20/05/08

Senza titolo 558

Prima di tutto vennero a prendere gli zingari
e fui contento, perché rubacchiavano.

Poi vennero a prendere gli ebrei
e stetti zitto, perché mi stavano antipatici.

Poi vennero a prendere gli omosessuali,
e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.

Poi vennero a prendere i comunisti,
ed io non dissi niente, perché non ero comunista.

Un giorno vennero a prendere me,
e non c'era rimasto nessuno a protestare.


Bertolt Brecht



Con questi versi il poeta-drammaturgo tedesco descriveva la nascita del nazismo. Attenti a non salire sul carro della "sicurezza" per farci portare su montagne molto più marcie dei cumuli di rifiuti incendiati ad arte per le strade di Napoli...

2 commenti:

compagnidiviaggio ha detto...

non conoscevo questa frase di Brecht , ma conoscevo già qualcosa di simile


Prima, vennero a prendere i comunisti, e non dissi nulla perché non ero comunista. Poi, portarono via gli ebrei, e rimasi in silenzio perché non ero ebreo. Dopo, arrestarono i sindacalisti, ma tenni la bocca chiusa perché non ero sindacalista. Alla fine, vennero a prendere me, ma non c’era più nessuno che potesse dire qualcosa. »


Martin Niemoeller

(1945 pastore protestante )

robertomazzuia ha detto...

attenti, sì. che è un carro già abbastanza pieno, purtroppo...