Visualizzazione post con etichetta schizzi di fango. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta schizzi di fango. Mostra tutti i post

26/05/19

Alla vigilia delle europeee non solo l’odio online si riversa sulle donne specialmente quelle che sono in politica


di cosa stiamo parlando 

Oltre ad essere lasciate sole nei momenti di fragilità ( vedere url sopra ) c'è in questi ultimi tempi un clima d'odio verso le donne che decidono di fare politica attiva cioè quella istituzionale e parlamentare . Ma meno male che esse non si lasciano mettere piedi in tersta e lottano per farsi rispettare e non subire passivamente questi schizzi di ... fango . Infatti è quello che riporta ( eccetto i corsivi che sono mie libere aggiunte ed interpretazioni ) questo articolo 

                             Anna Toro


Risultati immagini per laura boldrini«Stiamo assistendo ad attacchi sistematici contro figure politiche femminili e giornaliste da parte dei gruppi di estrema destra, ma non solo , in vari paesi europei, tra cui Spagna, Francia, Italia e Germania». Ad affermarlo, l’Institute for Strategic Dialogue (ISD), gruppo di ricerca internazionale indipendente, che nell'ambito delle imminenti elezioni europee sta portando avanti un progetto di monitoraggio sullo sviluppo dell’estremismo e sulle campagne di odio veicolate dai principali social network come Twitter e Facebook.
Tramite l’uso di specifici software e la ricerca per parole chiave (come stupro, “zitta” e sinonimi volgari di prostituta  e non solo purtroppo ), il gruppo ha estrapolato post e tweet da aprile ad oggi, realizzando come  da un paio  d'anni    soprattutto  in  clima pre-elezioni sia stato avvelenato dai discorsi di odio online che continuano a imperversare su timeline e bacheche, soprattutto in Italia. Per quanto riguarda il focus italiano, infatti, l’analisi dei dati ha portato a due risultati fondamentali: il primo è ulteriore conferma che la donna politica più colpita, in assoluto resta ancora oggi Laura Boldrini; il secondo è che, soprattutto per quanto riguarda Twitter, i contenuti misogini in questi ultimi mesi hanno lasciato il posto a tweet di odio che ritraggono Boldrini come «parte della casta dei socialisti anti-italiani» che promuovono «la migrazione e la teoria del gender».E’ dunque il linguaggio razzista – più che quello misogino – ad emergere negli attacchi di questi ultimi mesi, modello che si riscontra anche nei confronti di Emma Bonino, che condivide con Boldrini diverse narrazioni ispirate ai valori umanitari. Tra i casi di studio presi in esame, anche quello di Pina Picierno: dopo il suo annuncio di voler finanziare la sua campagna elettorale incontrando gli elettori per cene o caffè, gli insulti sessisti non hanno tardato ad arrivare.“Stai zitta” è stata per lei l’espressione chiave ricorrente rilevata dall’ISD. «Le vessazioni nei confronti delle donne sono portate avanti da una combinazione di troll, media populisti, influencer estremisti e partiti politici. Molestie di natura opportunistica progettate per rovinarne la reputazione» spiega il think tank. Ma il clima di odio non risparmia anche altri stati dell’Unione.In Spagna, è il caso della leader del partito di Ciudadanos, Inés Arrimadas, regolarmente vittima di intimidazioni durante le sue apparizioni pubbliche. Insieme a lei, anche la sindaca di Barcellona Ada Colau viene identificata come bersaglio abituale di insulti e abusi online, soprattutto da account legati alla galassia dell’estrema destra e al partito Vox. In Germania, invece, i due dei target più frequenti per i troll di estrema destra sono le politiche Sawsan Chebli (SPD), di origini palestinesi, e Katharina Schulz, leader del Partito dei Verdi nel Parlamento bavarese.Il report si chiude con una nota positiva che sembra faccia ben sperare . «La nutrita presenza di donne tra le fila dei candidati alle elezioni europee, anche per il sistema delle quote, ha fatto sì che, almeno da parte dei politici di tutti gli schieramenti, i toni si siano ( speriamo ) leggermente calmati rispetto agli anni scorsi – commenta Giulia Sirigu, analista politica di ISD – un altro motivo sono senza dubbio le azioni le legali intraprese di recente da personalità pubbliche come Laura Boldrini, che hanno denunciato gli autori di minacce e dichiarazioni diffamatorie online».











in sottofondo
Waltz of the Rain - Chopin

23/06/12

napolitano predica bene ma razzola male Trattativa Stato-mafia, 20 anni fa per Napolitano il Colle si poteva attaccare

ritorno ancora vedere qui il post precedente    sulle la  smentita  ( anzi pseudo  smentita  ) di Napolitano sulle trattive  tra stato & mafia . Visto  che  non


preferisce scendere  a compromessi  o trattare  come dicono molti con essa

Trattativa Stato-mafia, 20 anni fa per 

da  http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/06/23/

Napolitano il Colle si poteva attaccare

Il presidente della Repubblica attacca i giornali che parlano di sue pressioni nelle indagini sul patto segreto tra istituzioni e Cosa nostra: il Capo dello Stato non va attaccato, è la linea del Quirinale. Ma nel 1991 era lui a scrivere sull'Unità un duro articolo contro il suo predecessore Francesco Cossiga

Bei tempi quando al Quirinale c’era Francesco Cossiga. Politici e giornalisti potevano dire di tutto sul Presidente, e quando qualcuno provava a fare il corazziere di complemento veniva travolto da autorevoli padri della Patria, schierati come un sol uomo in difesa della libertà di opinione e di stampa. Il Fatto Quotidiano non c’era ancora, purtroppo. C’era invece Giuliano Amato, vicesegretario socialista, braccio destro di Bettino Craxi. A lui nemmeno allora andava giù che si criticasse il Colle. Disse un giorno: “Il capo dello Stato è oggetto di un’autentica campagna che, a ondate successive, persegue l’esplicito scopo di destabilizzare le istituzioni”.

DUE GIORNI FA Napolitano ha rispolverato la formula utilizzata 21 anni fa dall’amico socialista: “Si è alimentata una campagna di insinuazioni e sospetti nei confronti del presidente”. E ancora ieri sera l’Ansa ci segnalava che “i collaboratori del presidente si interrogano su chi possa esserci dietro, sulla regia dell’operazione”. Stesse parole, contesti simili. Nella primavera del 1991 la Prima Repubblica agonizzava sotto i colpi dell’antipolitica (Lega Nord, referendum elettorali di Mariotto Segni), i partiti strologavano di riforme istituzionali in senso presidenziale e l’inquilino del Quirinale era nervoso. E se oggi Napolitano parla di “insinuazioni”, Cossiga, che era più scoppiettante, parlava di “miserabili insinuazioni”. Sarà forse per quell’aggettivo di troppo, e perché l’insulto era rivolto a lui, che Eugenio Scalfari parlò di “attentato alla libertà di stampa”. Ma erano altri tempi. Amato, ancora craxiano, era in minoranza. Le sue accuse contro le strategie destabilizzanti facevano inorridire i difensori della democrazia. Così il cronista politico de l’Unità Pasquale Cascella (oggi portavoce di Napolitano) intervistò il presidente dei senatori Dc, Nicola Mancino, e gli alzò la palla con maestria: “Qui girano sospetti di un complotto…”. E Mancino, che allora al Quirinale non si poteva neppure avvicinare, perché Cossiga quando invitava i maggiorenti Dc lo lasciava fuori, schiacciò la palla come compete a un vero democratico : “Allora, Amato farebbe bene a fare nomi e cognomi dei complottatori. Per quanto ci riguarda l’idea di una nostra compartecipazione al complotto è semplicemente ridicola”. L’intervista uscì sul giornale fondato daAntonio Gramsci il 2 maggio 1991. E quel giorno lo scontro diventò incandescente.

A fianco di Mancino, e contro Amato, scese in campo, ebbene sì, Giorgio Napolitano, firmando un duro articolo destinato alla prima pagina de l’Unità. La sua linea su Cossiga ipotizzava tre strade: l’impeachment, le dimissioni volontarie, o la decisione del presidente della Repubblica di “astenersi da interventi impropri”. L’altezza del Colle non lo intimoriva certo. E per l’amico socialista furono sonori schiaffoni. Scrisse il futuro sacerdote dell’intoccabilità del Colle (se occupato da lui): “C’è da chiedersi a chi possa giovare il sempre più ostentato schierarsi del Psi come ‘partito del presidente’, contro tutti i supposti protagonisti e complici di un presunto complotto contro il capo dello Stato”.

E ANCORA: Cossiga, “è purtroppo attivamente coinvolto in una spirale di quotidiane polemiche, di difese e di attacchi di carattere personale e politico, fino alla sconcertante e francamente inquietante distribuzione di etichette e di voti a giornali”. Poi il colpo finale al povero braccio destro di Craxi: “Perché Amato non confuta nel merito le tesi di chiunque tra noi, come sarebbe legittimo, anziché emettere indistinte denunce, riferendosi a una campagna contro il capo dello Stato che sarebbe stata promossa non si sa bene da chi e per quali calcoli, e di cui sarebbe partecipe il Pds? Non ci si risponda con la facile formula del ‘partito trasversale’”. E infatti Amato non evocò il partito trasversale, ma si limitò a evocare, con 21 anni di anticipo, l’asse Napolitano-Mancino: “Ho parlato di campagna, non di complotto. Spiace dover constatare che prima Mancino, poi Napolitano ritengano che si tratti della stessa cosa”. Proprio come oggi. Campagna, complotto, notizie, tutto uguale, tutto sbagliato, tutto vietato. Che nostalgia dei tempi di Cossiga, quando la libertà dei giornalisti era difesa da Napolitano.