30/12/04

Senza titolo 503

Onir l’alma


d’onta e


d’alacre onda


colmar il


gradale leteo


del tuo ricordo.


Vago tronfio tra


nembi piangenti


nell’astenia di


viridi lumi che


non conoscono


il tramonto

Nessun commento: