21/01/17

anche se odio le celebrazioni \ ricordo ed ipocrite a date fisse ricordo ecco come ricordare a 360 gradi la giornata del 27 gennaio

Vi potrebbero interessare  per  capire  meglio  il mio post


Eccoci come  ogni   alla  giornata della memoria  ( 27 gennaio  1945 ) , ricorrenza  diventata   ormai  sempre  più un rituale  retorico  e lava  coscienza ed  per  il  90  % dei  casi   celebrata  a senso unico  parlando   solo ed  esclusivamente dello  shoah ( olocausto  del popolo ebraico  )  .  Infatti  riprendendo  il finale di questo  mio precedente post memoria  tra   mistificazione  \ mitizzazione  e realtà   faccio mie  le  osservazioni  \  aggiunte  di   Pino Nicotri  a  questa  bellissima intervista  a Moni Ovadia fatta 3 anni fa

[----]
Giusto e comprensibile che ognuno, ogni gruppo sociale, etnia o popolo pianga i propri morti. Il laidume inizia quando si impone a TUTTI di piangere solo una parte dei morti, quella di un gruppo altrui. Pianga e piangete pure i vostri morti nei kampi nazisti, ma la smetta e la smettiate di voler far credere che siano stati gli unici morti e che quindi sono da ricordare, commemorare e piangere solo quelli, cioè i vostri. La Giornata della Memoria NON fa nessun cenno alle vittime non ebree, e dire che lo sterminio di 400-600 mila morti “zingari” (un milione, secondo Moni Ovadia) è percentualmente molto più grave della Shoà.
Se oggi Israele non servisse come cuneo occidentale nel mondo del petrolio arabo, la Giornata della Memoria NON esisterebbe, sarebbe solo una ricorrenza ebraica così come i “pellerossa” hanno la loro il 1* febbraio, gli armeni la loro il 24 aprile, i palestinesi il 15 maggio hanno la Giornata della Nabka, peraltro porcamente vietata e negata in Israele, ecc. Tutte Giornate della Memoria altrui delle quali ce ne freghiamo allegramente.
Ripeto l’esempio: che ne direbbe se si istituisse la Giornata delle Twin Towers per ricordare solo ed esclusivamente le vittime ispaniche o irlandesi o protestanti e la Giornata del Titanic per ricordare solo ed esclusivamente i passeggeri di prima classe morti, ignorando quelli di seconda classe? Che oltretutto furono fatti crepare chiudendogli in faccia i cancelli d’uscita onde evitare non ci fossero scialuppe sufficienti per i privilegiati di prima classe.
Per essere molto chiari e sintetici: a me non interessa nulla commemorare e/o piangere solo una parte delle vittime dei campi di sterminio, lo trovo un gesto di vile ipocrisia e di interessata bottega. Le vittime o si commemorano tutte o si sputa su quelle che non vengono commemorate. Il tenerle presenti in registri e affini è solo un’elemosina, non il riconoscimento di un loro diritto e di un nostro dovere.
La Giornata della Memoria è diventata un transfer per dimenticare che il nazismo è stato, ed è tuttora, una mostruosità europea e solo europea, del mondo cristiano, in particolare di quello cattolico, e solo del mondo cristiano, in particolare cattolico, e per sostenere che il nazismo è l’islam.
Il problema è semplice: o si ricorda l’intero Olocausto, che comprende anche i rom, ecc., o si commette una amputazione, una censura, cioè un falso. È come voler commemorare il terremoto di Messina o l’affondamento del Titanic o la distruzione delle Twin Towers commemorando solo le vittime cattoliche o circasse o nere o rom o islamiche o ebraiche. Sarebbe un falso. E infatti la Giornata della Memoria è in parte un falso, perchè omette gli “altri”, tant’è che per cattolici e affini è ormai la Giornata del Buonismo Ipocrita. La tragedia è che NON si ricordano più le date dell’entrata in guerra, così la memoria nazionale viene man mano cancellata od ottusa…. Avanti di questo passo i 40 milioni di vittime della seconda guerra mondiale, 20-30 delle quali sovietiche, verranno dimenticate, gettate nella spazzatura, e in parte è già avvenuto, e si sosterrà che la seconda guerra mondiale è stata fatta solo contro gli ebrei. La Giornata della Memoria è diventata, esattamente come volevano i suoi promotori, la Giornata del Giustificazionismo di Israele, cioè dell’Odio Verso i Palestinesi, gli Arabi e gli Iraniani. [---] 

Ora  molti  di voi  mi accuseranno  d'essere  contro il popolo  ebraico  ,  di solito      me en frego e  la lascio scivolare  tali  accuse   perchè   chi mi conosce realmente   sa  che  no è vero  ,  ma  stavolta   rispond0   con  queste  dichiarazioni  di  Robert Rozett, direttore delle biblioteche di Yad Vashem, il museo dell’Olocausto di Gerusalemme



Posso  confermare  e testimoniare  ( vedere i  commenti  ai miei  vari post    su tale giornata pubblicati in  13 anni  di blog  )   che  essa  è   Una    giornata   come   dice giustamente questo articolo   del'anno  scorso    del  sito  glistatigenerali.com    Inizialmente   , volevo rifiutarmi   di celebrare  il  27 gennaio, vedi articolo di Piuno Nicotri  , ma  ricordarlo sempre  .  ma  poi   leggendo   di come esistono

Cari pontilexi, care pontilexe,
visto e considerato che Bruno Volpe ha deciso di non lasciarci partecipare ai  suoi articoli su FB,  bloccando o censurando i nostri  commenti (sapete quanto sia sensibile alle critiche!!), abbiamo pensato di prenderci la libertá di fargli pervenire  la nostra opinione, comodamente da Pontilex.org.Dunque, in occasione della Giornata della Memoria, in cui si commemorano le vittime dell´Olocausto, vi propongo questo scenario devastante che Bruno Volpe offre di se´, non solo sul piano culturale (deve aver preso la laurea coi punti delle figurine Panini!) ma anche  su quello umano:
adp giornata degli ebreiqui la  riposta ( rrrampicata  sugli specchi  direi  )   del sito  sitaccio https://pontilex.org/
 e  http://www.terzobinario.it/le-riflessioni-di-ieri-sulla-giornata-della-memoria/905  in particolare  questi due  commenti  


e  questi   articoli  
http://www.terzobinario.it/le-riflessioni-di-ieri-sulla-giornata-della-memoria/905
http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/01/26/giornata-della-memoria-perche-bisogna-ricordare/480666/
http://www.mosaico-cem.it/articoli/primopiano/ma-sappiamo-gia-tutto-come-insegnare-la-shoah-a-70-anni-da-auschwitza-memoria-il-dibattito
in particolare  il commento  di Francesca Scanu

Per non dimenticare… i sopravvissuti che sono riusciti a valicare il cancello della rinascita…per non dimenticare le vittime di un’ideologia malsana. A 68 anni da questo orrore pochi vogliono ricordare, pochi ne vogliono parlare… Forse perché, come diceva Primo Levi, ritorniamo nelle nostre tiepide case, perché troviamo del cibo caldo, perché non dobbiamo lottare per un pezzo di pane… Anche questo per me è orrore, l’egoismo che cresce in ognuno di noi. Io non voglio dimenticare i 6 milioni di “luci spente”, lo smarrimento nei loro occhi, la sofferenza che ha accompagnato i giorni, i mesi e gli anni della loro prigionia e quel briciolo di speranza di libertà che può aver tenuto compagnia ai loro cuori.
tratto dal 1  url
  come ne  uscirne  allora  ?  semplice
  •   celebrare   sempre  e non solo  a  date fisse  
  •  farlo a  360  gradi (   vedi  miei  interventi dei  giorni  scorsi  )  trovi il  link    sopra   in cima  al post  )  
  • sfatando miti  antistorici    , stupidi e  negazionisti  \ revisionisti estremi  (    quello degli italiani  brava  gente   o  quello    che   la persecuzione  degli ebrei in italia  fu  fatta  all'acqua  di rose  ,   che l'italia  varò   anche  essa  una legislazione anti ebraica  ,  fece  in africa  e  nei  balcani   campi di concentramento  ,  che  ci furono   anche  in italia  campi  di  transito  e lager   ecc  ) , 
  • senza tabù e censure  stupide  bigotte    come  questa avvenuta  nel 2010 

  • Leggono a scuola il Diario di Anna Frank deputato leghista li denuncia: "Pagine hard"
    Interrogazione di Grimoldi al ministro Gelmini: "Vi è un passo nel quale Anna Frank descrive in modo minuzioso le proprie parti intime e la descrizione è talmente dettagliata da suscitare turbamento in bambini delle elementari"
    qui l'articolo completo 
    altri   mezzi per  ricordare  e  far  ricordare  in maniera  non retorica     li trovate    qui  e qui

io continuerò a ricordare  , anche SIC  il 27  gennaio  , perchè

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

ma  soprattutto  a modo ,chi  mi conosce  e  segue dalle  origini   del blog  lo sa  ,   ricordando  anche  gli altri olocausti    perchè 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.
  e non  ci  siano  più  solo   olocausti    , stermini  e  genocidi  di serie  A  e  serie  B  



Nessun commento: