Visualizzazione post con etichetta coming out doppio. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta coming out doppio. Mostra tutti i post

21/04/19

Ho detto a mia madre che incontro degli escort. Così la sua reazione ha cambiato il nostro rapporto


per  approfondire





Anche loro devono vivere la loro sessualità non capisco questi stupidi tabù . E già per loro la vita è difficile , se poi gli togliamo \ proibiamo anche questo :-( . la storia di uomo disabile e gay che vive in sedia a rotelle, e trova consolazione alla sua situazione nel fare sesso
Prima di negare la sessualità ai disabili leggete questa storia tratta da https://www.huffingtonpost.it/ 20/04/2019 12:06

Questo post è apparso per la prima volta su The Huffington Post US ed è poi stato tradotto dall'inglese da Milena Sanfilippo.






Da uomo disabile e gay che vive in sedia a rotelle, e ama fare sesso con altri uomini, ho dovuto affrontare la fase del coming out più volte e in modi diversi.Mi sono dichiarato gay a sedici anni. All'epoca, faticavo ad accettare la condizione di disabile su una sedia a rotelle e temevo che rivelando la mia sessualità, avrei aggiunto soltanto un ulteriore peso alla mia vita.Dopo aver cercato un termine che mi si adattasse in modo più autentico, mi sono dichiarato queer a ventisette anni. La parola gay non mi faceva sentire più a mio agio. A causa della disabilità, non sono muscoloso, "maschio" e non vanto nessuna di quelle caratteristiche che spesso sono associate culturalmente a quella parola. Il termine "queer" mi faceva sentire al sicuro. Significava che non dovevo conformarmi a un concetto che rimanda a immagini e idee ben precise e che la mia disabilità non avrebbe potuto soddisfare.A trent'anni, mi sono dichiarato uno "storpio queer." È stato durante la fase "Fanculo! Sono disabile e se non riuscite ad accettarlo, fuori dalle palle." Sapevo cosa pensava la gente del rapporto tra disabili e sesso, e volevo prendere quei pregiudizi, sovvertirli e mettermeli addosso come una medaglia al valore. Se avessi rivendicato la parola "storpio", pronunciandola per primo, magari la discriminazione e il pregiudizio che affrontavo ogni giorno non mi avrebbero fatto più tanto male, giusto?Per tutta la vita, ho dovuto rivelare le mie identità differenti agli infermieri a domicilio che mi aiutavano nelle attività quotidiane come farmi la doccia o andare al bagno. Ogni volta che facevo coming out con uno di loro, speravo che la mia onestà non li offendesse, perché dipendo dal loro aiuto. Mi è capitato di nascondere ciò che ero per non perdere l'assistenza.Ho dovuto rivelare la mia identità sessuale anche ai membri della comunità di disabili. Con mio enorme sgomento, con loro fare coming out si è rivelato spesso più difficile. Mi sono sentito dire che mi serviva solo una ragazza normodotata e tutto si sarebbe sistemato. Ciascuna di queste storie ha plasmato la mia identità di queer disabile in maniera sostanziale, ma credo che la mia esperienza recente di coming out sia stata la più potente e la più rivoluzionaria del mio percorso: ho detto a mia madre degli escort.Ho deciso di rivolgermi a degli escort circa due anni fa. Non ne potevo più della discriminazione che dovevo tollerare quando cercavo una scappatella. Non ne potevo più di sentirmi chiedere se i miei genitali funzionavano correttamente o di ricevere messaggi in cui mi dicevano che ero "troppo carino per essere disabile o che sembravo "ritardato, nessuno ti vorrebbe". Il dolore causato da questi scambi aveva un effetto devastante su di me e non sapevo cosa fare. Ero furioso perché non potevo godere del mio corpo come desideravo e perché gli altri uomini queer non mi consideravano sessualmente appetibile.Un giorno, ho visitato un sito di escort gay e ho iniziato a guardarmi un po' intorno. Non avevo idea di quello che avrei fatto, ma sapevo di dover provare qualcosa di diverso.Ho contattato un paio degli uomini del sito e chiesto loro se erano mai stati con un cliente disabile. Qualcuno mi ha risposto di sì e molti altri mi hanno detto di no. Alla fine ho trovato un escort che mi piace molto – capelli castani, bellissimi occhi azzurri e il petto villoso (il mio punto debole). Gli ho scritto dicendogli che volevo prenotare una sessione. Lui ha accettato. Da allora, ci vediamo a cadenza regolare.La nostra prima sessione è stata caratterizzata dal nervosismo: entrambi cercavamo di capire come approcciare la mia disabilità. Lui non voleva farmi male e, più tardi, mi ha confessato che temeva di non soddisfare le mie aspettative. Io cercavo di fare del mio meglio per rendergli più facili le fasi legate alla disabilità - farmi salire sul letto, sistemarmi nella mia imbracatura speciale mentre gli dicevo come muovermi. Ho passato quella prima notte a temere che mi avrebbe detto che non poteva o che se ne sarebbe andato, come avevano già fatto tanti altri prima di lui.Invece è rimasto, e ormai siamo entrati nella giusta sintonia. Condividiamo i nostri corpi, le nostre vulnerabilità e ci facciamo un sacco di risate. Abbiamo costruito una fiducia che non ho con nessun altro, e che non cambierei con niente al mondo. Mi ha aiutato a riconnettermi con la mia identità di queer e con la disabilità in modi che non riesco nemmeno a descrivere, e gli sono infinitamente grato.Mentre l'avventura in questo mondo andava avanti, continuavo a nascondere le mie nuove esperienze a mia madre e la cosa mi stava uccidendo. Lei ha visto il meglio e il peggio di me – e del mio corpo – e siamo sempre stati sinceri l'uno con l'altro, su tutto. Ma non osavo ammettere che stavo pagando un escort. Una parte di me si vergognava a morte e voleva risparmiarle quella vergogna. Inoltre, non volevo che si preoccupasse che suo figlio – un uomo fisicamente debole – avesse preso una brutta strada né che si chiedesse quali sarebbero state le conseguenze di quella scelta su di me e sul mio futuro. Perciò non le ho raccontato nulla di quello che sto (molto felicemente) facendo... Fino a un paio di settimane fa.È successo un martedì sera; io e mia madre eravamo nel pieno di una delle nostre chiacchierate al telefono. Non ricordo neanche di cosa parlassimo – qualcosa di marginale, comunque – e d'improvviso, ho preso coraggio e l'ho sparata lì: "Sai mamma, sto vedendo un escort." Ero terrorizzato dalla sua reazione, ricordo che mi è mancata l'aria dopo aver pronunciato quelle parole. Ha aspettato circa dieci secondi prima di parlare e, in quel lasso di tempo, ho immaginato tutte le reazioni possibili. Si sarebbe arrabbiata. Mi avrebbe denunciato. Si sarebbe vergognata di me. E poi, dopo quella breve pausa (che mi è sembrata lunga cent'anni), ha detto una cosa che non dimenticherò mai: "Ma è fantastico." Mi sono sentito travolgere da un'ondata di sollievo. Ho fatto un respiro profondo. Quando mi spavento o mi eccito o provo una qualsiasi emozione, i miei muscoli si contraggono (grazie mille, paralisi cerebrale). Ma quel giorno si sono rilassati all'istante e io sono sprofondato sulla mia sedia a rotelle. D'un tratto mi sono sentito libero come non mi era mai successo. Con mia madre potevo essere me stesso in tutto e per tutto: un uomo sulla sedia a rotelle; queer, disabile, un uomo che si rivolge a degli escort per soddisfare le sue esigenze.Raccontare a mia madre di questo aspetto della mia vita mi ha aiutato ad accogliere e celebrare la capacità decisionale che ho sul mio corpo, sul mio tempo e sui miei soldi e mi ha permesso di cambiare il mio punto di vista sull'intimità, sul sesso e sull'amore. Una delle frasi più potenti che mia madre ha detto dopo la nostra chiacchierata è stata: "Andrew, non c'è niente di male nel sesso."  È un'affermazione semplice eppure straordinariamente potente quando a farla è una persona che rispetti, che ami e che vuoi rendere orgogliosa. Mi ha detto anche: "Puoi anche solo fare sesso, l'amore non dev'esserci per forza". Dal momento che gran parte del discorso su sesso e disabilità viene collegata all'amore romantico – e al trovare qualcuno che ti ami "oltre la disabilità" – il fatto che mi abbia riconosciuto e sostenuto come un disabile queer che cerca solo sesso, come e quando vuole, è stato incredibile.Ma soprattutto, credo che uscire allo scoperto con mia madre abbia rafforzato il nostro legame. Adesso so che posso confidarle ogni aspetto della mia vita di queer e disabile e questo per me non ha prezzo. Inoltre, adesso possiamo costruire un'amicizia ancora più forte come due individui indipendenti – senza interpretare i rispettivi ruoli di "madre e figlio".Fare coming out non è mai una passeggiata. C'è sempre la minaccia incombente di uscirne ripudiati e feriti e se sei disabile rischi di perdere ancora di più. Ma più condividiamo le nostre storie e raccontiamo le esperienze che viviamo – e il motivo delle nostre decisioni – più sfonderemo le barriere tra le persone che amiamo e il mondo in generale.Purtroppo, nel 2019, rivolgersi a un professionista del sesso è ancora oggetto di stigmatizzazione nella nostra società, ma le cose non dovrebbero andare così. Ciò che succede tra due adulti consenzienti dovrebbe esser affar loro e basta. Permette a persone come me – un disabile queer con un sano appetito sessuale – di godere del proprio corpo e della propria sessualità in modi che ti fanno sentire forte, sexy, importante, aspetti che in genere non associamo alla disabilità.Sono fortunato ad avere una madre che mi accetta per come sono. So che non tutti hanno questa fortuna ma, forse, condividendo la mia storia e rivelando chi sono, avrò dato a qualcun altro il coraggio di parlare con i suoi cari e di essere più aperto.Se ci sono riuscito io, vuol dire che ne vale la pena!



COURTESY OF ANDREW GURZA

Archivio blog