Visualizzazione post con etichetta emigrazione. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta emigrazione. Mostra tutti i post

12/11/17

razzismo e guerra tra i poveri sempre più difusa in italia ennessimno episodio razzista su un autobus a livorno


in sottofondo 

Casa del Vento - Festa protesta



Litigio sul bus: «La conducente non voleva farmi salire mi ha detto vai a casa tua»

Livorno, la mamma senegalese, che aveva con sé il passeggino, accusa la dipendente del Ctt. L’azienda: «Apriremo un’istruttoria interna, vogliamo ascoltare le due versioni»



LIVORNO. «La conducente mi ha detto che non potevo salire sul bus. Mi ha detto vai a casa tua». E ieri mattina sulla Lam blu che corre dal viale Italia verso via Grande sono arrivati anche i carabinieri. A denunciare l’episodio è Fatima Cissoko, 40 anni, originaria del Senegal, in Italia da dieci anni. È arrabbiata e dispiaciuta per quello che definisce un episodio di razzismo.
«Ho due bimbe di uno e cinque anni», racconta: «Dopo essere andata dalla pediatra, sono andata alla fermata del bus, sul viale Italia. La conducente quando sono arrivata davanti alla porta per entrare mi ha fatto un gesto con la mano e mi ha detto “te no”...». La donna aveva una bambina per mano e l’altra nel passeggino. Va detto che la salita sui bus con il passeggino è spesso motivo di botta e risposta anche accesi tra passeggeri e conducenti, come raccontano dalla stessa Ctt. Questo perché sui mezzi più vecchi, quelli a tre porte, non si può salire con il passeggino aperto, mentre su quelli più nuovi è possibile farlo purché sia libero il posto riservato alle carrozzine.
In questo caso, però, la storia sembra aver preso un’altra direzione. «Se il problema era il passeggino – riprende – poteva dirmi: “signora, lei così non può entrare”. Invece quando le ho chiesto perché non potevo salire e le ho detto che avrei chiuso il passeggino ha continuato a rispondermi: “Te no”. Anche una signora accanto a me le ha chiesto spiegazioni. Ma la conducente ha insistito: “Te no, fuori”. E alla fine mi ha detto: “Vai a casa tua”. Allora ho capito che è una razzista e abbiamo litigato. Tutti sul bus l’hanno criticata». «Una donna che mi ha difeso – racconta ancora – ha chiamato i carabinieri: sono arrivati, hanno preso i dati, mi hanno detto che posso fare denuncia. La farò perché sono rimasta male: la bambina è rimasta male, mi ha detto che non vuole più prendere il bus per come siamo state trattate, è stato brutto». Alla fine la famiglia è salita sul mezzo: «Ho detto io da qui non scendo, ho il biglietto».
L’episodio è avvenuto ieri intorno alle 11. Nel pomeriggio Il Tirreno ha contattato il Ctt per conoscere la versione della conducente e dell’azienda. «La dipendente ha chiamato la centrale dicendo che ha avuto un diverbio con alcuni utenti, per il momento sappiamo solo che c’è stato un intervento dei carabinieri», ha spiegato il responsabile della gestione, Bruno Bastogi. «Senz’altro – fa sapere – apriremo un’istruttoria interna per capire cosa è successo, vogliamo sentire le due versioni, sia la dipendente che la signora». Per «non fare processi sommari».Detto questo, «se viene confermato quanto detto dalla signora, le scuse sono dovute, fermo restando il rispetto delle regole. L’episodio descritto è grave, non per il passeggino ma per tutto il resto: certe frasi non sarebbero accettabili».

 Per  me    i  fatti    sono  piuù che  chiari non credo    che  la  gente    a  bordo  chiami   la  poolizia  o si schieri  a favore  della persona insultata    per  sport  .   Ora   Sarà  anche come dice n questo commento  all'articolo    del tirreno   di



2 ore fa
antonio dini
A nessuno è venuto il dubbio che la Signora Senegal sia un passeggero abituale e che siano anni che conosce i regolamenti dei bus? A nessuno è venuto il dubbio che la signora autista fossero anni che gli spiegava la solita cosa? Come sempre accade in Italia se la signora autista era una gran menefreghista passava bene,evitava una possibile denuncia ed evitava di fare la figura della razzista. Prima di commentare bisognerebbe provare a lavorare con questi soggetti,ormai abituati a fare tutto quello che gli pare e piace,ovviamente a spese nostre. Attenzione perché non avete più a che fare con i neretti ingenui di un ventina di anni fa....hanno trovato terreno fertile,ed ora capiscono quello che gli pare se gli fa comodo. Io non sono assolutamente razzista,ma il dubbio che siano stati abituati male mi sorge,e non vorrei che presto si trasformasse in certezza

Ma  come  dice     giustamente     il  commento di

2 ore fa
Roberta Cavalli
I fatti sono più che chiari, se parlo è perché sono informata... non si può negare a nessuno di salire su un mezzo pubblico a maggior ragione esordendo con la frase più squallida al mondo.... ma vai a casa tua a chi?? Dove sta la professionalità della conducente? Se fosse successo a qualche vostro familiare all'estero vi sareste tutti indignati vero??

  
  
 Meno male     chè  cìè  ancora    come  dimostra  ,   la   discussione   commento  all'articolo sopra  riportato   preso  da https://www.facebook.com/gelocalcronacaitaliana/    che i tiene   testa   alle pecore  salviniste   che  vedono   i nemici     nell'altro  


Saveria Segata Ci stanno invadendo e sono prepotenti , con il benestare del Governo

Rispondi
3
20 h
Gestire
Vittorio Dorigo Ci state invadendo voi maledetti razzisti!

Rispondi
2
17 h
Gestire
Saveria Segata Non sono assolutamente razzista, ma non devo giustificarmi con te Vittoriooooo, evidentemente tu non paghi tasse, che poi devolovono a ragazzi nullafacenti con benvestit con spartphone .... , non hai figli dissocupati , non sei in una roulotte, sei ricco ,qundi stattene zitto e modera il linguaggio .... non criticare come ho scritto non sono una scienza come te !!!!"!!!

Rispondi10 h
Gestire
Vittorio Dorigo Sei razzista perché ti fa più comodo prendertela con chi sta peggio di te invece di prendertela con chi ha cacciato te, loro e me in questa situazione. Si chiama finanza il tuo nemico, la stessa che né Berlusconi né Renzi né Salvini combattono. Così tu resterai povera come i migranti e loro si arricchiscono e diventano più forti nutrendosi dell'odio che ti fanno provare. Odia chi non ti dà un lavoro dignitoso, chi ti porta alla guerra dei poveri contro i poveri, dei Briatore che ti prendono per il culo, se proprio vuoi scagliarti contro chi ha reali responsabilità, non contro chi fatica più di te per mangiare tutti i giorni. Buona giornata 😉

Rispondi
2
8 h
Alberina Farina E oltre questo io se fossi un autista di Bus non farei nemmeno salire chi fa una puzza , che l'autista ferma al semaforo lascia aperte le porte dalla puzza che questo personaggio maleducato e puzzolente ,,,,,sono scesa fermate prima dalla puzza che c'era

Rispondi9 h
Gestire
Meriot Morda Non timbrano, puzzano, sputano, non hanno voglia di lavorare, sono prepotenti ecc. Bene sono diventata razzista. Dovrebbero rimandarli al loro paese.io la penso così

Rispondi
1
17 h
Gestire
Sandra Andrenacci Siete incommentabili ...se è per un passeggino si può aiutare a chiudere un passeggino

Rispondi
1
11 h
Gestire
Dalia Arrighini Ha detto bene...sugli autobus con i passeggini non dovrrbbero salire e invece siamo invasi...

Rispondi19 h
Gestire
Vittorio Dorigo Siete invasati non invasi. Fatevi curare

Rispondi
5
17 h
Aldo Cupane spero che licenzino in tronco questa autista imbecille

Rispondi
1
7 h
Gestire
Silvia Giannoni Siamo un paese di incivili

01/08/15

smontiamo la propaganda che dice << Per tutti gli IGNORANTI che dicono che dobbiamo subire questa invasione perchè anche noi siamo stati, a nostro tempo, immigrati..voglio ricordare che: (...) >>

Se  siete   Salvinisti  &  company , creduloni  , bufalisti acritici \ passivi ,   credete  ancora  nonostante  faccia  acqua  da   tutte le  parti  ai miti  : italiani brava  gente poveri  ma  buoni e  digniotosi non leggete   questo post   e  non  andate   in qiuesti url d'approffondimento che  trovate  nel post  





Lo so che rispondere a tali catene è come : << ''Lavare la testa agli asini si perde tempo e sapone >> . Ma visto che ,ne ho già parlato tempo su queste pagine , molta gente prende per vere tali idiozie e le condivide passivamente \ acriticamente prendendole per vere anche davanti alla loro falsità

La storia in questione è vera ma contiene una dose considerevole di inesattezze.










1)  Lo Stato italiano spende 30 euro al giorno per ogni immigrato  
La storia dei 30 euro che, secondo la vulgata di una certa parte politica, sarebbero dati ogni giorno agli immigrati, è falsa: lo Stato italiano non dà soldi agli immigrati ma agli enti incaricati di gestire i centri di accoglienza. La storia dei 30 euro nasce da una (volutamente?) errata interpretazione dei bandi delle prefetture per la gestione dei centri, che prevedono un tetto massimo di spesa di 35 euro a persona accolta. Si tratta di un bando, quindi per vincerlo le cooperative presentano progetti a costi ribassati, con una diretta ripercussione sulla qualità dei servizi. Agli immigrati non viene dato neanche un euro in contanti ma un buono o una carta prepagata per un valore di 2,50 euro al giorno (ma la cifra non può superare i 7,50 al giorno per nucleo familiare, quindi se si è in quattro si ricevono soldi per tre persone e basta). Inoltre viene consegnata una tessera telefonica da 15 euro all’ingresso nel centro. Nel resto dei 35 euro (se va bene) deve starci tutto: vitto, alloggio , pulizia, affitto dei locali, vestiario, ecc. 

2) Lo Stato dà i soldi agli immigrati invece che alle famiglie italiane  
Non è vero. Lo Stato non sposta fondi destinati alle famiglie italiane per darli agli immigrati. I fondi in questione sono stanziati in compartecipazione dell’Unione Europea , che prevede un finanziamento dei progetti di accoglienza. Se non ci fossero immigrati da accogliere non ci sarebbero quei soldi, quindi non potrebbero essere destinati ad altri fini i ogni caso. 

3) Il 90% degli immigrati non ha diritto all’asilo politico  
Un’altra bufala, grande quanto una casa: secondo gli ultimi dati forniti dal Ministero degli Interni (risalenti a febbraio 2015le richieste d’asilo accolte sono il 51% del totale. Il 49% dei richiedenti asilo non ottiene lo status di rifugiato, non il 90%. 

  con le  conseguenze

 che  sappiamo  tutti  ogni volta  che  i profughi  vengono  mandati da qualche parte  o c'è qualche  sbarco .
Ho deciso di rispondere  , con  la  collaborazione    di alcuni utenti  del  nG (  i vecchi  news  groups  )  di  it.cultura  storia  , in cui  ho lanciato   come   provocazione costruttiva     questa   catena  delirante   che ancora  studi seri  di  Gian Antonio Stella sull'emigrazione italiana 

  • ( L'orda. Quando gli albanesi eravamo noi , Milano, Rizzoli, 2002. ISBN 88-17-87097-8; Milano, BUR, 2003. ISBN 88-17-10807-3.
  • Brutta gente. Il razzismo anti-italiano, con Emilio Franzina, in Storia dell'emigrazione italiana, II, Arrivi, Roma, Donzelli, 2002. ISBN 88-7989-719-5.
  • Odissee. Italiani sulle rotte del sogno e del dolore, Milano, Rizzoli, 2004. ISBN 88-17-00361-1.
  • Sogni e fagotti. Immagini, parole e canti degli emigranti italiani, con Maria Rosaria Ostuni, con CD, Milano, Rizzoli libri illustrati, 2005. ISBN 88-17-00924-5.)  continuo  ad    a circolare  .




 che  il post  inizi



Per tutti gli IGNORANTI che dicono che dobbiamo subire questa invasione perchè anche noi siamo stati, a nostro tempo, immigrati... voglio ricordare che:


1. Il nostro popolo emigrò in paesi che erano bisognosi di forza lavoro, in paesi bisognosi di costruire nuove città, nuove strutture, in paesi insomma che avevano mercati industriali in completa espansione, non andavano in paesi con una disoccupazione al di sopra del 10%, in Economie in recessione o con picchi di disoccupazione giovanile al di sopra del 40%.

I  tempi  sono  cambiati in questi ultimi   70 anni . ed  ancora  oggi  li consideriamo   come  all'epoca siti consigliati e post   dall'untente  di   del news  groups  ICS  peter schlemihl  <<    Italiani che rubano il lavoro: 

Molti sono gli esempi che potrebbero essere citati e che mostrano come [gli immigrati cattolici] operino una sistematica occupazione dei posti di lavoro soppiantando in questi impieghi desiderabili i protestanti e gli americani coi loro metodi da clan". (A.O. Nash, "L'immigrazione italiana e irlandese" American Protective Association, Usa,1896 - La Gumina, p. 169)  >>
Beh, ci sono cinque milioni di immigrati in Italia, la maggior parte lavora, quindi la richiesta , anche  se  di sfruttamento e lavori mal  pagati  , di manodopera c'è. . Ora   come dice    scusate   se  lo riporto integralmente   ma  ha  perfettamente     ragione  sempre di ICS Roberto Deboni DMIsr : <<  A prima vista fin sembra andare bene ... se non fosse che tutta la frase e' intrisa di una profonda cultura fascistoide. Essendo profondamente diffusa e permeata nel pensiero di molti lettori, la vedo dura a spiegare le ragioni, ma ci provero' lo stesso, non si sa mai. 
Prima di tutto la stessa definizione di "popolo" con le sue implicazioni bibliche e' totalmente sbagliata. NON ESISTE un popolo che e' immigrato. Esistono persone che, con cuore piu' o meno greve, o indifferente o financo gioioso, se ne sono andati dalle loro terre natie. Punto. Tutto ciò' che si aggiunge intorno e' ricamo demagogico. 
L'implicazione biblica e' poi subdolamente implicita nel momento che pare di volere fare intendere che il comportamento di questi individui, fuori dai confini nati, debba ricadere su chi resta. Assurdo! Mi ricorda la stoltezza di chi, residenti nel condominio confinante, viene a lamentarsi con me, dei comportamenti di chi risiede insieme a me nel mio condominio: ma che c'entro io di cosa fa nella proprietà' altrui ?! 
Assurdo ancora di piu', in svariati casi, se poi esaminiamo le ragioni dell'abbandono delle proprie terre. 

Il caso piu' eclatante e' di chi scappa da una persecuzione politica. Evidentemente la pensa diversamente dal governo, e se fosse una democrazia funzionante, ovviamente da ciò' che pensa la maggioranza dei residenti. Per quale dannata logica, questa maggioranza dovrebbe essere imputata delle colpe eventuali del transfugo all'estero o con quale faccia tosta questa maggioranza puo' permettersi di gloriarsi dei meriti di questo dissidente.?
Un altro caso e' di chi se ne va' perche' semplicemente a casa sua non puo' fare cio' che gli piace, ad esempio ricerca scientifica avanzata. Visto che e' stata l'incapacita' ed insufficienza della societa' che ha abbandonato ad obbligarlo ad andarsene, come puo' questa societa' farsi vanto di avere impedito a questa persona di esprimersi a casa propria: vergogna, altro che "vanto" !!! Peggio ancora, se mezzi e possibilita' c'erano, ma la societa' 
ha preferito l'inedia culturale della corruzione che favorisce i nepotismi e della nomenclatura. 
Un altro caso e' di chi se ne va' perche' a casa sua muore di fame, ancora maggiore dovrebbe quindi essere la comunita' che e' responsabile di questo, altro che "fregiarsi" dei meriti di chi, se fosse stata per essa, sarebbe morto di stenti. 
Un altro caso e' di chi e' alla ricerca di una vita facile, della ricchezza, del benessere senza fatica (in rapporto alle fatiche quotidiane vissute), spesso sono anche criminali o con tendenze opportuniste, al meglio. Se fanno male, raramente la societa' d'origine se ne fa vanto, se fanno soldi, se diventano ricchi e potenti, allora abbiamo la logica servile, nelle comunita' moralmente marce ed opportuniste, del correre dietro ai ricchi e potenti. 
Questi sono solo alcune delle ipotesi per cui si emigra, e come si vede non si possono accumunare, anche se qualche volta si possono trovare insieme (raramente nella vita delle persone le scelte sono dovute da UNA SOLA ragione). 
Inoltre abbiamo il sottofondo dell'impregnante assunzione biblica che emigrare sia buono. Stava in piedi seimila anni fa. Oggi non funziona piu'. L'emigrazione funge da valvola di sfogo semplicistica quando la popolazione cresce troppo rispetto alle risorse. Oggi e' evidente che una logica del genere puo' essere 
paragonata solo ad un cancro, ad un tumore per l'ambiente. Oggi l'umanita' rappresenta biologicamente un carico per l'ambiente che a lungo termine e' evidente anche al piu' idiota, e' semplicemente insostenibile. A meno di volere pensare ad una futura terra una specie di enorme condominio multipiano che lascia libera, forse, solo gli oceani. 
E' vero che ci sono ancora zone della terra scarsamente popolate, ma occorre emigrarvi con discrezione e discernimento ed in ogni caso, senza prevaricare sui popoli residenti. Gia', a proposito, il diritto per cui spesso molti hanno combattuto, di rispetto delle popolazioni locali (magari in forma un po' ingenua, come nel film "Soldato Blu" del 1970 con riferimento agli indiani di America), non dovrebbe valere anche per gli europei ? O usiamo due pesi e due misura anche con logica da suicidio ? 
Un ulteriore messaggio implicito in quella frase appartenente innocuo e' "emigrare e' buono". Non e' automaticamente vero, e non e' sempre cosi'. 
Ad esempio, l'immigrazione dei meridionali, che nel tempo ha fatto si' che prevalesse, per semplice incremento del rapporto numerico, la feccia della cultura locale, quella della manovalanza della malavita e quella del servilismo verso i latifondisti, quella del parassitismo verso la comunita', e' assolutamente deprecabile nel momento che ha fatto si' che i migliori semplicemente 
gettassero la spugna, e se ne andassero'. Quando si tratta di "prendere atto dell'inevitabile", di un "rapporto di forze insostenibile", oppure si tratta semplicemente di vigliaccheria di chi non vuole farsi carico dell'impegno 
per forzare un cambiamento positivo nella sua comunita' ? Quando l'emigrazione e' pura necessita' di sopravvivenza e quando invece e' vigliacca fuga ed abbandono delle proprie origini ? 
Tante domande, tutte diverse, per individuo, momento storico e situazione della comunita'. L'unica certezza e' che le parole "Il nostro popolo" serve solo a pilotare insieme un mucchio di luoghi comuni, per la maggior parte profondamente manipolatori del pensiero politico e culturale. 

Questa e' la classica chiusura polemica <<  non  andavano in paesi con una disoccupazione al di sopra del 10%, in  Economie in recessione o con picchi di disoccupazione giovanile al di sopra del 40%. >>, che nel mentre vuole forzare una sua tesi, rigetta a priori ogni possibilita' di discussione con la controparte: insomma quasi uno slogan (peraltro rischioso nel momento che cita cifre che possono essere discutibili, in un senso o nell'altro, o cambiare rapidamente nel tempo).

2. I nostri emigranti andavano negli Stati Uniti, in Belgio, in Australia con passaporti e con mezzi LEGALI, non con barconi o motoscafi PAGATI DALL'EUROPA PER DISINTEGRARE IL NOSTRO PAESE E COMPRARLO A DUE SOLDI!

qui l'autore   è ignorante  perchè ignora  oppure mente   sapendo di mentire  . Perchè  1)  i  vari  domini  dell'Italia  preunitaria e poi  l'italia (  fino al  fascismo  )  emettevano  visti e documenti  regolari  per  poter  partire  . E  quindi  quella  che  chiama  clandestina  \ senza  documenti era  dovuta  :  a casi  di corruzione per  avere  i visti   se  te lo potevi permettere .,  fuga   quando  c'era  il divieto  per motivi politici  o divieto  , sotto il fascismo d'espatrio  . 2) Ed  è il caso  di   secondo mosca...@gmail.com  << Ti rispondo con la storia di mio nonno emigrato clandestino a New York ? Dal 1920 al '39 ? Fuggì dal lager di Ellis Island  a nuoto per non esser rimpatriato, rischiando di esser divorato dai pescecani... Non so come visse i primi tempi, ma se non ci fossero state le mense gratuite  sarebbe certo morto di stenti. I nostri emigrati certo in maggioranza lavoravano onestamente , ma Lucky Luciano ? La mafia ? Il proibizionismo?   Mio nonno, istriano, era stato soldato austriaco mandato sul fronte russo dove dopo la rivoluzione del '17 cessarono i combattimenti . Tornato a casa alla fine della guerra venne fatto prigioniero dagli italiani perchè "nemico e bolscevico" , assieme ai 250.000 italiani - triestini, istriani e dalmati - che avevano fatto la guerra come sudditi austriaci. Solamente con Roosvelt ebbe lavoro >>
  e  ce  ne potrebbero   essere  altre     di storie   simili   se   andiamo  a cercare   negli archivi   dei paesi   dove  ci fu  l'immigrazione italiana  o  sentiamo   le storie  dei discendenti  ( perchè noi tutti  \e   abbiamo avuto , sottoscritto compreso  ,   avi  immigrarono    anche  temporaneamente  , o parenti  acquisiti  indiretti  ( lo zio paterno e la sua   famiglia  che si fece li   ed  i relativi  nipoti   del marito  di mia zia    che stanno negli Usa  ) . Ulteriori  news   sugli italiani clandestini    sono i  link  forniti  sempre  da  peter schlemih da   Italiani clandestini:
3) L'ottima risposta  di  Roberto Deboni DMIsr  <<   io non avrei saputo rispondere meglio   non con barconi o motoscafi I barconi, o i piu' costosi e lussuosi motoscafi (qualcuno ha notizia del loro uso ?) sono esclusi per una ragione pratica. Non mi risulta che si possa ragionevolmente pensare di attraversare l'Atlantico o l'Oceano Pacifico con tali mezzi. E non mi risulta che siano piu' convenienti di altri mezzi per arrivare in Belgio. 

La menzione dei "motoscafi" (uno strumento "lussuoso" o almeno "costoso") poi fa chiaramente intendere intenzione spregiative, anche se non e' chiaro verso chi ... Nota: un motoscafo puo' richiedere, a parita' di carica, un consumo di carburante, ben oltre dieci volte le alternative.  PAGATI DALL'EUROPA PER DISINTEGRARE IL NOSTRO PAESE E > COMPRARLO A DUE SOLDI! 

Mi risulta che il viaggio sui barconi e' abbondantemente pagato dagli stessi migranti e non dall'Europa. Peccato 

che il beneficiaria sia la malavita organizzata ed i politici ad essa legata. Come gia' proposto numerose volte, di fronte a questa realta', che la battuta appena fatta vuole mascherare (per quale oscura ragione, per quale progetto ?), si afferma la logica di vendere ai migranti visti transitori (90 giorni ?) a prezzi competitivi 
a quelli degli scafisti. Almeno in questo modo le nazioni ospitanti raccoglierebbero le risorse necessarie per poi 
eseguire veramente le espulsioni scaduti i 90 giorni oltre ad affrontare l'accoglienza per il periodo citato, e 
rafforzare i servizi di polizia del territorio. Insomma, immaginate una situazione in cui lo stesso numero di migranti che arriva oggi, arriva regolarmente via traghetto, senza impegno della marina militare (avete idea di quanto carburante consuma uno di quei mezzi, specie i piu' grossi, quando si impegna a tutta forza per un soccorso ? ma questo popolo di marinai e' cosi' ignorante ?), con la massima efficienza economica, senza rischiare la vita di nessuno, in modo programmato, e, cosa importante, tutti gia' identificati e registrati, incluso impronte digitali ? 
A questo punto i terroristi (i piu' stupidi o improvvisati) ed i criminali (ricercati) sarebbero gli unici a tentare di entrare in modo clandestino, e allora si' che l'opzione "fermo o sparo" avrebbe una possibile giustificazione.
In realta' oggi si ragiona con la stessa logica probizionistica verso gli stupefacenti (e questo in un paese della cultura del vino!!!) anche con l'immigrazione: e' vietato, ma si trova ad ogni angolo. Parimente, il "clandestino" non dovrebbe esserci, ma qui, anzi, ufficialmente viene pure accolto con una cifra enorme (ma al governo si rendono conto che cosa significa per la maggioranza dei cittadini 30 Euro al giorno ? Anche per i tedeschi del Hartz IV, 30 Euro al giorno equivale al paradiso). Si vuole una migrazione abusiva perche' ci guadagna la malavita organizzata, ci guadagnano i politici corrotti, ci guadagna il sistema di associazioni a delinquere 
(ma con cravatta e camicia, di persone "per bene", spesso benedetti dai reliogiosi) organizzato per consumare sovvenzioni e contributi pubblici (servizi dell'accoglienza ...), e ci ha pure una fetta la Marina Militare che cosi' 
puo' scrostare un po' di ruggine dai suoi mezzi (non importa il costo, tanto paga il cittadino, come tutto il resto, 
dalla accoglienza, ai danni materiali ed economici ed al territorio causati da questa modalita' d'emergenza di 
gestione).  >>



3. I nostri emigranti che, negli Stati Uniti, erano costretti a restare nella famosa Ellis Island per giorni, settimane ed alcuni casi mesi, NON si resero protagonisti di proteste, roghi o quant'altro, ma affrontavano quei momenti con umiltà e pacatezza.

  
Forse perche' come dice  Roberto Deboni DMIsr  <<   si trattava di migrazione controllata come quella proposta di "vendere i visti di ingresso" ai potenziali migranti clandestini ? Nel caso degli Stati Uniti, non era necessario mettere un prezzo ai visti di ingresso perche' il lungo viaggio per l'Atlantico era gia' costoso di suo, e quindi un freno che assicurava una immigrazione controllata. Forse perche' Ellis Island offriva "certezze", anche se in 

mezzo alle lungaggini della burocrazia. Certezze implicite peraltro in un paese a tratti "vuoto" ? 
Dal punto di vista di molti migranti, si puo' anche comprendere le proteste contro un sistema burocratico e di collaboratori privo di obbiettivi e logica, puramente arbitrario e prevaticatore, che tratta le persone come "merce", interessati solo ai proventi o vantaggi (politici ?) di cui sono portatori. 

O forse erano uno specchio di come percepivano la nazione ospite. Giusta, ma forte, e disposta anche a ricorrere alla durezza, se necessario. E specialmente "inflessibilmente rigorosa nell'applicare le leggi". Il "migrante" non e' stupido, capisce rapidamente quali sono le regole del gioco. Specialmente se poi viene aizzato (pagato ?). 
Vorrei che si riflettesse sui numerosi documentari o "realta' spettacolo" tipo "Airport Security ...", mi pare piu' che altro di paesi di cultura anglosassone. Cio' che forse i piu' attenti avranno notato e' il costante riferimento alla importanza di "dire il vero". Per un italiano puo' sembrare fantascienza, ma mentire nella cultura anglosassone e' molto grave, e porta, solo per questo, a sanzioni, multe anche salate o l'espulsione. 

4. I nostri emigranti lavoravano sodo.
Se erano  --  sempre  secondo Roberto Deboni DMIsr  -- principalmente alla ricerca di lavoro, la cosa appare abbastanza logica. Del resto, la prospettiva per chi emigrava negli Stati Uniti era: "o lavori, o muori" Dopotutto stiamo parlando di un secolo in cui non esisteva 

la cultura dell'assistenzialismo (tanto meno nelle ex-colonie). 
Oggi invece abbiamo tutte queste notizie (magari un po' falsificate sui beneficiari) che per ogni migrante ci sono 30 Euro al giorno che gli aspettano. Secondo voi che gente attira ? 
A proposito: i deficienti che vanno a ripetere, come un pollo, la menzogna, abilmente diffusa da chi ha interesse, che il migrante riceve direttamente in mano 30 Euro al giorno, capisce 
o non capisce che la notizia ha effetti esaltanti nei paesi da cui proviene la massa degli immigranti economici ? Se a voi dicono: versate 5000 Euro per avere poi 30 Euro al giorno per tanti anni, e siete dei parassiti, cosa fareste ?  E  vero   che   La gran parte lavorava sodo, come la gran parte degli immigrati di oggi. Ma c'erano anche: 

Bambini venduti: 
http://www.orda.it/rizzoli/stella/immagini/foto/popup/e01.htm 
Puttane  d'esportazione: 
http://www.orda.it/rizzoli/stella/immagini/foto/popup/bordello.htm 
Un numero straordinario di italiani nelle galere americane: 
http://www.orda.it/rizzoli/stella/numeri/devianza.spm 


5. Non facevano code alle mense della carità.

Secondo   peter schlemihl  << Convinced that everything is due them: "Who dispenses charity agrees in saying that many southern Italians landed here with ideas rather quirky about what will happen. Now seem to seek help with the air of one who says: - Here we are. What are you going to do for us? -. And even if he insists on as due." (Edward Alsworth, , Century Magazine, USA, vol. 87 December 1913 - Lagumina, p. 124) >>
Per  il resto    secondo Roberto Deboni DMIsr  (  non è chiaro neppure  a me )  se  Non mi e' chiaro se con questo si vuole incitare l'accoglienza  ai presunti  dei 30 Euro al giorno ... (frase boomerang ...) ... 

6. Non chiedevano elemosina.

da  https://en.wikipedia.org/wiki/Great_Depression
La chiedevano anche gli oriundi: per quale ragioni non la dovevano chiedere chi proveniva dall'Italia ? Peraltro, l'oggetto della foto evidenzia un problema tipico di questi casi: sette figli ? Ignoranza o l'unico investimento del povero: far fare la fame a tanti figli, sperando in un sostegno per la vecchiaia ? Notare: e' la logica cinica (passata?, ed ora abbiamo questi "baby boomers" versione povera che cerca uno spazio nel mondo) di svariati territori da cui arriva l'attuale migrazione in Europa. 

7. Non pretendevano assegni giornalieri.

Forse perche' sapevano in partenza che non sarebbero stati concessi.E poi  anch'io mi chiedo  come Roberto  .... : se sulle reti locali si evidenzia la propaganda di chi in Italia protesta perche' "si danno 30 Euro al giorno ad ogni migrante", cosa si dovrebbero aspettare quando sbarcano in Italia ? E cosi' abbiamo il migrante scandalizzato che presenta denuncia perche' il suo "accoglitore" si incamera la paghetta che la legge gli assegna. Vogliamo scommettere che molti oriundi dell'Italia, se negli Stati Uniti ci fossero state leggi del genere, avrebbero urlato a squarciagola per avere il loro "diritto" ? 


Per tutti gli IMBECILLI che dicono che noi siamo stati, a nostro tempo, immigrati, nella foto potete vedere degli emigranti Italiani. Non si lamentano del cibo. Non hanno un Iphone in tasca per cui lamentarsi dell’assenza del Wifi.
...ma che poi di invasione non si tratta perchè li andiamo a prendere noi!!! VERGOGNATEVI, GOVERNANTI .


E' una foto di alcune persone. Punto. E rappresenta solo le persone rappresentate. E rappresenta persone che agiscono nel contesto in cui si trovano. Con gli spazi che gli sono permessi. E generalizzare e' sempre nella maggior  parte  dei casi   l'anticamera delle dittature. questo poi e' il massimo della idiozia. Citare tecnologia 
inesistente nel periodo storico e' rischioso, perche' la risposta potrebbe essere: "Se l'Iphone esisteva, con la rete, gli italiani l'avrebbero usata estensivamente perche' ad Ellis Island sarebbe funzionata impeccabilmente."
...ma che poi di invasione non si tratta perchè li andiamo a prendere noi!! Falso. Punto. Andare a prenderli significa: - mani un traghetto al porto (ad esepio libico) - li fai imbarcare 
- porti il traghetto al porto (ad esempio a Livorno) - li fai sbarcare [Perche' ad esempio, a Livorno ? Perche' costa meno farli viaggiare per navi, oltre ad essere piu' facile il contenimento, idioti!] 
Quando invece abbiamo un barcone che affonda (o autoaffondato) e li ripeschiamo i ragionamenti si fanno ben piu' complicati e specialmente scivolosi. 
Immaginate questo scenario: translantico battente bandiera italiana che sta affondando, circondato da navi (non carrette!) di vari paesi "non OCSE" (tanto per chiarire), che stanno a guardare, con la folla sulle tolde che guarda, magari incitando gli squali ... ? 
Se passase una certa logica espressa dai piu' stolti, potrebbe essere uno scenario di un futuro alternativo non tanto assurdo. E l'Italia, notare, sta scivolando sempre piu' indietro nella classifica delle potenze economiche. Anzi, oggi "potenza economica" non calza molto per quello che e' l'Italia reale ( una nazione di cartone ...).