11/01/19

da antisonista io sto con la comunità ebraica di roma . la magli ha scritto una stronzata

La  Maria  G Maglie  ha  scritto   <<  Un intervento che ha immediatamente innescato una pioggia di commenti negativi a partire da quello da Dario Ballini D'Amato che parla di "nazismo conclamato". Lui, Riccardo Romano e tanti altri hanno sottolineato in particolare come "per la Maglie gli ebrei italiani non sono italiani e non possono esprimere opinioni pubbliche sulla politica italiana". >> 
per   il post  integrale    ( almeno  finché nn lo rimuove    )  lo  trova   qui   sulla  sua  bacheca  di Facebook 
Il commento  sullanostra  appendice  di facebook  ,mi  ha   tolto le parole di bocca  , Samantha Trezzi Quando l'ignoranza fa mettere nello stesso calderone ebraismo, sionismo e cittadinanza israeliana si fanno solo figuracce ed è meglio tacere. Questa invece ha parlato due volte. Complimenti
Ora -- sempre secondo questo articolo del www.ilmessaggero.it/ -- <>Ecco che scrivere o forse meglio rimuovendo sia questo e l'altro post d'arrampicata sugli specchi





semplicemente “scusate ho scritto una caxxata” risulta così difficile? e soprattutto quando si è pestato una merda. E la s'è pestata per ignoranza... bisogna lasciare perdere perdere, non rimestare ! tanto nel giro di qualche giorno se una polemica non alimentata da parlare e controbattere si estingue da sola esempio degli ultimi minuti di questo classico film  di Alberto sordi


Invece  no  ,  evidentemente  fa  figo   essere     specie  se  lo  si   è   per  opportunismo      cioè  come  i  farisei   come  direbbero molti  cattolici   , ha  preferito     prendere  alla lettera  la  richiesta  di    Riccardo Pacifici, ex presidente della Comunità ebraica romana: 



"E' un post di inaudita gravità quello di Maria Giovanna Maglie con commenti penosamente a suo favore di sedicenti ebrei. E io vado controcorrente. In primis con alcuni sedicenti ebrei che hanno scritto in questo blog. Non entro nel merito della dichiarazione della presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello, che a chi non è noto è legittimamente eletta con regolari elezioni. Oltretutto molto serrate e tacciata dai suoi “avversari politici “ essere una ebrea di “destra”. La gravità delle esternazioni di Maria Giovanna Maglie è ritenere che la presidente della Comunità possa essere negato il diritto , in quanto rappresentante della Comunità Ebraica , di esprimere una opinione. Qualunque essa sia . Perché è ritenuta una “ingerenza” agli affari interni dell’Italia. Ci sono ebrei a quanto pare che si sono già venduti . Ho pena per loro. Ma l’ultima volta che un personaggio pubblico si è espresso in questi termini, ha poi deciso di risolvere il “problema ebraico” con la  “soluzione finale”! Cara Maria Giovanna Maglie . In questo Paese. Il MIO Paese, gli ebrei non sono ospiti. Questo Paese compresi i Moti Risorgimentali, L’Unità d’Italia, la prima Guerra Mondiale nonché la Resistenza e poi la stesura della Costituzione, è stato fatto da Ebrei. Noi ebrei romani siamo qui a Roma probabilmente da molto più tempo in cui ci vivono i Suoi a antenati. Sentirmi un ospite ed avere un permesso per esprimere una opinione , è un precedente gravissimo. Ed io NON glielo permetterò. Qui non è in ballo la condivisibilità delle opinioni espresse dalla nostra presidente , che verosimilmente possono avere frange di reazionari che non la condividono ma a cui portiamo ovviamente rispetto . Vi è in ballo il sacrosanto diritto di esprimere una opinione. Su cui legittimamente la Maglie può non essere concorde . Può dissentire ed esprimere le sue preoccupazioni.
Mi aspetto, visto la sua intelligenza, le scuse immediate. Altrimenti la invito a non premettere di essere amica d’Israele. Sarebbe ridicolo ed offensivo nostra intelligenza".


peggiorando la situazione ed qui concordo con il commento ( vedere righe precedenti ) di Samantha  


Concludo      facendo    mia  la   richiesta  ,  se  mai La  signora  Maglie  leggera   sia  i  commenti  al  suo Facebook    sia questo umile  blog  ,  di Federica Claudia Dodero Forse che, Signora Maglie ,le comunità italiane che siano religiose, sociali, sportive, non possono esprimere una loro opinione in veste ufficiale ?....quale Legge lo vieta ?...ce lo dica...siamo ansiosi...








Nessun commento:

Archivio blog