Visualizzazione post con etichetta sessismo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta sessismo. Mostra tutti i post

24/02/17

In tivù senza biancheria intima? Il dolore e la rabbia di Melissa Satta o polemica creata ad arte per far parlare di se


il  suo matrimonio con Kevin Price 

Se  anche  una  come Melissa  Satta  che fa come professione la velina ( quella che una volta chiamava donna oggetto ) prende posizione contro tale fenomeno a meno , cosa  che non mi sembra   visto il suo post  su istagram ( vedere sotto ) , che non sia una polemica creata ad arte ( come succede nel mondo dei vip ) per far parlare di se creare un diversivo quando un tuo programma sta andando male
Infatti  --   secondo la  nuova sardegna   del 23 febbraio  2017   --  La showgirl sarda affida ai social network il suo sconcerto per il dibattito che si è scatenato su internet per il suo abbigliamento durante una trasmissione televisiva: "Forse per la prima volte ho capito tante donne e ragazze che vengono colpite da bullismo mediatico e violate nella privacy"


SASSARI.
"Purtroppo in questi giorni è successa una cosa che mi ha colpito molto. Forse per la prima volte ho capito tante donne e ragazze che vengono colpite da bullismo mediatico e violate nella privacy".
Comincia così il lungo messaggio che Melissa Satta ha affidato ai suoi profili pubblici su Instagram, Facebook e Twitter.    

Melissa Satta a Tiki Taka

 La showgirl e modella sarda è finita nei giorni scorsi al centro di un dibattito sul suo abbigliamento  (  di cui trovate  un  fermo immagine sopra  )  durante l'ultima  trasmissione   Tiki Taka sui canali Mediaset  : qualcuno ha sostenuto che non indossasse biancheria intima.
"Prima di essere un personaggio pubblico sono una donna, moglie e mamma - scrive Melissa Satta -. Faccio un lavoro certamente non comune e magari non compreso da tutti ma comunque rispettabile e serio. Da 4 anni partecipo ad una trasmissione di calcio che fa parte di una testata giornalistica ma con taglio da talk show per famiglie e per ragazzi di qualsiasi età... e solo perché ho indossato una gonna alcune menti evidentemente non 
sane hanno insinuato che fossi priva di biancheria intima e così la notizia su internet è diventata sempre più virale con tutta la sua gravità.
 L'immagine può contenere: 1 personahanno Cosa ancor più grave è che è stata ripresa da alcune sedicenti testate giornalistiche come se fosse vera". "Ora - prosegue il lungo messaggio della showgirl - capisco come si arriva a tragedie come la violenza sulle donne perché ormai tutto è permesso, tutto va bene... ma non dovrebbe essere così. Le donne, le ragazze, le bambine vanno protette da questo modo di pensare e soprattutto di esternare siffatti pensieri distorti perché sta prendendo una piega pericolosa e sicuramente sbagliata".
Melissa Satta pubblica anche la lettera dello studio legale al quale ha affidato la tutelare giudizialmente le sue ragioni.



il fatto di indossare o no la biancheria intima fa parte delle scelte personali,e quindi consiglio alla signora Satta di non curarsi delle critiche ricevute (fatte da menti contorte).Complimenti comunque per l'eleganza , la bellezza ,   la  discrezione che ha a differenza  di  molti suoi colleghi\he   nel  suo ruolo  di vip  
 

14/08/16

le origini dell femminicidio e dello stalking sono nel linguaggio e s'incomincia d'appena s'inizia a parlare

 sottofondo la  colonna  sonora  del film basilicata  coast  to  coast
Musica  a tema  Le mie parole -Samuele Bersani -


Ecco  un altra  forma    di censura  più  subdola    di  quella     classica
censura s. f. [dal lat. censura «ufficio di censore; giudizio, esame»]. – 1. Grado e dignità di censore (nella Roma antica), e tempo che durava la carica. 2. a. Esame, da parte dell’autorità pubblica (c. politica) o dell’autorità ecclesiastica (c. ecclesiastica), degli scritti o giornali da stamparsi, dei manifesti o avvisi da affiggere in pubblico, delle opere teatrali o pellicole da rappresentare e sim., che ha lo scopo di permetterne o vietarne la pubblicazione, l’affissione, la rappresentazione, ecc., secondo che rispondano o no alle leggi o ad altre prescrizioni. Con sign. concr., l’ufficio stesso che è addetto all’esame  (....) 
presa  dalla  voce  omonima del  dizionario  http://www.treccani.it/vocabolario/

  cioè  se  parla ,  ma  non ti  metto in  evidenza   in prima  pagina ma  ti   riporto  in  fondo  econ un piccolo trafiletto    magarti quasi nascosto  , o nelle  edizioni locali   . per  giunta  da  zona  a zona  della  stessa   regione vedi esempio la  nuova  Sardegna che  ha   ben      4   edizioni ( ridotte  poi  a  3  )  locali    e  quindi  , esempio  , uno di Sassari  non  sa  (  salvo  casi gravissimi  che  compaiono  nella sezione  generale )     quello    che succede  iniziative  culturali  comprese   in Gallura   .  Quindii chiedo  ma  è possibile  che   certi articoli cosi importanti    vengano relegati  ,  come   questo  , nelle edizioni locali  di  un grande  quotidiano nazionale  .  

  Ora  dopo lo sfogo   un ulktima  cosa  prima di  riportare  il post      d'oggi tratto da  http://firenze.repubblica.it/cronaca  del  4\8\2016

le parole non  solo sono importanti
ma  sono  anche  come pietre e  del passo da li alla violenza   a seconda  dei soggetti  può essere  sottile 



Ora   il post

La studiosa Irene Biemmi: "Iniziano alle elementari gli stereotipi che dividono" di ILARIA CIUTI


Corpi bruciati, bastonati, violentati, uccisi. Corpi da possedere, domare, eliminare se non si possono avere, se dietro questi corpi spunta una testa, una volontà, una libertà. È orrenda la lista delle donne uccise, è misera quella dell’impotenza di maschi che per esistere uccidono. Basta: lo si vorrebbe gridare, soprattutto fare. Ma fare, non si fa. «Non serve niente se non si comincia da lontano, da una cultura rovesciata rispetto a quella di oggi, da una nuova generazione che abbia una concezione diversa dei ruoli di genere». Dice Irene Biemmi, ricercatrice all’università di Firenze e autrice del libro «Educazione sessista. Stereotipi di genere nei libri del elementari» (Rosenberg & Sellier) da cui è stato tratto lo spettacolo- conferenza tra Biemmi e Daniela Morozzi, «Rosaceleste », che inaugurerà il 13 ottobre al Puccini la rassegna “Una stanza tutta per le».

I libri delle elementari spiegano il femminicidio?
«Non solo, ma hanno una parte fondamentale nel costruzione degli stereotipi e di ruoli complementari e non interscambiabili. Perfino le parole sottolineano la negatività del discostarsene: maschiaccio per le femmine vivaci, femminuccia al bambino che non fa il duro. Nei libri di lettura scolastica le madri trascorrono la giornata in casa attendendo marito e figli, raramente lavorano e caso mai da maestre, parrucchiere, estetiste. E non sono libri degli anni ’50 ma degli anni 2000. Per gli uomini ho contato ben 50 professioni: geologi, astronauti, esploratori, giornalisti, medici, scienziati e i padri sono raffigurati fuori e al lavoro. Le bambine giocano in camera, i bambini in affascinanti e avventurosi grandi spazi esterni».

Dopodiché?
«Si insinua la percezione che il troppo uscire, soprattutto di notte e da sole, debba essere per le donne pericoloso. Il mondo si spacca in due e la relazione tra i generi diventa un problema. La violenza è problema complesso ma la disparità sociale si riproduce anche nelle relazioni private: relazioni mancate basate su archetipi di uomo forte, prevaricatore, aggressivo, tutte caratteristiche su cui fondare la virilità, e di donna docile, sottomessa».

Da dove cominciare?
«Si è sempre pensato a liberare dagli stereotipi le donne perché discriminate. Certo. Ma bisogna anche giocare d’anticipo e agire sull’educazione dei futuri uomini. Gli aggettivi usati nei libri scolastici per i bambini sono: forti, audaci e coraggiosi, a tratti irosi e violenti. Senza critiche ma con la legittimazione di un’immagine di virilità che fa tutt’uno con la violenza. I bambini devono avere atteggiamenti di sopraffazione sia per farsi intendere tra maschi che con l’altro genere. Ragionare su quale educazione dare ai bambini significa scardinare il principio che virilità sua uguale a forza. I ragazzini hanno paradossalmente un fardello sulle spalle più opprimente delle bambine con cui ormai da anni le mamme ragionano di come svincolarsi».

che  le  parole    sono  importanti lo  dimostra  anche questa  storia 

Appello   di Carolina  B.  ora  17  enne  ex  vittima  di  bullismo  . "fate  come  me  ribellatevi "


qui presa     da  repubblica  del  14\8\2016.  Inizialmente volevo  riportare direttamente  l'articolo  con la  slide  \  cattura  schermata  ma poi  invece   ho deciso di fare  copia ed  incolla 

BRESCIA

Poi  l'altra Carolina ha deciso che la partita con i bulli doveva vincerla lei. «Ma non provo odio, alla fine sono vittime anche loro». Mentre Carolina di Brescia si tagliava le braccia per provare a lenire il dolore dell’anima col dolore del corpo, a 140 chilometri dalla sua cameretta,Carolina di Novara — Carolina Picchio, stessa classe‘99, 14 anni all’epoca — iniziava a dare segni di resa: fino al gesto finale. Il lancio dal terzo piano di casa. Tra lei e i giovanissimi aguzzini che l’avevano filmata ubriaca
mentre in 5 la violentavano, per poi pubblicare i video e sfotterla su Facebook, hanno la meglio loro.
ErA il 5 gennaio 2013,ma «di quella storia ho saputo solo a marzo di quest’anno.
Quando ero in fase di rivincita. Per me e anche per lei che non c’è più». Adesso che ha 17 anni Carolina B. dice che inizia a volersi «un po’ bene», ad accettare il suo corpo e il suo viso che tutto
sono fuorché sgradevoli alla vista.
E che ha smesso di incidersi la pelle con lamette e coltelli. «Guardi qua», sorride seduta in
veranda nella villetta di Costalunga, pochi minuti dal centro di Brescia. Carolina mostra i segni
bianchi lasciati dalle cicatrici delle ferite che s’è inflitta per due anni. Mamma e papà — ex
sportivi — un po’ la coccolano con lo sguardo e un po’ riprendono i più piccoli degli altri
quattro fratelli perché non si scollano dagli smartphone. «La rovina di questi ragazzi è il telefonino
», annuisce Domenico Geracitano, agente di polizia della questura di Brescia. È impegnato
da anni in campagne di sensibilizzazione sul cyberbullismo nelle scuole: è lui che
ha agganciato l’“altra Carolina”. In uno degli incontri con i ragazzi, la 17enne racconta la
sua vicenda: da allora, era lo scorso anno, diventa una piccola testimonial della lotta contro
le violenze psicologiche giovanili.
Come è iniziata la sua storia di vittima dei bulli?
«Ad aprile 2012, fine della seconda media. Ero al Parco Castelli con la parrocchia: quattro
giorni di evangelizzazione. Chi voleva saliva sul palco e raccontava la sua esperienza di fede.
Vado su, e parlo. Il giorno dopo mi dicono che hanno postato il video su Fb. Da lì in poi iniziano
a dirmi di tutto: sfigata, cesso, sei grassa, sei piena di brufoli, fai schifo, sei una troia obesa...
Insulti nelle chat di gruppo della classe».
E lei?
«All’inizio rispondevo, ma era peggio. Andavano giù ancora più pesanti. Arrivavo a casa,
sbloccavo il telefono e trovavo gli insulti: ammazzati, buttati dalla finestra... Se ti dicono che
sei grassa, ti vesti larga. Se ti dicono che sei un essere inutile, ti rendi ancora più inutile. Se ti dicono
che devi morire il tuo unico desiderio è la morte. E il peggio e che ti senti in colpa, vorresti
punirti ma non sai come fare Fino a che...».
Che succede?
«Trovo su Internet immagini di braccia tagliate. Penso che quella è la soluzione; provo una volta, mi sembra di avere pareggiato i conti con il mio essere sbagliata. Diventa un’ossessione: mi tagliavo ogni giorno, anche piu’ volte. In camera, in bagno, in doccia. In giro non alzavo mai le maniche».
Intanto diventa anche lei social-dipendente.
«Ero convinta che la vita vera fosse quella che passa dalle chat. I bulli erano sempre lì,qualcuno lo conoscevo, altri no.
È facile insultarti su Ask in anonimo. Ti infossi e inizi a “sfollare” (dare di matto, ndr). Capisco
Carolina (di Novara). La sua rovina è stata un video. Anche per me tutto è iniziato con un video. Poi viene il giudizio della rete, ecco. La cosa peggiore è il giudizio».
Aveva un pensiero fisso, oltre al senso di inadeguatezza da insulti?
«La morte. Alla ricerca di un aiuto postavo questa ossessione di morte ovunque. Coi miei genitori ci scontravamo sempre.
Quando scoprono che mi taglio, vanno in confusione. Al primo anno di superiori (istituto professionale) divento scontrosa,menefreghista, incazzata con tutti. Provo a fumare qualche
canna. Bulletta per reazione ».Trentun dicembre 2014.
Che data è?
«Litigo coi miei e mi chiudo in camera. Faccio un bilancio della mia vita a 15 anni. Risento le voci dei compagni delle medie:“Sfigata”, “cicciona”. Mi sento una fallita, e cosi prendo l’Ipod e una lametta e scappo dicasa. Mi siedo sopra un ponticello,inizio a tagliarmi. Poi mi butto giù. Mi risveglio su un’ambulanza. Mio padre arriva in neuropsichiatria: nonostante il parere dei medici, rifiuta di farmi ricoverare».
Toccato il fondo cosa succede?
«Smetto di tagliarmi, ma a scuola avevo spesso attacchi di panico. Mia madre ogni volta che stavo male in classe mi portava in posti belli e pieni di pace per farmi ritrovare la calma».
I bulli?
«Ho iniziato a fregarmene. Ho acquistato più sicurezza, adesso mi voglio bene. Ho capito che sono vittime anche loro.
Che per curare le vittime bisogna curare i bulli. Prima mettevo solo felpe nere e larghe. Oggi mi compro anche i tubini, ogni tanto metto scarpe con il tacco ».
Come si sente oggi?
«Sopravvissuta a una guerra. La mia guerra con i bulli. Carolina Picchio non l’ho mai conosciuta,
ma so che sarebbe fiera di me. Aveva ragione quando diceva “le parole fanno più male
delle botte”. Ma oggi so che le botte si possono curare, basta rivolgersi a chi hai vicino e non
cercare di fare tutto da soli».
























































































































































04/12/14

La campagna maschilista contro gli stupri della polizia ungherese




La polizia ungherese ha pubblicato un video per mettere in guardia le donne contro gli stupri. Nella clip tre ragazze si divertono e flirtano in discoteca con degli uomini. Per molti il messaggio è colpevolizzante: se ti metti la minigonna e bevi alcol inciti gli uomini a commettere violenza sessuale.
  Ma  che  raxza   di pubblicità è  questa  ?  ha  ragione Luigi Piga  , comtatto di facebook <<  maschilista..bell'arietta in Ungheria >> 
Ogni nulteriore  commmento  è di troppo  

27/05/13

Il peccato originale




Dunque, i numeri. Dal solo mese di maggio ad oggi, fanno venti.
Intendo i casi. Le persone sono molte di più, perché alcune vicende sono avvenute nello stesso giorno coinvolgendo più persone.
Cito, in ordine sparso:
- Roma, assassinio di Alessandra Iacullo, 25 anni, confessa il fidanzato cinquantenne: "Ero geloso".
- In varie regioni d'Italia, Ilaria, Chiara e Alessandra vengono uccise lo stesso giorno dai rispettivi partner. Erano intenzionate a lasciarli.
- Napoli, donna accoltellata in aperta campagna, accusato l'ex marito, geloso.
- Biloca, ragazza diciassettenne subisce un tentativo di stupro mentre si reca a scuola.
- Bergamo, estetista aggredita dall'ex marito che aveva denunciato.

- Calabria, trovata donna uccisa. Subiva violenze da parte del marito da una trentina d'anni.
- Caserta, aspirante Miss Italia ridotta in fin di vita dal fidanzato che le spappola la milza. Lei si riprende: "Lo perdono, perché lo amo".
- Perugia, due stupri nella stessa notte.
- Pesaro, l'ex partner d'una avvocata (molti giornali scrivono "avvocatessa") le getta acido in faccia per lavare l'onta d'essere stato abbandonato.
- Vicenza, dopo aver denunciato l'ex partner per maltrattamenti una donna viene sfregiata con l'acido da maschi incappucciati.
- Acilia, dopo l'abbandono insegue la moglie con l'auto, fino a stritolarla. Poi inscena il suicidio (che, naturalmente, non va in porto).
- Padova, poliziotto uccide la moglie e si suicida (questa volta, stranamente, ci riesce). I giornali titolano: "Motivi sentimentali".
- Frosinone, un operaio costringe la moglie a girare film porno davanti ai figli e la violenta ripetutamente. In più la minaccia con la frase: "Zitta o farai la fine di Melania Rea".
- Napoli, spranga l'ex moglie poi devasta il negozio del nuovo compagno di lei: "Non potevo sopportare di essere abbandonato".
- Napoli, picchia la moglie col matterello per ucciderla. Viene fermato in tempo.
- Firenze, massacra la moglie incinta: "Non hai pulito bene la casa".

- Milano, si avventa sull'ex compagna e l'abbatte a coltellate. E continuerebbe a infierire sul corpo se non fosse fermato da un ragazzo diciassettenne che ha tentato vanamente di salvare la donna. Lui continua a farneticare: "Mi ha lasciato, non posso sopportarlo".
- Novara, otto minorenni (maschi) indagati per istigazione al suicidio della quattordicenne Carolina, ingiuriata e diffamata all'inverosimile.

- Roma, una ragazza viene indotta a ubriacarsi quindi stuprata.
In ordine cronologico, questo è l'ultimo caso, posto li abbia ricordati tutti. Il più efferato, però, sintesi perfetta e atroce di tutti gli altri, è avvenuto però, come si sa, l'altro ieri in Calabria:
- Fabiana, 15 anni, accoltellata e bruciata, ancor viva, dal "fidanzatino" (così si legge su quasi tutti i media) maggiore di lei di un anno. Osceno l'articolo dell'"Unità" (!), che parla di "dramma della gelosia e dell'adolescenza".
A ciò si aggiungano due dati:
- A Modena, scarcerato dopo appena un anno Ivan Forte, che strangolò la fidanzata Tiziana da cui aveva avuto un figlio.
- A Milano, la metà delle denunce per violenza sulle donne vengono archiviate.

Numeri. Semplici numeri. In svariate occasioni, anche da questa sede, ho analizzato le radici culturali, sociali e storiche del femminicidio. Non mancherò di ricordarle questa volta ancora, l'ennesima. Ma ogni capitolo s'arricchisce di dolenti, agghiaccianti novità.
Ne menziono solo due, a paradigma della controffensiva maschile di fronte al fenomeno: la dotta dissertazione di tale prof. Tonello sul "Fatto Quotidiano" di alcuni giorni fa (Femminicidio, i numeri sono tutti sbagliati) e  l'intemerata d'una sedicente Gilda (?) su "Mente Critica", che pure nel titolo (I veri numeri del femminicidio) riecheggia il post di Tonello ma se ne differenzia per il tono iroso e rivendicativo, corredato dall'eloquente immagine d'una donna molto aggressiva nell'atto di sparare ai testicoli d'un giovane e inerme uomo.
Tra i due interventi il più pericoloso è quello di Tonello, sia per la maggior diffusione della testata per cui scrive, sia per il lessico all'apparenza neutro, distaccato, insomma "razionale".

L'illustre cattedratico esordisce contestando i numeri di violenza antifemminile evocati dai media e sottolineando l'"enfasi" posta sulle venticinque donne uccise da inizio anno (il suo scritto risale all'11 maggio scorso). Annota anche, tra l'indignazione e lo scherno, che "si mescolano disinvoltamente aggressioni e omicidi, stupri e molestie, molestie psicologiche e aggressioni con l’acido", mentre per lui solo gli omicidi (il termine "femminicidio" è ovviamente rifiutato, vedremo poi perché) possono semmai suscitare un campanello d'allarme poiché, in tutti gli altri casi, la donna non è stata uccisa. Stupri e sfregi con l'acido - soluzione "all'indiana", barbara quant'altre mai, per negare la specificità della donna, quindi la sua esistenza, una sorta di burqa di fuoco: ma l'autore non vi fa caso - non sono da considerare delitti, la donna fisicamente non muore.

Egli passa quindi in rassegna i dati, a suo dire sicuri, dell'Istat e scopre cosa? Che la violenza sfociata in assassinio ai danni delle donne non solo non è aumentata, ma sarebbe addirittura in calo. 
Certo, egli concede, "pure un solo cadavere è di troppo" ma in un Paese di 60 milioni di abitanti ci saranno sempre "i mafiosi, i violenti, i folli". Di femminicidio poi nemmeno parlarne, il neologismo è orribile (esiste già il correlativo "omicidio", perché coniarne un altro?) e, del resto, non significa nulla: assurdo paragonare l'inesistente la mattanza di donne p. es. alla Shoah perché - cito testualmente - "gli ebrei Samuel, Israel, Ruth o Esther venivano mandati dai nazisti nelle camere a gas per il solo fatto di essere di religione ebraica, indipendentemente da qualsiasi altra considerazione. Le donne uccise da ex partner non vengono uccise 'in quanto esseri umani di sesso femminile' bensì esattamente per la ragione opposta: per essere quella donna che ha rifiutato quell’uomo".
Si tratta del ragionamento d'un cattedratico, d'un professore universitario, che dovrebbe conoscere la storia.
Pur ritenendo impensabile, nel 2013, dover confutare simile concentrato d'ignoranza, stupidità e cattiveria, pure il frangente mi ci costringe, non foss'altro perché la maggioranza dell'opinione pubblica, e quasi la totalità dei maschi, vi aderisce volentieri, non pochi addirittura plaudendo (uno di loro, tra i commenti, ha persino invitato i suoi congeneri alla rivolta contro la disinformazione operata dal "nazifemminismo"). Mi appresto dunque a bere l'amaro calice.

1) Tonello rispolvera l'antico ma sempre efficace alibi del delinquente "folle, violento o mafioso". Un modo - peraltro, tipicamente maschile - di gettare la colpa fuori di sé. Sull'altro, sul diverso. Non ha potuto, come certo avrebbe desiderato, imputare la responsabilità agli stranieri, magari islamici, perché gli autori di questi delitti sono tutti italiani, appartengono alle categorie sociali più disparate e la loro età varia dalla maturità, talora dalla vecchiaia, fino, negli ultimi casi, addirittura alla puerizia. I motivi ispiratori dei loro delitti sono però identici: gelosia, abbandono.
Resta da vedere se siano "folli, violenti o mafiosi". Chiaramente no. Si tratta di persone del tutto normali, persino - come invocano le sempre protettive famiglie dei minorenni implicati - di "bravi ragazzi", educati, rispettosi. Non i diversi da temere, entità astratte e mostruose emergenti dal fondo scuro della marginalità sociale, ma i nostri vicini di casa, gli stimati professionisti cui affideremmo una pratica, i valenti operai specializzati e i padri di famiglia amorevolmente premurosi coi figli. No, esimio luminare Tonello, il mostro non è il diverso, il mostro cova in ognuno di noi. Nel Suo linguaggio asciutto e nel piglio professorale col quale nega l'evidenza per non mettere in discussione il modello culturale e (dis)educativo imperante dall'alba dell'umanità.
2)  Ignoro cosa insegni Tonello. Spero, per lui ma soprattutto per i suoi studenti, non storia o materie affini. Sa infatti, o dovrebbe sapere, anche un alunno di dodici anni, nemmeno particolarmente edotto, che gli ebrei furono sterminati non "per il solo fatto di essere di religione ebraica", ma per il solo fatto di esistere. Fossero o no convertiti al cristianesimo, per il pagano Hitler non aveva la minima importanza: ne è la più illustre, ma ovviamente non unica prova sant'Edith Stein, filosofa tra le più insigni del suo secolo, autrice d'importanti e pionieristici studi intorno alla donna, e martire ad Auschwitz nel 1942. Affermare che lo sterminio degli ebrei aveva motivazioni religiose significa non aver compreso nemmeno alla lontana, e forse nemmeno studiato, le radici del nazismo, e viene seriamente da chiedersi come l'individuo che osa sproloquiare simili bestialità possa permettersi di scrivere su una testata nazionale e/o d'insegnare negli atenei.
3) Sul cinismo e freddezza con la quale è liquidato, o notevolmente ridimensionato,  l'omicidio - come si ostina a definirlo Tonello - di "quella donna per aver rifiutato quell'uomo" la verecondia imporrebbe di sorvolare, ma non si può. Nella prosa che si vuole asettica e scientifica, in realtà sfilacciata e perniciosa, di Tonello non balena neppur per un attimo la futilità del movente. "Per essere quella donna che ha rifiutato quell’uomo" è infatti un'argomentazione risibile, un'aggravante e non un'attenuante del crimine. Soprattutto quando "quell'"uomo, assassino di "quella" donna, al contrario di ciò che asserisce Tonello, peraltro senza lo straccio di prove o statistiche altrove da lui così insistentemente addotte per confermare le sue tesi, non appartiene per nulla alla categoria dei "folli, violenti o mafiosi".
4) "Le parole sono importanti!", esclamerebbe ora il Nanni Moretti di Palombella rossa, parafrasando Pasolini. E giungiamo al famoso, o famigerato, termine "femminicidio" che Tonello, Gilda e molti/e altri non vogliono nemmeno sentir menzionare. Non esistono "femminicidi" secondo costoro, bensì "omicidi". Vengano puniti come tali, e non facciamola tanto lunga.

Ebbene, "omicidio", la cui etimologia Tonello evidentemente non conosce - zero in italiano oltre che in storia, quindi, per il nostro chiarissimo docente - deriva da "homo" e "cidium", da "caedes" (=uccisione), e indica la morte d'un uomo per mano d'un altro uomo. Infatti: la morte d'un uomo.
Tonello, Gilda e molti/e altri alzerebbero il sopracciglio, fors'anche si straccerebbero le vesti urlando al mio "nazifemminismo estremista": ma via, lo sanno tutti, per uomo s'intende essere umano, pertanto anche la donna!
Ecco, è proprio il "pertanto" che guasta: se le parole sono importanti, l'ossimoro, da tutti considerato naturale e persino ovvio, del "neutro maschile" è insensato.
Il neutro maschile non include: anzi, è l'esclusione per antonomasia. Il neutro maschile è la cifra linguistica che giustifica ogni violenza, razzismo, prevaricazione, guerra, schiavitù, omofobia e, naturalmente, misoginia e sessismo. Dalla notte dei tempi. Il neutro maschile presuppone un'umanità modellata su un solo archetipo: il maschio, l'essere umano vero e proprio - esattamente come intendono i suoi difensori, non accorgendosi dell'equivoco -, immagine e incarnazione di Dio (alle donne, immagini solo terrene e, per giunta, malriuscite dell'uomo-maschio, non è infatti concesso il ministero sacerdotale né di rappresentare in nessun modo la divinità). Cui tutto è concesso, cui è stato dato in compito di dominare la Terra - e i suoi abitanti, a partire dalla compagna messagli al fianco.
Il linguaggio, espressione tipicamente e compiutamente umana, è dunque sempre stato in mano al maschio, declinato al maschile secondo sensibilità e mentalità maschili. Dalle quali la donna è di necessità esclusa; di qui l'esigenza di coniare nuovi termini. No, non è omicidio, è femminicidio. No, non si tratta del singolo uomo che uccide la singola donna, ma di tutta una mentalità che avalla, presuppone, prepara queste morti. E, se non tutte giungono a tale epilogo, il seme dell'odio è stato comunque gettato. Chi potrebbe rispettare e considerare di pari dignità un individuo ritenuto persino dai più grandi ingegni umani, non esclusi uomini piissimi e talora in odore di santità, infido, sensuale, lascivo, linguacciuto, di debole cervello e, in tempi più recenti, sottovalutato o cancellato dai libri di scuola, mercificato dal consumismo sessuale e degradato a puro oggetto di piacere? Eppure è questo che quotidianamente e, in varie forme a seconda delle latitudini e delle religioni, viene inculcato fin dalla più tenera età.
Oggi poi il sesso, perduta quell'aura di sacertà che lo contraddistingueva come compimento, diremmo linguaggio fisico, d'una intesa spirituale, è divenuto sfogo bruto e velleitario, da consumare subito e, anche in tal caso, da pretendere, in particolare se la ragazza è la "propria" ragazza, se è carina, se ha corrisposto a un bacio. Un rifiuto da parte sua viene ritenuto un'insopportabile onta, un'inconcepibile ribellione.
Già negli scorsi anni scrivevo che il problema del femminicidio non riguardava tanto le donne quanto gli uomini. La questione è maschile, non femminile. E questo, non è stato compreso del tutto nemmeno dalle stesse donne, se è vero che pure le più attente e sensibili, nel commentare lo strazio di Fabiana, la bambina arsa viva dal coetaneo per essersi rifiutata di cedere alla fregola di lui, si rivolgono alla madre dell'assassino rivolgendole aspri rimproveri: "...Perché, cara madre, se tuo figlio ha ritenuto che picchiare, violentare ed uccidere una donna fosse un suo diritto divino...se tuo figlio si è sentito in dovere di punire con la violenza "l'onta" subita dalla donna che lo aveva lasciato/rifiutato...se l'uomo che tu hai portato in grembo e cresciuto è arrivato a tanto...la colpa è ANCHE TUA! Che madre sei stata e che donna sei stata? Cosa hai insegnato a tuo figlio?", chiede accorata Anna Rita Leonardi nella sua Lettera alla madre dell'uomo che ha ucciso brutalmente, su ZoomSud.it. Tutto vero, naturalmente: moltissime donne - l'ultimo caso, la miss che ha ritirato la denuncia al suo aguzzino - hanno introiettato la stessa misoginia di cui la società è imbevuta senza insegnare alcun rispetto verso le congeneri ai loro figli maschi.
Ma il padre, dov'era? I genitori non sono due? Perché, in casi simili, l'uomo non viene mai chiamato in causa? Non è stato lui, anche per legge, qui in Italia, fino al 1975, il "capofamiglia"? Non è lui la guida morale e spirituale della casa, l'essere umano per eccellenza, il rappresentante di Dio in terra e via esaltando? O lo è solo quando si tratta di ricevere privilegi e onori?
Scriveva Edith Stein negli anni Trenta del secolo scorso: "In origine fu affidato ad ambedue [all'uomo e alla donna, n.d.A.] il compito di conservare la propria somiglianza con Dio, di custodire la terra e di propagare il genere umano. [...] Dopo il peccato, il rapporto reciproco si mutò, da puro legame di amore, in legame di dominio e soggezione, e fu sfigurato dalla concupiscenza". L'umanità, e il maschio in particolare, non ancora divenuto uomo, sembrano a ogni latitudine, Nel terzo millennio, ancora storpiati da questo peccato originale.

05/05/13

iL femminicidio dipende da un esibizione del corpo delle donne nella pubblicità e nelle trasmissioni tv ?

ecco  la storia  di un uomo , cosa  rara , che  si è fermato in tempo , evitando l'omicidio  .
video
Un  uomo che ha  ammesso    che  ha de problemi

video


Infatti la  Boldrini  pur  fra demagogia   e  atteggiamenti censori  ( vedere  la richiesta  di leggi eccezionali   sul  web  )   stavolta   ha  ragione   quando    chiede

  da  http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2012/11/25/news/femminicidio-47174085/


Boldrini: "Limiti alla pubblicità
su abuso del corpo delle donne"


La presidente della Camera torna a sollecitare misure contro la violenza. Intanto il ministro per le Pari opportunità annuncia: "Dal governo una task-force femminicidio"(video)


Immagino   che molti  diranno   che bisogno  c'è  di una legge  ci sono  enti predisposti a  ciò ( lo  Iap istituto autodisciplina pubblicitaria  )  e loro  leggi \ regolamenti   Ma  quando   si continua  ugualmente  ecco la necessità  di una ulteriore  regolamentazione  . Speriamo  che  non rimanga sulla  carta   e che la creazione di un team , porti  ad insegnare  nelle  scuole   a fare  delle lezioni  meglio  delle  ore  o  un ora  ala settimana  d'educazione all'immagine  e  ai  nuovi mezzi di comunicazione  .  Si   eviterebbero  o quanto meno  si avrà  fortissima riduzione   sia del  fenomeno  di  cui  parla la zanardo  (  vedere   intervista  nelle righe  successive  )   e  del fenomeno del  cyber  bullismo  .  A  chi m'accusa  di essere censore  e  moralista  , dico   che  qui non è censura o essere bacchettoni o come discorsi da moralisti o da noiose e vetuste cassandre,ma  di mancanza  di rispetto  dell'individuo   mercificazione  del proprio corpo   e della propria immagine  . Infatti 
 da  www.ilfattoquotidiano.it/2013/03/01/  qui  il testo  integrale 
      
[....]  In questi 4 anni, da quando è uscito il nostro documentario “Il corpo delle donne“, il fenomeno più rilevante che ci ha riguardato è stata l’ondata enorme di richieste da parte delle scuole e dunque degli insegnanti, ma ancor più delle e degli studenti, che ci chiedevano strumenti di educazione all’immagine. Un fenomeno dirompente, che non ci aspettavamo, che ha sconvolto le nostre vite perché quella richiesta così impellente esigeva una risposta. Va raccontata qui la chiusura di molte associazioni che si definiscono femministe di fronte a questo BISOGNO delle persone.
Il motivo? La loro incapacità di comprendere e di mettersi in relazione.
La tv deve essere libera… non si possono rivestire le donne in  tv sarebbe censura… le ragazze in tv sono libere di fare ciò che vogliono… alcune di noi hanno lottato nel ’68 per la libertà dei corpi”.
Abbiamo ascoltato con preoccupazione per 4 anni. Non era in discussione la libertà dei corpi, che diamine!  Ma lo strapotere del sistema mediatico! Non era in discussione la libertà di mettersi in minigonna o come si vuole, ma l’imposizione di corpi umiliati e di telecamere fruganti il nostro corpo!
L’ignoranza di alcuni di questi movimenti è spaventosa. Le loro richieste si sono perfettamente sposate con i diktat della tv mercantile.
Ma l’ignoranza si può perdonare. L’ignoranza arrogante e sorda, no.
Se ci si accorge di avere trascurato una parte di conoscenza, se nulla si sa del sistema mediatico, si ha il dovere di mettersi in ascolto.
E’ stato terribile in questi anni vedere come migliaia di ragazzine e i ragazzini che chiedevano aiuto a noi donne adulte perché si sentivano schiacciate da modelli di riferimento incombenti e impositivi, e assistere con spavento a come alcune donne adulte voltassero il capo per sostenere una libertà che era invece COSTRIZIONE terribile per le giovani generazioni.

Andiamo in giro per l’Italia da 4 anni. Incontriamo adulte/i la sera nei dibattiti. Gente normale, varia, cittadini/e italiani/e. Vogliono capire, sapere discutere.
Al mattino incontro studenti/esse nelle scuole. Sono tantissimi/e. Ci chiamano a centinaia durante l’autogestione. Scelgono loro di invitarci perché hanno fame di capire, di conoscere il sistema mediatico che le e li ingabbia. Altro che libertà!


Perchè , e lo dice  un uomo etero ( tendo  a precisarlo visto   che  per  queste  prese di posizione  alcuni mi definiscono, ma  io me  ne  frego  ,   femminiello o  gay o risatine )  ,  e che  sta lottando  contro  la  pornodipendenza    non  se ne può più di  vedere  il corpo di una donna usato  fuori  misura  non solo nella pubblicità  ma  anche  in certe trasmissioni tv  . Per  spiegarmi meglio guardate   quest'altro video   

(   da  cui poi  sono derivati  un   sito , una  pagina di facebook      ed un  libro  curati  dalla stessa  autrice   del documentario  che trovate  sotto   e  di cui  si è parlato  sopra     )  




Con questo  è tutto  
Mi farebbe  piacere  , sentire o via email o qui nel commenti  il  vostro parere  soprattutto  da parte  di voi donne  

06/03/13

sessimo inculcato fin da piccoli ? il caso Spot del Consorzio del Salame Cacciatore Dop

Incuriosito da  questa lettera  (  ne   trovate il png  a sinistra  )  repubblica  d'oggi sono andato a  vedermi il video  ---lo trovate  sotto  --- della pubblicità  accusata  d'essere. IL video in se  non mi fa  indignare  più di tanto  perchè ormai siamo  assuefatti (  il che non significa   i differenti  o mandare  come si diceva un tempo i cervello all'ammasso  altrimenti non sarei  qui a parlarne  )  come  dimostra   anche la canzone di Guccini Nostra signora dell'ipocrisia   musica  di sottofondo al post ) . Ma  ciò che  m'indigna  è il fatto che siamo  buoni solo a parlarne  , per  giunta  con le  lettere  anonime  (  quando non è necessario perchè è come lanciare il sasso  e poi nascondere la mano )  o   a  commentare   giustamente  che  è sessista , ecc .( vedere qui  gli altri   )   i commenti   lasciato al video in questione . L'unico  che prende seriamente la cosa  è questo di  Roberta Gardosi scritto 4 mesi  fa  : <<  Ragazzi, siamo nel 2012 ! Questo spot è ripugnante, dovremo avere ancora le "graziosine" che con un bel faccino si guadagnano da mangiare? E l'uomo cacciatore... davvero non ci sono parole. Non comprerò più i vostri prodotti, cari signori del consorzio del salame, e inviterò tutti i miei amici a seguire il mio esempio >>

video

Concludo come  dicevo prima invece di lamentarci a parole iniziassimo tutti\e  a mettere in pratica  gesti  come  suggeriti nel commento  prima citato )  cioè   a boicottare quei prodotti a tartassare di email lettere , ecc l'azienda del prodotto dicendoli che a causa della pubblicità sessista -- anche se qui è   rispetto ad  altre  più esplicite   velata quasi nascosta da un gioco fra ragazzini di 8 anni . Insomma : << qui c'è ben poco di creativo, perché il detto "L'uomo è cacciatore" è vecchio come il cucco... tanto che ci fa scambiare gli stereotipi con "la realtà", quella "brutale" che si perita di trasmettere questi stereotipi sessisti (che è già diverso dal "machismo", si può essere sessisti anche senza machismo) sui bambini... >> commento  al video  di   http://www.youtube.com/user/SocialMediaEducation  --  non  si comprano i loro prodotti e soprattutto la facciamo girare in rete s'otterebbe qualcosa . FNCL a   chi mi dice  che sono bigotto , conservatore ,  antiliberale  , ecc . Ma  qui  non si tratta  di essere  progressisti o conservatori ( bigotti )  ma  di civiltàè rispetto  delle persone  ad non essere usati come merce  e  a non vedere  trasformati i sentimenti  come  merce  per  vendere  prodotti d'uso quotidiano 



07/07/12

care donne la lotta per la vostra dignità non è ancora finita , adesso c'è quella contro le pubblicità idiote e sessiste





da www.facebook.com/pages/La-Striscia-Rossa/367330504884



"In occidente per un dentifricio si utilizza un nudo femminile, nei Paesi islamici si svilisce la donna mantenendola ai margini della società. La strada per la parità è ancora lunga."(Shirin Ebadi Nobel per la Pace) . che  fine hanno fatto il movimento ( se non ora quando  , il corpo delle donne  )   invece dei soliti  bla  bla  bla   , scendete in piazza o  boicottate  o fate mail bombing  alle  ditte   che  fanno  tali pubblicità idiote . Altrimenti  vuol dire  che volete rimanere schiave  proprio come suggerisce  il  libro  Cinquanta sfumature di grigio di E.L. James  (  foto a destra  tratta  da panorama  della scorsa settimana  )    che  ha venduto 20 milioni di copie in 10 settimane e in Italia è già in testa alle classifiche di vendita: 100mila copie nei primi 10 giorni dopo l'uscita del 6 giugno.  qui da panorama online una interessante intervista   all'autrice Quindi svegliatevi perchè la vostra libertà anzi dignità è sempre più compromessa e riprendetela  come suggeriva 40 anni fa  Guccini





Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget