Visualizzazione post con etichetta razzismo mediatico. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta razzismo mediatico. Mostra tutti i post

20/05/18

i media stanno cambando atteggiamento nel descrivere gli strupri o è solo un caso i solato ? lo stupro di roma sui giornali




Il non aver sottolineato nei titoli   che  le  bestie  siano stranieri  è un primo passo  (  vedere  url  citato sopra  )  d'andare oltre  \  superare   il razzismo mediatiaco da caccia alle streghe . Risultati immagini per stupro Sia  che  sia un caso  o meno  è un piccolo segno  , un inizio  ,  che  una  buona  informazione  che  : tenta di non esacerbare  gli animni   creando dei capri espiatori  , un tentativo  d'arginare  l'odio  gratutito e  generico .

28/06/16

SE LA VITTIMA DELLO STUPRO E’ ITALIANA VA SULLE PAGINE NAZIONALI (A SALERNO, UNA RAGAZZA DI 16 ANNI E' STATA VIOLENTATA A TURNO DA CINQUE MINORENNI) - SE INVECE LA STUPRATA È UNA 34ENNE SOMALA INCINTA DI 7 MESI, ALLORA NOTIZIA RESTA NELLE PAGINE LOCALI

SE LA VITTIMA DELLO STUPRO E’ ITALIANA VA SULLE PAGINE NAZIONALI (A SALERNO, UNA RAGAZZA DI 16 ANNI E' STATA VIOLENTATA A TURNO DA CINQUE MINORENNI) - SE INVECE LA STUPRATA È UNA 34ENNE SOMALA INCINTA DI 7 MESI, ALLORA NOTIZIA RESTA NELLE PAGINE LOCALI

Il gruppo l'ha trascinata nel box e a turno l'ha costretta a subire due rapporti orali e tre completi. Inutile il tentativo di sottrarsi alla violenza: D. è stata trattenuta e tenuta ferma da alcuni, mentre gli altri abusavano di lei. Salvini ha chiesto ovviamente una pena esemplare: «Per i maggiorenni, castra


1. ORRORE NEL SALERNITANO
Stella Cervasio per ''la Repubblica''

STUPRO 1 STUPRO 1
L' hanno stuprata in gruppo, a turno, in un garage deserto. È l' orrore che ha colpito un piccolo centro di diecimila abitanti del Salernitano, San Valentino Torio.

D. ha solo sedici anni e i sogni di tutte le ragazzine della sua età che guardano la tv e si sentono già grandi. Ha trovato la forza di presentarsi dai carabinieri con la madre, domenica notte, e di denunciare la violenza di gruppo. Sono cinque i fermati, tutti minorenni con un' età compresa tra i 15 e i 17 anni, quasi coetanei della ragazzina. Alcuni studiano ancora e altri lavorano dopo aver lasciato la scuola troppo presto.
STUPRO STUPRO

All' alba, grazie alle dichiarazioni della ragazza, sono stati identificati e rintracciati nelle loro abitazioni dai carabinieri. Solo più tardi, quando sono stati consegnati a un centro di accoglienza per minori su disposizione della procurapresso il tribunale per i minori di Salerno, hanno detto di aver capito le conseguenze di ciò che avevano fatto. Ma qualcuno avrebbe commentato: «In fondo che abbiamo fatto di male?». Tutti incensurati, loro e le rispettive famiglie.

STUPRO
D., studentessa in un istituto alberghiero del Vesuviano, che abita con la madre e il patrigno a Sarno, ha detto di non avere rapporti di amicizia con nessuno dei cinque (ma su Facebook si spinge un po' oltre e dice di essersi fidata di un "mostro"). Al vaglio degli inquirenti è la posizione di ognuno dei coinvolti, per accertare appieno le loro responsabilità.
D. ha dichiarato ai carabinieri di Sarno di frequentare normalmente il paese.
STUPRO
Ci sarebbe stato un agguato per strada e i ragazzi l' avrebbero costretta a seguirli in un garage vicino a un supermercato. Intorno alle 22 la zona era poco frequentata, e per questo nessuno avrebbe sentito. Il gruppo, secondo quanto ha raccontato la sedicenne, l' ha trascinata nel box e a turno l' ha costretta a subire due rapporti orali e tre completi.

FIRENZE STUPRO 1 FIRENZE STUPRO 1
Inutile il tentativo di sottrarsi alla violenza: D. è stata trattenuta e tenuta ferma da alcuni, mentre gli altri abusavano di lei. A un certo punto sarebbe riuscita a divincolarsi e a scappare. E, tornata a casa, avrebbe raccontato tutto alla madre, che l' ha accompagnata all' ospedale Martiri di Villa Malta di Sarno, dove i medici l' hanno sottoposta al test per accertare la violenza cercando anche tracce di Dna. Una versione diversa quella dei ragazzi, che però hanno ammesso: «Uno di noi la conosceva e le abbiamo dato un appuntamento a San Valentino».

RAGAZZA STUPRATA RAGAZZA STUPRATA
L' aggressione sarebbe avvenuta in due fasi. Prima ad opera di due dei ragazzi, uno dei quali poi se ne sarebbe andato, lasciando il posto agli altri tre. La sedicenne gridava e tentava di scappare, ma loro la tenevano ferma mentre abusavano di lei. I cinque sono a disposizione dell' autorità giudiziaria, forse già domani l' udienza di convalida davanti al Gip.
Il leader della Lega Matteo Salvini chiede una pena esemplare: «Per i maggiorenni, castrazione chimica. Per i minori almeno dieci anni di galera»
 
2. STUPRO DI GRUPPO NEL CORTILE DI SCUOLA DELL’ESQUILINO, DUE ARRESTATI LA VITTIMA È INCINTA DI 7 MESI "SEMBRAVANO GENTILI, POI..."
Rory Cappelli per ''la Repubblica - edizione Roma''

Violentata al settimo mese di gravidanza. È una storia di degrado e di orrore quella accaduta nella serata di sabato in una scuola di via Conte Verde. Una storia che racconta un' umanità che vive in una zona di confine, lontana eppure vicina, come un universo parallelo.Piazza Vittorio è luogo di incontro di gruppi di varie etnie.
Molti di loro vivono in rifugi sotterranei, in pertugi insospettabili, senza fissa dimora come dicono le forze di polizia, e campano di espedienti.

STUPRO ROMA 1 STUPRO ROMA 1
Sabato pomeriggio Ayana (tutti i nomi sono di fantasia, ndr), 34enne somala in Italia da quando aveva dieci anni e residente a Casaprota, in provincia di Rieti, un piccolo comune di neanche 800 abitanti sulle pendici dei Monti Sabini, verso le 18.30 arriva all' Esquilino con un gruppo di amici. Qui le presentano altre persone, tra cui un ragazzo di 29 anni, Damien, romeno, simpatico, spiritoso. Ridono, scherzano. Poi lui la invita a "casa" per bicchiere di vino.
La porta in via Conte Verde, dieci minuti a piedi da piazza Vittorio. Alla "casa" si arriva attraverso una rampa, che serve per raggiungere il giardino, da dove però si può scendre in una sorta di corridoio sotterraneo, per arrivare a un pertugio nascosto e quasi inespugnabile nel retro dell' Istituto tecnico industriale Galileo Galilei.

RAGAZZA STUPRATA RAGAZZA STUPRATA
Qui Ayana trova un pagliericcio di fortuna, alcuni oggetti, un arredamento povero e improvvisato. Si siede e sempre chiacchierando inizia a bere il vino che le offre il romeno. Dopo un po' arriva un altro amico di Damien Costinel: il vino è quasi finito e lui si offre di andare a comprarne un' altra bottiglia. Esce.
E quel punto Damien le si butta addosso. Le blocca un polso, con l' altra mano le tappa la bocca, la minaccia e minacciandola prende a svestirla. Lei urla, urla e urla ancora.
Intanto torna Costinel: anche lui si spoglia, le salta addosso, a lei, che è incinta di sette mesi, e aiuta l' amico a finire di toglierle tutti i vestiti.

STUPRO ROMA STUPRO ROMA
Ma le urla sono state sentite da alcune persone. Chiamano polizia e carabinieri, che arrivano in brevissimo tempo alla scuola. I vicini indicano il luogo da cui hanno sentito e continuano a sentire provenire le urla. È la rampa di accesso ai giardini. I carabinieri si avviano con la torcia giù per il cunicolo e trovano gli uomini nudi sopra la ragazza che tenta di divincolarsi e continua ad urlare. I due uomini, invitati a rivestirsi, vengono arrestati. Hanno piccoli precedenti.
Per Ayana arriva il 118 che la porta al San Giovanni per accertamenti: ma il feto non ha subito danni e il bambino, per fortuna, sta bene.

31/05/15

perchè quando i responsabili di un crimine hanno un nome. parliamo ( specie le prime pagine dei media e dei tg ) della loro etnia o provenienza geografica ? abbiamo nostalgia delle leggi razziali del 1938 ?

  ti potrebbero interessare
N.b
Prima di  iniziare  i post avviso coloro  che   scrivono  o condividono sui social  ed in rete simili idiozie

Krusco_03 29 maggio 2015 alle 11:10  da  http://www.huffingtonpost.it/

Mi sembra un discorso fazioso,buonista;ne ho sentiti molti di discorsi di questo tipo fatti dalla benpensante 'borghesia progressista';da tanti 'pennivendoli'animati da buone intenzioni solo sulla carta!Non significa essere razzisti avercela con i Rom;qualsiasi altra etnia che viene nel nostro paese è ben accetta,ma non loro.Non sto certo a spiegare i gravi difetti che si portano dietro da sempre,che sono endemici nella loro cultura,perchè sarebbe troppo ovvio,e chi li nega(questi difetti)è senza dubbio in malafede.Io sono sempre stato contro figure razziste alla Salvini,ma nel caso dei Rom,ha perfettamente ragione;sono brutte persone a prescindere  e da come parlano,basta il suono della loro voce a rendere l'idea!!Il che fare è un altro discorso,e non è facile da risolvere,ma una cosa è certa,che in un momento come questo,gli conviene stare molto attenti a come si muovono.
 Possono , sempre  che non vogliano allargare i loro orizzonti  , a meno di leggere    il post  d'oggi


A mente  fredda    dopo aver letto  diversi articoli  sulla  tragedia   di primavalle    avvenuta  qualche  giorno fa   ( speriamo  finiscano dentro   e Chi ha ucciso  merita di finire in galera per qualche decennio )  e  ascoltando  questo  sublime pezzo , purtroppo   sono riuscito a trovarlo  solo  in versione  sottofondo  e   non solo musicale    che  riporto sotto



70 anni fa il bombardamento dell'Abbazia di Montecassino (estratto dalla puntata di Tg1Dialogo di sabato 15 febbraio 2014) 
Clip realizzata da Roberto Olla, montaggio di Patrizia Pellegrini, musica "Perché" composta e eseguita da Giuseppina Torre

che   torno a parlare   della marea nera  ed  appiccicosa  ormai diventata sempre  più incontrollabile sui social   e  non   grazie alle  bufale  prese per  buone .Ma  soprattutto   concordo     con questo articolo di  ,che  riporto   integralmente ,  sempre  delll' http://www.huffingtonpost.it 29/05/2015 14:38









GIPSY
E dunque, se ho ben capito: gli zingari sono stupratori e assassini, i marocchini spacciatori e stupratori, i rumeni ladri e assassini, gli albanesi magnaccia, e gli italiani brava gente. Nessuna madre italiana ha partorito stupratori, assassini, ladri e puttanieri. E questo, essendo io italiana e potenziale mamma, mi consola un bel po'. Perché, giustamente, la delinquenza è una roba che ha a che fare con l'etnia, mica con l'etica delle persone. Al massimo si può concedere che abbia a che fare con la fisiognomica, comunque non con la morale e il cervello che la partorisce.
Deve essere davvero rassicurante cullarsi nella convinzione che se si asfaltano i campi nomadi, si chiudono le frontiere e si sbattono fuori gli immigrati, l'Italia tornerà ad essere un paese sicuro in cui poter lasciare le chiavi sulla toppa di casa e dormire con le finestre aperte che nessuno, ma proprio nessuno, entrerà per fregarci i gioielli di famiglia, usarci violenza e poi tagliarci la gola. Deve essere molto rassicurante pensare di poter saltellare sulle strisce pedonali con la certezza che nessun ubriacone disgraziato ci stirerà mandandoci all'altro mondo.
Peccato che, solo negli ultimi 15 giorni due italiani abbiano falciato le gambe e la vita di altrettante incolpevoli persone tra cui una ragazzina di 14 anni. Peccato che meno di un mese fa un bravissimo ragazzo partorito da un'italianissima mamma abbia stuprato una tassista. Peccato che le rassicurazioni che si fondano sulle generalizzazioni siano favole tristi lontane dalla realtà. Che la vita è un'altra cosa e non prevede semplificazioni massimaliste come quelle di chi oggi è saltato in groppa al cavallo della questione razziale per rimpinguare un magro bottino di consensi elettorali. La vita, almeno quella di oggi qui in Italia, è un equilibrismo continuo su una corda consumata.
Ed è molto comodo indicare nell'altro il funambolo che l'ha sfilacciata, ma la verità è che i primi a ridurla in brandelli siamo stati noi, noi che oggi rischiamo di precipitare nel baratro che si apre sotto i nostri piedi. Siamo stati noi ogni volta che abbiamo fatto i furbi, che non abbiamo emesso una fattura, che siamo passati col rosso, che abbiamo fregato il nostro vicino di casa, che abbiamo copiato a un concorso, che ci siamo fatti raccomandare. La rovina attuale del nostro Paese non può essere scaricata sulle spalle di chi è appena arrivato qua e non è capace di integrarsi perché le politiche di integrazione costano denaro e lo Stato questo denaro non ce l'ha e se ce l'ha non ha voglia di spenderlo in iniziative poco popolari.
L'integrazione costa, il populismo e l'intolleranza no. Basta fare i conti della serva per capire quanto la fiaccolata di ieri sera (e tutte quelle che l'hanno preceduta e la seguiranno) sia più conveniente rispetto a politiche di educazione civica e integrazione. Per parlare alla pancia ormai vuota degli italiani riempiendola di ignoranza e di razzismo assicura voti e consensi, applausi e ovazioni. Accendere torce e piazzarle nelle mani degli italiani brava gente costa meno che piazzare in quelle mani buoni libri. Urlare odio costa meno che sussurrare comprensione. Strumentalizzare la barbarie di uno spalmandola su tutta la razza sua è diventato il nuovo sport nazionale. Una volta eravamo tutti allenatori, oggi siamo tutti antropologi del pressapochismo etnico per cui: gli zingari non si vogliono integrare e i mussulmani son quelli del velo sulla testa delle donne.
E gli italiani? Gli italiani son quelli che fanno i soldi sulla miseria di zingari e mussulmani, che li lasciano a mangiare sabbia e scarafaggi perché si sono intascati il denaro per il loro pane. E però gli italiani son brava gente. Come no. Gli italiani non stuprano e non ammazzano, non rubano e non truffano. Gli italiani son brava gente: non si sognerebbero mai di maltrattare le loro terre con discariche abusive che spruzzano nell'aria diossina e veleni. Gli italiani non sono Gomorra e Roberto Saviano è la reincarnazione del delirio mistico di Dante Alighieri. Certo: gli italiani son brava gente e chi sostiene il contrario è solo un razzista ignorante. Ecco.


  
Infatti è da  un paio  d'anni  che   sui  media   su tutti i media (  e  ora   ache in rete  in particolare  social  come     )   , non  più soltanto    di destra  (   ormai  senza   nessuna distinzione tra moderata ed estrema  )   e  recentementre  anche  [ sic ] quelli progressisti   e    democratici cè spazzatura, Una valanga razzista, titoli che incitano all'odio, commenti e articoli che puzzano di pogrom. I rom, di nuovo, vengono additati come il Male, come la feccia da eliminare al più presto. Fisicamente, se necessario.


Un riflesso pavloviano. Succede ogni volta che qualche "zingaro" è protagonista di storie di cronaca nera. Spesso riguardano furti e borseggi. Stavolta è peggio: un'auto pirata con tre sinti a bordo, per scappare a un controllo di polizia, è finita a 150 all'ora sulla folla che attraversava la strada. Una donna filippina è morta sul colpo, altre otto persone sono rimaste ferite, il killer che guidava è riuscito a scappare.
Una tragedia, un assassinio. Ne capitano di continuo episodi così, ogni settimana. Ma se c'è un rom o un rumeno o  qualunque  altro  gruppo etnico di mezzo, l'opinione pubblica, i media e i politici si eccitano, e lil fatto non viene trattato come una drammatica vicenda di cronaca giudiziaria, ma diventa questione razziale, scontro politico, zuffa ideologica. Scatena frustazioni ancestrali per il diverso. La caccia allo "zingaro"  o  all'extracmunitario che si  èmacchiato  del  croimuine  riprende vigore, con più forza che pria.
I giornalisti, deputati di destra e commentatori hanno gioco facile ad alimentare la rabbia. Anche perchè sperano di aumentare lo SHARE, mentre i Salvini e le Meloni si leccano i baffi sicuri di guadagnare qualche voto. Da Boccea, il quartiere di Roma teatro della folle carambola, la gente non piange il morto. Ma urla innanzitutto bestialità fasciste: «Radiamo al suolo i campi rom», «gli zingari sono merda, assassini nati per delinquere», «vanno bruciati vivi quando sono bambini». Frasi atroci che in tv e sui giornali, invece di essere stigmatizzate, vengono comprese, giustificate, accarezzate.. Ma basterebbe guardare ai fatti, dare un'occhiata all'archivio dell'Ansa, e capire subito come l'incidente, anche stavolta, è strumentalizzato da razzisti e sciacalli. Cinque giorni fa, a Vibo Valentia, due giovani italiani hanno ammazzato Vituccia Pasceri, 68 anni, e sono scappati: nessuno ne ha parlato. Dieci giorni fa a Palermo Tania Valguarnera, 30 anni, è stata presa in pieno a folle velocità da Pietro Sclafani, che aveva riavuto la patente ritirata mesi fa per eccesso di velocità. Anche lui se l'è data a gambe senza prestare soccorso: nessuno gli ha dedicato la prima pagina.
Nello stesso giorno, il 17 maggio, un italiano di 32 anni di Celano, vicino Pescara, ha investito due ragazzini sul motorino, uccidendone uno. È scappato, aveva la patente scaduta. I tg non ne hanno fatto parola. A Pistoia un mese fa un ragazzo italiano di 19 anni ha preso a martellate il parabrezza della sua auto, per tentare di cancellare le tracce dell'impatto con il cranio di una studentessa di 17 anni, presa in pieno mentre attraversava sulle strisce. Nessun politico ne ha fatto menzione. La ragazza è morta sul colpo.
Andiamo avanti. Ad aprile una signora di Udine ha patteggiato tre anni per aver ucciso un operaio: la rispettabile friulana pare avesse bevuto peggio di un rom alla sua festa di matrimonio. A Monza un rispettabile Suv Audi Q5 ha investito un'auto uccidendo un 15 enne e mandando in coma la madre, ed è fuggito: non è uno zingaro quello che qualche giorno dopo si è costituito, ma un benestante quarantenne brianzolo. Ovviamente è già a piede libero. Decine di stranieri, infine, hanno perso la vita negli ultimi anni sulle nostre strade (compresi rom e pachistani), uccisi da italiani drogati o ubriachi che non si sono fermati a prestare soccorso.

Questo vizio  presente   nei media   vale    anche   se  a  commettere    un  reato è  anche  un  italiano   specialmente del sud




Si fa 130 km al giorno per perseguitare la ex: pastore sardo a processo

Venerdì 29 Maggio alle 16:57

Per perseguitarla non esitava a farsi ogni giorno 130 chilometri in auto.

L'aspettava davanti al portone, la minacciava, la seguiva sul posto di lavoro.

Ora dovrà rispondere davanti al giudice dell'accusa di stalking.
Ad essere rinviato a giudizio, Sebastiano Boe, pastore sardo di 58 anni, originario di Onanì (Nuoro) ma trasferitosi nel Maceratese.
Lo riferisce la stampa locale marchigiana.
La vittima, invece, è la sua ex compagna, residente a Senigallia (Ancona).
Secondo quanto accertato dalle indagini, l'uomo, non rassegnandosi alla fine della loro relazione e geloso del nuovo compagno della donna, aveva deciso di trasformare la vita di entrambi in un incubo, fatto di pedinamenti, messaggi minatori e, nei confronti della malcapitata, anche di telefonate con "disgustose allusioni sessuali".
Finché la donna, esasperata, si è rivolta alle autorità, sporgendo denuncia.
E ora, dopo le indagini di rito condotte dalla polizia, il magistrato ha deciso di portare alla sbarra il 58 enne
  medidate  gente  meditate  .

Archivio blog