10/12/16

Per salvare la mia ragazza vi racconto dell'eroina in Versilia" L'sos di un uomo innamorato che denuncia il traffico di droga per far arrestare i pusher della sua ragazza



non mi sono solo concentrato sul natale e sulle sue mille sfaccettature . eccovi una storia d'amore non melensa \ mielensa 


Per salvare la mia ragazza vi racconto dell'eroina in Versilia"L'sos di un uomo innamorato che denuncia il traffico di droga per far arrestare i pusher della sua ragazza





VIAREGGIO. «Sono andato dai carabinieri e dalla polizia perché questo inferno finisca: per lo stesso motivo mi rivolgo a voi del Tirreno, mettendoci la faccia, perché il mio desiderio è che chi vende la droga alla mia compagna vada in galera». Sono le parole di Giorgio (nome di fantasia, ndr), un uomo che sta per toccare la mezza età e con fatica sta uscendo dalla dipendenza che per un periodo ha condiviso con la sua ragazza. «L’eroina ora si fuma, come si fa con la marijuana. Io ne sono uscito e voglio che anche la mia compagna ne venga fuori. Ma non ne ha le forze».
Luoghi, nomi, prezzi, Giorgio vuota il sacco sul mercato della droga tra Viareggio e il resto della Versilia. C'è una vera e propria casa dello spaccio - è il suo racconto - in cui una dose d’eroina costa poco, pochissimo. Quindici euro di annullamento totale che sono una tana del bianconiglio verso l’oblio, verso la dipendenza. Tra quelle anime perdute che frequentano questo particolare “mercato” c’è anche la compagna di Giorgio: è ancora giovane e ha una vita da vivere. Stanno insieme da anni ma ormai il suo tempo è stato risucchiato dal pensiero della dose. «Ci pensa sempre - continua - quando si alza, quando stacca dal lavoro. Spende tutto quello che ha per farsi. Vivere con lei è diventato impossibile perché è sempre nervosa, paranoica e litighiamo in continuazione a causa dei suoi malumori». Come nelle più tristi pagine di Christiane F., la protagonista di un celebre romanzo: «Quando c’è la droga, non c’è l'amore: l’eroina prende tutto il posto».
Lei è entrata in quel giro maledetto proprio con Giorgio che l’ha trascinata con sé: lui è entrato e uscito dalla dipendenza più di una volta nella vita. Una maledizione che ora accompagna anche lei. Giorgio però questa volta sembra che ce l’abbia fatta. E ama ancora la sua compagna: vuole che anche lei si faccia aiutare, che esca da quella casa in cui girano tanti soldi e tanta droga. «Quasi quattromila euro al giorno puliti puliti» per tanti clienti, persone anche conosciute nel circondario, stimati professionisti.
«Li conosco bene gli spacciatori - racconta Giorgio - non le farebbero mai del male. Si comportano esattamente come se fossero degli imprenditori. Hanno bisogno di lei perché è una dei loro clienti più fedeli». Negli occhi di Giorgio c’è smarrimento: ha visto tante cose in quella casa, cose che vorrebbe dimenticare: «Gli spacciatori sono molto inseriti nel tessuto sociale - i particolari si moltiplicano, precisi - gestiscono questa attività proprio come se fosse un negozio: vivono altrove e vanno in quell’appartamento la mattina, intensificano il lavoro intorno a mezzogiorno e se ne vanno dopo le 19. Spesso si fanno accompagnare da un’auto insospettabile. La casa è la loro base, da lì gestiscono il traffico, ricevono le ordinazioni via telefono: basta mettersi d’accordo sul posto, ci si incontra e loro ti danno la dose. Per non farsi prendere cambiano spesso numero di telefono e sono loro che si fanno vivi: ti mandano un sms o ti chiamano per dirti
che quello è il loro nuovo numero di telefono. Non si confondono con gli spacciatori di coca, le anime delle pinete: loro non si appostano per acchiapparti. Se ti fai, primo o poi sarai tu ad andare da loro. Te li presenta un amico o uno del loro giro e tu vai a casa loro. Sono sempre lì».

non sempre le abitudini sono una schiavitù o negative per la tua opera d'arte . L'alba

anche se in realtà la vita cittadina sta incomincisando a prendere forma e quindi si sentivano i i primi risvegli di vita cittadina
Anche quando non devi lavorare , per abitudine , capita che t'alzi all'alba . Allora nella calma e nella bellezza decidi di bloccare l'immagine perchè non sai mai quando potrebbe essere l'ultima che vedi😁   non lo sai mai  cosa  la vita  può  rilervarti  . 


Le metto tutte , non per fare il sadico ma per avere consigli su come impostare la mia reflex (  vedere post  precedenti   )  Eos 1300D(w) canon  e chiedere ( compresi quelli dell'associazione , ma non solo ) ai contatti fotografi ed\o  appassionatri di foto consigli sul tipo d'ambiente d'impostare . ecco i parametri 

1) 1\50 , 5.6 .,-2\3 esposizione , iso 2500, freddo , opzione paesaggio ,flexizone -single ;


 2) stressi parametri ma con iso 800 ., 

3) quella seconda me riuscita meglio 1.25 , 5.6 , senza nessun automatismo ma con il manuale iso 200 , freddo , regolazione bianco luce odierna ( nelle precedenti era automatico 





) , flexzone-single

09/12/16

come superare le festività natalizie VII ° animali regalare o non un cane -gatto o altro animale a natale ? ed animali davanti ai petardi


http://www.tipresentoilcane.com/2011/12/09/ma-se-proprio-vuoi-un-cane-per-natale/
http://www.greenme.it/vivere/costume-e-societa/18603-botti-capodanno-pericolosi
http://www.curioctopus.it/read/6499/le-citta-vietano-i-fuochi-d-artificio:-ecco-in-arrivo-i-botti...-silenziosihttp://www.greenme.it/abitare/cani-gatti-e-co/18718-cani-sicurezza-feste-natalizie

Di solito  nelle guide  degli altri anni ,ma  anche  no , facevo  un post  su  regalare  o non regalare  cuccioli  a natale  ? o    botti   \  petardi  e Cani e  gatti    qualche  giorno  prima di natale  . Ma  leggo   su  http://www.galluranews.org/ del 7\12\2016
questa  toccantissima lettera  di       Gian Mario Sanna    responsabile delle Guardie Eco zoofile   Sezione staccata di Tempio Pausania su l'abbandono , di solito  era  dopo le feste  , ora   è prima  delle feste  
                                                                                               





Tempio Pausania, “Arrivano le feste, si abbandonano gli animali”. Scrivono le Guardie Zoofile








“Caro Direttore di Galluranews, in veste di Responsabile delle Guardie Zooflie Ambientali di Tempio Pausania ho rilevato che con l’avvicinarsi delle feste Natalizie e di fine anno, come ormai consuetudineun aumento di abbandono di cani e gatti, solo negli ultimi quindici giorni siamo stati chiamati perben N° 6 cani senza microchip e naturalmente senza padrone. La cosa strana è che alcuni di questi cani sono ben tenuti ed abituati a stare in appartamento, verrebbe da pensare che persone senza scrupoli cambino in cagnolino con l’arrivare del nuovo anno.La informo con piacere che tutti i cagniolini sono stati felicemente adottati da splendide persone e anagrafati dai veterinari della ASL N°2T
 La stessa situazione si ripete per i piccoli micetti abbandonati in questi giorni gelidi senza pietà. Perché prendere un animale in casa se non lo si può tenere? Certo sarebbe bello avere una risposta a tale domanda, spesso sentiamo dire devo prendere un cucciolo per mia figlia per le feste, e poi? A volte finite le feste il povero animale diventa un peso ed ecco la sua misera fine, l’abbandono in strada.Caro Antonio io penso che a volte prima di prendere in casa un animale sarebbe bene pensare per qualche giorno alle problematiche che creano, si perchè le feste finiscono, le ferie finiscono e arrivano puntualmente le sofferenze per i nostri piccoli amici a quattro zampe. So che anche tu sei un grande difensore degli animali quindi direi che qualche consiglio potresti darlo e far sentire la voce di questi animali indifesi.

Ora  Aggiungere qualcosa a quanto espresso dal comandante Gianni Sanna, è  come sfondare  una porta  aperta . Tuttavia  voglio  ribadire , ne parlo  spesso  con storie   e  foto   qui sul  blog  e  sui miei  social  che gli animali sono membri della famiglia, che portano il nostro cognome nell'anagrafe canina, che sono capaci di sconvolgerci la vita nel senso migliore, la rendono semplice perché la loro vita è semplice. L’esempio  e l’insegnamento che ogni giorno ci donano è un sentimento di gratitudine vera, a loro basta e avanza che gli dedichiamo una porzione della nostra dolcezza per farli sentire ancor più i nostri migliori e fedeli amici. Considerare un cagnolino un peluche   è cosa successa a tutti, chi non si è intenerito vedendo un cucciolo che ti guarda con occhioni dimessi e languidi ? Pensiamoci bene a prenderli in casa ( ma  anche non )   se non siamo pronti a seguirne la crescita e una maggiore attenzione. Abbandonare o peggio lasciarlo incustodito   un animale è reato, molto meglio evitare di incorrere in questo sfregio che resta come una condanna per quel povero animale. Prendiamo un cane o un gatto solo se il nostro desiderio di possederne uno è legato a vero amore. Altrimenti  lasciamolo dov'è  .

Ma  allora  non regalare o  regalare un  animale  a natale  ?  
 molti  siti (  e non )  " animalisti" sconsigliano  di non regalare   animali a natale . Infatti questo articolo 

(...) ma un profumo? Una sciarpa? Regaliamo qualcosa che, in questi tempi di crisi, possa essere riciclato se non gradito. È poi mia opinione (ma sono un'estremista, si sa) che, se il regalo è per un bambino, sia una cosa davvero diseducativa presentare un animale come un regalo. Insomma, si è mai sentito un "mamma, mi fai un fratellino?" "Sì, a Natale"? L'animale è un membro della famiglia, e il bambino deve capire da subito che non è un "subalterno", una suppellettile. Un pacco con un fiocco. È un essere vivente di cui prendersi cura, che va coinvolto nella vita familiare. Adottare è bellissimo, ve lo dice una gattara recidiva. Ma i presupposti contano più dell'adozione stessa, perché ne pregiudicano il risultato. A Natale, regalate un libro.

 di http://www.petsblog.it/ lo sconsiglia .
Ora   ribadisco l , per   chi non  mi conosce  ed  legge    la  mia  guida  ( senza  leggere  quelle precedenti  ) ,la mia   posizione  .Non  biasimo    questa  posizione   estremista  in quanto  contiene  un  fondo  di verità  . Infatti  non regalate  (  se non potete  fare  a meno   fatelo    con  giudizio  ) animali   a natale  . ecco come 
1)   responsabilizzare  il bambino\a (  o la persona  a  cui si vuole regalare  un animale  , regalandolise  ha  più di  110\12  anni  un libro su come  educarlo  e , curarlo , ecc   ecccone 
 
altri ne  trovate sfogliando    qui per i cani  e  qui per  i gatti se   è d'eta  infeeriore  qualche  racconto  od  opera letteraria     riguardante i rapporti uomo animale  
2)  un adozione  da  un canile  o   rifugi   sconsiglio ( salvo che non se  ne trovi uno serio e certificato  ) di prendere i cani  d'allevamento  perchè  

 (....)  Lì si alleva spregiudicatamente e in economia, sono frequenti le consanguineità che causano tare fisiche e caratteriali. I cuccioli sono sottratti alle madri troppo presto, con serie conseguenze comportamentali. Vengono sottoposti a viaggi spaventosi; raggruppati nei camion passano una prima selezione innaturale. Molti, infatti, così muoiono. Altri, si ammalano una volta acquistati. Altri ancora sono sofferenti, manifestano disturbi psichici difficili da gestire, soprattutto per proprietari inesperti.  (  da   http://www.corriere.it/animali/10_dicembre_06/cuccioli-regalo-natale_6097fa16-010f-11e0-96e9-00144f02aabc.shtml
3)   solo  dopo    ( o prima  dipende    dall'educazione  che avete  e date   ai vostri figli\e )    che il bambino ha  capito  capire da subito che i  gatti o  cani  non sono   un "subalterno", una suppellettile. Un pacco con un fiocco. Ma un essere vivente di cui prendersi cura, che
va coinvolto nella vita familiare, curato , nutritrito , coccolato ( a meno che non siate cacciatori ) educato a stare in casa ( a meno che non abbiate un giardino o una campagna ), sacrificarti . Infatti Se non sei disposto a rinunciare a un natale o  un  capodanno caciarone,) NON prendere o  non regolare    o regala un cucciolo a Natale.Non te l’ha ordinato il dottore, dopotutto.Puoi tranquillamente portarlo a casa dopo il 3 gennaio…a parte il fatto che… se non sei disposto a rinunciare neppure a una serata di festa per il tuo cane, sei DAVVERO sicuro di meritarne uno ? a  voi stabilirlo  

Ulteriori informazioni sul primo dei siti che trovate sopra .
 Passiamo ora a come fare in caso di botti e petardi . Infatti anche   se  , almeno  qui nel mio paese,scoppiano di meno  sia  prima   di capodanno     che a capodanno  , essi costituiscono sempre  un problema  per  gli animali  gatti  e  cani in particolare  . 

Ora  che  dire  rispetto  a quianto  ho detto nele precedenti guide  e  negli url ad  inizio post  ? Che  si possono fare fuochi d'artificio senza il botto e senza rumore che nulla hanno da invidiare a quelli tradizionali dal punto di vista spettacolare e  che nulla hanno da invidiare a quelli tradizionali dal punto di vista spettacolare e   sono senza le note controindicazioni legate al rumore degli scoppi" come dimostra il confronto fra     questi due video 





tratto da questo articolo  di   https://www.greenme.it  ma sono senza le note controindicazioni legate al rumore degli scoppi"E  quindi ,Lo spettacolo è garantito anche quando la festa è nel rispetto di tutti. Lo dimostrano queste spettacolari immagini della Setti Fireworks, con due grandi gigli di fuoco e la voce di Freddie Mercurya fondersi con le coreografie di fuoco. O le immagini della Notte di San Giovanni 2014 di Torino.Anche sempre  in un commento  dell'articolo  sopracitato prima 


Ospite - Stefano il Mercoledì, 30 Settembre 2015 10:28
Facciamo chiarezzaAll'atto pratico,i fuochi "senza botti",come vengono citati,sono realizzabili solamente da professionisti che abbiano l'abilitazione e la strumentazione adeguata:pertanto alcune informazioni che girano sul web,sono totalmente frammentarie.
I fuochi da divertimento a marchio CE(esempio fontane,razzetti),hanno subito negli ultimi anni,un forte depotenziamento,che ne ha limitati i decibel e quindi il polverino esplodente.
Pertanto,quando molti animalisti dicono "vietiamo i botti di capodanno",si stanno riferendo a grossi petardi prodotti illegalmente,dato che in commercio "regolare" non esistono ormai da qualche anno.
Si smetta quindi di demonizzare l'utilizzo dei fuochi artificiali da divertimento con regolare documentazione,ciò danneggia solamente i rivenditori autorizzati alimentando il mercato illegale,con tutte le conseguenze che ogni anno sentiamo il 1 Gennaio

Secondo me , da quel poco che ne capisco , l'autore di questo commento d'essere una persona che lavora in qualche ditta di fuochi con botti è quindi non la da informazioni complete Infatti ecco cosa dice  una ditta  che  li produce  più precisamente  la http://francopozzi.com/it/fuochi-d-artificio-silenziosi

Molti clienti però ci chiedono:“l’effetto scenografico dei fuochi d’artificio silenziosi è paragonabile a quello di un classico spettacolo pirotecnico?”Assolutamente si!
fuochi d’artificio coreografici non hanno nulla da invidiare rispetto ai tradizionali spettacoli, in quanto sono in grado di garantire tanti effetti speciali come:
  • Cascate;
  • Fontane;
  • Sbruffi;
  • Girandole.

L’atmosfera magica è garantita dall’aggiunta della componente musicale, in un affascinante tripudio di luci e note.
Veri e propri fuochi danzanti, che riescono immediatamente a far vibrare le corde del cuore come sanno fare soltanto le migliori performance artistiche.
Tutti i prodotti utilizzati da Franco Pozzi hanno la marcatura CE, che confermano che il prodotto è conforme ai requisiti di sicurezza verso il pubblico e l’ambiente previsti dalle normative europee circa la qualità delle materie prime utilizzate e di tutte le fasi di lavorazione.
fuochi d’artificio silenziosi rappresentano la scelta ideale per tutte le Associazioni, i centri ecclesiastici, o gli Enti Pubblici, che sono alla ricerca di uno spettacolo pirotecnico per le loro festività a basso impatto ambientale ma ad altissimo impatto emozionale.
  • a  voi decidere  



08/12/16

come superare le festività natalizie VI °Come Evitare di Litigare a Natale ma anche negli altri giorni e come comportarsi con un vegano



Cercando  spunti   su cosa  scrivere  sulle tensioni e  come   smorzarle  \  ridurle     durante le festività   ricevo un  email  di un amico  vegano   che  dopo aver letto la puntata e le guide   precedenti   sul cene    del periodo     mi  dice  : <<  Se  devi parlare    del  natale  di noi vegani   parla  anche  delle nostre  difficoltà   che  abbiamo con i  carnivoro  , non limitarti anche  tu  a  fare il solito post politicamente  corretto con  ricette   vegane >>  . Infatti  eccolo accontento  😀😏🙋    


Ora  dopo    questa premessa , come annunciato nel post precedente  ,  veniamo  al post  vero e proprio .


A Natale non si fa che parlare di armonia, pace e amore. Tuttavia, è in questo periodo dell'anno che si risvegliano le tensioni familiari, e non solo. Non rovinare l'essenza natalizia.
 ecco   degli articoli interessanti  presi    con delle  rilaboraziomni da :

Passaggi

  1. Immagine titolata Avoid Fighting on Christmas Step 1
    1
    Individua cosa ti fa perdere la pazienza: tu ti conosci meglio di chiunque altro e sai quali sono i membri della tua famiglia che ti fanno perdere le staffe. A volte proiettiamo sugli altri tratti del nostro carattere che non sopportiamo, spingendo chi ci circonda a mettersi sulla difensiva. Se sai cosa ti fa arrabbiare, puoi ricordare a te stesso che sei tu ad avere il controllo e che sai come rispondere.
    • Non devi provare niente a nessuno. L'orgoglio danneggia i rapporti con la tua famiglia. Ok, tuo cugino Giorgio ha una macchina più grande della tua. E allora? Tua zia Elisabetta vuole cucinare i cavoletti di Bruxelles a “modo suo”: a che serve interferire? Ci sono tante cose che puoi lasciar correre senza tragedie.
    • Non essere testardo. Che senso ha litigare con un membro della famiglia sempre per la stessa ragione? Cosa vuoi dimostrare? E anche se volessi dimostrare qualcosa, che risolveresti ? 
    • Scegli una “parola d'ordine” con tua moglie o tuo marito. Se il tuo partner nota che ti stai addentrando in un territorio pericoloso, la dirà, così capirai che stai esagerando e che ti conviene ritirarti prima del caos.O quanto meno  sposterà il discorso   su altri argomenti 
  2. Immagine titolata Avoid Fighting on Christmas Step 2
    2
    In prospettiva. A Natale vediamo persone che di solito evitiamo durante il resto dell'anno  . Inizia con l'accettare il fatto che starete insieme solo per qualche ora, al massimo qualche giorno. Se ti dicono qualcosa di irritante , fai finta di non aver sentito e sii zen:
    • Ignora le osservazioni ipercritiche sul tuo conto, i membri della tua famiglia, i tuoi regali, la tua casa, ecc. Questi commenti in genere dicono di più sulla persona che li muove rispetto al target.
    • Le vacanze natalizie possono essere un periodo stressante anche per la persona più impassibile. Rilassati con lo sport e le attività che preferisci, prenditi del tempo tutto per te.
    • Pratica l'arte del distacco e  dell'indifferenza  . Perché dar credito alle cose cattive dette sul tuo conto? Cosa cambia nella tua vita quello che dice una persona che non vedi mai o quasi  ? Lasciala parlare: il suo sfogo molto probabilmente è riferito alla sua stessa esistenza e sta cercando di suscitare una tua reazione o di chi  ti  sta  affianco per dimenticare i suoi problemi o deviare    dai suoi .
  3. Immagine titolata Avoid Fighting on Christmas Step 3
    3
    Comportati cordialmente anche se vorresti rispondere a tono. Ti conviene non reagire  sia  che  sia  a casa  tua  ma soprattutto se sei a casa degli altri . Un buon ospite cerca di far sentire gli invitati a loro agio. Pensa al significato del giorno e all'importanza dell'armonia per tutti i presenti.
    • Non lasciarti coinvolgere   ( se  ti è possibile  )   dai pettegolezzi riguardanti altre persone, anche se parlar mal degli altri è una tradizione familiare. Se qualcuno inizia a farlo, cambia discorso o  non alimentarlo a  tua   volta
    • Ci sono persone alla costante ricerca di battibecchi che traggono soddisfazione da sentimenti come la rabbia o l'offesa. Non rispondere alle loro provocazioni ma, se proprio vuoi dire qualcosa, sii educato, così non otterranno quello che vogliono.
  4. Immagine titolata Avoid Fighting on Christmas Step 4
    4
    Sii cortese e dimentica tutto. Se sai che le cose possono degenerare in un litigio, tieniti alla larga da quel parente insopportabile. Non sederti accanto a lui, conversa con altre persone e non tendere l'orecchio, almeno che  non si   qualcosa  di grave, per sentire cosa dice: quasi sicuramente sta commentando l'aumento di peso di tua cugina. Ricorda, distanza ed educazione.
    • Tieniti occupato, anche se non sei il padrone di casa. Offriti di aiutare ai fornelli o con i bambini. Verrai apprezzato per la tua utilità.
    • Se questa persona litigiosa puntualmente rovina il clima festivo, parlaci prima dell'incontro familiare, affermando chiaramente che se non ha intenzione di modificare il suo atteggiamento non sarà invitata.
    • Evita i giochi competitivi e qualsiasi altra attività che possa sollevare tensioni in superficie. Monopoli e le carte sono divertenti, ma possono risvegliare dissapori in una famiglia poco unita.
  5. Immagine titolata Avoid Fighting on Christmas Step 5
    5
    Poni enfasi su tutte le cose per le quali la tua famiglia dovrebbe sentirsi grata. Se da un lato può sembrare forzato ed ipocrita, dall'altro è importante ricordare a tutti che è bello avere legami familiari. Se vuoi, lascia che ogni persona seduta dica qualcosa. 
    • Abbraccia tanto: questo gesto potente può rasserenare anche un'anima arrabbiata.
    • Saluta tutti con effusione, specialmente quei parenti che non vedi da un po'.
    • Fai qualcosa di inaspettato. Dai una mano a servire le pietanze, gioca con i bambini quando fanno i capricci, porta il cane fuori. Le vacanze offrono anche un'occasione per fare qualcosa per le persone alle quali vuoi bene. E darai il buon esempio agli altri.
  6. Immagine titolata Avoid Fighting on Christmas Step 6
    6
    L'alcol può disinibire e far riemergere rancori passati. Non bere troppo ed evita che i drink circolino in quantità eccessive.
  7. Immagine titolata Avoid Fighting on Christmas Step 7
    7
    Sii comprensivo. Il Natale può essere un periodo duro per qualcuno. Se un membro della tua famiglia ha perso il lavoro o una persona amata o  un ospite  , ha problemi finanziari o emotivi o sta soffrendo a causa di una malattia o della depressione, Natale è il momento adeguato per cominciare ad aiutare.
    • Siccome durante le feste tutto si ferma, molte persone tendono a deprimersi e a concentrarsi sulle loro perdite. Invece di far finta di nulla, parla con i tuoi parentie  amici  in difficoltà.
    • Rispettali, anche se non rispettano te. Non ti stiamo dicendo di amarli, ma di fare uno sforzo per accettare il fatto che abbiano un'opinione diversa dalla tua. Superare questo disagio ti renderà più forte.
  8. Immagine titolata Avoid Fighting on Christmas Step 8
    8
    Prenditi una pausa quando il troppo è troppo. Nel momento in cui un tuo parente inizia ad offendere per il puro gusto di farlo, scusati e vai in un'altra stanza, dove potrai piangere, scrivere uno status arrabbiato su Facebook o fare un respiro profondo.
    • Se visiti qualcuno, non fermarti a lungo. Meglio trascorrere poco tempo insieme alle persone litigiose e lasciare che si chiedano cosa ti sia successo che andartene furioso.
    • Socializza con i parenti o ospiti con i quali non vai d'accordo: non metterti in quarantena! Mangia, bevi e interagisci con i tuoi cari. Evita di toccare temi delicati.
    • Ricorda tutte le cose belle che hai: amici, famiglia, opportunità. È un esercizio mentale per sentirti sollevato ed evitare le dispute.
  9. Immagine titolata Avoid Fighting on Christmas Step 9
    9
    Preparati psicologicamente. Se per te Natale è sinonimo di litigio, inizi con il piede sbagliato. Pensa a divertirti nonostante la negatività che ti circonda.

Consigli

  • Invia biglietti di auguri ai tuoi invitati per far capire che ti piace il Natale e che intendi trascorrerlo in tranquillità.
  • A volte si litiga perché all'interno della famiglia sono sempre le stesse persone a preoccuparsi della preparazione e delle pulizie post-natalizie. Intervieni per fare la tua parte.
  • Scatta foto alle persone arrabbiate quando si trovano al culmine della negatività (non farti vedere!). Una volta che le acque si saranno calmate, mostrale e chiedi se in quel momento fossero consapevoli della loro espressione.
  • Se sei sempre al centro dei litigi, vedi se qualcun altro può organizzare il cenone al posto tuo. Così, se la situazione dovesse sfuggirti di mano, potrai andartene, un vantaggio che viene meno a casa tua.

Avvertenze

  • Le famiglie sanno che tasti toccare. Rispondi con il silenzio.
  • In alcune famiglie disfunzionali rifiutarsi di rispondere alle provocazioni e restare calmi può scatenare altri tipi di problemi, come la dipendenza dall'alcol o la repressione dei sentimenti, che può essere peggiore dei litigi veri e propri. Non tutti sanno controllarsi e non puoi far in modo che si mantengano tranquilli come te.
  • Se alla fine delle vacanze ti senti depresso, liberati di tutto quello che hanno disinnescato. La tua famiglia non ti ha in suo potere e non può giocare con la tua mente. Prenditi cura di te dal punto di vista emotivo e lascia che il tempo risolva tutto. Parlane con i tuoi amici per sentirti meglio.
 Gli stessi  consigli si  posso aggiungere  anche  per   chi ha  amici  , ospiti  ,  parenti  , vegani  o vegetariani
1. la meno grave ( ma  non essente  da  rotture  specie  per  gi intransigenti e  per  chi n non sa fare  buon viso  a cattivo gioco e preferisce  passare le feste  da  solo\a  )  è essere costretti a spiegare sempre le stesse cose e sentirci ripetere le stesse domande - o subire le stesse "prediche" - perché la conoscenza degli altri sul tema è ancora oggi troppo limitata  e piena di luoghi  comuni  anche se   ricette  vegane    vengono sempre  più riportate  da  i media  e  siti non vegani anche se    😟  solo  in speciali  per  le feste  comandate   natale  e pasqua  appunto   . Questo non è ( o  almeno  non dovrebbe  essere  )  un grosso peso, solo un po' noioso, ma bisogna   aver pazienza e reiterare le  spiegazioni, quando le domande sono poste in buona fede.

Risultati immagini per vegani  a natale
Le difficoltà che possono nascere nei rapporti con gli altri, nel momento in cui si acquista la consapevolezza che ci porta alla scelta vegan, sono causata da due questioni principali:
2. L'aspetto più grave, il fardello più pesante, è la tristezza e la delusione che proviamo nel renderci conto che le persone a cui tienamo non ci seguono nella nostra scelta di rispetto o  ti deridono   , non tengono abbastanza in considerazione gli animali per decidersi a fare una scelta "diversa dal solito" e quindi continuano a provocare la morte degli animali.

I parenti

I parenti più stretti sono coloro che, a torto o a ragione, pensano di aver più voce in capitolo sulla nostra vita, e quindi ecco che arrivano le prediche e raccomandazioni, che, a onor del vero, non sempre sono fatte solo per rompere le scatole, ma spesso anche per genuina  a volte  esagerata  preoccupazione.
Ma, niente paura: anche nei casi "peggiori", di famiglie più "pesanti" e invasive, la situazione si risolve nel giro di pochi mesi e spessissimo tutta la famiglia inizia come minimo a fare minor uso di carne e a dar ragione al neo vegan.
Alcuni trucchi utili: imparate a cucinare succulenti piatti vegan \  vegetariani e fateli assaggiare a tutta la famiglia  o a  gli amici carnivori,qui delle  ottime ricette. in modo che capiscono  la cucina vegana italiana tradizionale (  ovvero quella  senza  il seitan e  il tofu )   può offrirci per le feste, in modo che possiate trovare quello che fa per voi: dalle ricettine più facili e veloci, a quelle un pò più elaborate ma comunque sempre alla portata di tutte.  E che CUCINA VEGANA = CUCINA TRADIZIONALE ITALIANA SENZA  PESCE  E CARNE 
La cucina vegana  In realtà non è altro che la cucina povera di una volta  quando pesce  e carne  non erano alla portata di tutti\e  e  si mangiavano molto di rado  specie nelle  famiglie povere . Non non litigate mai, date spiegazioni solo se richieste in buona fede, e fornite materiali informativi da leggere: le persone si sentono meno sotto accusa se semplicemente leggono per conto proprio, piuttosto che sostenere una conversazione, e saranno meno "aggressivi".
Un'ultima riflessione: ci sono ragazzini di 12 anni che fanno questa scelta e non si fanno convincere dai genitori a cambiare comportamento. Perciò, se di anni ne avete 15 o 20, anche se vivete in famiglia... non potete tirare in ballo il fatto che "mamma e papà non vogliono". Se perfino i bambini riescono a far rispettare la loro scelta, significa che siete voi che non volete farla, non "mamma e papà"!   

Sul lavoro, all'università, a scuola

Possono capitare alcune domande la prima volta che un collega, compagno di scuola o conoscente viene a sapere che siamo vegan (magari dopo un anno e più in cui non se n'era manco accorto), ma niente di problematico. Anzi, può capitare che persone con cui magari abbiamo una conoscenza molto superficiale chiedano informazioni per diventare vegetariani o vegani (e ovviamente in questo caso il consiglio da dare è sempre di diventare direttamente vegan, spiegando bene i motivi).
In questo ambito si può davvero fare molta divulgazione utile, basta solo fare attenzione a distinguere tra chi ci fa domande perché è davvero interessato, e chi invece solo per provocare o perché si diverte a dire cose stupide e "rompere" (in modo molto infantile): in questo secondo caso, meglio non perdere tempo a spiegare, ma rispondere tagliando corto con qualche battuta sarcastica che freddi il nostro interlocutore!

Le solite domande...

Nel corso dei vostri anni da vegan, vi sentirete porre innumerevoli volte le stesse domande. Non sono tante, come varietà, ma sono piuttosti frequenti. Dato che sono sempre le stesse, dopo un po' sarà impossibile cogliervi impreparati!
Leggi nella sezione di approfondimento più oltre alcune risposte collaudate nel corso di anni: in qualche occasione potranno tornare utili, anche se ciascuno risponde in base al proprio carattere e alle proprie conoscenze.

- oppure prosegui qui sotto per approfondire -

Passo 11 - Approfondimenti

Liberamente tratto dai libri "Diventa vegan in 10 mosse", edizioni Sonda 2005, e "Vegan si nasce o si diventa?", edizioni Sonda 2011, per gentile concessione dell'editore.
Per molti, la vera difficoltà della scelta vegan non è il cibo: mangiare vegan è facile, esistono infinite ricette deliziose e sappiamo che dai vegetali si può ricavare tutto il necessario e che la nostra salute ne trae vantaggio.
L'unica difficoltà che può esistere è quella causata dall'incapacità degli altri di comprendere e condividere questa scelta. Da questo, derivano: il tedio di dover spiegare sempre le stesse cose e di sentirsi ripetere, le stesse domande, da persone diverse, fino alla nausea; la tristezza nel rendersi conto che le persone a cui si tiene non ci seguono nella nostra scelta di rispetto per gli animali; la delusione nel capire che la maggior parte delle persone non tiene abbastanza in considerazione gli animali per decidersi a fare una scelta "diversa dal solito" e quindi continuano a mangiare come prima, anche dopo che abbiamo loro spiegato cosa accade agli animali perché dati "cibi" possano essere prodotti.
Il dover ripetere sempre le stesse risposte alle stesse domande è qualcosa cui, a un certo punto, ci si abitua. Sia perché chi ci sta vicino (la famiglia, gli amici, i colleghi) dopo un po' desiste dal volerci convincere che stiamo sbagliando, o che magari stiamo facendo dei danni alla nostra salute (specie quando vedono che, tutto sommato, siamo ancora vivi e stiamo pure meglio di loro), sia perché impariamo quali sono i comportamenti più adeguati da tenere nel rapportarci con gli altri, cosa aspettarci, come reagire e come rispondere. Esaminiamo qui quali sono le situazioni più frequenti e le domande/osservazioni più gettonate!

I parenti

I parenti, specie quelli più vicini (genitori, sorelle e fratelli, zii che vivono vicini e con cui ci si vede spesso) sono solitamente i più problematici, tra le persone della nostra cerchia con cui trattare.
Le ragioni sono molteplici: prima di tutto, sono le persone che vediamo più di frequente, ogni giorno o più volte a settimana, e con loro spesso condividiamo i pasti (se viviamo ancora assieme, mentre se abitiamo per conto nostro è già molto più leggero, il fardello). Secondo, sono coloro che, a torto o a ragione, pensano di aver più voce in capitolo sulla nostra vita, e quindi ecco che arrivano le prediche e raccomandazioni, che, a onor del vero, non sempre sono fatte solo per rompere le scatole, ma spesso anche per genuina preoccupazione. Terzo, se si tratta di "mamma e papà" avranno qualcosa da dire anche sul fatto che se si vive in famiglia, bisogna fare come dicono loro, non possiamo far perdere tempo a organizzare ogni volta un menu a parte, ecc.
In quest'ultimo caso, la soluzione è semplice: farsi da mangiare da soli, quando serve. Anche se non si ha esperienza di cucina, conviene farlo, anzi, il cambiamento di alimentazione è proprio la spinta giusta per iniziare a cucinare. La cosa migliore è, dopo qualche esperimento per imparare a cucinare qualche piatto davvero buono, cucinare qualcosa per tutti, magari nei fine settimana (se in settimana non si riesce per motivi di studio o lavoro). Vedrete che la famiglia apprezzerà, sia l'impegno che il buon cibo che offrite!
Dalla famiglia più allargata (zii, cugini) di solito si hanno meno osservazioni, anche se sicuramente vi capiteranno domande del tipo "ma questo puoi mangiarlo?" per sapere cosa possono offrirvi quando vi invitano a pranzo.
In alcuni casi ci sono invece maggiori difficoltà, ma questo dipende sostanzialmente dal carattere delle persone che vi stanno attorno, ma anche dal modo in cui voi reagite. Il problema è che alcune persone, di fronte a una cosa nuova, di fronte ad argomenti che non conoscono, anziché cercare in buona fede di saperne di più, devono subito dare giudizi basati sull'ignoranza. Spesso questo succede per un qualche senso di colpa che sentono dentro, anche se non lo ammetterebbero mai.
Il consiglio à di non metterti a discutere con tutti, specie con la famiglia, non serve e peggiora la situazione. Se chiedono il "perché?" della scelta vegan, ma si capisce che non è per saperne davvero di più, ma solo per esprimere giudizi e fare prediche non richieste, basta dir loro semplicemente che è una scelta cui si è arrivati informandosi su tante cose, e che non si può spiegare in due parole, e che se davvero sono interessati allora gliela spiegheremo con calma in un altro momento. Il trucco consiste nel rimandare sempre, nel frattempo loro si abituano, e non romperanno più le scatole :-)
Un altro modo utile è tenersi a portata di mano alcune copie di materiali informativi cartacei sulla scelta vegan. Li si può dare a chi ci stressa con le solite domande dicendo: "Ecco, qui ci sono un po' di spiegazioni, se ti interessano, ne parliamo poi a voce in un altro momento, ma solo se vedi che la cosa ti interessa davvero, altrimenti quel che è scritto lì è sufficiente.". In questo modo si evita di farsi il sangue amaro per nulla, ed inoltre le persone si sentono meno sotto accusa se semplicemente leggono per conto proprio, piuttosto che sostenere una conversazione.
In special modo con la famiglia, è importante evitare di reagire in modo arrabbiato, ma occorre invece "essere superiori" a loro, nel senso di stare tranquilli e distaccati di fronte alle loro affermazioni senza senso, o alle domande sempre uguali.
Anche quando si è in una situazione di parenti davvero pesanti e poco educati, dalle tante esperienze che negli anni sono state raccolte da molte persone, risulta che la situazione si risolve nel giro di pochi mesi, e spessissimo tutta la famiglia inizia come minimo a fare minor uso di carne e a dar ragione al neo vegan. Alcuni riescono a veganizzare parte o tutta la famiglia, e in questo caso tanto di cappello, perché la famiglia è davvero l'ambiente più ostico in cui fare diffusione vegan; però molto dipende dal carattere delle singole persone e dalle loro sensibilità.
Anche quando la famiglia si è abituata e non "rompe" più, rimane il problema di consumare insieme i pasti, magari tutti i giorni, oppure durante le festività. Il problema nasce perché capita di vedere portati in tavola i corpi degli animali fatti a pezzi e cucinati. All'inizio non pesa molto, perché fino a poche settimane o mesi prima li mangiavamo anche noi: continueremo a vedere quelle "cose" come cibo, un cibo che non mangiamo perché sappiamo quello che c'è dietro, ma pur sempre un cibo. Quando iniziamo a non considerarlo più così, ma come animali fatti a pezzi, allora pesa, e molto, stare a tavola con chi li mangia, soprattutto quando è la propria famiglia a farlo piuttosto che amici o conoscenti.
Per questo problema non esiste purtroppo una soluzione. Se si mangia ogni giorno a casa, si può farlo in orari diversi, però il resto della famiglia potrebbe non prenderla bene. Se si mangia assieme solo ogni tanto, si può chiedere ai propri famigliari il "favore personale" di astenersi dal mangiare animali in quel pasto: dopotutto, si spera che nessuno sia così drogato di carne da doverla mangiare a ogni pasto. Da parte loro sarebbe un bel gesto, ma non sempre avviene, a meno che non abbiamo voglia di spiegare quanto ci faccia star male vedere la "carne" in tavola. Chi non è veg non può capirlo da solo, dobbiamo spiegarlo noi.
Sul tema "famiglia", un'ultima riflessione per l'aspirante vegan che vede questo aspetto come bloccante: ci sono ragazzini di 12 anni, o anche bambini di 10 anni, che fanno questa scelta e non si fanno convincere dai genitori a cambiare comportamento. Quindi, se voi di anni ne avete 15 o 20, anche se vivete in famiglia... non potete tirare in ballo il fatto che "mamma e papà non vogliono". Se perfino i bambini riescono a far rispettare la loro scelta, significa che siete voi che non volete farla, non "mamma e papà".

Sul lavoro, all'università, a scuola


a scuola
Per certi aspetti è più semplice avere a che fare con colleghi e compagni di studi, perché chi non fa parte della nostra famiglia ha meno "autorità" su di noi e in buona sostanza possiamo anche disinteressarci bellamente di quel che dice, però è anche vero che a volte passiamo molto più tempo con colleghi o compagni che non con i parenti.
Con amici, colleghi e compagni di scuola può succedere di uscire a cena o di mangiare in mensa assieme. Durante i pasti il problema è duplice: vediamo gli altri strafogarsi di ciò che per noi è un cadavere, e ci stiamo male; oppure veniamo condotti in posti "solo-carne" o "solo-pesce" in cui non troviamo nulla da mangiare. Il primo problema non è risolvibile, perché gli amici non necessariamente saranno così attenti da mangiare vegan ogni volta che andremo a cena fuori. Quindi sta a voi decidere se volete andarci lo stesso o no. Il secondo è invece più facilmente risolvibile, perché è veramente difficile trovare un ristorante in cui non ci sia nulla di vegan e se i vostri amici vanno a scegliere proprio quello, ingiungete loro di non farlo mai più! La cosa più semplice è andare in pizzeria: si spende meno e ci sono tante possibili scelte. Una pizza senza mozzarella e con varie verdure o funghi, o carciofini ecc. ecc. è molto buona e sempre disponibile.
Quando si mangia fuori non ci sono situazioni difficili o particolarmente stressanti. Letture del menu più attente della media e richieste al cameriere sugli ingredienti, quello sì, ma niente di trascendentale.
in ufficio
Se capita di mangiare in mensa, non ci sono difficoltà, di solito c'è sempre una scelta di verdure cotte e crude, basta abbondare con quelle, e poi scegliere un primo con un condimento vegan e quando non c'è optare per pasta o riso al pomodoro o in bianco. Basta aggiungere un po' di olio d'oliva e portarsi sempre dietro un sacchettino di lievito in scaglie: un cucchiaino renderà buonissima la vostra pasta in bianco. Costa poco, non va tenuto in frigo, è leggerissimo. Non fatevelo mancare :-)

Per quanto riguarda l'aspetto "sociale", possono capitare alcune domande la prima volta che un collega o conoscente viene a sapere che siamo vegan (magari dopo un anno e più in cui non se n'era manco accorto), ma niente di problematico. Anzi, può capitare che colleghi, conoscenti, ecc. con cui magari abbiamo una conoscenza molto superficiale chiedano informazioni per diventare vegetariani o vegani (e ovviamente in questo caso il consiglio da dare è sempre di diventare vegan, spiegando bene i motivi).
Insomma, in questo ambito si può davvero fare molta divulgazione utile, basta solo fare attenzione a distinguere tra chi ci fa domande perché è davvero interessato, e chi invece solo per provocare o perché si diverte a dire cose stupide e "rompere" (in modo molto infantile): in questo secondo caso, meglio non perdere tempo a spiegare, ma rispondere tagliando corto con qualche battuta sarcastica che freddi il nostro interlocutore!

Le solite domande...

punto di domanda
Nel corso dei vostri anni da vegan (o da vegetariani prima e vegan poi), vi sentirete porre innumerevoli volte le stesse domande, le cosiddette FAQ (Frequently Asked Questions, cioè Domande Poste Frequentemente). Non sono tante, come varietà, ma sono molto, molto frequenti, ve lo assicuriamo! Dato che sono sempre le stesse, dopo un po' sarà impossibile cogliervi impreparati!
Qui vi proponiamo alcune risposte collaudate nel corso di anni, magari in qualche occasione vi potranno tornare utili, anche se ciascuno risponde in base al proprio carattere.
Attenzione: queste sono le risposte "serie", cioè quelle da dare quando il vostro interlocutore desidera davvero saperne di più e non sta solo tentando di prendervi in giro. Non pensate di dover fare i martiri, essere educati con tutti e rispondere sempre in modo gentile: ci sono casi in cui rispondere per le rime ci sta più che bene. O altri casi in cui una rispostina sferzante e sarcastica è più adatta di una seria. Ma non dubitiamo che quelle vi verranno spontanee!

Se non alleviamo questi animali, si estingueranno!

A questa "obiezione" vi sono varie risposte. Innanzitutto, il problema che da vegan ci si pone non è certo un problema di estinzione della specie, ma di sofferenza dei singoli individui. Inoltre, questi animali vengono fatti nascere e allevati solo per essere uccisi, non sono animali che vivono in natura. Si tratta di specie inventate dall'uomo, che in natura non esistono proprio. Esistono delle specie selvatiche che somigliano loro (i cinghiali, i bufali, vari uccelli, le lepri ecc.), e che continueranno ad esistere, se l'uomo le lascerà in pace. Infine, far nascere degli animali con il solo scopo di tenerli prigionieri e poi ammazzarli non può essere certo visto come un servigio reso loro o alla loro specie. Molto meglio non farli nascere affatto.

Ma se non uccidiamo gli animali per mangiarli, non ci sarà più spazio per noi sulla Terra!

Questa obiezione è esattamente l'opposto della precedente, ma è basata su un'incomprensione di fondo molto simile: questi animali non esistono in natura, siamo noi che li facciamo nascere. Non è che esistono, si riproducono in maniera incontrollata, e noi li dobbiamo ammazzare affinché non arrivino a sopraffarci. Al contrario, siamo noi stessi che, facendoli nascere e allevandoli, rubiamo spazio alle specie selvatiche e alla natura, per far posto a questi animali: il 24% delle terre emerse del pianeta è usato per nutrire bovini (metà di queste terre sono occupate dai bovini, l'altra metà dalle coltivazioni per nutrirli in allevamento), e se contiamo anche il resto di animali d'allevamento la percentuale cresce.

Ma non fai del male alle mucche se non le mungi?

No. Le mucche, se lasciate vivere libere, non hanno alcun bisogno di essere munte. Le mucche producono latte quando partoriscono un vitellino, come le donne producono latte quando partoriscono un figlio. E, come le donne non necessitano di essere munte, perché il loro latte serve da nutrimento per il loro figlio, lo stesso succede alle mucche. Quel che accade negli allevamenti è che il vitello viene portato via alla madre appena nato (per essere allevato per 6 mesi e poi macellato) e il latte della mucca viene munto e venduto. La mucca è costretta a produrre una quantità di latte pari a 10 volte quella che produrrebbe per nutrire suo figlio, con conseguente ingrossamento abnorme delle mammelle, mastiti (infezioni alle mammelle), e quindi grande sofferenza. Va inoltre aggiunto che la mucca "da latte" viene ingravidata artificialmente una volta l'anno, perché per produrre latte deve partorire, altrimenti ovviamente non lo produce. Questo per 3-4 anni, poi viene macellata perché non abbastanza produttiva.
Leggi il sito InfoLatte.it per ulteriori informazioni su come vengono prodotti latte e formaggi.

Gli animali sono stati allevati per fornirci cibo: "Sono allevati apposta"!

Questa affermazione è veramente disarmante. Sembra sottintendere che, se ammazziamo degli animali che vivono in natura, compiamo un atto condannabile, mentre se ammazziamo animali che abbiamo fatto nascere noi stessi, abbiamo tutto il diritto di farlo. Come spiegare che questo punto di vista non è così scontato e universalmente riconosciuto, ma è del tutto antropocentrico (cioè da per scontato che gli umani siano al centro dell'universo)?
Noi non siamo padroni degli animali. Gli animali sono esseri sensibili, non oggetti che possiamo usare a nostro piacimento. Non abbiamo il diritto di farli nascere, allevarli in prigionia tra mille sofferenze, e alla fine ammazzarli. Ne abbiamo il potere. Ma ciò non significa averne il diritto. Se noi non li facessimo nascere, non esisterebbero, certo. Ma questo non ci dà il diritto di ucciderli. Meglio non farli nascere affatto. Se li facciamo nascere per torturarli e ucciderli, abbiamo una responsabilità e una colpa ancora maggiore sulle nostre spalle.
Sarebbe come dire: se facciamo nascere dei bambini appositamente per usare il loro corpo come fonte di organi per i trapianti, allora abbiamo il diritto di farlo, perché li abbiamo fatti nascere appositamente, altrimenti non sarebbero nati affatto. Ragionamento aberrante, vero? Lo stesso vale per individui di altre specie.

Gli animali trasformano i vegetali che non possiamo mangiare in carne che possiamo mangiare

Questo poteva essere vero in teoria, ma solo secoli fa. Ora non è più così, ma avviene invece il contrario. Come premessa va detto comunque che, anche se fosse così, non sarebbe lo stesso lecito, da un punto di vista etico, ammazzare gli animali, perché non ne abbiamo bisogno, possiamo ricavare tutti gli elementi nutritivi necessari dai vegetali, non abbiamo bisogno che altri animali li trasformino in nostra vece.
Detto questo, oggi gli animali vengono nutriti per lo più a cereali e soia, alimenti che si potrebbero usare in maniera molto più efficace per il consumo diretto umano. Un ettaro coltivato a cereali produce cinque volte più proteine di un ettaro destinato alla produzione di carne; i legumi (fagioli, piselli, lenticchie) ne producono 10 volte di più. Anche i bovini allevati a pascolo non fanno altro che rubare terra all'agricoltura, o alle foreste, comprese quelle tropicali (nella foresta Amazzonica l'88% dei terreni disboscati è stato trasformato in pascolo), provocando desertificazione e cambiamenti climatici.
A oggi gli occidentali si possono ancora permettere questo smodato consumo di carne perché sfruttano la terra dei paesi del Sud e dell'Est del mondo che hanno un consumo di carne di molto inferiore. Se tutti consumassero tanta carne quanta ne viene consumata dagli abitanti dei paesi ricchi, non basterebbero tutte le terre emerse per garantire pascoli e mangimi per tutti gli animali. Mentre con le terre coltivate già oggi disponibili, si potrebbe nutrire una popolazione vegana ben superiore all'attuale popolazione mondiale, senza alcun problema di fame nel mondo.

Ah, sei vegetariano, allora mangi solo pesce? 
Ma il tonno lo mangi? Nooo? Ah già! Per via dei delfini...

Vegetariano = chi esclude dalla sua alimentazione tutta la carne, di mammiferi, volatili, pesci, molluschi, crostacei e di ogni altra specie. Chi non mangia animali terresti, ma si nutre di pesci non è vegetariano. Un vegetariano non fa distinzione di specie: un delfino non è più importante di un tonno, entrambi meritano di vivere la propria vita lontani dall'influenza umana.
In ogni caso, essere vegetariani non basta: per produrre latticini e uova si uccidono animali allo stesso identico modo che per la produzione di carne.

Ma così i macellai rimarranno senza lavoro!

Il passaggio da un mondo smodatamente carnivoro a uno totalmente vegano, se mai avverrà, sarà graduale, e non avverrà certo nel giro di pochi anni. Perciò vi sarà tutto il tempo per le future generazioni di scegliere lavori diversi. Diminuiranno i macellai, e aumenteranno altri tipi di lavoratori: fruttivendoli, addetti alla preparazione di pasti vegani ecc. Così come nel corso dei secoli alcuni mestieri sono scomparsi e ne sono comparsi altri.

Mangiare carne è naturale

Che sia o meno naturale, è da dimostrare. Che cosa significa poi, "naturale", in quale contesto, tempo e luogo?
Può essere naturale per alcune tribù che oggi vivono ancora allo stato primitivo, ma, anche in questo caso, solo una piccola parte della loro dieta sarà basata sulla carne, mentre la parte più consistente sarà basata su frutta, radici, bacche, come è successo per i nostri progenitori. L'unica eccezione potrebbero essere gli eschimesi. Ma noi non stiamo parlando degli eschimesi, o dei popoli primitivi. Stiamo parlando di qui e ora. Qui, nei paesi civilizzati. Ora, nel mondo moderno. Cosa vi è di naturale nell'allevamento di animali, e nei macelli? E cosa vi è di naturale, nelle nostre vite?
Anche se l'uccisione di animali per cibarsi delle loro carni fosse naturale (ma non lo è, perché gli allevamenti intensivi e le catene di smontaggio sono quanto di meno naturale possa esistere sulla Terra), non vediamo motivi per aggrapparsi a questa "naturalità". Tiriamo in ballo il naturale solo quando ci fa comodo per giustificare le nostre abitudini? Possiamo anche farlo, ma non possiamo fingere che questo sia onesto e coerente.
La nostra è una scelta basata sull'etica, ma anche su ragioni sociali, salutiste ed ecologiste. Eccola qui, la Natura. Vi sta a cuore? Non distruggetela con allevamenti intensivi!

Ma allora anche le carote soffrono!

Innanzitutto, i vegetali non hanno un sistema nervoso, e quindi, anche se sicuramente sono in grado di reagire agli stimoli esterni, non possiamo catalogare queste reazioni come sentimenti.
Se anche così fosse, sarebbe un motivo in più per nutrirsi direttamente di vegetali anziché di cibi animali, perché per "produrre" carne la quantità di vegetali usata è molto maggiore di quella necessaria per il diretto consumo umano.
Inoltre, abbiamo molti dubbi sul fatto che chi pone questa domanda abbia davvero a cuore la sofferenza dei vegetali: se è così insensibile da non aver problemi ad ammazzare animali per cibarsene, quando gli animali sono palesemente esseri senzienti che soffrono, perché dovrebbe farsi problemi ad addentare una carota? Una critica del genere fatta a un vegano potrebbe essere presa sul serio solo se provenisse da un fruttariano. Un fruttariano si ciba solo di frutta, e così facendo non causa né morte, né danno alle piante, perché la frutta si stacca dalla pianta in modo naturale. Chi è veramente interessato alla sofferenza delle piante, dovrebbe fare questa scelta.
Se l'obiezione è invece sollevata per "dimostrarci" che non siamo coerenti fino in fondo nella nostra scelta, lasciateci rispondere "Da che pulpito vien la predica"! Chi non si preoccupa minimamente di arrecare sofferenza agli altri può star tranquillo e non essere accusato di incoerenza perché ogni cosa che fa è lecita, è la coerenza del menefreghismo. Chi invece si preoccupa di causare il minor danno possibile deve essere "perfetto", pena il venir tacciato di incoerenza. Molto comodo!
Ma lasciateci dire che a noi della coerenza importa ben poco. Ci importa di fare il più possibile per minimizzare la sofferenza che arrechiamo, e il fatto di non poter essere perfetti non è certo una ragione per indurci a non fare niente del tutto.

Anche gli animali si uccidono tra loro per mangiare!

Alcune specie animali ne uccidono altre per cibarsene, la maggior parte delle specie invece è erbivora (e qualcuna onnivora, potendosi nutrire, quando capita, di cibo animale). Perché dobbiamo prendere ad esempio i carnivori, e non gli erbivori (frugivori, nel nostro caso), a cui somigliamo di più per conformazione dell'intestino, della dentatura, degli arti? Inoltre, gli animali veramente carnivori non hanno scelta. Il leone non può nutrirsi di frutta, ne morirebbe, e non ha la possibilità di coltivare cereali e legumi. Noi sì, e abbiamo la possibilità di scegliere. Quindi la responsabilità è solo nostra, non della "Natura".

Allora dovresti camminare sollevato da terra per evitare di pestare gli insettini!

Come già detto, non è importante essere perfetti, non pretendiamo di esserlo. È molto facile la coerenza del menefreghismo. Preferiamo l'imperfezione di chi fa del suo meglio. Aggiungiamo solo che è ben diverso uccidere involontariamente degli insetti, durante il corso della nostra normale vita, e imprigionare, torturare e uccidere scientemente animali capaci di sentimenti.

Se devi prendere l'integratore di B12, essere vegan non è naturale!

Qui sotto riportiamo una risposta breve, per un articolo più approfondito su come viene prodotta la vitamina B12 si rimanda a La B12, questa sconosciuta.
La vitamina B12 è l'unica sostanza nutritiva che manca nella dieta vegan, o in quella latto-ovo-vegetariana con apporto ragionevolmente basso di alimenti di origine animale (se nella dieta latto-ovo-vegetariana il contenuto di alimenti animali, cioè latte, formaggio e uova, è talmente alto da soddisfare la quantità di B12 richiesta, significa che si sta seguendo una dieta altamente squilibrata, estremamente ricca di alimenti animali e quindi dannosa per la nostra salute).
In una ipotetica vita "in natura", se ci cibassimo di verdure e radici che crescono spontanee, senza lavarle e disinfettarle né aggiungere alcuna sostanza chimica al terreno, la vitamina B12 la troveremmo proprio nelle radici, proveniente dai batteri che vivono nel terreno. Oltre che nell'acqua contaminata dai batteri. Non vivendo in natura, ed essendo impensabile mangiare cibi e bere acqua contaminati, si coltivano dei batteri appositi (solitamente in un substrato di carboidrati, ad esempio melassa) che producono la vitamina B12. Quest'ultima viene inserita in una compressa. In sostanza, si tratta di usare i batteri per produrre una sostanza utile al nostro organismo, esattamente come si usano i batteri per produrre lo yogurt (tra l'altro lo yogurt vegetale, a base di soia, ha tutti i benefici dello yogurt "di mucca" senza gli aspetti dannosi del latte animale), o per la lievitazione, o per la produzione di vino, ecc.
Consumare la vit. B12 prodotta in questo modo non ha dunque nulla di diverso, dal punto di vista di quanto "naturale" è il procedimento, dal consumare uno yogurt, cosa normalissima che tutti sono abituati a fare. E molto più innaturale assumere la vitamina B12 dalla carne o altri cibi animali, perché per ottenere questi "prodotti" vengono impiegati animali tenuti in condizione totalmente innaturali, imbottiti di sostanze chimiche, antibiotici, altri farmaci, integratori di ogni tipo compresa la vitamina B12 stessa! Quindi anche chi mangia carne di fatto prende integratori di B12, in quantità molto maggiore, solo che tali integratori sono somministrati agli animali.
Perciò... non prendere una compressa di B12 prodotta dai batteri coltivati sulla melassa, ma mangiare invece una fetta di carne o di formaggio prodotto da un animale tenuto in uno stabilimento di allevamento intensivo, cui a sua volta è stata somministrato un integratore di B12 e in più svariate altre sostanze chimiche e farmaci... non è esattamente una scelta logica e razionale, né furba, e certamente è ben lungi dall'essere "naturale"!
Da un punto di vista prettamente "salutistico", possiamo stare tranquilli, non esistono rischi di sovradosaggio e inoltre consumare cibi animali per assumere da essi la B12 è un paradosso, perché sono dannosi per la salute molto di più di quanto lo sarebbe una ipotetica mancanza di B12. Infatti, una eventuale carenza di B12 si riscontra facilmente dagli esami del sangue, e in quel caso basta prendere una compressa di integratore a dose alta una volta al giorno per 1-2 mesi, e il problema è risolto; al contrario, un consumo quotidiano di alimenti animali per decenni causa problemi estremamente più gravi, e spesso non risolvibili.

In questo articolo vorrei parlare di 5 trucchetti che mi aiutano a sfuggire da situazioni soffocanti e, a volte, imbarazzanti.
Regola #1 –Il mio primo (e favorito) escamotage è evitare le discussioni con persone chiaramente convinte che una dieta Veg sia la strada verso l’inferno. Sappiamo perché siamo vegetariani, vegani, crudisti, fruttariani (ecc.) e per questo motivo non c’è bisogno di giustificare il nostro comportamento agli altri. L’unica occasione durante la quale spiego i miei motivi è quando mi trovo davanti ad una persona aperta e ricettiva, sinceramente interessata alle mie abitudini, fosse anche solo per curiositá. Se la persona comincia da subito a discutere e si fa beffa del mio stile di vita, è chiaro che questo non è un buon momento per dimostrare una prospettiva differente. E ció non vuol dire che quella persona poi non cambierá abitudini. A 16 anni guardavo per Tv un reportage sui vegetariani e mia mamma mi ricorderá sempre che criticavo le loro scelte. Le ho detto: “Non capisco come fanno questi vegetariani. Io non lo diventeró mai. A me la carne piace troppo!”. Ecco, mi ci sono voluti solo tre anni per cambiare la mia opinione. Alla faccia del “mai”.
Siamo qui per ispirare le persone al cambiamento, non “convincerle a convertirsi”. Dobbiamo dare il buon esempio e vivere con serenitá la nostra scelta di vita. Se il veganismo o il crudismo uccide lo spirito, non ha senso esserlo. Dovrebbe essere un piacere e farci sentire bene su tutti i livelli.
La discussione porta solo a chiusura mentale (per entrambe le parti!) e aiuta a solidificare i credi attuali. Non si vince MAI una discussione perché se ti provano sbagliato, ci rimani male, e se provi che loro stanno dalla parte del torto, non solo ci rimangono male, ma saranno ancora piú convinti (e si identificheranno ancora di piú con) delle loro informazioni, anche se sono sbagliate. È una questione di ego :)
Regola #2Evita di discutere di abitudini alimentari a tavola. Spesso accade che quando siamo a tavola con parenti e conoscenti, questi ci mitragliano con una serie di domande sul perché il nostro piatto non è uguale al loro. A mio parere discutere del perché seguo un altro tipo di dieta a tavola puó essere uno dei momenti peggiori. Sarebbe fantastico se ci dicessero “Wow, quello che dici ha senso! Anch’io voglio provare ad essere vegano. Penso che non mangeró piú prodotti animali da ora in poi, insegnami come si fa…”. Ma… questo non accade – solitamente – nel mondo reale. Una scappatoia che vi consiglio di provare e che ha aiutato me in molte situazioni è quella di rispondere: “Grazie per l’interessamento. Non credo che la cena sia il momento piú opportuno per discuterne, ma se sei davvero interessato, saró felicissima di parlarne dopo cena.” Ecco, vi assicuro che cosí dicendo l’80% delle persone non vi chiederá piú il perché non mangiate carne o come fate per le proteine. Perché solitamente non sono davvero interessati. Questa strategia ricaverá anche un po’ piú di tempo per formulare una risposta adeguata.
Regola #3 – La strategia del “Sembrerebbe che…”. Questa strategia è eccellente con chi non vi lascia in pace ed è la via piú facile e meno spigolosa per avere una discussione senza feriti. La strategia del “Sembrerebbe che…” significa integrare queste due parole magiche nelle vostre risposte. Alcuni esempi:
Loro: “Perché mangi in quel modo? Non puó essere salutare!”
Voi: “Anch’io la pensavo cosí, ma sembrerebbe che funzioni per me in questo momento. Ho letto un paio di libri a riguardo e sembrerebbe che questa possa essere una direzione opportuna per la mia situazione.”
Loro: “Ma non hai bisogno di mangiare carne e bere latte? Contengono delle sostanze molto importanti!”
Voi: “Anch’io me ne preoccupavo, ma ora non piú di tanto. Il mio dottore dice che probabilmente sto ricevendo tutta la nutrizione di cui ho bisogno e sembrerebbe che funzioni. Almeno per me. Continuo finché mi sembra di stare bene.”
Loro: “Beh, so di aver bisogno della carne. Non potrei vivere senza bistecca!”
Voi: “Questo modo di mangiare sembrerebbe funzionare per me in questo momento, quindi penso di continuare finché mi sento bene. Potrebbe non essere la giusta direzione per tutti peró.”
Questo approccio diplomatico aiuta il commensale o l’amico a rilassarsi e fa traspirare la vostra apertura mentale. Non vi fará sembrare baracconi da circo, fanatici ed estremisti. Se si preoccupa di carenze nutrizionali, stará piú tranquillo sapendo che la vostra situazione è monitorata da un professionista. E ancora di piú siete aperti al cambiamento, qualora questo fosse necessario. In questo modo non si sentiranno di avere la responsabilitá della vostra deviazione e in dovere di rieducarvi. Infine, il fatto di dire “potrebbe non essere la giusta direzione per tutti” lascia aperta la possibilitá che la loro nutrizione sia giusta (e probabilmente lo è, per loro, in questo momento). Insomma, non passerete per dei fanatici sociali con in bocca la veritá su tutto. Pace. :)
Regola #4Cambiate argomento. Perché parlare delle nostre differenze? Perché quando costruiamo un muro di 100 mattoni e 99 sono perfetti, concentriamo tutta la nostra attenzione su quell’unico mattoncino che è sbilenco? Il nostro obiettivo non è quello di “convertire le persone”, anche se crediamo sia di fondamentale importanza per il pianeta e gli animali. Non tutti saranno d’accordo, é cosí che gira il mondo. E va bene cosí. Invece di discutere sulle differenze e di cose sulle quali si hanno pareri largamente discordanti, perché non parlare di qualcosa di comune accordo?
Cambiate la direzione della conversazione dirigendola su qualcosa in comune e, se non conoscete bene la persona, passate ad un tema neutro, ad esempio la bella serata, il vino che “fa effetto”, la piacevole compagnia, il bel paesaggio, il tempo bizzarro ecc.
Regola #5 – In correlazione con il “cambia argomento”, quando ci chiedono delle nostre abitudini alimentari o di vita, rimandiamogli la palla indietro e chiediamogli qualcosa di loro. Peró questa volta focalizziamoci sui loro pregi e su ció in cui sono dei maestri o ne sanno di piú. Cogliete questa occasione per imparare qualcosa di nuovo. Possiamo imparare qualcosa da tutti 😀 In questo modo beneficerete entrambi dalla conversazione. Inoltre, ascoltate attentamente ció che vi dicono, senza critiche, né parlare troppo. Meno parlate e piú gli piacerete. Finiranno con il considerarvi degli abili conversatori!
Alla fine potranno pensare che siete dei fighi, delle persone con le quali si puó parlare e saranno molto aperti. Solo a quel punto potreste consigliare di leggere qualche libro (dategli i titoli e il nome degli autori), o di guardare un documentario che credete possa aiutarli a capire il perché delle vostre scelte. Funziona molto meglio in questo modo, che se provate a convincerli con le vostre parole. Solitamente le persone sono piú predisposte ad agire sulle informazioni che ricevono se le hanno scoperte da soli.
Sembrerebbe che queste 5 regolette mi aiutino a tenere il dramma fuori dalla mia vita, con successo! Spero possano aiutare anche voi. Facilitano il mio benestare e la convivenza con persone di differente opinione (etá, cultura…). Inoltre, con questo approccio tantissimi dei miei familiari piú stretti stanno diventando vegani, se non vegetariani. A loro tempo… perché tutti siamo su cammini differenti e ognuno fa i passi che sente propri per raggiungere gli obiettivi prefissati. È un processo.
Raramente le persone si accettano per le loro differenze, la storia ne è prova. Ma creando questo tipo di atmosfera metteremo giú le basi per una convivenza pacifica e per una vita felice.

Archivio blog

Si è verificato un errore nel gadget