Visualizzazione post con etichetta uomini e donne. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta uomini e donne. Mostra tutti i post

23/06/19

la vita reale e i reality sempre più difficile distinguere la realtà dalla finzione . stefano e wilma non hanno visto il film the Truman Show per capirlo ?

stavolta  serra   ha perfettamente    ragione   e descrive  benissimo ., togliendomi le  parole di bocca ,  il mio giudizio   su tali programmi  . Lo so  che  sembrerò snob    ma : << [..... ] Non è tempo per noi che non ci adeguiamo mai\ Fuori moda, fuori posto, insomma sempre fuori, dai \ Abbiam donne pazienti, rassegnate ai nostri guai\ Non è tempo per noi e forse non lo sarà mai [....] >>  . Infatti è successo che una sera d'estate al fresco della sera di qualche anno fa con gli amici \ che si parlava degli insulsi programmi



ed  io rimasi in silenzio per( se  non ricordo male  )  per    40\45 minuti .  e   loro   si  stupirono   e     dalla mia risposta     simile      se  più dura   del video prima  citato    ne  nacque  un interessante  dibattito  .
Stefano e Wilma, sposati in tv e il divorzio impossibile. «Io la amo». «Mi spiace, io no»
Infatti  come   dice  Michele  Serra   nella  sua  Amaca  : << In omaggio alla necessità di capire l'epoca prima di giudicarla, ho cercato di decifrare la storia di Wilma e Stefano [ foto  al lato   ] i due giovani sposi del reality Matrimonio a prima vista che vorrebbero divorziare ma non ci riescono.Mi pare di avere capito che si sono sposati in televisione, ma non per finta, perché il matrimonio, pur essendo combinato da e per uno show, era un matrimonio vero; che ora vorrebbero divorziare, non in televisione ma per davvero, ma la cosa fatica a compiersi, forse perché non è ancora nato il format "Divorzio a prima vista" che magari consentirebbe procedure più snelle; e insomma che il ruolo di sposi, benché fatturato come prestazione televisiva, ha avuto le stesse implicazioni e ricadute di un matrimonio non in onda. Un po' come se un attore che interpreta Otello, una volta levatosi il trucco, tornando a casa ammazzi veramente la moglie.>>.  Ora come  fa  notare  anche  M.Serra se   per  i non amanti    di tali generi  o  annoiato   come  me  dopo averne  ( per  curiosità  , perchè c'era  un  tuo  corregionale   o    un tuo cittadino ) visto  le  prime due  edizioni    del Gf   e  una  (  non ricordo se la  prima  o  la seconda   ) d'Amici   di Maria de  Filippi  : << arrivare fin qui, ha un poco faticato, sappia che è stato faticoso anche per me scrivere le poche righe precedenti. Perché la storia stessa, per la sua natura di strettissima con-fusione tra vita e spettacolo, tra finzione e verità, non consente una vera disambiguazione, una lettura chiara dei ruoli. Che non abbia capito io, che cosa è davvero accaduto, non è grave. Un poco più grave è che non lo abbiano capito i due protagonisti, se non nel breve scampolo di lucidità di una frase di lei ("venire filmati per cinque settimane di seguito ha falsato tutto").>>.
Consiglio anch'io     tutti    gli  amanti  e  << anche ai due sposi: rivedere The Truman Show, è un film di vent'anni   fa  [   certo  ] ma dentro c'era già quasi tutto. Nella scena finale, 



[  specialmente    ] quando lui riesce a evadere dallo studio televisivo, piango   regolarmente di gioia.       >>  e  m'accorgo  quanto sia  bello    essere  considerato  snob  ,  da   chi  li    guarda    g credendo  d'evadere dalle  brutture  del mondo e dalle  responsabilità    finendo poi  per  rientrarvi  in maniera  conformistica  . Ma  soprattutto  libero  e sincero  rispetto    a  quelle persone    che    s'indignano  in privato  per la schifezza    ma poi  per  non fare  figure  di   💩 con la  massa  li  guarda                       

03/02/19

chi dice che : << Il maschio è un animale, le donne se ne facciano una ragione >> dice un mucchio di ... boiate



                   non insegnare a tua figlia ad essere preda
                   insegna a tuo figlio a non essere cacciatore
                       ( joumana haddad poetessa libanese  )






Scusa se ti chiamo stronzo - Mirko Spelta - ebookMi sa   che questo breve  componimento poetico  ,   da  me  riportato più volte  sui miei  social    ha  ragione  visto  il    perdurare  ed   aumentare   d'articoli    e  studi  o saggi misogini , sessisti   , rozzi    ed  accatto  come     questo  di  Mirko Spelta, – Scusa se ti chiamo stronzo, edizioni Piemme – nel quale sostiene di rappresentare la maggioranza assoluta dei maschi italiani. E di aver scritto questo saggio per aiutare le donne a capire la vera natura del maschio, in modo da non farselo sfuggire    Infatti    secondo     questo  articolo    preso    da questo   articolo   di   https://www.huffingtonpost.it/



01/02/2018 11:52
Il maschio è un animale, le donne se ne facciano una ragione



di Elisabetta Ambrosi Giornalista e scrittrice


L'uomo, tendenzialmente, non sa tenerselo nei pantaloni. E quello che lo fa eccitare è un corpo sexy, tette grosse, culo giusto, tacchi dodici e labbra rosse e turgide. Dal punto di vista sessuale, dunque, che una donna sia affascinante, brillante, coinvolgente e colta conta meno di zero. Perché quello che attrae il maschio è solo l'involucro.
Argomentazioni rozze di un produttore di film porno, piuttosto che di qualche isolato scrittore misogino? Per nulla. A sostenerle è un giovane professionista quarantenne, Mirko Spelta, in un libro – Scusa se ti chiamo stronzo, Piemme – nel quale sostiene di rappresentare la maggioranza assoluta dei maschi italiani. E di aver scritto questo saggio per aiutare le donne a capire la vera natura del maschio, in modo da non farselo sfuggire.
E dunque eccoli, i consigli che Spelta dà all'universo femminile. Le donne devono bene mettersi in testa che il maschio è "geneticamente programmato per la caccia", il che significa che è fatto per distribuire seme nella maggior parte di ventri possibili, mentre la donna "a livello istintivo e ancestrale" sarebbe tendenzialmente monogama e programmata per avere un partner alla volta. Questo, dice l'autore, è un problema, ma non per il maschio, sempre per la donna. La quale a quel punto ha l'incubo di "essere sempre la stessa. Cosa che, sessualmente parlando, è un problema".
Cosa può fare dunque la femmina per non lasciarsi scappare il maschio? La risposta è: "Tener sempre alta la guardia e cambiare", perché guai a pensare che l'uomo "vi appartenga". In soldoni? "Basta vestiti dai colori tristi, grigi, blu o neri, scarpe tacco basso, occhialoni da vista e unghie smangiucchiate". Benvenuti e, anzi, necessari, sono tacchi almeno dodici, vestiti, scarpe, trucco, parrucco e unghie perfette e curatissime. Non si tratta di un modo stupido per spendere i soldi ma al contrario "del miglior modo per venire incontro all'esigenza maschile".
Ma Spelta non si ferma qui. Sostiene anche che le donne debbano esagerare, e quindi se, per esempio, avete intenzione di rifarvi il seno, è cosa buona e giusta che vi facciate una quinta o sesta misura, "una benedizione di Dio". Altra imposizione: buttate via pigiami con gattini e cagnolini, via invece alla lingerie sexy in abbondanza, senza rischio di diventare volgari: anzi, la, volgarità eccita, per cui va benissimo. Ma c'è di più. Siccome l'uomo è come una pentola a pressione, è fondamentale tenere il suo livello ormonale sempre sotto la soglia di guardia. Come? Facendo spesso l'amore – non per il proprio piacere, ovviamente, ma perché lui non esploda, ndr – ma non solo... "quello che conta è che sia soddisfatto".
Come recita il titolo del libro, infine, l'uomo è tendenzialmente "stronzo", il che significa che la sua tolleranza con le donne è vicina allo zero. Ecco perché non dovreste mai appioppargli un guinzaglio corto – deve essere libero di avere ore settimanali per essere "autenticamente cretino, rozzo, sboccato" – né mai, nel caso vi capiti di sposarlo, "sedervi", dormire sugli allori, tirare troppo la corda "perché a un certo punto si spezza". Comunque se lui è stronzo, voi invece, si legge nel libro, non dovete esserlo, anzi vi tocca essere "sincere, spontanee, mai rompicoglioni". In sintesi, "comportarvi bene" e non guardare ai soldi, giammai, che a loro questo non piace.
In tutto il libro non c'è incredibilmente una sola parola su come gli uomini dovrebbero vestirsi e comportarsi. "È un libro per le donne", spiega l'autore. E tuttavia resta totalmente misteriosa la ragione per cui le donne, che sono all'opposto di come vengono dipinte, dovrebbero accattarsi questa specie di troglodita mai evoluto, che le costringe e spendere il loro certo non ricco stipendio per fare una vita d'inferno, sempre truccate e sui tacchi: al solo scopo, tra l'altro, non di fare almeno buon sesso – ma che sesso puoi fare con un uomo così? – ma di non perderlo. Come se non fosse meglio, un uomo così, perderlo piuttosto che trovarlo.
Veramente strabiliante poi è, nel libro, la costante e ossessiva attenzione al punto di vista maschile, nel totale disinteresse di ciò che potrebbe non dico fare felice una donna, ma almeno minimamente interessarla. Infatti, al termine della lettura, l'unica voglia che viene è quella, irresistibile, di diventare lesbica, e al tempo stesso trovare subito un modo per fare figli che sia alternativo alla penetrazione con un sub-uomo di tale portata. Spiega ancora l'autore che in realtà il libro vuole elogiare le donne. Ma così non è, visto che i consigli sono rivolti a loro, e ciò che viene consigliato farebbe impallidire il più incallito dei misogini.[....]  continua   nell'articolo originale

E'  vero   ma  non del tutto    ci sono   anche  uomini    che  lottano  per   tenere  a freno questi   nostri istinti   e cercare un equilibrio  . E  c'è  chi  ci  si riesce   e  chi  no  .  Ma  qui  ad  esaltare questo istinto  e    dare  simili consigli alle  donne  ce  ne  passa  .  E'  come dire  che tutte le  donne  siano  ....   o   altro  .  infatti   e  sono  d'accordo   << avremmo avuto bisogno piuttosto di >>  come  suggerisce  la  stessa  giornalista, eccetto i corsivi  che   sono miei     << consigli su come far regredire o  tenere  a bada   la natura animale dell'uomo a nostro favore, specie in un periodo dove questa natura - tra molestie e violenza  fisica  e  psicologica sulle donne – è ogni giorno protagonista. [... ] >> Come  suggerito    dalla  stessa   giornalista     sarebbe interessante che Spelta  scriva  alquanto prima    un libro per gli uomini. Prospettandogli lo stesso scenario da incubo, rovesciato, 



che cerca di propinare alle  donne    << . Che ci sia parità editoriale, intanto >>  

15/06/12

Fino alla fine

Se la ride beato Tuccia, e ne ha ben donde: il garantismo dei giudici suoi congeneri glielo permette. L'ha quasi uccisa, ma si sa, le donne provocano sempre, così ha decretato il tribunale. Del resto, Tuccia è in buona compagnia: il giudice della corte di appello di Firenze, un altro uomo, ha ridotto da trenta a sedici anni la pena di Simone Baroncini, operaio pisano detenuto al Don Bosco, che la notte fra l’8 e il 9 dicembre del 2009 strangolò Vanessa, appena ventenne, sul greto del fiume Serchio. Lei aveva rifiutato un approccio, lui non poteva permettere quest'onta al suo onore.
E state sicuri che non giungerà alcuna solidarietà da parte di altre associazioni umanitarie, per i diritti civili ecc.: son robe da femmine, interessano solo loro, mica tutta l'umanità. La donna è umanità parziale; quando lo è. E del resto i maschietti hanno dimostrato in questi anni che la figura del satiro-padrone a loro piace moltissimo. L'Italia è una repubblica sfondata sullo stupro.

29/05/12

Franca Valeri torna in libreria con una spassosa raccolta di lettere, telefonate, email e sms«Donne e uomini, manca la chiarezza»


 
N.b
le frasi in corsivo   all'interno delle dichiarazioni  della Valeri  , tratte da l'unione  sarda  d'ieri , sono delle mie  aggiunte 

confermo con la mia esperienza  personale in rete  ( facebook  in particolare  ) e non  , vedere  miei precedenti post   del vecchio blog ( ora  al 90 % archiviato qui  )  e  di questo attuale  che  Il rapporto fra uomo e donna «non è chiaro oggi». Lo dice Franca Valeri (  foto a  destra  ) della quale torna in libreria “Le donne” (Einaudi), raccolta di lettere, telefonate sentite per caso, ampliata per la nuova edizione con sms ed email. Da questa mancanza di chiarezza deriva «un continuo contrasto che si vede dalla rapidità con cui si sciolgono matrimoni e unioni ,  e rapporti  d'amicizia  \  conoscenza   rovinati   da  ambo le  parti  per  dei fraintendimenti  .  tipo   gli chiedi  d'uscire per  conoscerti meglio o  gli  chiedi una  web cam    e loro  ti cancellano  dai contatti  o ti fanno scrivere   dal partner  o  dal  tromba  amico  (   amico di tromba  come preferisco chiamarlo io  )   . Perché tanti uomini non accettano la separazione e arrivano addirittura a   molestare pesantemente come lo Stalking ( 1  2  3e rendere la vita impossibile  ed in alcuni casi ad  uccidere ? Perché il rapporto che avevano non era chiaro. La gente non si parla più». Le donne hanno acquisito una certa indipendenza, ma sono le prime a non «accettare un vero chiarimento. Lo stesso fanno gli uomini», ma resta il fatto che «non è mai stato chiaro quello che spetta a una donna» e che «la ribellione femminile non può prescindere dalla sua natura».«“Le donne” - racconta l'attrice, sceneggiatrice, regista, scrittrice che a 92 anni ha ancora il sorriso della Signorina Snob e della Sora Cecioni - è un libro di lettere e ci manca un po' l'epistolario perché è un modo per conoscere il costume della società. Rileggendo questo libro, uscito nel 1960, si avverte la differenza che c'è con le donne di oggi. A cambiare sono stati soprattutto i rapporti con questi benedetti uomini >>ed  aggiungo io  con queste benedette  donne  . << È sparita la soggezione e non si capisce che tipo di apprezzamento abbia la donna oggi dell'uomo. Io non sono mai stata soggiogata, ho sempre trovato uomini che accettavano la mia intelligenza».La corrispondenza attuale, email, sms, «toglie la capacità di esprimere il proprio pensiero. È come se fosse finito il proprio tempo a disposizione. Ma in mezzo a questa velocità c'è anche qualche lentezza e allora tutto cambia e sei costretto a dare qualcosa di te che la fretta non ti concede». Franca Valeri ironizza anche sul fatto che non si sfugge mai alle definizioni. «Sono stata per secoli la Signorina Snob, poi la Sora Cecioni e poi finalmente hanno riconosciuto tutte queste cose che scrivo, la signora Valeri», e racconta anche di aver scelto il suo nome d'arte da un libro di Paul Valery che aveva in mano una sua amica e «perché mio padre non era d'accordo che facessi l'attrice». In fondo «ho una testa semplice. La comicità è un lavoro di cervello, non è spontanea anche se è un po' congenita. È difficile inventarsi la comicità. La mia l'hanno scoperta gli altri, dicevo delle cose che pensavo e i miei amici ridevano».Lettere, telefonate, email, sms: “Le donne” è un variegato e comicissimo ritratto di donne dal vero. Dalla signora che subissa la sua migliore amica di incombenze (figli, casa, medicine, vestiti) mentre se la sta tranquillamente spassando con il marito di lei. Alla madre che scrive una lettera al figlio nella quale massacra, tra le lodi, la giovane fidanzata. O come l'altra madre che in una missiva-testamento trova il coraggio di smontare i meccanismi di una figlia che “uccide” con i suoi giudizi fintamente bonari. In molte di loro - anche nelle meno snob - c'è aria di un mondo ipocrita in cui la rispettabilità borghese miete vittime a destra e manca, in un vorticoso duellare di “non detto”. Come nel caso della figlia che in una email alla madre accampa tutti i mali del mondo pur di farla tornare dalla vacanza a Parigi. E la madre, implacabile “cuore di mamma”, che le risponde: «Samy, nessuno dei guai comunicatimi esula dalla normalità, perciò non anticipo il ritorno».


25/04/12

Il respiro di Gina



Gina Galeotti Bianchi... Mi sono già occupata di lei, ma è come il primo amore: rimane incisa nella memoria. Porto il suo nome ovunque, nelle scuole, nelle piazze, nelle vie, negli angoli: ecco, soprattutto lì, in angoli e scuole. Gina è la Resistenza quotidiana. Il suo respiro, a Niguarda dov'è caduta esattamente 67 anni fa, mi par di toccarlo. Ha un tepore bianco, di nido, di sole. Gina rappresentava la Milano dei cortili e dei rioni, eppure lei, impiegata, in quell'epoca rurale e feroce era un'eccezione. Una donna diversa. Resta di lei il sorriso raggiante, appena rivolto in alto, ma al tempo stesso ben saldo alla terra. Una terra promessa che Gina voleva raggiungere già qui, adesso. Gina era un prolungamento, usciva da sé. "Quando nascerà il bambino, non ci sarà più il fascismo" furono le sue ultime parole. Era incinta di otto mesi, quando fu colpita da una raffica di mitra dei tedeschi in fuga. Il bambino che portava in grembo non sarebbe mai nato. Ma proprio in quel momento Gina diventava madre di tutti, e quel bimbo interrotto il simbolo del perpetuo cammino, delle faticose generazioni in silente costruzione del riscatto. Ecco perché il respiro di Gina si espande e diventa storia collettiva, e non lo si può separare dalle ringhiere, dai fogli clandestini, dai mercati. C'è dappertutto, e dappertutto, anche nelle periferie della storia, può nascere solidarietà, futuro. E' ancora, e per sempre, familiare a noi, una cara immagine da comodino, non un ritratto ieratico e lontano. E ci comunica, ogni giorno, ogni ora: sono qui, c'è speranza.


07/04/12

LO STRANO MONDO DI FACEBOOK



volevo sentire una persona in video chiamata e lei mi ha risposto prima



Anna Viliardi non ha risposto alla tua chiamata.
Anna Viliardi non ha risposto alla tua chiamata.13:55




poi    è nata la discussione   che segue




scusa perchè mi stavi chiamando?




cosi volevo vederti e stavo provando la video chiamata




Tu sei pazzo






perchè ?

nn credo che ci sia niente di m ora DEVO SCAPPARE BUONA PASQUA


Ma fatti curare


? PERCHè M'INSULTI ?


poi mi ha bloccato e cancellato . chi la capisce questa nuova gioventù . lei ha 21 e io 36 . Posso capire il fastidio della video chiamata ok , ma almeno cazzarola dillo e non insultare la gente.





anche nella merda ci sono delle perle solo le donne ci posso salvare [ eccezione al regolamento e alle faq del blog ]

Come potete vedere  dal titolo  fra  parentesi   oltre che  dalle  faq   del nostro  ( lo chiamo cosi  perché dovrebbero scrivere  diverse  voci  ma  in realtà ci scriviamo solo in tre   su  un 20 d'utenti,    )  blog   ho fatto un eccezione  pubblicando un post    troppo sessista . Infatti  anche nel negativo  xci posso trovare  delle cose  buone  ed  utili per  suscitare   un dibattito  . 



Solo le donne ci potranno salvare.
Sono convinto di quello che dico ed invito tutti i Sardi - maschi ad una riflessione comune e non provocatoria, : l'uomo e una merda umana!! 
in natura per alcune specie non serviamo neanche per la riproduzione alcune piante dopo averci conosciuto si auto impollinano!!
Ma se la natura in milioni di anni ha già fatto a meno di noi decidendo alla fine di auto impollinarsi che succede??????
L'uomo e dico come maschio e un insensibile per natura, basti pensare hai leoni lui, il re..... uccide i suoi cuccioli solo perchè la leonessa possa smettere di fare la mamma ed entrare in calore di nuovo.
Il leone è egoista come tutti gli uomini !!
L'uomo e assetato di potere in una vita media di 78 anni 40 li utilizza per fare soldi ed arrivare ad esercitare il potere .....peccato che quando abbia il potere non possa + esercitarlo secondo i criteri mascolini.
L'uomo per arrivare al potere e disposto a tutto !!
un uomo che lavora in un servizio pubblico e corruttibile una donna non lo è!!
esempio banale e stupido prendete un finanziere maschio ed un finanziere femmina il primo con 1000 euro a volte anche meno lo comprate il secondo vi amanetta.
Quindi la soluzione a tanti problemi della nostra società sta nel mettere le donne hai vertici della società del potere e tutto filerebbe liscio come l'olio.
Le donne sono abituate alle responsabilità per genetica se un uomo le abbandona mentre hanno ricevuto la brutta notizia che in breve saranno padri....loro vanno avanti da sole tengono il bambino e lo fanno diventare uomo molte volte quel bambino che diventa uomo senza padre diverrà un grande UOMO!!
La nostra società e matriarcale parlo della società sarda e se ancora i conti tornano e perchè son le donne che tengono i conti !!
Malgrado i vari governi ladri riescono ancora a farli tornare e quindi da uomo che ama le donne e sempre le ha amate non solo perchè danno piacere fisico ma perchè sempre le ha reputate esseri superiori (forse sarà stata l'influenza che ha avuto mia madre sulla mia infanzia) invito tutte le donne sarde affinché prendano coscenza del loro dono biologico e si uniscano per salvare la sardegna .......solo voi potete farlo!!!
La Sardegna mai come in questo momento ha bisogno di persone oneste e con le palle che pensino solo al bene dei suoi figli e chi meglio di voi care SARDE tutte potrebbe farlo se non voi???
Buona Pasqua a tutte e che il buon dio vi protegga e vi tenga sempre cosi donne e mamme.







E il caso   del post  di  un mio utente  di facebook . Esso  ha  ragione , non sto  nè  lecchinando     le mie lettrici e le mie  utenti di fb o  di blogger  nè  sono  effeminato  ma   sto  solo descrivendo  la mie esperienze  personali   nonostante  sia  ancora  single  e  ....   con l'altro sesso  .  infatti   il mio pensiero   può essere rappresentato  da   questi due  video  
 1) 
2 )   video  da me  girato 

12/02/12

le vere donne non si fanno la plastica e si deturpano con operazioni

Perché dovrei buttar via le mie rughe? Ho impiegato tanto per farmele, tutta una vita. (Jeanne Moreau)

Continua il mio viaggio  nel mondo femminile  di  cui c'è qualche accenno  sia  nel precedente  blog  ( vedere archivio ) sia in questo  attuale  ( eccone un esempio  mi scuso se non dovessero essere più attivi i  link , ma splinder  ha chiuso  e  vista la mole di lavoro  che abbiamo dovuto fare   per il trasferimento e la scarsa risposta   dei vecchi  compagni   di viaggio   , solo  40\50 su  un migliaio   tra  blog  e facebook  hanno risposto al  mio sos  prima della chiusura  di cdv e  riportato anche  su  blogger e su facebook  ) . 

Nel post  d'oggi  affronto  le gatte  morte  e le  donne  che  s'abbruttiscono  con silicone  e  plastiche  e  chirurgia  plastica inutile   . Molti mi diranno  : << ma  come da libertario  vuoi vietare     ciò che a te  non piace, ecc >> . Io  non sto vietando sto  criticando la  scelta   (  che poi rispetto   se  pur  non condivido  ) non i motivi  per cui  la  si fa' perchè  : <<  (....)  non è giusto giudicare la vita degli altri, perché comunque non puoi sapere proprio un cazzo della vita degli altri.  (  dalla  pagina di  wikipedia   citazioni   del  film radio freccia ) >>  e poi  che ne  sappiamo noi qual'è  il motivo   condivisibile  o meno   che ha portato una donna  a  siffatta scelta   ?  . IO  non sono contrario quando uno o una ha un problema o un disagio forte. Infatti la chirurgia plastica la ammetto solo in due casi:1. se il difetto fisico comporta problemi di salute 2. se il difetto fisico è talmente grande e aberrante da creare seri problemi psicologici.Ma queste eccessività le trovo oscene. E mi chiedo non tanto chi stia vicino a queste donne, ma con che coscienza un medico ti riduca così… ah si, basta pagare… alla faccia del giuramento… . 


Dopo  questo  chiarimento   veniamo al post

  Lo faccio    con questo notevole articolo \ post  di  una ragazza con i piedi per terra  e che  non ha mandato  in moda , ecc il cervello all'ammasso  \ in cassa integrazione  e  non  è http://www.dagospia.com/rubrica-5/cafonal.htm : << Dunque... sono una trentaduenne sensibile e di bella presenza che vorrebbe rinascere brutta e stronza per vivere meglio. Vi rimando alla sezione "Oui, c'est moi" in alto a sinistra per saperne di più. E visto che ci state, leggetevi anche gli altri link >> (  dalla presentazione del  suo blog  )  Ma  ora  bado alle ciance eccovi il post  tratto questo post  del suo   blog  http://www.lucyvansaint.com/

<<

(....)  cosa che mi ha perplessa sono le donne gatto. Stamattina accendo la tv mentre mi preparo per andare al lavoro e capito su un programma televisivo. Stava parlando una tipa, che non so neanche chi fosse, che aveva la faccia trasformata in quella di un felino.
I suoi lineamenti erano stati talmente trasformati dalla chirurgia plastica e dal botulino che il suo viso non sembrava piu’ quello di una donna, ma quello di Catwoman. La sua bocca era talmente gonfia che le labbra non si muovevano mentre parlava. Assurdo!
Ma secondo voi signore acconciate tipo queste che vi metto sotto a caso…



…pensano davvero di essere carine????
Io le trovo orribili e penso che qualunque uomo dotato anche solo di mezzo cervello proverebbe repulsione stando vicino ad una donna conciata così.
Ma perchè lo fanno? Per star bene con sé stesse? Con un’altra faccia???? Una faccia che non è la propria? Mah… io non lo capisco.  Per piacere di piu’ agli uomini? Di nuovo non capisco… agli uomini davvero piace avere vicino una donna talmente gonfia in faccia da non riuscire a muovere la bocca??? Per una questione di apparenza? Ancora non capisco. Per apparire belle bisogna per forza diventare di plastica? Guardate questo link per farvene un’idea: 




Mah… sono perplessa. Dove andremo a finire? 
>>