglia… fremere nel sapere il mittente… e poi il mittente: una mia vecchia storia sbagliata…


 


E ripenso ai giorni passati… a quanto mi sono sentita forte.


Ripenso alle serate passate a lavorare fino alle due di notte.


A messaggi al sapore di nutella.


Che a volte si crede che non ci sarà data un’altra possibilità per vedere delle persone e invece, una sera mentre sei lì che stai per scappare a prove arriva questo sms in cui questa persona chiede di vederti… e sorridi.. alla vita strana ancora per una volta.


Alla foto fatta al Vesuvio imbiancato.



Alla festa di laurea di un’amica, toccare con mano che ancora non ci credo che è ormai una moglie.. che sensazione strana…


Ad una notte in cui ero sepolta dal piumone e sentivo il temporale.



Che questa settimana dovevo andare al concerto dei Sigur Ros ma per lavoro ho rinunciato.


Che una mattina ero in macchina con mio padre, avanti a noi c’era il Vesuvio, tutto bianco, e ho sorriso, perché mi sono ricordata che quella sera di settembre avevo in mente una serata carina con lui, che volevo dirgli tante cose… e lui quella sera di settembre, in quella sera in cui ero carina solo per lui, mi ha lasciato.


“un giorno mi ringrazierai” mi ha detto.


Sorrido… di un sorriso che non sa che sapore ha…


Ma..


Se lui non mi avesse lasciato, non avrei fatto vedere la mia città ad una persona, se non avessi preso quel treno quella mattina non avrei mai incontrato il mio datore di lavoro e non mi sarei mai sentita così bene in questo lavoro… se… se… questo è quanto è successo tre mesi fa… e da tre mesi alterno momenti di rabbia, momenti di tristezza e momenti in cui mi sento forte.


 


E stamattina ero forte


Mentre mi tagliavo i capelli


Mentre ero in treno e pensavo al senso dell’sms ricevuto stamattina


Mentre camminavo e una folata di vento talmente forte mi ha spostato


Mentre prendevo un caffè con Italian Psyco (è stato il primo blogger che ho incontrato)


Mentre giravo tra i libri della mia cara Feltrinelli


Mentre raggiungevo la metro portando via dalla Feltri tre libri e un cd


Mentre giravo allo JapanWeek


Mentre assistevo alla cerimonia del thè e ne bevevo


Mentre restavo affascinata dall’eleganza delle giapponesi avvolte nei loro splendidi Kimono


 


E poi sono crollata


Mentre parlavo con il proprietario del locale in cui andavamo sempre…perché mi ha chiesto di andare qualche sera da loro, perché era preoccupato per me, ma io non me la sento…


E la fortezza è crollata.


Basta così poco per crollare?


Eppure qualcuno dice che ora mi trova bene, nella mia nuova veste…


 


Necessito di una serata oziosa:


Bagno bollente,camino, tv, pigiamone, maglione enorme e poi… immergermi nel piumone e sprofondare nel sonno.


 


Voglio sempre


Qualcuno che mi baci e mi tocchi fino alle viscere…


Senza titolo 1003


Non ti angosciare per quello che hai commesso
Non ti angosciare più per quello che hai commesso
le rose hanno spine e fango le argentee fonti;
nuvole ed eclissi oscurano luna e sole
e nel più bel germoglio s'asconde orrido verme.
Ognuno di noi sbaglia ed anch'io m'inganno
giustificando le tue offese con analogie
umiliando me stesso per mitigar le tue mancanze,
scusando le tue colpe più di quanto sia l'offesa:
poiché porto attenuanti ai peccati dei tuoi sensi,
la tua parte avversa diventa tuo avvocato -
ed inizia contro me stesso un regolar processo:
tale è la lotta interna fra il mio amore e l'odio,
che fatalmente anch'io mi devo render complice
di quel caro ladro che inclemente mi deruba.

 



 


William Shakespeare

26/11/05

Senza titolo 1002

Contro la pena di morte: raccolta di firme per salvare Stanley Williams


 Stanley Williams ha passato gli ultimi 26 anni scrivendo libri per ragazzi che raccontano l’inferno delle gang di strada per convincere i giovani a sfuggire alla spirale della violenza e dell’autodistruzione. È stato cinque volte candidato al premio Nobel per la Pace. La sua esecuzione è prevista per il prossimo 13 dicembre. Williams è stato condannato per quattro omicidi nel 1979 quando era capo della gang dei Crips, responsabile di numerosi crimini. Durante la sua detenzione ha predicato e lavorato dal carcere di San Quintino per arrivare ad una pacificazione tra le bande del ghetto nero e ha scritto appunto cinque libri per spiegare ai figli del ghetto che la violenza è esattamente ciò che il mondo degli oppressori usa per mantenere viva l'oppressione. Su questo sito è possibile firmare una petizione al governatore della California Arnold Shwarzenegger per salvarlo.




 

Senza titolo 1001

(Chiedo scusa ma non dipende da me l'impaginazione del post, l'ho anche stretto, per scompensi cardiaci e di vista nella lettura rimando al mio blog! Ancora scuse!)


Hypnotize! 3 giorni di fuoco!


