12/02/18

Con i bambini a provare il mitra, ecco l'Italia che sogna le armi e mette le basi per future stragi come negli Usa


Potrebbe interessarti: 




come spesso mi capita   ci sono delle  circostanze   e dei fatti (   una  e  l'articolo sotto    riportato  ed  il  post   che seguira  a  questo  )   in cui si rimane basiti  senza  parole  per  commentare in maniera decente    questi fatti  e   replocare  a chi mi dice     che  dico  ...... perchè  ascolta  la propaganda  e non riesce  a controllare  la paura      diventandone  succube  \  schiavo  .


Vicenza, alla Fiera delle armi: bambini in gita e candidati a caccia di voti

Si sta tenendo in questi giorni a Vicenza il salone Internazionale della Caccia, del tiro sportivo e della difesa personale. Come nelle scorse edizioni, associazioni pacifiste e politici locali hanno fatto pressione, senza ottenere risultato, sull'organizzazione che cura la Fiera per impedire che i minori possano accedere agli stand dove sono in mostra armi di tutti i tipi (da caccia, da tiro sportivo, ma anche fucili simili a quelli in dotazione agli eserciti).

 A pochi giorni dalla sparatoria di Macerata, dove un ventottenne fascista ha sparato a otto persone con una pistola calibro 9 detenuta legalmente con licenza di tiro sportivo, Giorgio Beretta, dell'Osservatorio Permanente sulle armi leggere: "Sono in aumento le richieste di licenze sportive da parte di persone che non si recano al poligono ma vogliono semplicemente possedere un'arma"


articolo  de  La Repubblica, 11 febbraio 2018 trovato tramite www.ristretti.org/Le-Notizie-di-Ristretti/






Con i bambini a provare il mitra, ecco l'Italia che sogna le armi 
di Franco Vanni
La Repubblica, 11 febbraio 2018



Pienone di visitatori all'inaugurazione della fiera "Vicenza Hit". Proteste per la presenza dei minori. Passa la manina sul metallo opaco della canna. "Papà, questo serve per ammazzare le giraffe?", domanda. "No, le giraffe non si possono ammazzare. Serve per i terroristi", risponde il padre, pancia importante, pantaloni mimetici. Insieme al figlio, dieci anni al massimo, è in adorazione dell'espositore della ditta Bushmaster.
Il fucile ammazza terroristi si chiama Aac 300 Blackout. Una carabina semiautomatica da 29 colpi in uso agli eserciti di 50 Paesi. Per la legge italiana è un'arma da tiro, non da guerra. Quindi può essere esposta. Ieri decine di bambini hanno potuto apprezzarla e studiarla, al fianco di armi simili, nella prima giornata di apertura della quarta edizione di Vicenza Hit, fiera "della caccia, della protezione individuale e degli sport di tiro" in programma fino a domani: 380 imprese in 41mila metri quadrati di capannoni.
Al fianco degli appassionati di caccia e tiro a volo - che sono la grande maggioranza fra i visitatori - ci sono i genitori in cerca di armi con cui difendere casa. "Cerco una compatta, che però abbia un po' di manico", dice una donna sui quaranta, capelli corvini, mentre maneggia una minuscola pistola allo stand Beretta. Al suo fianco, un bambino paffuto.
"Lui è il più grande, ha otto anni. La sorella è a casa. Vivo in una villetta fuori Rovereto, mio marito è spesso via, ho paura delle rapine". Lei non è mai stata rapinata. Nemmeno i suoi vicini. A pensarci bene, non conosce nessuno che abbia subito rapine. "Ma armarmi è mio diritto, quindi mi armo. Di pistole ne ho già due", taglia corto.
La signora non è fra il milione e 100mila italiani (dato 2017) che hanno il porto d'armi. È nella schiera più numerosa - circa sei milioni, ma di dati ufficiali non se ne hanno dal 2008 - di chi detiene almeno un'arma denunciata. Da mesi, associazioni pacifiste e politici locali fanno pressioni sul sindaco di Vicenza, Achille Variati del Pd, perché "eserciti la sua preziosa moral suasion nei confronti degli organizzatori", al fine di "evitare la compresenza in fiera di bambini" e fucili d'assalto.
Lo scorso 21 settembre, 23 consiglieri comunali di ogni schieramento hanno firmato una mozione. Il Comune di Vicenza è uno degli azionisti di Italian Exhibition Group (Ieg), società nata dalla fusione di Rimini Fiera Spa e Fiera di Vicenza Spa. La fiera si è attrezzata con decine di cartelloni, che mettono in guardia sul fatto che i minorenni non possono toccare le armi. Ma evidentemente non basta.
Le associazioni che criticano la presenza dei bambini si sono date appuntamento ieri, sempre a Vicenza, in un convegno dal titolo "Insicurezza, rancore, farsi giustizia: dentro l'Italia che si arma". Nella sala dell'istituto Missionari Saveriani ha parlato fra gli altri Giorgio Beretta, presidente dell'Osservatorio permanente sulle armi leggere e le politiche di difesa e sicurezza (Opal), secondo cui "quella vicentina è l'unica fiera nell'Unione europea in cui siano ammessi tutti i tipi di armi, e non sia vietato l'accesso ai bambini".
Un'accusa che Ieg e l'Associazione nazionale dei produttori di armi e munizioni respingono, sostenendo che tutte le fiere europee di settore aperte al pubblico - da Salisburgo a Dortmund, fino a Rambouillet - avrebbero regole simili o ancor più permissive. A Vicenza, i minorenni devono essere espressamente accompagnati da un adulto, altrove no. Ma Opal e del Movimento nonviolento replicano: "Altrove ci sono solo armi da caccia o sportive".
Ed è questo il punto. A Vicenza Hit, la maggioranza delle armi esposte sono fucili da caccia e tiro. Molti sono italiani. Punte d'eccellenza dell'industria italiana delle armi non da guerra, che vale 7 miliardi e 293 milioni e impiega 87.549 lavoratori, con il 90,3 percento di esportazioni. Delle 63 medaglie assegnate nel tiro a Rio nell'ultima Olimpiade, 61 sono state vinte con fucili italiani. E come ha detto ieri in fiera Luciano Rossi, presidente della Federazione italiana tiro a volo (la più titolata al mondo), "ben venga se i giovani si avvicinano allo sport". Solo che, arrivati in fiera, sugli scaffali trovano anche gli Ak 47.


Arriveremi   a  questo ? 

L'unica  cosa  che     mi sento  di  dire   è  che     forse la prevenzione  ed u,n educazione non violenta   è sempre  piùnecessaria  . Essa    sarebbe  dovuta  iniziare in contemporanea   alla campagna  d'odio  della nuova destra   parlamentare  ed extra parlamentare  . Ma io sono  abbastanza  fiducioso  .  cjhe  con le  nuove  tecnologie    social  ed internet  si  possa recuperare  . Si dovrebbe iniziare  Oltre  che  dalla scuola  con ore  all'interno di quellache  una volta    si chiamava educazione civica   o assemblee  d'istituto  , dal linguaggio di tutti  i media  (  televisivo ,  internet  ,  giornali  ) . lo dice benissimo questo   documentario  su una dele stragi che  avvengono negli Usa   per le  armi  

    indirettamente   sempre  su tale  evento   ma  anche  non   ma sempre  sulle armi  ,    questi film qui  

Nessun commento: