Visualizzazione post con etichetta C.M.D. (Competenza Musicale Diffusa). Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta C.M.D. (Competenza Musicale Diffusa). Mostra tutti i post

16/02/19

dialogo con l'autore della lettera LETTERAa beppe sevegnini Trap-Remo, ovvero dell’Incompetenza Musicale Diffusa

Leggo che      la  lettera  sotto riportata    , oltre     ad essere  stata  mandata   alla  nova  sardegna  ( del 15\2\2019  )     è stata mandata    anche al corriere  della  sera  del  11\2\2019

Risultati immagini per trap a san remoGentile Severgnini, “Povera Patria”, come cantava uno dei più competenti musicisti italiani, Franco Battiato. La prima e la seconda serata del “Trap Remo” 2019, Festival della I.M.D. (Incompetenza Musicale Diffusa), hanno martoriato le mie orecchie con poche eccezioni. Brani effimeri, privi di soluzioni rigeneranti per l’ascoltatore medio (modulazioni, strutture formali dignitose, esecuzioni ricche di note estranee alle scale musicali conosciute, etc.) e interpretati da aspiranti cantanti, barcollanti nell’intonazione e nel senso ritmico. Le parti migliori del 69° Festival della Canzone Italiana, ça va sans dire, sono appannaggio di ospiti del calibro di Giorgia, Riccardo Cocciante e Marco Mengoni. Sul resto, fatta eccezione per Cristicchi, Arisa e Il Volo, riempirei il pentagramma di pause coronate. Le domande nascono spontanee. Chi sceglie chi? Possibile che i Poeti non siano ancora insorti come un sol vate contro l’anti-poesia del Rap e del Trap “Zero-punto-zero”? Il problema ha origine, ancora una volta, dall’I.M.D. (Incompetenza Musicale Diffusa). Governi dei Natali passati che hanno negato per decenni gli Indirizzi Musicali nelle Scuole Medie e, negli ultimi otto-nove anni, la crescita di Licei Musicali e Attività vocali-strumentali alle Elementari (limitandole alle classi terze, quarte e quinte); diversi Conservatori di Musica arroccati nella Roncisvalle della Musica Classica e della monocultura del Jazz, sprezzanti nei confronti del Pop-Rock dei Queen e dei Jethro Tull, nonostante costituisca ormai l’ultimo bastione contro il dilagare dei Trap-Rap, nuovi barbari privi di pentagrammi; non pochi docenti di Musica mutanti, vestali della Storia della Musica o dell’Organologia e smemorati della funzione linguistica del codice musicale. Le soluzioni? Musica alla Materna e alle Elementari con professori appositamente abilitati, almeno un Indirizzo Musicale ogni tre corsi nelle Scuole Medie, Licei Musicali in tutte le città dotate di Istituti Superiori, Dipartimenti Pop-Rock nei Conservatori d’Italia che ne siano attualmente sprovvisti e, dappertutto, Scuole Civiche di Musica per giovani, adulti e Terza età. Il passaggio dall’I(ncompetenza).M.D. alla C.M.D. (Competenza Musicale Diffusa) richiederà una lunga marcia. Ma una società più musicale sarà sicuramente una società migliore.
                     Antonio Deiara, pentagrammando@virgilio.it

ciao  Antonio

ho letto  il tu ottimo e   competente   intervento  sulla  nuova  del 15.2.019  Hai perfettamente    ragione  ad  estendere    l'insegnamento    della musica  e  soprattutto   d'educazione  all'ascolto  dalle  materne alle superiori   ,  perchè c'è troppa   IMD   e pochissima  ani meglio scarsa  CMD .  Sul festival  di san remo , pur   fra i miei limiti musicali   dovuti a  : 1 problemi  uditivi .,  2)  carattere refrattario  e     ribelle  ., 3)  insegnante   dalla  2  media    cane  , capra  secondo   molti   fra  cui figli  d'insegnanti  di musica  e di pianoforte   e  poco  paziente  , e  pur non avendolo seguito   direttamente   ma indirettamente    in quanto  i   social    e  non solo   rimandavano  le  canzoni   concordo  con te .  Idem  avendo amici  insegnanti  di strumento   non  che   musicisti    sia  autodidatti  sia   di conservatorio , su quello che  dici sui  conservatori   .
Risultati immagini per trap a san remo
 Infatti la musica   va  fatta  studiare  ed  educare  all'ascolto senza pregiudizi  e  generalizzazioni .  Infatti   è qui la  mia  osservazione  che      ti devo  fare  .  Infatti   sul rap   èvero quello  che  dici    , ma  non tieni conto  che ci  sono anche  ottimi sopratutto  nel primo rap italiano    testi  ed  ottime sperimentazioni   come  caparezza    e  Frankie_hi-nrg_mc, assalti frontali  ,  sound  system     sulla trap  non so  cosa  dirti  in quanto   non riesco ad  ascoltarla :  testi   troppo gratuitamente   violenti ed  distruttivi e  d autodistruttivi  ,  , oltre  che   in  gran parte  carichi  d'odio  e  di capri espiatori , noiose   dal punto di vista  armonico e  ritmo .  Infatti  The  Andrè  che li prende per  il culo     gli fa  il verso    afferma  : <<  (....)  Non trovo queste canzoni poetiche, non credo di migliorarle rifacendole così, sono un elenco di spacconate, racconti di coiti, droghe, esibizione di ricchezza  (...)   continua  qui  .>>   . Su  jazz è vero  si sta  commercializzando  ed un po'  banalizzandosi    sta   soprattutto   il ramo  \  sottogenere   dello swing  perdendo   quella  vitalità  e  contaminazione   in cui è  nato e  finendo  in quella  che definisci  Imd . Ma  per il  resto  ,   non  sono   completamente  d'accordo  in quanto il jazz   vista  la   sua capacità  di  contaminarsi  ( infatti  il  film la   leggenda    del pianista  sull'oceano   n'è una testimonianza   specialmente  l'inizio )  




 e fondersi   con altri generi dimostra  il  contrario a mio avviso .  E parlo, ovviamente  da profano ,    nonostante  i miei limiti prima citati  ,  da un ascolto   pluri ventennale  della rassegna      ( e non  solo )   di time  jazz    e  d'altri   cd e dischi dei mie  (  quindi  jazz  classico  e qualcosa    di moderno )   e  cd    o pezzi   su internet   di jazz moderno . 

  cordialmente  Giuseppe Scano