19/05/08

Il Bambino e il secchio

 
                pubblicato da latorredibabele venerdì, 16 maggio 2008, 23:15

                       


Un bambino tiene in mano un secchio su una collina di Lima in uno dei quartieri più poveri della città. Nella capitale peruviana è in corso il quinto vertice fra l'America Latina, i Caraibi e l'Unione europea . Tema del summit: povertà, disuguaglianza, inclusione sociale.


                 bambini 

Cari amici, la prima parte del post, ho fatto copia incolla, l'ho preso in prestito dal blog  'La Torre di Babele', dove io vado a leggere e commentare i post. L'immagine della bambina l'ho copiata da internet. Di mio, c'è  il grande dolere,  ogni volta, che vedo bambini sempre soli e poveri, si stringe  il cuore. A loro, dedico questo  mio scritto. A voi amici, ricordo, che loro esistono, se potete, facciamo insieme qualcosa, grazie.Franca


Bambini


Un bambino povero
che guarda avanti
il suo futuro
ma c'è un futuro?
Oggi come ieri
la spesa si fa ancora
alla super discarica
oggi ha trovato
solo un secchio di parole
quelle
non si mangiano.
Riempe il suo secchio
riempe...riempe
ma è sempre vuoto.
Lui per vivere
cercherà sempre
di riempirlo.
ma trova solo parole.
Ricordiamoci di loro
e guardiamo i nostri
bambini che loro
nel secchio
ci mettono la sabbia
e giocano felici.
Non siamo uomini giusti.

franca bassi


2 commenti:

compagnidiviaggio ha detto...

bella tua poesia . Ricalca la canzone , che in questo momento sto ascoltando alla radio che s'intitola appunto Bambini di paola turci (1989 )



Bambino

Armato e disarmato in una foto

Senza felicità

Sfogliato e impaginato in questa vita

sola

Che non ti guarirà

Crescerò e sarò un po’ più uomo

ancora

Un’altra guerra mi cullerà

Crescerò combatterò questa paura

Che ora mi libera

Ragazzini corrono sui muri neri di città

Sanno tutto dell’amore che si prende

e non si dà

Sanno vendere il silenzio e il male

La loro poca libertà

Vendono polvere bianca ai nostri

anni

E alla pietà

Bambini, bambini

Bambino

In un barattolo è rinchiuso un seme

Come una bibita

Lo sai che ogni tua lacrima futura ha

un prezzo

Come la musica

Io non so quale bambino questa sera

Aprirà ferite e immagini

Aprirà

Le porte chiuse e una frontiera

In questa terra di uomini

Terra di uomini.. oh bambino

Qual è la piazza in Buenos Aires dove

tradirono

Tuo padre il suo passato assassinato

Desapareçidos

Ragazzini corrono sui muri neri di città

Sanno tutto dell’amore che si prende

e non si dà

Sanno vendere il silenzio e il male

La loro poca libertà

Vendono polvere bianca ai nostri

anni

E alla pietà

Bambini, bambini

Bambino

Armato e disarmato in una foto senza

felicità

Sfogliato e impaginato in questa vita

sola

Che ti sorriderà

ceglieterrestre ha detto...

Grazie Giuseppe, conosco la cantante, brava, ma questi ultimi tempi, non ho tempo di seguire la musica, ho troppi ostocoli e non posso distrarmi.Un abbraccio franca