Visualizzazione post con etichetta #MeglioBatteriochePhilippheDaverio!. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta #MeglioBatteriochePhilippheDaverio!. Mostra tutti i post

10/02/18

"Certi arabi primitivi come pastori della Gallura": la frase di Daverio scatena le critiche



lo facevo ti facevo più colto davverio invece è un .....🤐🤬 cretino 


L'Unione Sarda.it » Cronaca » "Certi arabi primitivi come pastori della Gallura": la frase di Daverio scatena le critiche Ieri alle 16:26 - ultimo aggiornamento alle 17:10 



Un paragone tra gli arabi più "primitivi" e i "pastori della Gallura" solleva critiche e perplessità tra i telespettatori sardi che hanno seguito, ieri sera, l'ultima puntata di "Piazza Pulita", la trasmissione di La 7 condotta da Corrado Formigli. A pronunciare la frase incriminata, il critico d'arte Philippe Daverio, all'interno di un ragionamento sull'Islam nell'immaginario contemporaneo occidentale. Per Daverio, analizzando l'universo musulmano, è necessario distinguere tra arabi "criminali" e arabi che, al contrario, hanno contribuito al progresso della civiltà, fondando, tra l'altro, la prima università. "Hanno persino inventato la grappa", ricorda, scherzando, Daverio. Poi la similitudine: "Gli arabi sono una cosa estremamente complicata da capire, della quale sicuramente oggi è vincente una parte di tipo estremamente primitivo e primordiale". E la frase che involontariamente - data la statura culturale di Daverio - dev'essergli sfuggita: "Come se fra i cristiani avessero vinto i pastori della Gallura, i meno evoluti". Un'uscita che sembra aver diviso i telespettatori sardi: chi ha accolto il ragionamento di Daverio come un'analisi storico-antropologica riferita al passato e chi, invece, si è indignato per l'affermazione, "eccessivamente stereotipata". Nel video sopra le parole di Daverio.














non trovando le parole riporto quanto dicono    


L'Eco di Barbagia

6 h ·


Caro Philippe (B)atterio,

ieri notte, tornando a casa, mi sarei aspettato di leggere tutte le notizie possibili ed immaginabili del mondo, fuorché la tua “perla di saggezza” contro il popolo sardo.Nelle scorse ore, spiegando l’Islam, a Piazza Pulita, su La7, hai sostenuto infatti, di come all’interno di questa religione, prevalga una parte primitivo-primordiale, nella maniera in cui nella religione cattolica avesse prevalso la frangia “‘meno evoluta” dei pastori di #Gallura.Povero “iscimpru”, tu con quegli occhialetti da saggio della noblesse francese dalla puzza sotto al naso, l’aria da “Tottu iscio deo”, la visione razziale di una terra e della sua gente.Ma che ne saprai dei pastori di Gallura mi domando! Che ne saprai dei nostri allevatori, che ogni giorno si fanno il mazzo nella campagne per campare le proprie famiglie? Che ne saprai dei giovani sardi laureati che scelgono di essere pastori, migliorando le aziende di famiglia? E poi che ne sai, di quanto soffrano per il prezzo del latte pagato al litro meno di una bottiglietta d’acqua e delle perdite economiche che fronteggiano ogni giorno? Che ne sai di quando siano lasciati soli dalle istituzioni nonostante abbiano idee valide per ampliarsi?Ebbene non ne sai un bel nulla! Parli da uno studio televisivo, impomatato nel tuo look da borghesotto dei migliori salotti senza sapere un cavolo!E poi come ti permetti di dare dei “poco evoluti” ai nostri allevatori, quando proprio tu (che non hai mai concluso i tuoi studi universitari) vai ad insegnare arte alla tv, mentre migliaia di giovani e validi critici d’arte italiani scappano all’estero?Sai, ti porterei in giro per la #Sardegna a conoscere con mano i pastori; ti renderesti conto che sono più evoluti di quanto pensi, amano la cultura, si aggiornano quotidianamente con le nuove tecnologie e non mancano di promuovere le loro realtà sulla rete!Come se non bastasse, caro Batterio, ti farei alzare ogni giorno alle quattro del mattino per mungere centinaia di greggi con le tue manine lisce e poco dedite al lavoro, facendo solamente ritorno a casa (sfinito) in piena notte!Vorrei infine ricordarti, che noi sardi non ne possiamo più delle offese di voi sapientoni italici, prontissimi a sminuirci manco fossimo la peggiore colonia del pianeta!Delle scuse di un cafone poi non ce ne facciamo nulla: siamo abbastanza EVOLUTI da riconoscere gli esemplari come te da diversi chilometri di distanza!#MeglioBatteriochePhilippheDaverio!


*****

Giorgio Ignazio Onano
(Autore delL'Eco di Barbagia)


e queti due commenti al video sopra riportato


Sguaraus Brazorf2 ore fa (modificato)
i civili e pacifici pastori sardi, gli stessi che si sono prodigati di regalare 1000 pecore ai colleghi del centro italia martoriati dal terremoto senza volere nulla in cambio, definiti primitivi ed addirittura paragonati alla stregua dei più barbari integralisti islamici dediti ad abomini come la guerra santa e l'infibulazione. Un altro gradino verso l'abisso dell'oscurantismo italiota è stato sceso.
1

RISPONDI




Piero FADDA12 ore fa
Quindi... i pastori della Gallura sono meno evoluti... ed è giusto usarli come termine di paragone - orientato al basso - con una religione Medievale, Assolutista e sostanzialmente Prevaricatrice nei confronti di diritti elementari delle persone. Mettiamo che sia stata una semplice cantonata, o scivolata di stile e cognizioni, involontaria ma... quello sarebbe un professore?! P.S. Il mio cognome è Sardo, di tale splendida terra ne porto un indizio piacevolmente evidente, ma sono Ligure di nascita. Quindi non scrivo in termini campanilistici, scriverei in replica a tale sciocchezza anche se avesse parlato... di muratori Bergamaschi, pescatori Campani, frutticoltori Siciliani, Allevatori Piemontesi ecc. ecc.. Mettere a paragone qualsiasi degno gruppo di lavoratori, concittadini, Italiani, in termini denigratori, confrontandoli con una Religione che nemmeno è stata originata e "sviluppata" nell'ambito della nostra storia culturale, mi sembra decisamente fuori luogo ed inaccettabile; in particolar modo se a parlare sia stato una persona presumibilmente acculturata ed altrettanto presumibilmente dotata di buon senso.