Visualizzazione post con etichetta capre. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta capre. Mostra tutti i post

07/04/19

riflessioni linguistiche dopo l'uscita d'elena stancarelli sul ragazzino di torre maura

  vedo che   questo  articolo   di    https://www.tpi.it

Di Giovanni Macchi 06 Apr. 2019
“Simone non sa parlare italiano?”: la risposta del professore che zittisce Elena Stancanelli




Ha fatto molto discutere il tweet della scrittrice Elena Stancanelli, collaboratrice di diversi quotidiani italiani come Repubblica e Il Manifesto e da sempre molto impegnata nella divulgazione nelle scuole, riferito a Simone, il ragazzo che durante le proteste di Torre Maura ha affrontato in un confronto i militanti di Casapound (qui il video).
La giornalista aveva commentato sul suo profilo Twitter il modo di esprimersi del 15enne: “Per carità, il pischello di Torre Maura, che gli vuoi dire, coraggioso… ma che uno a quell’età non sappia parlare in italiano non vi fa impressione?”.
In molti, sul web e sui social, hanno risposto alla Stancanelli dandole della “spocchiosa” o ritenendo quel suo tweet particolarmente inopportuno soprattutto alla luce delle intenzioni del ragazzo di Torre Maura, il quale voleva esprimere la sua opinione, contraria a quella di molti residenti del suo quartiere alla periferia est di Roma e, soprattutto, dei militanti dei gruppi di estrema destra.
E alla fine, fra i diversi commenti, è arrivato anche l’intervento di Fabrizio Comparelli, il professore di italiano e storia di Simone. Il professor Comparelli, con un lungo post sul suo profilo facebook, è infatti intervenuto in difesa del 15enne. Ecco qui di seguito il post:
“Volevo dire alla signora Stancanelli che mi commuove il fatto che i giornalisti italiani si preoccupino così tanto della salvaguardia della lingua italiana… e soprattutto contribuiscano con interventi illuminanti e spesso risolutivi su questioni che toccano non solo le corde più intime del nostro essere umani, ma soprattutto la nostra capacità di analizzare i veri problemi della società (o delle società?) in cui viviamo quotidianamente. #simone è un ragazzo come tanti. Parla e scrive un ottimo italiano in classe. Quella fierezza, quella capacità di controbattere a delle argomentazioni poco consone non solo nella sostanza, ma espresse anche in maniera volgare dal linguaggio del corpo, mi piacerebbe poter dire di avergliela trasmessa io anche in parte infinitesimale. Ma non è così. È tutto merito suo. Io sono orgoglioso di Simone, e così tutti i miei amici e colleghi. Signora Stancanelli, io sono il professore di italiano e storia di Simone”






Anche un altro professore, Gianluca Costante, parlando con l’Ansa ha sostenuto che in quella occasione “Simone ha detto cose intelligenti e soprattutto coraggiose, esponendosi in una situazione difficile. La competenza linguistica consiste anche nel saper adottare registri differenti a seconda delle circostanze. Il ragazzo si è espresso correttamente: si rivolgeva a Casapound e non certo ad un gruppo di illustri accademici”.




  conferma    come  Elena  Stancarelli  


e  che   non mi non mi pare sappia chi è De Andre'! e      delle  sue  riflessini   sulla  lingua  italiana    e  i  dialetti



 e  non cnosca il significato  dell'album  le nuvole








25/12/13

Napoli Capretta viva in macelleria: salvata e “adottabile”

 un conto è vendere carne   ma   arrivare  a esporre in vetrina una capra  con   appena un mese di vita per  destinarla  alla  macellazione (  a far giocare il figlio e a fornire latte in età adulta secondo la versione  data dal macellaio )  ,  è un abrobrio 

 fonte unione sarda online del 25\12\2013
NAPOLI
 Era esposta in vetrina sepolta da decine di suoi simili sanguinanti e appesi a un gancio: ma era viva e vegeta la capretta chiusa nella gabbia di una macelleria dei Camaldoli, a Napoli. A salvarla la segnalazione del garante dei diritti degli animali del Comune di Napoli, Stella Cervasio, accolta dalla Asl Veterinaria che, con le guardie ambientali comunali guidate da Enrico Del Gaudio, hanno sequestrato l'animale portandolo via dal negozio.I veterinari hanno riscontrato che l'età dell'ovino - appena un mese di vita - era insufficiente per toglierlo alle cure della madre. Il negoziante, inoltre, non possedeva alcuna certificazione che attestasse né la provenienza né la tracciabilità dell'animale, requisito indispensabile per ogni singolo individuo della specie in un esercizio commerciale.«Il titolare - racconta il garante - ha sostenuto che la capretta non era destinata alla macellazione ma a far giocare il figlio e a fornire latte in età adulta e ha rifiutato di venderla a numerosi attivisti animalisti che volevano acquistarla».La polizia veterinaria sottoporrà l'animale ad analisi e visite mediche, quindi la capretta diventerà adottabile, ma solo da chi la terrà in vita non voglia farne una portata per il pranzo di Natale
.