Visualizzazione post con etichetta bugia diventata verità. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta bugia diventata verità. Mostra tutti i post

12/02/20

Lo storico Gobetti: “Foibe, media e istituzioni ripetono slogan e fake news dei neofascista ovvero qui! 10 febbraio, il giorno del falso ricordo

 A chi legge solo i titoli  o da titolo decide se proseguire o meno nella lettura  non fatevi ingannare dal titolo perché criticare una giornata ricordo non vuol necessariamente che si dimentichi o non se ne debba parlare .
Inizialmente volevo usare tale  post   per l'anno prossimo, ma visto che come succede le giornate della memoria  /ricordo diventano settimane  trascinandosi dietro contrapposizioni ideologiche  da guerra fredda  e incidenti diplomatici con i vicini Croati e Sloveni ( vedere il post   sotto )  , cambio la programmazione e metto oggi . E con questo post chiudo per quest'anno l'argomento #10febbraio #giornodelricordo #foibe .  Dopo questa precisazione  iniziamo .




Ogni    febbraio  è  la stessa  storia   tutti gli storici o persone comuni  appassionate  di  storia    e di quel periodo     che propongono    ricerca storica  seria o quanto meno    slegata    da  quella  retorica  ed  ufficiale      vengono    tacciate  di  riduzionismo  e  di negazionismo  anche   quando  non lo è  oppure  minacciate

 da  https://www.globalist.it/storia/2020/02/08/

Lo storico Gobetti: “Foibe, media e istituzioni ripetono slogan e fake news dei neofascisti”

Lunedì 10 è il Giorno del ricordo: “La destra attacca ogni storico che fa ricerca seria e non ci sono reazioni. Si preferiscono le notizie create dal fascismo e dal nazismo e si occultano i crimini italiani”
Recupero di corpi nella foiba di Monrupino. Fonte: Wikipedia

Recupero di corpi nella foiba di Monrupino. Fonte: Wikipedia


di Chiara Zanini

Come sempre da quando nel 2004 è stato istituito il 10 febbraio come Giorno del ricordo per conservare la memoria delle vittime delle foibe, gruppi di estrema destra tentano di ostacolare le iniziative volte a ripristinare la verità storica. In questi giorni è toccato allo storico Eric Gobetti, invitato a tenere una lezione in una circoscrizione di Torino. L'abbiamo intervistato.

Dottor Gobetti, Lei è uno storico, tra i massimi conoscitori della Storia della Jugoslavia. Perché e in che modo è stata contestata la sua presenza ad un'iniziativa pubblica nella sua Torino?
Due gruppi neofascisti, Casa Pound e un altro legato a Fratelli d'Italia, il cui leader torinese è attualmente in prigione per voto di scambio mafioso con la 'Ndrangheta, mi hanno accusato di “negazionismo” delle foibe. Hanno minacciato di impedire un mio intervento in un convegno pubblico presso una sala della circoscrizione. L'incontro si è tenuto lo stesso grazie alla solidarietà di centinaia di persone che sono accorse per dare il loro sostegno e ascoltare la lezione.

L'attacco che ha subito è grave, ma cosa comporta più in generale occuparsi, da storico, di ricostruire la verità sulle foibe, in un periodo in cui molti ormai parlano solo per slogan e manipolano la realtà?
Ormai qualunque storico si occupi in maniera seria del tema viene tacciato di negazionismo, o quantomeno di “riduzionismo”. Quello che è successo a me, avviene ogni anno a febbraio a quasi tutti i miei colleghi. Il problema non è la destra neofascista, ma il fatto che i loro slogan, le loro cifre, sono le stesse ripetute dai media e dai rappresentanti istituzionali, anche quelli non di destra. Si tratta ormai di una sorta di “verità di stato” intoccabile, che trae origine dalla propaganda fascista e nazista. Per questo i neofascisti si sentono autorizzati ad agire con questa violenza intimidatoria: non temono reazioni istituzionali, perché sanno che le istituzioni difendono la “loro” storia, non i risultati della ricerca scientifica, basati sui fatti e sulle fonti.

