Visualizzazione post con etichetta eroe quotidiano. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta eroe quotidiano. Mostra tutti i post

23/04/17

risposta di ©Daniela Tuscano al mio post : è più eroe ......

un poliziotto    ucciso dall'Isis  o un carabiniere     che    sale  su  un tir  a  100 k.m all'ora  bloccandone   la  corsa    perchè l'autista ha   avuto   un malore 


la   risposta   al mio quesito   espresso  nel  post precedente  ( vedi url sopra  )   è  arrivata  dalll'amica compagna  di strada    Daniela  Tuscano  sulla  nostra pagina  di  facebook   ( https://www.facebook.com/compagnidistrada/  ) 



                                             L'EROE QUOTIDIANO

Su Xavier hanno scritto in tanti, com'è giusto, e il rischio di ripetersi è alto. Oppure no. Suo malgrado, il giovane poliziotto è diventato un simbolo, e certo non lo voleva. Credo di saperlo, quel che voleva: vivere; nell'anonimato dei giusti, nella compostezza della normalità alla quale tutti siamo chiamati. Aveva scelto un mestiere difficile, Xavier. Un mestiere per cui oggi ci sei, domani chissà. Specialmente di questi tempi. Ma non è forse così per ognuno di noi?
Precari lo siamo tutti. Ma viviamo, o piuttosto esistiamo, come il respiro ci appartenesse, e il mondo dipendesse da un nostro battito di ciglia. La differenza con Xavier probabilmente è tutta qui: lui, la cognizione del limite l'aveva. Sapeva, evangelicamente, che la vita umana era stata "comprata a caro prezzo". Quindi non la sprecava. Ci stava dentro, mani piedi e cuore. Se qualcosa gli mancava era il senso dell'appartenenza, del muro. Conoscere la propria realtà di umani significa costruire ponti. Significa darsi, e lui si è dato. Non mi riferisco all'epilogo del suo percorso terreno. Penso al prima, a quella normalità che l'ha contraddistinto e dovrebbe essere la cifra di tutti noi: amici, amore, lavoro, certo, ma anche e soprattutto relazioni, principi. A Xavier non bastavano la sicurezza economica e la stabilità degli affetti. La vita, nella sua pericolante vastità, esigeva altro. "I care", m'importa, avrebbe detto don Milani. Aiutare gli immigrati gli sembrava logico, doveroso. Impegnarsi per la pace, pure. Nel suo mondo non esistevano gli altri, ma un unico "noi". Era questa la cifra della sua pienezza e questo il faro che dovrebbe orientare le scelte di qualsiasi persona su questa terra. 
È vero: se occorreva la prova che l'Occidente è tutt'altro che imbelle, nichilista e snaturato (e quella dei jihadisti non è forza - né materiale, né morale - ma solo sterile ferocia), Xavier Jugele l'ha incarnata pienamente. Non era l'eccezione, bensì la regola. Ci sono tanti Xavier, ai quattro angoli del pianeta. Europei, asiatici, africani, americani. Di ogni etnia, di diverse o nessuna religione. Gente a cui importa, il cui ottimismo si sposa con una lucida visione della realtà.
Non sono pacifisti. Sono uomini e donne di pace. E, se non tutti arrivano al supremo martirio (=testimonianza) di Xavier, quest'ultimo è qui oggi, con la sua storia semplice e tragica, a dar conforto ai tanti cui, di solito, i media negano spazio. Ma senza i quali la storia umana sarebbe già finita, anzi, non avrebbe visto mai la luce.

© Daniela Tuscano
P.S.: Ho tralasciato di parlare dell'omosessualità di Xavier. Essa - hanno scritto - lo rendeva ancor più inviso ai terroristi. Le cose stanno così, ovviamente. Ma a cosa serve sottolineare un surplus d'odio? Conta la normalità. Xavier avrebbe potuto chiamarsi Paola o Kabir, amare uomini o donne, e non sarebbe cambiato nulla.

Archivio blog