Visualizzazione post con etichetta maschilismo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta maschilismo. Mostra tutti i post

15/07/17

Noi italiani nati con la camicia (nera) La voglia di fascismo? È indole italica, 
ci conosciamo: tanti, piccoli capetti. Sta dilagando e non ci cambierà una legg


Allarme (non più All’armi) siam fascisti! Come può essere capitato? A noi (pardon), noi italiani democratici che abbiamo scritto la Costituzione vietando al partito che fu di Mussolini di rinascere. “L’Espresso” ci fece una copertina qualche settimana fa. C’erano Grillo, Salvini e Berlusconi con fez e manganello. Tempesta di critiche. E avevano ragione (a propria insaputa) i lettori (di destra) che ci hanno ricoperti di insulti. Non dovevamo disegnare solo loro, ma gli italiani: il popolo nato con la camicia (nera) convinto di avere fatto i conti con la propria indole, prima ancora che con la storia, a suon di leggi e divieti.
Voilà, tutti antifascisti mimetizzati nella democrazia, senza risolvere mai quel problemuccio: ci conosciamo, siamo piccoli capetti che danno ragione al capetto più in alto. A casa, in Parlamento, al bar, su Twitter. Ed è questa normalità, mescolata a nostalgia della nazione e maschilismo diffuso, l’arma segreta del fascismo, la sua intima natura. Si chiama conformismo, fino a quando di mezzo non ci sono guerra, galera o esilio. Ma è lo stesso vizio di obbedire che fa ripetere in televisione a tutti le cose che dice il capo. Lo stesso vizio che ci fa parlare del fascismo per non parlare dei migranti.
Qualche giorno fa, un signore per strada mi dice: «Troppi immigrati, non possiamo mica...». Io rispondo: «Ha ragione, spariamo ai barconi con donne e bambini, così la smettono». Lui alza la testa e fa: «Ma che dice, è scemo?». Io: «Allora rimandiamoli in Libia. Donne stuprate, bambini torturati». E lui: «Stuprate? Ma allora come si fa?». Ho pensato che questo tipo di dialogo, ai tempi della politica, spettava ai cosiddetti corpi intermedi. Quelli che nel fascismo non c’erano ed erano nati con la Repubblica. Quelli che stiamo eliminando per spending review. Demolendo con l’insulto, nel nome dello spreco, assieme alla base stessa di una democrazia raziocinante. Gli immigrati diventati un problema sono la vera emergenza, dentro cui come un fungo velenoso riemerge il fascismo, non certo i busti del duce o le iscrizioni dell’Eur.La retorica antifascista che ci ha protetti finora, ci ha dato solo l’impressione dello scampato pericolo. Ha commemorato, non ha ricordato. Memoria significa fare i conti con il fascismo interiore. Noi non l’abbiamo fatto, né prima processando il regime, a differenza dei tedeschi, quando mezzo Paese transitava dalla dittatura alla Repubblica, né dopo. Gli unici conti sono stati fatti a piazzale Loreto, epilogo interiorizzato solo nella letteratura. Penso a Levi, Fenoglio, Pavese. E alla guerra civile di Claudio Pavone. Paradossalmente il “dovere antifascista” della prima Repubblica è ciò che ha permesso di non indagare davvero sul fascismo e che ci riporta a Chioggia, decenni dopo, a rivendicare il “diritto fascista”.
La colpa è nostra, non di quei loschi figuri. Abbiamo fatto una “defascistazia” lessicale. E come il politicamente corretto non cancella il razzismo, né ridà la vista a un cieco chiamandolo “non vedente”, professare l’antifascismo per legge ci ha portati a una ipnosi, alla rimozione della pregiudiziale storica che credevamo eterna. Pregiudiziale che ormai cade dappertutto.
Nel giugno 1945, l’Onu non nasce come parlamento delle nazioni, ma come organizzazione delle nazioni che hanno combattuto l’Asse, con i 5 membri permanenti del consiglio di sicurezza usciti vincitori dal conflitto. Quel mondo sta andando a pezzi. Trump non sa che farsene (è il primo presidente Usa che a Varsavia non visita il monumento degli insorti nel ghetto e ci manda l’ebrea Ivanka), non perché sia fascista, ma perché - a differenza di Bush - è espressione di un mondo che ha perso i legami con la sua storia. Con Norimberga e l’atomica, ma perfino con la Guerra fredda. Cina e India? Per loro l’antifascismo non ha significato storico né culturale. Putin? Per i sovietici la conquista di Berlino fu per decenni il certificato di appartenenza al mondo civile, mentre oggi il presidente russo interpreta la vittoria sul nazismo con una semantica neo-zarista.Perfino Netanyahu ha fatto fare dietrofront all’ambasciatore israeliano a Budapest dopo la protesta contro i manifesti anti-Soros (di sapore antisemita) voluti da Orbán. E via elencando. A questo punto una domanda: siamo sicuri che serva una legge per fermare questo e salvare la democrazia?O forse il problema sta in chi ci rappresenta? Scrisse Bauman: viviamo l’era del divorzio tra potere e politica. La democrazia non è più considerata “valore in sé” da milioni di persone, non perché manchino leggi antifasciste, ma perché i politici possono solo promettere, senza poi attuare tali promesse. E allora che senso ha criticare? Che senso ha votare?

quante donne dovranno essere ammazzate prima che si faccia e si faccia appplicare soprattutto una legge sul femminicidio e sulla tutela degli orfani da tali abberrazioni

questa canzone scritta nel lontano 1962\3



si potrebbe rileggere cosi cara Cinzia Abramo : << Ma quante donne devono ancora morire per mano di uomini pezzi di merde prima che le istituzioni investano seriamente in cultura di genere, in educazione alla sessualità, nell"abbattimento di stereotipi sessisti, per la.formazione e la corretta informazione, continua qui >>

25/04/17

Mantova Arriva la panchina rossa in nome delle donne uccise. una pagliacciata antifemminicidio

Leggo che a
Mantova. Anche Canneto sull’Oglio potrebbe avere presto una panchina rossa. Dello stesso colore dell’amore, quel sentimento che vive di passione, rispetto, speranza. Ma anche dello stesso colore del sangue,








quello di cui si macchiano per sempre gli uomini che arrivano ad uccidere le loro donne. Per rabbia, vendetta, paura di essere lasciati e perfino di lasciare. Una panchina rossa come quelle che ormai si trovano in diversi Comuni per sensibilizzare sulla violenza sulle donne.
 [ ---]
( continua qui http://gazzettadimantova.gelocal.it/mantova/cronaca del 23\4\2017)






Secondo me è una , mi perdono le femminste dure e pure come alcune utenti del mio facebook ( account e pagina ) e utenti del blog , delle solite pagliacciate non si comb
atte cosi il femminicido . ma facendo leva sull'educazione fin dale scuole primarie ad una cultura che comprenda il rispetto reciproco , non violento , e della diversità


una cultura che 

24/02/17

In tivù senza biancheria intima? Il dolore e la rabbia di Melissa Satta o polemica creata ad arte per far parlare di se


il  suo matrimonio con Kevin Price 

Se  anche  una  come Melissa  Satta  che fa come professione la velina ( quella che una volta chiamava donna oggetto ) prende posizione contro tale fenomeno a meno , cosa  che non mi sembra   visto il suo post  su istagram ( vedere sotto ) , che non sia una polemica creata ad arte ( come succede nel mondo dei vip ) per far parlare di se creare un diversivo quando un tuo programma sta andando male
Infatti  --   secondo la  nuova sardegna   del 23 febbraio  2017   --  La showgirl sarda affida ai social network il suo sconcerto per il dibattito che si è scatenato su internet per il suo abbigliamento durante una trasmissione televisiva: "Forse per la prima volte ho capito tante donne e ragazze che vengono colpite da bullismo mediatico e violate nella privacy"


SASSARI.
"Purtroppo in questi giorni è successa una cosa che mi ha colpito molto. Forse per la prima volte ho capito tante donne e ragazze che vengono colpite da bullismo mediatico e violate nella privacy".
Comincia così il lungo messaggio che Melissa Satta ha affidato ai suoi profili pubblici su Instagram, Facebook e Twitter.    

Melissa Satta a Tiki Taka

 La showgirl e modella sarda è finita nei giorni scorsi al centro di un dibattito sul suo abbigliamento  (  di cui trovate  un  fermo immagine sopra  )  durante l'ultima  trasmissione   Tiki Taka sui canali Mediaset  : qualcuno ha sostenuto che non indossasse biancheria intima.
"Prima di essere un personaggio pubblico sono una donna, moglie e mamma - scrive Melissa Satta -. Faccio un lavoro certamente non comune e magari non compreso da tutti ma comunque rispettabile e serio. Da 4 anni partecipo ad una trasmissione di calcio che fa parte di una testata giornalistica ma con taglio da talk show per famiglie e per ragazzi di qualsiasi età... e solo perché ho indossato una gonna alcune menti evidentemente non 
sane hanno insinuato che fossi priva di biancheria intima e così la notizia su internet è diventata sempre più virale con tutta la sua gravità.
 L'immagine può contenere: 1 personahanno Cosa ancor più grave è che è stata ripresa da alcune sedicenti testate giornalistiche come se fosse vera". "Ora - prosegue il lungo messaggio della showgirl - capisco come si arriva a tragedie come la violenza sulle donne perché ormai tutto è permesso, tutto va bene... ma non dovrebbe essere così. Le donne, le ragazze, le bambine vanno protette da questo modo di pensare e soprattutto di esternare siffatti pensieri distorti perché sta prendendo una piega pericolosa e sicuramente sbagliata".
Melissa Satta pubblica anche la lettera dello studio legale al quale ha affidato la tutelare giudizialmente le sue ragioni.



il fatto di indossare o no la biancheria intima fa parte delle scelte personali,e quindi consiglio alla signora Satta di non curarsi delle critiche ricevute (fatte da menti contorte).Complimenti comunque per l'eleganza , la bellezza ,   la  discrezione che ha a differenza  di  molti suoi colleghi\he   nel  suo ruolo  di vip  
 

09/02/16

critiche a senso unico : Sanremo 2016, anche Nicole Kidman ha una figlia grazie all'utero in affitto. Ma tutte le critiche vanno a Elton John

anche se io , vedere post precedente in cui parlo di cosa condivido e cosa no del decreto cirrinà , sono contro ma più liberale sull'utero in affitto \ maternità surrogata , rispetto all'amica e utente Daniela , qui ne condivido il  commento , all'articolo che propongo sotto    del  http://www.huffingtonpost.it/ 9\2\2016




Daniela Tuscano1 h ·
ie). Leggo quindi che l'impavida Meloni si sdegna per l'ospitata di Elton John, fruitore col compagno dell'utero in affitto. Bene. Ma Elton e' venuto a Sanremo molte altre volte. E prima ancora dell'era-Furnish ricordo una (peraltro divertente) esibizione con la trans RuPaul, allora molto gettonata. Inutile fingere di scandalizzarsi adesso, anche perché non rammento anatemi meloneschi verso le frequentazioni minorenni del suo antico (in tutti i sensi) alleato di governo, mentre ho ancora ben chiaro quel voto in Parlamento secondo cui la nostra impavida dichiarava di credere a Ruby nipotina (minorenne) di Mubarak. Sanremo non campa di musica, ma si chiama pur sempre Festival della Canzone (ormai anche internazionale). Elton è un CANTANTE e sfido chiunque a sentirlo e a pensare all'utero in affitto. E non solo: anche Nicole Kidman e' ricorsa alla c.d. GPA. Sarà ospite mercoledì. Perche' nessuno protesta per lei? La verità è che questi cialtroni se ne fregano dell'utero in affitto. Nemmeno io sono favorevole a questa pratica, che anzi avverso con tutte le mie forze, ma la combatto da ANNI e per TUTTE le situazioni. Questa gente invece la usa come grimaldello solo per sfogare la sua omofobia. A nome di tutte le donne sfruttate e trattate come un forno: vergognatevi.






Sanremo 2016, anche Nicole Kidman ha una figlia grazie all'utero in affitto. Ma tutte le critiche vanno a Elton John
Redazione, L'Huffington Post
Pubblicato: 09/02/2016 14:54 CET Aggiornato: 5 ore fa





Elton John non è l'unico ospite di Sanremo ad aver fatto ricorso a una madre surrogata per diventare papà. Anche Nicole Kidman, che apparirà mercoledì sul palco dell'Ariston, ha utilizzato la medesima tecnica per far nascere la seconda figlia del matrimonio con Urban Keith.
Il dettaglio non è ininfluente: il fronte teocon che si oppone alla stepchild adoption contenuta nella legge sulle unioni civili vede nella presenza di Elton John al festival musicale "una pubblicità all'utero in affitto" pagata con i soldi dei contribuenti. Per Giorgia Meloni (Fdi) "mamma Rai dà l'utero in affitto a Elton John per uno spot pro adozione gay".
Il timore degli oppositori alla maternità surrogata è che l'artista britannico martedì sera possa utilizzare lo spazio di Sanremo per parlare della sua omogenitorialità, magari accennando al marito David Furnish - che molto probabilmente sarà seduto in platea. Paura rafforzata dalla dichiarazione del presentatore Carlo Conti: "Elton John può dire quello che vuole".
Il senatore Carlo Giovanardi (Idea), uno dei paladini alla lotta contro la maternità surrogata, ha auspicato che se questo dovesse accadere allora la Rai dovrebbe immaginare un contraddittorio. L'organizzatore e portavoce del Family Day, Massimo Gandolfini, è indignato e spera che l'esibizione non si trasformi in "uno spot per le famiglie arcobaleno". Il direttore di Rai1, Giancarlo Leone, ha cercato di tranquillizzare gli animi ricordando che Elton John canterà perché questo è lo scopo dell'invito: "Francamente non credo che il dibattito parlamentare in atto risentirà della presenza di Elton John a Sanremo".
Stranamente, però, i difensori della famiglia tradizionale 




non stanno attaccando con la stessa virulenza Nicole Kidman: la figlia Faith Margaret è nata nel 2010 grazie alla surrogacy praticata in un centro degli Stati Uniti. A differenza di Elton John, l'attrice australiana ha tenuto nascosto il particolare fino al 2011, quando insieme al marito Urban ha deciso di annunciarlo pubblicamente.
Kidman e Urban hanno 4 figli. La prima, Sunday Rose, nata naturalmente nel 2008, e due bambini adottati. Faith Margaret è dunque l'unica bimba ottenuta con l'utero in affitto.


07/02/16

01/02/16

la Rai fa cambiare spotandolo in seconda serata il palinsesto di presa diretta solo perchè parla di educazione sessuale e bullismo sessuofobico

Ho rivisto con rai replay la puntata di presa diretta del 31\1\2016 il tabù del sesso . Ed ho appreso che essa è incappata in un caso di 'eccessiva prudenza'. Forse  è comprensibile la  gente  informata  potrebbe scendere  in piazza   ed influenzare  il voto   sulla legge  [   oggi   , salvo rinvi    si vota  al senato  ] sulla  legge  cirrinà  sulle unioni civili  etero e  gay  . Infatti  il  servizio è  intitolato "Il Tabù del sesso", titolo azzeccato proprio sulle difficoltà che incontra il parlare  e  l'insegnamento dell'educazione sessuale, è stato spostato dalla Rai dalla prima fascia alle 22, per la preoccupazione ipocrita che potesse turbare il pubblico della prima serata. Ora mi chiedo se il paese sta ritornando indietro a gli anni '60 al caso del giornale  scolastico  Zanzara ( da non confondere con la trasmissione di radio24 d a cui prende il nome )










La zanzara era il titolo del giornale studentesco del Liceo Parini di Milano, fondato nel 1945. La rivista (ideata tra gli altri da Enzo Spaltro e Daniele Oppi), che nella sua storia ebbe giovani redattori, divenuti poi firme importanti nel giornalismo italiano come Walter Tobagi, è nota per uno scandalo scoppiato nel 1966, quando la pubblicazione di un articolo sulla sessualità degli studenti portò alla denuncia e al processo di tre suoi redattori
Il 14 febbraio 1966 la rivista, organo ufficiale dell'associazione studentesca pariniana, pubblicò un'inchiesta dal titolo "Un dibattito sulla posizione della donna nella nostra società, cercando di esaminare i problemi del matrimonio, del lavoro femminile e del sesso", a firma di Marco De Poli, Claudia Beltramo Ceppi e Marco Sassano.
Nell'inchiesta emersero le moderne opinioni di alcune studentesse del liceo sulla loro educazione sessuale e sul proprio ruolo nella società. L'associazione cattolica Gioventù Studentesca protestò immediatamente per "l'offesa recata alla sensibilità e al costume morale comune" in quanto non solo uno degli argomenti trattati (l'educazione sessuale) veniva considerato osceno, ma anche perché le intervistate erano tutte minorenni.
Il 16 marzo 1966 i tre redattori vennero accompagnati in Questura e denunciati. Il giudice Pasquale Carcasio invitò i tre studenti, seguendo una legge del 1934, a spogliarsi "per verificare la presenza di tare fisiche e psicologiche". I due ragazzi acconsentirono, invece Claudia Beltramo fece resistenza e in seguito rese noto quanto accaduto.
Il caso de la zanzara rimbalzò sulle cronache nazionali, dividendo il paese. Democrazia Cristiana e Movimento Sociale Italiano costituirono il "partito della colpevolezza", mentre la sinistra e i cattolici progressisti intervennero in difesa degli studenti.
Al processo parteciparono oltre 400 giornalisti, molti dei quali provenienti dall'estero. Il 2 aprile 1966 la sentenza assolse i tre studenti dall'accusa di stampa oscena e corruzione di minorenni.
La vicenda viene vista come un prodromo di quel cambiamento di costumi che avrebbe coinvolto da lì poco la società italiana e come un sintomo indicatore del malessere giovanile, che sarebbe sfociato nella contestazione del sessantotto. ( altre news su https://it.wikipedia.org/wiki/La_zanzara )



Ormai siamo sempre di più , nonostante le sacche di resistenza e d'indignati ( ma l'indignazione non basta se non è seguito ad un cambio di mentalità e d'apertura mentale ) , in mano ai burocratici , ipocriti e bigotti che decidono per altri . Condivido e l'ho sempre detto in diversi post Come giustamente dice Noemi Cassone -- sulla bacheca facebook della trasmissione di rai 3 presa diretta -- Oltre all'educazione all'affettività/educazione sessuale nelle scuole, che sicuramente è ESSENZIALE, in casa dovrebbe invece esserci quantomeno un minimo di apertura mentale, di dialogo, e soprattutto un'educazione all'utilizzo di cellulari , pc e quant'altro. Non è possibile che venga comprato il cellulare già a 8 anni. Controllate i computer e i siti ai quali si iscrivono i vostri figli.IL fatto che li abbiano obbligati ad andare in onda tardi la dice tutta. Come si capisce dal servizio evidentemente a qualcuno interessa che questi argomenti non si tocchino, per primi gli uomini, ma non per pudore solo per paura di perdere la supremazia, per paura di competere con le donne nei posti di comando, ora a evidente panaggio maschile. come giustamente dice Michela Murgia sempre intervistata da presa diretta





Sono solidale con Iacona , infatti ha ragione è solo falso perbenismo e ipocrisia ed condivido la scelta nell'averlo annunciato pubblicamente in uno scambio ironico con Luciana Littizzetto, collegandosi a Che Tempo che Fa, e poi rivolgendosi al pubblico in apertura di trasmissione: "La Rai, per rispettare la fascia protetta, mi ha chiesto di posticipare un po' più avanti il bellissimo racconto di Giulia Bosetti. Una decisione che non condivido perché a mio modestissimo parere questo è un reportage che andrebbe visto da tutti, genitori e figli insieme, talmente è pedagogico. E poi giudicherete voi quando lo manderemo in onda. Ma è una decisione che devo rispettare e so che avrete l'amore e la pazienza di aspettare una manciata di minuti prima di vedere questo reportage".






Video




Concetto che Riccardo Iacona ha ribadito al telefono a http://www.repubblica.it/spettacoli/tv-radio del 1\2\2016 "Ho trovato esagerata la preoccupazione della Rai riguardo alla messa in onda del primo blocco della trasmissione. Il servizio era stato pensato e confezionato proprio perché potesse andare in prima serata, non c'era nulla, in nessun passaggio del nostro servizio, che potesse essere giudicato inappropriato. Mentre lo vedevo andare in onda, alle 22, mi veniva da ridere, perché non c'era nessun riferimento al sel sesso che non fosse stato ponderato in funzione della trasmissione in quella fascia". Una preoccupazione, quella della Rai, , che di fatto ha impedito ai più giovani di potere vedere ( in diretta , ma poi con iil servizio di rai replay o altri siti più o meno legali te lo rivedi ) la trasmissione, che si è conclusa poi alle 23:30 . Infatti sempre lo stesso Iacona a repubblica "Penso che i ragazzi l'abbiano vista lo stesso ma io sono contrario al principio per cui è stata presa la decisione, ovvero che non si possa parlare di sesso in prima serata, neppure con un intento chiaramente pedagogico, come era quello con il quale era stato pensato e confezionato il servizio televisivo .
Puntualmente , come le tasse e la morte , è arrivata la risposta , tendente a giustificarsi e a gettare acqua sul fuoco delle polemiche , da parte della Rai che dice negando palesamente l'evidenza ( infatti se si vede la trasmissione , si rinvia di ben mezz'ora e non del tempo da lor detto l'inizio della 2 parte della trasmissione ) << il ritardo della messa in onda, alla fine, è stato: 'solo di 7 minuti' e che la motivazione dell'inversione di messa in onda è stata suggerita dalla durezza degli argomenti trattati (sexting, bullismo) che hanno fatto preferire lo spostamento, che tuttavia, si sottolinea, non è stata una forma di censura. >> ( da sempre da repubblica ) . Tesi questa a mo' d'arrampicata sugli specchi perchè la preoccupazione della Rai si innesta in un panorama televisivo decisamente più 'libertino'. Basti pensare alla messa in onda lo scorso lunedì in prima serata su Canale 5 del film "50 sfumature di grigio", vietato ai minori di 14 anni ma decisamente erotico. E mentre la Rai si preoccupava di censurare\spostare il servizio di Presa Diretta, Real Time, canale molto amato dalla fasce più giovani della platea televisiva, unico nel panorama dei broadcaster, si schierava apertamente a favore delle famiglie omosessuali mettendo in onda alle 21:10 il documentario "Di fatto, famiglie", basato sulle storie di sei famiglie arcobaleno italiane. Secondo me relegare un programma in orari assurdi o spostarlo nell'ipocrita e ormai superata i bambini vanno a letto sempre più tardi , con internet e cellulari e e in orari di punta vedendo cose peggiori , quel determinato argomento si tratta di , anche se soft , di censura . Ed ecco le reazioni ( stranno che mancano quelle a favore dela rai della destra ) le reazioni politiche. Sinistra italiana ha presentato una interrogazione in commissione di Vigilanza: "Il campionario dell'ipocrisia di certa classe dirigente italiana si arricchisce di un nuovo episodio. La puntata è stata spostata in seconda serata, perché secondo la Rai avrebbe potuto urtare le sensibilità del pubblico della prima serata - afferma Nicola Fratoianni, membro della Commissione Parlamentare di Vigilanza - Nel frattempo in tv a qualunque ora si può assistere a violenze di ogni tipo e a situazioni molto meno 'controllate' rispetto al pregevole lavoro fatto da Riccardo Iacona e dal suo staff. Quando finirà il Medioevo?". "Una decisione che ha il sapore dell'oscurantismo e dell'ipocrisia - scrive in una nota il senatore del Pd Francesco Verducci, vicepresidente della commissione di Vigilanza Rai - I temi del cyber-bullismo e dell'educazione sessuale, al centro della puntata di ieri, sono fondamentali da trattare per la crescita civile e culturale di una società (come avviene in gran parte d'Europa) ed è da apprezzare che l'approfondimento giornalistico del servizio pubblico se ne occupi, tanto più in un contesto televisivo dove immagini ed allusioni sessuali debordano anche in modo subliminale ad ogni ora ed in ogni fascia di palinsesto". Oltre ai politici sono intervenuti a favore di Iacona alcuni intellettuali che hanno collaborato con Iacona al serviso . Infatti dopo la messa in onda, come sempre, il dibattito sull'argomento si è spostato sui social network, dove Iacona ha postato i documenti e gli studi utilizzati per il servizio. Un'ampia documentazione che dimostra come l'educazione sessuale sia un ottimo deterrente per il bullismo e i casi di violenza sessuale.Attive anche le scrittrici, da Michela Murgia a Loredana Lipperini, che hanno contribuito attivamente al servizio e che ora proseguono il dibattito online, anche sui profili social.



Ora e qui , mi scuso se sono stato troppo prolisso , ma quando m'incazzo m'incazzo ,
Comunque la si pensi al riguardo, in era digitale il dibattito è sicuramente superato dalla possibilità di rivedere il servizio, come ricordato dallo stesso Iacona con un tweet





non solo più altro dire ho finito le parole   dico solo che a livello d'educazione sessuale siamo  come la famosa  barzelletta  di Pierino  :    <<  Pierino: "Papà... mamma mi ha detto che io sono nato sotto un cavolo, che Gigina è stata portata dalla cicogna..Ma tu, non fai mai l'amore? >>  ( da  http://barzellettefrasi.altervista.org/pierino.php  )  



15/01/16

L’americana troia e il senegalese superdotato. (di Romina Fiore)


  leggo  su  http://www.sardegnablogger.it/ del  15\1\2016

  questo interessante  articolo  indignato   e  scritto  a   caldo     della bravissima  Romina fiore  

                L’americana troia e il senegalese superdotato.


Era donna.
Era fidanzata, anche se con un rapporto temporaneamente interrotto.
Era forse ubriaca, portandosi a casa un uomo appena conosciuto.
Quindi “Se l’è cercata”.
Deduzione scaturita in numerosi piccoli cervellini maschilisti.
Quello che ha invitato nel suo appartamento era un senegalese.
Di quelli col pisello grande, per intenderci.
Ah beh, allora era anche un po’ zoccola.
C’è la troia e c’è l’extracomunitario.
Elementi imprescindibili per girare un film con la regia di Salvini e la sceneggiatura di Catena Umana.
Le conclusioni arrivano presto, anche indotte da una certa stampa che non si limita a dare la notizia e/o moderare i commenti degli articoli online. Ci aggiunge, invece, contorni succulenti e licenziosi.
Giochi erotici di fine serata. Alcol, forse droghe. Abitudini sessuali da libertina.
Ashley Olsen era una donna libera, non libertina.
Libera come ogni donna dovrebbe essere.
Padrona di fare ciò che voleva del proprio corpo, senza per questo meritare l’orribile fine che ha fatto.
Padrona di ingrassare, senza guadagnarsi l’epiteto di cicciona e risatine al suo passaggio.
Padrona di dimagrire, senza sentirsi rivolgere commenti imbecilli “sei sciupata”.
Padrona di rifarsi le tette, senza dare adito a telenovelas che la connotano come una complessata o una donnicciola pateticamente aggrappata a una giovinezza che fugge via.
Padrona di fare sesso e portarsi a casa chi voleva.
Padrona del suo corpo e della sua morale.
Senza dover conseguire, alla fine dei giochi, la morte come giusta punizione per la sua condotta scandalosa.
Dissoluta e indecorosa solo ai vostri miserabili e patetici occhi, stronzi.



e da questa lettura scaturisce la risposta al questo mio interrogativo che inizia a balenarmi in mente già quando si è scoperto che era stata vigliaccamente uccisa dopo una notte di sesso : ha ragione . pero resta il problema di come chiamare \ considerare una che è fidanzata e poi dopo che ci litiga fa l'amore con un altro ? pubblica moglie per usare un trermine ala de andrè va bene ?


20/12/15

Reprise "Dove vai sola?": una ragazza a Roma e i complimenti al limite del viscido e del mandrillo arrappato \ in calore delle forze dell'ordine

M'accingevo a scrivere il post d'oggi , riprendendo l'argomento del precedente post " Dove vai sola?": una ragazza a Roma e i complimenti eccessivi delle forze dell'ordine "mentre dallo stereo provenivano le prime note di Resta vile maschio, dove vai ? ( testo e video ) quinto album del cantautore italiano Rino Gaetano, uscito nel 1979,

Credevo    che tale post  suscitasse   come è successo via  privata  o i miei social  o  altri siti  in cui  ho messo la  news ,discussioni   Invece  no  ma  pazienza  . io continuo  lo stesso  per  la mia strada  .
Quindi rispondo  qui  , anche delle email    e  commenti in privato  . Eccone una in particolare  di una compaesana che le    riassume   tutte

(.... )  Parli  tu che  appena  vedi passare una donna la   mangi  con gli occhi e  poi  dopo che  è passata     le dici  che bocciu di canna [  figa  imperiale   ] o che  gnocca oppure  una vota  sei  non ricordo ma  dissi  : <<   ci  vorrebbe una passata  di  ..... >> (....). Ti sei dimenticato che  anche  da  poco  , mi pare  l'anno scorso \  due anni fa  hai fatto gli auguri  su fb ad  una ragazzina   chiamandola  bambolina  

Cara ****** L'ultima frase  è vera e risale  ad  una   dozzina  d'anni  fa  ed  a  distanza  di tempo  me ne vergogno  . Essa  era  una  risposta   cafona e  becera   ad  una ragazza di un gruppo d'amici  , la  quale  ci aveva rimproverato   non ricordo   adesso  per quale  motivo   >> .  Per   quanto riguarda  : << da     poco ha i fatto gli auguri  su fb ad  una ragazzina   chiamandola  bambolina  >>     Vero   , mi sono preso troppa confidenza  , ma non intendevo essere    volgare  o maschilista   in quanto era   u  riferimento espresso male  a  questa  canzone  ( qui  il  testo  )  di




Per  qulanto riguarda  : <<   appena  vedi passare una donna la   mangi  con gli occhi e  poi  dopo che  è passata     le dici  che bocciu di canna  figa  imperiale   o che  gnocca  ed  espressioni del genere   >>  Beh  sono  un uomo , logico  che fra  uomini si facciano delle simili battute ,. Ed    fatico nel liberarmi  e  mettermi in discussione i mio fallo centrismo e  maschilismo ,  ed  non sempre  ci riesco  .Ma mi controllo e  lotto   non diventare  per  uccidere il     howling wolf





o  il fantozzi arrappato  



  che   sono  in me   , e  come credo  in  ogni  di  noi  uomini      E  poi   come  giustamente  dice   nei  commenti al  video   di  repubblica     ( lo  trovi nel post  precedente  oppure  qui   con i relativi  commenti   )  





Nadia Tumbarello Per me un comportamento del genere e' totalmente inammissibile! Quindi se vai da un medico e questo ti riempie di complimenti mentre ti visita e' normale? Uno in divisa che fa ste pagliacciate e' normale? Sei pagato per vigilare sui cittadini e per proteggerli! Non per far il cascamorto! Poi quando finisci il tuo orario di lavoro puoi far tutto cio' che ti pare e piace !


 Quindi  cerchiamo di tenere  a freno il nostro testosterone   quando  passa  una donna  \  ragazza  Infatti sempre  secondo  Nadia Tumbarello: << Per me la divisa e' sinonimo di serietà' e di sicurezza! Mentre sei in servizio devo esser serio!!! Poi fai tutto cio' che ti pare! Dire Buongiorno e buonasera non e' minimamente paragonabile a cio' che fanno loro ! >>  ovviamente   ci riferisce  a quelli rpesentri nel  filmato  , non credo che tutti  gli appartenenti delle  forze dell'ordine siano  cosi viscidi ed  allupati .  Quindi  L'uomo che e' dentro di se lo può' far esplodere dopo l'orario lavorativo... o  dopo che  è passata   se  proprio non riesci a  resistere    fai   (  io a  volte  faccio cosi  )   come  nel finale  di   questa  canzone  




Ora   le  nuove  femministe ,  OVVIAMENTE SENZA  GENERALIZZARE E  IL CLASSICO DI TUTTA  UN ERBA  UN FASCIO   ,   invece  di  occuparsi  (   certo è  problema   etico  ed  importante  non trascurabile  )     solo di utero  in affitto    la smettessero di fare  simili   discorsi    simili  a     questi  (  sempre  dai commenti   del video  di repubblica  




Maria Massimi Mamma mia che santi e santarella.ma che avranno mai fatto, hanno fatto dei complimenti che ce di cosi strano. Tutti santi sono adesso







Maria Massimi Oddio ste femminucce sante invidiose perche nn li fanno a voi, volete che vigilano, volete che se avete bisogno li chiamate ma se fanno dei complimenti , che nn ce niente di male state tutti a dargli adosso ma vergognateve ste antiche


infatti  ci sono anche  donne  \  ragazze    che    non hanno mandato il cervello all'ammasso  e non si sono piegate   al maschilismo  




Nadia Tumbarello I complimenti possono far piacere, come no, ovvio. Dipende dal modo in cui si fanno, dal luogo in cui ci si trova, e dal tono utilizzato. O almeno, questo e' il modo che tollero io. Un uomo con la "U" maiuscola per dirti che sei bella non lo urla in mezzo a una piazza in questo modo rozzo, che poi lo stesso apprezzamento dalla stesso individuo verra' fatto ad altre 10000 donne. Poi a ognuno piace in modo diverso, ovvio. Maria Massimi, saro' pure antica, ma amo esser cosi'. Infatti ho scelto un marito che non mi ha fischiata come si chiama una pecora(Con tanto di rispetto a quest'ultima). Ha fatto il gentiluomo. E credimi, non sono invidiosa. Preferisco lasciare l'invidia per cose piu' intelligenti. Vi auguro una buona domenica.







Denise Toro La cosa più brutta è leggere commenti di uomini che sdrammatizzano per far s sembrare la cosa normale. Non abbiamo proprio la cultura per distinguere tra complimento e molestia, opportuno e fuoriluogo. Nemmeno i commenti delle ragazze straniere che dicono "da noi nessuno si comporterebbe così" vi ci fa arrivare. No, per voi la vita è bella e i problemi sono altri, un poliziotto in servizio che abborda una ragazza vi fa sorridere? Ma se io fossi un uomo mi vergognerei per quanto sono imbarazzanti.


Non so che altro dire  se  non alla prossima 






17/08/13

quando la sinistra fa la stessa politica della destra di Gianluigi Piras, membro della segreteria regionale del Partito democratico, esponente dell’ala del Pd che fa capo a Pippo Civati e consigliere comunale a Jerzu.

Leggo , ormai non stupendomi più di niente , in un clima politico \ culturale italiano , dove anche i progressisti fanno dichiarazioni di una volgarità simile a quella di certa. destra le dichiarazioni e le risposte polemiche    di Gianluigi Piras, membro della segreteria regionale del Partito democratico, esponente dell’ala del Pd che fa capo a Pippo Civati e consigliere comunale aJerzu.

“Isinbayeva stuprata in piazza”. Bufera sul civatiano Piras
Articolo pubblicato il 17 agosto 2013




“Isinbayeva, per me possono anche prenderti e stuprarti in piazza. Poi magari domani ci ripenso. Magari mi fraintendono”. Il post compare ieri sera su una pagina Facebook. Ma non è quella di Mario Borghezio o di un naziskin. E’ quella di Gianluigi Piras, membro della segreteria regionale del Partito democratico, esponente dell’ala del Pd che fa capo a Pippo Civati e consigliere comunale a jerzu.
L’augurio di stupro in piazza all’atleta russa che ha preso posizione a favore della legge anti-gay voluta da Putin, non poteva passare inosservato. Anche perché campeggia in una pagina che ha come icona una foto del ministro dell’Integrazione Cecile Kyenge e il logo civatiano”Viva la Libertà”. Cosa sia saltato in mente a Gianluigi Piras – che è laureato in legge - non è chiaro.
Di certo, subito dopo la pubblicazione del post, si è scatenata l’indignazione di decine di amici, lettori, militanti del Pd che hanno subito esortato Piras a cancellare il tutto e a scusarsi. Ma, almeno nella fase iniziale della polemica, l’autore dell’incitamento allo stupro non accoglie l’invito. Anzi: ha replicato in modo aggressivo, tacciando i critici di essere incapaci di cogliere un evidente “paradosso”.
A Salvatore Sasso Deidda, che gli chiede con tono addolorato ma amichevole di cancellare il post, Piras (  foto  a  destra  )
per esempio replica: “Salvatore ma cosa stai dicendo? Gravissimi sono i massacri che stanno succedendo in Russia, gravissimo è non condannare quanto sta accadendo, gravissimo è essere orgogliosi di essere fascisti quale tu sei: anzi, nel caso il fascismo sia manifestato con evidenza si chiama apologia ed è un reato. Costituzionale per altro. Non cancello nulla. Ho già spiegato che è un paradosso. Studiare please”.
I toni del confronto si alzano, diventano molto violenti. Gianluigi Piras non demorde. Tenta di spostare il discorso sulle persecuzioni anti-gay. E insiste sul concetto di ‘paradosso’. Scrive Ileana Magno: “Poverino sei stato frainteso. Nessuno ti capisce. Stesse scuse accampate da chi stupra le donne. Ricordati che se lo giustifichi manca poco che lo fai”. E Piras: “Attenta a ciò che scrivi perché potrei querelarti. Se poi sei una ignorante fascista di merda che non capisce cosa sia un paradosso e che continua a commentate con indifferenza rispetto a quanto abbondantemente chiarito non è colpa mia. Sparisci per favore”.
Interviene anche Francesca Barracciu, vicesegretaria regionale, europarlamentare e candidata alle primarie: “Le affermazioni dell’atleta russa sono disgustose e inaccettabili ma il tuo post lo e’ altrettanto Gianluigi. Con la differenza che tu ti pregi di essere un democratico italiano. ti invito pertanto a cancellare immediatamente questo terribile post e a chiedere pubblicamente scusa”.
Gianluigi Piras adesso tace. Intanto continuano a fioccare i commenti, alcuni davvero curiosi. Scrive Marco Piras: “Sei un disonore per tutti i Piras e non della Sardegna”.
Francesca Barracciu, interviene di nuovo. questa volta in modo perentorio: “Gianluigi ribadisco, cancella e chiedi scusa o domani mattina prendo carta e penna per chiedere la tua espulsione dal Pd”. Il commento raccogli subito 21 ‘mi piace’. Segue un’autentica grandinata di altri commenti indignati. L’argomento del ‘paradosso’ viene ridicolizzato. E Piras continua a tacere.
Si fa nuovamente vivo con un nuovo post, che compare dopo la mezzanotte: “Da diverse ore mi trovo in una zona senza connessione web. Domattina chiarirò quello che evidentemente è un grosso equivoco. E farò dovute comunicazioni. Per ora mi scuso per una frase che, a prescindere dalle mie motivazioni e dagli opportuni chiarimenti, prendo atto sia stata evidentemente recepita come violenta e inaudita”.
Caso chiuso? Difficile. Le scuse tardive scatenano una nuova ondata di commenti durissimi. Scrive Alessandro Monti: “Inutile cercare blande scuse e minimizzare su quanto detto, con ciò che hai scritto ti sei pubblicamente dichiarato un ignorante e questo nuovo status ti rende solo patetico e vigliacco. Dolores Valandro per una frase analoga a questa è stata espulsa dal suo partito (Lega Nord) ed è attualmente sotto processo. Vedremo se anche il Pd avrà il buonsenso di defenestrarti come meriteresti”.

Le  uniche  cose   che riesco  a dire   che  non sia stato detto   da quelle poche  menti più o meno lucide   che  si sono indignate  davanti a tale discorso    del pd è  che  cosi  non andremo  da nessuna  parte e   l'italia  rimarrà  il solito paese  arretrato culturalmente ( scritto volutamente  con i  minuscola  ) . Cosa   aspettano un altro   discorso simile  


 anche  se  non credo che mai arriverà visto che  : << (..)  il Pd non ha più cantori, e quelli che c’erano se ne sono andati delusi, come De Gregori; il ricorso al cantante creato da Maria De Filippi – una delle regine della medietà berlusconiana – conferma inesorabilmente che l’egemonia culturale della sinistra è definitivamente tramontata. (...)   dal blog  di concetto vecchio    su repuublica online    di qualche  giorno fa    )   che  insegni  a criticare  ma  con rispetto  che la pensa diversamente  

27/05/13

Il peccato originale




Dunque, i numeri. Dal solo mese di maggio ad oggi, fanno venti.
Intendo i casi. Le persone sono molte di più, perché alcune vicende sono avvenute nello stesso giorno coinvolgendo più persone.
Cito, in ordine sparso:
- Roma, assassinio di Alessandra Iacullo, 25 anni, confessa il fidanzato cinquantenne: "Ero geloso".
- In varie regioni d'Italia, Ilaria, Chiara e Alessandra vengono uccise lo stesso giorno dai rispettivi partner. Erano intenzionate a lasciarli.
- Napoli, donna accoltellata in aperta campagna, accusato l'ex marito, geloso.
- Biloca, ragazza diciassettenne subisce un tentativo di stupro mentre si reca a scuola.
- Bergamo, estetista aggredita dall'ex marito che aveva denunciato.

- Calabria, trovata donna uccisa. Subiva violenze da parte del marito da una trentina d'anni.
- Caserta, aspirante Miss Italia ridotta in fin di vita dal fidanzato che le spappola la milza. Lei si riprende: "Lo perdono, perché lo amo".
- Perugia, due stupri nella stessa notte.
- Pesaro, l'ex partner d'una avvocata (molti giornali scrivono "avvocatessa") le getta acido in faccia per lavare l'onta d'essere stato abbandonato.
- Vicenza, dopo aver denunciato l'ex partner per maltrattamenti una donna viene sfregiata con l'acido da maschi incappucciati.
- Acilia, dopo l'abbandono insegue la moglie con l'auto, fino a stritolarla. Poi inscena il suicidio (che, naturalmente, non va in porto).
- Padova, poliziotto uccide la moglie e si suicida (questa volta, stranamente, ci riesce). I giornali titolano: "Motivi sentimentali".
- Frosinone, un operaio costringe la moglie a girare film porno davanti ai figli e la violenta ripetutamente. In più la minaccia con la frase: "Zitta o farai la fine di Melania Rea".
- Napoli, spranga l'ex moglie poi devasta il negozio del nuovo compagno di lei: "Non potevo sopportare di essere abbandonato".
- Napoli, picchia la moglie col matterello per ucciderla. Viene fermato in tempo.
- Firenze, massacra la moglie incinta: "Non hai pulito bene la casa".

- Milano, si avventa sull'ex compagna e l'abbatte a coltellate. E continuerebbe a infierire sul corpo se non fosse fermato da un ragazzo diciassettenne che ha tentato vanamente di salvare la donna. Lui continua a farneticare: "Mi ha lasciato, non posso sopportarlo".
- Novara, otto minorenni (maschi) indagati per istigazione al suicidio della quattordicenne Carolina, ingiuriata e diffamata all'inverosimile.

- Roma, una ragazza viene indotta a ubriacarsi quindi stuprata.
In ordine cronologico, questo è l'ultimo caso, posto li abbia ricordati tutti. Il più efferato, però, sintesi perfetta e atroce di tutti gli altri, è avvenuto però, come si sa, l'altro ieri in Calabria:
- Fabiana, 15 anni, accoltellata e bruciata, ancor viva, dal "fidanzatino" (così si legge su quasi tutti i media) maggiore di lei di un anno. Osceno l'articolo dell'"Unità" (!), che parla di "dramma della gelosia e dell'adolescenza".
A ciò si aggiungano due dati:
- A Modena, scarcerato dopo appena un anno Ivan Forte, che strangolò la fidanzata Tiziana da cui aveva avuto un figlio.
- A Milano, la metà delle denunce per violenza sulle donne vengono archiviate.

Numeri. Semplici numeri. In svariate occasioni, anche da questa sede, ho analizzato le radici culturali, sociali e storiche del femminicidio. Non mancherò di ricordarle questa volta ancora, l'ennesima. Ma ogni capitolo s'arricchisce di dolenti, agghiaccianti novità.
Ne menziono solo due, a paradigma della controffensiva maschile di fronte al fenomeno: la dotta dissertazione di tale prof. Tonello sul "Fatto Quotidiano" di alcuni giorni fa (Femminicidio, i numeri sono tutti sbagliati) e  l'intemerata d'una sedicente Gilda (?) su "Mente Critica", che pure nel titolo (I veri numeri del femminicidio) riecheggia il post di Tonello ma se ne differenzia per il tono iroso e rivendicativo, corredato dall'eloquente immagine d'una donna molto aggressiva nell'atto di sparare ai testicoli d'un giovane e inerme uomo.
Tra i due interventi il più pericoloso è quello di Tonello, sia per la maggior diffusione della testata per cui scrive, sia per il lessico all'apparenza neutro, distaccato, insomma "razionale".

L'illustre cattedratico esordisce contestando i numeri di violenza antifemminile evocati dai media e sottolineando l'"enfasi" posta sulle venticinque donne uccise da inizio anno (il suo scritto risale all'11 maggio scorso). Annota anche, tra l'indignazione e lo scherno, che "si mescolano disinvoltamente aggressioni e omicidi, stupri e molestie, molestie psicologiche e aggressioni con l’acido", mentre per lui solo gli omicidi (il termine "femminicidio" è ovviamente rifiutato, vedremo poi perché) possono semmai suscitare un campanello d'allarme poiché, in tutti gli altri casi, la donna non è stata uccisa. Stupri e sfregi con l'acido - soluzione "all'indiana", barbara quant'altre mai, per negare la specificità della donna, quindi la sua esistenza, una sorta di burqa di fuoco: ma l'autore non vi fa caso - non sono da considerare delitti, la donna fisicamente non muore.

Egli passa quindi in rassegna i dati, a suo dire sicuri, dell'Istat e scopre cosa? Che la violenza sfociata in assassinio ai danni delle donne non solo non è aumentata, ma sarebbe addirittura in calo. 
Certo, egli concede, "pure un solo cadavere è di troppo" ma in un Paese di 60 milioni di abitanti ci saranno sempre "i mafiosi, i violenti, i folli". Di femminicidio poi nemmeno parlarne, il neologismo è orribile (esiste già il correlativo "omicidio", perché coniarne un altro?) e, del resto, non significa nulla: assurdo paragonare l'inesistente la mattanza di donne p. es. alla Shoah perché - cito testualmente - "gli ebrei Samuel, Israel, Ruth o Esther venivano mandati dai nazisti nelle camere a gas per il solo fatto di essere di religione ebraica, indipendentemente da qualsiasi altra considerazione. Le donne uccise da ex partner non vengono uccise 'in quanto esseri umani di sesso femminile' bensì esattamente per la ragione opposta: per essere quella donna che ha rifiutato quell’uomo".
Si tratta del ragionamento d'un cattedratico, d'un professore universitario, che dovrebbe conoscere la storia.
Pur ritenendo impensabile, nel 2013, dover confutare simile concentrato d'ignoranza, stupidità e cattiveria, pure il frangente mi ci costringe, non foss'altro perché la maggioranza dell'opinione pubblica, e quasi la totalità dei maschi, vi aderisce volentieri, non pochi addirittura plaudendo (uno di loro, tra i commenti, ha persino invitato i suoi congeneri alla rivolta contro la disinformazione operata dal "nazifemminismo"). Mi appresto dunque a bere l'amaro calice.

1) Tonello rispolvera l'antico ma sempre efficace alibi del delinquente "folle, violento o mafioso". Un modo - peraltro, tipicamente maschile - di gettare la colpa fuori di sé. Sull'altro, sul diverso. Non ha potuto, come certo avrebbe desiderato, imputare la responsabilità agli stranieri, magari islamici, perché gli autori di questi delitti sono tutti italiani, appartengono alle categorie sociali più disparate e la loro età varia dalla maturità, talora dalla vecchiaia, fino, negli ultimi casi, addirittura alla puerizia. I motivi ispiratori dei loro delitti sono però identici: gelosia, abbandono.
Resta da vedere se siano "folli, violenti o mafiosi". Chiaramente no. Si tratta di persone del tutto normali, persino - come invocano le sempre protettive famiglie dei minorenni implicati - di "bravi ragazzi", educati, rispettosi. Non i diversi da temere, entità astratte e mostruose emergenti dal fondo scuro della marginalità sociale, ma i nostri vicini di casa, gli stimati professionisti cui affideremmo una pratica, i valenti operai specializzati e i padri di famiglia amorevolmente premurosi coi figli. No, esimio luminare Tonello, il mostro non è il diverso, il mostro cova in ognuno di noi. Nel Suo linguaggio asciutto e nel piglio professorale col quale nega l'evidenza per non mettere in discussione il modello culturale e (dis)educativo imperante dall'alba dell'umanità.
2)  Ignoro cosa insegni Tonello. Spero, per lui ma soprattutto per i suoi studenti, non storia o materie affini. Sa infatti, o dovrebbe sapere, anche un alunno di dodici anni, nemmeno particolarmente edotto, che gli ebrei furono sterminati non "per il solo fatto di essere di religione ebraica", ma per il solo fatto di esistere. Fossero o no convertiti al cristianesimo, per il pagano Hitler non aveva la minima importanza: ne è la più illustre, ma ovviamente non unica prova sant'Edith Stein, filosofa tra le più insigni del suo secolo, autrice d'importanti e pionieristici studi intorno alla donna, e martire ad Auschwitz nel 1942. Affermare che lo sterminio degli ebrei aveva motivazioni religiose significa non aver compreso nemmeno alla lontana, e forse nemmeno studiato, le radici del nazismo, e viene seriamente da chiedersi come l'individuo che osa sproloquiare simili bestialità possa permettersi di scrivere su una testata nazionale e/o d'insegnare negli atenei.
3) Sul cinismo e freddezza con la quale è liquidato, o notevolmente ridimensionato,  l'omicidio - come si ostina a definirlo Tonello - di "quella donna per aver rifiutato quell'uomo" la verecondia imporrebbe di sorvolare, ma non si può. Nella prosa che si vuole asettica e scientifica, in realtà sfilacciata e perniciosa, di Tonello non balena neppur per un attimo la futilità del movente. "Per essere quella donna che ha rifiutato quell’uomo" è infatti un'argomentazione risibile, un'aggravante e non un'attenuante del crimine. Soprattutto quando "quell'"uomo, assassino di "quella" donna, al contrario di ciò che asserisce Tonello, peraltro senza lo straccio di prove o statistiche altrove da lui così insistentemente addotte per confermare le sue tesi, non appartiene per nulla alla categoria dei "folli, violenti o mafiosi".
4) "Le parole sono importanti!", esclamerebbe ora il Nanni Moretti di Palombella rossa, parafrasando Pasolini. E giungiamo al famoso, o famigerato, termine "femminicidio" che Tonello, Gilda e molti/e altri non vogliono nemmeno sentir menzionare. Non esistono "femminicidi" secondo costoro, bensì "omicidi". Vengano puniti come tali, e non facciamola tanto lunga.

Ebbene, "omicidio", la cui etimologia Tonello evidentemente non conosce - zero in italiano oltre che in storia, quindi, per il nostro chiarissimo docente - deriva da "homo" e "cidium", da "caedes" (=uccisione), e indica la morte d'un uomo per mano d'un altro uomo. Infatti: la morte d'un uomo.
Tonello, Gilda e molti/e altri alzerebbero il sopracciglio, fors'anche si straccerebbero le vesti urlando al mio "nazifemminismo estremista": ma via, lo sanno tutti, per uomo s'intende essere umano, pertanto anche la donna!
Ecco, è proprio il "pertanto" che guasta: se le parole sono importanti, l'ossimoro, da tutti considerato naturale e persino ovvio, del "neutro maschile" è insensato.
Il neutro maschile non include: anzi, è l'esclusione per antonomasia. Il neutro maschile è la cifra linguistica che giustifica ogni violenza, razzismo, prevaricazione, guerra, schiavitù, omofobia e, naturalmente, misoginia e sessismo. Dalla notte dei tempi. Il neutro maschile presuppone un'umanità modellata su un solo archetipo: il maschio, l'essere umano vero e proprio - esattamente come intendono i suoi difensori, non accorgendosi dell'equivoco -, immagine e incarnazione di Dio (alle donne, immagini solo terrene e, per giunta, malriuscite dell'uomo-maschio, non è infatti concesso il ministero sacerdotale né di rappresentare in nessun modo la divinità). Cui tutto è concesso, cui è stato dato in compito di dominare la Terra - e i suoi abitanti, a partire dalla compagna messagli al fianco.
Il linguaggio, espressione tipicamente e compiutamente umana, è dunque sempre stato in mano al maschio, declinato al maschile secondo sensibilità e mentalità maschili. Dalle quali la donna è di necessità esclusa; di qui l'esigenza di coniare nuovi termini. No, non è omicidio, è femminicidio. No, non si tratta del singolo uomo che uccide la singola donna, ma di tutta una mentalità che avalla, presuppone, prepara queste morti. E, se non tutte giungono a tale epilogo, il seme dell'odio è stato comunque gettato. Chi potrebbe rispettare e considerare di pari dignità un individuo ritenuto persino dai più grandi ingegni umani, non esclusi uomini piissimi e talora in odore di santità, infido, sensuale, lascivo, linguacciuto, di debole cervello e, in tempi più recenti, sottovalutato o cancellato dai libri di scuola, mercificato dal consumismo sessuale e degradato a puro oggetto di piacere? Eppure è questo che quotidianamente e, in varie forme a seconda delle latitudini e delle religioni, viene inculcato fin dalla più tenera età.
Oggi poi il sesso, perduta quell'aura di sacertà che lo contraddistingueva come compimento, diremmo linguaggio fisico, d'una intesa spirituale, è divenuto sfogo bruto e velleitario, da consumare subito e, anche in tal caso, da pretendere, in particolare se la ragazza è la "propria" ragazza, se è carina, se ha corrisposto a un bacio. Un rifiuto da parte sua viene ritenuto un'insopportabile onta, un'inconcepibile ribellione.
Già negli scorsi anni scrivevo che il problema del femminicidio non riguardava tanto le donne quanto gli uomini. La questione è maschile, non femminile. E questo, non è stato compreso del tutto nemmeno dalle stesse donne, se è vero che pure le più attente e sensibili, nel commentare lo strazio di Fabiana, la bambina arsa viva dal coetaneo per essersi rifiutata di cedere alla fregola di lui, si rivolgono alla madre dell'assassino rivolgendole aspri rimproveri: "...Perché, cara madre, se tuo figlio ha ritenuto che picchiare, violentare ed uccidere una donna fosse un suo diritto divino...se tuo figlio si è sentito in dovere di punire con la violenza "l'onta" subita dalla donna che lo aveva lasciato/rifiutato...se l'uomo che tu hai portato in grembo e cresciuto è arrivato a tanto...la colpa è ANCHE TUA! Che madre sei stata e che donna sei stata? Cosa hai insegnato a tuo figlio?", chiede accorata Anna Rita Leonardi nella sua Lettera alla madre dell'uomo che ha ucciso brutalmente, su ZoomSud.it. Tutto vero, naturalmente: moltissime donne - l'ultimo caso, la miss che ha ritirato la denuncia al suo aguzzino - hanno introiettato la stessa misoginia di cui la società è imbevuta senza insegnare alcun rispetto verso le congeneri ai loro figli maschi.
Ma il padre, dov'era? I genitori non sono due? Perché, in casi simili, l'uomo non viene mai chiamato in causa? Non è stato lui, anche per legge, qui in Italia, fino al 1975, il "capofamiglia"? Non è lui la guida morale e spirituale della casa, l'essere umano per eccellenza, il rappresentante di Dio in terra e via esaltando? O lo è solo quando si tratta di ricevere privilegi e onori?
Scriveva Edith Stein negli anni Trenta del secolo scorso: "In origine fu affidato ad ambedue [all'uomo e alla donna, n.d.A.] il compito di conservare la propria somiglianza con Dio, di custodire la terra e di propagare il genere umano. [...] Dopo il peccato, il rapporto reciproco si mutò, da puro legame di amore, in legame di dominio e soggezione, e fu sfigurato dalla concupiscenza". L'umanità, e il maschio in particolare, non ancora divenuto uomo, sembrano a ogni latitudine, Nel terzo millennio, ancora storpiati da questo peccato originale.

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget