Visualizzazione post con etichetta polemiche. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta polemiche. Mostra tutti i post

09/06/19

Eccoci alla prima partita della nazionale italiana a mondiali di di calcio femminile ed già prima dell'incontro iniziano ad esserci le polemiche dei stalinisti

Eccoci alla prima partita    della nazionale italiana   a  mondiali di  di calcio femminile   ed   già   prima dell'incontro   (  poi  vinto per   2-1   dall'Italia  )  iniziano   ad esserci  le  polemiche     dei patridioti   o sovranisti \  populisti  , mal pancisti    ed   degli ignoranti  \   analfabeti  funzionali   Ecco una  discussione    avvenuta   poco fa  sulla mia  bacheca   facebok

Se già alla prima partita compaiono post così chi sa cosa sarà quando vince con un goal della capitana. O, 🤞🤘, vincerà il titolo

NEXTQUOTIDIANO.IT
Sara Gama è nata a Trieste nel 1989 (sua madre è triestina, suo padre è congolese). Ma questo è soltanto un dettaglio, perché il problema non è dove è nata lei, ma perché hanno diritto di parola loro
Commenti
  • Mario de Carlo Giuseppe,ma basta con ste cazzate ,rilassati,state urlando al lupo x niente,goditi la partita che stanno vincendo alla grande

 ecco  che  ho  creato   per  sentire  la  vostra  opinione   un sondaggio
SECONDO   VOI TALI COMMENTI RIPORTATI DA  https://www.nextquotidiano.it/sara-gama-insulti-razzisti-nazionale-femminile-di-calcio/  SONO




pollcode.com free polls



12/02/19

[in italia è ..... parte II - reprise ] è sempre più difficile fare e capire L'ironia e la satira se non si hanno ma anche se i hanno gli strumenti visto che ormai finzione e realtà non si distinguono più .

di cosa stiamo parlando

[... ] va beh, lo ammetto che mi son sbagliato e accetto il "crucifige" e così sia, \ chiedo tempo, son della razza mia, per quanto grande sia [ ....] . Volevate quindi il mio crucifige \ autodafé eccovi serviti con il post d'oggi questo post

Risultati immagini per autodafè


  dopo questo    preambolo   artistico musicale   iniziamo il post  vero  e proprio 


  L'immagine può contenere: testo
Poiché, nonostante abbia specificato  che  ciò era (  vedi foto  a  sinistra  )  una  fake  news  (  riporto  qui   questo  url  che    spero dovrebbe  togliere  ogni  dubbio ,)    molti prendono per vera questa news satirica . Anche  un bambino    o  chiunque  stia  attento    dovrebbe    già dalle   prime    righe  accorgersi  che  la  notizia  non era     vera  ed la pagina    in questione   ed  a   é una pagina satirica e a dirlo non sono solo io  (  vedere    foto  al  centro  )  .                                                                       Come dico nel titolo e come diceva una delle discussioni create con il mio post precedente  : <<   quando ormai finzione e realtà non si distinguono più . >>  . Soprattutto      quando l' <<  ideologia  ideologia \ oggi  è  filtrata    da  un po'   di tecnologia    tra  un  algoritmo  una fake  news   un link  e un like un tweet   e  un tag  cosa  è  vero  cosa  è  falso   non si  sa    ma  proprio non si  sa ....ma  proprio  non si  sa  ...  >> (  dalla  canzone   Lega e 5 stelle- di dado canta la notizia 
Infatti   la pagina  Facebook  " Generatore di Wi-Fi per immigrati negli hotel  "ha un modo di farlo ambiguo che fa favorisce le FAke news . Infatti io , come.credo anche tutti/e quello che hanno.messo mi piace al mio stato precedente , ho visto una presa per o fondelli come si può notare , leggendo la slide, ai leghisti e ai razzisti .Ecco perchè secondo me è satira ( e continuavo ad insistere riportando la definizione stessa di satira ) ma fatta male come evidenziato da molti dei commenti ed per questo che mi si chiedeva di fare autocritica ed riconoscere l'errore o addirittura di rimuovere il post incriminato   . 
L'immagine può contenere: testo

A chi ancora mi dice : 

<< Ohiiiii non dire fesserieeeeee.... ajó cavolo ammettilo... l'hai condiviso pensando che fosse vera...e l'unico che ci ha creduto sei stato solo tu...tutti gli altri ti abbiamo detto che era un fake e tu allora ne sei uscito con la storia della Satira....dai Giusé sii sincero, ammettilo >>
rispondo     cosi   


Cara ******* Che .... Sventiu . L'ho presa da un'amica affidabile al 95% e che difficilmente condivide bufale e capisce rispetto ad altri che lo fanno acriticamente quando é satira o qualcosa d'ironico . Inoltre era ed é evidentissimo a tutti me compreso che questa pseudo satira ( cioè una commistione tra satira /presa in giro agli xenofobici e a lui che ha votato forza Italia come testimoniato da molti paesani ed da una esponente di FI ) era una bufala /fake news fatta di copia incolla tra una parte vera la prima frase di sue dichiarazioni cioè quella quando dice sono italiano al 100 % e il resto inventato costruito ad arte. Poi se questa mia risposta non ti basta e vuoi continuare a credere quello che vuoi pazienza .



con questo è tutto alla prossima polemica 😂😁😄

10/02/19

quando si potrà parlare del confine orientale ( e tutti gli avvenimenti fino al 1954 ) senza scannarsi e senza strumentalizzare ?

colonna sonora del post Kings - La risposta nel vento
 Parole e musica di Bob Dylan qui l'originale ( 962) Traduzione di Mogol



Lo so  che    come  il sottoscritto  ,  non  ne  potete  più  di  sentire  parlare  di    foibe   , esodo ,    e  tutte le  polemiche  sempre  uguali   che  si iniziano     ,  non appena   terminata  la  bisettimanale    giornata  del  27 gennaio  ,  fino  al   12  febbraio   e  in alcuni  siti nazionalisti anche  dopo  .  



Ma    alcuni  fatti 

1)   la  disinformazione ed  uso  distorto  fatta      da  ilprimatonazionale,it  


Roma, 9 feb – Alla fine, all’alba del Giorno del Ricordo, anche il Partito Comunista di Marco Rizzo si è unito al vergognoso carrozzone dei revisionisti-censori che nei giorni scorsi hanno fatto a gara per infangare la memoria di coloro che morirono nelle Foibe massacrati per mano dei partigiani titini. Dal convegno negazionista di Alghero quello di Parma passando per le dichiarazioni dell’Anpi di Rovigo e gli sfregi vandalici a Ramelli e Norma Cossetto: mancavano giusto all’appello le dichiarazioni di Rizzo e soci a completare il quadro.  [....  continua  qui  ] 
  sulle  parole    di   Marzo Rizzo   

  direttamente  dal sito incriminato  

RIZZO (PC): «SU FOIBE CONTINUE FALSIFICAZIONI. L’ANPI SBAGLIA A DISSOCIARSI».

08 febbraio 2019di 
«Sulla vicenda delle foibe ormai è impossibile esprimere in Italia un giudizio legato alla verità storica e alla contestualizzazione degli eventi. Chiunque affermi il vero, e cioè che quello che è avvenuto non puo’ definirsi genocidio, nè pulizia etnica, e soprattutto che le vittime non erano nell’ordine nè delle centinaia di migliaia nè dei milioni come arrivano ad affermare settori di destra, viene tacciato di negazionismo. Sbaglia l’ANPI a dissociarsi da serie iniziative di storici che mirano a contrastare con il rigore della ricerca questo mare di propaganda» Così Marco Rizzo, segretario del Partito Comunista. «Sulle vicende del confine orientale è stata costruita una narrazione che ha stravolto la realtà, che non fa i conti con le responsabilità dell’Italia fascista, alimenta il mito del “buon italiano”, utile alla propaganda nazionalista anche per l’oggi. Una cosa sono episodi di giustizia sommaria e rappresaglie, per quanto brutali, pero assai comuni durante la guerra, e nella maggior parte in risposta ai crimini perpetrati dalla colonizzazione fascista. Altro è quello che la propaganda revisionista afferma oggi a reti unificate. La costruzione della memoria collettiva è demandata a sceneggiati privi di reale riscontro storico come quello che andrà in onda sulla Rai questa sera. Si parla di ricerca della “memoria condivisa” ma in realtà si nobilita la falsificazione. La sinistra che ha appoggiato questa tendenza, è corresponsabile tanto quanto la destra, anzi forse di più. Al contrario – conclude Rizzo – difendere la verità storica significa evitare che narrazioni tossiche influenzino il senso comune, costruendo il terreno per nuove campagne belliciste che si profilano all’orizzonte e che nulla hanno a che fare con l’interesse dei popoli, a partire da quello italiano».






2)
 l'accettazione passiva dell'Anpi  tanto  da  rinnegare  o ritenere poco opportuno   farlo il  10  febbraio   la  contro celebrazione   e di certa sinistra delle tesi ufficiali delle commemorazioni del dieci febbraio ovvero soltanto il cavallo di troia usato dai fascistoidi (o presunti tali) per fare propaganda anticomunista al fine di nascondere i loro crimini ed esaltare quelli dell' "avversario " e dove non ci riescono equiparare i fascisti con i comunisti.... vecchia storia. 

<< i negazionisti >> come dice un commento al mio post su fb in cui riportavo ( la trovate anche qui sul blog ) la mia recensione sul film red land \ rosso d'istria << sono quelli che rifiutano la shoah, non quelli che fanno notare che si, qualcuno è stato infoibato, ma non è assolutamente paragonabile ne con i numeri ne con la modalità, con gli eccidi nazifascisti. Poi chiamami stupido quanti vuoi se non voglio piegare la realtà al revisionismo storico odierno. >>



  3)

 l'insistere   da  sinistra    ed  il caso    del  Partito della Rifondazione Comunista, Potere al Popolo, La Talpa e l’Orologio, Gruppo teatrale l’Attrito  d'Imperia   che  nella      loro  giustissima     e  condivisibilissima  tesi  , ma    errata  in un punto   quella    nel vedere     fra   gli  infoibati  solo   ed  esclusivamente  fascisti  o collaborazionisti  e    non ammettere     o  non parlare   ed  lasciare    che  a  farlo  ed uso  e  consumo loro  sia  una determinata  parte   politica   di  quelle  che  avvennero   a  guerra  finita  e  di tutte le  sofferenze  come  se  non bastassero quelle  subite    durante la  guerra  e  la  sofferenza dell'esodo    ed   il   :  negarlo  ,   sminuirlo  ,  il   separarlo    dalle  vicende  prima  successe  per motivi ideologici è vomitevole oltre che molto pericoloso. La storia va affrontata per quello che è, se vogliamo che ci insegni qualche cosa!  Infatti   Nelle foibe ci sono anche comunisti, italiani che erano contrari al governo slavo, l'odio non ha limiti e porta a comportamenti aberranti come   questi a  cui ,   anche   se    c'è  ufficialmente una  risposta  , ma  mi sembra  troppo  banale   e riduttiva  cioè    reazione  alla  politica  fascista  e  nazista ,  risposta  non  c'è     come dice la  canzone   cita  come  colonna  sonora 

Dopo      i tali    motivi  ecco  perchè  è  necessario  ancora  parlare  del  confine  orientale  e  delle   foibe .  Evitiamo  che     dopo  un  cinquantennale silenzio  quasi totale    se ne parli   e  si ricordi in maniera  distorta  ed   strumentalizzata 
 ecco     che riporto  , anche  se  non concordo  con lui   che  definisce negazionisti    coloro  che tentano di  smontare  le  esagerazioni  numeriche   e le   leggende  ed  l'uso  strumentale  fatto    dalla destra  e  purtroppo   da  molta  sinistra  ,     questa  intervista   ad  uno dei massimi esperti   sulle  foibe   e  sul  confine   orientale     


  [.....] 
TPI ha chiesto a Raoul Pupo, professore di Storia contemporanea all’Università di Trieste e uno dei massimi conoscitori dell’argomento, di fare luce su alcuni aspetti ancora poco chiari nell’immaginario collettivo.
Professore, quali furono le conseguenze del fenomeno foibe e esodo?
Questi eventi messi insieme hanno provocato la scomparsa quasi integrale della componente autoctona bilingue e cultura italiana nei suoi territori di insediamento storico a Zara, Fiume e Istria in generale.
Le foibe in realtà non hanno avuto un ampio effetto, le migliaia di morti hanno provocato gravi ferite della memoria ma non hanno inciso particolarmente sugli equilibri nazionali e di potere della regione. Quello che ha provocato la principale frattura storica dall’epoca della romanizzazione è l’esodo, in quanto ha significato la sparizione di una delle componenti storiche della regione.
Mio nonno, esule, mi parlava spesso di quei “comunisti titini” e mi diceva che ai tempi di Mussolini viveva meglio. Non era il solo esule a pensarla cosi. Dire che gli esuli erano fascisti è soltanto uno stereotipo?
Gli esuli istriani erano saldamente anticomunisti, avevano provato sulla loro pelle cos’era il socialismo reale ed erano scappati via, quindi erano tutto meno che comunisti. Non è vero che fossero tutti fascisti, la maggior parte di loro nel dopoguerra votava Democrazia cristiana, soltanto alcuni piccoli gruppi votavano per il movimento sociale.
Quella degli esuli era una realtà popolare conservatrice, e quando qualcuno diceva che ai tempi di Mussolini stava bene vuol dire allora stava meglio rispetto a quello che ha vissuto dopo. Avendo rischiato la vita e vissuto situazioni invivibili a casa loro, il paragone con il passato è tutto a vantaggio dello stesso. Durante il fascismo l’Istria era stata una terra di povertà, dagli anni Venti ci fu una crisi economica dalla quale iniziò ad uscire appena dalla fine degli anni Trenta. Subito prima della guerra ci fu in seguito alla politica autarchica un inizio di ripresa economica e si cominciavano a vedere orizzonti migliori rispetto a una miseria secolare. Poi è arrivata la guerra che per loro ha voluto dire la fine di tutto.
Naturalmente questo riguardò la componente italiana della popolazione. La comunità slovena e croata aveva giudizi diversi, in quanto minoranza oppressa dal regime. La politica del fascismo era volta a distruggere la loro identità e a trasformarli in italiani. Anche dal punto di vista economico e sociale stavano peggio rispetto a prima, sloveni e croati erano per lo più braccianti senza terra o coloni. Nell’ultimo periodo dell’amministrazione asburgica, grazie a un tessuto di cooperative, erano riusciti ad avere un miglioramento del loro stato sociale riuscendo a comprare della terra. Poi il fascismo da una parte distrusse tutto il tessuto redditizio cooperativo che li sosteneva, poiché connotato in senso nazionale, dall’altro impose una fiscalità più grave: il risultato è che molti di loro persero la terra.
Chi furono i colpevoli dei vari eccidi?
Fondamentalmente i quadri del movimento di liberazione jugoslavo, movimento contro i tedeschi occupatori ma anche contro gli italiani. Gli esponenti del movimento erano alle origini figli di esuli istriani sloveni e croati che durante il ventennio avevano dovuto abbandonare quella terra. Arrivati in Istria si collegano con i loro parenti, esponenti del tradizionale nazionalismo croato, e su questa base creano prima il partito comunista croato poi il movimento di liberazione. Sono dei quadri che hanno un forte antagonismo sia sociale che nazionale nei confronti dell’italiano, che viene percepito come fascista, quindi poi quando hanno il potere si lasciano andare ad angherie di tutti i tipi.La violenza delle foibe scavò un solco di terrore fra la popolazione italiana. Le intimidazioni, bastonature, arresti e sparizioni del dopoguerra rafforzarono il clima di paura. Le ragioni dell’esodo sono però molto più complesse. In sintesi, il collasso della società italiana, dovuto alla duplice rivoluzione, nazionale e sociale, attuata dalle autorità jugoslave. Ciò creò una situazione di invivibilità generalizzata. Di conseguenza, quando – con ritmi diversi nei diversi contesti – le comunità italiane si resero conto che la dominazione jugoslava era divenuta definitiva, scattò il meccanismo dell’esodo.
Perché fu istituito il giorno del ricordo?
Venne istituito per cercare di sanare la ferita aperta nella coscienza degli esuli e dei parenti delle vittime delle foibe. Nonostante la loro integrazione perfettamente riuscita nel tessuto sociale italiano avevano dovuto silenziare le loro origini per ragioni non solo politiche ma antropologiche. Si erano inseriti nell’Italia del boom economico, l’Italia che voleva lasciarsi alle spalle tutto quello che voleva dire guerra, sconfitta, miseria. Non c’era posto per rivangare queste storie terribili.
Gli esuli rimasero zitti, molto spesso non avevano trasmesso queste storie nemmeno ai figli, le loro vicende erano conosciute all’interno dei circuiti speciali dei profughi ma quasi per nulla all’interno della comunità nazionale. Ne continuavano a parlare ossessivamente tra di loro, ma all’esterno era una storia che non interessava a nessuno.
Dopo la fine della guerra fredda c’è dappertutto in Europa una riscoperta di storie che prima erano state messe da parte, fra queste c’è anche la storia del confine orientale. Attraverso un complesso iter parlamentare arriva questa proposta per l’istituzione della giornata del ricordo che viene approvata in parlamento con una maggioranza larghissima, alla camera con pochissimi voti contrari e al senato addirittura senza opposizione.
Non trova che il Giorno del ricordo venga usato per esaltare la patria o l’italianità di certe zone più che per ricordare il dramma di queste persone?
Il Giorno del ricordo viene usato in tanti modi e può venire usato in senso puramente strumentale: è stato usato e continuerà a venire usato da parte di componenti politiche di estrema destra. Già dagli anni Novanta era partita una campagna dall’allora partito di Alleanza Nazionale per l’istituzione di vie e piazze ai “martiri delle foibe”. Era un’operazione politica di matrice neofascista.
Ma il Giorno del ricordo si presta sia per riconciliare la memoria degli esuli e delle vittime delle foibe sia per riscoprire tutta la storia del confine orientale, che è una storia abbastanza complessa, perché oltre le foibe e l’esodo c’è anche tutto quello che è successo prima. Va sempre tenuta presente una cosa: il giorno del ricordo cade il 10 febbraio del 1947, che è la data della firma del trattato di pace che segna la perdita della Venezia Giulia per l’Italia. Quel trattato di pace riguarda la guerra iniziata dall’Italia col fascismo, che è entrata in guerra per sua scelta a fianco della Germania, quindi ha invaso e distrutto la Jugoslavia annettendola parzialmente. L’inizio della catastrofe, quindi, è l’attacco dell’Italia nella Seconda Guerra Mondiale con la responsabilità del fascismo.