Visualizzazione post con etichetta bambola nera The Doll Experiment :Berenice King martin luther king Brandi Benner. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta bambola nera The Doll Experiment :Berenice King martin luther king Brandi Benner. Mostra tutti i post

13/04/17

Usa bambina bianca con la bambola nera e i razzisti. Figlia di Martin Luter King: "Segno di cambiamento"

da  repubblica  di qualche  giorno fa  , mi pare  l'11 aprile  ,   ho letto questa  news

Usa, la bimba con la bambola nera e i razzisti. Figlia di King: "Segno di cambiamento"
La cassiera al negozio di giocattoli: "Prendine una che ti assomiglia di più", dice alla piccola bianca. L'episodio, postato dalla mamma su Fb, è virale. Migliaia i commenti, tra solidarietà e critiche durissime

dalla nostra inviata  FRANCESCA CAFERRI





NEW YORK - Quando la mamma le ha detto che poteva scegliere un regalo, Sofia, due anni, non ha avuto dubbi: voleva una bambola, ma non una qualunque. "Quando siamo arrivate al negozio ha scelto la bambola-dottoressa - racconta la madre, Brandi Benner - perché nella sua testa lei è già una dottoressa. Propone un controllo medico a tutti quelli che entrano a casa". Sarebbe una storia qualunque se Sofia non fosse bianca e la sua bambola-dottoressa nera. Ma le cose stanno così e la cassiera del negozio dove la bimba era con sua madre ha pensato bene di sottolinearlo.
"Le ha chiesto perché non prendesse una bambola che assomigliasse a lei - ha scritto la mamma sul suo profilo Facebook - e Sofia le ha risposto che la bambola che aveva le somigliava già: era una dottoressa, come lei. Era carina, come lei. Aveva lo stetoscopio, come lei. Mia figlia non si è fatta scoraggiare: magari un'altra bimba lo avrebbe fatto". Pubblicato venerdì su Fb, il post di Brandi Benner è diventato virale: condiviso più di 140mila volte, ha attratto oltre 19mila commenti, fra cui quello di Berenice King, figlia del reverendo Martin Luther King.



Non è una storia qualunque questa anche perché fu proprio un esperimento con le bambole condotto nelle allora segregate scuole degli Stati Uniti a portare, nel 1954, all'istituzione di scuole miste in tutto il Paese. Negli anni '40, un gruppo di psicologi usarono appunto le bambole per testare il grado di pregiudizio in cui crescevano i bambini: la netta preferenza dei bimbi - sia bianchi che neri - per le quelle bianche contro quelle scure e le parole con cui spiegavano la scelta, li spinsero ad affermare che la segregazione andava cancellata. "The Doll Experiment" fu riproposto nel 2010 da Anderson Cooper su Cnn e si capì che nell'era di Barack Obama, primo presidente afroamericano, molti pregiudizi razziali restavano intatti.



Ciò che è accaduto a Sofia acconta l'ennesima puntata della vicenda. Una bambina di due anni che non vede differenze fra sé e una bambola nera, una mamma che la incoraggia, una cassiera a cui la scena sembra assurda. Una metafora perfetta della spaccatura che attraversa la società americana oggi e che la mamma di Sofia si è trovata di fronte. Su Facebook molte le parole di solidarietà ma anche le critiche, spesso dai toni durissimi. "Non mi curo di loro - ha detto Benner - ai miei figli voglio insegnare l'amore".
Ma questa storia dimostra che per cancellare i pregiudizi ci vuole ancora tempo, anche se qualcosa si è mosso. "La scelta di questa bambina è il segno di un cambiamento che ci porterà a vedere oltre il colore della pelle e che metterà fine ai giudizi che si basano su questo", ha scritto su Facebook Berenice King.

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget