Visualizzazione post con etichetta conoscere. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta conoscere. Mostra tutti i post

13/05/17

con droghe o senza droghe , con soldi e senza soldi ,senza o con tecnologie si è sempre viaggiato e sempre si viaggia e tutto viaggia

viaggiare  dentro di  se   senza droghe
viaggiare per  conoscere  

my play list
oltrealle  tre  canzoni   riportatenel ost   eccovene altre
VIAGGI E MIRAGGI - Francesco De Gregori
COMPAGNI DI VIAGGIO   "
21Beat - Il Viaggio 
IN VIAGGIO  CSI  
Fiorella Mannoia - In viaggio
Cesare Cremonini - Buon Viaggio 


Stamattina  Camminando  perr  andare    fare il mio cosueto turno di volontariato   alla bottega del commercio  equo   , sono capitato  davanti  all'agenzia  di viaggi  , e poi poco fa  cazzeggiando   viaggiando   virtualmdente    con il pc   e  vedendo   gli articoli  (  che  qui  sotto riprongo  )    mi è  venuto il mente  il post  d'oggi  .Infatti nonostante  non esista  angolo  del  mondo ormai   che non sia  consciuto  e d  esplorato  https://it.wikipedia.org/wiki/Esplorazioni_geografiche sia  che  si viaggi passivamente 
« Gli occidentali hanno curiosamente limitato la storia del mondo raggruppando il poco che sapevano sull'espansione della razza umana intorno ai popoli di Israele, Grecia e Roma. Così facendo hanno ignorato tutti quei viaggiatori ed esploratori che a bordo di navi hanno solcato i mari della Cina, l'oceano Indiano, l'oceano Pacifico e i mari artici, e che in carovane, hanno attraversato le immense distese dell'Asia. In verità la parte più cospicua del globo, con culture diverse da quelle degli antichi Greci e Romani è rimasta sconosciuta a coloro che hanno scritto del loro, piccolo, mondo con la convinzione di scrivere la storia e la geografia del mondo.  »
                          (   Henri Cordier 1849 – 1925  )
o attivamente si sente sempre il desiderio di viaggiare perchè

Viaggiare, è proprio utile, fa lavorare l’immaginazione. Tutto il resto è delusione e fatica. Il viaggio che ci è dato è interamente immaginario. Ecco la sua forza. Va dalla vita alla morte. Uomini, bestie, città e cose, è tutto inventato. È un romanzo, nient’altro che una storia fittizia. Lo dice Littré, lui non sbaglia mai. E poi in ogni caso tutti possono fare altrettanto. Basta chiudere gli occhi. È dall’altra parte della vita.
[Louis-Ferdinand Céline ~ Viaggio al Termine della notte]



c'è chi lo  fa :
  • con la  fantasia o osservando la  natura  che viaggia  continuamente   





  •   viaggiando    a  ritroso  del  tempo  e  nel passato  come faccio  o  almeno ci provo   riportando  storie  e  ho  fatti curiosi 
si può fare   anche  senza    droghe  



o  questa




  •   fisicamente    o  cercando  di vedere  uno stesso posto  in prospettive  diverse  .

  esempio  

La metropolitana di New York: un viaggio nel viaggio

La metropolitana di New York è un vero viaggio nel viaggio, una sorpresa ogni giorno

da http://www.ioacquaesapone.it/articolo.php?id=2473 Ven 24 Feb 2017 | di Testo e foto di Roberto Gabriele | Mondo




Ogni viaggio ha un suo sguardo, un diverso punto di vista, un incontro inaspettato. Per questo amo preparare la valigia e andare a caccia di nuovi stupori davanti alle cose che vedo; nulla è mai ovvio né scontato, neanche le cose che già conosco o i luoghi che ho già visitato. Ogni volta è una scoperta, perché nel frattempo sono io che cambio.
La metropolitana di New York non fa eccezione: è un vero viaggio nel viaggio, una sorpresa, perché quasi sempre è nuova la gente che vi si incontra... Ho scritto ‘quasi’ perchè in realtà ci sono alcune figure che sembrano far parte da sempre di quelle gallerie e appartenere ai lunghi condotti che portano nelle viscere rocciose del sottosuolo di Manhattan, quasi fossero elementi di arredo progettati insieme alla stazione.
L’UOMO DI “METRO”
È il caso dell’uomo che distribuisce le copie gratuite di “Metro”, il free magazine che conosciamo anche in Italia: la sua vita professionale inizia al mattino alle 6 quando comincia ad urlare una specie di litania che dura fino alle 9, allorché le copie del giornale sono esaurite e lui sparisce insieme a loro, dileguandosi senza riapparire fino al mattino successivo, e così per anni, per sempre… Puoi ritornare e ritrovarlo lì: stazione 34 linea BDFM.
LA FAMIGLIA COUNTRY
Se ti trovi a frequentare la Grand Central Station, nei suoi infiniti corridoi sotterranei, esattamente dove c’è il passaggio comunicante con lo “Shuttle” per Times Square, lì trovi puntualmente la musica country suonata dalla classica famiglia allargata: tre fratelli, due di questi con relative mogli che suonano la chitarra, il basso e la batteria e cantano, vestiti con camicie a quadroni, gonne a fiori e ciabatte. Cantano la vita rurale della gente del Sud.
BONO VOX NELLA SUBWAY
Ma non ci sono solo gli habitué, nella Subway puoi trovare ogni genere di artisti di strada, alcuni di loro sono dei veri professionisti e hanno uno speciale patentino che li abilita ad esibirsi: li trovi sui treni, ma possono essere dovunque, puoi vederli in un posto e il giorno dopo sentirli cantare a Broadway. E può capitare anche di incontrare gli U2, come è successo qualche tempo fa e poi postato sui social!
BURATTINI E BALLERINI ACROBATI
Ti puoi imbattere, poi, in burattinai e suonatori di fisarmonica, in ballerini-acrobati, ma anche nel disperato di turno, quello che non sa cantare, né suonare, né ballare, quello che cerca di attirare l’attenzione, parlando di sua madre tossicodipendente e del padre ucciso.
5 MILIONI DI PERSONE AL GIORNO
E poi c’è la gente… migliaia di persone in ogni treno, 5 milioni e mezzo di persone al giorno e quasi due miliardi l’anno! C’è il mondo intorno a te. Ricordo le scene del film “Il cielo sopra Berlino” di Wim Wenders, in cui un angelo era in grado di ascoltare i pensieri delle persone sulla metropolitana e capirne le infinite storie di vita. Ecco, quando sono sulla metropolitana di New York le guardo e a volte le fotografo, ma sempre le ascolto, anche nei loro infiniti silenzi. I loro corpi parlano. Osservo la gente e ne immagino le storie, proprio come nel film. Le ragazze bellissime e alte le vedi dirigersi a Chelsea, dove ci sono le Agenzie di modelle. Le immagini andare a fare un casting: le vedi in metro e potresti magari ritrovarle in un manifesto pubblicitario al rientro in Italia…
TOP MANAGER ALLA MARATONA
Puoi vedere ovunque il classico top manager nel suo look, con una borsa nera per il computer o che indossa il cappotto con lo zaino sulle spalle: va al lavoro la mattina portandosi l’abbigliamento per allenarsi dopo l’ufficio. Finito l’orario di lavoro, indossa le scarpe e la tenuta da running, mette il cappotto e il resto nello zaino e torna a casa, facendo anche 15-20 chilometri di corsa, allenamento base per la preparazione della più classica delle Maratone, quella di New York!
I ‘COLORI’ NELLA METRO
La metropolitana a New York è anche multicolor: i diversi colori della pelle mi parlano della società cosmopolita newyorkese e che non ha paragoni in nessun’altra città del mondo in termine di numero di etnie.
DA MANHATTAN AL BRONX E RITORNO
Per allontanarmi da Manhattan, ombelico del mondo, prendo la linea 4 o la 5 e me ne vado nel Bronx, dove conosco qualche posticino poco turistico nel quale scoprire la faccia più vera della città. La via del ritorno sulla metropolitana ha il fascino di una scena che si ripete: io unico bianco circondato da un treno di blacks e qualche portoricano. Pochi orientali e quasi tutti neri. Si muovono a famiglie intere, mamme con due o tre figli oppure gruppi di amici adolescenti, ma sempre insieme. Ci trovi i rappers, quelli più distinti e le facce tipiche delle donne che vanno a fare le pulizie in qualche ufficio a Wall Street. La cosa più bella è osservare lo “sbiancamento” del colore medio della pelle dei passeggeri man mano che il treno si avvicina a Manhattan e poi a Downtown. I neri scendono e i bianchi salgono: quel treno unisce il quartiere più povero e quello più ricco della città, è un treno democratico, uguale per tutti, e che accompagna ciascuno nella propria vita.
VICINO ALL’INFERNO
L’aspetto che mi piace di più della metropolitana di NYC è il suo fascino decadente che non le vieta di essere efficientissima in tutto. Credo che sia la rete più fatiscente che io abbia mai visto in un Paese occidentale: è sporca, gli interni non sono minimamente curati e la manutenzione che viene fatta è solo tecnologica, senza nulla di estetico. Non è raro imbattersi in topi giganti anche in pieno centro, si trovano travi arrugginite e perdite di acqua provenienti non si sa da dove, cartacce e bicchieri di cartone, scatole di pizza e coperte puzzolenti abbandonate dagli stessi clochard per quanto erano inservibili. Qui si dimenticano i fasti e le decorazioni della metropolitana di Mosca, la modernità e l’arte di quella di Napoli, o la pulizia di quella di Berlino. Qui sei vicino all’inferno, anche per il caldo umido che provi tutto l’anno, per il rumore assordante dei treni e dei loro condizionatori. Eppure questa città, senza la sua fetida Subway non sarebbe così bella.
STAZIONI DI PERIFERIA
Adoro perdermi nelle stazioni di periferia, quelle più isolate, dove ti trovi da solo ad aspettare un treno o dove scendi e hai l’impressione di essere inseguito dai passi silenziosi di un serial killer. Sono quelle stazioni sopraelevate che trovi a Brooklyn, nel Queens o a Coney Island, dove ti rendi conto di essere nella Little Mosca e dove i negozi hanno le scritte in cirillico! Ne conosco di bellissime: stazioni che passano all’altezza delle basse case a due piani della infinita periferia di New York. Siamo ad un’ora di metropolitana da Manhattan e siamo ancora nella municipalità di New York. I due capolinea distano tra loro quasi tre ore di viaggio! Da queste stazioni puoi osservare i tetti delle case, viaggiando a circa 10 metri di altezza da terra, ma anche in lontananza tutto lo skyline di Manhattan e i suoi grattacieli che riempiono l’orizzonte. Una vista mozzafiato, uno degli scorci più belli che abbia mai visto della città…
LA LINEA 7
C’è una stazione della linea 7 nella quale potrei stare affacciato per ore alla piccola balaustra al termine del binario. Da quel punto mi accorgo di essere sopra la città, sotto di me c’è la strada che brulica di auto, camion e persone, e se alzo lo sguardo dritto davanti a me vedo arrivare i treni che arrancano sui binari in salita. Sullo sfondo di tutto questo, da lontano, posso osservare l’Empire State Building, il nuovissimo One World Trade Center e il traffico di treni e passeggeri che sfilano intorno a me.
LA LINEA A: VERSO L’OCEANO
E se prendi la linea A, quella blu, in direzione Far Rockaway e superi l’aeroporto JFK, dove decine di aerei riempiono il cielo con i loro boati, non fermarti e prosegui ancora, sei nel nulla, ti stai avvicinando al mare. Eccolo: ora ce l’hai davanti, sei sull’Oceano Atlantico! Intorno a te vedrai i surfisti affrontare le onde come se fossi in California. Qui non ci sono grattacieli, ma solo ville sul mare e un silenzio assordante rotto solo dal garrito dei gabbiani. Approfitta per fare una passeggiata e dimenticare il centro per qualche ora: qui c’è la quiete che non trovi a Manhattan, quando dopo questa gita ritornerai in mezzo alla gente sarà ancora più bello apprezzare il caos!
LA LINEA MARRONE AL TRAMONTO
E poi c’è il ponte di Williamsburg, percorrilo al tramonto sulla linea marrone JMZ, quando il sole tramonta. Affacciandoti sulla destra riuscirai a vedere il Manhattan Bridge e poi in fondo il Ponte di Brooklyn, con il sole che tramonta dietro ai grattacieli: questi sono i venti secondi più belli del viaggio, non puoi allungarli, non puoi ripeterli e non hai tempo neanche di fare una foto: dura un attimo, ti mozza il fiato, senti un groppo alla gola e in quel preciso momento ti rendi conto che sei davvero a New York!
25 LINEE, 472 STAZIONI

380 chilometri, 25 linee, 472 stazioni, sugli stessi binari puoi prendere i treni locali che fermano in tutte le stazioni, oppure gli Express che ne saltano tantissime e sono più veloci, ma se sbagli dovrai tornare indietro! Una jungla di binari, di gallerie, di collegamenti: puoi camminare a piedi per un chilometro solo per cambiare tra due linee che solo apparentemente si incrociano! Per orientarti devi sapere che le linee dentro Manhattan sono parallele tra loro e le stazioni hanno il numero della street che tagliano; troverai 4 stazioni con lo stesso numero, su strade diverse e lontane tra loro. Le direzioni da seguire sono sempre e solo due: Uptown and Bronx, oppure Queens o Downtown and Brooklyn.



Ma si può viaggiare , se  si  fa per  avventura  od in solitaria    anche senza tecnologia o con ilmminimo indispensabile per le emergenze come dimostra il finale di due : Basilicata coast to coast 2010 diretto da Rocco Papaleo. e Into the Wild - Nelle terre selvagge (Into the Wild) è un film del 2007 scritto e diretto da Sean Penn, basato sul libro di Jon Krakauer Nelle terre estreme,o per fornire prova documentaria come di mostra questa storia


Come in "Into the Wild", la straordinaria avventura di Eliott


L'incontro con il grizzly, la fame combattuta pescando e mangiando bacche. Il parigino Eliott Schonfeld si è misurato per 3 mesi nella selvaggia Alaska sulle orme di Christopher McCandless, il giovane americano raccontato dal film "Into the Wild" di Sean Penn. Alla stessa età del protagonista del film, Eliott ha viaggiato in solitaria per 1800 km in canoa e 900 a piedi. In questo video il racconto della sua straordinaria avventura (credit: Eliott Schonfeld https://www.facebook.com/eliottschonfeldaventurier/)
 oppure   lavora  e viagia  insieme  




Lavorare in paradiso: vita da nomadi digitali
Per svolgere il proprio mestiere hanno bisogno solo di un pc e di una veloce e potentissima connessione. Per concentrarsi, dei luoghi più incantevoli della Terra di Barbara Savodini


Si chiama home work, mentre coloro che lo praticano sono stati ribattezzati nomadi digitali e fanno tanta invidia agli impiegati tradizionali. Sì, perché per lavorare hanno bisogno solo del loro intelletto, di un pc e di una connessione e per concentrarsi prendono dimora nei più suggestivi scorci della terra, veri e propri paradisi terrestri, visitati da tutti gli altri comuni mortali magari una sola volta nella vita. Fino a qualche anno fa, questi eletti non erano che una manciata di persone in tutto il globo, ma la tecnologia ha velocemente trasformato il modo di concepire il lavoro e così, ora, sono le aziende ad andare a caccia di super cervelloni da spedire dove il clima è sempre mite, l’acqua cristallina e la brezza tiepida e delicata. E il vantaggio è duplice: le sedi centrali spendono la metà per vitto e alloggio (il costo medio mensile non supera mai le 500 euro), mentre i dipendenti rendono il doppio. 



LA RISCOSSA DELLE AGENZIE DI VIAGGIO
L’unico problema è che spesso questi paradisi terrestri, luoghi come la Thailandia, l’Indonesia, il Vietnam o la Giamaica, sono anche quelli in cui la connessione funziona peggio. Ecco che scendono in campo le agenzie: ai tempi delle vacanze low cost, in cui nessuno sembra più aver bisogno della figura dell’operatore di viaggio, c’è chi si reinventa e con questa tendenza ha scoperto un nuovo business. Per rendersi conto della diffusione del fenomeno, basta dare uno sguardo su internet alla quantità di agenzie che lavorano nel settore del nomadismo digitale: c’è Roam, per chi intende trasferire non un dipendente, ma un intero ufficio; Hacker Paradise, il cui nome è già di per sé emblematico; “Wi-fi tribe” che sembra essere il prediletto da chi, anziché concentrazione cerca ispirazione, con centinaia di pittori, artisti e scrittori che lo raggiungono ogni anno. E poi c'è anche nomadlist.com che ha classificato i luoghi belli del nostro pianeta, prendendo in esame cinque parametri: connessione, costo, sicurezza, divertimento e giudizio degli utenti.
conveniente, insomma, è inevitabile, ma in fondo, per chi vive sempre in vacanza, anche dilatare un po' l'orario di lavoro non è certo un problema! 
tori che lo raggiungono ogni anno. E poi c'è anche nomadlist.com che ha classificato i luoghi belli del nostro pianeta, prendendo in esame cinque parametri: connessione, costo, sicurezza, divertimento e giudizio degli utenti.
SVEGLIA PRESTO E TANTE PAUSE: ECCO LA GIORNATA TIPO
La giornata tipo di un nomade digitale? Sveglia presto, perché si sa, il mattino ha l’oro in bocca, un tuffo in piscina o nelle acque cristalline dell’isola, una colazione genuina e poi via a sfornare calcoli o deduzioni informatiche fino alla prima pausa; un pasto fresco all’ombra di una palma o una breve seduta di joga in una capanna, per poi tornare al pc fino alle 17. Proprio come in ufficio, insomma, ma alla fine dell’orario lavorativo ad attendere il lavoratore privato da ogni energia non è il traffico di Milano o il caos di Londra, ma sabbia bianca e natura incontaminata, così, all’indomani, il cervellone dell’azienda sarà più carico che mai. L’abbigliamento? Che dire, quando l’ufficio è dall’altra parte del mondo l’outfit passa in secondo piano e anche chi guadagna 4-5mila euro al mese può permettersi di recarsi alla sua postazione di lavoro in calzoncini e infradito. Anche la vita in paradiso, purtroppo, può avere qualche difetto e nel caso dei nomadi digitali il nemico numero uno è il fuso orario. Qualche in conveniente, insomma, è inevitabile, ma in fondo, per chi vive sempre in vacanza, anche dilatare un po' l'orario di lavoro non è certo un problema! 


Lo strano caso di “Refuga”

Ci sono poi anche aziende che mandano i dipendenti in questi paradisi terrestri non per sempre, ma soltanto per consentire loro di ritrovare se stessi, nuovi stimoli o complicità di gruppo. È questo il caso dell’agenzia “Refuga”, alla quale, tra gli altri, si sono già rivolti Apple e Facebook, i cui 500 impiegati dei settori più delicati hanno trovato la loro complicità scalando vette inarrivabili o attraversando l’India in bicicletta.





ce  chi o lo fa    da  sempre  attirandoti  pregiudizi e  generalizzazioni

Si puà anche   viaggiare  artificialmente con droghe  ed  alluccinogeni ma   lo sconsiglio  perchè   si rischia   la  morte   come di mostra questa  storia   meglio farlo  nei  modi sudetti  o  con la fantasia e  la letteratura   perchè  in viaggio   è libertà fuggire  ( come il film meditteraneo  )  evadere  o oltre  che in se  stessi nel proprio io    vedere le  righe precedenti  e  l'url  sopra