Visualizzazione post con etichetta castello sforzesco. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta castello sforzesco. Mostra tutti i post

08/03/19

anche un opera incompleta e non finita è un opera d'arte ed riflessioni sul concerto d'arte

    ti potrebbe  interessare  delle  mie precedenti  elucubrazioni  in merito  e  colegate  all'argomento del post  tratto oggi  oggi





Dovendo fare diversi viaggi a  Milano   per  motivi  di salute  miei  e  di un familiare   ne  approfitto per    visitare , nell'intervallo    fra le visite mediche  e l'aereo per  tornare,  i sui  musei  e le  sue  vie .
Questa settimana      ho   visitato    due  Musei   ,  il  castello  Sforzesco  ed  il museo d'arte moderna   ovvero il   museo del novecento   (  http://museodelnovecento.org/it/ ) .Ed   dalla loro  visita  che  sono scaturite le mie  odierne elucubrazioni   riflessioni  .

N.b     causa   problemi con  il cellulare    le  foto   del   secondo museo visitato   mi sono state  gentilmente  donate  😂😁❤😍 dai cellulari  di mia madre  e mio pare     che   ringrazio  

Iniziamo dal primo museo


finita la visita e aver pranzato al bistrot \ libreria della Feltrinelli in corso Garibaldi 1 , sia andato al castello Sforzesco , ma causa problemi di salute alle anche ed alle articolazioni abbiamo visto sia la bellissima pietà Rondodini , opera non completa \ non finita di Michelangelo . Un opera che accompagnò Michelangelo per tutta la vita, rimanendo da sempre e per sempre irrisolta. Semplice mancanza di tempo o metafora dell'imperfezione della dimensione umana ? Quale sia   la  causa  dell'incompiuta  non ha  nessuna importanza  ,  la  rende   unica  .  Infatti   la  riflessione  che faccio   da profano  ,    sui    vari critici arte   che  il  suo non finito  la  rende  unica     e   chi dice  che  le opere  d'arte  , sia  brutte   e  minori     dice    fesserie  


L'immagine può contenere: spazio al chiuso







(...) Questo complesso marmoreo costituisce per molti studiosi un vero e proprio testamento spirituale di Michelangelo stesso. La Pietà, come soggetto scultoreo, non è di certo un tema sconosciuto all’artista, né tanto meno poco vendibile al pubblico del tempo, però per qualche ragione rimane sin dal concepimento ad esclusivo utilizzo di Michelangelo, che tornerà a lavorarci in diversi momenti della sua vita, modificandola e talvolta stravolgendone l’aspetto e la composizione.( .... continua in questo articolo
  di   https://www.artwave.it/arte/storia-dellarte
Poi  prima  d'uscire  dal  Castello Sforzesco    e ci siamo fermati   due   volte   la  prima    è quella   che   ho documentato sotto  riprendendo   ( spero  di  esserci riuscito  ) nei bambini  a cui la maestra  spiegava    cosa fosse  un museo  e    come  ci si  muove  in esso  ,   la  speranza   e    la  tenerezza    vedere i bambini delle prime ed classe delle elementari al museo    mi fa ben sperare e mi dona un po' d'ottimismo su queste nuove generazioni cosa che non avevo o avevo perso come si può notare nei post precedenti  del  nostro blog    sintetizzabili  con questo intervento  



Lo stesso , purtroppo mi s'era scaricato il cellulare ,  quando abbiamo visto  vicino all'ingresso  


   e   poi   in un ala del cortile     vicino ad  una delle  uscite    in ala del cortile  sempre dei bambini delle elementari a cui venia spiegata la storia delle armature e del rinascimento facendoli vestire con abiti dell'epica e spiegargli l'uso che si faeva in quel  periodo delle armi e dei pugnali facendoli ( ovviamente sotto la supervisione di un adulto per evitare che si facessero male ) giocare alla guerra fra di loro con armi finte . 

 poi  dopo    abbiamo visitato ,     non tutto    perchè mi  madre in particolare    stava  troppo male  e non poteva  camminare  molto   e  poi ai miei  non  piace  la  storie dell'arte    da  dopo Andy WarholJackson Pollock  ,  Il museodelnovecento 


Delle opere sul futurismo e pre futurismo , infatti , appena entri sullo scalone trovi Il quarto stato è un dipinto a olio su tela del pittore italiano Giuseppe Pellizza da Volpedo, realizzato nel 1901una delle opere più importanti del secolo scorso il nazionale ed internazionale con una esposizione ad esso collegata con le avanguardie degli anni successivi alla 2 guerra mondiale fin ad oggi .









le  altre    le  trovate   qui  https://bit.ly/2EYmddG   sulla   mia  bacheca  di facebook 

Sapevo si che Il Futurismo è stato un movimento artistico e culturale Italiano dell'inizio del XX secolo[ nonché  <<  la prima avanguardia europea. Ebbe influenza su movimenti affini che si svilupparono in altri paesi dell'Europa (in particolare in Russia e Francia), negli Stati Uniti d'America e in Asia. I futuristi esplorarono ogni forma di espressione, dalla pittura alla scultura, alla letteratura (poesia e teatro), la musica, l'architettura, la danza, la fotografia, il cinema e persino la gastronomia. La denominazione ufficiale del movimento si deve al poeta italiano Filippo Tommaso Marinetti  (...  continua qui  https://it.wikipedia.org/wiki/Futurismo ) . Ma  impregnato  di pregiudizio ideologico  lo identificavo  solo   con il fascismo   e non immaginavo     che olti artisti  anche  alcuni contrari all'ideologia    fascista    si fosse  abbeverati   ed  influenzati  da   esso    Ma  sono stato  smentito  e    ed  allo stesso tempo arricchito    nell'apprendere oltre  averlo verificato sul campo    che   Il Futurismo  --- sempre secondo la voce di wikipedia citata prima --- ha influenzato tutta l'arte d'avanguardia del Novecento. Gli artisti futuristi che sopravvissero alla morte di Marinetti (21 dicembre del 1944) e alla seconda guerra mondiale caddero in disgrazia come tutto il Futurismo, con l'accusa di aver fiancheggiato il fascismo.Nel secondo Novecento nuovi studi di Luciano De Maria, Mario Verdone, Enrico Crispolti, Maurizio Calvesi, Claudia Salaris, Giordano Bruno Guerri hanno parzialmente corretto l'accusa di collusione fascista, rilanciando l'interesse artistico-sociale verso il futurismo. Studi sul futurismo di sinistra (i contatti con gli ambienti anarchici, e persino comunisti) mostravano contemporaneamente che l'avanguardia futurista italiana era stata troppo sommariamente giudicata.