15/07/06

Senza titolo 1369

UN PO’ MERIDIONALE


 


      Parte  Prima


 


Personaggi reali:


Insegnante precaria, ormai da quasi un anno in quella scuola, conosce i nomi dei bambini ma  


                                 dimentica i cognomi.


Rappresentante dei genitori, giovane donna bella, alta, lunghi capelli biondi,  molto curata,


                                         abbigliamento alla moda ma di classe.


 


 


Ins.       -E’ riuscita a raccogliere tutte le quote per pagare l’attività di musica?-


Rappr.  –Me ne manca solo una, quella della Spatafora, non riesco mai a vederla-


Ins.       –Spatafora, Spatafo…è la mamma di chi ?-


Rappr.  –Spatafora, Rosy credo si chiami la bambina, quella…UN PO’ MERIDIONALE.


 


 


                                                  Parte Seconda


 


Personaggi reali:


Stessa insegnante precaria, ma in una scuola diversa.


Mamma di un bambino, giovane donna obesa, abbigliamento decoroso senza eleganza né


                                        stranezze.


 


Mamma.  –Mi ha detto Mirko che c’è una nuova a scuola-


Ins.          –Tra gli adulti o i bambini?-


Mamma    -Noo, è grande, deve essere una bidella, ha i capelli color melanzana, credo


                   sia…UN PO’ MERIDIONALE.


 


 


 


        EXSTRAREGIONALI, COME DIRE, PROVENIENTI QUASI TUTTI DAL SUD.


 


                                                 Parte Prima


Personaggi reali:


Interlocutori  scelti a caso in cortile.


Luca, ragazzo un po’ più a sinistra della sinistra, laureato in storia, fa parte di un’associazione


          che fa ricerca storica sui deportati nei lager nazisti, milita nel sindacato di base.


Stessa insegnante precaria, ossia io.


Stiamo aspettando insieme di sostenere la prova scritta di un concorso e siamo nel cortile del


mega Istituto Aldini Valeriani.


 


 


Io.     –Quanta gente che viene da fuori-


Luca. –No, non credo-


Io.      –Vuoi scommettere? Ora vedrai-


Con il pugno chiuso a mo’ di microfono mi rivolgo agli interlocutori intorno, che mi rispondono divertiti: “Scusi, un’intervista a caldo, lei da dove viene?”


Interlo. –Da Catanzaro-


Io.        –Sa bene cosa significherebbe vincere il concorso? Trasferirsi, cercare casa, che non si   


              trova, pagare un affitto alto, vivere con i costi di Bologna e uno stipendio non certo alto.


Interlo. –Lo so, ma dove c’è possibilità di lavoro io vado.


Dopo l’ennesima “intervista” con risposte simili (cambiava solo la provenienza, Caserta, Potenza, Campobasso, Lecce), mi volto sorridendo verso Luca: “Hai visto?”, gli dico. E lui:


-Però, non pensavo ci fosse tanta gente… EXTRAREGIONALE-


Gli faccio notare che ha appena coniato una definizione, mutuandola da extracomunitari, ma che esiste già un termine, meridionale, che non è una parolaccia.


Mi risponde, un po’ imbarazzato, che si, non ha usato la parola in questione per il timore di sembrare offensivo.


 


                                               Parte Seconda


 


Personaggi reali:


Giovane madre di un bambino di tre anni.


Direttrice della scuola.


Si è svolta da pochi giorni la riunione con i genitori dei bambini nuovi iscritti. A scuola sono stati letti due elenchi di nominativi. All’appello, i genitori alzavano la mano e veniva loro riferita  la classe di appartenenza del proprio figlio.


 


Madre. –Vorrei chiederle se è possibile per mio figlio cambiare classe-


Direttr.-Ormai le assegnazioni sono state fatte d’ufficio, secondo una graduatoria, ma se ci sono


              delle motivazioni valide, di solito proviamo a venire incontro ai genitori-


Madre. –Sa, alla riunione ho notato che in quella classe ci sono genitori, diciamo…diversi da me-


Direttr. –Vuole dire che c’erano molti genitori stranieri?-


Madre. –No, no voglio dire che ho “sentito” che c’erano molti genitori che non appartengono


              al mio ambito-


Direttr. –(?)-, in attesa di chiarezza.


Madre. –Si, mi è sembrato che avessero tutti in comune un’unica provenienza,


               che provenissero…PER LA MAGGIOR PARTE DAL SUD.


                Sa (frase ad effetto finale), io sono un insegnante.


 


Diffusa la notizia, riporto il commento di una bidella, 40enne, bolognese da sette generazioni:


“Bisognerebbe sapere dove insegna quella lì, per evitare di mandarci i figli a scuola, da una così”.


Approvo e sottoscrivo. Informo inoltre, che da oltre un decennio nelle scuole del comune di Bologna si lavora su progetti di multicultura per  l’integrazione di bambini con diverse culture di provenienza.(v. stranieri). Dico anche che i fatti narrati sono realmente accaduti, così come i personaggi sono persone reali, non leghisti, ma brave e comuni persone, che usano definizioni come UN PO’ MERIDIONALE per paura di risultare razzisti, o che addirittura evitano di pronunciare la parola meridionale, per il timore di sembrare offensivi; persone che, con un giro lessicale, chiedono che il proprio figlio non stia in classe con bambini i cui genitori provengono dal Sud.


Io un po’ ci rido, un po’ mi infiammo, constato, mi arrendo, allargo le braccia, a volte mi ricadono pesanti lungo i fianchi, non so che dire.


E che pensare.


              


     

Senza titolo 1368

Dopo una settimana a cazzeggiare sul lavoro o nello studio  e  a festeggiare  per la vittoria  dopo 24 anni luglio 1982  -luglio  2006  dell' I)talia ( un po' di  bravura e  un po' di culo ) che  hanno interessato tutto il paese  sottoscritto compreso (allergico ll'esagerazione retorica e  al stucchevole nazionalismo e patriotismo  ma   poichè   nel  1982 aveva  6 anni  e si è voluto godere questo evento   )  . IN clima di tale euforismo   è forse sfuggito  ai più    la  news e  testimoniata  dalla visione in diretta  tv  degli azzurri e  il passaggio alla festa  del foro massimo ) di  buffon  che  sventola   una  bandiera    tricolore -- e  fin qui niente  di male  --  se  non fosse che  8 come  è successo al mio paese che alcuni giovani sventolavano le bandiere italiane con l'effige  di mussolini o l'aquila  dela Rsi  in mezzo )   con  la scritte  in carattere celtico  e  croce celtica  simbolo del  movimento  nazi fascista   ed  xenofobo di di forza nuova passa in secondo pianoo ( salvo ecce<zioni come il sito  bellaciao.org  da cui  è tratta la  2 foto qui a destra  ) . Si ritorna a parlare delloscandalo calcio quello che la stampa ha chiamato con un nuovo nelologismo  --- neppure tanto originale --- calciopoli  . E lo si fa   facendo passare in secondo piano o dimenticando  eventi molto importanti  come   è  avvenuto  durante  i festeggiamenti  della vittoria del nostro paese ailo mondiali  .  Infatti proprio in quei giorni  era  : 1)  il 30 °  di Seveso la "  Biopal  Italiana " qui  ulteriori news  e altre foto  ( oltre quella  già presente  a  destra )  per chi ha vissuto  e vuole ricordare ,  per chi ha diomentic<ato  e soprattutto per chi non sà  , la  quale  secondo ultima  news  passata in  sordina   in questo clima    di bagordi   in tale fabbrica  non si produceva prodottio chimici  ,ma  armi  chimiche    ;  2) la  riabilitazione    anche  se  dopo  100  cent'anni di Dreyfus  con  cui la francia  chiude  una pagina vergognosa della  sua  storia  ( qui   la pagina  di google  news  sull'evento in questione  e  qui la  vicenda storica)
Con  questo  voglio dimostrare  che lo sport in calcio soprattutto ed in particolare  negli ultimi  20-30 è diventato  : <<
Panem et circenses (
letteralmente, Pane e giochi del circo ) >> ovvero  una locuzione in lingua latina molto conosciuta e spesso citata . Era usata nella Roma antica . Contrariamente a quanto generalmente ritenuto, questa frase non è frutto della fantasia popolare ma ha un autore specifico. È stata creata infatti dal poeta latino Giovenale  ( satire 10.81 ) grande autore satirico:e  . Essa viene utilizzata  ancora attualmente  per indicare  l'uso del potere degli spettascoli di massa  come  arma per  far  distrarre  il popolo o dargli il contentino per tenerselo buono oppure  meghio secondo l'enciclopedia online wikipedia : << [...]  L'espressione " Panem et Circenses" rappresentava un meccanismo di potere influentissimo sul popolo romano, era la formula del benessere popolare e quindi politico; un vero bozzo/strumento in mano al potere per far cessare i malumori delle masse, che con il tempo ebbero voce proprio nei luoghi dello spettacolo >>
Ora  Contrariamente a quanto generalmente ritenuto, questa frase non è frutto della fantasia popolare ma ha un autore specifico. È stata creata infatti dal poeta latino indicato nelle righe prtecedenti  Infatti  la  sentenza   di prima grado di calciopoli è una mezza  burla   perchè  :  1 ) moggi  , per  quanto gravi siano le  sue responsabilità   non  può  aver  fatto tutto da  solo  ; 2)   se  si  analizzano  gli scudettoi  degli ultimi 10 anno  c'è un duopolio di milan e  juve  , interrotto solo da  alcuene squadre , guarda caso   chi sà il perchè   di quelle  coinvolte nello scandalo oltre la  juve  e  il milan  ; 3)  il  giudice  Palazzi  aveva  condannato  e  giudicato prima  di questo in carico  , zeman  e qui pochi altri fra cui totti che avevano  denunciato   le comnbine  e i trucchi  ; 4) come mai molti club   fra cui questi coinvolti prima  erano contro   la nomina   di  Galliani  , poi stranamente il giorno dopo  cambiano idea  ?
Speriamo nell'appello   che  non si cerchino come si  fatto qui   capi espriatori  o  mezze condanne  , e che  sui sfrutti visto che  c'è   la possibilità di fare realmente  ( anche  se c'è ancora molta  omertà per paura di repicche  successive e perdita   dei loro ruoli   )   di fare realmente puliza    nel  mondo del calcio  .
Ma  soprattutto niente  ammistie  , io  sono contrario ,  o se proprio ci  dev'essere farla  come  si  è   fatto in Sud Africa per  risolvere il  passaggio dal regime  dell'apahartaid  alla democrazia  , cioè parli \  confessi  ,  ti vengono tolti i vantagi che  hai  attenuto  ,  e non vieni condannato  .   Concludo  rispondendo  a queste dichiarazioni  "Questa sentenza sul calcio colpisce quasi venti milioni di tifosi, impedisce all'Italia campione mondiale di essere rappresentata ad alto livello nelle coppe Internazionali e costringerà i nostri migliori calciatori a giocare nelle squadre estere. Complimenti, giustizia è fatta". Lo afferma Paolo Bonaiuti, portavoce del leader di Forza Italia Silvio Berlusconi   dicendo  che invece  di prendersela con i magistrati   perchè  non se la prende  con chi    da vent'anni è più rovina il calcio   tra cui anche il suo amato padrone  e presidente del Milan  . ? E' vero un fondo di verità c'è  ,  ed  è una legge ingiusta  secondo alcuni punrti di vista  ma  se non si facesse cosi  , la corruzione  e l'illecito sportivo continuerebbe , e poi  sono gli stessi   allenatori e  amministratori  ad aver  messo in tali  ruoli  quellle persone 

P.s

Come sempre  mi piace   concluydere con una frase ad efffetto  ed eccola qui : <<  Da eterno elettore della Cdl a malincuore dico che se Berlusconi fosse ancora al governo Calciopoli non sarebbe mai venuta fuori. Mi fa ridere chi sostiene che il Milan sia una verginella. Attraverso la presidenza della Lega affidata a Galliani ha di fatto gestito i diritti televisivi, il vero nodo del calcio di questi anni. Galliani ha sposato il conflitto di interessi come bere un bicchier d´acqua  .
( Giuseppe Gazzoni Frascara, ex presidente del Bologna, Corriere della Sera 14 luglio  2006  )  >>

P.s 2



 proprio ora,  a post concluso    trovo  nella mia email     questa  vignetta  ( vedere sotto )  che mi ha  fatto -- anche se  juventino  in crisi  -- rotolare  a terra dalle risate  




  con questo è tutto      continueremo dopo l'appello  meditate gente meditate


DOCUMENTI   \APPROFONDIMENTI

TESTO INTEGRALE DELLA  SENTENZA ( PDF )
LE DECISIONI: grafico - tabella
Le tappe 

Senza titolo 1367

Tra gli articoli scritti da Giacomo Montana mi ha colpito questo che riporto qui di seguito:



IGNORANZA O CONOSCENZA?



"Cari simpatici amici, anche se sono in molti a non saperlo, vi sarebbe una silenziosa alleanza delle mafie che forma il cosiddetto “QUADRATO DELLA MAFIA”: “ DANARO – LEGGE – DOMINAZIONE E SFRUTTAMENTO con gravi danni economici e alla salute del cittadino. Una persona ignorante si potrebbe chiedere: ma se la mafia gode della protezione da parte di certi personaggi potenti, delle autorità finanziarie, politiche e religiose, la civiltà, la democrazia e la cristianità in Italia cosa sono? Sempre quella stessa persona potrebbe essere indotta a pensare che il governo stesso è una mafia, ogni volta che privilegia una parte dei cittadini, penalizzando e distruggendo l’altra. A prescindere, sembrerebbe che l’ONDA mafia-governo fosse vecchia come il mondo, rispettivamente vogliono il denaro e il potere. Sembrerebbe inoltre che sia tutto un dare per avere che si svolge ad alto livello, ove la spada del governo è la legge e quella delle mafie è il denaro. La stessa persona ignorante vede il governo come il BENE e le mafie come fossero movimenti satanici, poi va in confusione quando si accorge che di fatto entrambe usurpando il potere sovrano dell’individuo e paradossalmente a quest’ultimo viene detto che siamo in democrazia e in un Paese prevalentemente Cristiano-Cattolico, ove vi sono regole da rispettare. Ragazzi ecco a che cosa porta l’ignoranza, ma sarà poi davvero ignoranza?  Giacomo "



Un saluto a tutti. Giovanna Nigris

14/07/06

Senza titolo 1366



Ah...il gioco del calcio.
Un affanno dietro l'altro
per un pallone che rotola.
La gloria e la tragedia,
in comune,
il risultato di una vita.
Perdere o vincere,
gira e rigira
la palla entra qui e lì.
Così fieri di essere i campioni,
così grandi..
..da non accettare
di essere piccoli, per una volta.
Chi sa vincere dovrebbe saper perdere.
Non esiste l'uomo che vince e
non perde mai.
L'uomo, che tutti dicono sia vero,
si vede nella sconfitta e non,
nel non sempre semplice, successo.
D'altronde cosa ci si aspetta
da piccoli uomini in
mutande che giocano a palla.
Molto meno che da quello che ci aspettiamo
dai tifosi...
Sempre forza,
griderò..
..e i campioni celebrerò.
Anche senza coppa.
Perchè ho visto 23 leoni,
giocare per passione, per un amico
e per una nazione..
..non per il soldo.
E le paroline fuori posto...
...ci stanno.
Chi non ha mandato a fanxxxo
i francesi quella sera?
Tutti.
Da una parte e dall'altra.
C'è chi, non contento,
ha usato caratteri neri su pagina bianca..
..per i parassiti.
E chi vuole cancellare
i cugini per
due palle e una testata.
Ora si cerca il colpevole..
..chi è?
Chi fa o chi dice?
Lo siamo tutti...
Lo sport non c'è più.
Ciò che è campo deve rimanere campo,
son uomini e non educande..
..non son lì a raccogliere fiori
ma a lottare,
a mettere un pallone farfalla
in una rete.
Tutto questo pietismo,
tutta questa commozione,
tutto questo fair play...
...ma dove siamo?
Su un campo di calcio o tra
piccole suore in vena di cortesia.
Forza campioni,
le educande sono a stendere i panni,
dopo averli lavati in pubblico.
Ma si asciugheranno...
a se si asciugheranno....
...al vento creato da
58.000.000 di palle
che girano.

By Lapò

13/07/06

Le "case delle fate"

Leggenda sulla denominazione


La leggenda popolare sarda dice che in questi sepolcri abitassero delle fate che tessevano su telai d'oro mentre cantavano e poi vi morirono tramutate in pietra .

Un'altra leggenda dice che vi abitava una serie di streghe la più orribile si chiamava Orgìa Rabiosa, una maga impazzita e impietrita dal dolore, una Niobe della sagra protosarda nella quale si riconosce la figura decaduta e alterata della Gran Madre,dea delle acque e dell'amore fecondo.

E così questi ipogei vengono chiamati con il nome di domus de janas (case di fate o streghe) o di forru (de Luxia Rabiosa) o furreddos (forno,fornelli), o di conca o conchedda o percia (precca) per la figura cava del loro interno.

Ma non resta alcuna denominazione che riproduca l'uso originario delle grotticelle artificiali, che fu quello di sepolcro comune alla cellula sociale familiare (o anche di clan).


La domus de janas come abitazione eterna


La morte veniva vista come un sonno senza dimensioni, un sonno eterno come quello che avveniva nella casa di abitazione.

La tomba ha infatti un aspetto di casa in tutte le sue strutture architettoniche : soffitti imitanti le coperture lignee e con travi a raggiera o a spiovente di abitazioni rotonde e rettangolari, sostenuti da pilastri o colonne , nicchiette alle pareti in sostituzione degli stipi a muro delle capanne, alcove, sedili, fossette sul pavimento come nelle dimore dei vivi.

Le camerette sono chiuse dall'esterno da portelli sagomati con lastre di pietra o valve di legno sbarrate ingegnosamente con paletti come gli usci domestici. Fuori da queste stanzette troviamo dei padiglioni sotto roccia che  adempiono alla funzioni di atrio, qui riservati agli atti della pietas del clan  verso il defunto-antenato, ripetendo la forma del vestibolo che nelle capanne, era un po' il luogo delle attese e lo spazio delle "parole perdute" della famiglia e dei vicini.


Si e' propensi a credere che questo nuovo rito della sepoltura collettiva sia orientale e da lì si sia poi diffuso.

E' certo comunque che la domus de janas sarda segna un aspetto particolare della forma mediterranea ad ipogeo con collegamenti vari, ma solo parziali con esempi della stessa forma in Sicilia, Spagna, e Francia, cioè soprattutto del mondo "megalitico" occidentale.




Si contano in tutta l'isola piu' di 1000 domus de janas con una frequenza locale e numerica maggiore (480) nella Sardegna settentrionale ed in provincia di Sassari.

Sono scavate in prevalenza nel granito e nella trachite, di meno nel calcare, basalto marna.


Leggi integralmente....

10/07/06

Senza titolo 1365






Nel 1555 sale al soglio pontificio all’età di 79 anni il cardinale Carafa col nome di Paolo IV. Per capirci, quello di Q, dei Wu Ming.
Uno dei suoi primi atti è riprendere la persecuzione antiebraica, con la vergognosa bolla Cum nimis absurdum del 14 luglio 1555, che  amplia le decisioni del Concilio Laterano del 1215
La bolla papale specifica che se il numero degli ebrei è limitato, questi devono abitare in un’unica casa, la casa dell’ebreo. In un’unica strada, la giudecca, se impossibilitati ad occupare una abitazione sola; altrimenti in più strade, purché appositamente delimitate da un muro e con entrate ed uscite sbarrate da cancelli, il ghetto. All’interno di questo ‘serraglio o chiuso degli ebrei’ può esservi un’unica sinagoga.
E' poi ripristinato l'obbligo medievale, che nel Novecento riprenderanno i Nazisti, di indossare un segno distintivo. Un cappello giallo, poi rosso, per gli uomini e un velo dello stesso colore per le donne, uguale a quello che portamo le prostitute.












Per ebrei vi è divieto assoluto di trattare e parlare con Cristiani se non per necessità di lavoro; possono praticare solo il commercio degli abiti usati e della roba vecchia o tenere un banco di prestito il cui tasso di interesse non poteva superare il 12% e i loro banchi non devono essere aperti nei giorni festivi cristiani; proibizione di tenere le scritturazioni nei libri dei prestiti in caratteri ebraici;proibizione di tenere nutrici e domestici cristiani. Infine gli ebrei non devono possedere proprietà immobiliari
La Comunità di Roma che si compone di 1500 persone, la maggiore d’Italia - offre 40 mila scudi per fare abrogare questa bolla; ma invano.
Nell'Urbe entra subito in vigore l’obbligo del segno distintivo e a spese degli ebrei si costruiscono le mura del ghetto.
Uguale provvedimento viene esteso anche a Bologna, dove sono ben undici sinagoghe, e la Corporazione ebraica dei cambiavalute; i 900 ebrei bolognesi sono rinchiusi nel ghetto l’8 maggio 1556.
Entro sei mesi gli Ebrei devono vendere le loro proprietà. E dato che non possono possedere neppure le case del ghetto, nelle quali pure dovevano abitare, perché non fossero soggetti a continui ricatti, viene fissata una legge, detta, con espressione ibrida, Jus hazakkà, che regolava i rapporti fra i proprietari delle e gli inquilini ebrei.
Situazione che a Roma fa arricchire in maniera spudorata i Cenci. Lo scandalo avviene ad Ancona,dove un gruppo di marrani portoghesi, fra i quali si trovava il famoso medico Amato Lusitano, aveva trovato rifugio ottenendo garanzia di protezione da parte dei papi.
Paolo IV non solo revoca la concessione, ma organizza uno spaventoso auto da fè in una piazza della città. 24 Marrani sono mandati al rogo, gli altri in carcere o a remare sulle galee dei cavalieri di Malta.
Questi avvenimenti suscitano enorme impressione ovunque. Il Sultano eleva una protesta chiedendo il rilascio dei prigionieri, ai quali promette la sudditanza turca. Alle proteste si unisce la città di Ancona.
Da Costantinopoli una marrana, Dofia Gracia Mendes, che aveva vissuto a Ferrara, organizza il boicottaggio del porto di Ancona a favore di quello di Pesaro, che apparteneva al Duca di Urbino. Anche a Ferrara, malgrado l’opposizione del duca Alfonso d’Este, si insedia il Sant’Uffizio, che incrudelisce anche contro dotti ebrei, fra cui Isaac Abravanel.
Nel 1559 finalmente il terribile vagliardo muore. Il popolo, stanco del regime di terrore,assalta e distrugge il palazzo dell’Inquisizione, e trascina per le vie della città la statua del papa, che si trovava in Campidoglio, dopo averle messo in testa un cappello giallo.



E Pasquino così commentò



Carafa in odio al diavolo e al cielo è qui sepolto
col putrido cadavere; lo spirito Erebo ha accolto.
Odiò la pace in terra, la prece ci contese,
ruinò la chiesa e il popolo, uomini e e cielo offese;
infido amico, supplice ver l'oste a lui nefasta.
Di più vuoi tu saperne? Fu papa e tanto basta
.











Tornando ai difficili rapporti tra papi della Controriforma ed ebrei, Pio IV mitiga le restrizioni di papa Carafa.
Ma il peggio deve ancora venire. Pio V, il 26 febbraio 1569 emana la bolla Hebraeorum gens..., con cui ordinava che gli Ebrei fossero cacciati da tutte le Terre del Papa, ad eccezione di Ancona e Roma. In più le due comunità sono quindi oberate della spaventosa tassa di 10 scudi per ciascuna delle 115 sinagoghe distrutte, che erano state a suo tempo tassate con la bolla Cum nimis absurdum a favore della Casa dei Catecumeni.
Gli Ebrei di Bologna, città che dal 1506 fa parte dello Stato pontificio, passano allora nel vicino territorio degli Estensi; e siccome la bolla di papa Pio V ordinava anche la distruzione di tutto ciò che potesse ricordare l’esistenza di una Comunità ebraica, compresi i cimiteri, i profughi portano con sè anche i loro morti, che seppelliscono nel cimitero di Pieve di Cento. Dell’antico cimitero ebraico bolognese sono stati ritrovati quattro cippi, che si trovano ora al Museo Civico.A Palestrina, per l'impressione provocata dall'evento, la zona del quartiere ebraico viene da quel momento chiamata dello Scacciato. Questo evento provoca la nascita di parecchi cognomi ebraici romani, come Tagliacozzo, Tivoli, Veroli, Frascati, Marino, Di Segni, Di Capua, Di Nola, che ricordano le loro comunità d'origine


08/07/06

Il canto a tenore

Il Canto a Tenore è stato inserito dall'UNESCO tra i  "Masterpieces of the Oral and Intangible Heritage of Humanity"  e perciò proclamato

                          "Patrimonio intangibile dell'Umanità".


......"B'a' cosas chi pro las cumprendere bi chere' tempus e isperienzia;
e cosas chi cand'un'at isperienzia non las cumprende prusu.
Cosas chi pro fortuna s'irmenticana e cosas chi pro fortuna s'ammentana;
e cosas chi si credene irmenticadas e chi imbezzes una die a s'improvvisu torran'a conca "........
(Sos Sinnos) Mialinu Pira


......"Ci sono cose che per capirle serve tempo ed esperienza;
e cose che quando uno ha esperienza non capisce piu'.
Cose che per fortuna si dimenticano e cose che per fortuna si ricordano;
e cose che si credono dimenticate e da vecchi all'improvviso ritornano alla mente".....
(Sos Sinnos) Michelangelo Pira


TENORES DI BITTIIl canto a tenore è l'espressione etnico-musicale più arcaica della Sardegna centrale ed è la prova dell'esistenza della pratica polifonica in tempi remotissimi.
E ' difficile stabilire le origini del canto a tenore che secondo alcuni risalirebbero addirittura a circa 4000 anni fa. La natura del canto sembrerebbe strettamente radicata nella vita pastorale, nella solitudine in campagna a stretto contatto con il bestiame e con la natura. Sono proprio gli animali e la natura i più probabili ispiratori delle voci.
E' realizzato da quattro cantori chiamati Bassu (basso - con un suono grave e profondo), Contra (contralto - si caratterizza per un suono più lineare, metallico e meno vibrato), Mesu oche (mezza voce - che arricchisce il canto con abbellimenti , fioriture e con le tipiche giratas -virtuosismi vocali-), Oche (voce), disposti in cerchio, riproponendo la forma architettonica della antica civiltà sarda, quella nuragica.
Contra e bassu procedono in parallelo nella scansione delle sillabe non-sens (bimbaraaaa-boom-bam-bom) senza che l'una o l'altra voce cambi nota prima del cenno della voce solista.
Bitti, nelle vicinanze di Nuoro, in Barbagia, è uno dei paesi in cui si pratica il canto a tenore.
I canti a tenore della tradizione bittese si dividono in profani (destinati ad accompagnare i balli nelle feste popolari durando diverse ore senza interruzione o le gare poetiche, dove il significato del testo è preminente rispetto alla musica) e sacri che, di probabile derivazione gregoriana sono tutti natalizi: su nenneddu (celebra la nascita del Gesù bambino), sas grobbes de su nenneddu (sono anch'esse canti in onore a Gesù bambino), anghelos cantate (canto di natale), sas grobbes de s'Annossata (canti dedicati alla Madonna dell' Annunziata festeggiata ogni anno nel mese di maggio con processioni e pellegrinaggi in un santuario campestre).
I canti a ballos sono quattro : ballu seriu (uno dei più antichi ed è il canto bittese per eccellenza), ballu lestru, ballu dillu, passu torratu.
La tradizione vuole che nell'incipit il solista inizi il canto aumentando gradualmente il tempo fino a stabilizzarsi e che la frase di chiusura sia cantata a isterrita (la stesura). _
Ma il canto preferito e più praticato a Bitti , oltre ai caratteristici muttos e Andira, è la classica serenata d'amore: sa Boche 'e notte (voce di notte). Fino alla fine degli anni cinquanta era consuetudine andare a contonare, ovvero fare le serenate alle ragazze amate, cantando le loro virtù e doti proprio sotto la finestra della camera da letto. Oggi andare a contonare è una pratica ormai in disuso e probabilmente è difficile che una pur splendida esecuzione sul palco ne riproduca il fascino e la suggestione antichissimi.


Informazioni tratte dal sito www.tenoresdibitti.com dove potrete anche ascoltare alcuni canti.

07/07/06

Senza titolo 1364

"Verso Dionisos"


e Bacco si rivolse ad Arianna:<<Sono io il tuo labirinto>>.

post notturno

Come  sono solito fare   scrivo  i post  su un blok notes  e poi  gli riporto sul web  

Ieri notte  ,  era una notte affosa  ,   e non riuscendo a dormire  ,  mi sono alzato e  scritto questo post    che  oggi pubblico  qui 


 In attesa della partita  di domenica ( ed  eventuale  , tocchiamo ferro  ,  vittoria  dopo 24 anni  )    e  non essendoci niente d'interessante  alla tv  ,  ed  evitare  di rimanere  come  non    a torto m'accusano  i miei  matusalemme attaccato alla rete  e al pc  e magari  finire che mi succeda  come  gli abitanti di  Paperopoli  in  " Zio Paperone e la New Economy " topolino 2240  (  qui per chi volesse per  ulteriori dettagl sul numero del fumetto in questione  ed  in particolare sulla  storia  qui citata  sito da cui ho preso la foto della  copertina  riportata  al lato  )  hoi deciso di leggere Uto del promettente e niente male Andrea De Carlo uno tanti romanzi arretrati che ho da leggere o che  inizio , ma poi  per sbadatezza o perchè magari  non mi prende da subito  li lascio   e  come sottofondo musicale il cd " L'arcangelo di  Ivano Fossati  . ad  un certo punto  è iniziata  la  5 canzone  quella che da il titolom al cd  ovvero L'ARGANCELO  :

<<

Viene di Latinamerica
Viene d'Africa
Con il passo lungo
Stancato dalla sete
Gabriele l'arcangelo
Vuole scappare nuotando
Per la porta del mondo
Dal mondo accanto
E vieni col vento
Vieni per la sete
Vieni a correre per le strade
Inciampare ancora
Un giorno mi chiederai da bere
Un altro una pietra per riposare
La sera una bussola per pregare
Io lo so
Porta del mondo che giri in eterno
Togli ipiedi di quest'uomo dall'inferno
Ora
Il ragazzo è clandestino
Ma tiene un cuore eccellente
Che nessun sentimento
Gli basta e lo consola
Gabriele sulla Terra
Sa vivere senza nostalgia
Fu salvato dalle acque
Così gli basta e così sia
Che la speranza si compra
Ma tutto il resto si vende
C'è nuova gente alla porta
Che chiama ancora
E un giorno ci chiederà da bere
Un altro una pietra per riposare
La sera una bussola per pregare
Io lo so
Vento di sabbia che soffi in eterno
Cancella i passi di questi figli
Dall'inferno
Ma ora
Viene da est
Da tutti i confini del mondo
Da tutte le guerre
Da tutta la fame
Da tutto il fango
Lui ne ha visto tanta
Di storia futura accelerando
Sempre correndo correndo
Gabriele scappando
Un giorno ti chiederò da bere
Un altro una pietra per riposare
La sera un pensiero per parlare
Io lo so
Luce del mondo che vegli in eterno
Solleva lo sguardo di quest'uomo
Dall'inferno
Per sempre, ora.


>>

Ad  certo punto ho chiuso gli occhoi e rilassato alm emnte  , e  e mi sono ricordato di una bellissima catena
un po' lunga, infarcita di luoghi comuni, ma carina  (  che trovate  qui sotto  )  pubblicata sulla bacheca   di www.aaamici.it   dovro prima o poi ricordarmi di fare  l'intervista  ai fon datrori e la recensione del sito




PRIMA LEZIONE.
Dopo  qualche mese alla facoltà di medicina, il professore ci diede un questionario.Essendo un buon alunno risposi prontamente a  tutte le domande fino a quando arrivai all’ultima che era: Qual è il nome di battesimo della donna  delle pulizie della scuola? Sinceramente mi pareva proprio uno scherzo.Avevo visto quella donna moltevolte, era alta, capelli scuri, avrà avuto i suoi cinquant’anni, ma come avrei potuto sapere il suo nome di battesimo?  Consegnai il mio test lasciando questa risposta in bianco e, poco prima che finisse la lezione, un alunno domandò se l’ultima domanda del test  avrebbe contato ai fini del voto.E’ chiaro!, rispose il professore. Nella vostra carriera voi incontrerete molte persone. Hanno tutte il loro grado d’importanza. Esse meritano la vostra attenzione, anche con un semplice sorriso o un semplice ciao.
 Non dimenticai mai questa lezione ed imparai che il nome di battesimo dellanostra donna delle pulizie era Marianna.

SECONDA LEZIONE.

In una notte di pioggia  c’era una signora di colore, al lato della strada, il temporale era tremendo. La sua auto era in panne ed aveva disperatamente bisogno di aiuto. Completamente inzuppata cominciò a fare segnali alle auto che  passavano. Un giovane bianco, come se non conoscesse i conflitti razziali che laceravano gli Stati Uniti negli anni ’60, si fermò per aiutarla.Il ragazzo la portò in un luogo protetto, le procurò un meccanico e chiamò un taxi per lei. La donna sembrava avere davvero molta fretta, ma riuscì ad annotarsi l’indirizzo del suo soccorritore e a ringraziarlo. Passati sette giorni, bussarono alla porta del ragazzo. Con sua grande sorpresa era un corriere che gli consegnò un enorme pacco contenente  una grande TV a colori, accompagnata da un biglietto che diceva:Molte  grazie per avermi aiutata in quella strada, quella notte. La pioggia aveva inzuppato i miei vestiti come il mio spirito e in quel momento è apparso Lei. Grazie a Lei sono riuscita ad arrivare al capezzale di mio marito moribondo poco prima che se ne andasse. Dio la benedica per avermi aiutato. Sinceramente,Mrs. King Cole

TERZA LEZIONE.


Qualche tempo fa quando un gelato costava molto meno di oggi, un bambino di dieci anni entrò in un bar e si sedette al tavolino. Una cameriera gli portò un bicchiere d’acqua. Quanto costa un sundae? chiese il bambino.Cinquanta centesimi rispose la cameriera. Il bambino prese delle monete dalla tasca e cominciò a contarle.Bene, quanto costa un gelato semplice?. In quel momento c’erano altre persone che aspettavano e la ragazza cominciava un po’ a perdere la pazienza. 35 centesimi! gli rispose la ragazza in maniera brusca. Il bambino contò le monete ancora una volta e disse: Allora mi porti un gelato semplice!. La cameriera gli portò il gelato e il conto. Il bambino finì il suo gelato, pagò il conto alla cassa e uscì. Quando la cameriera tornò al tavolo per pulirlo cominciò a piangere perché lì, ad un angolo del piatto, c’erano 15 centesimi di mancia per lei. Il bambino non chiese il Sundae per riservare la mancia alla cameriera.

QUARTA LEZIONE
In tempi antichi un re fece collocare una pietra enorme in mezzo ad  una strada.Quindi, nascondendosi, rimase ad osservare per vedere se qualcuno si prendeva la briga di togliere la grande roccia in mezzo alla strada. Alcuni mercanti ed altri sudditi molto ricchi passarono da lì e si limitarono a girare attorno alla pietra. Alcuni persino protestarono contro il re dicendo che non manteneva le strade pulite, ma nessuno di loro provò a muovere la pietra da lì.Ad un certo punto passò un campagnolo con un grande carico di verdure sulle
spalle; avvicinandosi all’immensa roccia poggiò il carico al lato della stradatentando di rimuovere la; roccia. Dopo molta fatica e sudore riuscì finalmente a muovere la pietra spostandola  al bordo della strada. Tornò indietro a prendere il suo carico e notò che c’era una piccola borsa nel luogo in cui prima stava la pietra.La borsa conteneva molte monete d’oro e una lettera scritta dal re che diceva che quell’oro era per la persona che avesse rimosso la pietra dalla strada. IL campagnolo   (e quindi tutti gli altri protagonisti delle lezioni precedenti ) imparò quello che molti di noi neanche comprendono : Tutti gli  ostacoli sono un’opportunità per migliorare la nostra condizione



Aiuto per la Val di Noto

Dal sito di Roy Paci e Aretuska


"Ciao picciotti!
Passiamo alle cose serie adesso…
Se controllate tra le città incluse nella World Heritage List (Lista del patrimonio dell'Umanità) dell’UNESCO troverete la splendida area della Val di Noto.
Dal "Regolamento per l’attuazione della Convenzione sul Patrimonio Mondiale" si può leggere che questo riconoscimento segue criteri ben precisi e tali siti "illustrano l’evoluzione della società e degli insediamenti umani nel corso dei secoli, sotto l’influsso di sollecitazioni e/o di vantaggi originati nel loro ambiente naturale e delle forze sociali, economiche e culturali successive, interne ed esterne".
Forse pochi di voi hanno sentito parlare della Panther Resourch Corporation: ebbene è un colosso americano petrolifero che con altre tre compagnie italiane (ENI, SARCIS, EDISON) ha ottenuto, nel 2004, i permessi necessari per la ricerca e l'estrazione di idrocarburi in quattro zone differenti della Sicilia, una di queste è la Val di Noto... Questo in seguito ai provvedimenti dell’assessore all'industria Marina Noè (ahimè, un’augustana come me, ma totalmente da dimenticare); l’ennesimo smacco alla nostra bella terra dalla rielezione di Totò Cuffaro alla presidenza della regione. La nostra bella terra che, però, in moltissimi amiamo e difendiamo come meglio possiamo.
È per questo che ho deciso di rispondere all’appello degli amici di Sicilantagonista, della Malastrada.film, dei comitati contro le trivellazioni in Val di Noto che, in collaborazione con produzionidalbasso.com, arcoiris.tv, casablanca, universo.tv e arci, lanciano la produzione del film-inchiesta “13 Variazioni su di un tema barocco; Ballata ai petrolieri del Val Di Noto”, al quale parteciperò.
Il film vuole raccontare cosa è accaduto in questi 2 anni di lotte. La Val di Noto è patrimonio mondiale dell’umanità e della Sicilia.

Vi chiedo di unirvi a me per sostenere questa iniziativa versando 10 €, che corrispondono al “pre-acquisto” del dvd che verrà prodotto. Visitate il sito http://www.siciliantagonista.org/ per le modalità di partecipazione."

Roy

04/07/06

Nuovi bagliori

Bianche onde spumeggianti.
Attendi da me
un lamento,
un cuore spezzato,
la muta ombra
del dolore.

Una luce invece
mi accende di mille
bagliori e di stelle.

Sorgerà il sole,
mi incanterò di azzurri cieli e di
bianche onde spumeggianti.

Un ruscello lontano
mi canta stanotte
la sua ninna nanna.

Domani correremo
senza dolore.


Giovanna Nigris

02/07/06

Senza titolo 1363







In questo periodo di cazzeggio parziale , dato che i miei non vogliono che faccia la vita del beato porco e in attesa di parlare con il prof per l'esame di ottobre ( per concordare il programma visto che sono vecchio ordimnamento ) riletto venti sigarette da nassyria e letto in 6 giorni il giorno di Moro .



Veniamo alla loro recensione



Venti sigarette a nassyria di Aureliano Amadei e Francesco Trento


 Molto spesso ad una lettura frettolosa ( infatti l'ho letto 3 giorni prima della presentazione ) ti sfuggono dei particolari e poi certi libri come questo sono come ho già detto cdv.splinder.com/post/7894430 sono pugni nello stomaco mi sono riletto questo libro . Cio che mi spinto rileggerlo è oltre il rimorso ad averlo letto troppo in fretta , e questa frase citrata nella 2 di copertina : << La prima cosa che t'arriva è un nsenso di leggerenza . E' scomparso tutto in un istante : la jeep dei carabinieri , lo scintilio del sole sul cofano , i colpi di mitragliatrice che ti fischiano accanto , l'ultimo fotogramma dela tua vita >> .Un libro “ maledetto “ boicottato da i cosidetti giornali cosidetti indipendenti ( salvo due o tre che vengono definiti anche se uno solo lo è ,  comunisti ) perchè dice senza censure e senza peli sulla lingua cosa è successo a Nassyria . Esso descrive lo stucchevole e retorico patriotismo e stato uno di quei pochi che foin dfall'inizio ha smontato ( è appunto per questo che da fastidio tanto che gli autori hanno subito censure in rai ) la versionwe ufficiale alla quale dopo i successivi attentati a nassyria non crede o se ci si crede è per comodità poo paura a vincere ed ad estirpare da dentro di noi che siamo in iraq in missione di pace . Ma soprattutto descrive ( uno dei pochi ) ,la disorganizzazione precedente all'atentato e la sottovalutazione degli allarmi che lo annunciavano E un libro senza peli sulla lingua anche verso coloro ( che loro chiamano il gatto e la volpe ) i quali prima lo mandato in iraq , poi lo coccolano per farsi belli davanti all'opinione pubblica nel clima di patriottismo imperante post 12 novembre , e poi lo abbandonano non riconoscendoli il contratto , dato che il suo è andato perso nell'attentato . e non riconoscendogli la causa di servizio , ma solo una invlalidità civile e quindi una indennità minore in confronto alle mutilazioni che subito nell'attentato in questione . Gli autori : << [... ] ci trascinano subito in un universo di puro terrore , di fuioco di spari di voglia di fumare nonostante il piede maciulllato . Segue poi , nei lenti mesi , l'analisi della presenza in iraq nel suo insieme e nelle sue contraddizioni esaplicite . e prende forma un originale romanzo-reportage che narra e riflette sulla verità che man mano prende forma >> Infatti lo spirito del libro in particolare il post scriptum si può riassumere con questa frase : << «Se dici una menzogna enorme e continui a ripeterla, prima o poi il popolo ci crederà. La menzogna si può mantenere per il tempo in cui lo Stato riesce a schermare la gente dalle conseguenze politiche, economiche e militari della menzogna stessa.Diventa cosi di vitale importanza per lo stato osare il sutuo potere per reprimere il dissenso , perchè la verità e è il nemico mortale della menzogna , e di conseguenza , la verità è il più grande nemico dello stato  >>   Joesph Goebbels Ministro della Propaganda della Germania nazista (1933-1945).e  con il commento   di Massimo  Dessena  (  della libreria max88 ) : << Autori di “Venti Sigarette a Nassirya”, libro scioccante che racconta l’esperienza di Aureliano, saltato in aria nell’esplosione del 12/11/2003 dove persero la vita il regista Stefano Rolla e tanti militari italiani del contingente di pace in Iraq. Un libro da consigliare nelle scuole, che racconta con ironia e rabbia l’esperienza di un ragazzo che viene inviato per vedere dove girare un film e finisce con il perdere lavoro, salute, denaro e futuro >> Concludo questa  recensione   con le  foto fatte dal sottoscritto alla  presentazione  del  libro fatta il 1\4\2006  organizzata  dalla  libreria     cittadina di masssimo dessena  ecco il sito  http://www.libreriamax88.com/
( uno di  queoi " pazzi  "  che  fanno cultura   coem si deve  non  le cose   che passa il convento  sempre uguali e ripetitive  ) 



Aureliano Amadei



  francesco trento a sinistra




---------------


Il  giorno di Moro  di Giampaolo cassitta ( http://www.giampaolocassitta.it/ )


Qui purtroppo   in quanto la mia macchina   serviva a mio fratello pere  un lavoro urgente  visto che  aveva  la  sua  fuori uso  ,  non ho  fatto dela  presentazione   e mi limitero  solo  alla recensione  stavolta   n  calma  e  non di " ripiegho  " in quanto l'ho letto dopo la presentazione  .
Un  libro   è decisamente bellissimo. . Ti trasporta dentro  gli anni   gli anni 70 (  dell'utopia  del cambiamento e non solo di piombo e di violenza  come  vengono definiti  )  e degli anni 80 / ( riflusso e conformismo imperante   ovvero gli anni del CAF e  del sorgere di quello che sarà il berlusconiosmo  )   ci regala la freschezza, la gioia, la dolcezza e anche la malinconia. Bravissimo Cassitta a usare la morte di Moro come una grande metafora di questo paese e  delal  sua  generazione  . C'è dentro veramente tutto e tutto magnificamente raccontato. Unico neo: la distribuzione. E' un libro da 100.000 copie se solo l'avesse pubblicato feltrinelli.... ma  mai diure mai   magari succede che  diventa un caso  come  Salvatore  Niffoi   infatti   secondo me  ci sono  molte  probablita   come  potete desumere dalla lettura di  un breve capitolo


riportato dall'autore srtesso  sul suo sito  ( OCCHIO  ALLO SPOiLER  ) pubblicato dall'autore stesso sul suo sito ufficiale  e dalla trama eriportata  dalla     della  seconda  di copertina  : SPOILER <<   9 MAGGIO 1978. A Roma, in via Caetani, le brigate Rosse consengnano al paese il corpo dell'onorevole Aldo Moro, dopo 55 giorni di prigionia. Da quel giorno l'italia non sarà più la stessa.9 maggio 1978. Lo stesso giorno, il giorno di Moro, a Roma, nella zona della basilica di S. Paolo fuori le mura, avviene un duplice omicidio. Un ristoratore sardo viene condannato all'ergastolo con l'accusa di aver massacrato sua moglie e la sua bambina. Dopo quasi venticinque anni un magistrato di sorveglianza, Caludio Marceddu, ritrova, in carcere, Gianvittorio Loriga, un amico conosciuto negli anni 70, quando entrambi lavoravano per una radio della sinistra extraparlamentare. Perchè Gianvittorio è in carcere? E' un politico? Un assassino? Un pentito? Il detenuto, durante gli incontri in carcere gli rivela che il 9 maggio 1978 il sardo condannato all'ergastolo, non ha ucciso le sue donne e vi è una prova che non è mai stata analizzata: l'assassino aveva una spider rossa. Così, dentro un gioco di ricordi, Claudio marceddu nella veste di magistrato di Sorvegianza si muove tra Sassari, Roma ed Alghero, alla ricerca di una verità che si intravede sotto strane coincidenze SPOILER  Mi prudono le mani ma posso chiaramente raccontare tutti i colpi di scena, ma questo libro è sinceramente da consigliare agli amici. Intanto c'è molta musica (   credevo  che  fossero solo i giovani ad  utilizzare  una tecnica  del gernere alla jack frusciante di brizzi  ) (e, soprattutto, molti ricordi) poi c'è il protagonista Claudio Marceddu che è veramente un grandissimo personaggio. Chi ha vissuto intensamente i giorni di Moro, dentro questo libro ci ritrova la freschezza, l'utopia, la felicità e l'angoscia di quegli anni. E' un libro che vale un film. La storia della stella a cinque punta e le incredibili ricerche sono avvincenti. Finalmente un bel noir politico all'italiana. Inoltre Cassitta scrive molto ma molto bene e voglio ringraziare il proprietario di Max88 per  averlo portato e fatto conoscere un simile autore   Spero soltanto che il personaggio diventi come il commisario di polizia   Montalbano sia quello cartaceo dei romanzi di  Cammileri sia quello delle  fiction  di rai Uno Claudio Marceddu all'opera è una forza della natura e mi farebbe  enorme ( da sardo e non solo ) piacere assolutamente rileggerlo in nuove avventure o magari  in  vederlo in tv . Un libro intenso e trascinante tanto da non accorgerti  del tempo che passa e  in due  ore  essere arrivato a  90\100 pagine su 300 ,  anche se  [ Sic ] , già al   29 ( su 37 che ne  conta il libro  ) capitolo  o anche  prima  si è apassionati di gialli  o di noir e simili ( in particolare quelli che usano riferire  all'ultimo capitolo e nelle righe conclusive  chi è  il colpevole  )   sà già chi è il colpevole . Ma  non importa , anche perchè , almeno per me ,   perchè la curiosità  di arrivare alla fine di questa  vicenda   , di aver una risposta  a queste domande ed in particolare  a una fondamentale  che  costruisce l'impalcatura  del libro  (   non vi dico per  non guastarvi  il finale  e lasciarvi con un po'ì di suspence    la scoprirete da  soli   non avrà risposta ,  forse perchè l'autore  ha voluto  farlo  volutamente  o  forse perchè c'è o  prospetta  un seguito della   storia ) la cui risposta   è lasciata  alla fantasia \  immaginazione  del lettore  fa   passare questo in secondo piano .  Mi è piaciuto  e descrive  benissimo , più di me  , quello che ha detto l'autore durante la presentazione  è : << Il libro "il giorno di Moro" è dedicato a tutti quelli che dicono che non è vero che queste cose non sono successe e poi, vanno a casa e riascoltano Guccini (la locomotiva, prferibilmente).>> Concordo  con la  bellissima recensione fatta  dal quotidiano  di liberazione  l'unico  giornale nazionale   che  fn'ora  l'ha recensito  qui  l'articolo  e concordo anche  con quanto dice l'autore   questa  e l'impressione che  mi ha  espresso il mio vicino di casa  a l'hop relegato  : << "E' solo un racconto" dice Giampaolo Cassitta in un'intervista pubblicata sul suo sito - "un lungo racconto di una parte di una generazione che negli anni 70 si è fortemente divisa. Ma non è la divisione che esiste oggi nel paese. Quella è stata una grande lacerazione con morti e feriti. Un pezzo terribile della nostra storia che ancora, nonostante siano passati quasi trent'anni, se ne parla quasi sottovoce. Il mio romanzo prova a chiedersi perchè il corpo di Moro viene abbandonato in via Caetani e da un gioco di simbologie nasce una storia, forse iverosimile, ma che farà riflettere. >>  Non so più che altro dire  , e meglio chiudere qui piuttosto che diventare  banale  e  prolisso  , ma soprattutto  raccontare  ulteriori poarticolari del romanzo  in questione 

 alla prossima 


Senza titolo 1362

Completa la citazione: questo è l'inizio di un famosissimo libro, indovina il titolo e la parola mancante.

C'era una volta  - Un re! - diranno subito i miei piccoli lettori. No, ragazzi, avete sbagliato. C'era una volta un pezzo di ...

Per la soluzione CLICCA QUI

01/07/06

Senza titolo 1361

Mare mattutino




Alghero, spiaggia Le Bombarde. 


Fermarmi qui! Mirare anch'io questa natura un poco.
Del mare mattutino e del limpido cielo
smaglianti azzurri e gialla riva: tutto
s'abbella nella grande luce effusa.

Fermarmi qui. Illuso di mirare
ciò che vidi davvero l'attimo che ristetti,
e non le mie fantasime, anche qui,
le memorie, le forme del piacere.



Constantinos Kavafis


Prima di partire per le vacanze

 



  QUI  trovi le "Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate"



immagine trovata sul web

Il regno più piccolo del mondo

Sapevate che l'isola di Tavolara, al nord della Sardegna, è il più piccolo regno dei mondo?


...Giuseppe Bertoleoni partì su una piccola nave da diporto, approdando a Tavolara nel 1807, dopo aver lasciato parte del nucleo familiare nelle isole di Santa Maria e Soffi nell'arcipelago maddalenino.


Nello Spalmatore di Terra costruì una casa uniloculare (tipica abitazione con la porta a metà della parete meno esposta ai venti), il forno per il pane e recinse con pietre un tratto di terra per l'orto.


Nel 1836 era re d'Italia Carlo Alberto (salito al trono sabaudo nel 1831 al posto di Carlo Felice), il quale, essendosi recato in visita a Terranova, l'attuale Olbia, fu informato degli insistenti reclami e vivaci proteste contro l'occupazione dell'isola da parte della famiglia Bertoleoni che, a sua volta, avanzava numerosi ricorsi per il riconoscimento di sovranità sull'Isola.


Incuriosito, il sovrano arrivò nell'isola nel 1839, con il panfilo reale, proprio per conoscere Paolo, figlio di Giuseppe...

- Dalla voce di Tonino:

"è proprio vero!

Si incontrarono e Carlo Alberto si presentò come il Re di Sardegna.

Paolo Bertoleoni allora si presentò come il Re di Tavolara".


"Avendogli, Paolo, parlato delle eccezionali capre dai denti d'oro che popolano l'isola, il re sabaudo, dopo essere tornato a Torino, invia il generale La Marmora, recando doni per la moglie del "re" ebbe il compito di catturare le leggendarie capre.

Ottenutene diversi esemplari, Carlo Alberto riconobbe il diritto di proprietà dell'isola con queste parole:

"Tu non dovrai più preoccuparti.

Nomino te, Paolo Bertoleoni, re dell'isola.

I tuoi figli saranno principi e le tue figlie le signore dei mare".


Forte di questa ufficiosa quanto amichevole "incoronazione", la famiglia Bertoleoni si fregia dello stemma reale e fa costruire il piccolo cimitero che avrebbe ospitato i corpi dei regnanti, dotandolo di corone incise sulle lapidi.

In un secondo tempo venne inviata una pergamena dalla Prefettura di Tempio-Sassari (oggi andata perduta) che riconosce Paolo come padrone assoluto e re di Tavolara.





La storia dell'"incoronazione" aveva varcato addirittura i confini nazionali, tanto che persino la Regina Vittoria, a Londra, fu informata dell'esistenza di un'isola, al nord della Sardegna, diventata il più piccolo regno dei mondo per volontà di Carlo Alberto, re d'Italia.

E proprio la regina inglese mandò a Tavolara una propria nave, la Vulcan, per documentare e ritrarre la famiglia dei sovrani di quel luogo, in abiti da cerimonia e al gran completo, in posa sulla loro isola, felici regnanti senza sudditi: una vecchia foto oggi conservata nel museo di Bukingham Palace, nel salone dove sono riuniti i ritratti di tutti i regnanti della terra, racchiusa in cornice d'oro, con la la dicitura:

"La famiglia reale di Tavolara,

nel golfo di Terranova Pausania,

il più piccolo regno del mondo".


"Continua...."

Senza titolo 1360






Per quanto riguiarda la colonna  del postr  d'oggi oltre a  quella di uno dei miei primi post  la terra  la  guerra una  questione privata "  ( che  ovviamete  parafrasa l'album live omonimo  degli ex Csi dedicato a  Beppe Fenoglio  ) ecco una  canzomne adatta  a questa situazione  situazione  una  canzone di qualche  anno fa di Elio e le  storie tese 




la terra dei cacchi
 elio le storie tese




Parcheggi abusivi, applausi abusivi,
villette abusive, abusi
sessuali abusivi; tanta voglia
di ricominciare abusiva.
Appalti truccati, trapianti truccati,
motorini truccati che scippano
donne truccate; Il visagista
delle dive e' truccatissimo.
Papaveri e papi, la donna cannolo,
una lacrima sul visto: Italia si',
Italia no.
Italia si' Italia no Italia bum,
la strage impunita.


Ma  ora  dopo questra disgressione musicale veniamo al post vero e pèproprio






Da quando in un post precedente  ho riiportato quellì'articolo sulla svendita dele miniere sarde , ho ricevuto oltre email a favore ma anche email contrarie oltre che le solite d'insulti ma fin qui niente di nuovo sotto il sole dato che esse non contenevano altro d'interessante ripetevano la stessa cosa : sei comunista , ecc . Pero fraquelle contrarie e una d'insulti c'erano scritto più o meno : sei contro il progrresso , vuoi che la sardegna rimanga arretrata , e quelle zone abbandonate , che la sardegna vive di turismo e cosi lo si bloca , che sono razzista verso i continentali ( come noi sardi chiamiamo quelli del resto d'italia ecc .
Lo so che dovrei lasciare perdere e cestinare come faccio con un detterminato tipo d'email , ma !) mi piace la polemica e soprattutto far capire a gente come questa che qui si tratta del nostro futuro e di quello dei nostri figli . 2) e poi una risposta a lettere contrarie , cordiali( anche se rare ) o abbastanza non si nega mai . Inolt
Da Sardo ( fra quei pochi che non si sono venduti ... ehm caduti nei miragi e nelle illusioni facili ) sono d'accordo nell'affermare che il turismo sia una risorsa da sfruttare ma non sono o d'accordo quando lo sfruttamento diventa ABUSO !!! e quando la richeza investita non nva in sardegna ma va fuori o quando utilizzano le agevolazioni dele leggi regionali senza darci niente in cambio . Quando si finge di NON SAPERE che se il TURISMO IN SARDEGNA tira... è perchè, grazie a Dio.... buona parte dell'ambiente è ancora "INTEGRO" e lo è a livelli elevati !!!!DISTRUGGERE la VERA RISORSA (l'ambiente) di questa risorsa "parassitaria" ( vdi costa smeralda e turismo d'elite ) equivale a DISTRUGGERE il TURISMO STESSO .....!!!
IL TURISMO è oggi un "minerale" che, per poterlo estrarre, esige un costo troppo elevato: la distruzione del PAESAGGIO E DELL'AMBIENTE...a favore di POCHI ELETTI....(continentali e sardi) con la promessa di BENESSERE per tutti (posti di lavoro) ecc..!!!!
E' UN INGANNO !!!! STIAMO INGANNANDO I NOSTRI FIGLI !!!! . Permettetemi una citazione : << L'illusione porta al desiderio, il desiderio genera attaccamento, per cui non rimane altro che la delusione !!! ( Drubwang Paljin Rinpoche )>>. Inoltre  condivido  la  risposta  data  da
Budoni ambiente ad  andrea atzori  Promotore italiano del Global Antigolf Movement , giornalista  pubblicista  che  da  anni  pratica battaglie  ambientaliste  e morali: << ANDATE A VEDERE COSA E' OGGI QUELLA PARTE DI SARDEGNA CHE UN TEMPO FU "RICCA"....(non sembra vero) he SI CHIAMA, oggi come ieri, SULCIS-IGLESIENTE...!!!! Vedrete un esempio di come una ILLUSIONE (fondata sulla distruzione dell'ambiente) porti, inesorabilmente al DESERTO..... AL NULLA !!!!!Per noi sardi che amiamo la Sardegna, consapevoli del vero valore della terra nostra, Andrea Atzori è uno dei tanti paladini moderni, coraggiosi e tenaci, che mettono a disposizione di tutti  e gratuitamente il proprio sapere per la Grande Causa : la salvaguardia della dignità di un popolo: il popolo sardo ! >>
Io non sono razzista ma odio e sono miei nemici : << Sei uno che combatte contro gli stessi "nemici" ... di sempre che nei secoli dei secoli, convinsero/costrinsero i nostri avi, ...con il ricatto della fame....., a svendere la propria terra al "ricco continentale di turno"... permettendogli di sventrare colline e montagne.... .per fargli estrarre carbone, argento, rame, argento, galena.... marmo, granito, caolino, ...e addirittura l'ORO...."in tracce"! Avendone in cambio, per se e per i propri cari: un sacco di "avena" o (nei casi fortunati) di "grano" !!! Lasciando ai posteri..... distese di deserto, inquinamento e IRREVERSIBILE... povertà infinita !!!! (Vedi Sulcis......- ecc. ) !!! >> da un email di un rappesentante dell' IRS uno dei gruppi - grupposcoli  indipendentisti sardi
Quindi
dico No al turismo irresponsabile e distruttivo Si a quello responsabile ( equo e solidale ) ; No alle speculazioni e alle svendite della mia terra sia che le facciono i sardi sia che le facciono come in questo caso i continentali .Chiamatemi pure : << ...
partigiano, bandito oppure illuso \ Soldato di una guerra persa prima del suo inizio ... >> ( il ballo d'ureliano modenna city ramblers in terra e libertà ) . Ma non mi piace che la mia terra sia opggetto di speculazioni e che poi finiscono a riciclare capitali sporchi o in mano a faccendieri , mafiosi , piduiasti come Sindona  ,  Carboni  , Calvi (  amici del cavalier bellachionma o  se preferite  cavalier crescina  ) nefli anni  ' 80  nel nord sardegna più precisamente  nelal zona  di Olbia    ( poer chi volese saperne di più   tropva news  qui  e qui
oppure fatevi una ricerca  con goggle cercando  : << faccendieri piduisti and speculazioni nord sardegna >> e  oltre  i link da  me segnalati nei collegamenti  delle righe precedenti troverete   delle cose  allucinanti



Quindi concludo con la citazione del manifesto di un blog bellissimo  e sempre aggiornato su tale battaglia  << Un vero "spettacolo della natura", che, per una cifra irrisoria, ci si appresta a regalare alle multinazionali del mattone. Un vero "spettacolo della natura", "scampato all'edificazione", afferma la Regione, è destinato all'edificazione, afferma la Regione. Basta! La Sardegna ha già dato! Inquinamento, sfruttamento selvaggio delle coste, distruzione del patrimonio storico e ambientale! La Terra Sarda è dei Sardi: nessun presidente di Regione può permettersi di regalarla ad altri. Per farne cosa, poi? Alberghi e campi da golf! Di proprietà delle multinazionali, gestiti dalle multinazionali, dove l'unica funzione dei Sardi sarebbe ancora una volta quella di cameriere. In una zona delicatissima da un punto di vista ambientale, dove tutti possono ammirare il cervo sardo in libertà o le bellissime dune di Piscinas, le magnifiche rovine di Naracauli, e degli altri siti in svendita, plastificate e trasformate in albergo di lusso, permetterebbero solo a Lorsignori di fruire dello "spettacolo della natura" che fino a ieri era dei Sardi. Ma il Presidente, non "ragionava" diversamente? I campi da golf, specie in regioni con scarsità d'acqua, sono un'autentica bestemmia ambientale! Si vuole perseverare? Nel bando si parla della necessità di effettuare una bonifica ambientale, salvo spiegare che sarebbe a carico della Regione. Noi ci prendiamo l'onere della bonifica, mentre il compratore si prende lo "spettacolo della natura"! Privatizzazione dei benefici e socializzazione dei costi. Niente male! Perché, tutto questo? E' l'ennesima dimostrazione dell'atavica incapacità della nostra classe politica di esercitare una pratica amministrativa che non sia svendita della dignità, della cultura e della storia dei Sardi o c'è dell'altro? Perché si vuole regalare una zona tra le più belle della nostra bella isola, per farne altri alberghi e campi da golf? Se si è già devastato buona parte delle coste, se proprio si sentisse il bisogno di devastare ancora, e solo per creare pochi posti di lavoro subalterno, stagionale e ipersfuttato, non si potrebbe costruire in zone ormai compromesse? E se lo si dovesse fare, ma altrove, non sarebbe meglio effettuareuno studio, coinvolgendo università e associazioni ecologiste, di "riconversione ambientale" anche finalizzata alla creazione di redditi, che incentivasse la costituzione di cooperative o imprese di giovani, e le supportasse e indirizzasse, piuttosto che vendere al palazzinaro di turno? Si creerebbe vero benessere, visto che i Sardi verremmo coinvolti nel processo imprenditoriale, e non ridotti a manovalanza salariata. Si avrebbe un maggiore, totale, rispetto dell'ambiente, visto che le strutture sarebbero utilizzate solo per il loro richiamo archeologico minerario, e non trasformate in centri benessere per miliardari. Ma la Regione vuole vendere. Perché? [....] >>  continua qui

con questo  è tutto meditate