Dopo tanta penosa malattia è finalmente uscito il seguito di "Mesmerize"! Anche i System of a down rispondono a leggi commerciali e di mercato e le ville vanno pur mantenute! La cosa notevole e che non si son fatti schiacciare dalla major, la "sony" non per dire! Che intrighi ci siano dietro non m'interessano, l'importante e che i System continuino la loro politica artistica e la propagazione del loro messaggio! Che facciano soldi su questo buon per loro! La loro crescita artistica è inarrestabile (almeno spero!) e quest'ultimo album ne è la prova! Facciamo un giro track by track! 1) Attack: Inizio death tiratissimo, rullate rullate! Come pezzo sembra molto tirato e poco curato ma piacevole, niente di nuovo. Sempre duetti di voce e Serj deve lasciare campo questa volta! Il suo verse lascia molto a desiderare il chorus è "System" una canzone che avrei piacevolmente lasciato in studio! Se volete pogare è perfetta!  2) Dreaming: Finalmente iniziamo a ragionare! Questa è ben curata! Sopratutto i doppi cori, abbandonati i cori stileQueensipassa  quelli classici stile lirica! Fortissimi e ben armonizzati! Riffone di chitarra spacca maroni.  Veramente valida, creativa! .3) rock & roll: Stellare! Interazione tra le due voci veramente geniale come nella precedente, il rock è morto, inizio urlato, si gioca sul punk! Bridge centrale che stacca completamente dai beats del pezzo dando un effetto di  sospensione. 4) Hypnotize: Il singolo. E mai scelta non fu peggiore! Se avessi ascoltato questa come singolo avrei cestinato l'idea di acquistare il seguito! Non che sia brutta! Ma rispedisce al passato essendo una brutta copia, almeno nell'intento, di "lenti" come "Spiders", "Mr.Jack" o "Toxicity". Bella la sovrapposizione di voci e gli stacchi delle chitarre in pulito! Il testo è sempre la stessa pasta.  5) Stealing Society: Potente!!! Se questa e "Tentative" fosse stata nel singolo! Sarei stato fuori dal negozio di dischi aspettando che aprisse con le lacrime agl'occhi! :) La mia preferita! Grande riffone d'accompagnamento e giochi folli tra le voci sono solo l'inizio. Finale tutto per Daron con verses ben cantati, originali, finalemente! E sotto Serj che fa backin'! Bellissima! :D 6) Tentative: La perfetta gemella di "Question" non a livello di plagio, ma di qualità! Questa canzone ha un bellissimo testo, ben supportate le due voci dalle chitarre! Che sia il pezzo più riuscito di quest'album giudicate voi! Il chorus è spaventoso, senza parole! 7) U.s. Fig: Ricca di cambi di tempo, verse-chorus-verse-chorus-bridge in apnea. Accentate a piacere cantando! Siamo tutti folli! Duello Serj/Daron, chi vincerà?  8) Holy mountains: L'intro è da lacrimuccia "Spiders" è nell'aria, ma solo come profumo! La traccia più lunga del cd, carina, ben orchestrata, ho letto da qualche parte che è stata suonata altre volte live dalla band in anteprima. Riff tranquilli e ben pensati, atmosfera! 9) Vicinity of obscenity: I cori stile Queen son di nuovo tra noi, è una caratteristica che i System hanno usato a sufficenza nei loro cd. Belle le soluzioni armoniche che trova questa canzone, con la chitarra di Daron che ritma un pulito con wha! Valide ma ahimè non come "Radio/video" dai mille cambi stilistici! Si sentono i vecchi System, un pò deludente... per l'innovazione, ma valida in ogni caso! Vero meltin' pot del cd! Folle! 10) She's like heroin: Un po monotona. Il testo parla da solo! Affidata alla voce acuta di Daron, azzeccati gli stacchi. Da vaneggio i doppi cori. Song in crescendo con finale calmo. 11) Lonely day: Anch'io ho scritto una canzone così deprimente agl'inizi, il solo ricordo mi provoca vergogna acuta. Se l'intento era doppiare la bellezza di "Lost in Hollywood" la situazione è tragica! Unico assolo del cd, ben realizzato armonicamente, validissimo! Giocate al gioco prendete a tortate Daron, malriuscita. Agli amanti delle canzonette piacere, agli amanti dei System forse no! Peccato. Out! 12) Soldier side: Ultimo brano del cd a chiusura dei due. Inizia "Mesmerize" molto tranquillamente, breve, un intro. Ed arriva alla fine dei due cd molto riveduta, allunagata e rielaborata, fantastica. Da semplice intro diventa una canzone intera, perfetta! Daron e le sue chitarrine suonate a mo' di mandolino, geniali. Armonicamente è una delle più belle del cd. Da applausi! In complessivo come cd non è male anzi ci sono buone novità stilistiche già preannunciate in "Mesmerize". Come contenuto non è la bomba di "Mesmerize" e non pretendeva di essere il meglio. In effetti come cd è migliore nel complesso del incompreso "Steal this album" dove poche songs erano da urlo e sopratutto mancavano idee! Che fare uscire due cd sia stata una speculazione economica è vero, da urlo sarebbe stato un solo cd con le migliori dei due! Adesso mi faccio subito la playlist dei due! Cd supera la barda magica razzi spaziali spada nucleare crezione superba e cd b! Almeno così li distinguo no?!Quali tracks mettereste nel primo e quali nel secondo fra "Mesmerize" e "Hypnotize"? Quale vi è piaciuta di più?

24/11/05

Senza titolo 1000


 
dopo aver  letto , sui  giornali che  il  film  Melissa p di francesca neri   , ha superato  i Pinguini  in marcia  (  un film bellissimo   da  un mio amico che  si scarica i  film dalla rete  ) . rilegendo
il post  di odiomuso  mi chiedo  :  non è che siamo tutti  ( salvo eccezioni o mosche bianche   )  assuefatti  dal sesso \  erotismo ormai divenuto mercificato  basta vedere  la pubblicità di qualunque  oggetto . Cosi pure  nei  programmi tv  in particolare quelli   d'intrattennimento ( reality  e  affini )    o   dal successo   che hanno   le  ex pornostar  ora  per opportunismo o   per  coerenza  convertite alla  religione  o  presentatrici di  programmi  per  bambini  : oppure il successo di trasmissioni in cui compaiono  tette  e culi   oil suiccesso  ( esperienza personale   con  dei miei condomini  quando  vivevo in affitto  a Sassari ) di  trasmissioni   come passaparola  o menate simili :  oppure  sotto  forma  di  pubblicità sui  giornali  femminili e non   .. Ma  allora , mi rivolgo specialmente  ale donne  e alle ragazze   invece di scandalizzarsi  ipocritamente    quando  i loro mariti \  partner  oppure  figli  i e/o amici    guardano  un  film  hard  oppure   leggono  giornali  \  giornalini pornografici, perchè non  s'incazzano  sollevano contro questa   merciificazione del loro corpo   ma  anche  del sesso  e dell'erotismo  cioè  di  una  delle cose  più belle   che adirittura  stanno alla base  della vita  ?  Come dimostra il film citato precedentemente,smettendo di comprare quel giormnale  o  o  quel  prodotto  oppure  non  guaerdando  certi programmi  ?  Ora ritornando  al film   esso  ha  tutto questo successo  sia per questo intrigante sottotitolo "sccopri cosa è vero". C sia  pèerchè  è tratto  da    il film tratto dal best-seller 'Cento colpi di spazzola prima di andare a dormire' che nel 2003 spopolò nelle librerie di mezzo mondo grazie alle confessioni erotiche della sedicenne siciliana Melissa Panarello , ma  soprattutto per  il  batage  mediatico e  per la trovata     come  ho  già parlato nel     blog in particolare  qui (  non ricordo  gli altri   url   e  non mi và  di ricercarli per evitare di riaprire vecchie ferite ormai   chiuse\cicatrizzate  quasi come quella avvenuta  l'anno  sorso  con la nostra ex   cdv  roseinthewind.splinder.com ) dell'editore : ragazza minorenne+sesso=   molti  € . Inoltre  per quanto riguarda il film in questione    ,  ho letto   diverse   stroncature  a destra  (  in malafede o al limite  )  e  a sinistra  (  in buona fede   o   in alcuni  casi  come  l' www.unita.it  nel mezzo )  e  poi  è stato  rinnegato  dalla stessa  attrice del   libro  ,  non è  un granchè   si  regge  perchè ad  incarnare sullo   schermo le avventure (o fantasie ?) della protagonista è la   giovane rivelazione   spagnola Maria Valverde( vedere  foto al lato  )  contornata - tra gli altri - da   una   grande Geraldine Chaplin nei panni della  nonna e Fabrizia Sacchi in  quelli della   madre e  che  a  giurare il film , sia  stata  una  donna   francesca  neri  . Ha  ragione   l'unità  quando  dice   che per  tale  film ci sarebbe  voluto  tinto   bras   Oppure questa del sito filmup  leonardo da cui prendo molto   spesso foto e recensione  per  il nostro  blog   << [....]   Una sceneggiatura   che  occhieggia a meta-letture intimiste e    sociologhicheggianti, una   realizzazione tecnica riconducibile a nulla più  che  a una modesta fiction   televisiva, fanno il resto, mettendo a nudo un film  che  trova la sua cifra   nell'essere un catalizzatore di introiti pubblicitari e di   botteghino e poco più,  sfruttando beceramente un caso letterario che, nel  suo essere tale, si     connotava già come opera falsa e furba.Una qualsiasi  commedia  all'italiana anni '70 servirà, e meglio, a soddisfare le domande   che  si   pongono rispetto al film [...] .>> qui il testo integrale    Ora   ci  attenderà un   altro battagè  mass mediatico e  pubblicitario  pari  o  superiore  a  quello  avvenuto  con  melissa p che presentava  il suo libro . Speriamo  che  esso non  mi  faccia  lo stesso effetto   che  mi spinse a comprare  e  a buttare  via  12 € circa per il libro  .. E  che non  faccia  prevalere  ulteriormente  la ia tendenza   di voler ascoltare, leggere e guardare  vchiunque   ogni  lamento   per parafrasare una  canzomne  famosa  ( non riporeto il titolo  e testyo  perchè l'jhoriportato  tante di quelle  volte  in questo  blog  ) e  voiler  fare  , molto spesso  a  tutti i  costi  il bastian contrario ed andare  contro corrente   a tutti i costi  , anche  quando  non è neccessario e  si prendono delle  " scoittature  e delle "cadute  " inutili  peer la costruzione della  tua opera  d'arte  ( esperienza   di vita  ) .Concludo  con un consiglio  a coloro che   sono teledipendenti  ( compreso a  volte  anche il sottoscritto ) fate un gersto  rivoluzionario  spegnetela e leggete un libro  o  chiaccherate  andate a parlare con un vicxino   oppure  se non ne  potete fare  ameno   cambate  canale   .  Non so  più  che altro dire  con questo  è tutto alla prossima

Senza titolo 999



uno dei  "  matti  "    come  quelli de


IL MATTO   (  modena city ramblers   in  Fuori Campo (1999 )


Il matto arriva con la schiena curva
Con il secchio, il pennello e l'atlante
Ha la bocca piena di poesie e parole
Ha una scorta che è sempre abbondante
Di storie e di offese
E di belle speranze

Il matto porta pacchi di carne e pesce
Di scarpe, di libri e vestiti
Di cappotti vecchi e di bambole tristi
Di giochi e preservativi
Di cause perse
E di buoni motivi

Il matto arriva con le pezze al culo
E se ti vede ti tende la mano
Il matto parla con lo sguardo perso
Sogna forte
E vede lontano

Il matto parla e grida e scherza
E ti guarda, poi ride di gusto
Ha la faccia innocente di un bimbo
Ha il furgone che sa di lambrusco
Ha negli occhi la luce
Del folle e del giusto

"Io sono il chiodo che picchia nel muro
Sono il vino nascosto in cantina
Sono lo specchio storto che riflette il mondo
Sono il grillo davanti al camino
La coscienza sporca
Che si avvicina"

Il matto arriva con le pezze al culo
E se ti vede ti tende la mano
Il matto parla con lo sguardo perso
Sogna forte
E vede lontano


dalla nuova  sardegna del  24\11\2005


Tempio capitale, almeno della cultura   
Nasce un circolo per diffondere la lettura, sponsor è la Regione  


 
 TEMPIO. Sarà Tempio la sede ufficiale dei “Presìdi del Libro della Sardegna”, una iniziativa della Regione. A Cagliari opererà la segreteria dell’associazione, in Gallura, invece, sarà presente il fulcro della rete, il punto di riferimento dei diversi presìdi del libro che, dopo l’ufficializzazione della nascita dell’associazione, sorgeranno un po’ in tutta l’isola.
 Per Tempio è naturalmente un riconoscimento notevole, interpretabile anche come la prova di quanto di buono sia stato fatto sinora in città nel campo della promozione editoriale. Merito, soprattutto, di un libraio dalle idee chiare, Massimo Dessena, alle cui iniziative gli scrittori guardano sempre con favore, tanto da aver trasformato i suoi caffè letterari in un autentico modello organizzativo. E questo grazie anche a quel consistente zoccolo duro di lettori che ne seguono appassionatamente tutti gli appuntamenti del ricco programma annuale. Lettori che hanno appreso con piacere la notizia che, grazie agli sforzi congiunti di alcuni scrittori (Giorgio Todde e Gianni Marilotti, fra gli altri), librai illuminati e qualche editore lungimirante, i presìdi del libro saranno presto una realtà anche nell’isola. Non costeranno niente e produrranno molto, e forse anche per questo l’assessorato regionale alla Cultura ha garantito il suo pieno appoggio.
 Nati originariamente in Puglia per volontà dell’editore Giuseppe Laterza come progetti per diffondere la lettura, i presìdi sono dei veicoli eccezionali per la promozione del libro. «Strumenti impagabili - afferma più di un operatore del settore - per servire la causa dello sviluppo economico, sociale, civile e culturale di una comunità». Sono anche un modo di intendere e fare cultura attraverso canali nuovi. Decisamente antiaccademici e fortemente innovativi. Un presidio del libro può, infatti, sorgere anche nei luoghi apparentemente meno probabili: una pizzeria, un pub o una profumeria, e non solo nelle scuole, nei circoli privati o nelle università. In Puglia è attivissimo quello che è stato messo in piedi da una parrucchiera all’interno del suo esercizio commerciale. Di libri la titolare del negozio e le clienti non parlano naturalmente tra una tintura e l’altra, ma nel giorno in cui l’esercizio osserva il turno di chiusura. Proprio allora si scatena la passione per il libro con letture collettive, scambi di informazioni sui libri letti e da consigliare, escogitando sempre nuove vie per promuovere il libro.
La rete dei progetti locali del Presidio sardo potrà servirsi di un collegamento nazionale con editori, librai, bibliotecari. Presto la rete avrà una sua forma anche nel web. Insomma, si doterà di quanto può essere utile per promuovere dal basso l’idea che un libro è un toccasana per la crescita non solo individuale. «Bisognerà certo attenersi - spiega Massimo Dessena - a quanto prevede comunque lo statuto, puntando alla qualità più che alla quantità della partecipazione attraverso il coinvolgimento e la costituzione di una serie di rapporti tra enti, scuole e associazioni». La via da seguire sarà quella dei seminari, delle tavole rotonde, libroforum, mostre, premi letterari, borse di studio e festival. Un occhio di riguardo il presidio sardo lo riserverà ai centri più piccoli e più svantaggiati. Centri che anche in Gallura non mancano e per i quali Tempio e il presidio locale che a giorni nascerà saranno un importante punto di riferimento.



Giuseppe Pulina 
 

22/11/05

Senza titolo 998


“Toccami e baciami fino alle viscere
immagino fantastico
I colori cambiano quasi per proteggere
pomeriggi inutili
fammi affogare nel tuo verde mare
con certezze sterili”


 


“ma questo è un frullato di citazioni!!”


“il tuo blog è sempre più una playlist!”


Fin troppo veri questi due commenti fatti nel post precedente… ma uso le canzoni quando provo qualcosa dentro che non riesco a descrivere e mi servo delle parole degli altri.


È un periodo…


 


È arrivato il freddo.


È il momento di abbandonare il motorino fino alla prossima primavera.


Ci saranno le serate e le notti davanti al camino.


Non ci saranno quelle serate con lui qui a casa e un po’ mi spiace.


Però mi rendo conto che la mia vita anche senza di lui ha preso forma…non ancora di un cerchio che abbia una forma all’apparenza perfetta ma….molto è cambiato.


 


Non è facile, ma piano piano lo faccio scivolare via… a volte fa male.


 


L’avevo cancellato dai contatti msn… poi una domenica è arrivato il messaggio che mi chiedeva se  accettavo di aggiungerlo ai miei contatti, ho accettato… ma non l’ho mai trovato… inutile ancora tenerlo… lascio scivolare via anche quello.


 


Natale l’ho sempre odiato, per cinque anni non ho fatto l’albero, l’anno scorso l’ho fatto, ero felice, mi sentivo buona… quest’anno non lo farò… aspetterò di nuovo che qualcuno mi faccia sentire immensamente felice e immensamente buona.


 


Piano piano… riuscirò a farlo scivolare via…


Piano piano … verrà di nuovo la voglia di stare con qualcuno…


 


Mi piace appropriarmi degli abiti smessi…giro ormai per casa col maglione di mio fratello… è caldo…


 


Pennelli, colla, stoffa,colori, pinze, metallo… io a lavoro con intorno tutto il caos che c’è mi diverto tanto, e ormai come se fosse abitudine a fine pomeriggio lui prepara thè caldo e biscotti.. che meraviglia!!!


 


L’altra sera ho desiderato:


Avere davanti un viso


Prenderlo tra le mani


Baciargli la fronte


Le palpebre


La guancia


L’angolo della bocca


Il mento


Lasciare scivolare le mie mani sul collo


Sulle spalle


E di nuovo sul collo


Guardarlo e sorridergli.


Senza titolo 997



Senza Parole

Oggi non volevo scrivere nulla, ho tante idee ma poca voglia...
Però gironzolando alla ricerca d'immagini sul web, per poterne postare una che ricalchi la giornata, mi imbatto in quest'immagine del 2001(personalmente non l'avevo mai vista)...
Credo che ogni commento sia superfluo..ogni problema passerebbe in secondo piano se si ascoltasse un pò di più il nostro cuore, ma non lo facciamo, me compreso.
E' anche colpa nostra, che ci asserviamo al sistema in cui viviamo?....ci vorrebberò rivoluzioni anche nel 2005?
Credo di si...


Senza titolo 996

 



NELL'OCCHIO


[del ciclone]




Calma piatta, ma apparente


questa vita scorre in piano


mentre intorno l'apparenza


tutto inganna...





non ti guarda mai negli occhi


la realtà


cola, filtra dallo schermo e scende giù


come sangue


come melma


come sugo sul tuo mento...





quante stelle sai contare


prima che ne perdi il filo?






 Quante lacrime versare


per la morte vista in tele?




non ho tempo,


non ho tempo


NON HO TEMPO


mi dispiace


ecco la pubblicità


asciughiamoci quel mento


non è bello lo spettacolo


via sù un po di civiltà



passa il sale


versa il vino


e sorridi


dai cretino...




non sei neanche tra i dispersi


scrivi scrivi


scrivi versi


dolci


liquidi


perversi


siamo vivi


vivi e al centro


di quest'area assai protetta


non si muove mai una foglia


noi restiamo sulla soglia


della vita vera, viva 


facciam scorrer tra le dita


il rosario che si sgrana


ogni chicco un uomo muore


tieni il conto delle ore...













Bestio



DOMENICA SCORSA E' TERMINATA LA TRASMISSIONE REPORT
,
A MIO AVVISO L'UNICA ATTUALMENTE DEGNA DI ESSERE CONSIDERATA
UNO SPAZIO LIBERO DI GIORNALISMO CORAGGIOSO E OBIETTIVO.
ALLA REDAZIONE DEDICO QUESTA MIA POESIA.


DIFENDIAMO LA LIBERTA' DI STAMPA IN ITALIA E NEL MONDO!

Senza titolo 995


La Filosofia di Croce è, infatti, la fide della filosofia della storia e, dunque la fine della coincidenza della libertà con la necessità. Ecco perchè è sbagliato vedere in Croce un semplice neohegeliano: semmai, Croce è il critico per eccellenza di Hegel. La sua filosofia distrugge le categorie epistemiche: che è come dire che il pensiero crociano porta a compimento la "storia della coscienza" e consegna gli uomini alle responsabilità delle loro azioni singole e plurime.


Se si vuole si può dire che il giudizio di Croce (la teoria del Giudizio) è una sorta di riproposizione del "sapere di non sapere" di Socrate, perchè funziona a tutti gli effetti come limitazione del potere della mente umana e di conseguenza, del Potere.


I totalitarismo del Novecento cosa sono se non la somma e sintesi assassina di Verità e Potere ? Una presunzione fatale che il filosofo d'Atene colpì subito al cuore agli albori del pensiero occidentale. Il liberalismo crociano può essere interpretato come nuovo socratismo. E la cosa può destare meraviglia solo in chi è affetto da pigrizia mentale.


Il liberalismo, per chi non lo concepisce come regoletta da mandare a mente, è la sensibilità della vita che, essendo in gioco e non su di un piedistallo o in un'aula universitaria, limita conoscenza e potere.


Giancristiano Desiderio

20/11/05

? - 7

Perchè il dolore si accumula ma la felicità scivola via?

Senza titolo 994

Edward Docx - Il Calligrafo

"Un uomo, indegno possessor d'amore,
antico o nuovo, perchè lui stesso debole o infido,
di ridurre, pensò, pena e vergogna,
sulle donne sfogando il suo livore:
da allora per legge fu sancito
che una donna un sol uomo possa avere.
Ma fan così poi le altre creature?..."
[link all'articolo completo]

Senza titolo 993



Cielo sereno, sole che scalda a mala pena ma pieno di colore, le vie del parco sono ammantate di foglie gialle, panchine vuote, gente che passeggia, gente che corre, gente che come me cammina a passo veloce per cercare di stare al ritmo con i tempi. “Mente sana in corpo sano” sequenze che trascorrono rapidi come celeri sono i miei passi. Tuta e scarpe da ginnastica, alle orecchie la cuffia che mi fa ascoltare la mia musica preferita. Un quadro dipinto a forti colori, i colori del nostro tempo, inquieto. Tanti considerazioni affollano la mia mente mentre cammino, la mia vita mi passa davanti come una pellicola ed è oggetto delle mie esplorazioni. Quante cose ho vissuto: piaceri che accarezzano ancora i miei ricordi...mare blu, cieli immensi che baciano il mare, sole che scotta...sabbia che ti entra ovunque. Non odo più la musica che attraverso il filo mi arriva forte, mi ritrovo ragazza mi muovo velocemente sulla sabbia dorata e le onde lambiscono le mie caviglie come carezze. Percorsi brevi ma intensi, i miei occhi chiari sono avvolti da occhiali da sole (si arrossano facilmente) e i miei lunghissimi capelli biondo oro agitati dal vento  si muovono al ritmo del mio corpo. Corpo giovane, perfetto nelle sue rotondità appena accennate. Le mie mani  oscillano come tutto il mio corpo durante la corsa e a volte sfiorano il volto per liberarlo dai capelli che intanto lo coprono. I miei piedi lunghi a volte si feriscono con  pietruzze appuntite che vengono fuori dalla sabbia bagnata, una ferita che lavo subito tuffandomi in questo mare meraviglioso e profumatissimo. L’aria intorno odora di salsedine mista alla gentile essenza dei fiori d’arancio e di limoni che si trovano lungo il litorale. Sogno? Un sogno che ho vissuto e che rivivrò con l’ energia e la pacatezza della mia età. Scompare il parco per un momento e mi ritrovo nella mia terra, quella che tanto amo, forte e sana, rigogliosa e vitale, gentile e armoniosa, pacata e composta. Riservata come dovrei essere io che ne faccio parte. Sono figlia della mia terra e forse è questo che cerco, cerco la madre che ho lasciato tanti anni fa, quella madre che asciugava le mie lacrime con i suoi baci , quella madre che mi carezzava i capelli e li baciava, quella madre che mi ha sempre accolta nel suo grembo
Silvana

19/11/05

Senza titolo 992



Oliena. Mamma violenta riempie di botte la fidanzata della figlia  L'amore saffico in Barbagia  finisce al pronto soccorso Alla ragazza, scoperta a fare l'amore dentro un'automobile, prescritti 7 giorni di cure



Qualche sospetto doveva pur avercelo, la signora Franca (nome di fantasia) per chiedere  al marito di prendere la macchina e pedinare la figlia appena uscita in auto con un'amica. Le seguono per diversi chilometri, da Cala Gonone dove abitano sino a Oliena, senza farsi notare. E quando le due  ragazze entrano con l'auto in  una stradina di campagna per poi fermarsi in un luogo appartato, i sospetti diventano quasi tragiche certezze. OGNI DUBBIOla signora Franca  se lo toglie quando furtiva si avvicina all'auto e d'improvviso apre la portiera. Un confuso miscuglio di sentimenti le annebbia la vista: rabbia, sconcerto,vergogna, imbarazzo.Quello che vede la manda inbestia: sua figlia, che chiameremo Antonia e che solo pochi giorni prima ha compiuto trent'anni,e l'amica, che chiameremo Maria di Mamoiada che di anni ne ha 27, mezzo nude fanno l'amore. Forse non avrebbe reagito così brutalmente se la sua bambina, anche se ha già trent'anni, si fosse trovata con un uomo: sono cose naturali e facilmente riparabili,magari con un fidanzamento o una promessa di matrimonio. Ma questo no,non si può fare, non si deve fare, chissà cosa penseranno in paese e le malelingue e la vergogna e gli atti contro natura e il Signore non ti perdonerà,disgrassiada, chin custa ludrosa miserabile! Accecata dalla rabbia, la signora Franca reagisce nel peggiore dei modi: si trasforma in una furia e comincia a urlare e picchiare l'amica della figlia e prenderla a schiaffi e a calci e a pugni. Poi strattona la figlia e la trascina nell'auto del padre che, forse perché “sono cose da donne” o perché non sa cosa fare, rimane distante a osservare la scena senza intervenire. Sono le 18 di giovedì, in una stradina di penetrazione agraria sulla circonvallazione di Oliena. Antonia,quaranta minuti più tardi arriva al Pronto soccorso dell'ospedale San Francesco di Nuoro. Si fa medicare e i dottori le prescrivono sette giorni di cure a causa del “trauma policontusivo” che le ha causato la signora Franca. LA VICENDA potrebbe non concludersi  con una sola settimanadi prognosi: Antonia ha raccontato tutta l'antipatica vicenda, senza pudori e senza omettere particolari. Ha ora tre mesi di tempo per sporgere denuncia contro la mamma della sua amica. E se non lo farà, sarà forse solo per amore.

 



 


 

Senza titolo 991



“Toccami e baciami fino alle viscere
immagino fantastico
I colori cambiano quasi per proteggere
pomeriggi inutili
fammi affogare nel tuo verde mare
con certezze sterili”


 


La settimana è passata velocemente.


Immersa felicemente nel lavoro… collezione da consegnare… e più lo faccio e più mi piace… e più mi immergo…e più crescono progetti dentro di me.


Nelle prove


Nelle serate con amici


 


Stasera dovevo andar via per la mia fuga ma per vari motivi non posso.


Fuga rimandata.


 


Eppure non sono mancate le sere a ritrovarmi al centro del mio letto ad ascoltare musica, a guardare le pareti della mia camera, le foto, i quadri, e tutto quello che c’è… e pensare e rivivere alcune cose.


 


Ho ripreso la bozza del disegno del tatuaggio che una volta volevo farmi… c’è da sistemarlo molto anche se sto cambiando idea sul soggetto…


 


Tra un mese saranno passati i giorni della prima, del mio compleanno e mi chiedo come starò, come sarà stato il tutto? Ma come sono passati questi giorni, passeranno anche questi e mi ritroverò presto a darmi delle risposte…


 


Ho ricevuto stamane un'altra proposta di lavoro.


 


E' stata una bella settimana dall'animo tranquillo


 


Grazie per la canzone dedicatami poco fa.


 


Aspetto una serata per immergermi nella mia vasca e addormentarmi.


 


Una sera ho ripreso gli Almamegretta


“Mi hai detto no non posso più
però negli occhi avevi ancora quello che..


sognami
lo so che qualche volta ancora lo farai


“È l’inganno della follia
aspettare un treno che ti porta via
ogni attimo che scivola
la tua vita come un fiume nel mare
apri gli occhi ti accorgerai
di qualcosa che non hai visto mai
tutto ti appartiene già
i minuti diventeranno ore”


“Se la vita è desiderio senza limiti
i’ stongo bbuono accussÌ
per avere il mondo basta dire si”


Ovviamente Moltheni ultimamente


“Finge, attinge, prepara tutto ma
delude alla fine perché lascia un po’ tutto a metà
e non mi piace”


“Mi puoi capire ma non lo fai”


“Se ti do materia, che mi dai?
Se ti do paura, che mi dai?


Se ti do la cura, che mi dai?


Non mi rendo conto
Come è lungo questo inverno
E credi non è affatto come vorrei


Se ti do malinconie, che mi dai?
Aprimi tutte le vie, che non perdo tem
po”


 




“Dove sei, e se ci sei, fatti vedere
Credo di avere il diritto di poterti toccare


Curami Deus


 


“Mi adori o non mi adori?"


Senza titolo 990

In  Nw \ ML   artigianale fgatta dfa un  amica   un utente  davanti all'ennesima tragedia del mare   si  chiede :<<  nel frattempo, noi siamo di nuovo "prigionieri" delle nostre vite..? >>  .  Io  rispondo  :<< ma  cosa  possiamo  fare  , se non   votare (  sia che  li abbiamo votati o  non )  alla prossime  elezioni  coloro che hanno fatto questa insulsa e  orripillante legge   che  anzi che risolvere i problema  lo accentua  . E che  ha poreferito per questioni ideologiche  e  di  fini elettorali  e  opportunistici  ( leggi per accontentarte la  lega  e le frangie  xenofobe  dela  Mussolini  )   abolendo  anzichè riformarla\ mmigliorarla    una buona legge  tolti i  cpt   solo perchè fatta  dal centro sinistra  ?  sono talmente   assuefatto  a  tali tragedie che  non riesco più ad  indignarmo , per chi non avese letto o  sentito i tg  riporto  qui la news   inm questione 


 articolo e    foto   tratto  da  http://qn.quotidiano.net




Ragusa


 19 novembre 2005 - Riprendono questa mattina le ricerche dei dispersi del tragico sbarco avvenuto all'alba di ieri sulle coste di Sampieri di Pozzallo, in provincia di Ragusa. Nove finora le vittime dell'ennesima tragedia del mare, ma secondo alcune testimonianze all'appello mancherebbero tra le 20 e le 40 persone. Le ricerche sono orientate sia a terra, per intercettare eventuali fuggiaschi, ma soprattutto a mare, nelle spiagge limitrofe. È stata così attivata anche una squadra di sommozzattori della guardia costiera di Messina. Subito dopo lo sbarco polizia e carabinieri avevano soccorso 177 sopravvissuti: tra loro anche sette minorenni e tre donne. Si tratta in prevalenza di nordafricani, ospitati nei magazzini della Dogana di Pozzallo, in attesa di essere destinati a un centro di permanenza temporanea. Oggi dovrebbero essere trasferiti a Crotone. Già arrestati i due scafisti, presumibilmente egiziani; un terzo risulta morto. E prosegue l'inchiesta della procura della Repubblica presso il tribunale di Modica per arrivare all'organizzazione delle traversate che opera in Libia.

Senza titolo 989

DI QUEL CHE RESTA

Ho acquistato aria in saldo. Per seccare il veleno che mi cola dalle punte delle dita.
Sono stata freccia. Veloce, spietata, aguzza.
Ora sono solo l’ombra del tormento che mi strozza.
Si fa strada, dentro, il capriccio di averti addosso. Adesso.
Nella gola scende il silenzio.
E’ caldo. Lo ingoio.
E lentamente, muoio.

18/11/05

A chi giova tutto ciò?

Avvolte smetto di credere nell'intelligenza delle persone! Sopratutto quando vedo sempre di più che i nostri media sponsorizzano la pornografia "da quattro soldi" spacciandola per arte o dandogli chissà quale connotazione aurea che la eleva dalla fogna in cui dovrebbe stare, visto che una cosa è la pornografia venduta apposta, che non ha nulla di vergognoso o di innaturale e schifoso visto che la sessualità è una cosa normale e non da demonizzare, base della sopravvivenza del genere umano. Io non sono contro la pornografia, tutt'altro, ma rimango allibito dal vedere quale uso ne viene fatto! Ed i bei "balletti" che vediamo fatti dalle "veline" o dalle "letterine" o "letteronze" o dall'ultima trovata pubblicitaria di "Famiglia Cristiana" il bel popò nascosto nel box doccia dal vapore e la pubblicità recitava: "se vuoi vedere chiaro, chiama il tuo elettricista" sono pornografia. Ma ci rendiamo conto di cosa vuol dire la parola pornografia? Il Garzanti recita: " trattazione o rappresentazione, in scritti, disegni, fotografie, spettacoli, di temi o soggetti osceni, fatta senza altro intento che quello di stimolare eroticamente i fruitori."  Tralasciando il fattore "mercificafione del corpo umano" perché, a prescindere delle condizioni in cui una persona si può trovare, ognuno può fare di se stesso quello che vuole, diventare una prostituta d'alto bordo come un premio nobel o una madre o una Donna! Non sta a me scegliere o giudicare per gl'altri ma è scandaloso vedere come i media spingano su questa linea, facendo primi piani alle "zizze" (od a qualunque altra "zona") senza neanche la scusa del vedo non vedo o giochi di luce per menarla sull'artistico o le "veline" che fanno la doccia in studio e si palpano come nelle migliori pubblicità dei servizi pornografici senza contare la fascia di persone che guarda il programma, perché un conto sono gli "adulti" ed un altro i "minori". Caspita, quest'argomento ha focalizzato la mia attenzione quando quasi non notavo la differenza fra i media tedeschi e quelli italiani al mio rientro. Avete mai provato a sfogliare l"Express" o il "Bild" o anche su qualunque "Anzeiger" l'erotismo è l'ingrediente principale, sarà un metodo per combattere la disinformazione? Mah! Va anche detto che la carta stampata tedesca non è un granchè! Bill Hicks diceva: “La Corte Suprema ha definito come pornografia qualsiasi cosa senza finalità artistiche che faccia venire pensieri sessuali. Nessun merito artistico… fa venire pensieri sessuali… Mi sembra una definizione che calza a pennello per qualunque spot pubblicitario.” Non mi resta che piangerlo!


Ciao Bill!


E per voi cos'è pronografia "da quattro soldi"?


Per avere info su Bill Hicks se non lo conscete per il comico che è stato o per  i Tool o i Radiohead:


dISPENSER (articolo in italiano)     -----------------------                 Sito ufficiale della Fondazione


Oppure... Viva Google! :D