Sta per pubblicare un libro proprio sulla storia delle foibe, edito da Laterza. Cosa c'è di vero e cosa di falso nel dibattito legato al cosiddetto Giorno del ricordo? Qual è il negazionismo che dovrebbe preoccuparci?
Il libro ha un'impostazione volta a smentire le numerose fake news storiche sul tema delle foibe e dell'esodo. Sono molte e complesse: dalla descrizione di una terra “italiana da sempre” (perché appartenuta all'Impero romano 2000 anni fa!) alla pulizia etnica, dalla volontà di sterminio contro persone “uccise solo perché italiane” all'espulsione forzata, fino alla “congiura del silenzio” che sarebbe stata propria della sinistra comunista. Ma l'aspetto più grave è la totale dimenticanza dei crimini commessi dal fascismo e dall'esercito italiano in quei territori nei 25 anni precedenti. Su questo, sì, esiste un totale oblio, voluto da tutti gli schieramenti politici.

Pensa di agire per via legale?
Non credo ci siano gli estremi, purtroppo. L'accusa di “negazionismo” è infamante e lesiva della mia dignità e della mia professionalità, ma temo che sia difficile ottenere giustizia in sede legale. Per quanto riguarda poi le violente ingiurie sui social network, purtroppo già lo scorso anni i carabinieri mi avevano sconsigliato di sporgere querela, sostenendo che non fosse possibile individuare con certezza gli autori delle ingiurie. Ci sto pensando, ma per ora temo non ci sia abbastanza protezione legale rispetto a questo tipo di offese e minacce.

Ci sono Comuni che per questa ricorrenza hanno scelto di proiettare il film Rosso Istria. Lei l'ha visto? Cosa ne pensa?
Questo film rappresenta una evoluzione in peggio del precedente “Il cuore nel pozzo”. Contribuisce enormemente a diffondere paura e odio attraverso un immaginario razzista e una costruzione del racconto ben poco attinente alla realtà. Ma quello che più conta è che gli eroi di questo film, le vittime con cui lo spettatore è chiamato a identificarsi, sono tutti fascisti conclamati, che appaiono in camicia nera, inneggiano al duce e attendono la liberazione da parte dei nazisti. Questa è la parte più veritiera del film (naturalmente riguardo a quelle specifiche vittime raffigurate, ovvero la famiglia di Norma Cossetto, non a tutti gli infoibati), ma contribuisce a trasmettere l'idea che il comunismo non sia solo assimilabile al fascismo (come ha recentemente sostenuto anche in via ufficiale, il parlamento europeo), ma sia assai peggio. Insomma, questo è un film co-prodotto dalla Rai, ma sembra un film di propaganda nazista, con tutti quei bei soldati tedeschi che arrivano a liberare le vittime innocenti del comunismo!

Anche lei ha utilizzato il cinema come strumento di divulgazione per raccontare la storia attraverso due documentari e ha lavorato anche per la Rai. Lo farà ancora?
La realizzazione dei miei due documentari (Sarajevo Rewind e Partizani) è stata una meravigliosa avventura, ma si è rivelata anche un'impresa improba. Fare documentari indipendenti in Italia è pressoché impossibile. Per quanto riguarda la Rai, mi piacerebbe avere l'opportunità di collaborare ancora, ma da qualche anno non sono più stato contattato e temo che le accuse infamanti di cui sono oggetto abbiano un ruolo. Vedremo. Io sarei ben contento di poter affrontare in televisione alcuni dei tanti temi di cui mi sono occupati in questi anni.

Infatti  ,   anche  se  non ne  condivido  la  linea politica    , troppo     settario   e  chiuso nel  passato  ,    ha  ragione  

RIZZO (PC): «SU FOIBE CONTINUE FALSIFICAZIONI. L’ANPI SBAGLIA A DISSOCIARSI».

08 Febbraio 2019   da   https://ilpartitocomunista.it/2019/02/08/
                                « Sulla vicenda delle foibe ormai è impossibile esprimere in Italia un giudizio legato alla verità storica e alla contestualizzazione degli eventi. Chiunque affermi il vero, e cioè che quello che è avvenuto non puo’ definirsi genocidio, nè pulizia etnica, e soprattutto che le vittime non erano nell’ordine nè delle centinaia di migliaia nè dei milioni come arrivano ad affermare settori di destra, viene tacciato di negazionismo. Sbaglia l’ANPI a dissociarsi da serie iniziative di storici che mirano a contrastare con il rigore della ricerca questo mare di propaganda» Così Marco Rizzo, segretario del Partito Comunista. «Sulle vicende del confine orientale è stata costruita una narrazione che ha stravolto la realtà, che non fa i conti con le responsabilità dell’Italia fascista, alimenta il mito del “buon italiano”, utile alla propaganda nazionalista anche per l’oggi. Una cosa sono episodi di giustizia sommaria e rappresaglie, per quanto brutali, pero assai comuni durante la guerra, e nella maggior parte in risposta ai crimini perpetrati dalla colonizzazione fascista. Altro è quello che la propaganda revisionista afferma oggi a reti unificate. La costruzione della memoria collettiva è demandata a sceneggiati privi di reale riscontro storico come quello che andrà in onda sulla Rai questa sera. Si parla di ricerca della “memoria condivisa” ma in realtà si nobilita la falsificazione. La sinistra che ha appoggiato questa tendenza, è corresponsabile tanto quanto la destra, anzi forse di più. Al contrario – conclude Rizzo – difendere la verità storica significa evitare che narrazioni tossiche influenzino il senso comune, costruendo il terreno per nuove campagne belliciste che si profilano all’orizzonte e che nulla hanno a che fare con l’interesse dei popoli, a partire da quello italiano ».






e dal discorso di quest'anno del presidente della repubblica Sergio Mattarella che messaggio come questa strofa : « Monsieur le Président / Je vais vous fais une lettre / Que vous lirez peut-être / Si vous avez le temps [ ... qui il resto del testo e la storia ] » di Le Déserteur ('il disertore') è Boris Vian ( 1920-1959 ) di trovate sotto il discorso con mie osservazioni che ha causato malumori nel governo sloveno che hanno storto il naso al fatto sul termine pulizia etnica e per il fatto che che nel discorso non c'è una chiara condanna dei crimini fascisti.
  in neretto \  corsivo    le  mie  obbiezioni

Il "giorno del Ricordo", istituito con larghissima maggioranza dal Parlamento nel 2004, contribuisce a farci rivivere una pagina tragica della nostra storia recente, per molti anni ignorata, rimossa o addirittura negata: le terribili sofferenze che gli italiani d’Istria, Dalmazia e Venezia Giulia furono costretti a subire sotto l’occupazione dei comunisti jugoslavi. Queste terre, con i loro abitanti, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, conobbero la triste e dura sorte di passare, senza interruzioni, dalla dittatura del nazifascismo a quella del comunismo.

nessun     riferimento, se non un  po'   ambiguo   : « Queste terre, con i loro abitanti, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, conobbero la triste e dura sorte di passare, senza interruzioni, dalla dittatura del nazifascismo a quella del comunismo »  ed  tendente  a mettere    sullo stesso piano le  due   dittature  ,    alla   situazione precedente   e  alle    brutture del regime  fascista     e  la  sua    "pulizia    etnica"  (    messo  fra    virgolette  di proposito   ,  per   essere  cercato nei motori di ricerca   con più efficacia preferisco    il   termine    usato    dallo storico Raul Pupo“semplificazione nazionale ) o italianizzazione forzata . Si tenta di dare la colpa delle foibe ad uno solo dei protagonisti ovvero i comunisti . Infatti lo storico storico Angelo d'Orsi    scrive  sulle  pagine  de  il manifesto del 11     febbraio   riportata  qui   dal blog   l'antidiplomatico : «  ( ..... )  ha usato ancora una espressione storicamente errata, politicamente pericolosa, moralmente inaccettabile: «pulizia etnica». Ella, signor Presidente, è caduto nella trappola della equiparazione del grande, spaventoso crimine, il genocidio della Shoah, con gli avvenimenti al Confine Orientale, tra Italia e Jugoslavia, fra il 1941 e il 1948, grosso modo. Non pretendo che abbia letto il mio precedente intervento sulle pagine del Manifesto, del 9 febbraio, ma un’occhiata, se avesse un minuto di tempo, mi permetto di suggerirle di dare a quell’articolo. Nel Suo discorso Ella ha precisamente ribaltato il mio argomentare, che poneva in guardia dall’uso scorretto del termine "negazionismo", che si riferisce, propriamente, alle ideologie che negano Auschwitz, ossia sostengono che mai è esistita una volontà sterminazionista e genocidaria nel nazismo. (  ....) »
quest’ultima scatenò, in quelle regioni di confine, una persecuzione contro gli italiani, mascherata talvolta da rappresaglia per le angherie fasciste, ma che si risolse in vera e propria pulizia etnica, che colpì in modo feroce e generalizzato una popolazione inerme e incolpevole.
 non   si  differenzia    e  non distingue  bene  tra  :   la  prima  fase  delle    foibe    cioè   quella   del 1943    che     fu un misto   fra    reazione  popolare incontrollata  e   il  gruppo  comunista .  E la  seconda  quella  a  guerra  finita  1945  solo quella  comunista 

La persecuzione, gli eccidi efferati di massa – culminati, ma non esauriti, nella cupa tragedia delle Foibe - l’esodo forzato degli italiani dell’Istria della Venezia Giulia e della Dalmazia fanno parte a pieno titolo della storia del nostro Paese e dell’Europa.Si trattò di una sciagura nazionale alla quale i contemporanei non attribuirono – per superficialità o per calcolo – il dovuto rilievo. Questa penosa circostanza pesò ancor più sulle spalle dei profughi che conobbero nella loro Madrepatria, accanto a grandi solidarietà, anche comportamenti non isolati di incomprensione, indifferenza e persino di odiosa ostilità.
 anche     se  il pensiero  è in chiave  nazionalista    in quanto   le  cause   sono da  ricercare nelle complesse vicende del Confine Orientale  in particolare  ad  incominciare  dal  1940  e  culminata  dalla  strage  ( cosi viene    definita  da  recenti studi ed   analisi di dococumenti    su tali eventi   provenienti  dagli archivi  Inglesi  ed  Americani  ) di  Vergarolla       corrisponde  parzialmente  a    verità 
Si deve soprattutto alla lotta strenua degli esuli e dei loro discendenti se oggi, sia pure con lentezza e fatica, il triste capitolo delle Foibe e dell’esodo è uscito dal cono d’ombra ed è entrato a far parte della storia nazionale, accettata e condivisa. Conquistando, doverosamente, la dignità della memoria.
 parzialmente  vero . In quanto ci si dimentica  che  fu dovuto  :     al dialogo  fra   fini ( ex  Msi  )   ed   Violante (  ex Pci  )    , mi pare  ne  1997\8     un autocritica  sulla    guerra  fredda  e  sul silenzio  delle  foiube  .,   culminata    Nel 2001 con   la relazione della "Commissione storico-culturale italo-slovena", incaricata dal Governo italiano e dal Governo sloveno di mettere a punto un'interpretazione condivisa dei rapporti italo-sloveni fra il 1880 e il 1956. Di essa facevano parte i massimi studiosi che, sia in Italia sia in Slovenia, si erano occupati del periodo. Nel rapporto si conclude che
«tali avvenimenti si verificarono in un clima di resa dei conti per la violenza fascista e di guerra e appaiono in larga misura il frutto di un progetto politico preordinato, in cui confluivano diverse spinte: l'impegno a eliminare soggetti e strutture ricollegabili (anche al di là delle responsabilità personali) al fascismo, alla dominazione nazista, al collaborazionismo e allo stato italiano, assieme a un disegno di epurazione preventiva di oppositori reali, potenziali o presunti tali, in funzione dell'avvento del regime comunista, e dell'annessione della Venezia Giulia al nuovo Stato jugoslavo. L'impulso primo della repressione partì da un movimento rivoluzionario che si stava trasformando in regime, convertendo quindi in violenza di Stato l'animosità nazionale e ideologica diffusa nei quadri partigiani.»
   e  poi      con  la  legge negazionista e  riduzionistica   sul  giorno del ricordo  ovvero  la  giornata  del  10 febbraio lo   dice     anche   lo   stesso  Diego fusaro (  lontano anni luce  dal mio modo di pensare  ) 



Esistono ancora piccole sacche di deprecabile negazionismo militante.

 Certo  anche  a  sinistra,  sarebbe  da  stolti  negarlo ed  nasconderlo     c'è  negazionismo  e  sottovalutazione ,  tipo   ne  sono stati uccisi pochi  di  fascisti   (  i  più teneri )       , le  foibe  sono un invenzione della destra  , ne  hanno più ucciso  loro  dagli anni   1920 agli anni  1945  , ecc  .  O  considerare   tutti gli esuli come   fascisti  .  Ma     ce n'è  anche  uno  da lei   , Signor presidente   , fatto passare in secondo  piano   se non addirittura  omesso  che  è  quanto le  rinfaccia  sempre  Angelo d'orsi  : « [...]
Ella, signor Presidente, non senza un palpabile disprezzo, ha parlato di «piccole sacche di deprecabile negazionismo militante», che si ostinerebbero a «negare»: che cosa? La «pulizia etnica» che viene identificata come la somma dei «crimini comunisti» in quelle terre. E lodevolmente, Lei, signor Presidente, invita allo studio della storia. Ma è precisamente ciò che i «negazionisti» nel distorto messaggio che Ella ha tenuto, cercano di fare, e vengono insultati, isolati, quasi cancellati. E mentre giornalisti senza etica e politici in caccia di voti snocciolano cifre fantastiche (1000, 2000, 10.000, 20.000, fino alle 30.000 annunciate da un tg nazionale ieri in apertura…), il paziente lavoro dei ricercatori propone un’altra versione, frutto dello scavo (compreso quello tremendo delle cavità del Carso chiamate “foibe”), dell’accumulo di documenti, delle prove testimoniali verificate.
La storiografia ci dice tutt’altro dalla chiacchiera politico-mediatica: le vittime accertate, ad oggi, furono poco più di 800 (compresi i militari), parecchie delle quali giustiziate, essendosi macchiate di crimini, autentici quanto taciuti, verso le popolazioni locali: nessun generale italiano accusato di crimini di guerra è mai stato punito.
E 400mila civili slavi rastrellati, deportati, torturati e fucilati semplicemente vengono cancellati. Spiace che anche le autorità istituzionali a Lei seconde e terze, abbiano ritenuto di usare espressioni gravi quanto infondate: «Genocidio programmato contro gli italiani», dice la presidente del Senato; «Le atrocità nazifasciste non sono una giustificazione», aggiunge il presidente della Camera.
Spiace soprattutto che le Sue parole abbiano, involontariamente, offerto un formidabile assist ai soliti Salvini [ 
ed  non solo aggiunta  mia  ] – che equipara tout court Shoa e foibe pericolosamente banalizzando l’Olocausto – e Meloni, ai quali non è sembrato vero di poterne approfittare con altri inquietanti anatemi, mentre l’intero schieramento della destra usava con cinica disinvoltura il Suo discorso, Presidente, per berciare contro «i negazionisti» (etichettati senza mezzi termini «comunisti»).[....] »


Ma oggi il vero avversario da battere, più forte e più insidioso, è quello dell’indifferenza, del disinteresse, della noncuranza, che si nutrono spesso della mancata conoscenza della storia e dei suoi eventi. Questi ci insegnano che l’odio la vendetta, la discriminazione, a qualunque titolo esercitati, germinano solo altro odio e violenza.
Alle vittime di quella persecuzione, ai profughi, ai loro discendenti, rivolgo un pensiero commosso e partecipe. La loro angoscia e le loro sofferenze non dovranno essere mai dimenticate. Esse restano un monito perenne contro le ideologie e i regimi totalitari che, in nome della superiorità dello Stato, del partito o di un presunto e malinteso ideale, opprimono i cittadini, schiacciano le minoranze e negano i diritti fondamentali della persona. E ci rafforzano nei nostri propositi di difendere e rafforzare gli istituti della democrazia e di promuovere la pace e la collaborazione internazionale, che si fondano sul dialogo tra gli Stati e l’amicizia tra i popoli.

 vero e  condivisibile   anche  se   cosi  scritto\  detto    sembra   il   motto      democristiano  caramelloso     vogliamoci bene .  Ma  Il Suo discorso, mi consenta  signor Presidente  , insomma, fa un grave torto alla conoscenza storica, che Ella, lodevolmente, incita a perseguire, e genera conflitti che Ella e la legge del 2004 vorrebbero chiudere.



In quelle stesse zone che furono, nella prima metà del Novecento, teatro di guerre e di fosche tragedie, oggi condividiamo, con i nostri vicini di Slovenia e Croazia, pace, amicizia e collaborazione, con il futuro in comune in Europa e nella comunità internazionale ».


  
  visto che   in questo   discorso   non   c'è nessuna  critica   a  gli esponenti  di  politici     che  ogni anno  ( l'ultimo    è     il caso dell'ano scorso  la  figuraccia  di tajani e  salvini     )    ci fanno fare  figuracce  di 💥😷💨😠🗣👄 e 🤬💩  , come  se  non bastassero  quelle  di casa  pound  e  forza  nuova     con  la  Slovenia e  la  Croazia