Visualizzazione post con etichetta Lgbt. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Lgbt. Mostra tutti i post

26/03/17

non tutto il mondo omosessuale è per la maternità surrogata il caso di Raúl Solís (@RaulSolisEU)

da http://www.paralelo36andalucia.com


Los vientres de alquiler: la cara más brutal del ‘gaypitalismo’

Soy gay. Lo especifico porque, teniendo como tengo infinidad de círculos sociales en los que participan hombres homosexuales, no sabía que el tema de los vientres de alquiler o gestación subrogada era tan trending topic para los gays. Es más, hace sólo seis meses no conocía a nadie que quisiera ser padre por medio de este modo encarnizado. Conocía a famosos ricos, pero no a gays normales con los que yo me relaciono.Sin embargo, desde hace unos meses, una marabunta de hombres homosexuales, casi siempre organizados a través de entidades LGTB subvencionadas con dinero público para trabajar por la igualdad de gays, lesbianas, transexuales y bisexuales y no para defender la compra y venta de mujeres como método de inseminación artificial, están haciendo una tournée mediática para convencer a la sociedad de que regular los vientres de alquiler -ellos lo llaman “gestación subrogada”- es ir a favor de la tolerancia sexual, de la igualdad. Por tanto, oponerse a los vientres de alquiler, según este lobby de gays ricos, es ir en contra del colectivo homosexual y situarse del lado de la jerarquía eclesiástica.Llevo meses viendo perplejo cómo hombres gays y representantes de entidades LGTB están intentando hacer ver a la sociedad que los gays en su conjunto creemos que tenemos algún derecho a ser padres comprando el órgano reproductor de una mujer pobre. Mi perplejidad transmuta en indignación cuando pienso en la maldad que encierra que haya entidades gays que defiendan esta macabra manera de ser padres.Históricamente, han sido las mujeres quienes primero dieron refugio a los homosexuales cuando el destino turístico de los gays eran las cárceles incruentas, cuando vivir en libertad significaba ser expulsado de casa con una paliza de dote y el mundo del espectáculo y la prostitución eran las únicas salidas laborales si querías zigzaguear la marginalidad.Fueron las mujeres las primeras aliadas de los homosexuales. Fue el feminismo quien nos acompañó a las primeras manifestaciones en los 80 y 90 por la igualdad de derechos y el matrimonio igualitario. Fueron ellas quienes protegían a sus hijos homosexuales para evitarles una paliza. Fueron las mujeres quienes defendieron en el Congreso nuestro derecho a casarnos, a ser ciudadanos de primera, y quienes más presión hicieron dentro de los partidos progresistas para que finalmente España tuviera una ley de matrimonio y adopción de las más avanzadas del mundo.A pesar de todo esto, muchas entidades LGTB han olvidado demasiado rápido y, en cuanto han tenido la primera oportunidad, se han situado contra las mujeres y el movimiento feminista, porque su deseo a ser padres está por encima del derecho de las mujeres sobre su cuerpo. Alega este ‘absurdismogay’ militante que el hecho de que una mujer acepte preñarse para que un hombre rico sea padre es un acto de libertad, prostituyendo el significado de una palabra tan solemne y hermosa como libertad.De tanto creer que la libertad consiste en decidir si queremos una camisa de Zara roja o verde, muchos activistas gays han olvidado que la libertad no es un hecho individual sino un compromiso colectivo con el bienestar y la dignidad de nuestra sociedad. Es decir, que haya gente que acepte un trabajo de 10 horas al día por debajo del salario mínimo es un acto de necesidad, pero en ningún caso de libertad. No es libertad porque aceptando cobrar por debajo del salario mínimo está legitimando que los empresarios rebajen los salarios a otro trabajadores que ganan sueldos más altos. Si la libertad se usa para asesinar, empobrecer, violar derechos humanos o convertir a las personas en objetos, es salvajismo y no un derecho.El capitalismo salvaje nos trata de convencer de que las mujeres son vendibles y comprables, despojándolas de su valor comos seres humanos y lanzando un mensaje de que, como son cosas, cualquier violencia sobre ellas es comprensible, legítima, socialmente aceptable y legislativamente regulable. Y las asociaciones gays, en lugar de defender a quienes fueron sus primeras aliadas, las mujeres, se ponen del lado del sistema capitalista que sólo acepta la diversidad y los derechos mediante tarjeta de crédito. Para echarse a llorar.En España ya se puede tener un hijo por gestación subrogada voluntariamente sin necesidad de modificar la ley. Una mujer se puede quedar embarazada y dar a su hijo en adopción. La ley se quiere modificar para introducir los contratos mercantiles en esta práctica y convertir a las mujeres en vasijas. ¡Qué no te engañen!Quien quiera vender la explotación y compra y venta de mujeres que lo haga en su nombre pero, por favor, no en el nombre de los gays, que somos millones, diversos y no todos hemos abrazado el gaypitalismo, la desmemoria y el salvajismo. Yo no sería capaz de explicarle a mi hijo que lo obtuve aprovechándome de la necesidad de su madre, comprando su útero, poniendo su cuerpo a prueba con un embarazo de nueve meses y firmando una cláusula en un contrato mercantil por la que, si el producto no me hubiera convencido, tenía el derecho a devolverlo como se devuelven los productos que no nos convencen al llegar a casa. Yo no podría mirar a mi hijo a la cara para explicarle que lo compré como si fuera un producto de Zara.Sirva esta columna para gritar bien fuerte que, como hombre gay, me niego a que se esté usando mi orientación sexual para defender que los homosexuales tenemos derecho a alquilar mujeres para satisfacer nuestros deseos de ser padres. No quiero que ser gay signifique indolencia, insolidaridad, desmemoria, misoginia e insensibilidad con las mujeres, especialmente con las más pobres entre las pobres, que serán las que venderán sus úteros para que los gays ricos puedan luego vender la exclusiva de la infamia en las revistas del corazón. ¡No en mi nombre!


  qui  una  traduzione con https://translate.google.it/


Maternità surrogata: il lato più brutale di 'gaypitalismo'

Sono gay. Che specifica, perché, avendo come hanno fatto innumerevoli circoli sociali coinvolti gli uomini gay, non sapeva che la questione della maternità surrogata e la maternità surrogata è stato così trend topic per i gay. Inoltre, appena sei mesi fa io non conosco nessuno che potrebbe essere il padre attraverso questo modo amaro. Sapevo ricco famoso, ma non i gay normali con cui mi relaziono.Tuttavia, qualche mese fa, una mischia di uomini gay, di solito organizzato attraverso entità LGTB sovvenzionati con soldi pubblici a lavorare per l'uguaglianza per gay, lesbiche, transessuali e bisessuali e non per difendere la compravendita di donne metodo di inseminazione artificiale, stanno facendo un supporto tournée per convincere la società che regolano gli uteri di affitto -hanno chiamarlo "maternità surrogata gestazionale" - è quello di andare a favore della tolleranza sessuale, l'uguaglianza. Pertanto opporsi maternità surrogata, secondo questa ricca lobby gay, sta andando contro la comunità gay e di schierarsi con la gerarchia ecclesiastica.Ho preso mesi alla ricerca perplesso come gli uomini gay e rappresentanti delle organizzazioni LGBT stanno cercando di vedere che la società gay nel suo complesso crediamo di avere il diritto di essere genitori che acquistano un povero organo giocatore donna. La mia perplessità tramutata in rabbia quando penso del male che tiene organizzazioni gay lì per difendere questo modo macabra della genitorialità. Storicamente, è stato donne che per primo ha dato rifugio agli omosessuali come destinazione turistica per i gay sono stati prigioni non invasivi, dove vivono in libertà significava essere espulsi da casa con un pestaggio della dote e l'intrattenimento e la prostituzione erano l'unica opportunità di lavoro se si voleva zigzagando marginalità.Le donne sono stati i primi alleati di omosessuali. E 'stato il femminismo che ci ha accompagnato alle prime dimostrazioni negli anni '80 e '90 per la parità dei diritti e della parità di matrimonio. Sono stati loro che hanno protetto i loro figli gay di risparmiare loro un pestaggio. Erano donne del Congresso che hanno difeso il nostro diritto a sposarsi, ad essere cittadini di prima, e che ha fatto più pressione all'interno dei partiti progressisti finalmente la Spagna ha avuto una legge sul matrimonio e l'adozione dei più avanzati al mondo.Nonostante tutto questo, molte entità LGTB hanno dimenticato troppo in fretta e, non appena hanno avuto la prima occasione, sono stati collocati nei confronti delle donne e del movimento femminista, perché il loro desiderio di essere genitori è il diritto delle donne circa la loro corpo. Egli sostiene che militante 'absurdismogay' a parte il fatto che una donna accetta preñarse per un uomo ricco di essere il padre è un atto di libertà, prostituire il significato di una parola così solenne e bella come la libertà.Entrambi credono che la libertà è quello di decidere se vogliamo una camicia Zara rosso o verde, molti attivisti gay hanno dimenticato che la libertà non è un atto individuale, ma un impegno collettivo per il benessere e la dignità della nostra società. Cioè, ci sono persone che accettano il lavoro 10 ore al giorno al di sotto del salario minimo è un atto di necessità, ma in nessun caso di libertà. Non la libertà perché accettare carica al di sotto del salario minimo sta legittimando che i datori di abbassare i loro salari ad altri lavoratori che percepiscono salari più alti. Se la libertà è usato per l'omicidio, impoverire, violano i diritti umani o di trasformare le persone in oggetti, è selvaggio e non un diritto.capitalismo selvaggio cerca di convincerci che le donne sono vendibili e conveniente, privandoli dei loro Hows valore esseri umani e rilasciando un messaggio che, come stanno le cose, ogni violenza contro di loro è comprensibile, legittima, socialmente accettabile e legislativamente regolamentato. E le associazioni gay, invece di difendere quelli che erano i suoi primi alleati, le donne prendono il lato del sistema capitalista che accetta solo la diversità e dei diritti con carta di credito. Mentire a piangere.In Spagna si può già avere un figlio da maternità surrogata volontariamente senza cambiare la legge. Una donna può rimanere incinta e dare il bambino in adozione. La legge deve essere modificata per introdurre contratti commerciali in questa pratica e trasformare le donne in vasi. Non fatevi ingannare!Chi vuole vendere la fattoria e la compravendita di donne che lo fanno per loro conto ma per favore, non in nome di gay, ci sono milioni, diversi e non hanno tutte abbracciato il gaypitalismo, dimenticanza e ferocia. Non sarei in grado di spiegare a mio figlio che ho preso approfittando della necessità di sua madre, l'acquisto di suo utero, mettendo il test corpo con una di nove mesi di gravidanza e la firma di una clausola di un contratto commerciale per cui, se il prodotto io non ero convinto, aveva il diritto di ritorno, i prodotti che non ci convincono per tornare a casa vengono restituiti. Non potevo guardare mio figlio in faccia a spiegare che ho comprato come se fosse un prodotto di Zara.Servite questa colonna per gridare ad alta voce che come un uomo gay, mi rifiuto di essere che si sta utilizzando il mio orientamento sessuale di sostenere che gli omosessuali hanno il diritto di assumere le donne per soddisfare il nostro desiderio di essere genitori. Io non voglio essere gay significa pigrizia, mancanza di solidarietà, la dimenticanza, la misoginia e l'insensibilità alle donne, specialmente i più poveri tra i poveri, che sono quelli che vendono i loro uteri per i gay ricchi possono poi vendere l'infamia esclusivo riviste. Non nel mio nome!

06/03/17

non è mai tardi per fare coming out la storia di Roman Blank un bisnonno a 95 anni.


in sottofondo  Il coming out di un bisnonno a 95 anni. Roman Blank racconta su Youtube il suo desiderio di avere qualcuno accanto
da L'Huffington Post | Di Silvia Renda
Pubblicato: 05/03/2017 14:18 CET Aggiornato: 05/03/2017 14:47 CET





Roman ha due figli, cinque nipoti e un pronipote. Per 65 anni ha vissuto al fianco della moglie Ruth, alla quale era legato da un profondo affetto. Lei gli è rimasta accanto anche quando, dopo la nascita del loro secondo figlio, ha scoperto che il marito era gay. Il segreto divenne condiviso, ma comunque attentamente tenuto nascosto, per salvare le apparenze, per non far del male a nessuno, lasciando Roman cadere in una spirale di silenzi, che per decenni gli hanno dato la sensazione di vivere rinchiuso in una gabbia.
Aveva 5 anni quando ha capito di essere gay, a 95 ha chiamato a raccolta nipoti e figli e finalmente ha deciso di fare coming out. Lo racconta Roman in un'intervista apparsa su Youtube, nella quale si confronta con un ragazzo, riportando l'episodio: “Volevo solo che il mondo sapesse. Ho detto loro di esser nato e di esser stato, per tutta la mia vita, gay. E loro hanno capito".
Ne parla quasi con serena rassegnazione. Con la tranquillità e la leggerezza che segue la sollevazione da un peso, al tempo stesso con la malinconia e il rammarico di non poter sapere quale corso avrebbe avuto la sua vita se quel passo l'avesse fatto prima.
È orgoglioso di sé, orgoglioso di esser riuscito a farlo. Lo dice con energia, come a rimarcare il fatto che non biasima se stesso per aver aspettato tanto, perché non è dipeso da lui. Tono e atteggiamento tradiscono la necessità di dover convincere se stesso prima degli altri di questo punto.
"Puoi immaginare cosa significhi vivere rinchiuso per 90 anni?", chiede al suo interlocutore. Ora che lui non lo è più, non sa bene come vivere il tempo che gli resta. "Vorresti fidanzarti con qualcuno?", gli chiede il ragazzo. Lui porta la mano al viso, nascondendolo, e un po' imbarazzato risponde "sì".
“Sarò molto onesto", spiega, "Non ho bisogno di altri legami fisici o mentali. Ma li desidero. Voglio andare a dormire con qualcuno accanto, non per chissà quale motivo, solo per sapere che a qualcuno importa di me. Riesci a capirlo?".

29/01/17

Un libro per combattere l’omofobia e la violenza sulle donne

"Canzoni contro l'omofobia e la violenza sulle donne" di Cristian A. Porcino Ferrara


 è un saggio ben strutturato e, come sempre, scritto bene. Inoltre c'è l'elemento della novità: nessuno ha trattato due temi così delicati e importanti attraverso l'analisi dei testi di celebri canzoni.
Porcino Ferrara, filosofo e scrittore indipendente, ha creduto fortemente nell'uscita del libro nonostante i diversi apprezzamenti ricevuti da editori non disposti, però, ad investire economicamente su di un libro che si occupa dei cosiddetti “perduti della storia” (definizione racchiusa nella prefazione di D. Tuscano). Una scelta vittoriosa, quella del nostro autore, se pensiamo che il libro ha ottenuto anche il plauso della senatrice Monica Cirinnà. L'autore ricostruisce le vicende storiche che si celano dietro la tardiva emancipazione dell'universo femminile a causa di una società maschilista e aggressiva, spalleggiata, quasi sempre, dai rappresentanti religiosi (anch'essi, ahimè, maschi!). Inoltre si affronta con competenza la radice dell'intolleranza omofobica e le relative aggressioni a chi ha un orientamento sentimentale diverso dal proprio. A conclusione del libro si trova un progetto educativo per sensibilizzare gli studenti delle scuole sulle diverse forme di affettività. Cristian insiste nel sostenere che la violenza e l’intolleranza sono manifestazioni proprie dell'ignoranza, e di conseguenza vanno combattute con la conoscenza. Un testo che, a parer mio, deve essere letto proprio per contrastare comportamenti e situazioni ancora così frequenti nella nostra società. È notizia di questi giorni di una nuova aggressione omofoba a Milano, e della legge votata in Russia che depenalizza la violenza domestica su donne e bambini. In tal senso il viaggio dentro la storia operato da Porcino Ferrara si fa ancor più illuminante per noi lettori. Dunque auspicando una rapida diffusione del volume vi esorto alla lettura di un libro così tanto sentito e ispirato.



(Federica Giuliani)



Il libro può essere ordinato presso le librerie Mondadori e Giunti oppure acquistato su Amazon al seguente link:

22/01/17

L'altro 27 gennaio giornata della memoria seconda puntata l'omoolocausto

 Nonostante  il mio intento sia  chiaro   fin  dalla puntata   precedente  e  dagli altri  post    sulla  giornata  del  27   gennaio  2017     faccio per  chi  dovesse   leggere    ,  non avendo letto  o  letto  male t precedenti post   a  tale  argomento  .

L'Olocausto degli ebrei europei fu l'aspetto più tragicamente macroscopico   ed    eviente   del pensiero razzista portato alle sue estreme conseguenze. L'intolleranza verso "il diverso da se" che è l'elemento fondante di ogni razzismo venne applicato in primo luogo verso gli ebrei ma non soltanto verso di loro. Il numero delle vittime ebree e la scientificità con la quale i tedeschi perseguirono lo sterminio totale ha meritato l'uso del termine "Olocausto", oggi con più esattezza denominato "Shoah". Infatti  secondo  / A fianco dell'Olocausto si manifestarono altri orribili crimini frutto di quello stesso razzismo che generò la "Soluzione Finale". Altri gruppi di individui, altre etnie vennero individuate come inferiori dai nazisti e contro di esse furono perpetrati crimini abominevoli. In primo luogo i nazisti considerarono "inferiori" i popoli slavi e ciò si tradusse nel tentativo di annientamento dei polacchi e nell'assassinio - in disprezzo di ogni regola di guerra - di circa 2.000.000 di prigionieri di guerra russi.

Dopo  questo  spiegone     facoltativo   veniamo  al post  d'oggi  .  Iniziamo   con  elenco  di siti   da  cui  ho tratto   e ricavato  l'articolo    che trovate  sotto    




fin quando ci saranno persone     come  lui ( evito di scrivere  altro  sia per  abbassarmi al  suo livello , sia  per  evitare   di finre  in tribunale  con l'accusa  di vilipendio   alle istituzioni   in quanto  SIC   il potere    ha il coltello dala  parte del manico  sia perchè  è come  sparare sulla  croce  rossa   ) 


 continueranno   a negare  l'olocausto  dei gay e lesbiche io , come  ho detto  più volte in questi 13 ani di blog    e  in post  recenti  

Risultati immagini per omosessuali nei lager
In secondo luogo l'intolleranza razzista si esercitò verso i deboli: i malati di mente, gli incurabili, i disabili. Per queste persone venne varato il "Progetto T4", meglio noto come "Progetto Eutanasia" che condusse alla morte circa 70.000 cittadini tedeschi. La stessa idea secondo la quale esistevano "vite indegne di essere vissute" portò alla persecuzione in tutta l'Europa occupata dei Sinti e dei Rom, vale a dire degli zingari che a decine di migliaia vennero fucilati o mandati alle camere a gas dei campi di sterminio. Infine il razzismo tedesco si volse contro gli omosessuali contro i quali il secolare pregiudizio era ben radicato nella società tedesca e  non   solo  .

« Anche gli omosessuali sono vittime dimenticate del regime nazista. Quanti siano stati condannati e internati nei lager non è noto , sia per la distruzione di parte degli archivi, sia perché molti di loro come altre categorie di perseguitati dai nazisti, sono stati catturati dalla Gestapo e fatti sparire in base al decreto Nacht und Nebel ("Notte e nebbia") emanato da Hitler il 7 dicembre 1941, con lo scopo di eliminare i "soggetti pericolosi per il Reich", senza lasciare traccia »(Giorgio Giannini in Vittime Dimenticate) .le  testimonianze  di : 1) Pierre Seel (Haguenau, 16 agosto 1923 – Tolosa, 25 novembre 2005) uno scrittore francese il quale  fu l'unico omosessuale francese ad avere testimoniato a viso aperto la deportazione delle persone omosessuali ad opera del nazismo.  2) Heinz Heger era uno studente ventiduenne dell'Università di Vienna senza alcun impegno politico, non era membro dell'associazione studentesca nazista né di qualsiasi altra organizzazione.Cresciuto in una famiglia cattolica osservante ciononostante trovò in sua madre comprensione e accettazione per la sua omosessualità. Heinz non fece mistero con nessuno della propria omosessualità e gli effetti non tardarono a manifestarsi. Infatti  oltre  a  finire  nei lager  nazisti con la liberazione dei campi da parte degli Alleati paradossalmente  e  gli come   tutti  i triangoli rosa  (  vedere  url  sopra   citati  )   non riacquisto la libertà ,  in quanto  gli  Americani ed Inglesi non considerarono gli omosessuali alla stessa stregua degli altri internati ma criminali comuni.
27-gennaio-giorno-della-memoria-600x250
In più non considerarono gli anni passati in campo di concentramento equivalenti agli anni di carcere. Ci fu così chi, condannato a otto anni di prigione, aveva trascorso cinque anni di carcere e tre di campo e per questo venne trasferito in prigione per scontare altri tre anni di carcere.> Si stima che, tra il 1933 e il 1945, furono arrestati circa 100.000 omosessuali. Dal momento che i registri sono incompleti, non sapremo mai quanti finirono nei campi di concentramento. Devono essere stati molte migliaia. Nei campi, i prigionieri gay erano trattati come la feccia della feccia, disprezzati dalle guardie SS -ma anche dagli altri detenuti. Infatti  gli abusi  compiuti  verso di loro  da  i medici nazisti (  il più noto  è Josef Mengele ) non furono mai citati durante il processo di Norimberga e nessuno dei dottori nazisti coinvolti venne perseguito.I gay erano ultimi tra gli ultimi, paria in quell'universo mostruoso che era il lager. Molti di loro vennero castrati, alcuni addirittura su propria richiesta, per dimostrare al regime l’intenzione di “guarire dalla malattia” e sperando così di tornare a casa. Molti altri vennero usati come cavie per esperimenti clinici, come l’impianto di una ghiandola artificiale di testosterone che, nelle intenzioni dei macellai del Reich, avrebbe dovuto sanare la devianza omoaffettiva. Centomila omosessuali furono coinvolti dalle purghe naziste: 60mila scontarono la pena (dai 5 ai 10 anni) in carcere, dai 10 ai 15mila furono internati nei campi di concentramento. Numeri importanti di un Olocausto dimenticato. I crimini nazisti contro l’omosessualità non devono essere dimenticati. Se non ricordiamo noi le vittime gay, chi lo farà? Molti monumenti, film e musei non menzionano nemmeno la vicenda dell’imprigionamento e assassinio degli omosessuali. fanno eccezione   due  film diretti  :   Bent  e il  rosa nudo
 e alcuni film   che trattano il tema dell'omosessualità nei lager  nazisti e  leggi   ed  le  persecuzioni  fasciste   in maniera indiretta  in particolare   la  finestra  di fronte  se poi qualcuno\a   ne  conosce altri mi faccia  sapere

 Non  riesco   a  scrivere  oltre  per  via  delle  lacrime e  gi orrori  che ho letto nella  consultazione dei siti    sopra  riportarti e  chi  si  sono accumulati  in  seguito  alla  ricerca  e lettura  di articoli   sugli   altri olocausti 


28/09/16

La storia di Isabel e Federica: ieri suore, oggi spose Il rito civile sarà celebrato a Pinerolo: “Dio vuole persone felici”














Leggi anche



antonio giaimo 

La sposa ha 44 anni, una laurea in Filosofia e la vita intera passata nelle missioni del mondo. Anche l’altra sposa si è sempre dedicata ai poveri ed ai tossicodipendenti, da Roma all’Africa. Si sono conosciute durante un viaggio pastorale, essendo entrambe due suore francescane. Ma oggi Isabel e Federica si sono unite in matrimonio a Pinerolo. Perché hanno capito di amarsi. 
«Dio vuole le persone felici, che vivano l’amore alla luce del sole», dice Isabel. «Chiediamo alla nostra chiesa di accogliere tutte le persone che si amano», dice Federica. Sono molto timide, molto forti. E chiedono di non dire altro. 
L’unione civile è stata celebrata dal sindaco del Movimento 5 Stelle Luca Salvai in municipio, la seconda da quando è entrata in vigore la legge. Ma ci sarà anche una funzione religiosa, e forse davvero non poteva essere diversamente. Verrà officiata dalla persona che meglio di tutte conosce la storia di Isabel e Federica. Come è nato il loro amore? «Come tutte le storie d’amore del mondo» risponde don Barbero. «Lentamente. Conoscendosi. Capendo, infine, di provare un sentimento profondo. Sarà bello averle qui nella nostra comunità di ascolto e preghiera». 
Due ex suore si sono sposate oggi, altro non è che una storia d’amore


Il commento di Niccolò Zancan sulla storia delle due ex suore che si sono sposate oggi a Pinerolo, in provincia di Torino.



Non è corretto chiamarlo don. Perché Franco Barbero dopo numerosi processi ecclesiastici, nel 2003 ha ricevuto da Papa Giovanni Paolo II la sospensione a divinis, che di fatto lo ha messo fuori dalla Chiesa cattolica. All’origine della scomunica papale ci sono proprio le sue posizioni sui matrimoni omosessuali. «Ma io continuo a sentirmi un prete fino alla punta dei capelli - dice - amo la mia chiesa, faccio il prete tutto il giorno a tempo pieno. Scrivo dei libri, curo un blog, sono in contatto con tantissimi sacerdoti che la pensano come me. Ed è proprio attraverso la rete che ho conosciuto anche Isabel e Federica». 
Sono coetanee. Una è italiana, l’altra è sudamericana. Il fatto che Isabel qui in Italia abbia solo un visto turistico ha reso necessario accelerare le pratiche per la cerimonia. «Sono due persone belle, con due lauree importanti. Persone di fede intensissima. Si sono conosciute tre anni fa. La loro è stata una decisione pregata. Hanno riflettuto a lungo, è stato un cammino tormentato. Hanno preso la loro decisione con coraggio, sapendo che non sarebbe stata molto condivisa». Molto? «Posso assicurare che non tutti sono stati contrari. Sono state criticate, ma anche capite da alcune consorelle. Così come ci sono tantissimi preti buoni che non condannano questo genere di scelte. E devo aggiungere, per la cronaca, che non è neppure la prima volta che mi capita di sposare due suore». 
Quest’anno Franco Barbero ha celebrato 19 matrimoni omosessuali. Quello di Isabel e Federica sarà il ventesimo. Il rito consiste nella benedizione della coppia. Una messa lunga e partecipata, con liberi interventi e ricordi. Le spose hanno chiesto l’anonimato. Vorrebbero che questo loro sogno coraggioso rimanesse riservato. «Non è pudore, ma paura dei pregiudizi. Non vogliamo diventare delle celebrità, ma vivere serenamente insieme e trovare presto un nuovo lavoro. Usciamo dal convento, ma non lasciamo la Chiesa e non dimentichiamo la fede». 
Stanno distribuendo i loro curricula. Diplomi, lauree, esperienze fatte in Italia e nel mondo. Della loro speranza di una vita nuova, si è già fatta carico la Cgil di Pinerolo. «Ma qui non si tratta soltanto di trovare un lavoro e uno stipendio, ma di un progetto di inclusione. Le due donne hanno una grande esperienza nell’insegnamento, vedremo... ». Così parla il segretario Fedele Mandarano. Che poi aggiunge: «Grazie alla legge Cirinnà si aprono scenari che non eravamo abituati a vedere. Ben venga questa apertura mentale!». 
Per arrivare a questa giornata di festa, Federica e Isabel hanno dovuto fare tutti i passaggi formali in Vaticano per farsi togliere i voti e lasciare il velo. Ma all’ex suora italiana resta ancora il compito forse più difficile. È nata in un piccolo paese del Meridione italiano: «Non solo dovrò dire a mio padre che non sono più suora, ma anche che sono felice di sposarmi con Isabel».

30/06/16

ProVita minaccia punizioni divine per chiunque non discrimini o disprezzi i gay

Leggendo   le  abberranti     dichiarazioni   di  Francesca Romana Poleggi   del movimento  pro  vita  che  mi  fanno dubitare  e  chiedere   come   certa  gente  si definisce  cristiana   se  poi   nelle  loro dichiarazioni  ( in  questo caso )  ed  omelie    c'è  un odio    cosi  viscerale   verso  i figli della  luna  ,   cioè quelle  persone    che   vengono chiamate  : 1)   frosci, culattoni  , ecc  ., 2)     diversi  . Mi chiedo  aggiungendo   all'interrogativo dell'amico 


Luigi Agus Questa donna è oscena e scandalosa. Come può la chiesa permettere a degli eretici fanatici di pubblicare queste immonde schifezze. Sono allibito. Se l'arcivescovo ha deciso la censura e il silenzio per quel prete ignorante evidentemente c'erano davvero gravi ragioni.

come mai le  alte  grarchie  compreso il pontefice non intervengano  o ammonendoli  ,  o sospendono  a  divinis   mentre  fin ora  (  fatta  eccezione per  papa  francesco che è da poco al  soglio pontificio  )    si  è solo intervenuto solo per chi  interpretava ,   perchè le  sacre  scritture  vanno interpetrate  e non riportate alla lettera ,  in maniera  libertaria   come   : i cattolici del  dissenso e   progresssisti , teologia della  liberazione , ecc 
Ora capisco essere  contro  gli  omossessuali e  i Lgtb per  la  famiglia tradizionale  cioè maschio  - donna  ,   insomma essere  chiusi  e  arrocati su  posizioni  ormai  stantie  e  anti storiche   del  tipo  : <<   non vuole capire che ,dal medioevo ad oggi c'è differenza tra " peccato" e "reato".A Rocco Buttiglione non distinguere i due sostantivi è costato il posto di Commissario Europeo.  >>   un commento  su  Gayburd.blogspot.it

Ho   già detto    troppo  a  voi   aggiungere  qualcosa anche   conro  le mie opinioni    se  vi và  ,  ma  in maniera costruttiva  e rispettosa  mi raccomando )  a quanto dicie  la  tipa  in questione  





Leggi anche :

Adinolfi attacca i vescovi: «Se non dite che i gay meritano la morte, fate propaganda lgbt» 
Benedetta Frigerio fondatrice delle Sentinelle in piedi 

   da  Gayburd.blogspot.it del 27\6\2016

 ProVita minaccia punizioni divine per chiunque non discrimini o disprezzi i gay


 


È un articolo [  il rtesto integrale  delle  sue    abberranti  dichiarazioni   ] firmato da Francesca Romana Poleggi a mostrarci come all'associazione ProVita interessi solo la legittimazione dell'odio che può essere tratta da una lettura distorta della Bibbia e non il messaggio di amore universale che non appare utile a portare consensi politici ai partiti di estrema destra.
È noto come la donna non abbia mai avuto particolare preoccupazione verso quelle persone che rischiano di essere massacrate di botte per il solo fatto di esistere. Anzi, spesso si ha l'impressione che voglia giustificare quelle violenza dato che la sua attività principale è il cercare di sostenere che quelle persone debbano essere ritenute "sbagliate" solo perché diverse da lei. Ed è così che si parte dal negare l'esistenza stessa dell'omofobia, ossia i quella forma di disprezzo che lei è solita propagandare attraverso i suoi articoli:


L’omofobia è la scusa per imporre il diktat del pensiero unico, per chiudere la bocca a chiunque pensi che i rapporti omosessuali siano contronatura. La massima comprensione e misericordia per tutti gli esseri umani, di qualsiasi orientamento non si discute: siamo tutti più o meno lussuriosi, chi in un modo, chi nell’altro.
Qualcuno potrebbe farle notare che la sua "misericordia" potrebbe tenerla per sé stessa anziché cercare di utilizzare quelle parole come forma di offesa. Ma si sa che la formulazione dei suoi articoli mira a risultare il più offensiva possibile quasi si volesse cercare di armare la mano di un qualche folle pronto a tramutare in violenza fisica quel disprezzo. Purtroppo viviamo in Italia e queste posizioni non solo non vengono sanzionate, ma la Poleggi viene finanziata dallo stato per sostenere la sua crociata contro i cittadini attraverso il riconoscimento come "onlus" alla sua associazione di propaganda politica anti-gay.

La donna si affretta a sostenere che l'omosessualità sia un peccato e che non ci sia nulla di male nel disprezzare gay e lesbiche. Scrive:


Ma come al solito una cosa è il peccatore pentito, che Dio perdona “70 volte 7”, una cosa è il peccato, che va condannato sempre. Ormai, però, nonostante (ancora) non ci sia una legge che lo preveda, l’omofobia già de facto è considerata reato. Un reato dai contorni quanto mai sfumati, adatto a condannare chiunque per qualunque motivo. Anche un prete che predichi dal pulpito il Vangelo. Di questi tempi, di preti che predicano la Parola di Dio ce ne sono rimasti pochi. Quei pochi, però è bene che tacciano per sempre.
E finché la loro condanna viene dagli attivisti LGBTQIA(…) e i loro reparti cammellati della Gaystapo (mass media in testa) non ci sorprende. Ma se capita che alti prelati, come l’Arcivescovo di Cagliari, S.E. Arrigo Miglio, stigmatizzino le omelie di un sacerdote, Don Massimiliano Pusceddu, che ha detto solo la verità e ha letto la lettera di San Paolo ai Romani, beh, questo è triste e dà da pensare.
Il riferimento è a don Pusceddu e alla predica in cui il sacerdote sosteneva che i gay non possono avere fede in Dio e che è Dio a sostenere che «meritino la morte» per il solo fatto di esistere. Parole insensate a cui il vescovo ha risposto fornendo una corretta lettura del brano citato dal sacerdote, ma evidentemente a ProVita non interessa la verità ma solo l'odio che è possibile legittimare attraverso una lettura letterale della Bibbia. Ed è così che un prete rinviato a giudizio per violenza privata (se ne andava in giro armato con una pistola a massacrare di botte i parrocchiani) viene indicato come la massima espressione di cristianità nel nome della legittimazione all'odio anti-gay che era in grado di fornire attraverso una lettura decontestualizzata della Bibbia (al pari di chi usava quelle pagine per legittimare la schiavitù o la segregazione razziale).

Con il vittimismo che contraddistingue un'associazione che sostiene che i gay siano persona malvagie che non si lasciano discriminare in silenzio, la donna aggiunge :


Il prete è stato ridotto al silenzio: lui obbediente, si adegua e tace. Gentilmente ci ha fatto sapere che non parlerà con noi. Il suo account su You Tube è stato sospeso.
La predica incriminata a tutt’oggi si può ascoltare qui : chissà se anche da qui sarà presto censurata…
L’ex parroco di Vallermosa, come potete sentire, ha detto una serie di ovvietà su famiglia, gender, unioni civili che sono una minaccia alla famiglia, e ha letto un passo della Lettera di San Paolo ai Romani, che recita: “[24]Perciò Dio li ha abbandonati [agli uomini che soffocano la verità nell’ingiustizia, di cui al v.18] all’impurità secondo i desideri del loro cuore, sì da disonorare fra di loro i propri corpi, [25]poiché essi hanno cambiato la verità di Dio con la menzogna e hanno venerato e adorato la creatura al posto del creatore, che è benedetto nei secoli. Amen.
[26]Per questo Dio li ha abbandonati a passioni infami; le loro donne hanno cambiato i rapporti naturali in rapporti contro natura. [27]Egualmente anche gli uomini, lasciando il rapporto naturale con la donna, si sono accesi di passione gli uni per gli altri, commettendo atti ignominiosi uomini con uomini, ricevendo così in se stessi la punizione che s’addiceva al loro traviamento. [28]E poiché hanno disprezzato la conoscenza di Dio, Dio li ha abbandonati in balìa d’una intelligenza depravata, sicché commettono ciò che è indegno, [29]colmi come sono di ogni sorta di ingiustizia, di malvagità, di cupidigia, di malizia; pieni d’invidia, di omicidio, di rivalità, di frodi, di malignità; diffamatori, [30]maldicenti, nemici di Dio, oltraggiosi, superbi, fanfaroni, ingegnosi nel male, ribelli ai genitori, [31]insensati, sleali, senza cuore, senza misericordia. [32]E pur conoscendo il giudizio di Dio, che cioè gli autori di tali cose meritano la morte, non solo continuano a farle, ma anche approvano chi le fa“.
In grassetto viene indicato il passaggio volto a sostenere che Dio voglia la morte dei gay, ma anche di chi li approva e non li condanna moralmente. È l'ennesimo uso strumentale della Bibbia per fini politici da parte di un'associazione che deliberatamente cerca di alimentare l'odio verso i gay promettendo fantomatiche punizioni divine dinnanzi a chi non aderisca alla loro ideologia. Un insulto quotidiano che gay e lesbiche devono ricevere da persona violente che abusano della religione per sostenere diffamazione e offese gratuite nella più totale impunità.

Dice poi la Poleggi:


Ovviamente nel contesto – che qui è un po’ complicato riprodurre per intero – si capisce che si intende la morte eterna, cioè la conseguenza del peccato “mortale”. La quale consegue solo se il peccatore è impenitente, cioè rifiuta la – famosa – misericordia di Dio, che presuppone il pentimento, che presuppone il riconoscimento – nel profondo del cuore – della propria debolezza e del proprio peccato.
E così, da un lato, la Gaystapo è andata denunciando l’omofobia del prete che secondo loro vorrebbe “l’uccisione di tutti gli omosessuali” (falsi e in malafede quelli che hanno rilanciato la notizia in questo modo distorto).
Si noti che fra i falsi e i disonesti viene fatto rientrare anche il vescovo, dato che non conta tanto quello che è scritto nel libero ma solo quanto è stato detto e letto durante l'omelia. Casomai potrebbe apparire falso e disonesto chi aggiunge elementi mai pronunciati in quell'occasione per cercare di assolvere un sacerdote dalle sue colpe. Ma si sa che qui si è nel campo ella propaganda e si spergiura la propria verità senza farsi troppo problemi di quanto sia effettivamente reale.
Si noti anche l'abuso che l'associazione ProVita è solita fare della parola «ovvio». Per loro è tutto ovvio. È ovvio che i gay sono cattivi. È ovvio che i gay valgano meno di loro. È ovvio che il loro amore non debba essere riconosciuto. È tutto ovvio perché si è dinnanzi a gente che vuole proporsi come una verità rivelata, sostenendo peraltro di essere "cristiani". Peccato che i comandamenti dicano di non pronunciare il nome di Dio invano e gente che attribuisce a lui ogni suo più perverso pensiero è gente che ostenta la sua lontananza dal messaggio di Gesù.

In conclusione la donna aggiunge:


Il Vescovo, dal canto suo, ha censurato… San Paolo. Il quale, poveraccio, potrà anche essere accusato di omofobia, ma andrebbe notato che non fa sconti a nessuno: ammonisce “senza discriminare” sia gli etero che gli omosessuali; San Paolo inoltre, condanna i rapporti sessuali contronatura: se per gli etero sono un optional, ma per gli omo sono una scelta obbligata, beh, questo non è colpa né di San Paolo, né di Don Pusceddu.
Mai affermazione è stata più falsa. Non solo bisogna notare come la signora Francesca  Romana Poleggi dia per scontato che le sue perverse fantasie su cosa avvenga nel letto di una coppia gay siano verità rivelata, ma anche perché bisogna comprendere cosa sia contro natura. È contro natura una donna che dedica la sua vita all'odio verso il prossimo, non certo l'amore di due persone che mettono a frutto la sessualità che Dio ha donato loro. Ma forse chi è accecato dall'odio non potrà mai comprendere l'amore.





18/06/16

odio i tormentoni ma ... quando meritano . il caso dell'amore merita di Simonetta Spiri, Greta Manuzi, Verdiana Zangaro e Roberta Pompa

Di solito odio i tormentoni  , ma  quanndo sono belli  e  d'ottima fattura    testo e  ritmo   indipendentemente dal genere  musicale  , preferisco  lasciarmi  prendere  d'essi  .  Un altro tormentone  oltre quello  che  ho usato qualche  giorno fa per  rispondere    alle  consuete  domande  che mi vengono rivolte   nonostante le  FAQ    ( d'amore  e  altre cose  irreversibili di floriana  cangiano   in arte  flo  )  ce n'è   un altro   (  l'amore merita  )   di  cui  ho posto sempre  qui    su queste pagine   il video  .
Tale  canzone mi è piaciuta   parecchio  e chi mi conosce sia  da  vivo  sia  in rete  e  sui social   sa  che al  90 %  detesto   e trovo insipide  le  canzoni e i cantanti fuori uscite  dai  talent  ma  stavolta  devo ricredermi  . Infatti nonostante  il genere  musicale  il testo  è bellissimo   ed  ottima  ( parlo da profano  non avendo ne  fatto  uno studio serio . nè  a  scuolanè privatamente   e poi  ho un pessimo udito   ) l'interpretazione vocale  di questa  canzone





 soprattutto conoscendole  l'origine e lo  scopo


L'amore merita: intervista a Simonetta Spiri... di funweek

<< L'amore merita è un progetto >> come hanno dichiarato le  ragazze   ,oltre     che  nel  video  sopra ,   in questa  intervista   rilasciata  a  fanpage   <<     nato in un momento importante dopo la confessione di una carissima amica che mi ha raccontato le sue sofferenze e il suo percorso di vita tortuoso e incompreso da parte della sua famiglia e dei suoi amici. La sua storia e la sua voglia di affidare a me questo tipo di sofferenze mi ha dato una forte ispirazione per mettere in musica questa storia. In questo momento dell'Italia era importante portare una tematica del genere' dice Simonetta Spiri ai microfoni di Fanpage.it, la quale spiega anche come nasce l'idea di chiamare le tre amiche: 'Ho pensato che una voce non bastava, ma avevo bisogno di voci più forti, diverse ma unite, quindi ho chiamato Roberta, Greta e Verdiana e oggi siamo qui con L'amore merita' >>
Con tale  canzone  tornano, questa volta assieme, Simonetta Spiri, Greta Manuzi, Verdiana Zangaro e Roberta Pompa, quattro cantanti che hanno in comune un passato nei talent (tra Amici e X Factor) e che si sono unite per un progetto comune che unisce la musica a un messaggio sociale. le quattro cantanti, infatti, sono dietro al progetto de 'L'amore merita', una canzone che parla dell'amore universale, senza confini e che è uscito in concomitanza con il decimo compleanno di "Gay Help Line", contact center antiomofobia e antitransfobia.
Un progetto quindi  che ricorda i 10 anni di 'Gay Help Line' e che cade a fagiolo in un momento molto caldo per l'Italia  vedere le manifestazione della nuova maggioranza  sdilenziosa  \  familiy day    contro a legge  cirina  e  i ricatti a  cui   si  è dovuta piegare perchè fosse stata approvata  : <<  'Bisogna cambiare la mentalità, l'omofobia è un'eredità culturale sbagliata e quello che posso dire ai giovani è che se avremo dei figli quello che possiamo fare è regalargli una mentalità più aperta, solidale e rispettosa'. >>( sempre  da fanpage  )
Il brano è un inno a sostegno della libertà e dell'uguaglianza di tutte le persone di fronte all’amore, una canzone contro l'omofobia che esce in concomitanza   come  già detto del decimo compleanno di Gay Help Line.Il testo esprime le sensazioni di una ragazza omosessuale che ha deciso di non vivere più in silenzio l'amore che prova:

«Ora so crescere scegliere/io scelgo me stessa scelgo noi/Non sarà facile vivere ma sarà cielo senza nuvole/Perché la libertà non può costare il mio silenzio e al mondo griderò il mio segreto/E chi ama capirà l’amore non ha sesso e nessun prezzo pagherà»

«L'amore merita», come  riporta www.sorrisi.com è fiirmata da Simonetta Spiri con Luca Sala (uno degli autori di «Non è l’inferno» di Emma) e lo scrittore Marco Rettani (autore del romanzo «Non lasciarmi mai sola»), arriva accompagnata da un suggestivo video (vedi sopra), diretto da Alessandro Congiu, in cui i colori dell'arcobaleno rappresentano l'amore, la speranza e l'amicizia.Il progetto, reso possibile da New Music International, NewTone Agency e Dischi dei Sognatori, segna il ritorno di quattro voci lanciate dai talent più amati: Simonetta Spiri è arrivata al serale di «Amici» (nell'edizione 2007-08), così come Verdiana Zangaro e Greta Manuzi (finaliste dell'edizione 2012-13). Roberta Pompa, invece, ha preso parte alla settima edizione di «X Factor».Infatti sempre  secondo  SORRSI   Il loro entusiasmo ha contagiato molti illustri colleghi che nelle ultime settimane, usando l'hashtag #LAMOREMERITA, hanno diffuso sui social la notizia del progetto. Tra gli altri: Arisa, Loredana Errore, Irene Fornaciari, Valerio Scanu, Ivana Spagna ed Enzo Iacchetti. 

Non  so che altro dire  se  non buon ascolto  amanti e non  del  genere musicale e  e del tal show

28/01/16

amore tra gatti , Coppia trans si sposa e sogna un bambino ,


Amore tra gatti: la sorella è paralizzata, se ne prende cura Due gattine separate dopo lo svezzamento si ritrovano e quella che sta meglio non abbandona più la malata da http://mattinopadova.gelocal.it/padova/cronaca del 23\1\2016




















Alessia e Davide si sposano, la coppia trans sogna un bambino. Uno dei genitori paga le spese per la fecondazione


Orbetello, entrambi i partner hanno cambiato sesso. Cerimonia fissata per il 6 febbraio. Ecco come esaudiranno il loro desiderio da  http://iltirreno.gelocal.it/grosseto/cronaca/  27\1\2016 
di Ivana Agostini



Alessia  e  Davide 


APPROFONDISCI




Otto, il maialino (vegano) da passeggio sul Liston Gloria e Fabio hanno adottato un porcellino che portano in giro al guinzaglio: «Non c'è nulla di strano, è affettuoso come un cane»  http://mattinopadova.gelocal.it/padova/cronaca del 28\1\2016 di Silvia Quaranta







18/01/16

Se il cancro non aspetta la legge sulle unioni civili La storia di Marina e Laura. Tra tumore, chemio e permessi negati dallo Stato. Col ddl Cirinnà in stallo, le coppie omo non hanno diritti in caso di assistenza

Se ancora , forse sarà la paura o la diffidenza di essere strumentalizzati politicamente  , prendo   da  
http://www.lettera43.it/politica/ del 17 Gennaio 2016   la  storia   d'oggi . Ma  prima di passare  al post  vero  e proprio  ne  approfitto   per    rilanciare  , serve  l'aiuto di tutti \e  per  evitare    che  per  l'ennesima volta , un tentativo  di riforma   e  di adeguamento  alle democrazie   europee   sia   insabbiato   e  affossato  . Ma  soprattutto  a specificare  che  ,  chi mi segue da tempo sia qui che sui social sa che o dovrebbe saperlo  .  io non strumentalizzo battaglie del genere e che non lo faccio per scopi politici . Infatti avrei , se un tale decreto fosse stato fatto ( paradosso italiano ) da una persona di destra. fatto la stessa battaglia . Qui si tratta di una battaglia di civiltà oltre che etica . Perchè chi ama in maniera differente da quella canonica cioè uomo e donna non debba a vere gli stessi diritti . E poi quello che conta è l'amore non importa se Gay o etero ed è questo che voglio far capire a far capire a qui capoccioni dei family day  \  sentinelle  silenziosi   che  usano  - strumentalizzano la  bibbia     con interpretazioni    capziose  . 
Ora bado alle   ciancie  a    voi l'articolo  in qiuestione

http://www.lettera43.it/politica/
17 Gennaio 2016


Se il cancro non aspetta la legge sulle unioni civiliLa storia di Marina e Laura. Tra tumore, chemio e permessi negati dallo Stato. Col ddl Cirinnà in stallo, le coppie omo non hanno diritti in caso di assistenza.di Manlio Grossi





(© Ansa) La Corte dei diritti dell'uomo di Strasburgo ha condannato l'Italia per la mancata approvazione di una legge sulle unioni civili.

C’è un misto di delusione e rabbia nelle parole di Marina Cerulli Irelli, 45enne da anni impegnata nel settore del turismo, quando racconta la sua storia e quella della compagna Laura Lerario, costretta da diversi mesi a sottoporsi a cicli di chemioterapia.
«Se fossi stato un uomo, e quindi il marito di Laura, non avrei avuto di questi problemi».
Invece tutto è iniziato in uno dei vari controlli «che facciamo noi donne ai quali ci siamo sempre sottoposte».
E che Laura, collaboratrice parlamentare di 44 anni, aveva deciso di intensificare «perché spinta dal desiderio di avere un figlio».
Nell’ultimo, però, «la ginecologa ha visto qualcosa che non andava».
OPERAZIONI INVASIVE. È iniziato così un calvario fatto di visite mediche, due operazioni, di cui la seconda molto invasiva, e sedute di chemio.
Alle sofferenze e alle preoccupazioni che solo una situazione del genere può portare, se ne sono
aggiunte delle altre dovute a un vuoto legislativo nell'ordinamento italiano.
Nonostante le due, entrambe romane, condividano tutto da quasi sei anni, per lo Stato non esistono come coppia.
Non hanno diritti di nessun tipo, se non come singoli. 
NIENTE LEGGE 104/1992. Proprio a causa della mancanza di una normativa in materia di diritti civili Marina non ha potuto, come invece le sarebbe stato permesso se fosse riconosciuta come coniuge di Laura, usufruire della legge numero 104 del 5 febbraio 1992.
Quella che permette a un familiare di una persona affetta da una invalidità permanente o temporanea di utilizzare permessi retribuiti per dare assistenza alla persona in difficoltà.
TRE PERMESSI AL MESE. Questa possibilità di assentarsi dal lavoro per tre giorni al mese, frazionabili anche in permessi a ore, spetta a uno dei genitori, al coniuge o a uno dei parenti fino al secondo grado, esteso in situazioni particolari anche ai parenti e agli affini di terzo grado.Per la legge numero 104/92 quindi Marina, come lei stessa ripete con amarezza, non esiste.Ferie presto esaurite per stare accanto alla compagna



(© Imagoeconomica) Il ddl Cirinnà sulle unioni civili approda in Aula il 28 gennaio 2016.

Non ha potuto utilizzare questi permessi retribuiti, ma è stata comunque accanto a Laura nel momento del bisogno.
Per accompagnarla e assisterla durante i ricoveri e le sedute di chemio, Marina ha iniziato a usufruire delle sue ferie che però sono presto terminate.
«Un giorno mi sono trovata nella impossibilità di poterla accompagnare perché non avevo più giorni da prendere. Sono andata dal capo del personale e ho esposto la mia situazione».
AZIENDA COMPRENSIVA. Non le piace considerarsi fortunata, ma comunque Marina dall’altra parte ha trovato comprensione.
L’azienda in cui lavora le ha concesso permessi, non retribuiti, anziché accettare la sua proposta di passare a una tipologia di contratto part-time, sicuramente meno vantaggiosa per lei.
NON C'È TEMPO DA PERDERE. Superato anche questo scoglio, Marina ha continuato in tutti questi mesi ad accompagnare Laura nelle sue sedute, senza lasciarla da sola un attimo.
Lei il cancro lo conosce bene: si è portato via sua madre, mentre suo padre è riuscito a sconfiggerlo.
«Quando è successo a Laura, non aveva nessuna voglia di affrontare la cosa. Mi diceva di aspettare perché aveva bisogno di elaborare, ma io sapevo che non c’era tempo. Mentre lei elaborava, io mi organizzavo».
In Italia ci sono 7.513 coppie di persone dello stesso sesso

(© Ansa) Monica Cirinnà, la senatrice del Partito democratico che dà il nome al disegno di legge sulle unioni civili

La situazione che Marina e Laura stanno vivendo potrebbe però riguardare anche altri.
Secondo l’ultimo censimento Istat in Italia ci sono 7.513 coppie formate da persone dello stesso sesso.
In attesa che il disegno di legge Cirinnà venga approvato, al momento non hanno nessun tipo di riconoscimento come coppia.
Neanche quello di assistere il partner in caso di malattia.
«PRIMA ERO TUTELATA». A far crescere la rabbia di Marina c’è anche qualcosa in più.
«Ho avuto un matrimonio prima di conoscere Laura, vengo da una situazione con tutte le tutele. Io sono la stessa, solo che prima avevo il diritto a delle tutele e adesso non conto niente. Perché? A te, Stato, cosa importa con chi sto?».
Con una legge come il ddl Cirinnà in discussione in Senato il 28 gennaio, Marina e Laura potrebbero ricorrere all’unione civile e ciò darebbe loro il diritto a usufruire della legge 104/1992.
BATTAGLIA LEGALE TROPPO LUNGA. Il senso di ingiustizia le ha portate anche a pensare di intraprendere una battaglia legale per il riconoscimento di quelle tutele.
A frenarle però è stata la consapevolezza che i tempi burocratici della giustizia sarebbero stati lunghi.
E le sedute di chemioterapia non potevano certo attendere la decisione di un tribunale.


Twitter @ManlioGrossi

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget