05/02/20

smontiamo la leggenda che vede le foibe uguali alla shoah e quello della pulizia etnica delle foibe

Risultati immagini per si è ucciso troppo poco foibe
Dopo    aver   smontato l'anno scorso  (  qui il post  )   , nonostante le accuse   ( che  mi scivolano  via ) di  negazionismo   \  revisinismo  su  tale  evento ,   il mito \ leggenda  urbana   del  silenzio   sule  foibe  .  quest'anno ne  somontero   due  quella  della pulizia  etnica  e  quella   della nostra shoah  .

Quale  prende  in esame per  prima  ?  Iniziamo dall'ultimo   che poi  è anche il più  grave  come  gettare  benzina  sul  fuoco come segnala https://capodistria.rtvslo.si/      soprattutto    per il fatto che   con l'istituzione le  foibe  e  il dramma dell'esodo  si  fa   ( giustamente  )  ricordare   anche  nelle scuole .
L'anno scorso   una  die  \  settimane  dopo  il  giorno delricordo   si è tenuto  un convegno che avrebbe potuto  dovuto essere un’occasione di riflessione sul modo in cui il dramma dell’esodo e la tragedia delle Foibe sono stati affrontati dalla maggior  parte  dela stampa e  dei media  .Ma  l’incontro organizzato dall’Unione degli istriani nella sala principale del palazzo della Regione a Trieste sembra destinato  , dopo  il solito   scontro diplomatico fra l’Italia e i governi di Slovenia e Croazia, ad alimentare nuove polemiche.
L'incontro  in questione  aperto dal presidente della Regione  del Friuli venezia  giulia   , Massimiliano Fedriga, vedeva fra i relatori il presidente dell’Unione degli istriani, Massimiliano Lacota, l’ex parlamentare, Roberto Menia, e i giornalisti Elisabetta de Dominis, Fausto Biloslavo e Marcello Veneziani. In collegamento video è intervenuto anche il direttore editoriale di Libero, Vittorio Feltri.
In apertura Fedriga ha parlato di un “rigurgito negazionista” sulle Foibe e la Regione, ha aggiunto, “sarà al fianco di coloro che sosterranno la battaglia contro chi vuole negare queste sofferenze".Fin qui  scelta  condivisibile   visto che  c'è ancora  chi le  nega   o  le  esalta  ,  ma  allo stesso tempo dubbiosa   visto  che nel calderone dei negazionisti  vengono messi   anche storici  che  cercano  di  smontare  tali leggende con  l'uso  di documenti   e    di riportare   lo studio della storia  el confine  orientale   e quindi  del periodo  delle  foibe  e  dell'esodo   inquadrandolo  nel contesto precedente   al  8  settembre  1943  ed  eliminando   la  confusione e  uso strumentale   quando    si parla  di tale  periodo  .
Il sito https://capodistria.rtvslo.si/ in particolare quest'articolo  riporta  che    fra  << 
Gli interventi hanno proposto le rispettive esperienze sulla narrazione dell’esodo, ma è stato Vittorio Feltri l’autore delle dichiarazioni più forti: in una dura requisitoria contro il comunismo, ha accusato giornalisti ed editori di aver taciuto sulle Foibe, ha chiesto ai comunisti di pentirsi, (“i partigiani non possono perché per fortuna sono morti tutti”, ha aggiunto) e ha affermato che quella delle Foibe è stata una tragedia “addirittura peggiore rispetto a quanto avvenuto nei campi di concentramento in Germania”.
La comparazione fra la Shoah e le Foibe è stata ripresa anche da Marcello Veneziani, sia pur in maniera più sfumata: “Io non amo questi paragoni - ha detto - perché in effetti ogni tragedia è una storia a sé e quindi la comparazione non è mai giusta, ma quello che però si può notare è il diverso trattamento mediatico: da un punto di vista strettamente di storia nazionale, la tragedia delle Foibe con il relativo esodo ha una dimensione anche numericamente più grande rispetto agli Ebrei italiani che sono morti nei campi di sterminio”.>>
Meno  male che  a relicare  ci  ha pensato  Alessandro Salonichio, presidente della Comunità Ebraica di Trieste, << “Mettere assieme tragedie terribili, ma con connotazioni profondamente diverse, come la Shoah e le Foibe, non aiuta alla comprensione e non fa onore a chi cerca questi paragoni”, ha detto. “La Shoah è stata caratterizzata da un metodo scientifico, mentre la tragedia delle Foibe, altrettanto tragica, ha avuto connotazioni diverse. Mettere tutto sullo stesso piano è pericoloso e fuorviante e spiace trovarsi di nuovo a commentare fatti di questo tipo.”>>
E' vero ed  innegabile   che nelle foibe  e   anche     dopo  a  guerra  finita       come dice il testo «Relazioni italo-slovene 1880-1956», "ignorato e passato sotto silenzio dai 10 febbraio " la relazione approvata all’unanimità il 27 giugno 2000 dalla Commissione storico-culturale italo-slovena, costituitasi nel 1993 sotto l’egida dei ministeri degli esteri dei due paesi e formata da storici italiani e sloveni (consultabile qui).che dopo aver liberato il Litorale adriatico dai nazifascisti, l’Esercito Popolare di Liberazione Jugoslavo mise in atto (sottolineatura mia e di https://www.wumingfoundation.com/giap/ più recisamente qui da cui l'ho tratta )
«un’ondata di violenza che trovò espressione nell’arresto di molte migliaia di persone – in larga maggioranza italiane, ma anche slovene contrarie al progetto politico comunista jugoslavo – , parte delle quali vennero a più riprese rilasciate; in centinaia di esecuzioni sommarie immediate – le cui vittime vennero in genere gettate nelle “foibe” –; nella deportazione di un gran numero di militari e civili, parte dei quali perì di stenti o venne liquidata nel corso dei trasferimenti, nelle carceri e nei campi di prigionia (fra i quali va ricordato quello di Borovnica), creati in diverse zone della Jugoslavia.
Tali avvenimenti si verificarono in un clima di resa dei conti per la violenza fascista e di guerra ed appaiono in larga misura il frutto di un progetto politico preordinato, in cui confluivano diverse spinte: l’impegno ad eliminare soggetti e strutture ricollegabili (anche al di là delle responsabilità personali) al fascismo, alla dominazione nazista, al collaborazionismo ed allo stato italiano, assieme ad un disegno di epurazione preventiva di oppositori reali, potenziali o presunti tali, in funzione dell’avvento del regime comunista, e dell’annessione della Venezia Giulia al nuovo Stato jugoslavo.»

ma Il ritornello «tutti i morti sono uguali» si trasforma, quando si tralasciano le dimensioni e il contesto dei fenomeni, in « alcuni morti sono più uguali degli altri».
L’equivalenza tra foibe e Shoah tanto cara ai neofascisti e ai loro complici «democratici» nasce dall’affermazione che le truppe jugoslave avrebbero ucciso delle persone «in quanto italiane», esattamente come i nazisti avevano ucciso delle persone «in quanto ebree». Ma si tratta di un ritornello propagandistico, senza alcuna valenza storiografica. L’Esercito Popolare di Liberazione Jugoslavo – compresi i non pochi partigiani italiani in esso inquadrati – arrestò e in diversi casi uccise persone «contrarie al progetto politico comunista jugoslavo», qualunque fosse la loro appartenenza nazionale.Naturalmente nessuno intende giustificare queste uccisioni, in molti casi assolutamente sommarie, ma è doveroso ricordare che i bambini infoibati esistono solo nell’immaginazione malsana dei propagandisti di destra e che la larghissima maggioranza dei casi interessò appartenenti agli eserciti nazifascisti o loro collaboratori. Recentemente anche il Corriere della Sera si è accorto che ben 300 «martiri delle foibe» decorati dalla Repubblica Italiana dopo l’istituzione del «Giorno del Ricordo» nel 2004 erano in realtà combattenti nelle formazioni repubblichine e collaborazioniste, alcuni dei quali si erano anche macchiati di efferati crimini di guerra.Mettere le due cose sullo stesso livello non è la peggiore offesa, la peggiore banalizzazione che si possa fare della tragedia della Shoah? A questo punto infatti qualunque atto di violenza diventa «come la Shoah!».





Adesso veniamo  alle  foibe   come pulizia etnica    degli slavi verso gli italiani   . Altro mito e  leggenda , ormai diventata  quasi verità  e  guai  a metterla  indiscussione    altrimenti  ti  tacciono  di negazionismo  e  ti dicono  che insulti la memoria del  ricordo , sulle foibe   e  sulla storia del  confine  orientale , diffusa    dalla destra  ( una  delle oche  cose in comune  tra la destra parlamentare  e quella extrapaprlamentare   ) ed  [ sic  ]   anche  dalla sinistra parlamentare  .
 Inizialmente

16/06/19

Treviso, marocchino cerca di dare fuoco alla figlia perché veste all'occidentale

Treviso, marocchino cerca di dare fuoco alla figlia perché veste all'occidentale


Ha cosparso il corpo della figlia di benzina e ha tentato di darle fuoco, perché si vestiva troppo all'occidentale. È successo ad Arcade, in provincia di Treviso e la ragazza, 15 anni deve la vita al caso: l'accendino del padre, di origini marocchine e residente da anni in Italia, si è inceppato.
L'uomo è stato arrestato per maltrattamenti dopo che la madre della giovane si è rivolta ai servizi sociali denunciando l'episodio. Madre e figlia si trovano attualmente in un centro protetto.

Tali persone andrebbero o espulse subito senza se o senza ma oppure un indottrinamento forzato alla cultura occidentale con gli stessi strumenti subiti dal protagonista di arancia meccanica  (  vedere foto sotto )



Risultati immagini per arancia meccanica

nell'Italia dell'odio c'è che resiste e dice No è il caso di Maria Grazia Carta



di cosa stiamo parlando
della  storia   di  Maria Grazia  mamma di Davide Marasco   investito ed ucciso da un Albanese ubriaco , che  chiede    giustizia per  il figlio senza scadere nel razzismo   e  nell'odio  verso gli stranieri 



Lo so che ne ho già parlato ed ho già raccontato la sua storia e la sua vicenda . Ma un clima in cui :


La deputata dem Giuditta Pini ( foto a sinistra ) ha voluto dare pubblico rilievo anche se in maniera ipocrita e personalistica come se prima dormiva e si svegliasse oggi visto che : saranno già 3\5 donne , di cui l'ultime due : una scrittrice e non solo Michela Murgia , ed una cantante Alice Uli Protto  [  corsivo mio    ] al linciaggio social contro di lei a opera dei follower del deputato leghista Alex Bazzaro. Una pioggia di insulti a sfondo sessuale, come è prassi ordinaria quando l’oggetto dell’assalto di gruppo è femmina. Essendo la Lega, oggi in Italia, il volto del potere, Pini parla, con buona ragione, di “misoginia di Stato”: se è una femmina, a disturbare con le sue opinioni, “troia” è il minimo che le venga urlato in faccia dalle squadracce di cui ogni gerarca o gerarchetto dispone su Facebook
C’è però un aspetto, visto che di misoginia si tratta, del quale è faticoso eppure indispensabile parlare. Una parte rilevante dei linciatori non è costituita da maschi, ma da femmine. Le Marica, le Sara, le Viola sono tra le prime firmatarie della lapidazione online. E tra le più esaltate, le più scalcianti. Il loro linguaggio è indistinguibile da quello dei maschi del branco, è un linguaggio da commilitoni, come se la famosa “differenza” fosse davvero una bizzarra illusione del pensiero femminile e femminista degli ultimi due secoli, finalmente sepolto, insieme a molti altri impicci cervellotici, dalla vindice spontaneità del popolo leghista.Paiono uomini, quelle donne furibonde, hanno lo stesso istinto di intimidazione fisica e psicologica della soldataglia di ogni epoca, le Marica, le Sara, le Viola che assestano il loro calcio al corpo della “troia” già simbolicamente riverso sullo stradone social. Urgerebbe che il ministro della Famiglia Fontana, che come è noto ha molto a cuore il rispetto dei ruoli tradizionali, si domandasse come mai, nel suo partito, così tante donne paiono maschi incazzati.
                                           L'amaca di Michele Serra 18.6.2019


Infatti  la  vicenda  di Maria  Grazia   è piena di speranza  perchè    dimostra  anche   se  nell'ombra, lontano al  90 %  dai media , coi sono donne     diverse  da   quelle   che  insultano e  augurano violenza  ad  altre donne     conformandosi ai maschi  della peggior  specie

queste sono le donne che preferisco e  di cui   continuerò  a raccontare  e  riportare  le storie   in  culo a chi mi dice  : <<  che  le donne  ci mettono i piedi sopra  >> ed  altre  amenità varie    è  il tempo  di andare  oltre  alle  donne Stronze come un uomo

trasformare il loro handicap in risorse ? si puo Le Azzurre hanno stracciato le pallavoliste della Russia, sono campionesse europee

15/06/19

cosi va il mondo sorridere sempre ed accettare che non puoi cambiare la gente


L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso

Chissà perché le persone fortunate si lamentano sempre e quelle in difficoltà inventano sorrisi meravigliosi.(M. Larabino) . Infatti  

Giovanni Figoni Si lamenta chi non sa conoscere il valore.
Sorride chi sa dar valore.
Ad ogni cosa..


Nessuna descrizione della foto disponibile.






Avellino Pride, nonna col cartello:
«Mio nipote ama un uomo»





«Mio nipote ama un altro uomo. À vui che ve ne fotte? L'amore si fa cò o core». Nonna Eleonora ha deciso manifestare a tutti il proprio amore, ma soprattutto orgoglio, per il nipote omosessuale e lo ha fatto in occasione del suo compleanno di 40 anni, facendosi fotografare munita di cartello con su scritto «sono una nonna orgogliosa di suo nipote che ama un uomo. À vui che ve ne fotte? L'amore si fa cò core». Lo scatto arriva da Avellino e a postare la foto su facebook ci ha pensato proprio Antonio De Padova Battista, vicepresidente di Apple Pie, tra gli organizzatori di «Abellinum Pride - People Have The Power!», la marcia contro la omotransfobia che si terrà domani alle 16, ad Atripalda, provincia di Avellino e avrà come madrine Eva Grimaldi e Imma Battaglia. Questa mattina, Antonio De Padova ha fatto coming out con la nonna, 85enne, come spiega sui social, e lei ha affidato la sua risposta a un cartello e una foto, invitando tutti al Pride di domani. «Ho una nonna meravigliosa e piena di vita! Invita tutte le nonne, nonni, zii, nipoti, ad unirsi per fare una rivoluzione d'amore!», scrive Antonio De Padova.

Novara, donarono il pranzo di nozze ai senzatetto: al matrimonio gli auguri del Papa

Cerimonia al convento di San Nazzaro con i volontari e gli ospiti della mensa dei poveri
Federica in abito bianco sul sagrato accolta dai City Angels e dagli amici della mensa dei poveri

Pubblicato il 09/06/2019
Ultima modifica il 10/06/2019 alle ore 09:45
ROBERTO LODIGIANI
NOVARA



Nel giorno del matrimonio della solidarietà, l’abbraccio più forte per Federica e Alberto è arrivato dagli abituali frequentatori della mensa dei poveri del convento di San Nazzaro alla costa di Novara. Ma anche da papa Francesco, che dal Vaticano ha inviato un telegramma di vicinanza.


Federica e Alberto ieri pomeriggio - sabato 8 giugno - sono stati accolti sul sagrato della chiesa al colle della Vittoria di Novara da una delegazione di senzatetto: sorreggendo uno striscione sponsorizzato dai City Angels, la delegazione che rappresentava i novaresi più fragili ha voluto ringraziare per il pranzo di nozze che i due giovani avevano condiviso con loro a gennaio in una pizzeria di Novara. Celebrato da frate Valentino Crugnoli, dal parroco di Robbio Lomellina don Gianni Fagnola e da monsignor Luigi Cacciabue, ex vicario della diocesi di Vigevano, il matrimonio ha avuto un inatteso saluto, il telegramma di Papa Francesco: «Invio a Novara i migliori voti augurali affinché Alberto e Federica possano vivere il momento di profonda condivisione cristiana con la massima serenità. Invoco abbondanti grazie celesti».

Il ceranese Sergio Massara, assiduo collaboratore delle associazioni novaresi che assistono gli emarginati, ha intonato «La Novia», la canzone di Joaquin Prieto: «Parole che mi sono sgorgate dal cuore - racconta - . R ingrazio Alberto e Federica per il pranzo che hanno condiviso con tutti noi. Lo zaino colmo di oggetti utili per la quotidianità dei senzatetto è stato un regalo molto apprezzato. Nessuno aveva mai avuto questa sensibilità nei confronti di chi si trova in stato di necessità, festeggiando con loro un momento così felice. Speriamo che altri seguano l’esempio». Erano presenti anche i volontari della «Ronda della carità Novara» che il sabato e la domenica distribuiscono la colazione a chi trova rifugio alla stazione di Novara: «Cerchiamo volontari - dice il coordinatore Amedeo Arnoldi -. Gesti solidali come questo sono un ottimo catalizzatore per scuotere le coscienze e motivare la partecipazione».

14/06/19

Sul web gira un fotomontaggio di Salvini, i fan non lo riconoscono e insultano il loro Capitano


  di cosa  stimano parlando
  di  odiatori   che   sono talmente  presi dall'insultare  e minacciare  stupri   etnici  , ecc   vedi il caso     di  Michela  Murgia ed  Alice  proto   ne  ho parlato qui  )   ed  ora     non capiscono  neanche il vaf  e le prese  in   giro    al loro  capitano    al punto da  non riconoscerlo

Il fotomontaggio è stato   ripreso    dalla pagina Facebook 'Un attimo di consapevolezza', per dimostrare quanto manipolabile sia la base elettorale di Salvini
Il fotomontaggio

Il fotomontaggio

globalist13 giugno 2019
La pagina Facebook "Un attimo di consapevolezza" ha voluto tentare un goliardico esperimento social per capire quanto poco attenti (per essere gentili) possono essere i fan di Salvini: presa una foto del Capitano e ritoccata con photoshop con i capelli del frontman dei Korn Jonathan Davis, le si affianca la frase "Salvini è un porco, non farò più concerti in Italia finché sarà al governo" e la si affida al web.
Risultato: i cani da guardia del Capitano scattano immediatamente e attaccano alla cieca, senza rendersi conto di stare insultando quello che, nella ormai famosa prima pagina del libro di Altaforte edizioni, veniva definito "l'uomo più desiderato dalle donne italiane".
L'esperimento dimostra lo scarso livello di attenzione della fan-base di Matteo Salvini, composta principalmente da persone che non sono in grado di approfondire nemmeno la notizia più semplice e di distinguere la realtà dalle bugie che circolano sul web. È importante ricordarlo, non per prenderli in giro (o almeno, non solo), ma per cercare di far capire loro che con la stessa facilità con cui un fotomontaggio li manda in crisi, mesi e mesi di propaganda e fake news spacciate per reali possono distorcere profondamente la realtà.




Ciò dimostra che pensare stanca! L'idea che qualcuno  possa pensare x te è uno dei peggiori incubi dell'umanità.... quasi sempre finisce in dittatura!  ma  soprattutto  Sono sicuro che tra un po, per indicare un'azione molto semplice, non si userà più l'espressione "facile come rubare delle caramelle ad un bambino", questa sarà sostituita dalla più attuale "facile come perculare un salviniano".

13/06/19

chi ancora dovranno insultare I FANS DI SALVINI dopo michela MURGIA E Alice Uli Protto proima di prendere seri provvedimenti UN CAPO DI STATO ESTERO ?

qui  non è più  solo questione   di ; Destra\Sinistra , Conservatore/Progressista , Buonista/ Non Buonista  , Immigrazia  / non immigrazia  , ecc . Ma  di buon senso   e  , di  educazione e di rispetto  . Posso capire   e  comprendere  (   attenzione non giustificare )  che    dialogando  e  scontrandosi  fra   chi  aderisce   ( soprattutto acriticamente )  alla propaganda e  chi ancora  resiste   o  allo sbando   cioè  ne   con l'uno ne  con l'altro   , ci possa  scappare  qualche  vaff   o   insulto  ,  ma      da    insultare      cosi  pesantemente  e sopratutto minacciare violenze e stupri [ SIC SOPRATUTTO DA PARTE DI UNA DONNA VERSO UN ALTRA DONNA ] è segno di un bruttissimo clima ma soprattutto è segno oltre di una diffusa ignoranza politica e cultiurale ,ma soprattutto Quando ti attaccano con insulti sessisti, capisci che hai segnato perché non hanno argomenti! . Bravi Michela e Alice 👏👏👏 . Infatti Michela Murgia : << Io sono forte, ma denuncio anche per le altre vittime di questo squadrismo. E il decreto sicurezza bis è la criminalizzazione della solidarietà. E' fascismo. E si vuol far tacere chi sostiene una versione diversa da quella di Salvini. Non siamo invasi dagli immigrati. E' il Mediterraneo che è invaso di gente che muore". >>
Concordo con

Indy Baldus È alcuni giornalisti continuano a dire che non è fascismo ! Spiace sentire di una totale mancanza di rispetto per una donna, una persona che semplicemente esprime le sue idee! Questo squadrone dell'insulto mi sembra molto vile e si nasconde dietro una tastiera!! Poco onore!!!


adesso dopo lo spiegone veniamo ai fatti




CAGLIARI. Insulti e minacce su Facebook alla scrittrice Michela Murgia. Lo racconta lei stessa: "C'è un gruppo dei sostenitori della Lega che si chiama 'Uniti a Salvini'. Gli iscritti sono 13.595. Qualcuno di loro ci ha postato un articolo che sintetizza il mio intervento a Bologna in piazza Maggiore per la Repubblica delle Idee. Che questa gente mi auguri la morte, lo stupro o mi insulti mi importa poco a titolo individuale. Davanti a questa violenza faccio le sole cose sensate: segnalare il gruppo a FB (cosa che vi invito a fare a vostra volta) e denunciare le persone che hanno scritto le cose penalmente rilevanti". Lo annuncia la scrittrice sarda Michela Murgia sul proprio profilo Facebook, allegando gli screenshot dei messaggi. "Questo gruppo lo faremo chiudere. Cento altri ne sorgeranno e faremo chiudere anche quelli - osserva - Ma quando è chi governa a legittimare questo registro, l'azione della violenza è pedagogia di stato".
E continua: "Questo comportamento ha un nome: si chiama squadrismo ed è l'espressione pratica della violenza come metodo politico. Qualunque leader politico democratico, specialmente uno che fa spendere ai cittadini 404 mila euro all'anno di stipendi per pagare chi si occupa della sua comunicazione, si dissocerebbe immediatamente da chi usa metodi simili. Il ministro degli Interni, che di solito è pronto a twittare su qualunque cosa, invece in casi come questi tace".
"Le pagine di sostegno al governo leghista che consentono questo linguaggio, al di là delle intenzioni dei commentatori - scrive tra l'altro Murgia - hanno come scopo l'intimidazione. Non tanto rivolta a me, che ho sempre detto quello che penso e continuerò a farlo, ma a chiunque possa pensarla nello stesso modo e abbia intenzione di dirlo apertamente, in modo particolare se donne".


 ecco  qui  il  suo  intervento integrale   tenuto a  repubblica delle idee    edizione  2019   a  voi  ogni  idea  pro o contro  a tale  argomento  merito 






e  qui   vili insulti  ù








La seconda   ragazza    ad  essere minacciata  ed  insultata   pesantemente  come   se  non peggio    della Murgia  è    Alice  Proto  .

Vercelli alla fine ha vinto Andrea Corsaro, candidato sindaco del Centrodestra unito. Ma questo la cantante Alice “Uli” Protto non lo sapeva quando ha composto e pubblicato la sua Salvineide. La canzoncina è una rilettura, aggiornata ai nostri tempi, della famosa Badoglieideuno dei canti popolari della Resistenza (scritta tra gli altri da Nuto Revelli).

La Salvineide di Alice Uli Protto

La canzone è stata pubblicata su Youtube e su Facebook il 24 maggio, giorno della chiusura della campagna elettorale e della visita di Matteo Salvini a Vercelli, città dove vive anche la cantante. L’intento non era certo quello di ribaltare le sorti del voto, quanto piuttosto quello di dedicare uno striscione cantato al ministro dell’Interno. Uno di quelli che è difficile far levare dai balconi, perché pubblicato su bacheche e balconi virtuali.





Chissà se invece Alice pensava che oltre alla pioggia di complimenti da parte di molti utenti che evidentemente non votano Salvini sarebbe arrivata anche la scarica d’odio dei sostenitori della Lega indignati e offesi per una canzoncina. Perché si sa che per il Capitano vale la regola “niente critiche solo complimenti” e questa regola va fatta rispettare da tutti, anche da chi non la pensa esattamente come l’elettore-tipo della Lega.

Ormai la Bestia dell’odio non ha più bisogno del suo domatore

Questa volta non c’è stato nemmeno bisogno che il ministro dell’Interno mettesse alla gogna l’autrice del brano come al solito: i patridioti sono arrivati lo stesso. Ormai la “Bestia” si muove da sola, e ci si chiede quanto controllo ne abbiano quelli che l’hanno nutrita e allevata amorevolmente in questi anni a suon di insulti, bacioni e inviti ad andare a mangiare pane e Nutella. Certo: Salvini e Morisi non hanno inventato nulla, hanno solo imbrigliato a fini elettorali il compost fertile dell’Internet che ha voglia di insultare e odiare. Ma per farlo hanno dovuto dare in pasto alla Bestia cittadini, politici, donne e ragazzine “colpevoli” di non stare sulla stessa barca del Capitano.


Grazie di nuovo ai Sentinelli.
Io continuerò a chiamare ironicamente questi commenti "la mia rassegna stampa giornaliera".
Non mi toglierete la voglia di scherzare! 👩🏻‍🎤
L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono

L’istinto del patridiota è quello di insultare. Se la vittima è una donna tanto meglio perché oltre al classico zecca buonista le si può dare anche della troia e della zoccola. Oppure si possono fare raffinate perifrasi degne di Omero per suggerire cosa dovrebbe fare l’autrice della canzone con quella chitarrina, o con quello che ha in mezzo alle gambe.
alice uli protto salvineide insulti - 2alice uli protto salvineide insulti - 9alice uli protto salvineide insulti - 6alice uli protto salvineide insulti - 7
Non sfuggirà di certo ai vari sostenitori della brigataVoltaire come interazioni social del generedifficilmente possano essere considerate come un legittimo diritto ad esprimere la propria opinione che va assolutamente tutelato. Anche chi dice che gli insulti sono l’altra faccia della medaglia della democrazia e che ci si deve sorbire bordate di merda digitale perché si ha avuto l’ardire di esternare al mondo il proprio pensiero forse dovrebbe rivedere le proprie posizioni.
alice uli protto salvineide insulti - 11alice uli protto salvineide insulti - 10alice uli protto salvineide insulti - 4
Essere assaliti ogni volta che si dice quello che pensa da orde di sconosciuti che ci tengono a farti sapere cosa farebbero con te se avessero cinque minuti a disposizione non è affatto piacevole. E non è affatto un sottoprodotto della democrazia. È invece il prodotto della mancanza di una cultura politica che sappia rispondere in modo pertinente alle critiche. Perché nessuno vuole vietare a chi non apprezza la Salvineide di dirlo, si può anche benissimo farlo usando toni “forti”. Ma questo è puro distillato d’odio, che va combattuto, non tollerato.

Oggi 24 Maggio 2019 Matteo Salvini è a Vercelli, la mia città. Non potendo unirmi alla protesta di persona, ho deciso di scrivere un INNO per l'occasione, dal titolo LA SALVINEIDE
(libera riscrittura del canto partigiano "La Badoglieide").


           .